Tag: attrazione

Ven

20

Apr

2018

con un uomo 30 anni più grande di me

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Lussuria

Sono una ragazza molto timida, riservata,pacata e composta, ma nascondo un segreto:da parecchio tempo mi piacciono quelli più grandi, perchè li trovo misteriosi, eccitanti e allo stesso tempo affascinanti .quattro anni fa,infatti, mi sono invaghita di un uomo molto più grande di me, lui se n'è accorto ed ha iniziato a corteggiarmi fino a farmi sentire sensazioni fortissime, mai provate con i miei coetanei. Quando è andato oltre il semplice corteggiamento in me è  scattato un forte senso di colpa e vergogna nei confronti dei miei genitori,con la paura di essere scoperta, punita, giudicatae non accettata , per cui  queste cose mi hanno causato una tremenda depressione che ho dovuto curare. all'epoca dovetti raccontare tutto, però la situazione si risolse dando la colpa di tutto a lui, quando infondo sono stata io. Ora sono qui a confessare che nonostantegli anni lo penso fastandicandoci su, e che quando lo vedo per strada ho le farfalle allo stomaco e non capisco il perchè. Dovrei non pensarlo minimamente.P.S A quei tempi ero prossima alla maggiore età, ed ho un bel rapporto con mio papà. Giuro che non riesco a spiegare il mio atteggiamento

Sab

03

Feb

2018

Il corpo non è la mente e la mente non è il corpo

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Lussuria

Ho conosciuto questo ragazzo pochi mesi mesi fa: due persone completamente differenti, ma con una visione molto simile della vita e di ciò che ci sta attorno. Ha una mente meravigliosa ed è molto brillante. In pochissimo tempo lui si è invaghito di me, ma io mi sono sempre mantenuta leggermente fredda (a differenza sua, io non sono impulsiva e ho bisogno di analizzare le situazioni prima di buttarmi a capofitto)...lui cerca di andarmi incontro, però il problema è uno.

Lui...non mi piace fisicamente. Mi sento stupida e superficiale, non sono il tipo di persona che fa questi ragionamenti e adesso che ci sto dentro, mi sento orribile.

Dagli altri mi sento spesso dire di essere una bella ragazza,beh io non ho un'autostima molto alta quindi non riesco a dire lo stesso. So solo che quando sto vicino a lui sembro una miss...non è una cosa bella da dire, ma mi pare proprio così. Non mi attrae, né lui, né la sua postura, né il suo tono di voce. Il pensiero di fare sesso con lui mi fa quasi ridere. Spesso mi dice cose dolci sul mio aspetto e io mi sento a disagio a 'ricambiarlo', cosa mai successa con altri ragazzi a cui sono stata legata.

Raramente mi è capitato di incontrare qualcuno con questa personalità, ma è più forte di me, non riesco a sorvolare sul suo aspetto. Cosa posso fare?

Mer

03

Gen

2018

Attrazione per un altro

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Lussuria

Sono giorni che non riesco a trovare pace. Credo di essere fortemente attratta fisicamente e mentalmente da un altra persona. Sto con il mio ragazzo da cinque anni, abbiamo una relazione altalenante che riusciamo a portare avanti non senza difficoltà. Quello che mi ha spinto sempre a superare le nostre divergente è stato l’amore che provavo(?) per lui. Preciso che viviamo anche una relazione a distanza, così io ultimamente grazie ad amici ho conosciuto un ragazzo, che non definirei esattamente il mio tipo ma che con un mese o più di uscite comuni è riuscito a catturare la mia attenzione. Non faccio che pensare a lui e fanstasticare. Non mi era mai successo di pensare a qualcuno altro durante la mia relazione, sento addirittura le farfalle nello stomaco come una sedicenne. Mi piace perché è una novità nella mia vita? Una fuga dalla quotidianità? O è il campanello d’allarme per dirmi che la mia storia è finita? E sopratutto come gestire questa cosa con il mio ragazzo? 

Mar

26

Dic

2017

Le cose che sai ma che fingi di non sapere

Sfogo di Avatar di tncgintncgin | Categoria: Ira

Ci siamo incontrati di nuovo nel posto più impensabile. Mai avrei creduto che ci potessimo vedere nella città in cui sono cresciuta, dove ho imparato a vivere un'infanzia che rimpiango.
Ci siamo salutati, abbiamo passeggiato, abbiamo parlato. Più tu che io. Ti ho ascoltato balbettare, e ogni volta che succedeva mi sprofondava il cuore nello stomaco. Non ce la faccio, continuo a trovarla una cosa carina, ma lo tengo per me. Continuo a trovarti carino, nonostante i difetti. Mi ispiri sempre una certa dolcezza.
Ieri notte ho sognato che mi riempivi di insulti, che mi odiavi. Forse mi odi davvero ma non me lo dici per cortesia. Avrei voluto dirtelo, ma avevo paura fosse inopportuno. Eppure ci ho pensato per tutto il tempo che siamo stati assieme. Avrei voluto dirti che ti voglio bene, mentre in un momento inaspettato mi hai stretto le spalle con il braccio. Per un attimo mi sono sentita leggera. Mi chiedo cosa avrebbe potuto pensare la gente per strada. Guardavo dritta verso il marciapiede e non tiravo più su la testa.
"Non so come chiamarti", poi mi hai detto.
"Basta che non mi chiami vecchia", ho risposto io.
A me andrebbe bene pure se mi chiamassi stupida, io ti chiamerei cretino a ruota. Ci diciamo a distanza di sicurezza di volerci bene per glissare su cose che non hai davvero voluto risolvere. Cose che come hai messo in mezzo hai distrutto. Non era destino, non era momento, non era niente di niente. Un errore madornale. Eppure io ne pago ancora le conseguenze emotive.
Chi cazzo sei tu per esserti rubato tutto quell'affetto per poi buttarlo da qualche parte, accartocciato e a pezzi. Come diamine ti sei permesso, mi domando. Eppure non riesco davvero ad avercela con te. Questa scottatura che mi hai lasciato chissà quando sarà davvero cicatrice.
"Mi ha fatto piacere rivederti qui", e anche per me lo è stato. Sei freddo, anche se dici cose belle. Non so se percepisci anche tu quanto cazzo ti stai forzando.
Ti avrei salutato con un abbraccio, come quello di un anno fa che non mi dimentico.
Ti avrei salutato con uno schiaffo.
Ti avrei salutato con un bacio sulla guancia, seguito da un vaffanculo.
Avrei fatto tante cose, ma tutte avrebbero rovinato ulteriormente la situazione.
E allora continuiamo a parlarci senza guardarci negli occhi. Continuiamo a volerci bene, perché altro non possiamo volerci.

Sab

09

Dic

2017

Pensiero di una donna Bisessuale

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Le donne sono sempre belle. Sono gli uomini che a volte fanno schifo.

Mar

21

Nov

2017

Cosa devo fare con mia madre di 58 anni ? Non so come agire e sono single da alcuni anni, per sfortuna!

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Ciao, (chiamatemi Naoto per privacy qui) e sono qui a confessarmi su una situazione che più passa il tempo e più non riesco a gestire, a tenere dentro di me. E' come un grande peso che va avanti da anni..

 Cerco di essere sintetizzante, perché altrimenti dovrei scrivere giorni e giorni. Il problema è che arrivato a 28 anni, sento di aver sbagliato anche io qualcosa.

Fin da piccolo, ho un rapporto molto morboso, in simbiosi e stretto con mia madre. Lei secondo me, avendo perso altri due figli, ed avendo subito molte ingiustizie dal primo compagno, dal padre, anche da mio padre per diversità di carattere, ha forse trovato in me la sua similanza. Durante il tempo è come se mi fossi accorto di essere per lei, una figura molto importante, un figlio, un amico, la persona che le stesse più vicino possibile. Iniziammo a dormire insieme, già dai miei 15-16 anni. Fin qui niente di particolare..
L'unica cosa è che però durante il tempo, mi sono accorto di non ricambiare il forte affetto di mia madre, verso di lei e a nasconderli sempre una cosa (forse poco frequente e rara?) 

In poche parole, ho cominciato a senitre per lei un forte affetto e dei sentimenti di un rapporto non madre-figlio. Lei non ha mai notato questa cosa (almeno non me l'ha mai detta apertamenta..) ma già fin da piccolo è capitato che notasse quello che mi succedeva fin da piccolo, quando eravamo vicini o a dormire insieme. Potete sicuramente immaginare a cosa mi riferisco..

Lei infatti mi chiedeva spesso, un po sorpresa "perché ti succede questo" ? Io li rispondevo che non sapevo nemmeno io perché accadesse.. ma anche di recente è capitato che lei, scherzandoci sopra, tornasse a quei momenti in cui mi ricordava di quegli episodi. O altri in cui passando, incrociandosi nella stanza, facesse la mossa per acchiapparmi il mio "lui" :) 

Io ho sempre però cercato di mascherare tutto.. infatti non abbraccio quasi mai mia madre, ne li dico  parole dolci.. però questo non mi fa star bene.. inoltre lei, spesso mi vede come turbato da qualcosa, e vorrebbe vedermi più affettuoso.. 

Ora sono preoccupato perché lei, che già sta vivendo alcuni anni di conflitti caratteriali con mio padre, è spesso più nervosa, magari ci siamo ritrovati (inedito) a discutere anche noi due.. Vorrebbe vedermi più collaborativo e attivo... ma lei non sa che in me c'è questa situazione disagiosa.

Cosa ne pensate sia di me, che di lei ? 
Cosa dovrei fare ? 
E' un periodo che cerco delle risposte...
Dentro di me, sento il forte desiderio di togliermi questo peso..

Il mio primo desiderio sarebbe in primis, confessargli tutto in qualche modo e non nascondermi più ?

Ma ho paura della sua reazione... e sopratutto mi chiedo "come dovrebbe essere il DOPO per entrambi" ?

 

Mar

15

Ago

2017

Brutta strada

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Sono da poco uscita da una relazione di 5 anni e mezzo. Da 1 mese ho cominciato a frequentare delle brutte compagnie e luoghi considerati dai più "di perdizione". Ho conosciuto questo ragazzo, lui 17, io 20. Visino angelico anche se fisicamente è l'opposto di ciò che cerco. Scopro che oltre che essere uno spacciatore fa abuso di droga da diversi anni (e i segni si vedono sul suo giovane corpo martoriato). Nonostante i danni che porta a causa della droga ha comunque un non so che che mi attira parecchio. Mi ha fatto provare alcune droghe sintetiche. Non so come spiegarlo, ma il fatto che lui mi abbia accompagnata nei miei primi "trip" ha creato una sorta di complicità tra di noi. Viviamo a 30km di distanza, ma lui non ha un motorino e a me non lasciano mai la macchina. Ci vediamo solo quando qualche suo amico può accompagnarlo da me o viceversa.

Perché ho scritto tutto ciò? Perché in un mese mi sono innamorata della persona più sbagliata che potessi incontrare. Sono più i contro che i pro, ma ciononostante penso a lui continuamente. 

Ho cominciato a pensare che mi piace soltanto perché mi fa drogare gratuitamente (o meglio, lo ricambio in scopare).

Mi sono pentita?

Può darsi. 

Sab

01

Lug

2017

ho fatto una cavolata col benzinaio

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Lussuria

cari amici, ebbene si ho fatto una cavolata come al solito trascinata dall'istinnto. per farla breve c'e un ragazzo che da qualche settimana lavora dal benziaio nel quale mi rifornisco, mi guarda in modo inequivocabile, mi fissa, mi spoglia letteralmente con gli occhi ed è davvero molto carino e sexy. questa cosa insomma nn mi ha lasciata indifferente ed è andata avanti per circa  due settimane al che mi sono decisa, dopo l'ennesimo segnale da parte sua, di lasciargli il mio numero. Ieri infatti vado a fare benzina e quando gli do i soldi lui mi prende la mano e mi guarda negli occhi è durato qualche secondo. quando mi ha dato il resto gli ho dato un bigliettino col mio numero che avevo preparato....e ora non chiama ne mi scrive ed io mi sento un'idiota!

Mar

20

Giu

2017

Senza Titolo

Sfogo di Avatar di MrChurchMrChurch | Categoria: Altro

L'unica cosa che so è che ad un certo punto mi sono perso. Non so esattamente come ho fatto. O quando. Prima non ero cosi. Certo ero molto più testa di minchia allora e non penso che tutti a 21 anni sappiano cosa fare,io sicuramente non sono stato uno di quelli con la risposta in mano.Forse parlo cosi perchè non vedo ancora una via d'uscita. O forse perchè a distanza di anni mi ritrovo nelle stesse situazioni anche non volendolo. Quindi eccomi qua dopo aver accumulato altrettanti fallimenti dopo aver promesso a me stesso di uscirne, senza risparmi, senza garanzie, senza un arte(forse).

In tutto ciò sei apparsa tu. Non so bene che tipo di ragazza sei. Certo, potresti dire "grazie al cazzo" non essendoci MAI trovati a parlare. Pensavo che quest'anno le cose si sarebbero sistemate da sole,un giorno. Mi sbagliavo. Nel frattempo inizio a pentirmene perchè l'unica volta in cui abbiamo parlato ero ubriachissimo e non ricordo neanche cosa ci siamo detti.Fatto sta che tu hai continuato sulla tua strada, ed io sulla mia. Tu a sgambettare in giro per casa,studiare,fare torte e continuare ad essere bella qualsiasi cosa indossavi. Ed io invece a drogarmi,a bere e a leccarmi le ferite. Ho passato tanto ad immaginare le forme della tua biancheria, alle tue forme e insomma a quanto sarebbe favoloso averti.Ho sempre fatto questo tipo pensieri su di te. Non me ne volere, ma mi hai sempre attratto un casino.A parte questo avrei voluto almeno che le cose andassero diversamente tra di noi, ma non si può avere tutto giusto?

Ora non so cosa stia accadendo nella mia testa in questi mesi ma credo di provare più che della semplice attrazione, e mi da fastidio perchè considerata tutta la faccenda,dal fatto che non ti conosco poi cosi bene,dal fatto che sei fidanzata e che io sto in perenne conflitto con il mondo, non so davvero come sia stato possibile.Probabilmente non te ne fregherà niente ma volevo dirti che se ho iniziato a ripulirmi è per cercare di essere un pò più appetibile ai tuoi occhi,insomma un pò più gratificante da guardare.Senza volerlo mi stai dando uno stimolo ad essere migliore e di questo ringrazio. 

So che tutto questo dovrei dirtelo in faccia ma, onestamente ogni volta che ti avvicini provo davvero tanta vergogna e divento un idiota.So che dovrei essere più uomo ma alla fine a conti fatti, sarebbe un gran casino, qualcuno rischia di rimanerci ferito e magari forse è meglio se le cose rimangono cosi come sono.

Per cui a te che sei cosi vicina,ma al tempo stesso cosi lontana,ti auguro il meglio.E che quel meglio coinvolga anche me un giorno. Ci si rivede... spero.

Gio

25

Mag

2017

La tentazione è forte...

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Lussuria

Uomo, 32 anni, in una relazione stabile da svariati anni e prossimi alla convivenza.

Tempo fa... circa un paio di anni, apre un negozio vicino a dove lavoro, non affianco ma poco ci manca. Quotidianamente, dopo aver parcheggiato l'auto, passo davanti al negozio ed incrocio lo sguardo della commessa. Non nascondo che mi piace, e spesso cerco il suo sguardo, anche solo per un saluto cordiale. Col tempo capita di incontrarsi nei dintorni, per salire rispettivamente in auto ad esempio. Il classico "la conosco di vista" e ogni volta saluto per educazione. Lei ricambia. Poi un giorno le chiedo come si chiama, insomma ci salutiamo sempre ma non sappiamo nemmeno i nostri nomi. Lei sembra accogliere piacevolmente la mia iniziativa ed oltre a presentarsi segue un breve scambio di battute davanti alle auto.

Dopo qualche giorno mi ferma chiedendomi se avessi piacere di fare due chiacchiere con calma qualche volta. Io le dico di si in prima battuta.

La chiacchierata la facciamo la sera stessa, incontrandosi di nuovo uscendo da lavoro: le dico che sono fidanzato e che nonostante sia lusingato dal suo evidente interesse (che ci sarebbe anche da parte mia e glielo dico) non sono tipo da corna. Lei mi dice che aveva questo dubbio, in quanto percepiva interesse ma non realizzava la mia titubanza nel farmi avanti ed è "contenta" della mia onestà, perchè ha avuto esperienze in cui ha scoperto solo dopo la stessa situazione e si è infuriata. Aggiunge infatti di non volere storie con uomini accompagnati, non è il tipo, pertanto, con un po' di rammarico nel cuore (credo di entrambi) ma fermi nelle nostre scelte, ci salutiamo come sempre, fino al prossimo "incrocio".

Questo è quanto, niente più e niente meno. Il fatto è che non è la prima volta che ricevo avances o chiari segnali di interessamento da qualche ragazza, ed ho sempre declinato, innamorato e rispettoso della mia compagna. Stavolta però è stata più dura del solito ecco... anzi, si può dire che lei è stata la più difficile a cui dire no. Sebbene, anche in caso di una mia "apertura", avrei trovato una sua "chiusura", almeno in base a quanto mi ha detto. Nei giorni scorsi ci ho rimuginato, l'ho persino sognata e nel sogno, non tutto era pudico... 

La rivedo spesso, quotidianamente, istanti fugaci, ma sento che è sempre dura, consapevole delle attenzioni manifestate da una ragazza carina che piace anche a me.

Lo so, forse per la maggior parte delle persone che scrivono qui sono stato un coglione. Io invece, che non mi pento della scelta fatta sia chiaro, spero solo che col tempo questa sensazione di disagio vada a scomparire.

Succ » 1 2 3 4 5 6 7 8 9

Iscriviti

Iscriviti
Iscrivendoti potrai aggiungere commenti senza attendere approvazioni, votare gli sfoghi e potrai gestire i tuoi post ed il tuo profilo senza limitazioni.
Clicca qui o sull'immagine per aggiungerti