Tag: relazione

Ven

04

Gen

2019

Uomo di 29 anni e mai avuto una relazione

Sfogo di Avatar di Carletto89Carletto89 | Categoria: Altro

Ciao, sono un uomo di 29 anni, lavoro, abito da solo, sono di discreto aspetto, ma non ho mai avuto una relazione. In vita mia sono stato a letto solo con 2 donne e pomiciato con 5. Certo un po' di sfortuna ce l'ho avuta, ho frequentato solo scuole dove non c'erano ragazze, 5 anni di superiori e zero ragazze in classe, e nella scuola in generale scareseggiavano. Quando ero alle superiori pensavo che una volta arrivato all'università avrei trovato più ragazze per avere più possibilità, e mi facevo un sacco di pippe mentali, invece, arrivato all'università un po meglio ma tutte fidanzate e il discorso non cambiava. Le uniche due volte che ho fatto sesso sono state, una con una ragazza che non mi piaceva proprio. E' stato a seguito di un incontro combinato, sapevo che le piacevo e la sera stessa nonostante non mi piaceva ne fisicamente ne mentalmente ho fatto sesso con lei e non l'ho mai più contattata (nemmeno lei a me tanto per essere chiari). La seconda volta è stata con una ragazza conosciuta in vacanza all'estero,  anche quella una botta e via, mai più sentita. 

Il problema è principalmente che non ci provo nemmeno, e quelle volte che ci provo con ragazze sconosciute non so mai che cosa dire per avere una conversazione decente, e  finisce che manco ci provo a chiedere il numero. 

Sono profondamente trise per questa situazione, sento che non avendo avuto le classiche storie da teenager ho perso un pezzo di vita che  non potrò mai più avere, le storie d'amore vissute da ragazzini, e viste con uno sguardo più ingenuo non si possono avere a 30 anni! Per non parlare poi del fatto che se mai dovessi iniziare a vedermi con qualche donna (cosa improbabile a questo punto) mi vergognerei anche a dire che non ho mai avuto una relazione con l'altro sesso.

Un'altra cosa  è che mi invaghisco  di ogni donna che mi  sorride o che scherza con me, e inizio a vedere una futura relazione con lei, anche se probabilmente lei è solo gentile con me. 

Per esempio da circa 4 mesi è arrivata una nuova collega. E' simpatica, bella, intelligente e ovviamente....fidanzata! Anche lei sembra avere simpatia per me (credo), però non so come comportarmi. Evito di essere diretto e provarci con lei, dandomi la scusa che è fidanzata. E' una scusa che mi ripeto, dicendomi che sono un bravo ragazzo e che non le faccio queste cose, però la verità dei fatti è che ho paura di provarci......

Già lei è un buon 8.5 e io un umile 6.5, e già questo è un buon punto a mio svantaggio, poi è anche fidanzata quindi è praticamente impossibile. Penso a lei in continuazione però! non riesco a toglierlmela dalla testa! Pensate, nemmeno siamo stati mai insieme, mai un bacio e già ci sto in fissa brutta con le! Pensate se ci andassi insieme e poi mi lascerebbe, potrei diventare uno di quegli psicopatici maledetti che si vede in tv, e questo mi spaventa tantissimo! Questo perché non ho acquisito quella maturità relazionale credo. 

Avete qualche consiglio?

Grazie 

Mer

19

Dic

2018

Cos'è successo ?

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Invidia

19/12/18, trentunesimo giorno solo.

Dopo quasi sei anni di relazione, sono stato lasciato con un mix di scuse abbastanza banali. 

Tornato da un un viaggio all'estero, mi sento dire: "mi sento lontana", "non so cosa provo più per te"

Da li inizia  il panico.Gli chiedo di vederci e mi dice ok, ma non c'è niente da preoccuparsi.

Quando? Venerdì ( eravamo a martedì), prima devo studiare per un esame. 

Giovedì, la trovo in palestra. ma perchè ? sei seria ? Alla fine non mi ero lamentato, perchè avevo solo un'obiettivo: Riprendermela.

Avevo utilizzato quei giorni per raccogliere tutte le idee, su cosa potesse andare male, cosa c'era da migliorare. Così dopo un attesa infinita arriva Venerdì, decido di portarla dove avevamo passato un sacco di tempo durante il nostro primo anno.

 

Inizio Il discorso: cos'è successo? non puoi dire che è la routine.Ci siamo messi insieme da giovani e ci siamo detti di non staccarci dai nostri amici, di andare in vacanza e di uscire anche con loro. Guarda che se ci molliamo credi che la tua routine cambi? Vai a ballare? Esci con gli amici? Vai in vacanza con gli amici? Anche adesso lo fai, senza alcun limite. ( non gli ho mai imposto niente, come lei a me). l'unica cosa diversa è che puoi andare con altri ragazzi... C'è qualcuno ? guarda, siamo sempre stati sinceri, dimmelo pure( ho insistito su questo fatto per tanto). La sua risposta: Non sono più sicura dei miei sentimenti, tu sei stato perfetto e non hai colpe( mi ha ucciso quando mi ha detto questo), ma adesso voglio stare con te e non VOGLIO assolutamente lasciarti, può essere anche che andiamo avanti 6 mesi e mi passa, anzi ... forse non avrei dovuto neanche dirtelo. Un mio caro amico ci parla, la mette in difficoltà e lei diventa tutta rossa e gli dice: non sono sicura, non ho neanche più attrazzione a livello sessuale.(considerando che non mi ritengo assolutamente un brutto ragazzo, soprattutto fisicamente posso dire la mia).Lui dice: che senso ha? A me sta questo punto non l'aveva raccontato, dicendomi che per lei era sottointeso. Che umiliazione.

 A questo punto non vediamoci più per un pò, così vediamo se cambia qualcosa. Passa una settimana, ogni giorno a sperare, ogni giorno a piangere dopo attacchi di panico. Lei con gli amici a divertirsi e feste( non sono di parte, è la verità).Naturalmente tutto documentato sui social, chissene frega se il ragazzo sta male, io devo divertirmi e devo arrivare a 1000 follwer, cavolo è importante. Mi scrive dopo una settimana: mi sei mancato come amico, non a livello amoroso. Ci vediamo e ci lasciamo( scrivo ci perchè non avuto neanche il coraggio di dirmelo, ci ha girato intorno). In giro va a dire che io ero cresciuto più in fretta ( cosa vera) e che lei si è sentita soffocare da argomenti tipo la convivenza.( dopo quasi 6 anni).l'avevamo trattato l'argomento, io gli ho detto: so benissimo che hai bisogno di tempo, trovare un lavoro e metterti qualcosa da parte, io non ho assolutamente fretta, ti aspetto ed è anche giusto. Alla fine probabilmente non teneva più a me già da tanto, ma non ha avuto il coraggio di dirmelo. Mi ha lasciato quando il lavoro stava andando male, e quando ho avuto problemi in famiglia. Con un pò più di onesta sarei riuscito ad affrontare meglio tutte ste cose. Invece depressione totale, mi alzo lavoro, vado in palestra,( dove sono cresciuto e spero di lavoraci come secondo lavoro),la vedo, vado al bar(per fortuna con gli amici) e non vedo l'ora di andare a dormire. l'unico momento bello della giornata. Adesso sono invidioso. Lei vive benissimo, doveva venire poco in palestra perchè doveva studiare... sempre in palestra... ha avuto qualcuno con cui stare vicino quando ha avuto problemi economici ( invece quando è toccato a me sono stato lasciato). Adesso i problemi economici sono finiti per lei, macchina nuova e ci si diverte sempre. Saranno tutte cose infatili, ma rimane il fatto che avevo 6 mesi probabilmente per riconquistarla, è sono stato lasciato dopo 10 giorni con la scusa: tu sei il ragazzo perfetto che tutte le ragazze desiderebbero.

Non so bene se sono pentito,se ho sbagliato qualcosa,  avrei voluto solo  lottare per riprendermela.

Dom

09

Dic

2018

Perchè non riesco a lasciarmi andare?

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Salve a tutti sono una ragazza di 16 anni ed è da un po' di tempo che ho bisogno di parlare con qualcuno che non siano i miei amici. Loro sono fantastici e mi ascoltano sempre, però a volte sento di aver bisogno del punto di vista di una persona esterna alla storia che non conosca ne me né il ragazzo in questione. In 16 anni io non ho mai avuto una relazione ma al contrario di molte mie coetanee lo considero una cosa normale. Non sono molto carina esteticamente e poi secondo me c'è ancora tempo per innamorarsi, mica a 17 anni devi già aver trovato marito. Però non nego che come ogni adolescente ho sempre sognato di avere un ragazzo e guardare le storie delle mie amiche (alcune addirittura di anni e anni) non mi aiuta tantissimo.. In tutta la mia vita ho baciato solo un ragazzo due anni fa, un mio compagno di classe che mi piaceva tantissimo. Ma il giorno dopo esso mi rivelò che in realtà era innamorato di un altra ragazza e che baciare me era stato un errore (stronzo). Ora per la prima volta dopo così tanto tempo un ragazzo si è interessato a me. È della classe con cui siamo andati in camposcuola in Germania che è proprio dove lho conosciuto. Complice qualche bicchiere di troppo ho avuto il coraggio di andare a parlare con lui e siamo diventati amici, o almeno conoscenti. Una volta tornati in Italia mi scrive su instagram e dopo qualche giorno mi chiede di uscire. L'uscita è andata bene ma qualcosa è scattato in me. Prima ero contenta che un ragazzo fosse interessato ma ero convinta che la cosa non sarebbe andata in porto. Non so.. Lui è un figo, poi è carino, dolce e sensibile... La mia poca stima in me stessa mi aveva convinto che lui dopo qualche tempo avrebbe capito che non ero abbastanza per lui e avrebbe smesso di provarci. Ma dopo quell uscita ho capito che lui faceva sul serio e mi sono terrorizzata. Così mi sono divisa in due. C'è la parte di me che desidera baciarlo, stringerlo.. E vorrebbe conoscerlo meglio, e la parte di me che desidera scappare a gambe levate. Il problema è che con la mia indecisione invece che scappare io sto facendo scappare a gambe levate lui.. Ho rifiutato la sua seconda proposta di uscire e ogni volta che lo incontro in corridoio a scuola, dopo aver spiaccicato 4 parole scappo spaventata. Non riesco a capire come posso volere così tanto una cosa e allo stesso tempo esserne così spaventata. Lui secondo me sta iniziando a pensare che non mi piace perché veramente quando sto intorno a lui mi comporto in modo strano e per niente piacevole. Come faccio a farmi passare questa paura? Io vorrei veramente che riprendesse l'interesse che aveva per me all inizio e rimediare a tutte le gaffe che ho fatto nell'ultimo periodo.. Come faccio a lasciarmi andare? Forse devo credere più in me stessa? Non so sicura.. Ma temo che questa mia paura sia anche influenzata dalla paura di essere rifiutata o di essere presa in giro da lui e i suoi amici.. Che poi è una paura stupida perché lui non è proprio il tipo ma io non riesco a togliermi. Dalla testa l'immagine di lui che pensa che sono una svitata e che non vuole più parlarmi.. Consigli? 

Ven

16

Nov

2018

Capolinea

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Lussuria

Non faccio più sesso con la mia ragazza da un mese e mezzo.Il motivo è che il sesso con lei,dopo due anni,è diventato noioso.Sempre la stessa posizione,niente preliminari di alcun tipo,niente novità.Ne ho parlato con lei ma finge di non capire.Che faccio?

Mar

13

Nov

2018

Sostegno economico all'uomo

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Vorrei essere in grado di fornire al mio ragazzo la possibilità di non lavorare continuativamente, ma temo moltissimo il giudizio della gente. Mi spiego: lui è molto più incline di me ad occuparsi della casa, ed è piuttosto dotato nei lavori di falegnameria, ma non ha la stoffa dell'imprenditore, e non riesce a trovare da dipendente. Siamo entrambi giovani, io guadagno abbastanza. L'unica cosa che temo, è che gli altri lo vedano come un fallito, e che lui si deprima per questo, perché per esempio i miei genitori non la vedrebbero certamente bene.

Come la vedete, voi? Mi consigliate? 

Sab

10

Nov

2018

Sono troppo seria?

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

buongiorno,

sono una ragazza giovane ma ultimamente mi sto chiedendo se sono io ad essere sincero troppo matura dal punto di vista sentimentale o se forse è la persona che ho accanto che non lo è affatto.

Partiamo dal principio. Amicizia con questa persona durata una vita che poi si trasforma in qualcosa di più, come tutte sappiamo gli uomini vanno a caccia, cercano in ogni modo di procacciarsi la preda ed una volta che c'è l'hanno in pugno, non rimane loro che fruirne nel modo in cui si vuole per poi passare alla prossima (mi dispiace per il pensiero così puramente pessimistico). Direi che questa metafora rappresenta esattamente quello che negli ultimi due mesetti di un totale di otto, frulla nella mia testa. A ciò ovviamente si è arrivato attraverso step. 

1) l'uomo si accorge che si sta allontanando dagli amici e si mette in guardia;

2) l'uomo si accorge che il fuoco non è più lo stesso;

3) inizia a presentarsi qualche segno di titubanza, il carattere sembra essere cambiato;

4) se, come nel mio caso si ha almeno (siamo sicuri sia una nota positiva?) a fianco un uomo sincero si assiste con dolore ad ogni fase fino a che non arrivano ad uscire cose su cose su cose.

 

Ecco con questo intendo che tutte le teorie sui diversi step iniziano a divenire fatti reali, testimoniati dallo stesso ragazzo che sentendosi impaurito dal dover essere "intrappolato" da quella che è ormai una storia seria, inizia a fare degli scivoloni. 

La mia domanda è: è paura da parte del mio lui che gli fa dire alcune cose? è il mio cervello che sta cercando di sabotare tutto perché vuole convincere me stessa accendendo un campanello d'allarme su questa persona?

per essere un po' meno generica vi voglio raccontare l'ultimo fatto che ha di nuovo rovinato un momento insieme.

Usciamo a pranzo, tutto bene, sino al momento in cui lui (non ricordo in che contesto) mi riferisce che quando vede una bella ragazza si potrebbe accendere da parte sua anche un desiderio sessuale, al che basta per il mio cervello è buio pesto ed inizia la discesa veloce verso la disperazione. Perché si chiuderanno alcuni/e di voi? Semplicemente perché quando invece vedo un bel ragazzo non mi passa nemmeno per la testa alcun tipo di desidero sessuale. 

 

La domanda definitiva è cosa ne pensate? forse io sono pronta a qualcosa di serio ma l'altra persona no? Forse non fa proprio per me come persona? O forse sarà impossibile trovare una persona di sesso maschile etero in questo caso, che non abbia sempre tanti ormoni in circolo?

 

si comunque direi che sono possessiva.

Grazie a chiunque per l'ascolto, sto davvero male ed è difficile riuscire a trovare una risposta 

Lun

05

Nov

2018

Inconsistente

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Perdonate il titolo ma non sapevo cosa scrivere al riguardo.

Vivo una relazione con il mio compagno da 8 anni. Stiamo bene, diciamo, un po' di scoglionamenti ogni tanto però bene. Siamo sui 33 e io mi sento ancora vitale, donna e desiderosa di attenzioni...anche sessuali.

Da 1 annetto lui, coetaneo si è come raffreddato in quel senso. Per me complici i porno di facile reperibilità che alcune volte gli ho trovato sul portatile (anche io li visito saltuariamente... soprattutto per sopperire a mancanze) o per il non volersi applicare, non facciamo più tanto l'amore. Mi sono squallidamente messa a segnare "GLI EVENTI" sulla mia agenda e sfioriamo le 2 al mese. Il fatto è che uno dicesse: beh dai, in una vita frenetica come quella di oggi, se quelle due volte sono di qualità.... NO.

Questa estate almeno, lo erano. Ora è una cosa infattibile. Proprio questo weekend, a seguito di mie avances si è praticamente concesso... ed è stato un flop totale. Già partito scarico... il tutto è andato avanti ancora più scarico. Ha concluso, però io non ho sentito NULLA. NULLA.

 

Parlo alle donne: vi è mai capitata una situazione simile? Quando lui insiste, è dentro ma voi comunque non sentite nulla? A me quasi irrita di più che uno che mi dica, guarda... lasciamo stare proveremo un altra volta. Io cerco sempre in quelle occasioni di riattizzare il momento. Dire cose sconce, gemere di più, darmi da fare di più ma niente. Era tipo un palloncino sgonfio. Alla fine ha finito ma per me era stato come non fosse successo.

Quando succede lui sicuramente se ne acorge, lo sa, di non avere fatto una prestazione normale-decente, anche perchè vede la mia faccia che non è arrabbiata ma abbastanza impassibile. Quindi rimane un po' triste per qualche minuto poi a seguito di mie rassicurazioni e coccole gli passa e...via come nulla fosse. Io però rimango arrabbiata. Certo, poi lui si impegna in altri modi per portarmi all'orgasmo ma mi interesano ben poco. A me piacerebbero amplessi completi, senza bisogno di stimolazioni secondarie perché tu non ce la fai o sei scarico.

Non credo proprio lui abbia l'amante, è già molto riesca a soddisfare me figuriamoci un amante: troppo impegno, troppa poca energia.

Penso sia semplicemente svogliato. Certo, c'è da dire che quando siamo a casa io e lui non siamo proprio il prototipo delle persone SEXY. Io tendenzialmente freddolosa sono spesso in tuta, con i capelli raccolti, gli occhiali.... lui uguale: sempre in tuta, ciabatte arruffato. Quindi immagino sia per me che per lui che la libido non sia proprio ai massimi. Ma che devo fare, stare sempre o spesso in Lingerie sexy? Ma daaaai....

 

Comunque questo weekend la situazione mi ha fatto rimanere abbastanza amareggiata. Già lo facciamo di rado in più se è anche come non farlo...

Come potrei intavolare il discorso con lui senzxa che lui si arrabbi?E' molto suscettibile e ho paura prenda tutto troppo in negativo. L'altro giorno ho pensato nella mia testa di vedere come va ed ad una prossima dirgli: senti, devo dirti che la nostra vita sessuale non mi appaga più. Cosa facciamo per migliorare? Però sarei decisamente diretta. 

Mar

16

Ott

2018

Relazione

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Io e il mio ragazzo stiamo insieme da quasi tre mesi, siamo praticamente uguali, stessi gusti e stessi sogni. L'unico intoppo? La distanza. Per un po' siamo riusciti a vederci molto spesso nonostante tutto, ora per un motivo o per un altro no e la cosa inizia a pesare. Lui é distaccato, torna da lavoro e si attacca alla PlayStation ignorandomi per giornate intere. In questi giorni mi sono "ribellata" perché questa situazione mi stava facendo stare molto male, tanto da non farmi dormire la notte e lui non l'ha presa bene e ha iniziato a trattarmi male e a dirmi cose che mi hanno ferita. Anche se è da poco che stiamo insieme io ci vedo il mio futuro con lui e proprio per questo non voglio che finisca. Consigli?

Gio

27

Set

2018

Insicurezza

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Ira

Sto frequentando questo ragazzo da poco, lui e originario di Napoli io di treviso , ci troviamo molto bene insieme è abbiamo molte cose in comune , nel frequentarci ci troviamo molto spesso durante la settimana ,tra cene , serate a film mi sto innmorando...ma mi mette a disagio il fatto che parla molto spesso della sua ex (ormai lasciata da un anno e mezzo perchè lei non lo amava più).

scrive stati e strofe di canzoni tristi con cuori spezzati su instagram e wattsapp , dove logicamente sa che io li vedo

 

Sinceramente non so come comportarmi...non vorrei fossi semplicemente un angolo di sfogo o una specie di strumento di mancanza perchè si sente solo....

 

mi sento molto triste...e amareggiata  

 

posso capire he quando hai amato non puoi dimenticare....ma a volte bisogna andare avanti e trovare chi veramente ti potrebbe rendere la vita migliore...spero che mi apra il suo cuore altrimento sto perdendo solo tempo.....e amore

 

Mar

25

Set

2018

Le mie Paure

Sfogo di Avatar di Andyyyyy94Andyyyyy94 | Categoria: Altro

Ciao a tutti mi chiamo Andrea e sono una femmina per chi non lo sapesse , fin da piccola o sempre sofferto di attacchi di ansia e ho sofferto molto di solitudine , adesso ho 24 anni e sono una persona nuova con delle prospetive in più nella vita , cioè aiutare gli altri a combattere questa solitudine soprattutto nei bambini .....

Non vi parlo del mio passato e delle mie precedenti relazione , ma tre mesi fa ho frequentato qualcuno che mi ha fatto stare malissimo e mi ha trattata come un cane , adesso sto conoscendo un ragazzo di cui sono " persa" credo sia normale nelle donne , mi fa stare bene e nelle varie argomentazioni mi sembra un apersona intelligente con una marcia in più....ci stiamo frequentandio e va tutto bene  ma le paure del passato stanno venendo fuori , vorrei essere più sicura di mme stessa perchè vorrei davvero iniziare una storia con questa persona , io sono di Padova lui e di Treviso ma riusciamo ha trovarci spesso , a origini Napoletane ma io il Sud lo amo , penso di essere una veneta mancata , qui siamo molto freddi e frequentare qualcuno di pazzo come me e la cosa più bella , non mi sono mai sentita cosi bene con qualcuno.....

 Questa e la mia paura , cerco di viverla serenamenre , ma ho paura di una cazzata , vi faccio un esempio stupido , mi dice per messaggio (come ieri che ci siamo stritti mattina e pausa pranzo ) che alla sera appena finito di farsi la doccia e cenato che mi avrebbe scritto invece non lo ha fatto ma era online su instagram , poi basta , la mattina mi ha semnplicemente mandato il buongiorno dicendomi che si era addormentato.....una cosa cosi stupida adavvero infine forse voleva starsene solo per conto suo , ci stiamo solo frequentando ma a 18 anni o subito delle cose che non me la sento di sfogarmi qui che mi hanno resa ansiosa alle nuove relazione. In più una sera per farmi sentire rispettata mi ha mostrato il telefono spiegandomi nelle chat le varie persone che c'erano e chi erano .....credo che nessuno farebbe mai una cosa simili...

 per le ragazze  che come me si sentono cosi vi chiedo un consiglio per stare più serena in questa nuova conoscenza...quando ti innamori h ai paura di essere deluso nuovamente....

Tags: relazione
Succ » 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13