Tag: lavoro

Mer

20

Mar

2019

Senza Titolo

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Ci credereste se vi dicessi che mi hanno offerto un lavoro part-time pagato 3.80€ l'ora?

E non andrei a lavorare per Nonna Papera!!!Ma per un'azienda che copre tutto il Nord Italia!!!

E in più mi hanno chiesto di essere ultra flessibile!!!!

Ma andate a cagare sfruttatori !Fate schifo,approfittate della disoccupazione dilagante e ci bagnate il pane! 

 

Lun

18

Mar

2019

Come mi presento al colloquio? Ho bisogno di consigli

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Oggi mi hanno chiamata per un colloquio e sono molto felice. La posizione riguarda un posto come addetto vendita in un negozio di abbigliamento. Però, ho un piccolo problema: sono molto giovane, non arrivo a 25 anni per farvi capire, ma da quando ne ho 13 la mia testa si è riempita di capelli bianchi. E si notano. Per tutti questi anni mi sono tinta (più per insicurezza mia che per altro), ma qualche mese fa ho deciso di lasciar perdere; ho i capelli bianchi e non faccio del male a nessuno, non mi importa se gli altri pensano chissà che cosa. MA. Sono consapevole che, soprattutto nel mondo del lavoro, l'abito faccia il monaco e vista la posizione per cui mi sono proposta mi chiedo se sia il caso di coprirli questi capelli bianchi. A me non importa, ma mi rendo conto che per molti potrebbero dare un senso di vecchio e trasandato (a maggior ragione sulle donne). Voi che fareste? Sono aperta ad ogni consiglio! Grazie 

Gio

14

Mar

2019

al mio collega/titolare

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Ira

mi stai proprio antipatico!

Lunatico come il male.. e poi dicono di noi donne!!

Un giorno chiaccheri e sei simpatico, dopo 10 minuti fai il muso.

Nella mattinata di oggi abbiamo scambiato 4 parole in 4 ore! Sempre a controllare cosa faccio, a farmi pressione se sbaglio, mi fai ansia!

Fatti i cazzi tuoi che non sono una novellina!

Antipatico, musone e furbo! perchè aspetta che io faccia una mossa falsa per prendersela con me e spifferare tutto!

Stronzo. 

Tags: lavoro

Gio

07

Mar

2019

Se non ti mando a fare in culo divento Buddha

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Ira

È una settimana, U N A S E T T I M A N A, che ho iniziato questo lavoro. Lo sai pure tu che sto imparando e sono qui perché TU sei incinta. Potresti GENTILMENTE evitare di trattarmi ogni giorno come una rincoglionita?? SONO LENTA E TANTE PROCEDURE NON ME LE RICORDO ANCORA, LO SO, MA METTENDOMI PRESSIONE E FACENDOMI APPARIRE UNA RITARDATA DAVANTI AI CLIENTI NON MIGLIORA LE COSE.  MAGARI SE LA PROSSIMA VOLTA EVITASSI DI APRIRE LE GAMBE NON TI DOVRESTI SORBIRE UNA COME ME. Che, porca puttana, manco mi pagano per questo lavoro. Nemmeno fossi nata con già tutte le conoscenze in mano, avrai dovuto imparare anche tu, no? E ALLORA CAZZO VUOI.

VAFFANCULO STRONZA DI MERDA

Gio

07

Mar

2019

cosa ne pensate

Sfogo di Avatar di otelloboyotelloboy | Categoria: Altro

Ciao ragazzi ho da chiedervi un consiglio:

Io lavoro in una buona azienda, ho un lavoro di tutto rispetto e prendo anche bene a livello di stipendio. Ma aimè sono dipendente. Sto valutando di licenziarmi e di aprire partita iva. Dentro di me c'è una lotta per capire quello che effettivamente voglio e non è cosi semplice. Il lavoro sicuro da una parte ma senza molte possibilità di crescita dall'altra altr l'ignoto dove potenzialmente sarebbe possibile guadagnare di più o avere più tempo libero ma tutto dovrebbe essere sudato da me. Ecco questa idea è quella che mi piace di più, ossia darmi la resposabilità del mio operato al 100% senza lasciare che qualcun altro ti giudichi( forma di stipendio). Chiaramente non è cosi semplice, le mie idee spaziano ovunque e quasi ogni giorno partorisco delle altre idee per andare avanti. Ho una mente che lavora tantissimo e non mi basta il tempo che ho per fare tutto ciò che vorrei. Mi ritrovo bloccato in questo mio ragionamento. Forse bloccato dalla paura di non avere più tutele ma molto eccitato dall'idea he tutto dipenda solo ed esclusivamente da me. Forse ho scritto questo messaggio per me più che per chiedere consiglio. Ma vorrei sapere cosa ne pensate.

grazie a tutti delle eventuali risposte. 

Tags: lavoro

Mer

06

Mar

2019

Voglia di spaccare tutto

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Sempre sto lavoro di merda... Vorrei spaccare tutto, non riesco a calmarmi... Scadenze e termini e rabbia.

 Non era la vita che volevo, che mi immaginavo e che sognavo. Chiuso in ufficio aspettando il week-end, ma sono davvero così mediocre? Perchè?

Non è giusto, i miei migliori anni stanno andando via così, e io voglio vivere, emozionarmi, scrivere, viaggiare, non voglio stare chiuso in ufficio tutti i giorni.

 Vita buttata 

Tags: lavoro

Mar

05

Mar

2019

Colloqui truffa

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Ira

Non è uno sfogo, piú una curiosità: se durante un colloquio di lavoro mi dicono che è necessario versare dei soldi per un  qualche fantomatico corso formativo/spese di assunzione/cazzate varie e io registro la conversazione posso denunciare i colpevoli e perseguirli legalmente? Una volta per esempio mi è capitato che mi dessero un codice sconto per un sito dicendomi che sarebbe stato meglio che lo utilizzassi prima del colloquio successivo, fissato a distanza di qualche giorno...

Insomma, se li denunciassi passerebbero davvero dei guai o sarebbe una perdita di tempo? In quanto disoccupata ho un sacco di tempo libero, per cui pensavo di coltivare un nuovo hobby e iniziare a perculare i perculatori :)

Di sicuro i veri truffatori, quelli che guadagnano veramente con i loro "affari" sono altri, inarrivabili per una signora Nessuno come me, ma l'idea di rovinare qualcuno che mi crede un' idiota è comunque orgasmica.

Dom

03

Mar

2019

Riflessione lavorativa sui giovani d'oggi

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Accidia

Perchè negli anni i mass media e la politica fanno credere a questi ragazzi dai 16 ai 30 anni che lavorare,svolgendo mansioni umili e magari dove c'è da apprendere un mestiere sia sbagliato? Perchè gli imprenditori di vari esercizi non danno piu' fiducia alle nuove leve? Io oggi vedo che il giovane medio pensa solo a cazzeggiar su internet trovare scuse e gli viene dato pure ragione dicendo di non cercare lavoro con "tanto non c'è nè..." Dico ma ragazzi: Non c'è solo il libro o il web ci sono altri nobili mestieri degni di essere appresi,certo sono un po' piu' impegnativi e richiedono attenzione ma credetemi danno soddisfazione. Lavorare non è solo per gli stranieri,scollatevi da quello smartphone disconnettetevi dalla rete e sfruttate il vostro tempo libero assecondando le vostre passioni (i soldi arriveranno col tempo).Pub e discoteche a go go non hanno portato ne porteranno mai nulla di buono ai ragazzi se questi ne diventano frequentatori assidui. Non ascoltate i politici ma la vostra coscienza,dimenticate tutto cio' che vi hanno insegnato a scuola e frequentate (se potete farlo) persone che possano insegnarvi un mestiere,che vi possa formare cosicchè possiate competere con gli altri lavoratori del vostro settore.Infine concludo che se andate a lavorare lasciando la scuola questo non farà di voi dei disagiati all'occhio sociale e coloro che vi criticano e che vi vorrebbero sempre nel "paese dei balocchi" altro non vogliono che il vostro male e sono spesso degli ipocriti.

 

 

 

Ven

01

Mar

2019

Accettare o no un lavoro?

Sfogo di Avatar di LottascudoLottascudo | Categoria: Altro

Voglio essere sintetico.

Sono stato chiamato, sondato e selezionato per un lavoro in uno degli ambiti per cui sto finendo di studiare, sebbene non la mia preferenza prima, ma comunque interessante. Chiamato da una grossa azienda milanese, bella e grossa, facente parte di un grosso gruppo internazionale, che non fallirebbe mai nemmeno se volesse.

Classiche 8 ore per 5 giorni, possibilità di continuare il lavoro da casa qualora si debba uscire prima, non arrivare per forza  alle 8 o alle 9, e non uscire per forza alle 17 o 18, l’importante è che tu faccia 8 ore, possibilità di trasferte; insomma da come me l’hanno presentata e dalle testimonianze che ho letto il dipendente è trattato molto bene e messo a suo agio.

Offerta 25000/anno lordi con aumenti a scaglioni di 6 mesi fino ai 18, poi salite di livello varie ecc le classiche promozioni e minchiate per invogliare il dipendente a lavorare bene.

I pro sono:

.entrata mensile (seppur bassa rispetto alla vita improponibile di un cesso come Milano);

.vivere a Milano, che sebbene cesso, è una città viva con aspettative e possibilità, concrete e morali;

.fare un lavoro per cui ho studiato;

.lavorare in un’azienda figa;

.lavoro a tempo indeterminato;

.mangiare quello che voglio.

 

I contro sono:

.sputtanare soldi in affitto e avere un’entrata effettiva di forse 300 euro (in appartamento con altri non ci andrei più per ragioni ovvie);

.fare un lavoro che non è il lavoro dei miei sogni;

.lavorare;

.fare il dipendente come gli sfigati e arricchire non sé stessi, ma terzi;

.non avere a portata di mano i miei affetti (famiglia e amici);

.non trovare pronto in tavola;

.non trovare vestiti puliti nell’armadio;

.sgobbare per gli ultimi due punti;

.vivere in una città come Milano (sono tipo da paese, da giardino, da correre in campagna, da raccolta di uova delle galline nell’aia, da accarezzare i conigli nelle loro gabbie);

.vivere in una città mal sana;

.vivere tra extracomunitari, immigrati, gay e tante altre minoranze.

 

Io alle luce di questo una scelta l’ho già fatta.

Voi che fareste?

 

Grazie

LS

Mer

27

Feb

2019

Fidanzato invidioso, ma sarà?!

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Ira

Io e il mio fidanzato abbiamo lavorato per due anni nella stessa azienda. Qualche settimana fa ci sono stati gravi problemi, e pochi giorni fa siamo stati tutti licenziati (circa 80 dipendenti) e la società ha chiuso.

Io non mi sono persa d'animo un attimo e ho iniziato la sera stessa a mandare curriculum in ogni azienda che conosco nel settore. In pochi giorni ho fatto cinque colloqui con diverse compagnie, tutte disposte ad aiutarmi ad ottenere il visto che mi serve per vivere in questo paese e che sembrano interessate ad avermi.

Lui è da giorni che vegeta sul divano, saltellando dal pc alla Playstation restando imbambolato tutto il tempo. Ha mandato due curriculum, fine. E frigna che si annoia, che è triste che nessuno lo ha richiamato. Abbello, non è che vengono a chiamarti loro! Devi essere tu a renderti disponibile, a rispondere alle mail, a chiamare, a informarti. Sei tu ad aver bisogno del lavoro, non il lavoro ad aver bisogno di te.

Niente, non capisce. Oggi mi ha fatto una sfuriata sostenendo che io faccio un lavoro meno specializzato del suo e ho già avuto più risposte e che questo è ingiusto. Peccato che io mi sia fatta il mazzo e siano mesi che faccio straordinari ogni giorno per imparare, vado ai corsi, ho imparato una nuova lingua per essere più flessibile. Vero: faccio un lavoro più umile del suo. Ma mi sono impegnata e sbattuta di brutto per ottenere qualcosa che mi facesse comodo.

Lui invece è convinto che tutto gli sia dovuto perchè boh, è il più bravo del mondo.

Sono andata via, non mi va di stare a casa a farmi intossicare dalla sua invidia e cattiveria. Quando avrà voglia di fare un discorso da adulti sarò ben contenta di ascoltare, ma se devo farmi insultare e dire che faccio praticamente la sguattera e non vale la pena che mi impegni... Fanculo.

Vivere lontano da casa, da soli e con come unico punto di riferimento qualcuno che ti tratta da schifo, ti sottovaluta, a casa ti tratta come una schiava cucina-pulisci-lava e dà per scontato che tu ci sarai sempre per i suoi capricci è tremendo. A volte vorrei lasciar perdere e vivere più serenamente per me stessa e con me stessa, anzichè inseguire il suo lagnarsi e camminare costantemente sulle uova per non ferire i suoi sentimenti di bimbo di sei anni.