Tag: ingiustizia

Gio

02

Mag

2019

Odio le ragazze che si atteggiano da troie

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Ira

le ragazze che si atteggiano da troie.

tutte noi ragazze ne incontriamo mille nella nostra vita, io ne conosco una e la odio, fa la Troia con tutti, è assetata di c***o in una maniera incredibile, che i vampiri la invidiano, e poi i ragazzi le vanno pure dietro, è un cesso a pedali è bassa pancietta è fortunata ad avere le tette è un po’ di culo ma ha due gambe orribili ed è piena di cellulite, poi non riesco a guardarla in faccia da quanto è cessa, io non dico di essere Miss Italia, ma mi sento molto più carina di lei poi va a gusti, ma lei è un roito i ragazzi se la vogliono solo fare e basta, io sono anche fortunata perchè ho qualche ragazzo dietro, ma ci sono delle bellissime ragazze con un viso stupendo, e intelligenti che non se le caga nessuno. Poi certi ragazzi hanno anche il coraggio di dire che è figa,

ragazzi c’è enorme differenza tra l’essere Troia e figa, non è che se una è Troia è figa eh, le troiette sono quasi tutte cesse ( ovviamente non tutti i ragazzi sono così quindi non prendetevela) poi ricordatevi che il fisco dopo anni va a farsi fottere, la bellezza e l’intelligenza restano sempre, sopratutto l’intelligenza. Ragazzi non prendete la prima Troia che passa solo per farvi felici, meritate una ragazza che vi ami, poi il sesso ecc... viene con il tempo, perchè per le cose più belle c’è sempre da aspettare di più.

Mer

01

Mag

2019

odio la mia amica

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Invidia

Ciao a tutti, inizio col dire che io non sono mai stata un ragazza invidiosa. C’è questa mia amica (ex migliore amica) con cui ho tenuto i rapporti ma non so perché. Fin da quando eravamo migliori amiche io mi sono sempre sentita paragonata. Lei è una perosna vermante orribile, è cattiva, fa di tutto per arrivare ai suoi obbiettivi (anche buttare fango sulle persone) vuole essere la più conosciuta della città, è superficiale e robe cosii. Il punto è che siamo semrpe state reputate delle belle ragazze Ma i ragazzi preferivano sempre lei, lei è bassa, occhi piccoli e riavvicinati, molta pancietta, capelli sopra le spalle, nasone con gobba, si atteggia molto da Troia, ha magliette scollatissime, culo pieno di cellulite, mette tanto Push up, inoltre è maleducata e tratta tutti di merda. Però ha tnato follower e tanti amici. Io invece sono alta magra, senza pancia, un bel sedere giusto, occhi a cerbiatto, capelli lungi, ciglia lunghissime, un bel nasino, e belle sopracciglia, si nel complesso non mi vedo mai brutta poi cerco semrpe di essere gentile e per Dio pure io ho dei ragazzi che mi corrono dietro ma non capisco perché tanta gente va dietro a lei, che è vermante una cessa. Tanti ragazzi la usano per fare solo quello. Bih che ingiustizia anche se ognuno ha i propri gusti ed è giusto così. Ma lei proprio è un mostro ha cercato di rubarmi le amiche, il mio ragazzo, farmi litigare con la gente.... queste persone dovrebbero rimanere sole, ma purtroppo ci sono e ci saranno sempre ingiustizie 

Gio

25

Apr

2019

Io non esisto. Non ho e non sono.

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Invidia

Avete mai l'impressione che non siate adatti alla vita?

E non solo: che per voi non ci sia nulla in questa esistenza, che sia stato tutto già distribuito, e a voi non è toccata che una misera e insignificante porzione, o addirittura nulla?

 

E non mi riferisco a momentanei episodi in cui le cose non sembrano andare per il verso giusto. No, io intendo un'intera esistenza fatta di nulla.

 

Osservo gli altri: li vedo vivere le più disparate esperienze; fare nuove conoscenze; stringere legami; avere relazioni sentimentali; realizzare progetti; in sostanza, tutte quelle attività tipiche di un'esistenza cosiddetta "normale".

 

Io odio chi ha tutto ciò, chi vive. A me non è concesso.

 

A me infatti, come a una ristretta cerchia di altri come me, è toccata l'emarginazione più profonda e uno stato di solitudine oramai permanente.

Ai margini della società, mere comparse nelle vite altrui, privi di qualsiasi significato, ci aggiriamo come fossimo "normali" (e chissà, magari qualcuno dall'esterno potrebbe crederlo veramente), eppure dentro siamo vuoti, spenti, pieni di invidia e rancore per ciò che agli altri sembra essere concesso, ma a noi negato nei modi più beffardi.

 

Passo fin troppo tempo a rimuginare su tale ingiustizia: sulla mia non-vita, monotona, piatta, fatta di nessun affetto e apprezzamento; una vita da osservatore passivo, seduto da solo in platea, nell'oscurità, mentre tutta la magia si consuma sul palco, su cui sono puntate le luci e gli altri portano avanti il copione della propria vita.

Perché loro sì e io no? Cosa ho di sbagliato, perché a me non è concesso fare le stesse esperienze altrui, ma sono relegato a una esistenza di solitudine e isolamento?

 

In virtù di ciò, non posso che godere delle disgrazie degli altri, soprattutto quando accadono ai miei coetanei. In quei momenti, sento che un po' di giustizia è stata fatta, che a qualcuno è stato tolto, che la sua felicità o serenità è stata spezzata.

Come io non ho, è giusto che anche altri che hanno perdano la loro parte, secondo un meccanismo casuale - o no? Ma qui si aprirebbe un altro dibattito - che ristabilisce un minimo di equità, seppur infinitesimale nella immensa condizione di ingiustizia di cui il mondo è pregno.

 

Questo è quanto. So che non sono l'unico in questa miserabile condizione; a te che vivi le stesse cose, ti saluto calorosamente.

Lun

14

Gen

2019

Consigli per superare risentimento sul lavoro

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Ira

Ciao a tutti, sono nuova qui. Volevo raccontarvi un po' di me: ho 21 anni e vivo al nord. Sono sempre stata una persona piuttosto chiusa, tranquilla e introversa ma con chi mi sento a mio agio, posso essere totalmente l'opposto. 

La scorsa estate ho lavorato come animatrice in un villaggio turistico distante da casa quindi ho convissuto un mese con i miei colleghi. Sono arrivata a fine luglio perchè il capo cercava una persona madrelingua tedesca (non sono tedesca ma parlo bene la lingua) quindi arrivai proprio in un periodo di alta stagione e tutti erano presi. 

In parole povere, alcune colleghe stronzette con cui vivevo mi trattavano male. Una di loro, davanti a tutti mi disse di mettermi i cerottini per non russare di notte e io da codarda manco ho reagito rispondendole di cucirsi la bocca di notte (perche lei parlava nel sonno e a volte mi toccava con il dito e mi parlava. mi sembrava di stare a fianco a un personaggio di un film horror). Poi c'era una che diceva che non ero brava (lei non sapeva manco l'inglese, e si vantava che gli stranieri la capissero con il suo dialetto meridionale) e che il capo ne troverebbe 1000 che sappiano la lingua meglio di me (beh non mi pareva visto che stava cercando personale urgentemente prima che mi proponessi), e mi punzecchiava. Ad esempio mi spegneva il ventilatore mentre dormivo, quando entrava diceva "che puzza" (io non puzzavo eh) oppure quando mi vedeva diceva  "oddio che paura" perche secondo lei sbucavo dal nulla.. oppure tornavo a casa tardi rispetto a loro, e non mi lasciavano nemmeno un po' di pasta perche pensavano che mangiassi fuori.. cazzo mi toccava visto che loro non mi chiedevano un cazzo! Poi mi sono stati rubati dei pantaloncini della divisa e nessuno sapeva niente, e per sbaglio mi è capitato di prenderne uno senza vedere il nome (ero di fretta poi erano tutti uguali) e ho preso per sbaglio quelli della stronza. Lei dopo mi disse davanti a tutti "eh non vedi che la taglia è diversa".. a parte che mi stavano, anche se ho qualche kg in piu di lei. Poi una sera i capi organizzarono una riunione parlando di me, perche il capo del villaggio ha notato che venivo trattata male e tutti dicevano che erano buoni con me e che era colpa mia se non mi integravo. Ma come faccio a integrarmi se voi non siete aperte a vostra volta? Le stronze in questione risposero "per me la giulia è indifferente, noi abbiamo tentato a essere sua amica ma è schiva e non ci salutava i primi giorni".. 1) non mi pareva, ho cercato a essere solare e gentile tutto il tempo, non ha funzionato una cippa 2) se mi salutavano da distante non vedevo niente avendo problemi di vista. Ah poi altre due cose: i primi giorni a acqua gym un collega mi ha mandato a ballare. non sapendo i passi, ci ho provato lo stesso. L'istruttrice dopo mi aggredisce davanti a tutti e io rispondo che mi ha mandato il collega e io non sapevo nulla. Vabbe poi mi ha chiesto scusa, ma l'umiliazione è stata grande per me. Poi ho avuto buoni rapporti con la istruttrice che mi ha anche aiutato durante quel mese e mi ha riempito di soddisfazioni, nonostante tutto. A fine mese sono caduta da una sedia e mi son fatta male al ginocchio. Cretina io che non mi sono fatta portare all'ospedale. NESSUNO MI HA DATO UNA MANO A TORNARE  A CASA DOPO IL LAVORO, anzi il giorno dopo mi hanno fatto fare lavori pesanti. Per il musical di fine stagione un'altra stronzetta che recentemente mi ha rimosso da fb (fatalità era una grande doppiafaccia, e durante la riunione in cui si parlava di me, non mi ha difesa ma mi ha detto che alcuni clienti italiani le dissero che io ero musona. Devo ammettere che anche le altre NON erano sorriso Durbans), era andata a prendere delle maglie bianche per lo show (prese canottiere per le ragazze e maglie a maniche corti per i maschi) e per me non prese nulla. Dovetti usare quella degli uomini. Potevo tagliarla ma io intendo il gesto. Per carità ho avuto anche belle esperienze con i bambini tedeschi e non, e alla faccia loro dicevo il programma in tedesco tutte le sere io e non quella dei cerottini o quella della maglietta che sapevano solo la base della lingua e ho anche insegnato a quelli del grest il tedesco e fatto imparare un testo da dirlo poi in tedesco al sindaco. Ho ricevuto i complimenti del capo (anche se adesso ci prova con me e vuole farmi entrare in CASH BACK promettendomi di guadagnare 3000 euro al mese tra 4 anni non facendo nulla). Il mio problema è che penso sempre a come mi hanno trattato queste stronze. Sono sempre stata abbastanza presa di mira. Vi dirò ho molti ammiratori, mi scrivono in tanti, faccio la fotomodella e cosplayer e molti fotografi mi cercano. Tutti mi dicono che sono una bella ragazza, anche se sono un po' formosa (per darvi un'idea ho un fisico simile a quello di Rachel Bloom, cercate su google)  e a parte una piccola cicatrice sul naso tutti mi dicono che ho un bellissimo viso e delle belle tette. Mia madre dice che erano invidiose (anche se io mi sento sempre inferiore agli altri) per la mia bellezza e per la mia capacità di parlare tedesco fluentemente e comunicare con i bimbi che si affezionavano a me o venivano da me per farsi capire.. Volevo il vostro parere e consigli su come dimenticare queste umiliazioni e ingiustizie. Secondo voi dovrei tornarci l'anno prossimo? Credo che sarà diverso, credo mi farò piu rispettare e anche se il capo ci prova con me (mi ha detto che mi farebbe condurre i musical) dovrei andarci o trovare di meglio? la paga era altina... 

PS: io me ne andai il 1 settembre (scadeva il contratto) mentre gli altri rimasero fino metà settembre. Le stronzette che vivevano con me hanno lasciato l'appartamento sporchissimo e il capo si arrabbiò un sacco. Alla faccia che mi dissero che io non pulivo mai. Ho ancora le foto nel cell postate nel gruppo... Il capo disse che avrebbe tolto 100 euro da tutti quelli che hanno vissuto li, ma a me non li ha tolti.. chissà se l'ha fatto oon loro.. 

Mer

02

Gen

2019

Cosa devo fare con questa sorella perfida che ciĆ²,la odio

Sfogo di Avatar di AnnekeAnneke | Categoria: Altro

Salve a tutti,e da 3 anni e mezzo che vivo un inferno a causa di questa sorella 16 enne maleducata,cattiva e odiosa.Non fa altro che umiliarmi e insultarmi per ogni cosa.Per esempio oggi,siccome non volevo lavare la vasca da bagno mi ha incominciato a rispondermi a parolacce e io stufa di tutto questo,perchè lei è perfida piena di rancore.Nonostante sono passati anni da quando la criticavo,nonostante che io gli abbia chiesto scusa e lei le scuse le ha accettate,cosa fa dopo 10 anni?Mi rinfaccia il passato e per questo mi insulta e mi tratta male.La odio perchè è marcia,omofoba,critica il mio aspetto fisico(sono molto magra)per ogni cosa mi risponde male e mi minaccia di botte.I miei genitori non fanno nulla,lei c'è l'ha sempre vinta,se morisse sarei felice e libera.Secondo me una persona che perdona lo sbaglio di un'altra e poi quando quella persona è diventata buona e tu per vendicarti a distanza di 6 anni,la tratti male,secondo me è una persona pusillanime e vigliacca.Che schifo di sorella bulla pusillanime che ho!

Dom

11

Nov

2018

4 mesi di patente e mai dato un passaggio a nessuno

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Ira

Ho 18 anni ed ho la patente da 4 mesi. Per prenderla ho fatto 18 guide, ho passato al primo colpo sia teoria che pratica ed ho guidato molto con mio padre.

Il problema è che, a 4 mesi dall'esame di pratica, i miei genItori non mi permettono di guidare da solo. Vogliono per forza che ci sia uno di loro in macchina con me. E se piove o ci sono situazioni avverse, il sottoscritto non può guidare. La situazione prima del terzo mese era addirittura peggiore: mia madre non voleva farmi guidare se c'era solo lei e non anche mio padre.

Ciò che più mi fa star male è che ci sono altri miei amici che si sono patentati ben dopo di me e dopo pochissimo tempo dalla pratica, se non il giorno stesso, sono andati in macchina da soli, a far fare, insomma, il classico giro agli amici. In sostanza, questo atteggiamento dei miei genitori nei miei confronti mi fa sentire un inetto.

Non contenti, se per caso mi mostro troppo prudente alla guida per i loro standard, sono urla ed insulti. Se qualche idiota fa cavolate al volante (mancate precedenze e simili), sono urla ed insulti. Se voglio usare una strada che mi è più comoda rispetto al percorso che vogliono loro, sono urla ed insulti.

Il problema è che (sarò forse troppo sensibile io) più mi urlano addosso e mi insultano, più mi faccio prendere dall'ansia e dal panico, ed in quelle circostanze la mia guida si fa più scattosa e brusca. Non capiscono che quando guido "male" la colpa è loro.

Grazie per aver eventualmente letto tutto questo sfogo. Scusate la lunghezza ma avevo bisogno di esternarlo. Colgo l'occasione anche per ringraziare i suddetti genitori modello per tutta la fiducia che mi hanno dato. A presto. 

 

Mer

12

Set

2018

La vip del cazzo

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

e poi arriva lei, sta vip dei poveri dei miei coglioni che ha fatto carriera succhiando cazzi e giocando con i sentimenti di beoti di successo e con potere. Fanculo. Adesso su fb si finge santerellina, la madre teresa di turno, la radical chic coi soldoni e villona, madre perfettina e donna in carriera. Si certo... bellina è bellina ma l’età avanza pure x te e prima o poi rideró molto pure io che a tirarsela cosi quando si hanno i soldi si fa presto. Martire dei miei stivaloni. Ma vaffanculo anche a te. Mi rode? Si. Ammetto. Sono invidiosa e incazzata. Se sei onesta e lavori bene la prendi nel culo, ma se sei carina e troia e giochi sporco fai carriera e soldi. E ricevi pure premi e riconoscimenti immeritati. La gente ci casca, non sa che razza di opportunista narcisa sei. Che mondo ingiustošŸ˜­

Lun

23

Lug

2018

Mia madre rompe il cazzo

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Ira

Vivo ancora da mia madre. Insomma non sono maggiorenne e vivo ancora con lei ovviamente, ma mi rompe veramente i coglioni in un modo assurdo. È possibile che non stia mai zitta?? Che abbia sempre da dirmi qualcosa?? Quella puttana Eva.

Per esempio si incazza con me perché dormo con le cuffiette di notte ascoltando musica oppure asmr (per chi non sa cos'è è un tipo di video rilassante)  . Si è arrabbiata e così mi ha portato via le cuffiette. Io ovviamente non sono sprovveduta e ne ho un'altro paio. Lei se l'è ovviamente presa con me perché l'ho fregata e così mi dice qualsiasi cosa. 

Stavo guardando Lady Gaga da Ellen e mi ha urlato di spegnere il telefono. Le ho detto che mancava un minuto e lei mi ha detto spegni. Allora ho fatto la bella persona che ascolta la mammina rompicoglioni e ho spento. Dopo aver spento lei mi continua a urlare di tutto. Ma è una troia bastardata e non si è accorta che il telefono l'ho spento. 

Magari scritto così non si capisce ma si atteggia con di quei modi che quasi ti viene la voglia di ammazzarla. Ma alla fine questo è un sito per sfogarsi... Sfoghiamoci. 

Ecco la storia della mia madre puttana. Spero che nessuno abbia mai a che fare con questo tipo dj pessime persone 

Gio

19

Lug

2018

Figli eredi e co

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Mah... hai un solo figlio? Dagli quanto cazzo vuoi, se lo vuoi, e quando e come vuoi... se ne hai due di figli peró porcocazzo almeno dai ad entrambi i figli, se lo vuoi fare, ma la stessa cifra, e ad entrambi i figli, allo stesso stramaledetto momento. Non è che a uno dei due e solo perché è un casinista idiota che spende e spande tu gli dai soldi e soldoni ‘per aiutarlo’ (ma tanti eh) mentre l’altro povero figlio coglione, chissà, forse come premio per saper vivere una vita onesta senza cafonate, gli tocca aspettare di poter magari un giorno ereditare ancora un po’ di quel qualcosa che resta, sempre che il fratellino non si sarà ormai già ciucciato tutto lui...! Che porcata! Se muoio prima di ereditare (possibile ormai molto oltre al mezzo secolo) me la prendo doppiamente in culo! Stronzi! Mio fratello si è mangiato i vs soldi per vivere nel lusso da sempre, senza fare mai un cazzo. Io non ho mai chiesto nulla e tiro la cinghia con le mie sole forze da sempre e devo vedere come vi mangia ancora soldi ..  e  la mia eredità se la fa secca lui ancora quindi? Fanculo ai discorsi di come siete giusti nel trattare equamente i figli. Forse ho capito: lui riceve e non vi fa mai favori, ha sempre fatto solo casini. Io sono l’idiota poverello che chiamate nel bisogno. Bello! Si davvero, mi sento estasiato... grazie per amarmi tanto quanto mio fratello! 

Dom

09

Apr

2017

Mi sento violento

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Ira

Mi fai troppo incazzare. Per qualunque cosa. Oggi hai da fare quindi non vuoi parlarmi? Perché allora vengo a scoprire che parli con tutti gli altri? Hai bisogno di me e se non ci sono ti incazzi? Perché allora quando ho bisogno io tu non ci sei mai, e anzi inventi scuse per tirartene fuori? E soprattutto, perché io continuo a parlarti quando avrei soltanto voglia di strapparti le budella dal corpo? Lo faccio perché non ho alternative, non ho nessun altro, perché sono troppo buono e finisce sempre così: la gente mi usa, poi quando non servo più mi ignora, mi dice che non gli importa niente di me o mi manda direttamente a fanculo. Be' io mi sono rotto. Non sono una persona violenta. Le cose che dico non le farei mai. Ma davvero mi viene voglia di ucciderti, ti strangolarti, di farti soffrire cazzo, per tutto quello che tu fai a me, per come mi tratti come se non valessi niente, per come ti rifiuti di fare qualunque minima cosa ti chieda per me, per come se io dico una parolina di troppo non ci sentiamo per giorni e la cosa è unilaterale, perché se ci provo io, tu stai benissimo senza di me. Io invece sto una merda senza di te, ma è solo perché non ho nessun altro. Stai pur certa che appena troverò un'amicizia più sincera ti mandero a fare in culo con tutto il tuo seguito di idioti, stronzi e deficienti, lurida merda umana che non sei altro. Muori.

Succ » 1 2 3 4