Tag: amico

Sab

22

Set

2018

Sono scema

Sfogo di Avatar di AllyAlly | Categoria: Lussuria

Qualche sera fa, dopo essere uscita col mio solito gruppo di amici, uno di loro mi ha riaccompagnata a casa, ma siamo rimasti a piedi per un guasto al suo motorino. Allora abbiamo fatto la poca strada che mancava a piedi, ma lui non aveva più modo di tornare. Decidiamo perciò che sarebbe rimasto la notte da me. Abbiamo dormito nel mio letto, la notte penso sia volata per lui, ma non per me. Avrei voluto avvicinarmi, ma non aveva senso perché siamo solo amici e non ho mai provato nulla per lui, o almeno così pensavo. Non sono di solito una che prova attrazione, ma davvero averlo vicino mi ha fatto provare qualcosa come solo poche altre volte mi è capitato, non riuscivo a dormire, e ora mi sento così stupida perché forse si capiva che io ero l'unica ad essere un po' agitata. Mi sento "infantile" e sono anche sicura di essere solo un'amica per lui, non sono brutta ma neanche bella, ma di certo non piaccio a lui come tipo. E quindi ora mi ritrovo a pensarci, io avrei tantissima voglia di andare oltre, non mi interessa in che termini perché sono aperta un po' a qualsiasi tipo di relazione per ora. Voi che fareste al mio posto? Lascio stare e dimentico, o ci provo un po' e vedo che succede? Lui si comporta da quella sera normale ma mantenendo un velato distacco e distanza, immagino proprio per non creare equivoci e perché non prova quello che ho sentito io. Per quanto sia un'attrazione sicuramente passeggera, mi sento presa da questa sensazione che mi è rimasta addosso mista a malinconia. Che posso fare per allontanare da me questo desiderio che mi brucia dentro? Mi sento anche un po' ferita nel mio orgoglio perché una parte di me sperava che lui si avvicinasse. Una storia triste insomma.

Gio

20

Set

2018

Mi manchi tremendamente

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Lussuria

Sono sposata con un uomo dolce, buono ma con pochi argomenti se non lavoro e politica. Gli voglio molto bene ma a letto... non ci siamo. E' noioso e si lamenta che io non sono focosa. Ah, sì? Dieci anni fa mi sono presentata con un bel completino che indossavo con i miei ex e lui mi ha detto:"Togliti quella roba, a me non piacciono i giochetti strani". Ho annullato la mia personalità sessuale per lui e mi sono ritrovata a pensare al suo amico che, per tutta risposta, sapevo che non disdegnava il mio sguardo. Vi chiederete perchè mai l'abbia sposato se non ero innamorata! Giusto, lui è sempre stato buono con me e io avevo bisogno di qualcuno che mi volesse tanto bene. Non volevo più soffrire. Purtroppo la mia mente ha sempre vagato...

Otto o nove anni fa ho conosciuto lui... Belloccio, non il classico figo, non molto alto ma con una bella personalità. Mi è bastato guardarlo: ero completamente ipnotizzata. Con il mio futuro marito ero fidanzata da un annetto circa ed ero contenta di stare con lui ma... quegli occhi, quel sorriso. Dio, non ero mai stata così prima d'ora: avevo sperimentato circa quella sensazione con l'uomo prima di mio marito, il mio primo amore adolescenziale.

Galante, seducente, intelligente e una buona forchetta; capelli folti da accarezzarli e perdersi, un sorriso curato e quegli occhi... non erano grandi ma erano luccicanti, fieri di sè; avambracci tesi muscolosi ma snelli scoperti appena mentre si arrotolava la camicia davanti a me. Ricordo ancora la sua camicia bianca bella tesa sul suo petto ampio. Sì, ero infatuata come mai prima d'ora. Lui era ed è tutt'ora l'esatto opposto di mio marito in termine di fisicità e di appetito.

Fin da subito fra noi si è instaurata un'amicizia speciale, fatta di galanteria, parole gentili, sguardi ammiccanti o profondi tanto che lo notavo dal lato estremo di un tavolo e arrossivo ( ovvio lui sorrideva o faceva l'occhiolino), oppure quando allungava le gambe sotto la mia sedia sotto il tavolo e sorriveva soddisfatto. 

Una sera, dopo cena, noi due eravamo presi in una conversazione e camminavamo a fianco, gli altri amici dietro insieme a mio marito, ho sentito l'aroma del profumo che mi piace tanto, il Ralph Lauren Blue (l'avevo comprato a mio marito ma lui lo odiava) e gli ho chiesto se era il suo profumo: lui mi ha fatto annusare dal suo collo!!! I nostri amici e mio marito, dietro, erano molto in disappunto. "Cosa succede qui?"urla mio marito... in privato mi ha fatto una sfuriata tremenda e gli ho promesso di non farlo più.

 Negli anni ci siamo visti sempre meno, io ero triste, non siamo mai riusciti a scambiarci il numero perchè ad ogni momento qualcuno disturbava le nostre chiacchierate. Quando ci vedevamo notava se cambiavo look, mi faceva i complimenti per le scarpe o per l'accessorio: tutto quello che mio marito ha mai fatto e non notava.

Non ho mai capito il suo atteggiamento o a che gioco stesse giocando.

Poi è arrivato l'annuncio del nostro matrimonio... Tutti complimenti e baci ma da quella sera lui è diventato amicalmente scontroso a tratti con mio marito. Anche lui aveva la sua love story in quel momento ma poco cambiava dato che i suoi sguardi erano sempre gli stessi. Ha cominciato a bere un paio di bicchieri di troppo e ha rivolto a mio marito commenti sul suo lavoro e i suoi soldi, di portarmi a cena in luoghi decenti, che me lo meritavo, di non fare il taccagno e il barboso con il suo lavoro. Secondo me parlava il vino: era visibilmente paonazzo ma lucido. Diceva che mio marito era fortunato ad avere una come me, lui voleva una ragazza come me. Già, parole, parole, parole, cantava Mina... 

Arrivò la sera decisiva: un mese e mezzo dal matrimonio. Quella sera mi sentivo splendida con la mia abbronzatura e il vestito rosso. Ricordo ancora l'aroma di Monoi e il profumo Coco Mademoiselle. Sempre a cena, ringraziamo tutti per i regali, mio marito dice di ringraziarlo personalmente dato che aveva fatto un regalo molto romantico e generoso per noi due. Che bravo amico, davvero: giornata da film, colazione in stanza, escursione al tramonto e cena sotto le stelle. Da brodo di giuggiole. Ci fosse stato lui non avrei aspettato la cena, ahahahah! Continuando con la cena decidiamo di berci tutti insieme una birra in un locale poco distante. Quella sera è stata indelebile. Dopo molti bicchieri, uno Spritz e una birra, i nostri amici e mio marito parlano fra di loro. Lui accanto a me, staccati da loro. E' lì che ci siamo guardati e mi ha preso le mani, facendo scivolare le sue dita fra le mie, le ha strette con forza, mi ha tirato su le braccia e, dondolando, ha aperto e chiuso i palmi. In tutto questo lui sorrideva felice o ubriaco  e io ero completamente fuori di testa. Eravamo davvero molto vicini o almeno sembrava a me. Peccato che i nostri amici siano ritornati insieme a mio marito e lui abbia di scatto tolto le mani e comportato come se nulla fosse avvenuto. Io ancora attonita dalla scena, tanto che mio marito mi ha chiesto se andava tutto bene. No, ero confusa, tanto. Ricordo che, nel tornare a casa, ho inspirato a lungo l'aria di mare e ho voluto che il vento fresco della mezzanotte mi sferzasse il viso scompigliandomi i lunghi capelli. Avevo caldo, ero euforica come non mai, il mio cuore martellava ma nella mia mente pervadeva l'amarezza. Quella notte non ho chiuso occhio.

Un mese dal matrimonio, ci porta a conoscere la sua palla al piede (l'aveva chiamata così scherzosamente e ci aveva detto che non l'avrebbe portata al matrimonio, facendo l'occhiolino a me,ahahahah!). Durante la serata beve e mangia di gusto mi lancia occhiate che io, accorgendomi, distolgo lo sguardo e divento rossa. Poi si gira e dà un bacio a lei. Ahahah, sembra teatro. Poi scherza, dice che prenderebbe un volo con me e mi porterebbe via (più un commento malizioso scemo). Tutti ridono tranne io, mio marito e lei. Bene, verso fine serata, in un locale, lui viene da me quando mi vede sola, parliamo un po', mi chiede se ho freddo o se ho già ordinato da bere, gli confido che sono elettrizzata dal matrimonio e lui mi accarezza la guancia, teneramente. "Che tenera che sei, mi dice, poi mi abbraccia". Nel frattempo ci stacchiamo, arrivano la fidanzata e mio marito, lui continua dandomi un pizzicotto e dicendogli: "Che bella che è, è bellissima la tua sposa, trattala sempre bene, è così dolce!". Immagino la sua fidanzata in quel momento... 

Finalmente, per dettagli tecnici, mio marito mi dà il suo numero la sera prima del nostro matrimonio. Gli ho scritto per alcune formalità e lui per tutta la mattina mi è stato vicino virtualmente, facendo il countdown. Gli ho scritto: "Dovevamo scambiarci il numero anni fa". Mi è scappato, ma sapete com'è... Lui risponde: " Infatti........." . Dopo di che è arrivata l'ora dello sposalizio.

Finito tutto, ci fa gli auguri e noi partiamo per il viaggio di nozze.

Per un anno non ci siamo più sentiti nè visti se non una sera per caso, quando lui mi ha fatto bere dal suo bicchiere e mangiare nel suo piatto. Nemmeno con mio marito faccio queste cose. Durante la serata era abbastanza freddo, beveva di nuovo un sacco. Quando ci siamo incontrati mi ha accolta con un lungo abbraccio, dalla quale soprattutto io non mi volevo staccare: il suo petto caldo, ero felice di essere nel suo abbraccio. 

Da quella volta è passato molto tempo, non l'ho più visto.

Mi manca, tanto, troppo. Mi manca la tenerezza, il suo sgardo magnetico, la sua galanteria e il suo senso di protezione.  Mi manca come mi fa sentire donna con un solo sguardo, vibrante, le farfalle nello stomaco. Questo gioco durato 8 anni, mai iniziato. E' assurdo ma mi brucia, mi fa star male. Ormai sono sposata e lui lo sa. Fino all'ultimo, scherzando, mi ha chiesto se volevo tornare indietro, scappare in aeroporto anzichè andare in Chiesa (sì, lo so, le solite battute che si fanno). La cosa di cui mi pento è che non sono riuscita a rimanere sola con lui il giorno del mio matrimonio. La mia mente voleva dirgli addio, ma non è stato così.

Non mi pento di pensarlo, di volerlo appieno. Mi pento di non aver fatto passi falsi 8 anni fa: magari non succedeva nulla e rovinavamo tutto. Mi rimane questo senso di vuoto, di freddezza, di assenza. Storia di letto sicuramente ma almeno, per una volta, so che tu mi avresti portata in Paradiso.

Ne sono certa, angelo mio.

 

Gio

09

Ago

2018

Migliore amico

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Ira

Sono stufa del suo comportamento. Mi rinfaccia sempre tutto nonostante lo sopporti da anni. L’ultima è stata che, dopo aver fatto un ultimo tentativo di avvicinarmi, mi sono sentita dire che tutti gli anni scorsi io sia stata indubbIamnte presente ma con distrazione. Mi è proprio girato il cazzo. Lui ha una situazione particolare e sta male ogni giorno e io ogni giorno a sopportarlo. E questo è il riconoscimento che ho. Ma vaffanculo

Mar

19

Giu

2018

Come posso farmi notare?

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Mi piace un ragazzo del mio corso, é carino e da come parla sembra uno abbastanza sveglio. E mi capito spesso di osservarlo, perché è proprio quel tipo di persona che mi trasmette tranquillità, nonostante non lo conosca. Io non sono brutta, diciamo carina, non mi sento nemmeno stupida, ma sono troppo, ma troppo riservata. Come posso fare per farmi notare? Da una parte ho paura che sia impegnato, perché un mio amico l'ha visto insieme a due ragazze e per di più mi era successo una cosa bizzarra. Che un suo amico aveva e ancora tutt'ora fa di tutto per farsi notare da me e questo mi preoccupa, di certo non lo conto come un punto a mio favore per il semplice fatto che so che c'è quella regola di voi amici maschi.. Che non bisogna andare con la tipa che piace all'amico. 

Io posso dirvi che da persona riservata che sono, non mi vesto in modo trasgressivo, o scollato o cos'altro, appunto per non passare tanto d'occhio. Ma per corteggiare un ragazzo serve davvero questo? Cosa dovrei fare? Guardarlo negli occhi? Ammiccargli? Addirittura parlargli? Io da una parte vorrei che la facesse lui la prima mossa, di venirmi a parlare, ma non proprio come farglielo capire. Ogni consiglio è ben accettato

Gio

07

Giu

2018

Sensazione forte

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Ciao a tutti, vi scrivo perché sono molto confuso, ho dei timori che mi assillano la mente. Ho portato il mio migliore a lavorare nell'azienda per cui lavoro io. Oggi il capo ha parlato con lui telefonicamente,e gli ha detto di gestire il lavoro che teoricamente dovrei gestire io. Il mio migliore amico mi ha riferito la telefonata, dicendomi che adesso il lavoro lo gestisce lui. Non so perché ma ho brutte sensazioni. Avete presente quando dentro di voi sentite che qualcosa non va? Ecco io mi sento che mi nasconde qualcosa, che voglia farmi le scarpe, ho questi timori e non so come comportarmi con lui. Non voglio odiarlo, ma la sensazione di una pugnalata é forte, come se fosse una certezza, come se dovesse arrivare da un momento all'altro. Mi sento che mi nasconde qualcosa. La cosa che mi fa farebbe piu rabbia sarebbe una scorrettezza da parte sua sul posto di lavoro. Cosa devo fare? Visto che credo di non sbagliarmi

Tags: lavoro, amico

Gio

03

Mag

2018

Pentita felice

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Lussuria

Ciao!

sono una ragazza di 24 anni. Ero fidanzata con uno stronzo mammone. La sua famiglia e lui mi sfruttavano, al punto che se lo invitato a cena fuori dovevo portarmi i suoi fratelli di 15 e 13 anni e pagare la cena anche a loro. Oppure quando mi invitavano a casa sistematicamente dovevo fare la spesa perche non c'era niente in frigo. Stavo con lui da 3 anni ma prima ero accecata dall'amore...poi ho iniziato a aprire gli occhi. Conoscevo i suoi amici e il suo migliore amico mi piaceva molto. Cosi abbiamo iniziato a uscire insieme di nascosto da amici. Niente di che un aperitivo in cui io mi sfogavo del mio attuale ex e lui si sfogava della sua fidanzata che lo aveva mollato un mese prima. Una cosa tira l'altra e cosi una sera mentre ero col mio fidanzato a casa mia a litigare mi chiama il suo amico e mi dice se voglio uscire. Io non ci penso due volte. Vado a prepararmi e racconto al mio ragazzo che una mia amica ha bisogno di uscire perché ha litigato col fidanzato. Quindi esco con il migliore amico del mio fidanzato pensando a una sera come le altre. Andiamo a mangiare un gelato e camminare sulla spiaggia perché avevo bisogno di rilassarmi. Abbiamo parlato per due ore fino a quando io gli sono saltata addosso, e lui ci é stato. Prendevo la pillola quindi ce ne siamo fregati di quello che poteva succedere. Finito il tutto io sono tornata a casa e avevo il mio fidanzato ad aspettarmi. Aveva voglia di me e non potevo tirarmi indietro perché gli avevo già dato molte scuse e poi mi sentivo un pochino in colpa per quello che era successo. Cosi vado a farmi una doccia e poi faccio sesso anche col mio ragazzo. La mattina seguente lui mi dice che saremmo andati in piscina. E che dovevo non solo bidonare la mia amica venuta da lontano per trovarmi e con la quale avevo prenotato posto sulla spiaggia al mare con lettini e tutto ma che dovevo inoltre pagare il biglietto a sua sorella perché era lei che voleva andare in piscina a trovare gli amici di scuola. Siccome io avevo la macchina ero in dovere di accompagnarla secondo loro e di pagare il tutto rimettendoci anche per la giornata che avevo organizzato mesi prima con la mia amica. Presa dalla rabbia lo ho lasciato. E sono tornata dal suo migliore amico. Lui non rassegnato ha voluto continuare a vedermi e parlarmi per un anno intero. Io nel mentre per vendetta ho continuato a fare sesso sia con lui chr con il suo migliore amico. poi per scrollarmelo definitivamente di dosso gli ho detto che mi facevo il suo migliore amico e che era molto piu dotato di lui. Ho continuato a essere la amica di letto del suo migliore amico felicemente soddisfatta. sono pentita solo di aver sprecato 3 anni di vita con un soggetto simile. Casi umani in abbondanza. 

Mer

28

Feb

2018

Toccatine

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Lussuria

Sono una ragazza di 18 anni: due giorni fa sono andata a casa del mio migliore amico da sempre ( da quando avevamo 7 anni!)come al solito, per stare insieme e parlare..tutto normale, sì. lui però ad un certo punto tira fuori una bottiglia di whisky e insiste per  bere, io non dico di no perché mi fido di lui e poi, cosa vuoi che sia un po'  d'alcool! Invece dopo mezza bottiglia mi ricordo che ho iniziato a vedere tutto annebbiato (però comunque riesco a ricordarmi tutto) ed è successo che abbiamo iniziato a vedere la tv: nel mentre, lui ha iniziato a toccarmi in modo delicato, io non ce l'ho fatta a dire di no Perché mi vergognavo ad accusarlo di essere un pervertito, e poi sembrava quasi che lo stesse facendo in maniera casuale: andava per farmi il solletico però poi le sue mani si arrestavano là in basso; mi spostava le piume della maglia e poi per caso le mani cadevano sul seno, accarezzandolo. oppure parlando lui posa la testa sulle mie gambe (LÀ vicino)...eccetera .Alla fine si e comportato come se nulla fosse, riaccompagnandomi a casa col motorino, ridendo e scherzando...Mi vergogno tanto, anche se non ho fatto nulla. Questo è il mio segreto. Voi che ne pensate? Ho esagerato io? Glielo dovrei dire? Ho paura..

Mar

26

Dic

2017

Alla fine tutto sale a galla; speravo tanto d'essermi sbagliato

Sfogo di Avatar di TarsTars | Categoria: Altro

Tutto sale a galla dopo un po'. Come la merda.

 

Avevo preso un periodo di pausa dal gruppo di "amici" che frequento da anni. Sentivo che c'era qualcosa che non andava, l'ho sempre avvertito. Sentirsi inadeguati in ogni situazione, troppo diversi, osservare un rapporto di "amicizia" emotivamente sbilanciato. Rapporto che non è mai esistito; ho raccolto gli indizi e questa è la sentenza. 

Mi hanno chiesto questo favore. Ma certo, posso mai lasciare nei guai un amico? Posso mai non aiutarlo e laciare che si intristisca? 

Ma quando concedere, e chiedere, il favore diventa abitudine, per poi esser lasciato solo quando un piccolo aiuto sarebbe stato di conforto, uno inizia a porsi delle domande. E va in cerca di risposte. E scopre, tassello dopo tassello, di aver vissuto con un paio di meravigliosi occhiali costruiti ad hoc per osservare il mondo secondo una propria visione ottimistica, ma totalmente sbagliata.

Chiudi un occhio Tars, è colpa tua sei troppo selettivo. Sei troppo arrogante, Sei troppo. Sei di troppo.

Essere di troppo, era questa la sensazione; come quando si viene ricevuti a casa di un estraneo e ci si sente a disagio. 

"Ma non è che potresti...? Ma per caso puoi...?" "Ma certo, non preoccuparti". Ecco, così queste persone si facevano puntualmente  vive fino a poco tempo fa  dopo settimane di sparizioni. Dovevo chiamare io, per poi ricevere buche e sole in quantità.

Ma credevo di esser io lo stronzo che andava cercando la presenza amica e rassicurante, credevo di avere troppa aspettativa, troppa pretesa. Così non mi sono fatto sentire, come ho detto.

E... Abracadabra, uno si rifà vivo: serve un passaggio al centro commerciale a lui e ad un suo amico perchè "Tizio non guida, Sempronio non c'è e Caio non ha più la macchina" .

 

 

Ci sono rimasto una merda, tutti i miei dubbi si sono rivelati fondati. 
Non so più cosa fare. Sono gli unici che potrei frequentare normalmente, quei pochi amici di cui non ho mai dubitato a cui voglio seriamente bene abitano lontano, possiamo vederci una volta ogni 10 giorni...

Sono rimasto solo, queste vacanze le sto passando a casa fra libri e pc. 

Che delusione. 

Sab

09

Dic

2017

Sogno d'amore

Sfogo di Avatar di Souv3nirSouv3nir | Categoria: Accidia

A metà settembre scorso conosco una ragazza Ceca, in Italia da molti anni, 25enne, più giovane di me, con un bambino nato da un suo coetaneo con cui ha chiuso due anni fa. Vive con i suoi genitori ed il bambino a 25 km da me. Iniziamo a uscire. Lei introversa caratterialmente, si concede poco, ogni tanto mi da' rispostacce ma si vede che tiene a me. Quando usciamo si vede qualcosa di magico, non mi chiede nulla di particolare, basta solo la reciproca presenza. Niente terzi uomini strani, niente ombre. Ogni tanto l'ex , padre del bimbo le scrive, ma lei si nega sempre.Lei è corretta e leale, ci scriviamo molto ogni giorno. Problema: lei va a scuola la sera, quando io non lavoro. E spesso non combiniamo a vederci. Inoltre la mamma spesso fa i turni di notte nel fine settimana. Quindi se la mamma lavora lei resta a casa col piccolo (il padre di lei è inaffidabile). Per questo ci vediamo mediamente una volta a settimana. Dopo i primi baci finiamo "a letto" i primi di novembre ma niente. Lei non sembra pronta per il sesso ed io non insisto e non glielo faccio pesare. Io comunque mi sento preso. Due settimane fa decidiamo di andare sabato e domenica a Venezia e, stessa scena, lei non si concede. E io, il giorno dopo le dico chiaramente che qualcosa non funziona. Lei mi dice "io ho i miei tempi ma voglio stare con te".Ero sul punto di lasciarla ma la perdono. Le credo. Sento un sentimento verso lei. Settimana scorsa le dico che vado a casa dei miei distante 600 km, li vedo poco. Lei comprende. Io rielaboro il "caso Venezia" e domenica scorsa ridiscutiamo. Lei esasperata mi dice di andare oltre e che non ha senso star lì su cose già chiarite. La sera di domenica un suo amico (che era stato suo ex e col quale non aveva più grandi rapporti di amicizia. Anzi lei mi aveva parlato di lui in precedenza dicendomi di averlo lasciato perché non lo amava e di aver rovinato anche l'amicizia) fa un incidente mortale. Lei me lo dice, io reagisco con freddezza. Torno "su" col treno il lunedì, lei annulla il nostro incontro di martedì perché dice di andare in ospedale con gli amici: il ragazzo è grave e sta per morire. Io le dico ok fammi sapere se questo fine ci vedremo. Ne parliamo martedì, decidiamo di vederci o domenica (questa) o lunedì. La sera lei va in ospedale (questo dice) ed è irreperibile tutta la sera. Io preoccupato esco con un amico ma mi perdo (risparmio dettagli), il cell va in panne. Riesco a riaccenderlo solo la mattina alle 10.30. Trovo messaggi preoccupati dei quali uno alle 03.00. Le racconto tutto. Lei irriconoscibile mi dice "ok spero tutto apposto ma non ho voglia di parlare e comunque stasera non ci vedremo perché ho da fare". Chiedo spiegazioni. Lei, che solo la sera del lunedì mi aveva dichiarato un Sebtimento sicuro al 100%(parole sue) mi dice: sai come sto. Dopo quello che è successo non ho voglia e forze ler  uscire con nessuno". Insisto ancora, le chiedo un confronto dal vivo ma lei mi dice di voler chiudere la nostra frequentazione di due mesi e mezzo e da mercoledì pomeriggio è latitante. Nel frattempo il ragazzo ahimè muore. Per motivi di sintesi ho omesso un mondo di particolari. Io sto male. Ho pensato di andare davanti scuola la prossima settimana (questo fine sono riscappato lontano perché sapevo che non ci saremmo più visti) oppure di aspettare, oppure di inviarle dei fiori. Non so se è solo scombussolata dal momento e  arrabbiata con me-e quindi la situazione è recuperabile- oppure la sua decisione è definitiva. Io ovviamente non ho più insistito da mercoledì ma sto da cani.

Dom

26

Nov

2017

Migliore amico innamorato di me...

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Ira

Credo che il mio migliore amico, dopo 8 anni si sia innamorato di me. L'altra sera si è ubriacato e stava per dirmi qualcosa, ma ho solo intuito, lui non mi ha confermato nulla... Diceva che ha paura di "rovinare tutto"

Io spero di star sbagliando, perché lo conosco da così tsnto tempo, ne abbiamo passate tantissime assieme come nei film in cui i protagonisti vivono mille avventure impossibili. Siamo sempre stati molto amici e ci siamo sostenuti a vicenda quando le nostre crush ci hanno rifiutati, le nostre madri le chiamiamo "mamma" talmente della confidenzs che c'è! 

E no, non si tratta di friendzone, perché se sono qui a scrivervi è per via del fatto che se lui è davvero innamorato di me, ne soffrirei quanto soffrirebbe lui. Abbiamo entrambi 22 anni e possiamo dire che siamo cresciuti assieme. 

Cosa faccio? Ho paura perché non voglio perderlo, lui è mio fratello, mio cugino, la mia ancora, la mia guida, il mio migliore amico, la persona che più rispetto tra le mie amicizie. È colui che chiamo quando ho un problema, quello che mi migliora la giornata, il mio tutto. Ma non nr sono innamorata, purtroppo per me è davvero solo un amico, il migliore, ma non potrei vederlo in altri modi. 

Questa cosa mi sta distruggendo, vorrei essere un maschio in questo momento...  

Succ » 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12