Tag: amore

Ven

18

Gen

2019

Ho bisogno di un consiglio

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Ho bisogno di un consiglio.

Voglio riconquistare la mia ex, non ci sentiamo da circa 20 giorni, e mi ha lasciato da un mesetto abbondante.

Le davano fastidio alcune cose di me, non l'ho tradita e credo che ancora provi qualcosa per me, siamo stati insieme 4 anni.

Dal canto mio, in queste settimane sto mettendo a posto le mie cose, i miei problemi, e vorrei tornare da lei più carico che mai.

Ora, il problema é, cosa faccio? Avevo pensato di dedicarle una canzone, la nostra canzone, ho amici che suonano e avevo pensato ad una specie di serenata, però non sotto casa sua, mi sembra una cosa troppo pacchiana, e più che altro lei essendo molto timida ho paura che si infastidirebbe e basta.

Non posso sapere dove si trova, quindi non posso sperare in un incontro casuale, e non ho "ganci" (ovvero amici che mi potrebbero dare una mano)...

Mi aiutate?

Gentilmente, astenersi persone che mi dicono di lasciarla stare, come vedete sto chiedendo una mano per riconquistarla.

Grazie a tutti! 

P.S. io 27 lei 26 anni.

Ven

18

Gen

2019

Provo qualcosa per la mia scopamica

Sfogo di Avatar di samaras88samaras88 | Categoria: Altro

Ciao a tutti, lo scorso settembre una mia carissima amica si è lasciata dopo una storia di 5 anni (di cui 3 di convivenza). I due mesi successivi sono stati duri per lei, anche perché ha scoperto in seguito che l'ex aveva un'altra da prima che si lasciassero. Per farla breve col tempo diventiamo più intimi fino a quando a dicembre facciamo sesso: lei è stata chiara dicendo di non avere la testa per una storia seria al momento e ci siamo perciò accordati su una frequentazione senza impegno. Il fatto è che, anche in questa fase, abbiamo continuato ad uscire e fare cose insieme, come se fossimo una coppia (lei è addirittura venuta a pranzo con la mia famiglia a natale, io sono stato da lei il 26 e abbiamo passato il capodanno insieme; poi mi dava tante attenzioni, ad esempio cucinava per me. Tutto sembrava andare bene fino al 6 gennaio, da allora ha cominciato a darmi buca di continuo, a sua detta a causa dello studio. Alla fine la cosa mi ha infastidito e le ho chiesto chiarimenti, se ci fosse un altro ecc. Mi ha risposto di non farmi paranoie e stare tranquillo e vivere la cosa con leggerezza. Fatto sta che ormai non ci sentiamo quasi più per messaggio e ci vediamo pochissimo: sono ormai sicuro che dietro questo comportamento ci sia la presenza di un altro. Ho deciso di evitarla, mi fa troppo male vederla e mo viene da piangere...non so cosa fare

Ven

18

Gen

2019

Quando vuoi aiutare la persona che ami, ma lei rifiuta il tuo aiuto e sta bene così.

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Ira

Ho conosciuto il mio (ormai ex) ragazzo circa un anno fa, è stato lui a fare il primo passo: a detta sua e di tutti i suoi amici gli sono sempre piaciuta tantissimo, non solo fisicamente: di me apprezzava l'intelligenza, la simpatia, la maturità, l'indipendenza, il mio amore per i viaggi; adorava il fatto che io avessi moltissime passioni.

Abbiamo quasi la stessa età (27 io e 24 lui), ma le nostre esistenze sono state e sono tuttora diametralmente opposte: lui, purtroppo, non ha avuto un passato facile... cattivo rapporto con i genitori separati, praticamente cresciuto dai nonni, contatti con il mondo dello spaccio e della droga, relazioni sentimentali abbastanza disastrose; io, invece, sono cresciuta in una famiglia molto unita e affettuosa, ho sempre avuto a che fare con contesti "sani" e, pur avendo affrontato difficoltà parecchio gravi come la malattia di mia madre e un periodo di forte depressione, non posso dire di aver avuto un'esistenza infelice. Tutto ciò lo devo solo ed esclusivamente i miei, che hanno dedicato la propria vita a impartire a me e a mio fratello valori forti, solidi e positivi.

Quando ci siamo incontrati e lui mi ha raccontato la sua storia, mi sono impegnata in qualsiasi modo per restituirgli e compensare tutto l'amore che, in un modo o nell'altro, nel corso della sua vita gli era stato negato; inconsciamente volevo diventare un punto di riferimento per lui, così che fosse sereno, tranquillo, appagato, felice! Volevo dimostrargli che, oltre il degrado in cui è cresciuto e col quale ha avuto a che fare, c'è molto altro.

All'inizio è andato tutto bene, ho lavorato sodo per dargli tante attenzioni e fargli molti regali, tra cui anche dei viaggi: a differenza mia, lui non aveva mai viaggiato all'estero e quindi ha fatto questa esperienza per la prima volta con me; lui era entusiasta, incredibilmente felice... mi diceva che grazie a me la sua vita era cambiata in meglio, che io ero la sua "unica via di fuga" da un mondo mediocre, ingannevole e poco stimolante.

Con il tempo, però, le cose sono mutate: io, innamoratissima, ho sempre continuato ad esserci per lui, in tutti i modi che potevo e non di certo solo con regali o cose materiali. Avevamo una relazione a distanza e, ogni qual volta lui si sentiva giù per vari motivi, mollavo tutto e lo raggiungevo, tralasciando il resto. Gli ho dato tutto quello che potevo dargli, fino a svuotarmi come persona e individuo: non avevo più tempo per le mie passioni, per lo studio e a momenti nemmeno per il lavoro (che già di per sé è stato sporadico e scarseggiante durante questi mesi), perché lui era la mia unica priorità; nel frattempo si è chiuso in se stesso... passato l'entusiasmo iniziale ha ricominciato a fare la sua vita di sempre, condita di noia, spaccio e uso di sostanze stupefacenti occasionali. Inutile dire che questo non mi piaceva per nulla. Io non ho mai preteso di cambiare la sua vita, ma quando mi ha detto che grazie a me stava vivendo meglio, ne sono stata felicissima e ho pensato che ciò poteva rappresentare, per lui, una buona occasione di rinascita.

Col tempo le cose sono andate sempre peggio: lui ha continuato su questa strada, dandomi fra l'altro sempre meno attenzioni, io invece ho sofferto molto per questo suo graduale ritorno alle sue origini. Ma non è tutto; non solo è tornato "all'ovile", per così dire, ma ha iniziato anche a pretendere che io accettassi e abbracciassi questo suo stile di vita e abbandonassi il mio: in sostanza, secondo la sua opinione, sarebbe giusto che io vivessi con lui, rimanendo indifferente a ciò che fa e contemporaneamente dovrei rinunciare a tutto ciò che mi ha sempre reso felice: viaggiare, visitare nuovi posti e avere la vita che ho sempre avuto.

La situazione si è aggravata quando io gli ho detto che tra i miei piani c'era l'idea di andare all'estero per qualche mese per un progetto che mi interessava: lui, ovviamente, si è infuriato, dicendo che andare all'estero è da stupidi, che lui mai e poi mai si muoverebbe dal posto in cui si trova (cosa che io non gli ho mai chiesto, fra l'altro) e che io dovrei andare a vivere con lui nel suo paese, posto che non sopporto proprio per il degrado che ho descritto prima.

In queste discussioni, poi, non manca occasione per rinfacciarmi che io sono napoletana (mentre lui vive in un piccolo paese in provincia di Milano), infatti afferma che io sono abituata al degrado e che non dovrei lamentarmi (è anche razzista verso i napoletani); è vero, io abito nella zona nord di Napoli, le Vele di Scampia non sono lontane da casa mia ma, nonostante la merda che mi circonda, ho sempre autonomamente scelto di avere una vita differente, che mi permettesse di percorrere una strada più costruttiva e soddisfacente per se stessa.

Adesso mi sembra assurdo che la persona che ho amato tantissimo e che amo ancora non solo si rifiuta di uscire dal suo mondo tossico e di cui conosce la pericolosità, ma vuole anche trascinarvi me, tarpandomi le ali e non tenendo minimamente conto delle mie aspirazioni e inclinazioni (cosa che io invece ho sempre fatto con lui, accettando anche situazioni obiettivamente poco gradevoli e che di conseguenza non mi piacevano per nulla).

Ho deciso di mettere un punto a tutto ciò, ma mi sento in colpa: ho lasciato a se stesso un ragazzo che forse sarà sempre destinato ad avere a che fare con certi ambienti; nella mia testa si materializzano tanti dubbi, forse avrei dovuto insistere di più? Avrei dovuto adottare una linea più dura per farlo riflettere? Io lo amo tantissimo e per lui vorrei solo il meglio, ma quando mi risponde che lui nel suo mondo "sta bene" io cosa dovrei fare? Sono tanto triste. Mi sento inutile, fallita e incapace come fidanzata. 

Mer

16

Gen

2019

matrimonio merda

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Ira

Qualche poeta cortese diceva che il matrimonio è la tomba dell'amore.

Nella mia faglia quasi ogni matrimonio stava per finire in separazione, altri ci sono arrivati invece.

Su questo sito tutti cornuti, tutti infelici, tutti che non si volevano sposare.

 

Ma allora che cazzo vi sposate a fare, e che cazzo si sposerà a fare la gente se finisce sempre male? Raga il matrimonio è la cosa più sbagliata di questo mondooooo. La convivenza intossica se dura anni. E se ci sono di mezzo i soldi alcora peggio...

Virginia Woolf ha fatto un libro che si chiama tipo "una stanza tutta per sè" dove dice che una donna dovrebbe avere un posto tutto suo dove può farsi i cazzi suoi e stare in pace.

Se un giorno mi venisse in mente di sposarmi, mi rpenderei a frustate da sola sulla schiena, piuttosto di cadere in questo sporco tranello pieno di sogni, illusioni e idealizzazioni. Poi finisce l'incantesimo e devo spendere soldi per l'avvocato. Come no.  Solo perchè si vuole indossare l'abito bianco, ricevere l'anello, la luna di miele. ma vaff

Vi ricordo che il matrimonio esisteva solo per scopi economici, per questo duravano. Mantre chi si sposava per amore poi si separava sempre, esempio a cazzo il poeta Lord Byron.

Chi si ama davvero tuta la vita è 1caoppia su 7milairdi, e qualcuno dei due avrà  sgrarrato almeno una volta. 

 

Mar

15

Gen

2019

Vorrei urlare

Sfogo di Avatar di NotEasyNotEasy | Categoria: Altro

Che poi é veramente inspiegabile come mi sento che vorrei essere morta ma la tragedia é che sto ancora vivendo
Qua In mezzo a troppa gente senza senso
Mi sento il cuore di cemento
Apro la porta della camera e sento il vino di mamma che evapora e il pianto di papà che mi lacera
E mio fratello non mi parla, un altro a casa non ci passa e un bacio va a mio fratello che ormai non c'é più, che troppo presto ci ha lasciati e si é distrutto tutto qua giù
Vorrei saper urlare che andrò avanti e dimenticherò tutto ma davanti ho una visione del mondo un po' troppo buio
Ho paura di quel che mi aspetta, vorrei scappare in fretta
Ma non posso, mi sento bloccata come se fossi intrappolata dai sentimenti che non vogliono sparire e le lacrime che non hanno intenzione di finire

Lun

14

Gen

2019

Paura di cambiare.

Sfogo di Avatar di AuryAury | Categoria: Altro

Ciao a tutti/e mi presento sono Aury.Oggi  non starò qui a piangermi addosso per quello che ho fatto ma per chiedervi consiglio.La mia vita ha preso svolte inaspettato da qualche tempo in avanti e ne sono consapevole ma una cosa che non posso accettare è il mio cambiamento che non riesco a controllare.Prima ero una ragazza solare,simpatica,divertente,aperta a tutti ma ora non sono più io!Ora sono fredda con tutti familiari e amici,trovo sempre i difetti in una persona senza nemmeno prima averla conosciuta,mi sto allontanando da chi vuole il mio bene.Vi starete chiedendo perché tutto ciò immagino di come io sia cambiata così drasticamente,ebbene la verità è che:in famiglia non siamo più come prima,mio padre mi disprezza,il mio ragazzo si sta allontanando sempre di più e in tutto ciò la cosa che più mi ferisce è il comportamento delle mie amiche che mi sparlano alle spalle e poi mi utilizzano a loro piacimento.Da  tutto ciò ho capito che la vita è piena di batoste e che nessuno ti sarà mai accanto al momento del bisogno.Quindi ora vi chiedo un consiglio su come possa andare avanti perché mi sto sentendo crollare il mondo addosso.

Dom

13

Gen

2019

Non so da dove iniziare

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Non riesco a cambiare la mia vita.

Va sempre peggio.

Sono stato lasciato da 1 mese dalla mia ex, stavamo insieme da ben 4 anni.

Ho 27 anni, a breve 28, e devo ancora finire l'università, mi mancano 5 esami (legge).

Il problema é che non ho voglia di fare nulla, forse sono depresso.

Ora che sono single mi rendo conto di quanto fosse importante per me la mia ragazza, non che prima non lo sapessi, ma ora sto capendo quanto ho perso.

Come ne esco? Mi sento grande, fallito. Non ho amici veri, quelli che avevo erano "in comune", e non mi ci sento più.

Cosa devo fare? Da dove inizio?

Devo rifarmi una vita sociale, trovare una persona da amare, finire l'università ed inserirmi nel mondo del lavoro... Ho paura di non farcela, mi sento troppo giù di morale.

Il 2018 é finito male ed il 2019 é iniziato peggio.

Help 

Dom

13

Gen

2019

MI servono consigli. Amore.

Sfogo di Avatar di DameWhiteDameWhite | Categoria: Invidia

Ciao a tutti, è da tanto che non scrivo però ora ne ho proprio bisogno. 

Sto insieme ad un ragazzo da due anni circa, è da circa 3/4 mesi che ha iniziato a lavorare! Fa un durissimo lavoro, si alza molto presto e torna a casa stanchissimo intorno alle 16.30/17:00. 

 Prima c'era il problema del lavoro, quindi non si festeggiavano tante ricorrenze. 

 Ora invece ci sono altri problemi.

Vorrei passare più tempo con lui, cose semplici... mangiare una pizza, mangiare un gelato qualsiasi cosa..niente di esagerato i costoso. 

Abitiamo a 20 minuti circa di auto, io ho appena preso la patente e quindi non mi posso lanciare a guidare tantissimo perché se mi fermano i carabinieri rischio la multa per la cilindrata elevata dell'auto, lui invece non ha auto propria, a causa di un incidente l'ha dovuta rottamare, usa quella dei genitori e questo vuol dire vederci solo 1 volta a settimana per 4/5 ore.

Ho parlato con lui di questo, ma le sue risposte sono tutt'altro che rassicuranti. 

C'è sempre un rimandare le cose che si propongono oppure il cercare "scusanti" tipo  "si sicuramente le faremo"; "si poi vediamo"; "si ma io lavoro mica gioco"; "sembra che ti annoi con me".'.. io non mi annoio con lui, però vorrei anche poter sentirmi una coppia, si perché sono arrivata ad invidiare i ragazzini di 15 16 anni che stanno appiccicati tutto il tempo. 

Mi sento una parte esterna alla nostra coppia. Ridiamo, scherziamo ..abbiamo un bel rapporto ma avrei voglia di poter fare cose semplici e sentirlo più partecipe e presente. 

 

(Molto probabilmente c'è uno sfogo molto simile, è sempre il mio ma purtroppo l'ha scritto come "anonimo") 

 

Dom

13

Gen

2019

ex ragazzo...

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Siamo stati assieme quasi un mese, eravamo grandissimi amici, con lui non ci ho mai voluto provare perché lo conosco e sapevo che lui si sarebbe stancato di me...

in questo momento sono troppo arrabbiata con me stessa, anche con lui perché alla fine mi ha sempre promesso cose dal primo giorno in cui stavamo assieme... è che continuo a pensare a lui, a quello che mi diceva, a tutte le cose che mi ha promesso dal giorno in cui ci siamo messi insieme, che ha mandato tutto a puttane così da un giorno all’altro, alla fine senza una motivazione, e se c’è sarò io che continuò a non capirla perché non penso che con una persona stai bene per 20 giorni e passa e poi 2/3 giorni non ti trovi bene e la lasci, e se è così è perché probabilmente non era interessato veramente a me. Poi boh a lui tutta sta situazione sembra indifferente e che non gli importi nulla, né che io ci stia male seriamente, ne niente

Io lo considero essenziale anche come amico, e non voglio perderlo...cosa mi consigliate?

Ven

11

Gen

2019

Non so che pensare.

Sfogo di Avatar di Joke88Joke88 | Categoria: Altro

Buongiorno a tutti, capito su questo sito proprio per bisogno di sfogarmi. Verso novembre 2017 vado in un ristorante e vedo lei, una cameriera molto bella ma di cui sul momento non resto particolarmente colpito. Arriviamo a febbraio 2018 e la rivedo un paio di volte sempre in quel ristorante e si presenta in me la voglia di conoscerla, ma non so come approcciarla. La trovo su Instagram e la contatto così, da lì inizia un anno un po' strano, ci sentiamo ogni tanto ma a me non sembra molto i teressata a conoscermi, poi lei verso giugno va in vacanza in Tunisia (suo paese natale) e da lì non ci sentiamo praticamente mai però ogni tanto capita che mi scriva e io non ne capisco il motivo. Quando torna verso novembre  cominciamo a interagire di più  a aprirci l'uno verso l'altra e dopo un po' eexono fuori i sentimenti. Scopro che anche lei mi aveva notato e mi fissava sempre al ristorante ma io non me ne ero minimamente accorto, scopro che  voleva conoscermi quando a me sembrava davvero che non fosse interessata. Cominciano belle conversazioni in cui escono appunto fuori tutti i nostri sentimenti, la voglia di vederci e di stare assieme. Ci vediamo ed è una bella serata, ci baciamo come 2 ragazzini e facciamo anche qualcosa di più, ma non ci spingiamo oltre perché in macchina non ci pare il caso, la prima sera poi. Ci basta baciarci per far salire in tutti e 2 l'eccitazione. Quella sera la sento molto coinvolta: cerca spesso la mia mano è i miei baci, dice poi una frase che fa intendere che pensa a NOI. Insomma tutto benissimo fino a che non torna a casa, ci sentiamo e lei è molto fredda, distaccata. Me ne rendo subito conto ma ovviamente lei non dice nulla. 2 giorni dopo però mi dice che non sono io, ma che una volta tornata ha casa a riflettuto sul suo lavoro, che la tiene impegnatissima dal martedì alla domenica (ed è vero perché inizia la mattina verso le 10 e finisce alle 15, però poi attaccare verso le 17.30 è finire all'1 di notte) quindi non avremmo tempo per stare insieme se non io lunedì sera e nemmeno tempo per sentirci. Lunedì che lei passa prevalentemente a riposarsi e con la famiglia, insomma sarebbe un casino, perché giustamente non ha tempo per se stessa, figurarsi per una relazione. Io capisco ciò, ma quella sera ho sentito un feeling tale che davvero faccio fatica semplicemente a lasciar perdere. Io penso che lei sia stata sincera  o almeno mi pare che lo sia stata da tante piccole cose però davvero mi pare uno spreco lasciar andare un'occasione così, anche perché appunto ho sentito una certa sintonia tra noi, come non la sentivo da anni con qualcuno. Secondo voi dovrei provare a corteggiata ancora? O forse dovrei lasciarla stare e lasciarla stare e se dovrà accadere accadrà? Sono davvero in forte dubbio, però almeno mi son sfogato. 

Tags: amore, dubbi