Tag: stronza

Dom

18

Mar

2018

Quella sbronza del amica di mia moglie

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Circa 3 mesi fa durante una cena con mia moglie presente al tavolo si stava scherzando e io mi sono permesso di dire sempre in maniera scherzosa che mia moglie è da un Po che mi trascura sta strronza della sua amica che era seduta al tavolo pure lei ha pensato bene di riproporre questa mia affermazione dopo circa 3 mesi durante un altra cena dove io non ero presente ma mia moglie si che praticamente io avevo detto che sono mesi che non facciamo sesso e manco ci sfiorato mia moglie è incazzata nera con me per colpa di sta stronza che non sa più che cazzo fare per ingannare la noia ma che si facesse i cozzi suoi al posto di raggirare le cose a suo piacimento sta stronza

Gio

15

Feb

2018

Quando qualcuno ti fa sentire piccolo piccolo...

Sfogo di Avatar di ImproponibileImproponibile | Categoria: Altro

Ho perso la mia verginità estremamente tardi rispetto alla media, avevo 24 anni, ed era anche la prima ragazza con cui io sia mai uscito; un po' perché di aspetto poco gradevole, un po' perché molto insicuro, fino ad allora non mi si eran mai cagato di striscio, e quelle poche volte (siamo sotto la trentina) di ragazze a cui avevo avuto il coraggio di chiedere uscire per un caffè o un gelato, una passeggiata o quel che sia mi avevano sempre risposto un secco "NO", alcune elegantemente, altre meno.


Potete immaginare quindi l'immaginazione quando questa finalmente mi trovava abbastanza interessante non solo da accettare, ma addirittura da continuare a frequentarmi! Ero letteralmente galvanizzato, scioccamente sognavo già la famiglia costruita con lei.

 Passano sei mesi dal nostro primo incontro, e come "anniversario" finalmente decidiamo di farlo; avevo già cercato di fare mosse in precedenza, ma lei aveva voluto aspettare tirandomi indietro, cosa che io rispettai. Insomma, quella sera fatidica fui svezzato.

 
E FU ORRIBILE.

 Essendo la mia priva volta, chiaramente la mia performance fu deludente, non tanto per me, quanto per lei, che non ci pensò due volte a farmelo notare. E di certo non come critica costruttiva. 
In verità, avevamo bevuto un paio di bicchieri di vino prima, anche perché volevo allentare la mia tensione, ma di certo la leggera ebbrezza non giustifica la marea di cattiverie che passò la notte a dirmi. Mi schiaffeggiò; mi disse che ero un mezzo uomo, che non avevo fatto nulla per farla sentire bene, che mi dovevo vergognare delle mie abilità sessuali, e tante cose ancora ben peggiori che non ho la forza di ripetere.

Era casa mia, non la potevo di certo cacciare a pedate, ma me ne andai a dormire sul divano; quando mi svegliai la mattina già se ne era andata. Aspettai tutto il giorno un suo messaggio di scuse, allora davo la colpa all'alcool, perché a quel momento s'era comportata bene nei miei confronti.

Niente. 
Il giorno dopo la ricontatto io, non mi risponde.
Il giorno ancor seguente, mi arriva un suo messaggio con scritto "Dobbiamo parlare. Posso venire a casa tua?"

Neanche entra nella porta, si rifiuta, mi dice che si rende conto che non s'è comportata bene nei miei confronti, ma che lei aveva bisogno di qualcuno che la sapesse amare. Provo a dirle che mi sarei impegnato nel migliorare (col cazzo che lo farei oggi!), e tanti altri cliché, ma niente, la vidi allontanarsi, lasciandomi là da solo a piangere me stesso.


Sono passati quasi tre anni, se prima ero insicuro, adesso ho quasi timore delle donne.  Continuo a provarci con qualcuna di loro di tanto in tanto, ma solo quando se ho completa certezza che la persona dall'altra parte sia assolutamente decente, ho il terrore di rischiare.

 Perché lo sto raccontando oggi? Perché l'ho vista stamattina per caso al parco dopo tanto tempo, e me ne sono dovuto tornare a casa, dove ho pianto.

Tags: stronza

Sab

10

Feb

2018

Presa di mira?

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Ira

C'é una con cui vado all' università che mi rompe i coglioni senza motivo; non posso neanche incazzarmi con lei apertamente perché lo fa in modo subdolo, in modo che non sembra stia parlando espressamente di me anche se di fatto é così e ne ho avuto prova piú volte. Se la affrontassi apertamente sembrerei quella che fa scenate o almeno mi farebbe passare così con gli altri colleghi rivoltandomeli contro. Io non le ho fatto niente di male (non la conosco particolarmente né la frequento nel tempo libero) e purtroppo devo sopportarla a lezione perché siamo una classe piccola e non posso farmi un altro giro di conoscenze, quindi vista la situazione ho deciso di giocare al suo stesso gioco.

Continueró a comportarmi educatamente come prima per non destare sospetti e inizieró a sabotarla ogni volta che posso; le ho già strappato alcune pagine dagli appunti, prossimamente conto di farle sparire le sigarette o rovinarle i vestiti. Potrei spingermi piú in lá e cercare di infettarle il telefono o il pc, boh, vediamo che piega prenderanno le cose, se la smette di rompere smetteró a mia volta.

Chiamatemi infantile, ma almeno cosí mi diverto un po' anche io. 

Sab

10

Feb

2018

Voglio tradire un segreto di una "amica"

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Superbia

Sfogo rivolto a una persona che non mi vuole ascoltare e non mi fa parlare... ma avevo bisogno di fare l'infame per una volta nella vita e fare come il servo di re Mida, altrimenti non mi toglierò questo rospo! 

 

Oggi hai difeso quell'arpia che mi fece soffrire come un cane dalle mie parole. Bene. Siete amiche: bene, ma non benissimo. E non vuoi sentire perchè ti metto in guardia da lei. Io mi accorgo di tante cose che non vedi... so che ti parla alle spalle... so che ti tiene a distanza perchè non si fida di te... che ti considera strana e incomprensibile... non vuoi sapere, non vuoi sentire, non mi crederesti. Ma sono una persona discreta. Per cui non posso dirlo a te, lo dico qui! Tanto l'arpia parla di me con nomi e cognomi ai quattro venti, non faccio un torto a nessuno... e poi non ho problemi ad ammettere che gli errori li ho fatti pure io. Poi si impara e si rimedia. 

Quando ti ha presentata a me ti prendeva in giro alle spalle appena te ne andavi. Ti considerava una un po' stupida, anche facile. Rideva di te per i tuoi scritti acerbi. Mi diceva che eri una persona pallosa, che non sapeva nemmeno come dirti di finirla lì perchè non coglievi i suoi "gentili" segnali ad interpretazione. Che non ti capiva, che non si fidava di te. Che eri strana. Che probabilmente non eri normale. E facevi tutto il contrario di quello che voleva lei. Ti teneva a distanza. Ha provato a liberarsi di te un paio di volte in modo subdolo, ma tu non hai capito e le sei corsa dietro. Non le sei mai piaciuta e non le piaci neanche adesso. Parlava male anche della tua amica davanti a te: cosa ti ha mai fatto pensare di essere diversa? Pensi forse che con le sue amiche perbene lei sia fiera di te, che si vanti della vostra amicizia, o forse che ti tratti come ha trattato tutte le altre? Ah sì... pensi davvero che ti consideri AMICA?

Quanto vorrei che tu sapessi! Che tu scoprissi chi è veramente la tua amica! Il meglio purtroppo è avvenuto di persona alle tue spalle. Perchè sì, sono infame anch'io, ma poi ti ho conosciuta dopo questi eventi... ho cambiato idea su di te... e ho provato a rimediare... 

 

(No, non mi pento di aver raccontato tutte le confidenze di quella stronza. Del resto se la stronza era mia amica un motivo dev'esserci.)

Mer

17

Gen

2018

La vita รจ una stronza

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Sono figlia di un uomo alcolista e violento. A 20 anni sono andata via di casa perchè volevo una vita diversa, abbandonando mia madre e mio fratello (aveva solo 10 anni). Avevo tentato il suicidio più volte ma amavo troppo la vita e mi fermavo. Dopo una brutta lite me ne sono andata coi soli vestiti che avevo adosso. Ho fatto mille sacrifici fisici ed emotivi (il senso di colpa è una gran brutta bestia), ho patito la fame e la miseria ma alla fine c'è l'ho fatta: ho trovato un lavoro con contratto a tempo indeterminato e ho incontrato, poi sposato, l'amore della mia vita, l'opposto di mio padre. Dopo 7 anni ho riallacciato i rapporti coi miei genitori. In seguito ho comprato a casa vicino a loro e mi sono trasferita. Ora la vita mi sembra più stronza che mai!

Il mio lavoro, così bello all'inizio è diventato terribilre, un inferno, e lo odio. Soffro ogni volta che devo andarci. L'amore mio è sempre l'amore mio ma ormai non facciamo più l'amore perchè lui è sempre troppo stanco ed esauto (perchè vuole una promozione quindi non smette di lavorare) e alla fine io stessa ho perso interesse nel letto. La mia adorata casa è diventato un peso perchè non riesco a starle dietro, lavoro su turni e ininterottamente e quando sono a casa sono esaurita per mettermi a pulire. Non riesco a rimane incinta perchè non faccio più sesso e quelle rare vlte che succedere sono troppo stressata perchè avvenga qualcosa. Mio padre non è più violento, ora si limita a spaccare le cose ma il suo alcolismo è peggiorato e recentemente è stato licenziato in tronco per i suoi comportamenti da alcolista. Mia madre fa la donna delle pulizie qualche ora al giorno e mio fratello sta ancora andando all'università. Non ho idea di come faranno a cavarsela ma so che voglio e devo aiutarli. Mio marito non vuole, vorebbe che stessi più lontana e aiutarli pagandogli solo la spesa, litigo con lui perchè non vuole prestargli soldi, nemmeno il minimo per riprendersi. Sono sempre una #mainagioia mi capitano sempre situazioni assurde e sfigatissime, troppe per raccontarle.

Piango in continuazione perchè sono infelice. Facendo le somme: ho un lavoro di merda e non posso lasciarlo per via del mutuo e delle spese, sento mio marito sempre più lontano da me e sono sempre in pensiero per i miei. Vedo le mie amiche che vanno avanti mentre io rimango incastrata nel mio brodo, come quando avevo 20, mi sembra che sia cambiato ben poco da allora.

Mi chiedo perchè? Perchè la vita deve essere così stronza con me? non ho già sofferto abbastanza nella mia vita? A volte ho brutti pensieri..vorrei che finesse questa sofferenza, vorrei rinascere e avere una vita diversa, tranquilla e felice. A 31 anni non ho mai conosciuto la vera felicità e chissà se un giorno proverò l'ebrezza di esserlo davvero.

#mainagioia

Tags: stronza, vita

Sab

02

Dic

2017

Vaffanculo sfaticata

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Ira

Vaffanculo!!!! Quanto mi stai sul culo te che non fai mai un cazzo!! Se si chiama lavoro di gruppo un motivo ci sarà e invece te te ne sbatti i coglioni, ti lamenti che non hai tempo e poi sei sempre in giro a farti i cazzi tuoi ma cristo dio poi ti lamenti pure se bocciamo le tue idea di merda e la tua parte di lavoro fatta sempre a cazzo di cane giusto per dire che qualcosa hai fatto!!! Cristo quanto odio sti lavori di gruppo sempre così a faticare non solo per me ma pure per gli altri ma vaffanculo proprio! 

Tags: stronza

Mar

28

Nov

2017

Addio

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Ira

La cosa più bella che ho fatto? 

 chiudere con te, con il tuo narcisismo, con il tuo bisogno quasi fisiologico di essere l'oggetto del desiderio di chiunque, perfino il mio, pur essendo tu una donna etero.

chiudere con le tue bugie,con il tuo lanciare segnali che poco lasciavano spazio alla mala interpretazione (salvo poi  ritrattare) con le tue illusioni, con il tuo volerti sentire sempre e comunque la più bella, con la tua sufficienza, la tua superficialità, la tua condiscendenza, il tuo darmi le briciole, il tuo giocare coi miei sentimenti, il tuo voler sempre lasciare la porta socchiusa.

Ho fatto bene. Perché indovina un po'? C'è qualcosa di più bello di te. Ed è la mia felicità. Mi sono resa conto di amare più l'idea di me felice che te. Io, quella che hai considerato l'invidiosa pazza malata di mente che rosicava perché ora hai un coglione che chiami fidanzato, ti saluta. Pensa un po'? Sono così ossessionata da te che al solo pensiero di sentirti e di sentire un'altra delle tue vanterie su quanto sia fantastico quel budino che ti sei scelta come uomo me la do a gambe. Già perché venirmi a sbattere in faccia quanto è bello far l'amore con quel coso, sapendo quello che provo è da fetenti. Ti sei comportata così male con me, con una tale cattiveria, da spingermi allo schifo.

 

avrei tanta, tanta voglia di sentirti chiedere scusa, di farti riflettere su ciò che mi hai fatto, e quindi farti rendere conto di quanto sei egocentrica, viziata, gattamorta, egoista, superficiale e stronza. Ma tanto non ci arrivi. Finché si parla di sesso, di quanto sei bella, di quanti uomini ti apprezzano, tutto ok, come si esce fuori tema, ti si liquefa il cervello. Se poi ti si fa una critica o ti si fa notare che ti comporti di merda te ne esci con un "rosikona!1!1!" O inizi a sbuffare. Perché tu vuoi essere adorata e adulata, guai a farti sentire in difetto, ecco perché ultimamente ti stavo sui coglioni: perché ti sbattevo in faccia la verità che hai sempre negato, ossia che di me non te ne sbatte proprio un cazzo, e che mi hai usato solo per bieca soddisfazione personale.

quindi, no, non ci arriverai, a capire che sei una stronza. Che tutti ti corrono dietro non perché sei figa, ma perché ti atteggi a morta di sesso. Continuerai a fare ciò che fai. E io non te le ho mai dette, tutte queste cose, ma siccome non ho più voglia di intossicarmi le giornate parlando con te, scrivo uno sfogo. Butto via la spazzatura dal mio spazio vitale, prima di arredarlo con cose che mi fanno davvero stare bene.

scommetto che hai goito quando finalmente ho tolto il disturbo.

ma sai che c'è? Pure io sto meglio. Non dico di stare bene...ma meglio di sicuro.

mi sono voluta bene. E si, non tornerai mai indietro pentita, ma non importa: anche se fosse, io comunque dubito sarei ancora lì. Sto già andando avanti.

Continua pure a sentirti la regina di stocazzo. Per me ora sei solo un vecchio fardello da lasciare andare.

 

 

Gio

23

Nov

2017

Sono una stronza

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Sono una stronza.

Sono una stronza perchè ho avuto un figlio a 17 anni.

Sono una stronza perchè questo figlio l'ho tenuto.

Sono una stronza perchè vivo ancora con mia madre.

Sono una stronza perchè ho un sogno e per coltivarlo non lavoro.

Si, sono una stronza perchè non lavoro. 

Anche se già ho rinunciato a studiare, perchè non posso permettermelo, sono comunque una stronza perchè non ho rinunciato a sperare di riuscire a fare almeno il lavoro dei miei sogni.

Sono una stronza perchè amo il mio fidanzato che odia mia mamma.

Mia mamma, che scrive a tutti che sono una stronza.

E ha ragione sono una stronza perchè le controllo il telefono.

 

Sono un stronza perchè non parlo piú con mio padre. Padre che mi veniva a trovare solo quando scendeva mia sorella.

Mia sorella. Quasi laureata, lei che quando mia mamma le diceva che non poteva mantenerla al nord iniziava a darle della stronza. A lei a mia madre.

Lei all'università ci è andata, dove voleva ovviamente.

Lei che si lamenta che quando scende dorme in salotto nel suo letto in Memory perchè io e il mio ragazzo e mio figlio dormiamo nella stanza che una volta era la 'nostra' , in un divano letto, con un materasso che è una sottiletta e sentiamo il ferro premere sulla schiena.

Che stronzi noi, che stronzo lui. Lui che ha problemi alla schiena e avvolte non dorme la notte, lui che è stato bocciato e che solo ora sta finendo la scuola. Si sente stronzo anche lui perchè la scuola la vuole finire. È stronzo perchè lavora di sera , ma non sempre e quindi è uno stronzo.

Sono una stronza perchè non porto fuori il cane la sera, perché non ordino il letto, perchè non cambio l'idea che il mio ragazzo ha riguardo mia madre, sono una stronza perchè non ringrazio mia madre per ogni singola cosa che fa. Sono una stronza e lei è la vittima. La vittima che scrive a tutti che sono una stronza.

La puttana stronza sta aspettando che l'altra casa sia pronta. Per andarsene. La puttana stronza poi non si farà vedere piú, nè da lei, nè della sorella chesi lamentaaa di quanto tempo la stronza ci mette per farsi la doccia.

Sono stronza perchè ci metto mezz'ora a farmi la doccia. Ci metto mezz'ora perchè sotto la doccia posso piangere quanto mi pare. Ci metto mezz'ora perchè non riesco a smettere di piangere. Perchè lo so che è giusto che io lavori, che è giusto che io me ne vada. Lo so. Io voglio andarmene. Ma voglio anche realizzarmi nella vita. Voglio realizzarimi cosí da dire un giorno a mio figlio che se io ci sono riuscita anche lui può farcela. Voglio realizzarmi perchè voglio che sia orgoglioso di me. Voglio realizzarmi per me stessa, per il mio ragazzo, Per chi ha detto che una ragazza piccola che ha un figlio non può crescere lavorativamente.

Voglio realizzarmi perchè sono una stronza, perchè lo voglio urlare a questo fottutomondo quanto sono stata stronza, voglio urlare che mia mamma non aveva ragione quando ha detto

"La tua vita è finita" perchè ero rimasta incinta. 

Voglio dirlo a tutti che non è finita.

Che non è finita.. perché sono stronza.

 

 

 

 

Dom

05

Nov

2017

Riempirei la tua faccia da cazzo di schiaffi dalla mattina alla sera

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Ira

Sai quanta soddisfazione.

Devi imparare a volare basso, a farti un bagno d'umiltà, che a quasi 26anni ti comporti come quella che sa, ma in realtà sei ancora una bamboccia viziata e dipendente che sbratta come una scimmia urlatrice.

Urge una terapia psichiatrica quanto prima, perché se questo è il solito atteggiamento che terrai nel tuo determinato lavoro, che richiede competenze sociali più di altri, siamo proprio messi male.

Ti sei comprata un vibratore, almeno usalo che ne hai bisogno e non rompere i coglioni 

 

Sab

26

Ago

2017

Ho rotto con la mia migliore amica

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Ira

Siamo state amiche per 3 anni, abbiamo sempre parlato di tutto, l'ho sempre aiutata e ho sempre cercato di farla sorridere quando era triste... Parlavamo tutti i giorni o ci scrivevamo su whatsapp... Andavamo anche in vacanza insieme. Tutto andava bene fino a settembre dello scorso anno. Avevamo progettato un viaggio da mesi, avevo prenotato e speso anche dei soldi per i mezzi di trasporto e l'albergo. Poi il 9 Luglio per il suo compleanno se ne va ad Amburgo e dopo due giorni non si fa sentire più, era scomparsa, non reperibile. Ogni tanto le mandavo un messaggio ma non rispondeva mai e se lo faceva rispondeva pure inc***ata e/o scocciata. In una di queste chat capisco ha i suoi problemi e allora le dico che sono ancora in tempo per riprendermi le ferie, ma lei mi rassicura dicendo che veniva. Poi a ferragosto se ne esce che non può venire dicendo che si era fidanzata, che non aveva più tempo da perdere appresso a me e che adesso ha di meglio da fare. Non sapete come ci son rimasta male. Sembrava un'altra persona, arrogante, presuntuosa... ma ho chiuso lì e le ho detto che ne avremmo parlato il giorno dopo anche perché non volevo rovinarmi la giornata. Ho cercato di parlarle il giorno successivo perché credevo di aver esagerato a pensare che fosse cambiata e che fosse solo una mia impressione, anche perché con ste chat è facile capire male (infatti le ho chiesto di parlare almeno a voce) ma niente... io dicevo A e lei rispondeva B (o meglio non rispondeva e a me ste cose mi fanno veramente incavolare) e pure con tono presuntuoso e arrogante... Una di queste risposte era "Eh ma io non sono mica un'angelo..." (ma come io ti parlo a cuore aperto, ti chiedo se ho fatto qualcosa che t'ha infastidito e che ci tengo alla nostra amicizia e te rispondi così?) Roba che veramente mi son cascate le palle.  La cosa mi ha fatto stare ancora più male perché ho cominciato ad avere dei dubbi sulla mia capacità di capire le persone con un calo della mia autostima. Non m'ha manco fatto gli auguri a ottobre e nemmeno m'ha restituito i soldi che ho speso per il viaggio mancato la stronza. Dopo quattro mesi a Natale le invio un messaggio di auguri via whatsapp per sbaglio (ho creato un gruppo per gli auguri ma m'ero dimenticata di cancellarla)  e lì riprende a parlarmi perché il tizio l'ha mandata a cagare. Nemmeno un saluto per 4 mesi e adesso fa finta di niente come se nulla fosse successo... Io c'ho provato a ricostruire il rapporto ma ogni volta dovevo giustificarmi e quando volevo uscire lei si inventava una scusa (non posso, ho sonno)  ma pretendeva che io fossi sempre presente! Io le ho fatto credere che per me era tutto passato ma per me non era più un'amica. Pian piano ho cominciato a restituirle tutta la stronzaggine con gli intererssi (eh si m'hanno insegnato che ciò che siriceve si restituisce semppre con gli intereressi) poi dopo qualche mese le ho detto chiaramente che non sopportavo più lei, la sua negatività, la sua arroganza, lunaticità  e presunzione e l'ho fatta finita dicendole che lei per me da un'amica era diventata una conoscente che contattavo quando ero annoiata e non avevo niente da fare. Ho perso un'amica e mi dispiace, ma sinceramente non me ne frega più un cazzo di lei

Vaffanculo stronza.


Scusate se son stata lunga ma mi volevo sfogare :P

Tags: amica, stronza
Succ » 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13