Tag: scuola

Mar

13

Nov

2018

fallita a 16 anni...!?

Sfogo di Avatar di lisabrinalisabrina | Categoria: Altro

Non so neanche se qualcuno risponderà a questo post, ma ho bisogno di sfogarmi e non avendo nessuno con cui farlo, eccomi qua.

 

Sono una ragazza di 16 anni e ho lasciato la scuola lo scorso ottobre (2017). 

Cercherò di racontare brevemente quello che mi è successo. 

Due anni fa, settembre 2016, ho iniziato il liceo linguistico e fin da subito mi sono trovata male, sia con la classe che con i professori. Verso la fine di novembre mi sono accorta che non era proprio la scuola che faceva per me e di conseguenza l’ho detto ai miei genitori che si sono trovati d’accordo nel farmi cambiare indirizzo. Non avevo idea di cosa scegliere e alla fine ho optato per scienze umane, sotto consiglio della mia professoressa di italiano. Qualche settimana dopo ci hanno comunicato che non c’erano posti disponibili nelle classi e sono stata obbligata a finire l’anno lì, al linguistico.  Da gennaio ho iniziato a fare un sacco di assenze (causa bullismo e attacchi di panico) e di conseguenza a giugno sono stata bocciata per mancata validità dell’anno scolastico. Lo stesso mese mi sono iscritta a scienze umane e poco tempo dopo aver cominciato la scuola (metà ottobre) l’ho lasciata. Sinceramente non so neanche io il perché. Stare in classe mi creava ansia e di conseguenza non riuscivo a parlare con nessuno, a rispondere alle domande dei professori ecc.. Non facevo altro che guardare l’orologio e non veder l’ora di tornare a casa. Addirittura c’è stato un periodo, precisamente a dicembre e gennaio, in cui non volevo uscire di casa per paura che mi potesse venire un attacco di panico. Detto ciò è da più di un anno che sono a casa disperata perché non so cosa fare per far “smuovere” questa situazione. Mi sono accorta del mio sbaglio e non so come rimediare, vorrei continuare gli studi ma non so proprio come! I miei genitori non possono permettersi di pagarmi una scuola privata per recuperare gli anni, ne tantomeno lo studio da casa. Tornare a scuola sarebbe strano, l’anno prossimo dovrei essere in quarta e non posso ricominciare dalla prima. L’unica mia alternativa è fare un corso serale ma non ne sono molto convinta; mia madre torna stanca dal lavoro e non mi va di chiederle di stare sveglia fino alle 11 per venirmi a prendere. In più quei corsi sono abbastanza lontani dal mio paese e i miei genitori hanno già i loro problemi, sia economici che non. 

Ammetto che l’unico motivo per cui voglio continuare gli studi è per avere un diploma in mano, non perché ci sia una scuola che mi piaccia o interessi veramente. Senza contare che, purtroppo, non sono portata per lo studio. Ho sempre avuto voti mediocri. Le uniche scuole che (forse) vorrei fare sono l’accademia di make-up artist o un corso per diventare tatuatrice. Ma costano parecchio e di conseguenza, se decidessi di frequentarne una, i miei genitori dovrebbero richiedere un prestito. (Lo so perché ne avevamo già parlato). E in più nessuno mi assicura che effettivamente troverei lavoro come truccatrice o tatuatrice, visto che sono lavori difficili e c’è moltissima competizione. Rimarrei comunque una ragazza senza titoli di studio. 

In tutto ciò mi vergogno di me stessa, vedo i miei coetanei andare a scuola e io sono a casa a fare niente. Mi sono anche ridotta a non parlare con nessuno e non ho letteralmente amici. Se esco di casa una/due volta alla settimana è tanto. Nell’ultimo periodo ho quasi perso interesse a fare qualsiasi cosa...Non che abbia mai avuto particolari hobby. Le uniche cose che mi siano mai piaciute sono leggere, scrivere, truccarmi, guardare serie tv e/o film. 

Passo la giornata a letto a dormire o a leggere, visto che per me è un vero e propio sfogo. In più, non avendo amici, non so con chi svagarmi.

Non ho neanche parenti (per esempio cugini) con cui posso uscire o chiedere consiglio...Non ho voglia di fare niente. Non penso assolutamente di essere depressa, ma c’è sicuramente qualcosa che non va. Non è possibile che a 16 anni io sia ridotta così. Dovrei essere felice e spensierata invece no. Senza contare la negatività che c’è in casa. Mio padre è sempre incazzato e ci prende a parolacce dal mattino alla sera. Non gli va mai bene niente e ha sempre ragione lui. Più volte l’ho beccato su siti di incontri ma non ho mai avuto il coraggio di dirlo a nessuno, anche perché nell’armadio ha una pistola e vivo con il terrore che un giorno possa usarla. (Purtroppo non sto scherzando, mi capita anche di fare incubi su questa cosa). Non è un tipo violento (fisicamente) ma con tutto quello che sta passando....(Ha perso il lavoro e ha problemi fisici). 

Alla fine mi sento in colpa anche con lui. 

E anche con mia mamma. Sono sempre stati dei bravi genitori, nonostante i vari litigi, e non si meritano una figlia fallita come me...Almeno sono contenta che ci sia mia sorella, che seppur piccolina,(va alle elementari) porta a casa voti bellissimi e studia molto. 

Mi sento una fallita già a 16 anni...

 

Mer

17

Ott

2018

Vorrei essere nata "normale"

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Sono DSA, per la precisione, ho la Discalculia.

Per quanto ho letto, è abbastanza raro trovare una persona che abbia solamente discalculia, dato che di solito un individuo DSA presenta entrambi i disturbi specifici (Dislessia + Discalculia). Ma io sono "affetta" solo da quest'ultima.

In 5° elementare cominciai ad avere problemi di calcolo, i miei voti andarono dunque a diminuire (da 8 a 5), mentre all'inizio delle medie, i miei voti scesero a 2.
La mia insegnante di Matematica mi scambiò per qualche ragazza con problemi mentali "gravi", così tanto che un giorno chiese a mio padre se fossi una Down.

Tutti mi offendevano quando si rendevano conto delle mie grandissimi difficoltà in matematica. Persino i miei genitori...Per loro ero solamente pigra, una stupida.
Sentire ogni giorno quanto fossi inutile e ritardata, mi fece abbassare l'autostima in maniera spaventosa. così tanto che pensai di essere veramente un caso perso.

Poi, dopo giorni di ospedale per via di malesseri, mi diagnosticarono finalmente la Discalculia.

I miei genitori si resero conto dei propri errori, e capirono finalmente cosa avessi.

Ma io, pur sapendo finalmente il nome del mio disturbo, non riuscì più a pensare in positivo.

"Grazie" a tutte quelle persone, smisi definitivamente di provare a migliorare in quella materia.

Ormai sapevo già la risposta dei professori: "Hai sbagliato", "non hai studiato", "ti distrai sempre".

Così, smettevo direttamente di fare i compiti assegnati per casa.

Ora, non so se fosse stato per questo, ma tutt'ora soffro di emicranie ogni volta che cerco di calcolare qualcosa. Anche solo cercando di capire, mi ritrovo con un mal di testa assurdo e le lacrime, per il dolore e la vergogna.

NESSUNO ha mai cercato seriamente di aiutarmi. Ora ho persino ODIO quando qualcuno finge di volermi aiutare. Sono tutti bravissimi ad alzare la manina e dire "Ti aiuterò io! farò in modo che tu possa capire senza problemi il quesito di matematica!"
Cazzate.
Dopo nemmeno dieci minuti, li sento già sbuffando e cominciano ad offendermi. Dopo, "stranamente", sono troppo occupati a volermi spiegare l'esercizio.

Gli insegnanti mi mandarono diverse volte (senza consenso dei miei genitori) da una professoressa di sostegno, che, invece, non sapeva far altro che buttarmi ancora più giù. Dicendo che mi dovevo vergognare di essere così ignorante. Ogni anno cercarono di persuadere i miei genitori a costringermi a studiare con un'insegnante di sostegno, ma grazie al cielo, non accettarono mai.

Tutt'ora quando mi chiedono quesiti di matematica, mi tocca sentire l'ignoranza della gente:
"Sei stupida! Che cretina, hai 18 anni e non sai fare un calcolo così semplice?"
è quasi diventata la mia frase preferita.

Nessun insegnante cercò veramente di aiutarmi. Non so nemmeno io come iniziare a cercare di migliorare. Ormai ho perso completamente la speranza.

Ora non so nemmeno io come accidenti potrò fare all'esame di maturità che mi attende quest'anno.

Tutti fingono che io sia solo pigra, oppure fingevano di essere psicologi e insistevano con il fatto che -secondo loro- avessi bassa autostima. (Cosa assolutamente non vera. Ho un bel po' di autostima, in più nelle altre materie ho voti positivi (da 6 fino al 8), se veramente fosse stata solamente mancanza di voglia di studiare, sarebbe stata la stessa situazione anche per tutte le altre materie, non credete? )

Ormai sono fritta. Nessuno ha mai cercato veramente di aiutarmi a superare questo mio disturbo, nemmeno io so dove trovare le basi per potermela cavare da sola. Su internet trovo solamente esercizi di recupero per Dislessici. A scuola mi avevano promesso di mandarmi dei materiali, cosa che non ho mai visto da 5 anni.So solamente che non verrò sicuramente ammessa all'esame per via di quella odiosa materia che mi rovinerà di più l'esistenza.

Mar

16

Ott

2018

Basta scuola.

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Ira

mi sono rotta i coglioni studiare ormai mi fa schifo ma non tanto studiare in se, bensi le materie che sono costretta a fare! ho dovuto scegliere lo scientifico perche anche se non me l'hanno detto direttamente i miei mi hanno messo un sacco di pressione e mi sono sentita costretta per accontentarli. Si, sono stata una stupida e si, me ne pento, ma cosa ti aspetti da una bambina di 12 anni? che scelga la scuola da frequentare per i prossimi cinque anni (si spera), con sule spalle pochissima esperienza e senza neanche avere idea di quali alternative esistono e quali avrebbe potuto scegliere? giustamente a quei tempi sono andata per la prima cosa che mi hanno consigliato, visto che non avevo idea di cosa altro avrei potuto scegliere e visto che i miei sembravano tenerci così tanto. Ora sono al terzo anno e me ne pento tantissimo ma proprio tantissimo, ma ormai è tardi per cambiare. sento di aver butato la mia vita, di aerla sprecata facendo questa scelta sbagliata del cazzo... ora sono incazzatissima e disperata, ma non so con chi prendermela. Con me stessa? Con i miei? diciamo un mix di entrambi. e niente fra voglio morire troppissimo lol ma be che dire ormai ci sono dentro non capisco neanche a che serve andarci visto che pianifico di suicidarmi prima dei diciotto anni lmao

 

no sul serio aiuto non so che fare vorrei non averla mai scelta anche perche sono una tipa unn sacco problematica ho tipo 47 disturbi di personalita e ansia e paranoie e non cia faccccccccccc 

Tags: scuola, aiuto, ew

Sab

29

Set

2018

"Mi infastidisce che tu vada a scuola"

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Ira

È ciò che mi hai detto stamani.

Ero occupatissima per i 3 esami che dovrò fare in questi mesi, non ti ho potuta aiutare a lavoro.

Non ti avevo mai promesso di aiutarti al tuo lavoro, sopratutto ora che sono molto impegnata. Ma cosa vuol dire quella frase così idiota?

"Mi infastidisce che tu vada a scuola. Non mi hai aiutata. Se ti serve aiuto, non chiedere a me"

Andiamo. Andiamo!

Potresti capire, no? Tu hai abbandonato la scuola da quasi due anni. Sei tu che hai deciso di andare a lavorare. Sai come funziona la scuola, gli esami, il tempo che mi serve per studiare. Ma allora cos'è questa frase, detto in modo così acido?

Entrambe non abbiamo tempo, a parte il sabato.

Il sabato siamo entrambe libere: io non ho lezione. Ma tu, di mattina, hai lavoro.

Ma se devo studiare, come ti ho detto diverse volte, perché dovresti lamentarti e sbuffare come una bambina?

 Sono maturanda, quest'anno. Ho bisogno di studiare. E sai benissimo che di mattina ho anche scuola guida. Dunque non puoi cominciare a dirmi che sono IO che non voglio aiutare.

Smettila di fare l'egoista. Tu non hai voluto continuare la scuola? Allora piantala di farla lunga e di mandarmi accidenti. Hai voluto mandare tutti quegli anni di studio per poi ritrovati a fare un lavoro che nemmeno ti piace? Non è affar mio.

Cresci. E impara a non aspettarti che ti faccia da babysitter. Perché alla fine mandi ME a fare il tuo lavoro, mentre ti metti a usare il cellulare e a parlare con i tuoi amichetti.

Se sono io "l'immatura", guardati allo specchio, idiota.

Lun

17

Set

2018

Mi sono infatuato di un mio compagno di classe

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Ciao a tutti, come avrete letto nel titolo mi sono infatuato di un mio compagno di classe.

La situazione è abbastanza complicata per me: sono bisessuale ma nessuno lo sa (tranne i fidati) perché mi sono reso conto col tempo di avere attorno a me gente abbastanza omofoba e non mi sento pronto ad affrontare la cosa

Fatto sta che mi sono infatuato di un mio compagno di classe. Lo è dalla prima media e ora sono in quarto superiore, quindi ci conosciamo da abbastanza anni e dal mio punto di vista questo rende le cose ancora più difficili perché non riuscirei mai a trovare un approccio con lui, per capire se potrebbe ricambiarmi, dopo non averlo fatto per anni. 

Il problema è che è etero... lui dice così nonostante molte volte siano delle facciate, per questo mi piacerebbe entrarci in confidenza per scoprire di più su di lui... ma proprio non so come fare, abitiamo in vie parallele del nostro paesino ma quando dobbiamo tornare da scuola a casa lui cammina davanti a me andandosene per una strada praticamente uguale alla mia ma da solo. 

Io per lui sono semplicemente un compagno di classe, lo sono sempre stato, ma io mi sono infatuato nonostante tutto dei suoi modi di fare da ragazzo educato, dolce e timido e cerco di togliermelo dalla testa da un anno intero invano.   

Non so proprio come affrontare la cosa, essendo profondamente insicuro riguardo argomenti del genere. 

Dom

16

Set

2018

Ansia sociale e scuola

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Ira

Ho 14 anni e domani per me iniziano le superiori, avendo l'ansia sociale ho paura di stare in disparte e non parlare con nessuno, mi sono davvero rotta, non ne posso più di stare da sola!

Tags: scuola, rabbia

Gio

13

Set

2018

puzza di pizza si sfoga

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Come si fa a piacersi?

vorrei essere bella, magra, spigliata nel parlare, non timida come una stupida insalata monocolore. Voglio essere una pizza farcita e voglio far sentire agli altri l'odore della pizza appena sfornata come si sente l'odore di una bella ragazza. MA a scuola non mi impegno, non mi curo troppo, mi vesto dimmerda potente, non ho voglia di fare niente tutto il giorno, il mio maledetto ragazzo vive a 500 km lontano da me e i miei non vogliono farmi andare da lui a trovarlo, non so cosa farò all'università e in quale città, non ho amici di sesso maschile (vi giuro è terribile più di quanto sembri), odio le mie amiche, ho un rapporto terribile con i miei genitori, poichè mi fanno sempre sentire una merda e ci riescono pure bene.  insomma la base della pizza è pronta perchè comunque sono bella di viso modestamente parlando (me lo dicono eh mica me lo invento) e ho la buona volontà di cambiare. Ma come fare a cambiare? e diventare da un' insalata insipida a una pizza succosa?

andare in palestra? i miei non vogliono

comprarsi vestiti carini? i miei non mi danno soldi e io mi ritrovo con 4 euro nel portafoglio

insomma ho un casino esagerato da mettere a posto. Quanto tempo ci vorrà per la mia pizza? 

Ven

07

Set

2018

Nonna che vuole fare la maestra

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Ira

Mia suocera è maestra di scuola materna. È molto brava nel suo lavoro. Lei pretende che scrivo mio figlio nella sua classe. Per fagioni che non vi sto a dire io son contraria e molto spaventata che mio figlio posso avere problemi all'elementari perché all asiloprotetto dalla nonna. Mi ha minacciata e lo devo fare. Odio la sua impertinenza e il suo fare autoritario. Io a priori non lo iscrivo ho deciso di mandarlo in un asilo privato. Ma secondo voi potrebbe essere una buona idea mandare mio figlio nella scuola della nonna?

Mer

15

Ago

2018

Sono l'unico al mondo?

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Non so da cosa cominciare... vi dirò qualcosa di me

Sono un ragazzo di 16 anni, non mi manca principalmente nulla. I miei genitori mi vogliono bene, ho un fratellino di 2 anni con cui gioco sempre, un po' d'amici a cui scrivo per stare meglio ogni giorno... senza risultato.

 I miei problemi cominciano con la scuola, non sono stupido o cos'altro, le cose potrei benissimo capirle, ma è come se il mio cervello si rifiutasse. Per quanto ogni tanto ci provi, e sappia che è sbagliato, non studio nulla e voglio lasciare la scuola in quanto la vedo come limitazione e come spreco. Non mi aspetto nulla dal futuro oltre che la morte.

Ho dei desideri, come convivere con 2 miei amici, che non si realizzeranno mai

Ma il mio più grande problema, è LEI. Ho questo problema (perchè è già successo in modo simile), che mi fa innamorare di una ragazza che non conosco principalemente... è una ragazza "famosa" (sempre italiana) e la vedo come unico scopo della mia vita. Non riesco a vedere altro nella mia mente. Quando vedo il suo sorriso divento felice e allo stesso momento mi deprimo. Nulla è più importante di lei. 

Da un po' passo il tenpo a cer are di piangere (per sfogarmi un po'), ma mi riesce difficile...

Voglio bene a tutti i miei cari... ma questa vita mi sta opprimendo. L'unica cosa che vorrei è morire guardandola, e lasciare tutto, sparendo in quei meravigliosi occhi... di una ragazza che è la mia dannazione

Scusate per il poema, pero che qualcuno abbia voglia di leggerselo 

Mar

31

Lug

2018

Gelosia e invidia. Due bastarde che mi hanno sempre rovinato la vita.

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Ciao, sono qui per sfogarmi...

Inizio col dire che, già da bambina, ero la classica pulce solare che amava giocare con gli altri bambini(chi non lo era?) . crescendo, però, le cose cambiarono...

Mi spiego meglio:

Sono nata prematura ed entrambi i miei genitori sono bassi di statura. Genetica vuole che, prendendo sopratutto la corporatura bassa e formosa di mia madre, crebbi bassottina ma proporzionata  al mio corpo. (non pensate che io sia cicciona o altro. Ho dei fianchi molto larghi, ma sono in peso forma. È proprio la mia corporatura.) 

  Che c'entra questo, vi chiederete...

Crescendo, cominciai a capire cosa fosse la Gelosia e L'invidia.

 Il mio corpo mutò prima delle altre mie compagne di scuola. Ovviam ente mi presero di mira per questo motivo.

Non voglio Stare a spiegare cose che potreste già immaginare (depressione, niente amici eccetera), dunque ve lo risparmio.

... 

Non sono quel tipo di ragazza che si fa notare. anzi. Odio essere trattata in modo speciale dagli altri. Io cercavo solamente di starme ne per le mie, cercando di non intralciare nessuno. (Addirittura si lamentano che sono "troppo modesta". Ma se non mi vedo così brava e non me la tiro... non è una cosa positiva, invece?)

Ma la colpa non è la mia...La gelosia e invidia delle altre persone ha sempre rovinato i miei rapporti. 

Ho 18 anni. E in tutti questi anni cercavo almeno un amico con cui parlare. Ma niente.

Ogni gruppetto che riuscivo a fare, andava a finire che mi prendevano in antipatia perché, per loro, ero " troppo immatura e troppo noiosa".

Sì, non fumo e non mi drogo. e dovrei essere immatura?

Oppure, tra di loro, si facevano la guerra per vedere a chi tenevo di più.

Bene, qui inizia la storia...

Ieri sera ho perso la mia unica migliore amica. Per via della sua gelosia.

mi sento male solo a pensarci...

È successo che, per vari motivi, la mia classe è stata chiusa per pochi iscritti (e per troppa immaturità). Ero in 3° superiore, e il preside, vedendo che ero l'unica ad aver voti sufficienti, mi aiutò a poter andare quest'anno direttamente in 5° superiore (ovviamente dopo aver fatto gli esami integrativi.)

La mia migliore amica ha abbandonato la scuola, ma io ho pensato bene di finire almeno la 5°, per poter avere almeno il documento.

Io e lei siamo amiche da ormai 7 anni. Alle medie l'avevo aiutata a superare il bullismo e altre problematiche. Ci volevamo tanto bene, ma verso la prima superiore (sono stata bocciata) cominciò ad avere piccoli atti di gelosia nel confronto delle mie "amiche" dell'epoca.

Cominciò a dire che, sicuro, l'avrei abbandonata. E che trattavo le altre ragazze come migliori amiche pur essendo lei come una sorella per me.

Ora dico: Non ho mai voluto fare a preferenza. Perché so' che è orribile sapere che le altre persone preferiscono altri a posto della tua compagnia. Ma vi assicuro che la maggior parte del mio tempo e delle mie attenzioni la davo alla mia migliore amica.

Qui penso che sia stata anche colpa mia. Perchè mi ritrovai a prestare attenzione solo a lei. Il mio mondo era incentrato su di lei.

Evitavo di uscire con altre persone perché, all'epoca, la mia migliore amica aveva poca autostima. E io cercavo di aiutarla. Non volevo che soffrisse come ho sofferto io, e dunque non volevo farle pensare che non mi importasse niente di lei...

All'inizio, come ho detto, ebbe attacchi di gelosia con le altre persone. (Cioè, è normale. Anche io sono stata gelosa varie volte) ma MAI come lei...

In pratica, usava la tattica della vittima per far passare me nel torto.

Tre/quattro anni fa, capii che la mia "adorata migliore amica" si comportava in maniera immatura. Ma non solo immatura; si comportava da grandissima ipocrita. 

LEI doveva essere al centro dell'attenzione.

LEI aveva sempre ragione, anche se aveva torto marcio. E se non le davi ragione si metteva a fare il muso e ad augurarti le peggio cose, facendo capricci da bambina di sei anni.

Lei ha un comportamento ossessivo compulsivo di lavarsi (pur essendo una persona sporca... Mi dispiace da morire dirlo, veramente. Ma non mi lascia altra scelta...) e ha un 'odio estremo nei confronti delle sue zie (sì. Ciao. Sono la stessa ragazza dello sfogo della migliore amica credulona di magie eccetera...) 

Ieri le ho fatto notare che il suo comportamento malato e ossessivo le stava rovinando i rapporti con la sua famiglia. Le chiesi del perché di questi atti, ma lei andò subito sulle difensive.

Qui comincia il bello, ve lo assicuro.

Io in questi giorni sto studiando per prendere la patente. E ieri sera cominciò ad augurarmi di venir bocciata a scuola guida.

(Wow, da notare la maturità di una ragazza maggiorenne.)

Io, cercando di mantenere la calma, cercavo di essere ragionevole. Le spiegati con calma che il suo comportamento stava diventando estremo. Malato. E che le avrei anche mostrato che tutte le sue credenze riguardanti i malocchi eccetera sono solo suggestioni.

Niente

Cominciò ad essere più aggressiva. Usando la carta della vittima. "Tu non mi capisci", "Ti fai notare dagli altri", " Sei una bambina perfettina". Cazzate del genere. Da qui potevo leggere l'invidia quando ha cominciato ad offendermi.

Le dico che voglio solamente cercare di capire e di aiutarla. E lei che fa?

Mi blocca la chat. Come una brava bambina piccola. A posto di rispondere ad una semplice domanda.

Passano le ore, ma lei non mi sblocca. La chiamo per parlare.

Mi chiude il telefono in faccia.

 Aspetto altre ore, chiamate su chiamate, messaggi su messaggi...fino a che non ce la faccio più e scoppio in lacrime durante la notte, con il cellulare ancora in mano.

Cosa c'entrerebbe la gelosia con questo?

Prima di bloccarmi mi rinfacciò che, lei, " poverina", aveva deciso di ritirarsi da scuola mentre io sono rimasta. Aveva deciso di non prendere patente, e io la sto prendendo.

 Sentivo la sua gelosia e invidia. E io volevo cercare di creare una mia vita. Cominciando a pensare più ai miei desideri.

Volevo prendere patente per aiutare i miei e per essere indipendente.

Volevo finire la scuola per sentirmi soddisfatta.

Oh, quanto l'ha fatta incazzare questo.

 Esatto.

Tutto questo tempo era mia amica (sicuramente) perché aveva solo bisogno di una persona che la riempiva di attenzioni. Se lei non faceva una cosa, non la dovevo fare nemmeno io.

È vero. Non ha un buon rapporto con la sua famiglia, mentre io ho un bel rapporto di fiducia con la mia. Ma non per questo deve essere stronza e cominciare a farmi venire i sensi di colpa perché LEI sta rovinando la sua vita. Mentre io sto per le mie.

Lei voleva che fossi, alla fine, solo uno zerbino. Le servivo solo per aver ragione. Per sentirsi """ amata""". La elogiavo, le dicevo che era fantastico e che ero felice per lei ad ogni suo traguardo.

Ma non è mai successo il contrario. Sminuiva sempre i miei traguardi. O rispondeva come se non fosse una cosa così importante.

 Se vedeste come si comportava con me e come invece si comportava con gli altri, vi sareste accorti che elogiava più gli altri che me. E non usava mai la carta della vittima con nessuno dei suoi amici.

Io l'amavo come una sorella di sangue. E ora mi trovo da sola, senza amici, perchè sono stata così cieca a sacrificare una vita sociale solo per poter far felice una persona.

Ipocrita. Stronza. Ti sei approfittata della mia gentilezza.

Io mi fidavo ciecamente di te. E tu mi blocchi e mi cancelli dalla tua vita così?! Semplicemente senza pensarci?! 

 Ho problemi a fidarmi della gente, perché da quando ero piccola le persone mi usano per loro comodi. Ora non so che fare, perché sicuramente lei non tornerà a scusarsi. Ha l'ego troppo smisurato per farlo.

Ragazzi, voglio consigliarvi una cosa...

Non state solo con una persona. Cercate di farvi altri amici. Non voglio che altre persone soffrano come sto soffrendo io.

Ammetto di essere stata una cretina a dare tutto il mio amore, la mia "fedeltà" a lei. Ma era la mia prima e unica migliore amica con la A maiuscola. 

...almeno, prima di questo... 

Scuso di sembrare una stupida, ma sto malissimo...ho sempre voluto bene ad una persona alla quale non importava un emerito cazzo di me...mi sento usata, delusa...e ora non so come uscire da questo senso di abbandono... 

Succ » 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16