Tag: matrimonio

Lun

18

Mar

2019

Forse un giorno

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

quando non saremo più di questa Terra e saremo di fronte ai Tuoi occhi, saremo ancora due sposi per Te? Perché adesso non li siamo più. E io non so cosa sono. Mi sento svuotata e privata di una parte di me, che mi è stata strappata. Ce ne manca un pezzo di me, che non tornerà più. Non vedo più niente nel mio futuro, non so chi sono, non mi interessa nulla, non ho speranza. Fine. Di tutto.

Ebbene, io sto qui a pensare che la mia vita è finita, ad aspettare il Giudizio Universale, ad aspettare che dal Cielo arrivi la cura alla mia disperazione, che si incancrenisce anziché migliorare, e quelli invece scopano come due conigli, con l’approvazione di tutta la famiglia.

Lo so!!

C’est la vie.

Sab

16

Mar

2019

Vita matrimoniale infelice

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Sono sposata da 1 anno, 2 bambini fantastici di 4 anni uno è 5mesi l altra. Il fatto è che mi annoio a morte. Al momento non posso lavorare per via della bimba piccola ma a volte sogno di fare 12ore di lavoro al giorno pur di non fare la vita che faccio al momento. Sono sempre in casa, con la piccola che impegna molto, la sera lui torna da lavoro e niente....un'ora per la doccia e finisce la serata:si cena, bambini a letto e io con loro. Il weekend per una cosa o l'altra lui esce e io con i bambini a casa. Praticamente insieme non facciamo niente, una passeggiata,una piccola vacanza, una sera al cinema...niente di niente e io ci sono giorni che scapperei dalla finestra. Ora hanno pranzato e lui si è chiuso in camera per il pisolino,e io sul divano a far dormire la piccola. Stamattina gli ho proposto una passeggiata per questo pomeriggio e non ha risposto..quindi finirà che prendo i bambini e li porto al parco...da sola...abito nel Chianti e ci sarebbero da visitare tantissimi borghi..non è mai presente nemmeno per le festività, quindi finisce sempre che mi organizzo per andare dai miei più che altro per i bambini, non voglio che si annoino anche loro con me..

Sab

16

Mar

2019

Hai vinto tu

Sfogo di Avatar di ManticoreManticore | Categoria: Lussuria

Basta non ne posso più di questo problema, abbiamo tre figli piccoli fantastici e tu come da 5 anni a questa parte me la dai con il contagocce. Mi arrendo non ci provo neanche più sono un guerriero stanco a trentacinque anni non avere più una vita sessuale è bruttissimo. Voi donne siete veramente degli esseri devastanti. 

Lun

04

Mar

2019

Matrimonio in arrivo...

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Ira

e sapevo che avrei avuto rotture di palle. Ma che le rotture di palle arrivassero dalla mia famiglia proprio non me l'aspettavo!

Mi sposo tra due mesi, scelto vestito, location, testimoni, fatte le pubblicazioni, tutto l'ambaradan. È tutto a posto. Non vedo l'ora!

E poi arriva lei. Mia cognata, moglie di mio fratello. Ha visto il mio vestito, era presente quando lo abbiamo scelto.

Eppure vuole comprare un vestito simile al mio, nella forma e nel colore. Il mio matrimonio sarà alternativo, questo è vero, e di solito non mi infastidisce che qualcuno si vesta uguale a me. Ma quando ho visto il vestito che voleva prendersi sono quasi scoppiata in lacrime. Anche perché non ha chiesto a me, non si è interessata minimamente al mio matrimonio. Ho saputo del vestito da mia madre, che le ha subito detto che non andava bene. In pratica, mia cognata mi rivolge la parola solo ed esclusivamente quando ha un bisogno estremo.

Poi mi sono ripresa. Probabilmente è stato un malinteso. Sono andata a chiarire da lei: niente abiti che richiamino il mio, in nessun modo. Quindi niente abiti rossi e preferibilmente niente abiti lunghi. Ma la lunghezza è a preferenza personale. Più che altro, sposandomi a maggio, avrò il vestito lungo e so già che patirò il caldo alla grande, volevo risparmiare la stessa sofferenza alle invitate. Va beh.

Quello che mi lascia di stucco è la filippica con cui mi accoglie. In estrema sintesi, mi dice che è consapevole che il vestito è uguale al mio e che non si aspettava che mia madre desse il veto all'abito. L'ha preso come un affronto personale! Tra una sua delirata e l'altra le dico che è inutile che se la prenda con mia madre, ero stata io a dire di no. Non faccio neanche a tempo a chiederle "ma perché non sei venuta da me a chiedere? Ti avrei chiarito tutto da subito!" che mi dice una cosa che mi lascia ancora più di merda: "dopotutto, anche Ciccio si è presentato al mio matrimonio in jeans e io non ho detto niente!".

Si è sposata 7 anni fa. Io non sapevo che se la fosse presa così tanto per questo, non mi aveva detto nulla. E stavo per dirle "Ok, quando torno a casa parlo con Ciccio e glielo faccio sapere, che sei arrabbiata con lui, ma ormai non posso farci niente. Io non lo sapevo neanche che eri così arrabbiata con me per questo!". Poi ho realizzato che il mio cervello è andato in bamba totale, visto Ciccio non è il mio futuro marito. Ciccio (ovviamente non si chiama così) è il mio ex, che ho lasciato 3 anni fa. Questo ha reso la conversazione ancora più allucinante. Aveva il coraggio di rinfacciarmi, dopo 7 anni, la scelta di vestiti di un mio ex. Che, peraltro, sì, si era presentato in jeans. Ma era perché non aveva altri vestiti, era sovrappeso e senza soldi per prendersi un abito su misura. E quei jeans non erano jeans scrausi, avevano comunque un taglio elegante. Insomma, non il capo ideale per un matrimonio, ma considerando l'abbinata alla giacca e alla camicia, poteva andare peggio. Ma anche se fosse, perché dirmelo dopo 7 anni? Perché dirmelo dopo tre anni che l'ho lasciato??? Pensa se, da sua testimone qual'ero, mi fossi presentata vestita di bianco al suo matrimonio! Probabilmente starei ancora scavando per uscire dalla tomba!

Sono uscita fuori da casa sua in shock. Non mi aspettavo una reazione del genere, tanto che, senza volerlo, ho bofonchiato qualcosa tipo "va beh, prenditi l'abito che vuoi, basta che non sia rosso!". Il mio futuro marito mi ha giustamente chiesto se sono scema, visto che, in buona sostanza, le ho dato il permesso di prendersi quell'abito.

E quando finalmente mi sono calmata e ho cominciato a pensare a come dirle che doveva proprio cambiare genere di vestito, ecco l'altra fulminata, sempre da parte di mia cognata: mi chiede se ho invitato anche sua madre.

Le dico di no, in tutta tranquillità. Niente di personale, semplicemente, io farò un rito pagano, sua madre è cattolica e fortemente credente, e poi è sua madre, con me il mio futuro marito non c'entra un'emerita fava, la vedo solo come un'ospite che nessuno sopporta, neanche mio fratello. In realtà neanche lei la sopporta. E per di più scrocca i pranzi alle feste comandate (quest'ultima parte non gliel'ho detta, ma comincio a pensare che avrei dovuto). E lei mi lascia ancora più di merda perché dice che sua madre è una persona sola, che avrei dovuto pensarci a invitarla, che lei con mia suocera non avrebbe ragionato così (mia suocera è vedova, sua madre è divorziata), che sua madre ormai è di famiglia. Sì, certo. Infatti ho visto i miei ex suoceri al matrimonio di mio fratello, giusto perché erano di famiglia. Sì sì. Ed è coerente trascinarsi una palla al piede per una giornata intera.

Così mi ritrovo tra l'incudine e il martello. Da una parte c'è la ferrea volontà di non invitare la madre di mia cognata, parte rappresentata da me, il mio futuro marito, mio fratello, mia madre e le mie sorelle.

Dall'altra c'è la tendenza a invitarla, rappresentata da mia cognata e da mio padre, che mi dà pienamente ragione, ma dice che, per stemperare, sarebbe meglio consegnarle l'invito e morta lì. Che tra l'altro, è lo stesso ragionamento che sta facendo una piccolissima parte di me.

Sono comunque propensa per il no. Non solo per una questione presa sul personale (che in effetti gioca la sua parte: vuoi vestirti uguale a me per il MIO matrimonio, mi rinfacci robe vecchie di anni e per di più mi imponi anche gli invitati???), ma per un semplice fatto pratico: ormai sarebbe imbarazzante dare un invito anche alla suocera di mio fratello. E poi, mia cognata è una persona molto problematica, con un rapporto amore-odio con i suoi genitori. I suoi sono stati obiettivamente dei genitori di merda, che si sono riavvicinati a lei solo quando ha avuto i miei nipoti. E lo hanno fatto pure malamente, visto che comunque fanno sempre i loro comodi, anche per fare da babysitter ai piccoli, magari tirando pacco all'ultimo secondo e scombinando i piani di tutti quanti, costringendo i miei ad annullare eventuali impegni. Perché sennò la signora si incazza, noi dobbiamo essere la sua famiglia sostitutiva, pronti a compensare le carenze dei genitori di merda.

Ho dovuto rimettere insieme i pezzi del puzzle, per capire che quella donna è invidiosa, anche se non avrei mai pensato che lo fosse. Insomma, perché dovrebbe esserlo? Mi sposo a trentun anni, non ho figli (ora come ora, né io, né il mio futuro marito ne vogliamo, ma per gli altri questo è motivo di compatimento). Ma dagli atteggiamenti che ha è logico: quando stavo per andare a convivere, non si poteva parlare del fatto che stavo per andare a convivere, perché lei sennò se la prendeva, bisognava concentrarsi su di lei.

Non si è mai parlato del fatto che adesso sto comprando casa. Il trasloco l'ho fatto da sola. Per carità, non avevo bisogno di aiuto, non avevo chissà che da portare. Se avessi chiesto, mi avrebbero dato una mano. Ma ho il sospetto che nessuno si sia offerto di darmi una mano anche per evitare problemi con lei.

Il vestito per il suo matrimonio se l'è comprato lei on line, mentre il mio sarà un regalo dei miei genitori. I suoi, giusto per gradire, per il suo matrimonio non hanno speso una lira che fosse una, ed è la loro unica figlia.

L'anno scorso, le mie sorelle hanno avuto problemi di salute e i miei genitori hanno trascurato tutti per stare dietro a loro. Che poi, trascurato è una parola grossa. Io vivo fuori di casa da due anni, mio fratello è fuori di casa da otto. Capirai che trascuratezza!

A questo punto, è logico che si stia logorando dall'invidia e che voglia le attenzioni tutte per lei.

Una volta messi insieme questi pezzi, la domanda a me è sorta spontanea: se anche invitassi quella sderenata di sua madre, risolverei davvero qualcosa?

Io credo di no. Anzi, peggiorerei la situazione, probabilmente.

Davvero, mai avrei pensato che avrei scatenato questo casino!

Scusate la lunghezza dello sfogo.

Lun

11

Feb

2019

Stavolta affondo....

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Ira

La mia vita in questo preciso istante fa schifo.

L'amore va di merda. Con mio marito c'è un periodo di crisi, non ci capiamo e abbiamo scoperto di avere progetti di vita differenti. Ora col cuore sanguinante devo scegliere che fare della nostra relazione, del mio futuro, perchè a quanto pare si può avere solo una cosa o l'altra, non entrambe, e il bello è che per lui va benissimo vivere così come una specie di rapporto adolescenziale.... e quindi la stronza sono io

Il lavoro va una merda. Ho accettato un lavoro di ripiego, che sto odiando terribilmente. Privo della benchè minima prospettiva di carriera, che non mi da alcuna soddisfazione. L'unica cosa che apprezzo è che è ben pagato.

Ma a quanto pare i soldi che guadagno non posso spendermeli come caspita mi pare, perchè servono per pagare i debiti dell'azienda di mio marito. Azienda che si rifiuta di chiudere o ingrandire o far evolvere in qualsiasi modo. Per lui va bene questa specie di stasi in cui nulla si perde e nulla si guadagna, semplicemente perchè 50anni fa suo padre faceva così e scherzi a rimodernare...

Sono inchiodata a vivere in questa merda di casa che detesto e non posso cambiare in alcun modo perchè altrimenti mia suocera ficca il naso influenzando quello scemo che ho sposato.

Le mie amiche sono inesistenti, uscire con loro è un'impresa perchè tutte hanno dei non meglio specificati impegni, e si rimanda sempre. Salvo poi quando ci si vede ai compleanni dire "non usciamo mai solo noi ragazze...".

Sto sviluppando una specie di germofobia o ipocondria o chissà cosa... la candeggina è la mia migliore amica e il disordine mi toglie il sonno, e per disordine intendo anche solo una forchetta nello scomparto dei cucchiai.

Salterei su un treno e scapperei... mi ferma solo il pensiero di come la vivrebbero i miei genitori, mia madre soprattutto. 

Credo che sabato prenderò i miei soldi e andrò a ubriacarmi ben bene x dimenticare sto periodo di merda...

Mar

05

Feb

2019

Non far diventare tuo marito una casalinga frustrata

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Ira

Va bene la parità, l'ho sempre voluta, mettere in discussione i ruoli i retaggi culturali. Però la parità, non avere il cattivo coinquilino, che si lascia dietro i piatti sporchi, non svuota mai la spazzatura, lascia accumuli di vestiti sulle sedie, non ritira mai nulla - piatti, stoviglie, borse, sacchetti, oggetti non identificati. Prima dei figli, va beh, pazienza. Ma poi cresci no? Non sai cucinare, va bene, ci penso. Ti scazza lavare i piatti, ok, ci penso io. Non lavi il pavimento perché ti fa male la schiena d'accordo. Non butti la spazzatura, ok per tradizione lo fanno i maschi. Non fai le lavatrici, lasci la cesta traboccante, va beh anche quello. Non stendi nemmeno e neppure ritiri, ti piego io le cose e te le lascio lì solo da ritirare negli armadi. Al mattino mi alzo quasi sempre per primo, sistemo in giro, preparo collazione, do da mangiare al gatto: già il gatto, guarda che era tuo, ora è anche mio, però ricordati che esiste ogni tanto. Hai mai tirato sù una merda dalla lettiera? Figuriamoci. Guarda che non è mica scontato per uomini di 40 anni saper cambiare pannolini, preparare le pappette, ritrovarmi al parco l'unico maschio con il passeggino, vestirla, addormentarla. Sento ancora un sacco di gente che non lo fa o lo fa alla cazzo di cane ogni tanto. Se lo faccio notare, ecco che con la maturità sto diventando retrogrado. Sai che mi sono rotto i coglioni? Non sei più studentessa fuori corso. E' dura essere genitori, bisogna sbattersi ogni tanto, mettere la sveglia, portarsi avanti con i lavori, coordinarsi. Non, questo lo faccio dopo, questo lo fai tu, questo lo inizio ma continui tu, questo lo chiedo a mia mamma. Sento come si gestisce una mia collega, penso "sti cazzi, sei un treno", e mica è una rincoglionita casalinga oppressa, è emancipata come te. La tua amica, sì quella che mi fa sesso con la faccia da felina...ops...ecco cosa viene fuori. Mi fai scendere la libido, non ti scopo perché c'è astio, mi faccio fantasie su altre tipe perché mi fai girare i coglioni, mi fai divenare una casalinga frustrata. Te lo fatto capire, detto, in modo ironico, in modo paziente, infine scazzato e sbottando. O cambi registro o mi vengono in mente delle strane idee...una roba che spesso ho sentito da donne, invece qui abbiamo ribaltato i ruoli. 

Ven

01

Feb

2019

Zappa non sei e non sarai mai Ross

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Superbia

Zappa è una donna superba,cretina e lussuriosa.In gioventu' ne ha combinate di tutti i colori sfondandosi di droghe,alcolici e facendo orgie;e in piu' picchiava sua madre se questa osava contraddirla XD Poco piu' che maggiorenne si fa mettere incinta e sposare da un ragazzotto dal pubblico impiego quindi vita da mantenuta e spensieratezza a go go con tanto di matrimonio organizzato (di pessimo gusto,io non sono andato). Le sue/suoi compagni di avventure che non hanno avuto la stessa scaltrezza ed opportunità sono ritenute adesso delle poco di buono da Zappa e da sua madre,felicissima di essersi tolta dalle palle la figlia!

Aggiungo inoltre che non avendo alcuna dote o pregio l'unica cosa che puo' fare Zappa è quella di aprire le coscie..come ti permetti tu e quella deficiente e idiota di tua madre (che assume anche psicofarmaci in quanto dichiaratamente malata nella psiche) di impersonare e poi di giudicare come cessa una persona intelligente e sensibile come Ross che tra l'altro ha un carattere di merda,si è fidanzata per l'occhio sociale non ha amici e mi voleva!!! Adesso con lei (con Ross) ho tagliato i ponti in quanto lei da fidanziata mi scrisse via whatsapp "tieni le distanze"..Madre e figlia non valete quanto un pelo della vagina di Ross e tu Zappa stai attenta a tenertelo stretto perchè potresti fare la brutta fine di una persona divorziata con 2 figli che tanto odiavi!quindi ora mia cara stai attenta a come ti muovi con lui,ti auguro che in futuro questo peppepizza scaltrisca e ti tratti con i piedi e ti renda la vita un'inferno!

 

 

 

 

Sab

26

Gen

2019

E quindi No. Non si possono amare due persone contemporaneamente.

Sfogo di Avatar di ConfusissimaConfusissima | Categoria: Altro

A breve saranno due anni dal mio approdo in questa strana isoletta. Ma, come molti qui sanno, sono isolana inside. Amo il mare, in tutte le sue gradazioni, con tutte le sue tempeste. 

Ad aprile 2017 nuotavo a largo, con onde importanti ma cavalcabili. Ero convinta di essere innamorata di un uomo a noi vicino. Adesso, dopo un’attenta analisi, ho compreso cosa mi portava da lui. Erano le sue attenzioni e, diversamente da altri uomini, erano le uniche che potessero farmi sognare, emozionare, sentire viva. E sapete perché? Era l’unico al quale mai, in nessun caso, avrei potuto dire di sì. L’utimo degli ultimi. Questo mi proteggeva, mi avrebbe permesso di restare pulita. Di portermi guardare ancora allo specchio.

Il tradimento non è contemplato dalla mia anima travagliata. Non lo è perché in famiglia ne ho vissuti due. Uno dei quali mi porterò dentro per il resto dei miei giorni, fino al mio ultimo respiro. Perché è giusto sia così. 

Oggi ho elaborato tanto, quasi tutto. Ho capito di non amare più mio marito. Non come compagno di vita. 

Il mare è più sereno, ma continuo a nuotare a largo.

 

 

Mer

16

Gen

2019

matrimonio merda

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Ira

Qualche poeta cortese diceva che il matrimonio è la tomba dell'amore.

Nella mia faglia quasi ogni matrimonio stava per finire in separazione, altri ci sono arrivati invece.

Su questo sito tutti cornuti, tutti infelici, tutti che non si volevano sposare.

 

Ma allora che cazzo vi sposate a fare, e che cazzo si sposerà a fare la gente se finisce sempre male? Raga il matrimonio è la cosa più sbagliata di questo mondooooo. La convivenza intossica se dura anni. E se ci sono di mezzo i soldi alcora peggio...

Virginia Woolf ha fatto un libro che si chiama tipo "una stanza tutta per sè" dove dice che una donna dovrebbe avere un posto tutto suo dove può farsi i cazzi suoi e stare in pace.

Se un giorno mi venisse in mente di sposarmi, mi rpenderei a frustate da sola sulla schiena, piuttosto di cadere in questo sporco tranello pieno di sogni, illusioni e idealizzazioni. Poi finisce l'incantesimo e devo spendere soldi per l'avvocato. Come no.  Solo perchè si vuole indossare l'abito bianco, ricevere l'anello, la luna di miele. ma vaff

Vi ricordo che il matrimonio esisteva solo per scopi economici, per questo duravano. Mantre chi si sposava per amore poi si separava sempre, esempio a cazzo il poeta Lord Byron.

Chi si ama davvero tuta la vita è 1caoppia su 7milairdi, e qualcuno dei due avrà  sgrarrato almeno una volta. 

 

Ven

04

Gen

2019

Invidio chi si sposa col grande amore

Sfogo di Avatar di Emily80Emily80 | Categoria: Invidia

Ho una invidia stratosferica per chi ha trovato il grande amore, equilibrato, sano e senza costrizioni e sta per sposarsi.

Ho 39 anni e pur essendo piacente, simpatica e piena di interessi ed amici, adoro i miei anziani genitori e pretendo rispetto per loro. Purtroppo, mi imbatto sempre in persone sbagliate o in pazzi retrogradi che scambiano una compagna per una schiava che sta a casa a fare da serva a loro generando figli, senza avere più altri interessi ed isolandomi dai miei affetti.

Voglio che un uomo si innamori perdutamente di me, che non mi chieda di cambiare, che apprezzi i miei difetti e pregi e che rida tanto assieme a me. Voglio sposarmi anche io, voglio condividere la mia vita con un uomo che me la rallegri e che sia pazzo di me ma che non mi limiti la libertà. Voglio viaggiare, litigare e fare pace, piangere e ridere, stare in silenzio e parlare a raffica con un uomo.

Non e' giusto che io sia single, non voglio sposarmi con chiunque ma vorrei farlo col grande amore.

Rimarro' zitella.