Tag: tradimento

Ven

01

Dic

2017

Hai pugnalato il cuore sbagliato

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Ira

Siamo stati prima amanti, poi ci siamo messi insieme. Sia io che te non avevamo mai avuto una tale intesa sia sessuale che affettiva. La tua amica mi veniva a dire che le raccontavi di non aver mai goduto come con me. Finché vivevi a casa tua andava tutto bene, poi la disgrazia. Prima ti é crollata la casa in ristrutturazione, poi tuo padre che torna a vivere a casa sua, dove vivevi te, allora sei venuta a stare da me. Poi gli hanno diagnosticato l'alzaimer, e hai cominciato a bere decisamente troppo. Ti ho vista andare cosi giù che decisi di rimanere qui con te per Natale, visto che non ne avevi mai avuto uno in vita tua, ma hai continuato ad andare giù. Nessuno si preoccupava di te. Solo io. A combattere contro i tuoi amici di merda che invece di spronarti seppellivano tutto con un'altro drink ed evasioni, e tu rimanendo a dormire da loro. A un certo punto ho detto basta, e ti ho buttata fuori, visto che a loro faceva cosi piacere tenerti. E ovviamente ti é andata mal anche con loro (mi vedevano come imbecille, poi si resero conto cosa voleva dire ciucciarsela. Pezzi di merda). A quel punto avresti dovuto capire, realizzare perché ti ho buttata fuori. Per farti capire cosa stavi perdendo. Un bagno di umiltà avrebbe dovuto renderti più intelligente, e invece no: hai preferito rimanere imbecille. Mi hai trascinato giù con i tuoi problemi, mi hai distrutto la vita e ora sono in un'altro paese, da solo, dove ho perso te, la casa, il lavoro, e un conto corrente prosciugato mentre tu adesso ti scopi quello che ti sta finendo il pavimento della tua nuova casa, che tra le cose é il proprietario alcolizzto del pub dove ti ubriachi. L'amore. E adesso, mentre mi guardo un video divertente, all'improvviso e senza un motivo mi immagino te che ti fai chiavare da lui, col tuo respiro ansimante, di puro sesso, o che mentre glie lo succhi lo guardi negli occhi come facevi con me. Nel più totale menefreghismo di quello che ti ho dato: la mia vita.  Pensare che lo fai con lui dopo che per un anno e mezzo che mi sono preso cura di te, quello che ho dato e sacrificato, aiutandoti la mattina a svegliarti perché i sogni erano troppo intensi e non sentivi la sveglia, per non rischiare di perdere il lavoro, e con quanto infinito amore nei tuoi confronti (e tu che non hai fatto il minimo sforzo, rovinando di fatto tutto quello di bello, incredibile e unico che c'era tra noi. Tutti si emozionavano a vederci)... per quanto non meriti tutta questa importanza questo pensiero mi dilania dentro. Ne potrei scrivere cosi tante... ma non ce la faccio più. Vorrei dimenticarti e basta ed andare avanti, ma poi qualcosa mi ferma. Che cos'é? Non lo so. Lascio che questo sentimento cresca dentro di me e poi...

Ecco cosé! La mia dignità! Devo restituirti una parte del dolore che mi hai dato. é troppo per me. Pan per focaccia...o non potro mai più aver rispetto per me stesso.

Non meriti assolutamente niente e presto scoprirai cosa comporta fare del male a chi ti ama. Dovrai provare la stessa cosa che provo io. Ci vorrà del tempo, ma posso aspettare. Ma una volta che tirero le fila... non ci sarà più nessuno ad aiutarti a rialzarti. E a quel punto ti potro veramente mandare AFFANCULO. 

Mar

28

Nov

2017

sfogo personale..

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Invidia

ora vi racconterò una storia,non che sia una delle migliori,ma in qualche modo cercherò di trasmettervi le stesse emozioni ce ho avuto io in quell' istante. 08.06.2017. quel messaggio inaspettato,quella chiamata giorni prima, furono l inizio di un qualcosa di importante che lasciò un segno profondo nella mia vita. ma partiamo dal principio, da quel ciao inaspettato in una torrida giornata di giugno. non ci conoscevamo, non ci eravamo mai visti,ma già c'era una strana connessione tra noi. 12 giugno, arrivò il giorno del primo incontro, in quel bar, pieno di ricordi, un saluto,un caffè e tanta vergogna,fu cosi che passarono i giorni, ci vedevamo di più , passavamo ore e ore insieme, avevamo un divano,il nostro, dove passavamo la maggior part del tempo. stesi, uno vicino all' altro, a condividere uno spazio troppo stretto per starci entrambi, ma non importava a nessuno. passarono i giorni e sempre su quel divano arrivarono i primi baci dati di nascosto nel buio di quella stanza, i primi abbracci, e le prime volte a dormire insieme,a un centimetro dal cuor, con la testa sul suo petto, nel buio della notte si sentivano solo i nostri battiti del cuore mischiarsi tra loro. passavano le settimane, ogni risveglio era sempre il migliore, le volte felici, le volte con il collo da coprire per i troppi succhiotti, e le mattine in cui non avevamo dormito tutta la notte, l alba vista almeno 100 volte... ma poi, arriva la distanza,e si inizia a far sentire.. 50 km che ci dividevano, non erano tantissimi, ma per due ragazzi di 17 anni,sono un numero abbastanza difficile..iniziava difficile vedersi, e la mancanza era troppa,insopportabile per due  persone innamorate.cosi iniziarono le mancanze, la voglia di aversi e non poter sfiorarsi.. passarono le settimane, video chiamate,chiamate e messaggi ci aiutavano a sentirci più vicini...arriva quel 15.luglio, quasi un mese che non ci vedevamo,aspettavamo quel giorno da molto,concerto del nostro cantante preferito, io da una parte dello stadio e lui da tutt' altra, lontani ma vicini, una folla di gente che ci divideva, fin quando a metà concerto inizia quella canzone che c eravamo promessi di sentire insieme, la nostra canzone.  quella che parlava di noi, il regalo più grande. In quell istante la gente avanti ai miei occhi spariva, non le vedevo più , vedevo solo lui, troppo lontano da me, superai tutto, tutta la gente, tolsi tutti i pensieri dalla mente, volevo solo a lui, lo volevo mio, lo stavo andando a prendere, in quel momento e per sempre. poco dopo ero dietro di lui , ad abbracciarlo forte e lui con un sorriso mi strinse ancora di più, era un amore puro.  Ma dopo quell incontro le cose non andarono molto bene, tornò a farsi sentire la distanza e in qualche modo, lui iniziava ad essere un po più distaccato, come se in quell istante,chi provava ancora amore ero solo io. Io non gli espressi il mio amore a parole,ma se gli sguardi hanno un linguaggio,il più grande idiota avrebbe capito che avevo perso la testa per lui. Ma lui non l aveva mai capito veramente, mi pensava una stronza, una che lo prendeva in giro, che con l amore ci giocava, ma non ha capito che ero io la prima ad averci perso la testa in quella storia. Passarono giorni e arrivò un suo messaggio . "Tutto troppo bello, ho bisogno di una pausa."... Le lacrime iniziarono a scendere,le mani a tremare, il mio corpo a cedere e io..io mi sentivo distrutta. Lui che fino a poco prima era mio, ora lo vedevo allontanarsi prima di poco e poi sempre di più , fino a non appartenermi più. Decisi che da quel momento in poi avrei smesso. Tutto quanto. Avrei smesso di parlare con qualcuno, di affezionarmi al punto di credere di non poterci vivere, senza innamorarmi, di tenere tanto a qualcuno da far di tutto per lui. Avrei smesso di farmi troppi problemi, cercare  una via  di mezzo per non far star male nessuno, avrei smesso tutto quanto,persino di abituarmi a certi abbracci o certi sguardi. Decisi di rinchiudermi in me stessa. E chissene frega se poteva essere sbagliato avrei potuto spendere le sere a distruggermi d' alcool e fumo e non mi importava, perché era sempre meglio che farsi distruggere da qualcun' altro. decisi che niente  poteva toccarmi ,sfiorarmi.Nessun complimento, nessun giudizio. Volevo spegnere le emozioni e,semplicemente, vivere. Vivere anche senza vivere davvero. Mi andava bene cosi. ma stare male per qualcuno,no. Non mi andava più....  Ed ora, son passati esattamente  5 mesi da quando ci siamo lasciati, e non l ho dimenticato. nonostante sia passato un sacco di tempo,sono cambiata, sono sicura che anche lui è cambiato. Ma una cosa e rimasta la stessa: l' effetto che mi fanno i suoi occhi. quello non cambia mai.  Anche se fingiamo che non sia mai successo niente, ci guardiamo di sfuggita quando capita di incontrarci, come fanno due estranei, come se non avessimo mai condiviso nulla. Ma quando ci guardiamo cambia tutto, mi crolla il mondo, anche se magari in quel momento ho in testa un altra persona . I suoi occhi, in ogni caso, mi abbattono sempre,completamente. E mi ci vuole qualche minuto per tornare allo stato iniziale. Solo un ricordo. il migliore, il più bello, quello che ancora continua a fare male. No, non l ho dimenticato e qualche sera ripenso a lui. e mi rinnamoro ogni volta e ogni volta mi tortura un pò. E non l ho dimeticato , sul serio. non potrei mai..

dopo tutto quello che ho fatto per lui ho scoperto che mi faceva le corna... ma mi sento sempre io sbagliata... voi cosa ne pensate?

Mar

14

Nov

2017

Epilogo degli altri sfoghi

Sfogo di Avatar di OndamarinaOndamarina | Categoria: Superbia

avete presente il ragazzo con cui ho tradito il mio attuale ex ragazzo? Bene,ad aprile ho lasciato il mio ragazzo dopo avergli confessato tutto perché stavo davvero morendo dentro e dopo quella sofferta decisione ho iniziato a pensare a me stessa per cercare di capire se ero davvero innamorata dell altro oppure era stata solo una scappatella frutto di un ormone impazzito. Risultato? È stata solo una cosa prettamente fisica e da allora ho chiuso i rapporti anche con lui e sono felicemente single 

Lun

13

Nov

2017

un amante che ci crede ancora...

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Ho 32 anni...sono bella, solare. Ma la vita per me è stata sempre dura. Quest'estate dopo diversi mesi da disoccupata mi innamoro di un collega di 12 anni più grande e sposato. Ero in crisi con il mio convivente e lui con la moglie da tanto tempo. Nasce un'amicizia, ci sfoghiamo, ci avviciniamo e ci innamoriamo. Lui ha avuto una sola fidanzata prima della moglie e gli mancano molte esperienze che ha con me. Entrambi non facevamo l'amore da un anno eravamp cosi innamorati..imbarazzati la prima volta. Lascio il mio convivente volevo farlo già prima. Poi perdo il lavoro a causa di questa relazione e delle voci in giro. E ora devo ricominciare daccapo l'ho fatto tante volte e ho una paura fottuta perché sono fprte si ma negli ultimi tempi ho perso tutto...lui mi ha lasciata un paio di volte per cercare di ecuperare con lei che ha scoperto dei messaggi e sua figlia ha detto che non vuole che si separino e lui dice che ha avuto paura di perdere tutto e forse è troppo codardo per andarsene mai. Vorrei aver evitato tutto questo sto soffrendo molto perche ci credo ancora che possa scegliere me in fondo è qualche mese che va avanti e credo al suo amore. So che molti se ne approfittano ma non è questo il caso so che mi ama ma so anche che quasi mai l'uomo lascia la moglie. Vi chiedo questo...perché ci sposiamo?sono seria...dalla vita ho avuto tante delusioni ho sempre pensato che non mi sposerò mai perché non voglio fare del male a nessuno sapendo che un giorno lui o io potremmo restare assieme perché conviene cosi. L'ex convivente mi avrebbe sposata ma mon ci amavamo più e lui non ammetteva...magari non avrò nemmeno figli per ora manco il lavoro fisso. E in mezzo a tutto questo lui...mi faccio coraggio e vi dico che capita di innamorarsi nella vita ma possiamo scegliere di reagire con forza per meritare di più.  Vorrei sapere che qualcosa di bello mi aspetta... spero ancora che lui scelga me dice che non lo sa se riesce a recuperare con la moglie. Mi ha lasciata ed è tornato perche pensava a me...parliamo apertamente di tutto e il motore non è il sesso.Ma l'amore sembra non bastare...

  

Ven

10

Nov

2017

bel casino

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Lussuria

 

ciao ragazzi, scrivo perchè ho veramente un casino spaziale in testa.

 

Sono donna e ho 40 anni, fidanzata da oltre 5 e convivente da 3. Con il mio lui condividevo la passione per l'arte, la cultura... abbiamo sempre avuto un grande feeling. il sesso invece è sempre stato un disastro: poca sintonia, lui nn mi desidera mai, da sempre. Sospetto che sia un asessuale romantico. Sebbene io abbia cercato di sedurlo in goni modo possibile e immaginabile, niente, lui nn mi desidera. Alla fine, non sentendomi minimamente considerata come donna, ho spesso di cercarlo:  è dura da gestire la frustrazione. Ormai è oltre un anno e mezzo che non mi tocca, non mi bacia manco per sbaglio. Lo so che mi ama perchè mi tratta come la sua principessa, è sempre gentilissimo e premuroso. Abbiamo parlato più e più volte di questo, siamo anche stati dal sessuologo ma non è servito a nulla. Lui dice che non sta bene così, che si rende conto che abbiamo un problema ma nn sappiamo neanche da che parte iniziare. A volte dice che è stressato per il lavoro, a volte che non dorme, a volte che non si fa pace a letto... insomma uan marea di scuse assurde.

Non l'ho mai tradito e mai ho cercato altro.

 

 

Due settimane fa però, in occasione di un appuntamento di lavoro, ho conosciuto un uomo di due anni più grande di me.

Da subito, dal primo sguardo c'è stata un'intesa pazzesca e abbiamo iniziato a sentirci. Ci scriviamo sempre, dalla mattina alla sera, notte inclusa! (ah si, perchè io e il mio lui da due anni dormiamo anche in stanze separate... lui russa come un trattore, impossibile stargli accanto. Inoltre  è una tortura stare vicino a una persona che desideri ma che ti tiene solo la mano, capitemi). 

 

Così siamo usciti anche insieme due volte: la prima una settimana fa per un'apertitivo all'ora di pranzo. Quattro chiacchere piacevoli, con lui rido tantissimo, è una persona divertentissima e davvero solare, nonostante i problemi della sua vita. (al contrario del mio lui, sempre costantemente incazzato e infelice, come lui stesso dice).

La seconda  ieri pomeriggio: una bellissima passeggiata sotto la pioggia lungo il centro storico della nostra città, mano nella mano. Alla fine, dopo due ore di risate sincere e ovvhiate languide, ci siamo baciati. Io non posso neanche descrivervi come mi sono sentita: è stato un bacio spettacolare ma il suo abbraccio,  stretta così forte a lui, è stato ancora meglio. Dopo anni mi sono risentita una donna, ho sentito "vibrazioni" meravogliose.

C'è stato solo un bacio e un abbraccio, voluto e disiderato, sotto alla pioggia. Niente di più. Meraviglioso.

Tornando a casa ha continuato a scrivermi e mi ha liberamente parlato della sue emozioni, del cuore pieno di gioia, di quanto non vede l'ora di rivedermi presto.

Adesso cosa faccio? A me questo ragazzo piace moltissimo, mi interessa, io ho tutta la voglia di questo mondo di conoscerlo e di frequentarlo. E il mio lui ? cosa faccio? Io non me la sento di buttare all'aria 5 anni di vita inoltre mi sento molto in colpa per il mio comportamento di queste due settimane: noi nn ci siamo mai nascosti niente.

Molte volte mi sono interrogata sul fatto se si posso vivere una relazione senza sesso, senza mai e dico mai sentirsi desiderati sotto un punto di vista sessuale, senza un baci, senza momenti intimi da condividere.

 

Questo ragazzo ovviamente sa benissimo qual è la mia situazione, non gli ho nascosto niente. Stanotte mi ha scritto e detto che prova dei sentimenti per me e che non vuole un'avventura, che gli piaccio veramente e che adesso sono cazzi se ci innamoriamo. (l'ho ha detto ridendo) Anche lui, da uomo di 42 anni, non si capacita come il mio lui nn mi calcoli minimamente.

 Adesso cosa faccio? che bel casino

Mer

01

Nov

2017

Madame Bovary c'est moi...in Erasmus

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Lussuria

All'inizio non sembrava una cosa drammatica. Ho tre coinquilini, due persone normali e un sociopatico che in confronto Sheldon Cooper è una persona normale. Uno dei due coinquilini normali è timido ma gentile, conosce bene l'inglese, fa volentieri due parole, ed è anche molto carino.

Io però sono fidanzata, da quasi cinque mesi. Lui sapeva che partito per l'Erasmus da prima che ci cominciassimo a frequentare. E' molto geloso, quanto io sono distaccata. Lui ha avuto diverse storie finite male a causa di tradimento, io sono alla prima esperienza dopo ventuno anni di inadeguatezza e due cotte non ricambiate e una delle quali per un infame che mi ha veramente fatto male. Nonostante questo sembrava che nulla mi avrebbe distolto da lui. Lui è affettuoso, gli piacciono le effusioni in pubblico, ho conosciuto praticamente tutta la sua famiglia -nonne acquisite comprese-meno di un mese dopo che abbiamo deciso che "OK stiamo insieme". Io sono riservata, quando sono con gli amici preferisco ridere e scherzare piuttosto che fare i piccioncini, la mia famiglia mi ha gentilmente spiegato che non ritengo strettamente necessario conoscerlo perché sono affari miei e devo gestirmeli da sola.

Abbiamo avuto i nostri attriti. La sua gelosia in primo luogo. Non potevo nemmeno dare una sberla al mio migliore amico, o ridere di una battuta di un altro mio amico, che lui subito "Facevi la gattamorta con quello" "Lo guardi come guardi me". Scenate in strada, a volte davanti a nostri amici, della serie "tornatene a dormire a casa tua"- io abito lontano- "non mi toccare" ecc. . Per qualcosa che non mi era passato nemmeno per la testa di fare. Poi mi dice che sono gelida. Non mi piace mandare messaggi sdolcinati se non li penso davvero. E' uno dei motivi per cui i nostri amici mi stimano: sanno che quando dico una cosa affettuosa, viene dal cuore.

Però stiamo ancora insieme. Siamo stati insieme la penultima sera prima della mia partenza. "Prometti che non mi tradirai" mi ha chiesto. Io gli ho risposto sinceramente "Non ti tradirò, perché se mai mi passasse per la testa di farlo, prima tornerei in Italia, te ne parlerei e ti lascerei come si lasciano le persone civili: parlandone e non per sms, con il fegato di guardarsi in faccia". Ha capito e gli è stato bene così. Poi sono partita.

Sono quasi passati due mesi. All'inizio ci mancavamo molto. Io piangevo la notte perché avevo nostalgia di lui. Poi ho iniziato ad ambientarmi, e lui a diventare geloso. Dopo un mese i primi litigi per questo "Non ti fidi di me, ogni volta che esco mi fai il terzo grado". Mi ha detto cose che mi hanno fatto male. Poi si è scusato "Ti prometto ci sto lavorando". Dei miei coinquilini non me ne fregava assolutamente niente. Poi

Poi ho iniziato a socializzare di più con quello dei tre che sa meglio l'inglese. E ho iniziato a star male.

Non voglio tradire il mio ragazzo. Non voglio finire nel girone delle tipe/tipi Erasmus che hanno fatto le corna al partner. Voglio essere una persona corretta. Il mio coinquilino mi piace un sacco: il suo odore, il suo sorriso, la voce, tutto. Ma lo conosco pochissimo, e non siamo mai andati oltre il Buon Giorno, Buonasera Come va e il pour parler. Non ho ancora buttato tutto a puttane. Ma ora vago per casa perennemente in allarme e nervosa. Ho deciso di fare di tutto per evitarlo. Se lo trovo in corridoio entro di corsa in camera e mi ci chiudo. Se è in cucina con i suoi amici piuttosto salto il pasto o mangio a orari improbabili. Non voglio nemmeno avere la tentazione. Ma tanto non mangio comunque più, o mangio poco. Ho perso peso. La notte dormo male. Piango, sto male, sono agitata. Cerco di resistere e più resisto più lui diventa un tarlo. Siamo passati da "è carino ma penso un sacco al mio amore" a "è carino porca puttana non riesco a pensare ad altro".

Mi sento sporca, mi sento una troia, e NON HO FATTO NULLA, anzi faccio di tutto per evitarlo, ma continuo a pensarci, e a non pensare più a lui, in Italia. Gli scrivo "ti amo" e mi sento vuota dentro. "Gli scrivo mi manchi" e so di essere una bugiarda, perché non è vero.

So che l'Erasmus non è la vita, è una parentesi. So che poi dovrò tornare alla vita vera. E d'altraparte, non so nemmeno se questo coinquilino vive quello che vivo io, se è interessato, se è fidanzato, Niente. Magari butto via una relazione, la mia prima relazione, il mio primo ragazzo a ventuno anni dopo tutti i miei sforzi per diventare carina e smettere di essere la sfigata racchia e cicciona, e il mio coinquilino manco mi sopporta. E poi, se non reggo una relazione a distanza a tempo determinato, come potrei sopportare una relazione a distanza di due paesi che non si sa quando ci farà incontrare di nuovo?

Quindi deve smettere. Perché se cedo e accade l'inevitabile, mi farò così schifo da voler morire. Ma voglio morire già ora. Preferisco ammazzarmi sapendo che non ho ferito nessuno tranne me stessa piuttosto che farlo dopo aver tradito la fiducia di una persona che mi vuole bene.

Vi prego non chiedo un giudizio so di fare schifo, me lo dico da sola tutti i giorni. Ho bisogno di aiuto. 

Mer

25

Ott

2017

Le regole valgono per tutti

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Ira

Dopo oltre nove anni di storia, e un figlio, vedo che si allontana da me e vive col telefonino sempre silenzioso e blindato. Ovviamente faceva la stronza con un collega. Beccata. Le dico che donna di lui potrebbe farle una visitina in ufficio, e smette di fare i suoi giochetti da ragazzina (sta sopra i 40).

Passano un paio di mesi, e di fronte al mio deciso allontanamento, si riavvicina a me, mi cerca. Io me ne frego, e in una settimana, invece di giocare al chattatore folle, finisco sotto le lenzuola con due donne diverse. 

Fanculo stronza: tutto si paga, soprattutto quando prendi per il culo chi ti ama, ma oggi non ti vuole più. 

Mar

17

Ott

2017

VOGLIO CHE IL MIO EX MUOIA

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Ira

Lo odio cosí tanto,,,spero che crepi male fra mille sofferenze brutta merda che altro non sei. Non ho mai odiato qualcuno in questo modo,,,ed é sfiancante. Ti odio perché non hai fatto altro se non pensare a te stesso, calpestando me ed ogni mio sforzo di farmi amare ed amarmi . Ti odio perche sai solo prenderti gioco di chi ti é stato affianco nel bello e nel brutto tempo. Quando ti incontro per strada avrei solo voglia di ficcarti in culo quella bottiglia di birra che haicsempre tra le mani,, voglio rovinarti. Non sopporto quei poveri coglioni che ti stanno appresso come dei cagnolini,malgrado la cattiveria che mostri nei loro confronti. Mi fa pena la tua ex, che malgrado I tuoi continui tradimenti ti é stata affianco per quasi due anni. Che dire caro F,,,I tuoi genitori hanno commesso un errore molti anni fa,ma tu puoi correggerlo in ogni momento 

Lun

16

Ott

2017

Ne e' valsa la pena?

Sfogo di Avatar di affranto1970affranto1970 | Categoria: Altro

ne e' valsa la pena? Devastare il proprio ego, un matrimonio di 15 anni con una moglie per una storia di 4 mesi con una 25 enne avvenente che mi ha messo all'angolo e mi ha tolto ogni forza....

 Avevo una moglie che mi adorava ( a detta di tutti una bella 42enne di buona famiglia e moralita') e sono caduto nella trappola di una bionda da far mancare il fiato anche che mi ha ipnotizzato, portato al lato oscuro....( qualcuno dirà' che dovevo fermarmi un attimo prima).Ho mollato mia moglie per lei nel giro di 1 mese e nei 2 mesi successivi ci sono andato  a convivere.

dopo un mese la coppia e' scoppiata....troppi 22 anni di differenza io 47 lei 25.... lei troppo sveglia troppo convinta e troppo sicura ...un uomo della mia età' e' un padre/bancomat/socio finanziatore/compagno.

iniziano le richieste pressanti coperte dal sesso e tenuto per le palle dal sesso . Mi trovo con il magone sullo stomaco per non riuscire a essere alla sua altezza facendo e mollando il lavoro diverse ore per esaudire le sue richieste velate.

(shopping/cartadicredito/università pagata /aiuto economico/ autovettura ecc ecc)

Passano le settimane le serate sono bellissime , mia moglie si trova sola con la famiglia da mandare avanti.Io invece con la bionda avvenente cene fuori/hotel/SPA ecc.

 Prendo una casa per vivere con lei, inizio a sentire e subire le sue richieste e cercando di accontentarla....passano i giorni poi una sera mi e' tutto chiaro i pezzi del puzzle vanno a loro posto ma oramai il mio cuore il mio ego il mio esser uomo sono in pezzi.

Sta con me perché l ho tolta dalla stanza in affitto, perché gli mantengo uno stile di vita, perché ho possibilità di esaudire le sue richieste.....i Ti Amo suoi erano solo interessati.

I miei TI AMO erano dal cuore e ogni cosa fatta per lei con il cuore, anche se mi venivano chieste sotto traccia o direttamente.

La metto fuori casa  senza portrasri via nulla solo quello che indossa , svuoterà casa qualche giorno dopo. 

Nelle settimane successive cerco di riprenderla di tornarci insieme ma senza troppo successo ne convinzione. Lei va giù pesante con le offese e ovviamente rispondo a tali comportamenti.

A tutt oggi mi manca tanto,

mi fa star mal come sia stato il tutto come sia stato gestito da entrambi e da come sia finito. 

Ma ne e' valsa la pena? No

Sono pentito? No

 Ho il cuore in pezzi sono finito da una psicologa.Sono 3 mesi che ho perso il sorriso.

Ven

06

Ott

2017

sento il bisogno di un amante

Sfogo di Avatar di romano43romano43 | Categoria: Lussuria

ciao

da quando abbiamo figli mia moglie e' diventata fredda diataccata non ha piu voglia e passione e' sempre stanca pensierosa i figli la casa insomma un vero inferno ...

 

ci ho parlato ne abbiamo discusso da persone civili ma all ultimo ha liquidato il tutto con un non ho piu desiderio ti amo ma pernil momento il desiderio sessuale non c'e' ...

se c'e' una donna di roma nelle mie stesse aituazioni io ho deciso di voler riprovare a mettermi in gioco non escludo nulla puo essere che da una semplice conoscenza scatti l'amore di una vita oppure si resti nell anonimato per vivere momenti di serenità parlando dei nostri problemi confrontandoci e continuando a vivere .

 

Iscriviti

Iscriviti
Iscrivendoti potrai aggiungere commenti senza attendere approvazioni, votare gli sfoghi e potrai gestire i tuoi post ed il tuo profilo senza limitazioni.
Clicca qui o sull'immagine per aggiungerti