Tag: vuoto

Ven

12

Lug

2019

Vuoto e caos

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

E' un periodo di merda. Trascorro le giornate chiusa in casa, con la voglia di non alzarmi dal letto e girovagare su internet e vedere video perchè è il massimo che abbia voglia di fare, oltre che mangiare.
Dicevano di me che ho degli occhi pazzeschi, che sono profonda, molto intelligente, che è possibile parlare di tutto con me, che sono un pò misteriosa, forte, ribelle, casinista, che è difficile tenermi testa, perchè la testa qui è dura, e tanto, ma la cosa bella è questa!

Dicevano.

Ora non c'è più nessuno che parla di me perchè sono stata capace di allontare tutte le mie amicizie ed evitare delle nuove. Mi nascondo dal mondo esterno come un ratto. Alterno crisi di pianto improvvise, mentre sto preparando da mangiare, mentre cerco di lavarmi il viso, mentre guardo qualche video, mentre evacuo.. fortuna che mi è rimasto un briciolo di cinismo che ogni tanto riesco a tirar fuori.
Nel frattempo ho messo un paio di kg che per me, ex-quasianorressica significa "sono ingrassata quanto un bue e mi vergogno ancor di piu' ad uscire di casa e mettere qualsiasi vestito che non sia almeno di 5 taglie piu' grandi della mia". E quindi anche se porto una normalissima S o XS, io mi sento un paziente del Dottor NowZaradan. E' così. Lo so, ma è così.

Sono vuota, ma sono anche un caos di emozioni. Stanno succedendo tante cose non piacevoli, e qualcosa mi dice che non è finita qui. Non sono per niente forte, non riesco a controllare la situazione, non riesco a far nulla se non chiudermi in una stanza e piangere di nascosto. Mi sento inerme, non c'è nulla che possa realmente fare per evitare che accadano certe cose, posso solo provare ad andare avanti con la mia vita.. ma quale? Ho perso il lavoro, ho perso i miei amici, ho 4 soldi nel portafoglio, ho perso desideri  e sogni, ho perso interesse in qualsiasi hobby e persino nel sesso.

Ho i piatti sporchi nel lavello, il letto sfatto, i capelli appiccicosi per quanto luridi, i denti sporchi e l'alito che da di fogna. Ho persino le cacchine a gli occhi non avendo lavato il viso.

Mezz'ora prima di vedere qualcuno, sistemerò tutto, mi laverò, metterò persino un pò di trucco per fingere che sia tutto normale, e ci cascheranno, come sempre.
Al massimo mi crederanno pigra.. e io glielo lascerò credere.


Se avete qualcosa di intelligente da consigliarmi che non sia uno psicologo, uno psichiatra o droghe, vi sarei grata leggervi nei commenti.

Mar

11

Giu

2019

HO BISOGNO DI UN AIUTO URGENTE

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Ira

 

Esattamente sette anni fa, quando ero molto più piccolo, ho conosciuto su internet una ragazza. (per comodità la chiamerò Aria)

Ero molto piccolo, davvero.

All'inizio pensavo fosse una semplicissima persona, non riuscivo davvero a capire i valori e gli interessi.

Poi col tempo capii di volerla conoscere meglio, e così è stato. 

La distanza tra noi due era infattibile ( specialmente a quell'età) appunto per questo era impossibile vedersi,

Tra noi due c'è sempre stato un rapporto molto strano ma, senza dubbio, anche un forte interesse nel conoscersi.

La cosa è andata avanti fino a tre anni fa, quando decisi poi di prendere l'aereo per andare da lei.

Passai la settimana più bella della mia vita, non sto scherzando.

Tra noi c'era molta sintonia, interesse, allegria e felicità.. stavamo davvero bene insieme.

Entrambi volevamo farci avanti. 

L'ultimo giorno mi disse che le relazioni a distanza non le avrebbero facilitato il brutto periodo che stava passando, così tornai a casa amareggiato.

Anche per me non era un bellissimo periodo e, qualsiasi cosa succedeva, cercavo sempre il suo appoggio.

Dal giorno che tornai a casa, involontariamente, iniziai ad essere tanto appiccicoso.. arrivando quasi a darle fastidio.

Fatto sta però che ci rivedemmo un'altra volta ancora e ancora una dopo.. mantenendo sempre un rapporto bellissimo e una sintonia incredibile.

Si vedeva che c'era tanta attrazione.

L'ultima volta che ho visto Aria è stata due mesi fa, stare insieme a lei mi fa sempre dimenticare di tutto.

Sembra che il tempo non faccia davvero nulla.

La cosa che mi crea rabbia sapete qual è? è che io credo di essere perfettamente a conoscenza di ciò che le sue amiche pensano di me.

Ma ciò che mi fa male e pensare che Aria potrebbe davvero aver parlato male di me a loro, facendole vere tutti quei messaggi pieni di rimorso che le mandavo. (erano messaggi riflessivi, pieni di sentimenti e opinioni... ma non lo facevo apposta, era un periodo molto buio per me, avevo bisogno di parlargliene)

Quei messaggi non erano scritti con male o cattiveria.

Stare distante da lei, specialmente la sera, mi portava a pensarla.

E ciò che facevo era semplicemente condividere ciò che pensavo.. senza invadere i suoi spazi ovviamente.

Ogni tanto postavo qualche foto presa da internet un pò più spinta (nulla di troppo) è lei è arrivata addirittura a dirmi "non pubblicare e non nominarmi più in certe cose perché non è affatto normale e mi mette a disagio, non abbiamo mai avuto rapporti del genere!" 

Mi vedono come un "pazzo" appiccicoso con qualche serio problema mentale, e ciò davvero mi butta giù.. perché non sono così'

Insomma, una persona stramba derisa da tutte loro.

Fatto sta che in questo periodo ho iniziato a conoscere anche un'altra ragazza che, purtroppo, non sapevo abitasse vicino a lei.

Gentile, educata e sempre disponibile.

Mi piaceva davvero scambiare due parole con lei, anche perché mi era sempre sembrata una ragazza intelligente piena di passioni.

cercavo solo nuove conoscenze amichevolmente. 

Spesso era lei a visualizzare i messaggi subito nonostante io le rispondessi dopo ore e ore.

Fatto sta che oggi, casualmente, ho visto che mi ha bloccato su tutti i social.. 

davvero Aria o le sue amiche hanno parlato così male di me a questa ragazza a tal punto da arrivare a bloccarmi.

Se potessi tornare indietro eviterei tante cose, era davvero un bruttissimo periodo per me, spesso facevo le cose senza ragionare.

 

Ora inizierò a lavorare proprio in un paesino vicino al suo e, vedere tutte le sue amiche che ridono di me e che mi guardano come un pazzo, mi mette davvero molta tristezza e "depressione"

 

cosa dovrei fare? 

Ven

17

Mag

2019

Sospesa

Sfogo di Avatar di EvanescentStarEvanescentStar | Categoria: Accidia

Ho un disturbo di personalià diagnosticato, per il quale sono in terapia, anche farmacologica, da circa due anni.

In questo lasso di tempo ho avuto modo di conoscere il mio funzionamento più o meno, so cosa dovrebbe farmi star bene... Eppure quando arriva il momento di metterlo in pratica divento completamente incapace. 

Il mio psichiatra rincara puntualmente la dose di qualche farmaco dopo ogni colloquio, mentre la mia psicoterapeuta sostiene che dovremmo avviarci verso la sospensione ed io sinceramente mi sento confusa. A volte vorrei solo allontanarmi da tutti e tutto. Ho ancora pensieri fortemente autodistruttivi ed ideazioni suicide, ma la mia terapeuta non si scompone mai più di tanto, eppure in passato ci sono stati anche dei tentativi.

Ho conseguito alcuni obiettivi importanti, eppure non ne percepisco alcuna soddisfazione o appagamento. Non riesco ad essere felice per niente. Passo le mie giornate ad anestetizzarmi col cibo e le cose futili, mentre riprendo i chili faticosamente perduti l'anno scorso. Vado alla deriva, e non riesco nemmeno a preoccuparmene.

Mi sono ripromessa di riprendere dieta e palestra dalla settimana prossima, ma dubito mi faranno sentire più viva di così.

Non ho amici e ho troncato anche le conoscenze virtuali, per la gioia della mia terapeuta, dal momento che mi annoiavano. Non capisco se sono quel tipo di relazioni ad annoiarmi o proprio le persone in generale... So solo che a tratti mi sento estremamente sola e vorrei qualcuno attorno... 

Mar

19

Feb

2019

Bo

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Sento il petto esplodere. Non capisco più niente. L'unica cosa che so è che vorrei solo un fottuto abbraccio da una figura maschile. Ho bisogno di braccia possenti intorno al mio collo, intorno al mio corpo, in modo da sentirmi protetta. Non so chi mi piaccia. So solo che a scuola mi trattengo dallo scoppiare a piangere. Non voglio parlarne con i miei. Voglio solo che non mi vedano più come persona su cui scherzare. Sorrido sempre, ma dentro scoppia tutto. E nessuno lo vuole capire. Mi sento vuota. Solo tristezza. Ho solo bisogno di un abbraccio. Ma non capiscono nemmeno quello. Ho bisogno di qualcuno che mi chieda: " che hai?", e che sia disposto ad ascoltarmi. Non so nemmeno io che mi stia succedendo. Quel cretino mi ha lasciato un vuoto dentro. Non piacerò mai più a qualcuno. Ma tanto che importa? Nessuno, e dico nessuno, ha voglia di ascoltare una logorroica come me, che continua a piangersi addosso. Quindi, tanto vale continuare a sorridere no? Tanto non si accorgono mai che sono sorrisi falsi. Eccome se sono falsi. Falsi come la gente che mi circonda.

 Ed eccolo che torna su. Mi succede qualcosa durante la giornata, anche di bello, e mi metto a pensarci su talmente tanto che mi viene da piangere. Non riesco a controllarlo. Qualunque cosa succeda, mi sento presa in giro da tutti, sento che non posso fidarmi di nessuno, vorrei stare sola tutto il giorno. "Come stai?" "Bene, tu?" "Bene bene"..e la conversazione va avanti, nessuno si chiede se stia mentendo o No, se ho detto bene ci sarà un motivo, no? Allora perché chiedere se ho mentito.

Tags: vuoto

Mer

16

Gen

2019

Vuoto

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

"quali sono le tue passioni? Cosa vuoi fare da grande? Non ti sembra di star sprecando la tua vita?" 

A 24 anni è frustrante sentirsi fare queste domande e non avere mezza risposta da dare.

Ma sono l'unica?  

Tags: vuoto

Sab

29

Dic

2018

Sensazione strana

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Ok è strano parlarne. E un qualcosa che non riesco a spiegare. Ho 16 (so che pensate, depressione adolescenziale...magari) e da quando ero piccolissimo che ho questa sensazione naturalmente era poca ma ora è semplicemente aumentata. È come se qualcosa mi tenesse incatenato non mi facesse andare avanti, sento di essere in una gabbia da cui sembra impossibile uscire, mi rende lento, stanco, non mi lascia dormire la notte, ho sempre dei problemi grandi e piccoli che mi ostacolano nell'andare avanti. La mia passione è il disegno, e per lavorare con essa ci vogliono grandi sforzi, sto cominciando a lavorare online con la produzione di grafiche per magliette etc.., mi servono soldi per la mia famiglia, purtroppo la mia è abbastanza povera. I miei genitori sono separati, sopravvivo con mia madre e mia sorella in un condominio con pochissimo al mese (davvero poco), non posso permettermi anche i vestiti avvolte, l'altro giorno dal barbiere dei bambini si son messi a ridere guardando le mie scarpe, son cose futili e non mi interessano... l'importante è far stare bene mia madre e mio padre....e per questo voglio migliorare creare un attività un qualcosa di stabile per crescere anche come persona ma c'è sempre qualcosa che mi ferma questa..Sensazione strana, sento come una pressione che grava sulle mie spalle, mi rende fiacco, triste, solo e vuoto come in uno stato di trans. Sospetto Che sia in parte grazie al fatto di essere anemico e di avere il diabete che ho scoperto avere ieri (avuto in modo ereditario). Avvolte per alleviare questo dolore, questa sensazione di vuoto parlo con un amico creato da me stesso (immaginario), mi consola e mi motiva facendomi andare avanti..è l'unico di cui mi fido ciecamente. Mi sento estraneo agli altri li sento distanti da me, li invidio...vedono la vita in modo così semplice. Mi sfogo su questo sito...tanto è anonimo e non mi conosce nessuno, non ho mai detto nulla di tutto ciò a nessuno, di solito è la gente che si sfoga con me, dicono che sono un bravo ascoltatore...mia madre che si sfoga insultando mio padre e mio padre che si lamenta  di mia madre dicendo addirittura che lei mi voglia abbandonare...cazzate, fa enormi sacrifici e la capisco...ascolto tutti e do consigli, faccio anche da tutor a scuola a dei ragazzi autistici...ma arrivo a fine giornata con questa sensazione bruttissima che mi distrugge...
È strano e difficile da spiegare scusate errori di ortografia...questo non vuole essere un lamento o una richiesta di attenzione volevo solo sapere se qualcuno provasse qualcosa di simile...Grazie

Lun

15

Ott

2018

Mi sento sotto un treno

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Mi sento come se mi fosse passato un treno sopra, una sensazione di vuoto e malessere che non passa. Vorrei piangere ma credo di non avere più lacrime da versare. Eh niente, passerà anche stavolta. 

Tags: vuoto, triste, mah

Mer

19

Set

2018

Senza Titolo

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Non so se questo è proprio il posto adatto per trattare questi argomenti, ma ho davvero bisogno di sfogarmi. Non ce la faccio più, la mia vita mi sembra vuota, inutile, monotona, insapore, triste, grigia. Mi sento così da ormai due anni, ora non so se sto meglio o peggio di prima ma io non posso più andare avanti oltre. Non sono in grado di avere nessun tipo di legame affettivo con nessuno, e ancora non ne ho capito la causa. La psicologa dice cheè perchè ho troppo timore del giudizio degli altri, ma ionon credo sia solo quello, perchè in verità sono capace di avere una conversazione normale -anche se controoglia- con qualcuno se necessario. Semplicemente la gente non mi attira per niente. Non so neanch'io cosa sto cercando, ma ho bisogno di trovare qualcosa che possa riempire il mio vuoto in qualche modo. Ho sofferto di anoressia e bulimia e oggi ne sono quasi del tutto uscita, mi sento sempre uno schifo sia fisicamente che mentalmente. Le mie giornate sono tutte uguali e oscillano tra ansia, esasperazione, frustrazione e lacrime. Non ho nessuna passione in particolare, o comunque non si tratta di passioni che mi fanno "bene" o che comunque possano servirmi a qualcosa nella via. Non ho sogni nè ambizioni, non mi conosco per niente e se dovesssi descrivermi non avrei la più pallida idea di che parole usare. Sento sempre come se ci fosse qualcosa che ho sulla punta della lingua, qualcosa che vorrei comunicare per cambiare la situazione, ma ormai non sono neanche più così sicura che quel qualcosa esista realmente. MI!! SENTO!! VUOTA!! Inutile. Se non ho ambizioni, non ho nessuna qualità, nulla che possa rendere la mia esistenza utile in almeno una minima parte, a che serve che io resti in vita? L'unica cosa che so fare è dare dolore ai miei genitori, SOno solo un errore costoso e mi pento di essere nata ogni santo giorno, non che fosse stata una mia scelta in ogni caso. I miei genitori sono stati l'unico motivo della mia esistena per anni perchè mi sento in colpa nei loro confronti desiderando di non essere mai nata. La verità è che mi hanno sempre messo un sacco di pressione addosso sin da piccola, inculcandomi nella testa il concetto "tutto quello che fai deve essere la perfezione e se non sei in grado di farlo sarai una nullità ai nostri occhi". E allora, ogni volta che mi sono trovata davanti una sfida troppo grande, mi sono rifiutata dall'inizio. E con questa ansia ho iniziato a degenerare sempre di più...  credo di essermi calmata, grazie per questa opportunità.

Dom

22

Lug

2018

Troppi complessi?

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

 

Heilà,sono una ragazza di diciassette anni e volevo esprimere i miei pensieri su questo sito e semplicemente dire come mi sento.  Sarà tutto abbastanza confuso.

 

 

innanzitutto,sono una persona moooolto malinconica ma non lo do a vedere. La gente mi reputa una ragazza simpatica e a volte solare ma in realtà mi sento triste la maggior parte del tempo. È come se uscire o fare qualsiasi cosa in generale fuori da casa mia sia un modo per distrarmi da questa perenne tristezza. Non ho un vero motivo per esserlo,ma lo sono. È come se fossi perennemente insoddisfatta. Di cosa? Non lo so.  Nella mia testa ho sempre un motivo per essere triste,lo cerco e lo trovo,invece di essere riconosciente di ciò che ho. Ho pensieri pessimisti e negativi. Sono demoralizzata. Mi sento apatica e praticamente nulla riesce ad ess ere interessante per me ora,niente mi crea uno stato di felicità vero.  A parte la musica e la passione per il canto. Poi,mi comparo agli altri e trovo tutti i motivi per cui le altre persone sono migliori di me,in me c'è sempre qualcosa che non va.  A volte mi chiedo perché le persone che mi stanno accanto mi stiano ancora frequentando: (per esempio i miei amici). Ultimamente penso di essere estremamente noiosa,osservo altri miei coetanei e vedo quanto siano spensierati e felici,quanto si stiano godendo il loro tempo,la loro estate. Ridono e scherzano tra loro e io mi chiedo dove trovino l'energia per essere così felici. Non capisco. In questi ultimi anni ho anche notato che ho difficoltà a fare amicizie strette.  O ad avere relazioni in generale in cui la gente possa conoscermi davvero. No,gli faccio vedere solo la punta dell'iceberg. Non esprimo quasi mai quello che penso veramente o che provo. Non ne vale la pena. Non serve

Penso che probabilmente la persona che ho davanti non sia interessata veramente a conoscermi,e se lo fosse,sarebbe

solo un impressione che ha avuto a primo impatto. "Magari ora mi trova interessante ma appena mi conoscerà meglio si stancherà di me e mi troverà noiosa e triste" Penso

Eppure esco abbastanza spesso.Ho degli amici a cui voglio bene,una vita normale. Conoscendomi non sembrerebbe che io stia vivendo tutto questo,eppure. Persino le persone più vicine a me non sanno di ciò,semplicemente ho imparato a conviverci ed è normale per me

  Un anno fa passavo la maggior parte del mio tempo al letto,uscivo raramente e avevo pochi amici. Ero anche abbastanza timida

Ora sono notevolmente migliorata,nonostante io sia sempre un po' timida cerco in tutti i modi di parlare e conversare,faccio la simpaticona e la gente pensa che io sia addiruttura estroversa. 

 

Nessuno sa che faccio certi pensieri e nessuno sa di questo mio stato d'animo,l'ho sempre tenuto dentro di me. Non penso sia depressione questa,non ne ho idea. Non so come si riconosca ma la parola depressione è bella pesante e mi spaventa. Non voglio chiamare questa cosa nel modo sbagliato,ecco. 

È da tempo che mi sento così,ma da pochissimo sono riuscita ad esternare tutto questo

 Grazie per aver letto e scusate il papiro AHAHAH 

Ven

04

Mag

2018

A volte manca anche se c'รจ

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Mi chiedo se sono l'unica che sente la mancanza del partner anche quando è presente. Una sorta di paura di perderlo senza che ci siano reali motivi per cui questo accada.

Come la sensazione di "godiamoci il momento finché c'è", come se dovesse finire tutto, tragicamente all'improvviso. Mi si riempono gli occhi di lacrime se comincio a pensare di dover sopportare il vuoto, non trovarlo a casa quando rientro alla sera, non addormentarcimi assieme.

Lo so che è un pensare negativo bello e buono... Ma mi fa comprendere a pieno come non dobbiamo dare per scontate le persone che "ci sono sempre".

 

Succ » 1 2 3 4