Tag: tristezza

Gio

19

Lug

2018

Pacco

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Ira

Sono una maledetta egoista, mannaggia se lo sono.

Ma ho una relazione a distanza. 2 ore e mezza di treno. Anche di più, a seconda delle coincidenze dei treni.

Mi faccio un paiolo tanto per avere un lavoro, arrivo a rinnegare i mieo sogni nel cassetto pur di sembrare motivata a imparare nuove mansioni (che ehi,male non fanno)

Amore mio tu, invece, proprio tu, non riesci, non ce la fai. Non hai voglia di fare una beneamata minchia. Tre mesi che ti chiedo, dell'alto della tua terza media, di fare un qualsiasi dannato corso per una qualsiasi ignorante specializzazione. Trovati un cazzo di lavoro porca miseria. 

"Sí,lo faccio! Sisì! Ora vado." 

Ciliegina sulla torta? La cisti infetta. Strano che un'infezione sia venuta a te, che il groviglio di pus in questo periodo ce lo dovrei avere io, dal nervoso che ributto giù. Per un taglio da 5 punti sulla schiena hai paccato il mio compleanno, una festa scolastica, un evento artistico, un altro compleanno, un concerto e le vacanze che io (IO OVVIAMENTE) stavo progettando.

Non ci vediamo da un mese, nemmeno ti impegni a sentirti in colpa.

Ma chi cazzo è che si fa operare una ciste pilonidale a metà giugno???

Mi direte: mollalooH!

Sí dovrei. Ma non ho voglia di litigare. Non ho voglia di lasciarmi, sentirmi ancora sola, di ricominciare daccapo nelle relazioni.

E poi ho troppi impegni, 3 lavori, insomma, sono già abbastanza deconcentrata cosí, non peggioriamo le cose.

Sono un'egoista stronza, la salute viene prima di tutto, in fondo,no? 

Egoista e tristemente pigra. 

Lun

16

Lug

2018

#dimenticare

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Sono rimasta bloccata con la mente a tre anni fa, da allora non riesco più ad andare avanti.

Tutto ha perso il proprio colore da quando non ci sei più, e con la vita stessa anche io.

Mi sono innamorata di te dal primo momento in cui ti ho visto, non ti conoscevo e dopo un'ora eri l'amore della vita, il fatto che sia qui a scriverlo significa che non mi sbagliavo.

Ho provato a dirti addio innumerevoli volte, ma non riesco a lasciare andare il tuo ricordo, mi ritrovo da sola a piangere solo pensando a come ridevi, al modo buffo in cui ti addormentavi accanto a me, a quella bellissima e triste espressione che avevi ogni volta che ti pensavi a tuo padre.

Troppe cose ci hanno divisi, troppe situazioni ci hanno allontanato sempre di più, ma per tutto questo tempo c'è sempre rimasto un collegamento tra di noi, un sentimento che ci ha spinto sempre a volerci cercare, a sentirci, a parlarci, nonostante la distanza che per più di un anno non ci ha fatto neanche incontrare per strada, tu mi hai cercata! Ed è stato come nascere dinuovo per me.

Rivederti è stata forse una delle preghere più belle mai esaudite, ho immaginato quella scena per un anno intero da quando me ne sono andata ed è accaduta esattamente come l'avevo pensata tante e tante volte.

Ma sei dovuto andare via, dinuovo, come fai sempre da tre anni, da quando sei cambiato, e tu sai quando è successo, sai a quale giorno sto pensando.

Sono rimasta bloccata a tre anni fa, quando non eri una persona cosi, quando non avresti mai tradito le persone che ami, quando non mi avresti abbandonata se avessi avuto bisogno di te. E anche se ti amo ancora, so che non mi piace l'uomo che sei diventato.

Mi hai incotrato ed è stato come la prima notte quando ci incontrammo, non riuscivi ad andare via tanto era bello stare insieme, come la prima volta, come tre anni fa.

vorrei poter tornare a sognare come prima. ma non riesco più a dormire, c'è una lama dietro la schiena per ogni giorno che ti ho conosciuto.

Perciò anche se ti amo, so che devo lasciarti andare e non so come farò in questo mondo grigio senza più il ricordo del tuo sorriso...

Gio

12

Lug

2018

L' uccelletto

Sfogo di Avatar di HatshepsutHatshepsut | Categoria: Altro

Era d'Agosto e il povero uccelletto
Ferito dallo sparo di un moschetto
Andò per riparare l'ala offesa,
a finire all'interno di una chiesa.

Dalla tendina del confessionale
Il parroco intravvide l'animale
Mentre i fedeli stavano a sedere
Recitando sommessi le preghiere.

Una donna che vide l'uccelletto
Lo prese e se lo mise dentro il petto.
Ad un tratto si sentì un pigolio
Pio pio, pio pio, pio pio.

Qualcuno rise a sto cantar d'uccelli
E il parroco, seccato urlò: "Fratelli!
Chi ha l'uccello mi faccia il favore
Di lasciare la casa del Signore!"

I maschi un po' sorpresi a tal parole
Lenti e perplessi alzarono le suole,
ma il parroco lasciò il confessionale
e: "Fermi - disse - mi sono espresso male!

Tornate indietro e statemi a sentire,
solo chi ha preso l'uccello deve uscire!"
a testa bassa e la corona in mano,
le donne tutte usciron pian piano.

Ma mentre andavan fuori gridò il prete:
"Ma dove andate, stolte che voi siete!
Restate qui, che ognuno ascolti e sieda,
io mi rivolgo a chi l'ha preso in chiesa!"

Ubbidienti in quello stesso istante
le monache si alzarono tutte quante
e con il volto invaso dal rossore
lasciarono la casa del Signore.

"Per tutti i santi - gridò il prete -
sorelle rientrate e state quiete.
Convien finire, fratelli peccatori,
l'equivoco e la serie degli errori:
esca solo chi è così villano
da stare in chiesa con l'uccello in mano.

Ben celata in un angolo appartato
Una ragazza col suo fidanzato,
in una cappelletta laterale,
ci mancò poco si sentisse male

e con il volto di un pallore smorto
disse: "Che ti dicevo? Se n'è accorto!"

Facciamoci due risate in questo mare di tristezza  

Mar

10

Lug

2018

Un amore

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

È da 4 anni che non riesco a dimenticare una persona molto importante per me, lo amo con tutto il cuore e non ho mai amato una persona come ho amato lui. Ho sempre cercato di dimenticare quella persona fin dal primo momento perché piaceva a mia sorella ma era una cottarella passeggera, ma comunque non ho voluto dirgli nulla per non farla stare male perché è molto permalosa. Dopo un anno lei mi dice che aveva notato questa cosa fra me e lui e mi ha detto esplicitamente che sa che io lo smo ,che la cosa sembra reciproca e che devo dichiararmi. Dopo qualche mese decido di dichiararmi e lui mi rifiuta...sto ancora molto male, piango tutti i giorni mentre ora sono qui ad aiutarlo a conquistare una ragazza...crede io lo abbia dimenticato e ora siamo migliori amici. Come posso dimenticarlo?

Dom

10

Giu

2018

un amore rinato

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

a dicembre 2016 io e il mio ragazzo  ci siamo lasciati per colpa di sua madre che non mi vedeva di buon occhio a causa del fatto che io sapevo che aveva commesso atti riprovevoli sia nei confronti dei suoi figli che nei confronti del suo ex marito 

 

per circa 1 anno io ho cercato di dimenticarlo di rifarmi una vita perchè sapevo che non c'era alcuna possibilità di stare insieme il nostro era un amore impossibile ero distrutta dal dolore e per non cadere in depressione durante tutto il 2017 mi oberai di lavoro oltre alla scuola e allo sport mi iniziai ad occupare di gestione amministrativa di una scuola e d'estate feci l'animatrice in un campo estivo tutto e quando ricominciarono le scuole mi presi la responsabilità di insegnare nella scuola dove facevo attività di gestione amministrativa tutto filò liscio fino all'8 dicembre 2017 quando a causa di un brutto incidente fini in ospedale oltre ai miei genitori tra le persone presenti c'era anche il mio ex fidanzato la mia famiglia mi disse che appena aveva saputo dell'incidente si era precipitato in ospedale a vedere come stavo durante la convalescenza non passava giorno senza che mi facesse visita prima in ospedale poi anche a casa io all'inizio credevo che lo facesse perchè mi vedeva debole e voleva aiutarmi in realtà lo faceva per un motivo ben più grande lui mi amava ancora e mi chiese di essere di nuovo la sua ragazza ero molto in dubbio perchè sapevo che sua madre non acceterebbe mai io gli dissi del mio timore ma lui mi rispose basta che non lo sappia. Io accettai quando gli avevo dato la risposta lui mi ha baciata ancora oggi non riesco a descrivere la sensazione che ho provato in quel momento a volte è dura vedersi o anche solo sentirsi specialmente quando è da sua madre ma non ci lasceremo abbattere dagli ostacoli che il destino ci pone davanti 

P.S MI SCUSO SE ALCUNE PAROLE SONO SCRITTE MALE MA L'INCIDENTE MI HA PROVOCATO UN ABBASSAMENTO DI VISTA E QUINDI FATICO A LEGGERE  

  

Ven

08

Giu

2018

Ho paura del mio futuro

Sfogo di Avatar di stphanastphana | Categoria: Altro

Questo è uno dei periodi particolari della mia vita, perchè a 20 anni mi sento un mina vagante, in quanto Faccio un'università che non mi piace e quella che vorrei fare è a numero chiuso. Per me Niente è paragonabile al desiderio di realizzarsi in qualcosa che ti piacerebbe fare e che ti dà la sicurezza di farlo per bene, perciò vivo constantemente con l'incertezza e il senso di non farcela e di non essere all'altezza dei miei desideri. Quest'anno è stato molto particolare per me ed è la prima volta che non so come comportarmi , forse perchè sento gravarmi addosso tutte le aspettative dei miei genitori, il fatto di non voler deluderli e soprattutto di non voler deludere me. Quindi Non nascondo che a volte ho pensato al peggio , per questo senso di vuoto e insoddisfazione  che ho dentro.Nonostante  questi momenti di paranoia, ho deciso di darmi da fare e riprovarci per dire a me stessa che almeno ci ho provato, ma purtroppo so che  Lo studio e l'impegno non sempre vengono ripagati e so che potrei non riuscirci e questa constatazione  ogni giorno mi logora da stare male.

Mer

06

Giu

2018

Uno di questi giorni me ne vado

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Ho deciso che uno di questi giorni me ne vado. Esco a prendere le sigarette, come nei film, e non torno più.
Ho 23 anni, una depressione sviluppata quando ne avevo appena 13 o 14 per via di alcune dinamiche familiari e la certezza che andare via sia l'unica cosa che voglio.
Sarà facile, terrò la valigia nascosta nell'armadio e appena sarò pronto chiuderò la porta dietro di me.
Avrei voluto farlo tempo fa, ma la mia famiglia mi aveva convinto che ero solo un ragazzino viziato, che mi aveva dato troppo e per questo non mi accontentavo di nulla. Che scemo sono stato, ci ho messo tanto a capire che in realtà lo dicevano per tenermi rinchiuso qui. Un padre che da quando si è lasciato con mia madre è sparito e si è fatto vedere una volta ogni 2-3-4-5 mesi, si riferiscono a questo quando dicono che mi hanno dato troppo? O a mia madre, che senza il mio aiuto non riesce neanche a pagare una bolletta tanto è insicura? O forse parlano di mia sorella, narcisista e insicura cronica a cui piace umiliare chiunque le stia intorno per sentirsi degna di stare al mondo? Sono stato davvero ingrato, nonostante tutto questo ho avuto anche l'ardire di essere depresso, andare in terapia a causa dell'insonnia, prendere gli psicofarmaci per rimediare qualche ora di sonno.
Uno di questi giorni, comunque, me ne vado. Sarà orribile, avrò una paura tremenda. Ma forse è peggio rimanere qui sapendo già come passerò il resto della vita.

Gli amici mi perdoneranno, molti di loro conoscono la mia storia. La mia famiglia non lo so, se va bene mia madre passerà gli anni che verranno a piangere, se va male la pasticca per la pressione alta non basterà più a evitarle il collasso.
Chissà perché alcune famiglie ti danno la vita e poi te la tolgono. Che senso ha? Ti regalo 1000 euro e il giorno dopo te li rubo di nascosto, facendoti credere che sei pazzo e in realtà te li sei persi. Oltre il danno, la beffa. Era meglio non farlo proprio, quel regalo. Era meglio tenerlo per sé, che una vita in meno certe volte non guasta. Non se di vita ha solo il nome.
Uno di questi giorni me ne vado. Metterò le cuffie alle orecchie, una bella canzone, prenderò tutti i soldi che ho da parte e salirò su un treno o un aereo. Chi se ne importa del posto, dovunque sarà meglio di qui. Mi piacerebbe una città sul mare, una spiaggia dove poter andare la sera a sentire la musica e ascoltare le onde.
Non voglio molto da questa vita, finora ha fatto talmente schifo che mi basterebbe un lavoro abbastanza buono da permettermi di pagare affitto, cibo e un'auto decente. Qualcuno con cui passarla non sarebbe male, ma ho imparato a bastarmi e se non arriva chi se ne importa.

Uno di questi giorni me ne vado. Spero non sarà troppo doloroso. Se lo sarà, spero che passi.

Ven

04

Mag

2018

A volte manca anche se c'รจ

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Mi chiedo se sono l'unica che sente la mancanza del partner anche quando è presente. Una sorta di paura di perderlo senza che ci siano reali motivi per cui questo accada.

Come la sensazione di "godiamoci il momento finché c'è", come se dovesse finire tutto, tragicamente all'improvviso. Mi si riempono gli occhi di lacrime se comincio a pensare di dover sopportare il vuoto, non trovarlo a casa quando rientro alla sera, non addormentarcimi assieme.

Lo so che è un pensare negativo bello e buono... Ma mi fa comprendere a pieno come non dobbiamo dare per scontate le persone che "ci sono sempre".

 

Ven

04

Mag

2018

mi sono annullata

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Non ce la faccio più, mi sento così annullata per il mio ragazzo. Se litighiamo non voglio fare più niente, aspetto che mi risponda e me ne sto lì appesa nell'ansia. Non è normale, sono patetica, non capisco cosa mi succeda. So solo che sono triste..

Mer

25

Apr

2018

Heartbroken

Sfogo di Avatar di Angel without wingsAngel without wings | Categoria: Altro

Ho il cuore a pezzi... lo so, a molti può sembrare una stronzata, ma,fa male. Oh, eccome se fa male. Il mondo non ha,fatto sconti: genitori separati, padre mammone e attaccato alla bottiglia, pianti, dolori, battaglie legali, un casino. Ora credevo di aver trovato un po' di pace, ma a quanto pare no. Sono destinata a stare forever alone. Credevo che mi amasse, che fosse diverso, ma a quanto pare no, un altro stronzo mi doveva capitare.