Tag: io

Mer

10

Lug

2019

Ansia Mattutina

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Lussuria

Ce l’hai ancora? Io no, però mi manchi. Mi manca il tuo abbraccio, mi manca il tuo odore. Mi manca la tua voce. Mi manca il sesso. Mi manca come mi baci, come mi assapori in tutte le mie parti. Che poi di quell’ultima notte passata insieme sai cosa mi ritorna continuamente in mente? Quando sono tornata da te dopo essere fuggita nell’altra stanza a metà notte perché russavi. Eri sdraiato, già sveglio, io sono corsa da te e mi sono tuffata tra le tue braccia, ho schiacciato la mia faccia sul tuo torace e sono rimasta lì un po’.

Tags: io, te

Lun

25

Mar

2019

Vorrei essere come loro

Sfogo di Avatar di ildiariodiunasfigataildiariodiunasfigata | Categoria: Invidia

Invidio coloro che riescono a stare in pace con se stessi,
ma sopratutto in pace con la loro testa.
Invidio chi non si preoccupa di cosa dice la gente sul suo conto, di chi non si fa problemi a dire qualcosa di cattivo, nè a compiere un gesto cattivo o giusto che sia.
Invidio coloro che sono loro stessi, che non pensano e ripensano a cosa dire, a cosa fare, perchè non hanno nessun problema ad eprimersi, così come va va, senza dare peso alle cose, alle parole, ai gesti.
Invidio coloro che vanno a letto e riescono a dormire, colore che non hanno preoccupazioni così 'importanti' da non riuscire a dormire, o a smettere di piangere.
Invidio tutti quelli che si sento a proprio agio, da soli, in compagnia, a casa loro o altrove. Li invidio perchè non sono come me.

Questo è il semplice sfogo di una ragazza che a 20 anni si sente il peso del mondo alle sue spalle.
Quella ragazza che sente che ogni cosa che dice, che fa sia sottoesame. Quella che la notta, già è tanto che si fa 4 ore di sonno, dopo aver pianto per 8h. Quella che va dalla psicologa però non le fa tanto effetto. Quella che incominciava a sentirsi meglio e dopo 5 giorni, inizia ad avere attacchi di panico. Quella che fa un passo avanti e 200 indietro.

Tags: io, loro, adagio

Gio

10

Gen

2019

Vegetale umano

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Ma per quale ragione sono attratta dai ragazzi problematici? Che razza di problemi ho?
Il ragazzo di turno è si può dire una mummia. Se dovessi descrivervelo vi direi che è un rettangolo. E' statico. La sua faccia non tradisce emozioni, e quando lo fa è un lusso. Poco loquace, per portare avanti una conversazione con lui ci vuole la mano di Dio, è come un parto e soprattutto molto imbarazzante. 

Tuttavia,quando parla e spara frasi abbastanza lunghe, dice solo cose giuste. E' un cazzo di genio, ha idee complesse e per niente conformiste, acculturato e intelligente. Peccato che gli manchi l'intelligenza emozionale... sigh

E' palese che abbia qualche forma di ansia sociale, e provo sempre a farlo uscire dal guscio ma ho sempre paura di invadere i suoi spazi e sembrare scortese.
Anche se sembra davvero morto dentro io provo sempre a stuzzicarlo in maniera maliziosa, e quando ottengo una risatina sento finalmente di aver conquistato la vittoria. Nonostante credevo avesse zero impulsi sessuali, ho scoperto invece che guarda i porno (chissà che genere) quindi ho delle speranze, ma non so proprio come muovermi aiutoOooOo

 Come fare un tipo del genere?

 

So già che un tipo del genere non saprà gestire una relazione in un modo sano visto che è pieno di problemi anche derivanti dall'infanzia, ma bho sn malata

Sab

29

Dic

2018

Avete rotto il cazzo.

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Ira

ho un fisico perfetto e sto bene con me stessa, quindi perchè cazzo devo ingrassare quando sono perfetta così? ma non vi lamentavate quando una è troppo grassa o robe così? sono magra naturalmente e poi non sono anoressica nè bulimica, perchè devo crearmi mille problemi di salute abbuffandomi per diventare più grossa (così poi quando ingrasso vi lamentate lo stesso, ovviamente) sapete una cosa? potete andare benissimo a fare in culo, tanto non vi va bene mai un cazzo ugualmente.

Tags: cibo, sfoghi, io, corpo

Gio

27

Dic

2018

Mi presento e mi sfogo

Sfogo di Avatar di NyaNya | Categoria: Altro

Cari sfoganti, mi piacete.
Ho deciso di fare un account e provare a prendere parte a questo forum. Non sono brava nel mantenere gli impegni, perciò nessuna promessa. Mi annoio facilmente, che posso farci?
Ho letto libertà nelle parole di chi scrive, mi ha colpita, mi ha spinta a iscrivermi. Qualcuno scrive molto bene, qualcuno no. Non importa; c'è sincertià in quel che ho letto. Mi piace. 
Che sia un posto in cui chiunque, grazie all'anonimato, riesca ad essere sè stesso?
Che ci sia modo di scoprire quali sono le verità che ognuno di noi tenta di nascondere nella vita reale? 
Forse c'è la possibilità di scoprire, anche solo una piccolissima parte, di quello che si nasconde nella mente di un'altra persona.
 
Non vi chiedete mai chi avete di fronte?
Non vi chiedete mai ''ha dei sentimenti come me? Per cosa soffre? Cosa ama? E perchè?''
Io spesso. Le risposte sono vuote. Irreali. Sono stanca di quel muro che le persone mettono fra sè stesse e il mondo. Quella maschera che tutti indossano e mi spinge a chiedermi se sono realmente vuoti o è una farsa a cui tutti hanno deciso di partecipare in tacito accordo.
Mi spaventa mettere in conto che potrebbero davvero essere vuoti. Vorrebbe dire che in me c'è qualcosa che non va bene. Essere diversa. Essere sola. Incompatibile con gli altri. 

Sono una ragazza. Anzi, una donna ormai, ho 25 anni con mia grande sorpresa. Non pensavo di arrivarci, credevo che avrebbe vinto la depressione, o in qualunque modo si chiami il mio male.
Frequento l'università e finirò gli studi tra pochi mesi. Vivo insieme ad altri studenti da cinque anni.
Ho una famiglia difficile, molto disfunzionale, ma non c'è il servizio di reso e quindi me la tengo.
Ho una cagnolina, che inizia ad essere anziana, che amo tantissimo. Mi ha salvato la vita.
Sono stata fidanzata 10 anni circa. Un rapporto controverso che mi ha senza dubbio cambiata. Adesso c'è un'altra persona nella mia vita... una relazione, un fidanzamento, una frequentazione, un qualcosa... con un ragazzo di cui sono innamorata e mi fa (quasi) sempre ridere. 
Credo di essere esteticamente bella, mi hanno sempre detto così.  Ma d'altra parte chi te lo viene a dire che sei un cesso?
Non saprei sinceramente come definirmi. Alcuni giorni sono bella, altri no. Mi accetto comunque. 

Sono introversa. Mi è difficile esternare quello che provo e stare a contatto con altre persone per molto tempo mi fa sentire stanca.
Mi piacciono le idee che unificano tanti argomenti, mi piace scoprire la verità, vorrei trovare un perchè a tutto. Mi piace la fisica, la filosofia, la psicologia, la medicina, la matematica... vorrei sapere tutto per avere un quadro completo del mondo. Vorrei trovare un senso al mondo e magari provare ad aggiustarlo.
Mi piace stare con le persone con cui ho costruito dei legami affettivi o in alternativa con chi come me vuole discutere, trovare soluzioni, analizzare e scambiarsi idee. In 25 anni ne ho trovate... pochi.
Mi piace ridere. Mi piace tantissimo ridere, forse perchè lo faccio poche volte. Mi piace giocare e tornare bambina, per trovare quella spesieratezza che rende tutto leggero. Adoro stare con chi mi fa ridere. Le risate e la comicità sono sottovalutate.
Ho paure profonde, che mi intasano la mente. Ci sono stati dei periodi neri in cui non riuscivo a superare le mie ossessioni, paure, e i miei pensieri. Alle volte ritornano, per brevi periodi, ma è restata la paura di non farcela.

Ecco fatto, ho messo le carte in tavola. Congratulazioni ai coraggiosi che sono arrivati fin qui!

Gio

13

Set

2018

Sono sempre io che sbaglio

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Perché ogni volta che esprimo un parere opposto sto sbagliando? Se non approvo qualcosa sbaglio, se non trovo entusiasmante qualcosa che a me non interessa sto sbagliando. Se non mi emoziono per qualcosa sto sbagliando. La mia vita fa già schifo così, non vedo perché mi debba pure sentire sbagliata se non la penso come chi mi circonda. E sbaglio pure nel non sentirmi sbagliata. Se a me non me ne frega, non me ne frega. 

Tags: io, sbaglio

Mer

14

Feb

2018

Voglio il mio male?

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Mi hai iniziato a toccare senza che io ti dicessi niente, sbattuta al muro e baciata. Non ho detto un si, non ho pronunciato nemmeno un no però. Tu hai continuato. Mi hai detto 7 parole al massimo, e sei andato tu per la tua strada e io per la mia.

Mi facevo tanto schifo, ho pianto tanto subito dopo. Sentivo tanta rabbia. Quel giorno mi si è spezzato qualcosa dentro di me. 

Però mi chiedo perché, nonostante tutto quel groviglio di emozioni negative che mi si era bloccato in gola, ti permettesse ogni volta di usarmi, usarmi e di usarmi ogni volta. Non provavo desidero, non sentivo niente. Sentivo tanta rabbia. Verso di te. Verso di me. 

Possibile che inconsciamente, volevo sentirmi appositamente una schifezza? Volevo sabotarmi? Ma volevo anche smetterla, quante volte volevo dirlo, volevo lasciarti 

Sentirmi come un oggetto, senza valore, come mi stavi vedendo tu, era quello che volevo? Giustificava il perché mi facessi trattare così miserabolmente da te?  

Perché mi ritengo senza valore, come un oggetto? Vuota, non merito amore? 

 Sentita quasi violata, ma consenziente. 

Mar

01

Ago

2017

Curiosità

Sfogo di Avatar di TakeshiTakeshi | Categoria: Altro

Salve a tutti! Sono un troll, ho 15 anni e vorrei porre a tutti voi un dubbio che mi attanaglia. Comincio col dire che nulla di ciò che ho appena scritto è attinente al vero, ma detto questo la domanda in questione è: voi, le vostre vite, le avete trascorse seguendo la passione o la ragione?

Cerco di spiegarmi meglio, per quanto sia possibile. Ognuno di noi(o quasi..) tramite la propria esperienza sa ovviamente che dipende tutto dalla situazione e dalla condizione in cui la persona si trova e ciò avviene non solo in campo sentimentale, dove queste due opposizioni regnano. Ad esempio conosco un amico che ha lasciato il suo lavoro anche ben retribuito e si è trasferito in Nepal da qualche anno, dove fa tutt'altro...ha un decimo di ciò che aveva prima ma è felice. Poi oh, magari domani mattina lo investe un rinoceronte mentre attraversa la strada, o contrae la malaria...o forse sposa la ragazza che ha conosciuto di cui è follemente innamorato e procederà nel suo percorso spirituale riuscendo ad essere una persona migliore, chissà... Il punto è che in prevalenza lui ha preso questa strada con il cuore al posto che ragionare con il cervello. Capito cosa intendo? 

Ora, so benissimo che la risposta più banale, ma al contempo semplice e veritiera, sarebbe quella di dire "dipende da persona a persona" e son d'accordo ci mancherebbe altro, ognuno è libero di pensarla come meglio crede e a me è proprio questo che interessa. Non sono interessato nello specifico ad aprire un dibattito su quale delle due formule in questa vita sia quella "vincente", non ho questa presunzione, filosofi e scrittori autorevoli ci hanno già provato ed è ovvio che non siamo noi quattro stronzi quelli che arriveranno ad una soluzione definitiva. Poi certo che se ne può parlare eh, fa piacere...

Ma quello che mi incuriosisce maggiormente è sapere personalmente da voi: cosa avete seguito in preponderanza nella vostra vita? Per la maggior parte del tempo e soprattutto nei momenti più importanti, quando dovevate prendere delle decisioni (amorose, lavorative, di fede,ecc.)? L'importante è che si trattino di scelte fondamentali che lo son state per voi, il resto non conta. Come non conta se si sono rivelate sbagliate dato che la controprova non possiamo averla. Cuore o cervello? Istinto o raziocinio? Passione o ragione?  

So di essere ripetitivo,lo so...ma non ci posso far nulla. Spero di avervi fatto comprendere la domanda e capisco si tratti di un argomento alquanto personale ma mi farebbe piacere che qualcuno rispondesse! Guardate alle vostre vite e cercate di ricordare ed essere sinceri, lo apprezerei molto.

Premetto che non mi sono fumato niente. 

PS. Chiamo a rapporto gli "anziani" del sito! O per meglio dire i saggi. Almeno se si parla di Dostoevskij, Nietzsche o Bergman non mi sento rispondere: "Ma chi? Quelli che giocano nell'Atalanta?"

Saluti 

Tags: vita, io, aiuto

Lun

31

Lug

2017

Perchè non gli ho detto quel fottuto ti amo.

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Invidia

Inizio dicendo che sono innamorata di questo ragazzo, ma non siamo mai stati insieme. 
Io ho 18 ann e lui ne deve compiere 20, siamo migliori amici da 2 anni anche se ci conosciamo da più tempo.
Vi racconto brevemente cosa è successo prima (perchè poi vorrei parlare di me e lui adesso)
Capodanno 2017, festeggiamo a casa mia, mi ubriaco e lui è un po' brillo. Lo bacio, 2 volte (bacio a stampo di 1secondo neanche) dicendogli che "non è una cosa sessuale, ma è perchè ti amo- ti amo di bene".
Ne parliamo e decidiamo che ero ubriaca perciò lasciamo stare. 
Aprile: noi ci avviciniamo sempre più, restando amici, poi nella nostra compagnia arriva una tipa. Cominciano a frequentarsi (anche ora) e io ci rimango un po' male. Al che lui mi chiede se sono gelosa e io rispondo di sì. 
Ne parliamo e scopro che lui è da tempo che gli piaccio. Lo ricambio,ma lui frequenta lei. 
A quel punto mi sono chiesta se non fosse innamorato di lei e se mi stesse prendendo in giro.
Continuiamo a essere amici, lui si arrabbia perchè mi sento con uno. Mi fa capire che comunque ci tiene e vorrebbe qualcosa. E voi vi chiederete "qualcosa"-cosa? Bene, non lo so nemmeno io. Vorrebbe rimanere amici o fidanzarci?
Litighiamo per una cazzata e non ci parliamo per un mese e mezzo,avevo scoperto che tutti i weekend lei dormiva a casa sua. WOW.  Beh facciamo pace e ritorniamo amici, ma tra noi si vede e si sente che c'è qualcosa, tutti i nostri amici lo notano. (scopro che lui ha parlato con la ragazza e le ha detto che provava qualcosa anche per me, lei dice che è tutto a posto, continuano a fequentarsi)
Una sera di 2 settimane fa mi alza la gonna per scherzo. Mi chiede scusa. Non me la prendo. 

Sabato scorso: vado a dormire a casa sua e di sua sorella con altri amici a fare una maratona di film. Praticamente verso le 3 tutti si addormentano,tranne io, lui e un ragazzo. (La ragazza NON c'era, come tutte le volte che capita qualcosa)
Io vado sul balcone a fumare, lui viene lì da me e mi prende da dietro, mi chiede da quanto ho iniziato e io gli rispondo che è da poco e perchè non mi fa pensare. Rientriamo e mi chiede se voglio dormire sul letto di sua sorella in camera loro, visto che sarebbe stato scomodo dormire sulla poltrona. Va beh poi non ho accettato e non ho dormito, ma tanto poi siamo rimasti fino alle 6 a guardare il film e ci siamo alzati alle 8 quindi amen. E poi la mattina si alza e facciamo una sorta di gioco. Mi fa cadere e mi abbraccia a terra.

FINE. CIOE' FINE PER ORA, PERO' NON SO PIU' CHE COSA PENSARE. Aiuto, sto impazzendo. Io non sono andata avanti e lui da quello che mi ha fatto capire neanche. Eppure c'è sempre lei di mezzo. Che sia solo per sesso o solo perchè la ami io mi sento gelosa. Non so che fare. Aspettarlo mi sembra da stupidi, parlarci ancora di più.  


Ven

14

Lug

2017

La mia vita in breve

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Scusate ma devo sfogarmi e mi vergogno troppo per farlo con chi mi conosce... Ho 20 anni voglio raccontare in breve i momenti più significativi di questo stralcetto di vita... Sono figlia di genitori separati..non rimembro alcun che della mia famiglia unita.. Ho sorelle e fratelli 1 di sangue mia sorella maggiore...una sorellastra da parte di madre, un fratellastro da parte di padre e 3 fratelli acquisiti da parte della compagna di mio padre.  Sono tutti una gioia per me.. Ma non mi è consentito sfogarmi con loro ne tanto meno con i miei genitori o amici o fidanzato, tornando a noi. Mio padre per metà assente perche troppo impegnato a controllare mia madre o a rifarsi una vita.. Mia madre ritrovatasi a 31 anni con 2 bambine senza uno straccio di lavoro. Inutile starvi a spiegare le difficoltà ecc. Ecc. A 6 anni mio padre conobbe una donna con 2 figli uno di 17 anni (chiamiamolo con un nome di fantasia TONY) e una ragazza di 15. Tutti molto contenti delle nuove conoscenze e tutti presi dalle chiacchiere nessuno si accorgeva della mia assenza e di quella di Tony.. Che mi portava in braccio in camera sua o in bagno dove nessuno sapeva quel che succedeva ne mio padre ne mia sorella ne il resto della bella famiglia.. Ci sono stati molti casi di molestie e un paio di volte anche di stupro in quell anno che mio padre frequentò quella donna. Non ho mai avuto il coraggio di dirlo a nessuno.  Quando avevo 8 anni mia sorella decise di andare a vivere con mio padre lasciando me con mia madre.  Poi ci fu il fidanzamento di mio padre con l attuale compagna (una tipa pressoche apposto) il secondo matrimonio di mia madre la nascita di una sorellina, le scenate abbondantemente violente tra mia madre e il nuovo marito. Il mio abbandono di casa (sentivo di essere la causa delle discussioni così andai a vivere dai miei nonni materni).il secondo divorzio di mia madre la fine delle superiori. La mia impossibilità di proseguire gli studi (carenza di cash). Mi sono trovata un lavoro e durante le superiori mi fidanzai con un ragazzo...4 anni in cui posso dire di esser stata davvero bene. Poi l ho mollato perché avevo perso dell interesse nei suoi confronti. (non so se sia stata una stronzata o meno...ma x il momento ancora non me ne pento...o non completamente). Il fidanzamento con una vecchia cottarella da bambini.mia nonna operata 2 volte mio nonno 2 tumori e 3 eschemie..bhe che dire..ho cercato di prendermi cura di loro per non far pesare tutto sulle spalle di mia madre. E questo mi riporta o ora. 

Sono sempre stata quella FORTE io.. Ho sempre risolto i problemi miei e degli altri senza mai chiedere aiuto. Sono quella responsabile e pacata.   

Ora mi rimane solo un insensata voglia di scappare..di allontanarmi da casa senza sentire nessuno..voglia di piangere e di urlare a tutti che non si sono accorti del mio malessere...e la domanda mi sorge spontanea..sono stata davvero cosi brava a nasconderlo per tutti questi anni o sono stati gli altri a non prestarmi attenzione?

E possibile che passi inosservata anche nella mia famiglia?

Ora tutti si meravigliano che sono di entata una miccia che si accende al minimo discorso!. Si meravigliano che ho scelto di allontanarmi da casa di cercare di andar via.

Ho cercato sempre di mantenere l ordine nella mia vita ma ora non ci riesco... Mi vien da piangere per ogni stronzata...non sopporto più nulla..

Voglio bene alla mia famiglia a tutti quanti... Ma vorrei avere più attenzioni di quelle che ricevo... Vorrei che qualcuno per una volta mi guardi e mi dica EHY COSA C E CHE NON VA?!

E poi tanto sbagliato?!  

Non mi aspetto una risposta... Volevo solo sfogarmi e ti ringrazio a te che stai spendendo 10 minuti della tua vita per leggermi. 

Succ » 1 2 3 4 5 6