Tag: merda

Lun

26

Ago

2019

avete rotto il cazzo.

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Ira

tutti a dirmi "eh, no, non puoi stare con una tredicenne. tu hai sedici anni, sei troppo grande e quella è una bimbetta."

ehm... scusate? sono solo tre cazzo di anni di differenza.

tre, e ci sono coppie che conosco che hanno più di vent'anni di differenza. ma siete seri? che problemi avete?

l'amore non ha una fottuta età.

e capisco che possiate dire "sì, ma a 13 anni si fanno tante cazzate e non si è maturi abbastanza." ebbene, lei mi sembra matura. le sue cazzate le fa, non dico di no, ma so che è molto intelligente e sveglia.

non è una tredicenne qualsiasi come ne state parlando tutti (che poi manco la conoscete, siete idioti o cosa?). non per me.

quindi... o iniziate a incoraggiarmi, a darmi speranza nelle scelte che io decido di fare (perchè appunto ne ho il diritto, cazzo, è la mia vita, e voi non siete nessuno per giudicare) oppure potete andare ad affogarvi in mare aperto.

fate voi. e vaffanculo. 

Gio

15

Ago

2019

Ho fatto la cacca

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Ira

E l' ho fatta sull'uscio di casa della mia ex,quella porca che mi ha gridato col sosia di Balotelli. Puttana! Brucia!

Tags: merda

Mar

13

Ago

2019

Grazie eh

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Ira

Capo di merda. 

Ho il giorno libero. Sono tranquilla tranquilla a far colazione fuori e mi rilasso un po' visto lo stress delle ultime settimane. 

Il capo pensa bene di mandarmi un messaggio con domande riguardo ad un errore che lei vede come mio, ma è lampantemente suo.

Grazie eh. Grazie di avermi rovinato la prima giornata libera da mesi. E domani arriverà la lavata di capo di persona. 

Capoccia di merda. Se hai 26 anni e non hai esperienza non è colpa mia e di certo non sono io a essere responsabile per i tuoi errori. 

Cogliona.  

Tags: lavoro, merda

Ven

26

Lug

2019

Fottiti, vita

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Ira

Non bastava l'essere scambiata per una ritardata mentale da chiunque ed essere trattata da tale durante tutta la mia infanzia. Non bastava il bullismo, non da parte della classe, ma di tutta la scuola, durante medie e superiori. Non bastava l'urofobia sviluppata grazie ai bulli, dopo un'infanzia passata a guardare gli altri giocare da casa per via di continui problemi di salute e la preadolescenza con addosso occhiali, apparecchio e busto. Non bastava l'avermi fatto prendere un innamoramento sostanzialmente insopprimibile, forse il solo ad essere vero, per l'unica vera "migliore amica" che abbia mai avuto. Non bastavano i problemi economici, né il clima malato in cui sono cresciuta. Non bastava l'essere l'unico membro della mia famiglia con una naturale tendenza a ingrassare. 

No... Ci mancava pure i disturbi del controllo della vescica. Ricapitoliamo. Sono urofobica e da un po' di tempo ho qualche problema di incontinenza e ritenzione urinaria. Sembra un ossimoro, eppure... In tutto ciò non sono ancora arrivata a conoscere le cause. Miriadi di visite totalmente inutili. Le amicizie non riescono a capire la situazione, a capire che a queste condizioni spesso per me è una cazzo di tortura anche solo uscire da casa. Il che è un po' diverso dal "non avere voglia di uscire". Porca troia, io fremo dal desiderio di uscire da questa merda di stanza. 

Sempre più spesso mi ritrovo a chiedermi perché cazzo io non sia ancora morta.

Tags: vita, merda

Mer

26

Giu

2019

Solo per pochi

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Quando una cosa diventa di tutti si trasforma inevitabilmente in merda.

 

Tags: tutti, di, merda

Mar

25

Giu

2019

Faccio schifo

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Ira

Sento parlare la gente e sono tutti bravi, lavorano e prendono ottimi stipendi, hanno fatto un sacco di esperienze tutte positive, vacanze e auto nuova per non parlare di tutto il resto. Io dopo un po' non so più cosa dire perché sono un operaio di merda con uno stipendio di merda adesso pure in  cassaintegrazione. Anni fa non mi toccavano queste cose ma adesso sto male, mi dispiace così tanto per la mia famiglia costretta a vivere in un piccolo e brutto appartamento, dove sono io che nel weekend cerco di sistemarlo con delle migliorie alla fine relative perché non posso essere pratico di ogni cosa.
Che schifo che faccio davvero, spero di morire presto.

Mer

05

Giu

2019

Famiglia

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Ira

capitano dei momenti della vita dove si avrebbe bisogno(BISOGNO) del sostegno della famiglia. Ho vissuto e in qualche modo superato un divorzio non voluto, dove ci sono stati tradimento, violenza e cattiveria, dove mi sono chiesta con chi avevo passato metà della mia vita. Sono ritornata dalla mia famiglia di origine, più per avere un supporto e soprattutto per aiutare io, in previsione degli anni a venire. Ebbene? L’omuncolo che dovrebbe essere mio padre, un gran prepotente pieno di buoni propositi, di quelli che non perdono una messa, sempre pronti a farsi vedere “buoni”...mi dice che ho talmente tanti difetti da essermi fatta buttare fuori di casa da mio marito, di essermi fatta cacciare dalla sua famiglia, che non valgo niente, che valgo una merda. Dopo che non mi ha aiutato in niente di niente, dopo che ho superato tutto da sola, dopo che fisicamente pure ho fatto tutto io, compreso il cambio di casa. Dopo che uno si sente male, dopo che quotidianamente penso che la mia vita è finita, che l’unica persona di cui avevo fiducia incondizionata mi si è rivoltata contro come un cane rabbioso, mi sento dire che sono una merdaccia e che mi ha cacciato via da quello che dovrebbe essere mio padre, un padre per una figlia che non ha mai dato problemi, che dovrebbe essere un vanto e un orgoglio per lui. Bene! Anziché dirmi “figlia mia non preoccuparti, ti aiuteremo a ricostruirti la tua vita, abbi fiducia che c’è la farai come hai sempre fatto, pensa a goderti i tuoi anni che hai tutto da vivere...” mi sento dire prima che devo rassegnarmi a rimanere da sola, che sono una misera divorziata, uno scarto, un “usato”, che vivrò come le vecchie zitelle di una volta, che non posso più pensare di avere una bella casa, una bella vita, che devo ritornare coi piedi per terra. Esco e sembra che vada a battere sulla tangenziale, non devo uscire che poi la gente cosa pensa. Io che non sono stata capace di far niente nella mia vita.

Io che a questo cretino non chiedo niente, che mi rinfaccia quello che ha speso da quando sono nata, che mi ha sempre ostacolato in tutto, mai una volta incoraggiato, che quando studiavo aveva la certezza che non avrei mai finito, che mi ha impedito qualsiasi cosa fin quando ha potuto. Mentre chi conosco che ha una vita degna, ha sempre avuto dei genitori che l’hanno aiutato.

 

Mi vergogno a dire queste cose, perché nessuno dovrebbe sperimentarle. Non vado dallo psicologo perché potrei solo lamentarmi di quello che mi è capitato in sorte. Ho una rabbia che lo so solo io. Mia mamma è diventata una larva e malata a stare con un elemento simile, e ormai abbiamo superato il punto di non ritorno, è diventata matta.

 

E io che sono qui, e compiango me stessa e mi rimprovero della situazione in cui mi sono cacciata, rimpiango amaramente di non aver lasciato centinaia di km tra me e loro, ma indietro non posso tornare. Mi avvelena l’esistenza, oggi più di ieri.

 

Non so che fare, a parte dire che se potessi scapperei subito, per non tornare più.

 

Aveva una figlia. Da oggi non ce l’ha più. Tutti quegli articoli del caz*o che spiegano come chi vive una separazione si senta fragile e svilito e non abbia più la terra sotto i piedi perché crollano tutte le certezze e i progetti e non si abbiano più obiettivi...e quanto sia importante trovare sostegno e sicurezza negli affetti veti...e io mi ritrovo con questo subumano che ogni giorno mi vomita addosso critiche su critiche, per arrivare a dirmi che in sostanza me lo sono meritato.

Ma vaffanculo va’! 

Mar

28

Mag

2019

Disavventure a 40 anni

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Ragazzi trovarne uno normale no eh?

Anche per una ipotetica sana trombata prima bisogna fare la seduta di psicoterapia.

Io non ce l’ho con gli uomini in generale, ma ho incontrato lagnosi, insicuri, invidiosi, vendicativi, quelli che dopo avermi gentilmente respinto si rifanno vivi dopo 20 anni, un matrimonio finito e i figli da crescere da soli; quelli che mi raccontano storie drammatiche che non sanno cosa mangiare, quelli martirizzati dalle mogli streghe, quelli ammalati abbandonati dagli amici, quelli coi genitori anziani da accudire, quelli che non possono lasciare la compagna invalida.

E io ascolto, ascolto.

Peccato che in tutto questo mio ascoltare nessuno (e dico nessuno) si preoccupi di chiedermi come sto, cosa desidero, chi vorrei al mio fianco. Nessuno si preoccupa di farmi stare bene, salvo poi diventare cattivi come il veleno se io li mando a zappare, stanca delle loro lagne. Mi dicono che sono una stronza. 

Mar

02

Apr

2019

Compagno avaro e cattivo

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Sono dai miei genitori da 20 giorni , perché convivo con il mio compagno in un altro paese , domenica lui mi aveva promesso di venire a prendermi per tornare al suo paese a festeggiare il suo compleanno.e invece stamattina mi chiama dicendo che domenica non veniva più perché non aveva soldi per fare spese e venirmi a prendere cosi gli ho proposto di mandare dei soldi a questa lui se infuriato e ha cominciato ad insultare , dopodiché ha cambiato versione dicendo che non veniva più  .io mi sono sempre pagata tutto sapendo che lui è avaro ,ma non pensavo che arrivasse ad abbandonarmi su 2 piedi con una scusa cosi subdola dopo 6 anni mi ha mollato con un messaggio.

Tags: merda

Lun

01

Apr

2019

La scuola uccide

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Ira

Non ne posso più della scuola. Mi sta letteralmente prendendo la vita. Premetto che io amo studiare e che sono l'ultima persona sulla faccia del pianeta che pensa che lo studio sia inutile, ma ciò non toglie che io odi profondamente la scuola. La odio perché devo perdere gli anni migliori della mia vita a studiare cose di cui non me ne frega niente, e delle cose di cui mi frega devo studiare solo quello che dicono i professori e come vogliono loro, ovviamente con risultati pessimi. La odio perché non ti insegna a coltivare rapporti solidi, non ti insegna a porti con gli altri e ti fa chiudere anziché aprire. La odio perché ti fa credere che le uniche materie che contano siano quelle che insegnano loro, tutte le altre che a scuola non si insegnano non sono degne, e se ti interessano una o più di queste materie ti dicono che stai perdendo il tuo tempo, perché non sono cose che sono oggetto dei loro esami di merda. La odio perché ti fa sentire incapace, ti fa sentire inadeguato, ti insegna che gli errori sono da evitare, che se sbagli hai fallito, anziché insegnarti a sfruttare i tuoi errori per imparare. La odio perché crea un clima di competizione tra gli studenti, anziché di collaborazione. La odio perché ti fa detestare lo studio, perché ti dice che il mondo è scritto sui libri e che bisogna studiarlo solo sui libri, perché il mondo è un posto pericoloso, il che tu porta a non godere delle belle esperienze che potresti avere guardando una pianta crescere dal vivo, piuttosto che studiare su un libro di merda. La odio perché non permette ai ragazzi di essere sé stessi, perché ognuno si deve conformare a questo sistema di merda, perché sennò non trovi lavoro; se non ti adatti ti dicono che non troverai lavoro, che sei un perdente, che sei ignorante, quando la realtà è che avere la laurea non dà una garanzia di lavoro. La odio perché ti fa morire di stress, di ansia, ti sottomette, ti annulla e ti deprime, gli insegnanti di merda fanno un lavoro del cazzo e si lamentano perché a noi non piace. Ma andate a fare in culo brutti stronzi, che il destino sia crudele con le vostre facce da culo, perché credete di essere superiori, ma la verità è che avete la dignità 20 metri sotto terra, voi che volete imporre questo sistema del cazzo. 

Succ » 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13