Tag: divorzio

Lun

22

Lug

2019

Il risveglio.

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

E' un periodo di sfoghi. Sarà che ho toccato il fondo e sto cercando di risalire.. ho passato un periodo moooolto lungo di merda e continua ad andare sempre peggio, però ora l'ho accettato ed ho deciso di prenderla diversamente.
Scopro la testa dalla sabbia, riprendo a svegliarmi presto ed a fare tutte quelle cose che prima segnavo in agenda e lasciavo li a morire perchè ero troppo impegnata a guardare il soffitto e cercare di esorcizzare il dolore in petto. Contatto qualche amico, qualche amica, chiedo scusa, accenno a qualche problema avuto, senza scendere nello specifico per il momento e gli invito a vederci o solo a chiacchierare. Provo a scherzare, ad essere la vera me, a ritrovare la mia testa, la mia identità e nel mentre mi accorgo che ci sono cose della mia attuale vita che oscurano la mia personalità.
Cazzo! Vivo una vita non mia, faccio cose che porca miseria, uccidono il mio essere anzichè svilupparlo, parlo con gente che invece di darmi spunti di riflessione mi da pugni allo stomaco e mi fa salire la gastrite.. e già lo sapevo, già lamento questa cosa da tempo ma sono stata ignorata da chi dovrebbe aiutarmi, e nel frattempo il tempo scorreva ed altri problemi più seri mi hanno distratta.
Mi sento come una principessa chiusa in una torre in attesa del suo principe aguzzino. Io, che per natura sono selvaggia, che sono sempre stata libera e ribelle, sempre autonoma ed indipendente mi ritrovo oggi, bloccata, senza via d'uscita e destinata ad un futuro che solo a pensarci mi viene il vomito. 
Puoi portarmi i pasti più squisiti, vestiti più carini ed oggetti di alto valore, lo apprezzo, lo vedo l'amore ma tu non riesci a vedere i miei occhi spenti che si accendono solo in alcuni luoghi, solo con certa gente, solo in alcuni momenti dove tutti quei regali sono inutili. E parlarne è inutile visto che hai deciso ed ogni volta come parlare da sola.
Ragazzi ed ora che si fa?

Mer

03

Lug

2019

Divorzio

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Mia madre vuole andarsene. Il matrimonio con mio padre è finito da un bel pezzo, ma lui si rifiuta di ammetterlo. Ormai vivono come due separati: i figli non dovrebbero mettersi in mezzo, ma so che se la famiglia sta andando in pezzi non per colpa di mia mamma. Mio padre ha dei seri problemi a livello psichiatrico, ma non vuole affrontarli:non parla quasi più, sta sempre zitto e quando apre bocca è per gridare. Inoltre, cambia umore da un momento all'altro e diventa irascibile per le cose più stupide. Cerca di farci sentire in colpa anche per cose con cui noi non abbiamo nulla a che fare. Non ha mai voluto spendere un soldo per me e mio fratello che non fosse le cose essenziali, e non perché non ne abbia la possibilità, considerando che prende uno stipendio che in molti non si sognerebbero nemmeno. Qualsiasi cosa gli chiedessimo, anche per le urgenze, la risposta è sempre stata no:finivamo sempre per litigare. Mia madre adesso si trova in difficoltà economiche per alcuni motivi, e lui si è rifiutato di aiutarla nonostante lei abbia sempre contribuito (nei limiti in cui poteva) al sostentamento della famiglia. Così ha preso la decisione di andare da un avvocato e chiedere finalmente dopo anni di sopportazione e violenze psicologiche la separazione. Solo che lei non sa come muoversi, perché non ha le possibilità per pagare un avvocato. Volendo, potrebbe far pagare a lui le spese legali? Qualcuno ha qualche consiglio in merito? Grazie. 

Mar

02

Lug

2019

Dopo il divorzio sono stato con prostitute.

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Lussuria

Ciao.

Sono un quarantenne, divorziato.

Non avevo mai tradito mia moglie. E praticamente ero stato sempre solo con lei dai diciotto anni. 

Dopo il divorzio, non sono riuscito ad instaurare nuove relazioni, che andassero oltre l'amicizia.

Faccio una vita dura, ho poco tempo e guadagno poco. Faccio il massimo che posso.

In questa situazione, non ho avuto rapporti sessuali per alcuni anni.

Fino a che, ho deciso di recarmi a prostitute. Fino a che non avrò una nuova compagna. Almeno un paio di volte al mese.

Penso di fare bene. Cerco di portare rispetto a queste donne, che lo meritano. Lascio decidere a loro cosa si sentono di fare. Faccio solo sesso protetto.

Sinceramenre, credo a volte sia l'unico modo.

Un maschio adulto ha bisogno di avere dei rapporti. La prostituzione è inevitabile. E casomai, ci si dovrebbe preoccupare di migliorare le condizioni di vita di queste donne. Invece di stigmatizzare il cliente o la prostituta. 

Ven

14

Giu

2019

Come fai?

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Abbiamo appena divorziato... e dopo solo sei mesi mi hai già digerita. Hai già deciso tu - come d'altronde facevi anche quando eravamo sposati - che saremo amici. Mi vuoi nella tua vita, dici. Mi hai fatto pesare ogni singola cosa che hai fatto per me, come se mi facessi un favore. I soldi che mi hai prestato mentre eravamo assieme. Perché di prestito si parlava con te, anche con la fede al dito. 
Io non ti voglio nella mia vita. Nessuno mi ha mai fatto vergognare così tanto come hai fatto tu. Nessuno mi ha mai fatto sentire così manchevole. Perché mi "accontentavo" del mio lavoro, delle mie amicizie. A nessuno ho permesso di rifiutarmi per così tanti anni a letto come ho fatto con te. E pensi che dopo tutte le lacrime che ci sono state, sia scontato passare da quell'amore che si è perso all'amicizia? 
Non stare lì a cercarmi. Non abbiamo figli, proprietà, nulla di condiviso. Non c'è motivo per cui io debba risponderti.

Lun

07

Gen

2019

Mi piacerebbe che il mio ex divorziasse

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Invidia

Tanti anni fa, sono stata lasciata dopo molti anni di fidanzamento da un uomo che ammetto : fu onesto con me.

Mi confessò di essersi innamorato di un'altra  e dopo poco la sposo'.

Io credevo che scherzasse, non avevo rilevato alcun sintomo di stanchezza da parte sua, solo che non mi stimava molto secondo me. Non apprezzava il mio carattere espansivo e scanzonato, voleva forse una con la laurea e non con il diploma come me, una più morigerata è composta. Io non cambiai mai, non rinuncio a me stessa. 

Io sono ancora sola, non sono riuscita più a trovare L' Amore.

Credo che sia colpa di questo antico trauma che mi porto' a depressione e sedute di psicoterapia se ora sono ancora piena di astio.

Ho sofferto molto, ne sono uscita,ma ad oggi trovo ancora difficoltoso fidarmi e trovare la persona giusta, credo che sia destino che io rimanga da sola. 

Mi piacerebbe che anche lui fosse tradito e che divorziasse così soffrirebbe come ho sofferto io e che restasse da solo, come me.

Mer

19

Set

2018

spero che si lascino

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Superbia

i miei genitori litigano abbastanza spesso anche se non tanto da separarsi, a è normale che io desideri che si separino? mi sento in colpa a pensarlo ma econdo me starei meglio se si separassero, lo so che è n pensiero stupido e che ci sono person che vorrebbero che i loro tornassero insieme eccetera, ma non posso fare a meno di pensarela così

Gio

09

Ago

2018

Consiglio

Sfogo di Avatar di HatshepsutHatshepsut | Categoria: Altro

Buonasera a tutti, chiedo consiglio su un problema che mi si è presentato da poco. 

Ci sono due ragazzi sposati da poco. Hanno sempre avuto qualche litigio, solo un paio molto accesi, ma niente che non si potesse risolvere con una chiacchierata a tavolino. 

Lui perde il lavoro ( economicamente messo molto bene) e dice di essere andato in depressione tanto da chiedere il divorzio.

Ha una villa, una macchina nuova ogni 2-3 anni, gli vengono pagate le bollette, è giovane e potrebbe fare qualunque cosa.  

Ora la mia domanda è.... È possibile che sia proprio la perdita del lavoro a portare questa depressione? Forse c è dell' altro ? 

Vorrei sistemare la situazione ma non saprei come fare... Potrei anche farmi gli affari miei ma queste due persone mi sono molto vicine. 

Mar

07

Feb

2017

Valigie

Sfogo di Avatar di ColeridgeColeridge | Categoria: Altro

Ci si lascia. Vabbè ma come ci si lascia.

Sì ok, la cosa migliore è la ragionevolezza. Evitare drammi e isterismi; pianificare per tempo l'uscita di uno dei componenti  della coppia (ok vabbè non proprio uno a caso); tenere d'occhio le spese e ritararsi gradatamente in maniera da starci dentro. 

Tutto giusto. Ma vuoi mettere la goduria di prender su, afferare i primi trolley che cadono giù dallo scaffale in cima all'armadio e infilarci, con studiata casualità, tutte le sue stramaledettissime cianfrusaglie: troppo tempo le hai tollerate, troppe volte hai accarezzato l'idea di prendere e gettarle fuori dalla finestra. Troppe, per resistere a questa tentazione. Pigiama usato con camicie stirate, calzini puliti e calzini barzotti, pantaloni arrotolati in un unico immenso fagotto, mutande con elastico lento che stavano lì da anni, relegate ad inutile accessorio da cassetto. E poi, vuoi mettere: i suoi regali, quel cazzo di intimo rosso regalato a capodanno, le lettere bugiarde, i pensierini riparatori e quelli fuori tempo massimo. Fuori tutto. Fuori da me. Fuori dalla mia vita. Fuori da questa casa. Fuori dai coglioni.

Non è pensabile saltare questo passaggio, non abbandonarsi alla catarsi di un rito che celebri la fuorisucita dalla tua vita della persona responsabile della tua infelicità, della tua insoddisfazione e della tua insicurezza, quella che ti ha rubato la gioventù e alla quale hai dedicato i miglior anni della tua esistenza. E' una ghigliottina virtuale che celebra la fine di una lunga agonia e l'inizio di una nuova era. E tu potevi rinunciarci?

Certamente no, dico tra me e me mentre, in questo esatto momento, sto nel mio letto d'albergo con tutte le valigie aperte, ma non disfatte (ma che scherzi?) rimandando a domattina la disperata ricerca di qualcosa da mettere abbinata a cazzo di cane il meno possibile.

E così anche per me inizia una nuova vita.

Nel frattempo buona notte 

Lun

21

Dic

2015

Non so piu cosa fare!

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Ho 28 anni, sposato da 3 mesi dopo 3 anni di convivenza, e mi sento in una trappola dal quale non posso piu scappare,

Da quando ci siamo conosciuti ci siamo da subito amati molto, ma nel giro di questi 3 anni durante i quali ci siamo sposati ho iniziato a notare un ''calo'' da parte della mia lei (o almeno credo egoisticamente che sia cosi) fino ad arrivare ad oggi, dove ho bisogno di sfogarmi con voi, premetto che ci amiamo ancora ma:

1- i litigi per me non hanno piu senso, quando litighiamo cerco sempre di fare 2 cose, la prima e' mantenere un tono adeguato, cosa che lei non fa, urlandomi e costringendomi alla resa (odio chi urla e quando qualcuno lo fa, alzo bandiera bianca anche se ho ragione piena), la seconda cosa che cerco di fare e' cercare un modo logico di trovare una soluzione, cosa che lei non fa in quanto va subito sulle difensive chiudendosi come un riccio, dopo qualche ora tutto le passa e mi viene a chiedere scusa,io dico che va tutto bene ma il giorno dopo risuccede.

 

2- premetto che sono sempre stato una persona ordinata e che odio il disordine, lei e' una persona pulita ma super disordinata, e non so piu cosa fare!!! mutande a giro per casa, tazze per la colazione lasciate li per giorni (ho fatto una prova a non lavarle per 2 giorni e lei ha fatto colazione in una ciotola per le salse), la cosa che mi fa rabbia e' che io ho un lavoro che mi impegna 9 ore al giorno mentre lei lavora da casa ad orari vari e che quindi si puo dedicare piu di me alla cura della casa, ma ogni giorno quando ritorno la sera da lavoro devo lavare i piatti, sistemare il disordine che ha creato per tutta la casa,( in sostanza ogni cosa che utilizza non la rimette mai a posto) e preparare da mangiare.

 

3- il sesso: inizialmente lo facevamo anche piu di una volta al giorno, adesso se lo facciamo una volta al mese mi ritengo fortunato e stupido allo stesso tempo, stupido perche devo quasi inginocchiarmi ormai per averla, e quando lei si concede mi sembra che lo faccia per farmi un favore e/o a volte mi chiede lei di farlo come se dovesse essere una cosa da programmare e prendere appuntamento, la cosa inizia a darmi fastidio perche' mi sento poco ''virile'', mi piacerebbe che tutto fosse piu spontaneo e credo che questo sia una conseguenza dei primi 2 problemi che abbiamo, ma secondo voi che cosa dovrei fare?

premetto che lei e' una persona molto affettuosa e amorevole nei miei confronti, ma non riesco mai ad affrontare l'argomento a causa della sua reazione quando proviamo ad affrontare una discussione! 

Sab

19

Set

2015

Parità dei sessi???

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Parto con il raccontarvi le squallide vicende di vita vissuta di un mio carissimo amico.
 
La moglie di questo carissimo amico (neanche una gran bellezza) ha pensato bene di far partecipe mezza città del fatto che fra le gambe ha due buchi. Altrimenti qualcuno avrebbe anche potuto non crederci...
Dopo essersi fatta farcire come un tacchino a Natale da barboni ed altri soggetti improbabili e dopo le numerose scene di gelosia di prassi che ne sono conseguite hanno deciso di avviare le pratiche della separazione.
Per farla breve mi sarei aspettato che la fedigrafa andasse in giro con la coda fra le gambe e con le orecchie appese come un cane... pardon... una cagna bastonata consapevole della sua colpa ed invece... neanche per il cavolo. Andava in giro con una facia da saccente sbattendo in faccia al mio amico che aveva i suoi diritti e che avrebbe parlato con il suo avvocato. Già questo sarebbe bastato per riempirla di botte.
In poche parole dopo aver distrutto la vita del mio amico (lo so perchè sono stato io a dovermi subire i suoi lacrimevoli sfoghi) solo per dare sfogo ai suoi pruriti vaginali (gli avrei potuto consigliare il Vagisil) lo ha anche usato come bancomat perchè aveva il "diritto" di farsi mantenere a vita come un parassita. Chissà poi perchè???
Nella sfortuna il mio amico è stato fortunato altrimenti avrebbe rischiato di perdere anche la casa, casa che era dei genitori di lui e in cui lei non c'entrava niente ma in cui intanto si era prontamente insediata.
Il parassita (da adesso in poi la chiamerò così) era solita tenere un diario in cui annotava tutto, ma prorpio tutto ciò che riguardava la sua squallida vita. Un diario, che vi assicuro, era tutto da ridere. Se lo pubblica fa i soldi a palate. In questo diario, che il mio amico era riuscito a sottrargli, c'era scritto letteralmente che lui era un marito fantastico, un padre fantastico però lei voleva un uomo che la facesse sognare, che vivesse ai margini della società. Ebbene si, ancora oggi mi chiedo cosa significa. Grazie a questo diario, il giudice ha capito che la poverina non era in se e ha concesso al mio amico di tenersi casa sua (detto così fa ridere ma è proprio vero, tenersi casa sua è stata una concessione del giudice). Questo grazie anche al fatto che il parassita non ha voluto saperne dell'affidamento del figlio (adottato) perchè così era più libera di... sognare insieme al barbone...

Vi ho raccontato questa triste vicenda perchè, secondo me, è sintomatica di una situazione che ormai è diventata intollerabile ed è una conseguenza di una mentalità malata che ormai perversa nel paese e soprattutto nei media.
Non credevo che uno come me, che è sempre stato convinto sostenitore della parità dei sessi, potesse arrivare a dire certe cose.
Secondo me ci sarà la vera parità dei sessi solo quando la finiremo di parlare di uomo e di donna come se fossero delle categorie ma parleremo solo di persone e quando le donne accetteranno la vera parità dei sessi rinunciando però a tutti i privilegi che sono derivati dal fatto di essere donne e di essere considerate il sesso debole.

Inoltre non riesco a capire come mai in questo paese ci siano così tanti uomini così servili e sottomessi nei confronti delle donne che non fanno altro che fare i leccapiedi. Specialmente nei media. Non puoi accendere la tv senza vedere qualche uomo che si dimena per convincerci di come adora le donne, di come sono migliori di noi uomini, di come si batte per i loro diritti, di come sarebbe bello se avessero il potere, se avessero incarichi importanti ecc
Basta accendere la tv e ti rendi conto che c'è in atto un'opera di lavaggio del cervello per menti fragili. Non senti altro che parlare di donne, donne, solo donne. Come se l'universo girasse intorno a loro. Qualsiasi cosa che le riguarda è un affare di stato come se gliene fregasse qualcosa a qualcuno.

Vi ricordate il discorso del presidente della repubblica per la festa delle donne? E stato imbarazzante, mi sono vergognato per lui. Se veramente pensa le fesserie che ha detto dovrebbe dare le dimissioni e fare presidente una donna che, a detta sua, sarebbe migliore di lui (non è che ci voglia molto).

E la conseguenza di queste idee malate inculcate nella testa della gente, non so a quale scopo, sono leggi ridicole come quella sul divorzio, (Ti sposi, mantieni tua moglie, mantieni tuo figlio, poi ti separi e devi mantenere la tua ex moglie che per te non è più niente, devi mantenere tuo figlio che ovviamente è stato affidato alla tua ex anche se non può mantenerlo, e puoi vedere tuo figlio a rate quando ti concedono di vederlo), sulle quote rosa (ridicolo!!! D'ora in poi per fare un ministro invece di guardare il suo curriculum gli caleremo le mutande per vedere se ha il cazzo o la fica!!!), sul lavoro femminile (un disoccupato è un disoccupato e ha bisogno di lavorare per vivere. Che sia un uomo o una donna non capisco che differenza faccia e a chi interessa), sul femminicidio (Termine che si sono inventati per descrivere una cosa che non esiste!!! Un morto è un morto. Che sia un uomo o una donna non capisco che differenza faccia. Che facciamo morti di serie A e morti di serie B con leggi a personam? Perchè uccidere una donna dovrebbe essere più grave che uccidere un uomo??? Secondo me neanche Freud riuscirebbe a dare una risposta sensata!!!) tutte cose queste che a me fanno solo ridere.

Ho l'impressione di vivere in un mondo in cui non mi riconosco più, in cui sto male e che non riesco più a capire, con leggi e regole ridicole che non accetto ed oltretutto un mondo che non riesco più a prendere sul serio.
Penso che se i nostri nonni vedessero come ci siamo ridotti noi uomini si rigirerebbero nella tomba non prima di averci accuratamente sputato in faccia a tutti.

Possibile che non c'è un uomo a cui sia rimasto un briciolo d'orgoglio. Tutti a fare i servetti.

Io sono fidanzato con una donna che amo tantissimo e che non mi sembra ne una stronza ne una mignotta (ovviamente posso sbagliare) ma non credo che mi sposerò mai con lei. Probabilmente andremo a convivere, se lei mi ama veramente gli starà bene anche così, altrimenti il mondo è grande...
Lo stato italiano non è autorizzato ad impicciarsi con le sue leggi ridicole alla mia vita privata e a quello che faccio a casa mia o con chi convivo. Fatti miei.
Se posso darvi un consiglio tenete lontano lo stato dalla vostra vita e forse rischiate anche di vivere felici. Oggi, con queste leggi, solo un pazzo si sposerebbe. Rischi di trovarti in mutande, senza casa e con un figlio tuo, affidato ovviamente alla madre, che puoi vedere solo quando il giudice (magari un altro uomo) ti concede di poterlo vedere. Non mi sembra il massimo della vita!

Scusate lo sfogo ma mi è uscito dall'anima.

Tags: divorzio
Succ » 1 2