Tag: mamma

Sab

18

Mag

2019

Madre....

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Premessa:con questo post non voglio la pietà di nessuno e tantomeno voglio fare la vittima.... vorrei solo una vostra opinione...

Ho 30 anni e 4 bellissimi bimbi 7 5 e i gemelli di due anni ,ho un lavoro onesto (part-time)  una casa e un marito narcisista... Fino a un paio d'anni fa tutto più o meno tranquillo poi mio marito stanco della vita di sempre e un po' esaurito...(il bimbo più grande ha una disabilità) comincia a dare di matto....a cadenza settimanale/mensile comincia ad offendermi per delle cavolate a farmi piangere,minacce insomma tutto il repertorio...solo a me per fortuna con i bimbi si comporta benissimo ,dopo i primi sbotta menti un giorno quasi mi spacca il tostapane addosso ....tira pugni alle pareti ....un pazzo,una volta assiste anche mia mamma ad una scenata così quando se n'è andato ho detto a mia mamma"nn so cosa fare...ho paura che uno di questi giorni mi faccia del male sul serio" la sua risposta è stata"va be' l'hai sposto porta pazienza... Dove potresti andare con 4bimbi?(di sicuro non a casa sua)  nn vi nascondo che ci sono stata proprio male. Così un po' triste e delusa chiamo mia suocera....dopo un po' che parliamo mi dice di stare attenta a come mi comporto che se suo figlio si stanca davvero se ne va per sempre(magari aggingo) così sono rimasta sola con i miei bimbi i balia del suo umore passando le giornate tra lavoro bimbi e pulizie (nn posso mai fermarmi se no dice che non faccio un cazzo) nn posso guardare un film in TV ,fare la spesa (se no compro cose inutili) a volte ho voglia di una tavoletta di cioccolato la faccio comprare a mia mamma (ma si può? A 30 anni con un lavoro elemosinare una cioccolata???ma la mia domanda è questa: se voi foste mia mamma riuscireste a lasciare una foglia in queste condizioni? Io no...

Dom

05

Mag

2019

Festa della mamma

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

La prossima domenica c'è la festa della mamma. Ho un pessimo ricordo di questa festa: ero una bambina piccola (8/9 anni) e proprio quell'anno mi scordai di fare gli auguri a mia madre. Lei si arrabbiò tantissimo , mi diede un sonoro ceffone e mi obbligò a regalarle dei fiori. Andai di tutta fretta piena di sensi di colpa ed in lacrime a comperarle dei fiori .

Ogni anno ho sempre fatto gli auguri , ma ora che sono mamma a mia volta non ho mai voluto un regalo ne gli auguri da mia figlia.

 

Tags: mamma, regali

Mer

01

Mag

2019

Chirurgia estetica

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Ira

avevo una malformazione congenita al seno, detta seno tuberoso. Per tutta la vita mi sono nascosta e vergognata, non riuscivo a guardarmi allo specchio. Arrivata all etá di 27 anni, e con un contratto decente, ho deciso di fare l intervento di mastopessi. Ho cercato per anni un bravo chirurgo, poi ne ho trovato uno che a foto sembrava capace di risolvere il problema. Soluzione del problema per 7000€. Ma avrei fatto di tutto pur di sentirmi donna.

 cosi dopo le varie visite è arrivato il famoso giorno. 20/12/2018.

 la paura era tantissima, ma il pensiero di rinascere mi dava coraggio. In più il chirurgo decide d regalarmi un filler labbra.

 uscita dalla sala operatoria scopro che il chirurgo mi aveva inserito una protesi molto più grande del previsto, ma al momento non la prendo per niente male. Le labbra invece erano nettamente diverse. Mi dicono che é un livido e che succede. (Le protesi scelte erano 500cc, lui mi mette 575cc)

 i giorni successivi inziano i problemi. Dolori fortissimi, lividi, febbre ma soprattutto allergia ai cerotti. Pero il seno era come avevo sempre sognato!

 tolgo i cerotti e faccio la prima visita, mi dicono tutto bene. Mi mettono altri cerotti. Da dire che questa medicazione mi ha fatta saltare dal lettino. Le labbra sono sempre asimmetriche e i medici m dicono che si sistemeranno.

Dopo qualche giorno però inizio a vedere un buco sulla sutura (areola). E lo vedo ogni giorno aprirsi sempre di più.  Chiedo a mio padre (medico) di togliermi i cerotti e guardare meglio. Lo scenario è terrificante: tutti i punti di sutura hanno ceduto, i seni sono in forte sofferenza, c è ristagno di liquidi nella parte inferiore.

Decidiamo di andare dal chirurgo che ci dice che è una normale deiscenza, che mi ricucirà. I miei (medici) non si fidano. 

 La ferita diventa sempre più grande, allorché i miei m portano da un altro chirurgo. Questo m dice che devo assolutamente togliere le protesi, perchè i miei capezzoli stanno andando in necrosi. 

Cerco d mantenere la calma e accetto di operarmi dinuovo. Seguono medicazionj speciali, fatte a crudo. Sul seno ho due buchi di 10 cm di diametro l’uno, con sottocute esposto. Le medicazioni sono dolorissime e ho bisogno che mio padre mi tenga la mano per sopportare il dolore. 

dopo la seconda operazione il senp risulta completamente diverso da quello precedente. Le protesi sono più piccole e di forma diversa, ma cosa peggiore, i capezzoli sono di forme diverse, perchè il chirurgo ha dovuto “salvare il salvabile).

 tolgo i cerotti e osservo lo scempio. Seni di forma diversa, dimensione diversa, capezzoli ovalizzati, e tanti tanti tanti punti.

Mi faccio forza perchè tanto si potrà sistemare la cosa nel giro di un anno.

dopo pochi giorni il seno si riempie di smagliature . Dovute allo streching della pelle (le protesi sono di circa 200cc in meno)

In tutto cio il seno ha sviluppato una sensibilità tale che qualsiasi cosa mi da allergia. QUALSIASI TESSUTO. 

Insomma. Adesso ho un seno orribile, e che no  riesco ad accettare. I miei genitori mi hanno fatto colpa della scelta del chirurgo, quando loro non mi hanno aiutata a trovare qualcuno di competente, perchè non erano d’accordo con l’intervento.

io adesso  mi odio più di prima, non posso mettete magliette scollate perchè si vedono le smagliature rosse, e il seno non sembra bello sodo, ma un seno normale, che nemmeno si unisce facilmente al centro per avere una bella scollatura. Io ho ripreso ad odiarmi. E tutto questo a pochi mesi dal mio matrimonio. 

Non accetto d aver speso tanti soldi x questo risultato, di aver sofferto così tanto e non poter esibire nemmenocon un bichini il mio seno, dopo aver passato tutta la vita a nascondermi. 

 

Sono arrabbita con mia madre, che non solo non mi ha aiutata precedentemente, ma per tutto il mese (si, mi sono operata due volte in un mese), mi ha colpevolizzato di tutto. Dicendo che se non fossi stata capace d scegliere un bravo chirurgo non sarei stata capace di scegliere nient’altro (tenendo conto che sono una persona realizzata, laureata, con master e con un lavoro serio).

 mi odio e mi odio. Non riesco a gurdarmi, e non riesco a superare questa cosa. Se guardo le foto dei buchi che avevo mi sale il vomito. L altro chirurgo dice di non aver sbagliato nulla, ma i danni che ho, interni ed esterni, sono la priva dei suoi errori.

 

sto male con me stessa, vorrei potermi operare di nuovo, ma non me la sento d operarmi adesso, per motivi e lavoro e per il matrimonio. E non ho quei soldi.

 

vorrei trovare un modo per superarla. Per superare l odio che ho verso il mio corpo, contro cui già avevo lottato tutti questi anni.

Credo d aver bisogno di psicoterapia. Provi tanta rabbia, anche verso mia madre che mi ha tanto colpevolizzata. E mi sembra che sia tutto un incubo, dal quale vorrei svegliarmi.

 ho passato momenti di depressione profonda, tante lacrime. Adesso mi resta solo rabbia delusione e tristezza. Non riesco ad essere più la persona di prima.

 

non so come e fosa fare 

Lun

29

Apr

2019

Famiglia

Sfogo di Avatar di TyranTyran | Categoria: Ira

Da giorni mia madre mi urla contro, definendomi fallito, buono a nulla ed un gran peso. Si lamenta sul perché io mi senta triste ogni giorno e che non ho nessun motivo per esserlo. Mia madre ormai è un soggetto chiusa mentalmente. Ho 17 anni e mi ha costretto a fare una scuola superiore che non amo fare, ho pochi amici e quei pochi che ho non amo uscirci perché troppo banali per me il loro modo di comportarsi, siamo completamente differenti, come per esempio abbiamo pensieri diversi. A volte soffro la solitudine e ho paura di restarci. Io in realtà ho già trovato cosa mi tende felice, ma le condizioni familiari, sociali ed economiche me lo impediscono. Amo la musica, amo suonare la chitarra e voglio suonare per il resto della mia vita, darei tutto per suonare anche per quella singola ora che ho di tempo tutti i giorni. Ho desiderato andare in un conservatorio per il centro della mia città natale, continuo a sognare per un futuro migliore, ma tutto si ritorce contro di me, come se ogni giorno pezzi della mia carne vengono distrutti, fino a sentirsi completamente vuoti e perdenti, per non aver combattuto fino alla fine ed arrivare al giorno finale con il rimpianto di non averci provato. Mi manca determinazione e forza.

Lun

29

Apr

2019

E che cazzo!

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Ira

Sono tradizionalista per certe cose, che c'è di male? Non la posso pensare così perché non è moderno?

A me fa girare il cazzo che fare la casalinga non sia accettabile. Mi sposo e voglio stare a casa. Non a fare la mantenuta porco cane ma a pulire, lavare, cucinare per bene, fare bambini e crescerli. Non voglio che la mia casa e la mia famiglia siano qualcosa da fare nei ritagli di tempo fra il lavoro e sonno.
E il mio futuro marito sul tema non si sbilancia ma preferirebbe che lavorassi. La casa però deve essere pulita.
Ok lui aiuta un po' ma a me come fa le cose lui non piace! Non mi sento a mio agio coi panni accatastati a caso, o lasciati per terra per una settimana. Non mi sento a mio agio a lasciare cucinare lui, che fa sempre quelle 3 cose e basta. Non mi sento a mio agio con uno che non capisce che prima si spolvera, poi passa l'aspirapolvere e poi si dà il cencio. Con criterio, non a caso quando vede sporco per terra.
Mi mette ansia tutta questa confusione!
Mia mamma fa la casalinga e casa sua è così bella e impeccabile. Cucina tutti i giorni cose buone. 
Sono stanca. Voglio solo essere una donna ok? Una moglie e una mamma! Non un manager, non un executive, non un agent! Basta! 

Gio

04

Apr

2019

Ma antivax cosa

Sfogo di Avatar di ildiariodiunasfigataildiariodiunasfigata | Categoria: Altro

Ultimamente stavo pensando all'ultimo volta che ho fatto i vaccini.
Sono passati più di 10 anni, allora penso che i richiami non ne ho fatti. Sono andata da mia madre, e con fare saccente, lei mi dice che non mi ha più fatta vaccinare dopo quelli obbligatori a 6 anni, specialmente l'antitetniica. 
Io rimango basita, scioccata, mi stavo per sentire male ma davvero. Capisco che non è una situazione grave, e menomale.. però come ha potuto non farmi fare i richiami, io sono terrorizzata.

Lo so che è difficile che possa infettarmi, però il tetano si fa ogni 10 anni e dato che ultimamente sono ipocondriaca, mi sa che andrò da sola a rifarmi tutti i richiami..
Io sto impazzendo, non ero così prima ahaha

P.S vorrei dirvi che mia madre si è giustificata dicendo che 'al figlio della sua amica, dopo che si è fatto il vaccino contro il morbillo, è diventato sordo.'

Tags: mamma, antivax

Lun

25

Mar

2019

Un colpo al cuore

Sfogo di Avatar di ildiariodiunasfigataildiariodiunasfigata | Categoria: Altro

Scendere a casa per le feste di Natale era l'unica cosa che mi avrebbe fatto davvero tanto felice.
Tralasciando il viaggio in Bulgaria, tornare a casa è tutta un'altra cosa, per quanto possa odiare la mia città, casa è casa.
Gli amici sono sempre gli stessi, non cambiano mai da 20 anni, ed è questa la cosa bella. Mentre tutto scorre, e tu neanche ti accorgi di cambiare, sei certa che qualcosa non potrà mai cambiare, o quanto meno speri che non cambi. Io ne ero così convinta. Tutto mi stava andando una merda, l'unica cosa che mi rincuorare era la consapevolezza di tornare a casa, da mio padre che, per quanto si possa 'dopare', mi vuole lo stesso bene e da mia madre che, per quanto ci possa litigare, è sempre li che mi aspetta sul divano per vederci la tv.
Bella la quotidianità, qualcosa che, da quando sto a Milano, non me la vivo più.
Pensavo che fossi solo io il problema, che fossi solo io a farmi *****' trip mentali sul fatto che nulla andasse bene e invece mi sbagliavo. Avete mai avuto quella sensazione che qualcosa non stesse andando bene? Proprio quel sentore dentro di voi? Come i cani che tremano o abbaiano prima che ci sia una scossa di terremoto (o qualcosa del genere). Io me la sentivo. L'ho iniziata a sentire quando mio Zio, che non si è mia fatto sentire se non su whatsapp mandandomi i bacini, mi ha chiamato. Ero ancora sul treno con mia sorella, saremmo dovute arrivare tra un'ora. Allora inizio a pensare che, quando mio Zio chiama, mio padre sarà all'ospedale. Normale amministrazione a casa mia. Invece no, non è stato così. Per un attimo ho pensato fosse mia madre a stare all'ospedale, subito dopo ho riso, dandomi della scema. Come ho potuto pensare che fosse mia madre - mi dicevo- mia madre è troppo forte, è invincibile, non le potrebbe mai succedere nulla, cadesse il mondo!
E fu così. Il mondo mi cadde addosso mezz'ora dopo quando, mio padre con tutto il suo savorir-faire, disse che mia madre ha avuto un infarto ed un arresto cardiaco, come se fosse una cosa di poco conto. Neanche ci disse ciao, nulla di come fosse andato il viaggio, tiè beccateve ste parole e incassate il colpo. Il colpo l'ho incassato fin troppo, neanche un minuto scesa che mi sono ricordata il motivo per cui odiavo quella città, il motivo per cui non volevo mai ritornarci se non per i miei.. ma ora che l'idea dei miei è stata pure 'rovinata', che motivo avrei avuto a volerci stare? Odiavo tutti, odiavo e odio Dio (per quanto io non creda), non volevo stare con nessuno se non con mia madre.
La persona che credevo fosse invincibile, in realtù è una persona umana. Come umana, anche lei ha avuto paura ed io ce l'ho a morte con me stessa perchè non le sono stata accanto, dicendole che tutto sarebbe andato bene. Per fortuna così è stato ma io non c'ero. Ce l'ho a morte con me stessa perchè sarei potuta stare con lei, avrei caito subito che qualcosa non andasse e avrei chiamato subito l'ambulanza, anzichè fare come mio padre, che si accese la sigaretta e aspettò i medici arrivare, e quando sono arrivati, chiese loro se volevano il caffè. Mio padre purtroppo è così, non posso non volergli bene ma lo odio per questo. Credetemi, è andata bene, mia mamma sta benissimo ora, o almeno credo, così mi dice ed io voglio crederle. Io sono stata con lei fino a Marzo,  poi sono dovuta salire per gli esami però il pensiero che lei sia sola al momento (mio padre è come se non ci fosse visto la sua utilità) e che si possa sentire sola, triste e abbandonata mi distrugge. Io voglio starle accanto ma lei dice che devo farmi una vita, senza di lei. Ma io non ce la vedo la mia vita senza di lei. Impazzirei, sono seria. Ogni sera,penso che un giorno non ci sarà più, e scoppio a piangere perchè vorrei mi potessero togliere anni di vita e darli a lei piuttosto che vivere senza lei. Lei è tutto per me, non le ho dato mai la giusta importanza, fino ad ora. Io non so se e la farò a star in futuro senza di lei. Se devo soffrire per una vita intera, perchè vivere allora? 

Ven

22

Feb

2019

L'unica certezza che ho

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Premetto che parlo da una persona che non ha il rapporto che vorrebbe avere con sua madre. In tutti e 26 anni della mia vita ho realizzato una sola certezza: l'unica persona che ti vorrà sempre bene è tua mamma. Ovvio, ci saranno sicuramente delle eccezioni (purtroppo), ma sono abbastanza sicuro che nel 99,99% dei casi sia così. Che viviate con lei o viviate dall'altra parte del mondo, lei avrò sempre un posto per voi nel suo cuore. Infine, secondo me, per quanto una persona possa amarti, il suo amore non sarà mai immenso come quello di una mamma.

Tags: amore, mamma

Lun

21

Gen

2019

Realtà impossibili

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Invidia

Ma le stracazzo di pubblicità che appaiono sui social e fanno vedere mamme gnoccche tiratissime che lavorano al compuer da casa, sorridenti e col bambino che gioca pacifico per gli affari suoi lì vicino... chi diavolo le ha concepite? Uno che non ha figli, vero?

O sono io un caso particolare, che mia figlia non mi permette neanche di sedermi alla scrivania? Ma voi mamme ci avete provato a lavorare da casa?  

Dom

20

Gen

2019

Tremenda vergogna

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Lussuria

Salve, ieri mi sono vergognato a morte: ho sedici anni e vivo con i miei.

Ho un piccolo vizio innocente: quando mi faccio la doccia mi masturbo usando una delle mutandine che mia mamma butta a lavare, pensando però a delle mie amiche o una mia compagna di classe. Mi piace farlo per l'odore che hanno, mi fa impazzire.

Stamattina sono andato in bagno e mi sono messo a fare la doccia e chiaramente me ne sono tirata una. Peccato che mi sono dimenticato di chiudere a chiave la porta del bagno e all'improvviso è entrata mia mamma che mi ha visto con le sue mutandine avvolte attorno al mio uccello duro masturbarmi davanti allo specchio...

Ha fatto una faccia... ha tirato uno strillo ed è subito uscita, io sono corso a chiudere la porta a chiave ma oramai il danno era fatto...

Sono stato un bel po' per farmelo tornare duro e riuscire a venire, ero proprio agitato...

Per adesso non mi ha detto niente ma secondo voi come si comporterà???

Succ » 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17