Tag: insicurezza

Dom

16

Giu

2019

fatica a scuola

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Ma una persona che fa fatica con lo studio ma nella vita di tutti i giorni se la cava da solo rispetto agli altri è una persona stupida?

Dom

16

Giu

2019

sentirsi inferiori

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

come posso fare per non sentirmi continuamente inferiore agli altri ? Ogni giorno non faccio altro che svegliarmi e pensare a quanto gli altri siano intelligenti..sono in una fase della vita in cui tutti i miei amici si stanno laureando e fidanzando....io avendo cominciato l'università più tardi ne avrò ancora per un anno ...ogni giorno non faccio altro che pensare a loro come dei geni io non so neanche se ci arriverò a prendere la laurea..inoltre ultimamente mi sta passando per la testa una domanda, ma una persona che studia materie scientifiche è più inteligente rispetto ad una che studia materie umanistiche? io credo di no ma noto parlando con le persone che per la collettività è il contrario

Ven

14

Giu

2019

non voglio essere stupida

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Nella mia breve esistenza da ragazza di 22 anni non è passato un giorno senza che questo pensiero non  mi passasse per la testa. Sin da piccola (anche a causa di traumi familiari abbastanza impegnativi da superare ) ho sempre faticato molto a scuola e nel fare amicizia,ho avuto la fortuna di avere una mamma che però nonostante tutto  tra psicologi,aiuto compiti..ecc. ha sempre accettato il fatto che non fossi molto brava a scuola. Gli anni sono passati e la situazione non è cambiata ,in prima superiore sono stata bocciata al liceo e così feci il cambio scuola per andare in un professionale,la scuola che nella mia città è rinomata per essre rivolta ai scansa fatiche,a mia discolpa devo dire che però la mia non si trattava di poca voglia di studiare ma una vera e propria difficoltà nel memorizzare,nel ricordare e nelle materie scientifiche non ne parliamo. Beh con il cambio scuola le cose sono nettamente migliorate,sia a livello di rendimento( mi sono diplomata con un bel voto abbastanza alto e negli ultimi anni il mio rendimento era molto positivo) che a livello di socializzazione e inoltre grazie all'istito professionale che tutti ritenevano per una scuola per nullafacenti ho capito il lavoro che voglio fare nella mia vita,essendo un sociale ho praticato molti tirocini sin dalla terza superiore con bambini,anziani e disabili..e cavolo quando ho potuto lavorare con questi ultimi avevo un'energia pazzesca,sono brava in questo e scoprire una cosa in cui sono brava ha cominciato a darmi sicurezza. Qual'è il problema quindi? tutto sembra essersi risolto...beh il problema è che sono circondata da amici che sono usciti da licei,la mia migliore amica inoltre a livello scolastico è un genio nelle materie scientifiche e ciò non fa altro che farmi sentire una stupida,penso...in confronto ..di non valere nulla..e ora che si è laureata e tutti i miei amici pian piano si stanno laureando ...non faccio altro che reputarmi stupida..anche io sono in università e faccio scienze dell'educazione ma i miei tempi per preparare un esame sono abbastanza lunghi,non è che non mi impegno ma è proprio una questione di difficoltà nella concentrazione,nell'apprendimento..le cose che leggo le capisco ma è a memorizzarle che faccio una fatica matta e in più soffro di attacchi d'ansia abbastanza frequenti..(anche per la situazione familiare dove praticamente mentre studio oltre a fare due lavoretti per aiutare in casa devo fare da badante a mia nonna e sopportare mia madre che soffre anche lei di..più che attacchi di panico sono veri e propri crolli nervosi..ma non la biasimo ..in fondo è una brava mamma e mi vuoe bene e con tutto quello che ha passato non le posso dire nulla)

Tutti si laureano in displine complesse con il massimo ed io...scienze dell'educazione...andrò fuori corso ...faccio na fatica bestia..e ci si mette anche la situazione sentimentale..non ho fatto altro che trovarmi davanti a casi umani che mi dovevo far andar bene pecìrchè ..chi vorrebbe mai stare con me .. tutti fidanzati belli,i felici, intelligentie lo so.."tutti hanno i loro problemi" e ok ma conosco chi mi sta intorno...

Vorrei provare agli altri e a me stessa di non essere stupida,che ok non sono mai stata bravissima a scuola ma sono una persona sgaggia,in gamba che può reputarsi all'altezza della situzaione e degli altri.... 

Mar

21

Mag

2019

Relazione e insicurezze fisiche

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Sono sempre stata molto insicura riguardo al mio aspetto fisico: ho un volto banale, comunissimi occhi e capelli castani e, pur essendo normopeso, non sono affatto tonica. L'unica parte del mio corpo che mi piaceva era il seno: una terza soda e dalla bella forma. Parlo al passato perché adesso lo detesto.

Il mio ragazzo, con cui ormai sto da diversi anni, qualche mese dopo l'inizio della nostra relazione, dopo un viaggio con degli amici nella località di mare dove si trovava anche la sua ex (con cui aveva avuto una precedente relazione di pochi mesi), ha avuto qualche ripensamento su di noi. Insomma non era più così sicuro di aver dimenticato lei e di voler stare ancora con me. Ci siamo presi una decina di giorni di pausa e lui alla fine ha deciso di stare con me. Nonostante avesse scelto me, le mie insicurezze si sono nutrite di questa situazione: da quel momento ho iniziato a confrontarmi con la sua ex che aveva un seno molto abbondante.

Dopo qualche tempo vedo che sui social lui commenta diverse modelle e attrici dal seno prosperoso coi suoi amici, dicendosi contento del fatto che siano state rubate alcune foto intime di queste donne. Suggerendo di fatto cosa avrebbe fatto di quelle foto. E io mi sono sentita molto umiliata. Non solo per la solita questione dell'insicurezza e degli inevitabili confronti che ho fatto fra me e loro (uscendone ovviamente annientata); ma anche per il fatto di aver pubblicamente ammesso di masturbarsi su foto di altre donne, rendendolo così noto ai miei amici e alle mie amiche. 

Andando avanti ancora nel tempo ho trovato sul suo cellulare alcune foto di ragazze della zona, prese da un noto social, e salvate in una cartella nascosta. Andando a vedere l'orario di salvataggio delle foto, è saltato fuori che erano state tutte salvate dopo la mezzanotte (spesso dopo avermi dato la buonanotte). Cosa ci faceva con quelle foto? Lui sostiene di aver utilizzato il social per farsi i fatti altrui e che il cellulare le abbia scaricate e salvate (tutte belle ordinate in una cartella nascosta) di sua spontanea volontà. Anche in questo caso mi sono sentita umiliata, oltre che orrenda.

Proprio per questi continui colpi alla mia autostima, ho iniziato delle diete drastiche (di cui non avrei bisogno, stando a vedere i medici) e a fare palestra di continuo (nonostante venga da un infortunio). Inutile dire che il mio seno è calato vistosamente a causa della perdita di peso e che io sto pure peggio. Adesso non riesco a mangiare senza sentirmi in colpa, so che mi sto facendo male ma non riesco a smettere.

L'ho confrontato in tutti i casi citati sopra, ho chiesto spiegazioni, ho espresso i miei sentimenti, ma lui continua ad assicurarmi il suo amore e ogni discussione si conclude con la convinzione, da parte mia, di essere io esagerata, troppo insicura e gelosa.

Non so più cosa fare. Voi cosa ne pensate? 

Mer

08

Mag

2019

Mi sono rotto il ca.......

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

 

Sono un adolescente semplice di 17 anni e non sono mai riuscito  a comunicare tranquillamente con altra gente (tranne quella piu stretta e cara) cioe mi sale sempre l'ansia inoltre sono balbuziente e molto insicuro di me  (per colpa della balbuzie)......... Comunque in questo periodo mi sto conoscendo con una ragazza e questa mia insicurezza balbuzie e ansia mi danno fastidio e mi fanno fard brutte figure per caso ce n'è qualcuno che ha o ha avuto il mio stesso problema se si come avete risolto?  

 Scusate se non c'azzecca.

Mer

20

Mar

2019

Bisogno di gente che risponda schiettamente

Sfogo di Avatar di NickacasoNickacaso | Categoria: Altro

Facendola breve a causa di impegni universitari e lavorativi ho perso 5 chili in una settimana e questo ovviamente ha causato problemi al seno che è passato da una quinta abbondante ad una quarta scarsa/terza abbondante, il vero problema è che si è abbassato e svuotato abbastanza nella parte alta(molto evidente quando metto dei reggiseni a causa di smagliature varie). La mia domanda è semplice, sapendo già di essere un’idiota per sta cosa che era evitabile, sinceramente questa situazione in un contesto sessuale quanto potrebbe frenare l’altro o provocare schifo? Rispondete con tutta la sincerità di cui disponete perché ho bisogno di sapere realmente se sarebbe un problema o è più nella mia testa

Mer

27

Feb

2019

Triste e brutta

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Superbia

Nessun ragazzo ha mai fatto apprezzamenti sul mio fisico o sul mio viso e nessuno mi ha mai detto di essere bella. Nemmeno il mio ragazzo (conosciuto online) la prima volta che mi ha vista in cam mi ha detto che avevo la faccia da stronza....... autostima zero..... ma ho imparato a viverci. Solo che è dura per una donna non essere bella, tradisci le aspettative generali. Per farmi apprezzare vorrei sfoderare un bello sguardo coinvolgente o cose del genere e invece devo puntare tutto sulla simpatia (che si traduce in autoironia e sarcasmo, che pochissimi comprendono). Come può qualcuno che si considera e viene considerato brutto avere fiducia in se stesso/a ? Perché oggettivamente una persona brutta ma confident raggiunge molti traguardi pur non essendo bella. Ebbene a me mancano sia la confidence che la bellezza . E quanto è vero che una quarta di seno e gambe lunghe tre metri non attizzano nessuno se a portarle è una betoniera insicura

Dom

24

Feb

2019

Cattiveria repressa

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Ira

Penso di essere la persona apparentemente più buona o quantomeno a livello di fatti (22 anni)

 - Soffro di ansia sociale (probabilmente,visto che non ne parlerei mai con nessuno)

 - sono terribilmente insicuro/timido o qualcosa del genere

Vorrei tanto socializzare con altre persone ma semplicemente non posso! mi sento malissimo,ho pochissimi amici conosciuti in precedenza e tra impegnati con ragazze(io non parlo con nessuno,figuriamoci con le ragazze) o altro talvolta sono a casa nel fine settimana! 

Tendo  a farmi mettere i piedi in testa da chi è stronzo e non,perchè si,persino le persone buone in certi contesti mi mettono i piedi in testa in quanto praticamente parlo meno di 0.ma più che altro mi mandano in bestia gli stronzi,perchè si,loro hanno capito come si campa in questo mondo,tanto ognuno è propenso a fottere il prossimo e so che anche se battezzassi di violenza una di queste persone non basterebbe mai,il mondo ne è pieno!

Iniziai a fare il pugile e devo dire che mi sta aiutando molto con la propria autostima,ma non è effettivamente quello che mi manca,sono tutto un insieme di cose!

Riesco a sentire la cattiveria dentro di me,ma per il mio temperamento non posso fare niente! non so letteralmente parlare quindi non posso rispondere male a tutte queste persone stronze e non,vorrei fare del male fisicamente,ma qualcosa me lo impedisce!! so che se una persona per strada mi mandasse in bestia e mi mettesse le mani addosso,preso dall'ira le farei terribilmente male,penso che arriverei a picchiare persino chi lo difende nella foga.

Voglio davvero far soffrire gli altri(perlomeno quelli che secondo me lo meritano),tanto superficiali, che non sanno niente di me e sparano o quantomeno pensano ( in base al loro comportamento sono convinto di sapere cosa pensano di me e non parlando manco mi confronto). 

Secondo me avanti così prima o poi schizzo e chissà che succede. 

NO CHE NON SONO PENTITO,IO NON HO MAI FATTO NULLA DI MALE,NON HO SCELTO IO QUESTA CONDIZIONE.È IL MIO TEMPERAMENTO O QUALCOSA CHE MI HANNO INCULCATO,VAFFANCULO A TUTTI!(scusa tipo tranquillo). 

Lun

21

Gen

2019

Corna lunghe...7 anni.

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

La mia è la classica storia sentita e risentita, lei (S) ama lui (A), ma lui (A) la tradisce con l'altra che a sua volta è innamorata di lui(A). Ed io non ce la faccio più, perchè in tutto ciò io sono "l'altra". 

E' iniziato tutto a Marzo 2012, io ero una ragazzina avevo solo 17 anni, mentre A ne aveva  22. Ci conosciamo ad una festa e da lì iniziamo ad uscire ogni tanto assieme, peccato che ad Agosto 2012 scopro tramite delle foto di vacanze postate sui social che è fidanzato da 5 anni con un'altra e che quando ci siamo conosciuti erano solo in un periodo di crisi. Mollo il colpo per qualche mese e lui fa lo stesso, ma a Dicembre 2012 ricompare organizzandomi una mega festa per il mio diciottesimo (e quella sera andammo a letto assieme per la prima volta). A quel punto, visto lo sbattimento che si è fatto gli credo quando mi dice che si è lasciato, ma dopo qualche mese scompare e ritorna da S.. Incazzata come una iena, io, lo cancello completamente dalla mia vita, volto pagina e conosco un ragazzo con il quale mi fidanzo per 3 anni. 

A Settembre 2015 mi succede una cosa che non auguro a nessuno, il mio ex mi alza le mani. Ci lasciamo e anche A ed S si lasciano nello stesso mese. (forse per la prima vera volta in modo ufficiale) dopo che A viene a sapere di ciò che mi è successo, mi contatta per sapere come sto e mi chiede di vederci per fare due chiacchere, io come una cretina accetto e da quel giorno iniziamo a frequentarci in modo continuativo e molto più frequente delle altre volte, trascorriamo molto tempo assieme, inizio a fermarmi da lui a domire ecc.. MA dopo qualche mese di tranquillità e presunta stabilità scopro che la ex lo tartassa di messaggi e lettere chiedendogli di riprovare ed io decido di lasciarlo andare scomparendo. Lui torna con lei ed io vedo altre persone. Lo scorso anno ci rivediamo per caso e mi racconta dei suoi nuovi progetti e di aver preso casa, così mi invita a vederla. Da quel giorno ad oggi continua il nostro rapporto da amanti. Chiunque si chiede perchè A non lasci S dato che è stracornuta, ma io sono arrivata alla conclusione che A non lascerà mai S, perche dopo 12 anni di relazione lui mi dice che è già tutto scritto, che non può ricominciare qualcosa a 29 anni, che ormai sono fidanzati in casa e le loro famiglie sono unitissime. Ma mi dice anche che lei è noiosa, troppo seriosa e sempre presa con il lavoro, poco dolce e romantica e che praticamente non fanno mai sesso. E mi chiedo come un ragazzo come A che è determinato, sempre vivace, con tanta voglia di vivere, pieno di passioni (uguali alle mie) possa stare e soprattutto accettare di stare con una che non c'entra nulla con lui? E soprattuto se sta così bene con me come dice.. perchè non trova il coraggio di lasciarla?

Lui mi ripete di continuo che io sono la ragazza perfetta, che con me è mille volte meglio ecc, ma poi rimane coon lei! preferisce davvero passare tutta la vita con una ragazza che non ama e che tradisce di continuo, piuttosto che buttare via la "certezza" che ha dall'altra parte per qualcosa di "sconosciuto" che potrei dargli io?  So che a lui pesa tanto la storie delle familie e il dover ricominciare da zero con un'altra persona... ma trovo davvero assurdo che uno determinato come lui in tutto, poi si accontenti di una relazione tiempida.(per non dire del tutto fredda). 

Io mi sento completamente incasinata, perchè sono palesemente innamorata di lui, ma ho accettato per troppo tempo di essere la sua amante ed io non voglio più essere l'amante di nessuno. O la lascia e si butta in questa cosa con me o sono costretta a malincuore a lasciarlo andare e non vederlo più ( anche se so che non riuscirò mai a voltare per davvero questa pagina), proprio perchè non mi ha mai dato la possibilità di provarci seriamente con lui, io ogni volta che mi vedrò con un altro penserò al " chissà come sarebbe stato conA" ...  

Non so che fare, sono davvero triste per questa situazione!! 

Sab

22

Dic

2018

Voglio stare solo per un po', devo ascoltarmi

Sfogo di Avatar di Mela2019Mela2019 | Categoria: Altro

Frequentazione chiusa dopo 3 mesi per volere suo. Aveva già procrastinato qualche appuntamento, telefonicamente l'ho sentito più freddo. Ma mi ha proposto un viaggio, mi ha portato le brioches calde a casa per tutta la famiglia, nonostante la freddezza nel darmele. Per i due giorni seguenti non si è fatto sentire, il terzo mi ha mandato un messaggio dicendomi di voler stare un po' solo per ascoltarsi profondamente e cambiare alcune cose della sua vita. Lui ha 40 anni, e non ha lavoro stabile e sente il bisogno di cambiare casa perché quella ereditata dai familiari gli infonde brutti ricordi. Io ho 23 anni. Vorrei capire effettivamente il problema quale è. Nell'ultimo mese uscivamo, alcune volte era molto preso, altre sembrava annoiato... Io sono timida ed insicura e mi tormento pensando di non aver potuto dare il massimo per via della mia inibizione e non riesco a perdonarmelo...Di fatti le serate prendevano la stessa piega che avevo io quando uscivo di casa. Se ero sicura di me andava bene, se uscivo con la paura di non farlo stare bene puntualmente la serata andava così. Spesso lui era molto preso da me, altre volte invece era annoiato. Lui non ama confronto e dopo due mesi di relazione ho chiesto se pensasse ancora alla ex con cui aveva chiuso un mese prima di conoscermi e non ho ricevuto risposta, ma sono stata additata come l'insicura... E ha detto anche che come ultima arrivata non mi dovevo permettere a fare queste domande. Quindi ho supposto anche che pensi ancora a lei. 

Succ » 1 2 3 4 5 6