Tag: solo

Gio

27

Giu

2019

un bisogno malato

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

sono un ragazzo di 21 anni, non so perché sono capitato qui stasera e onestamente un po' me ne vergogno perché mi sembra di star parlando con un muro però allo stesso tempo ho il bisogno di cacciarmi un peso dal petto perché mi sta schiacciando. da circa un anno mi faccio di cocaina, quando ho iniziato non pensavo che le cose sarebbero finite così male, avevo la classica illusione di poter prendere le redini della cosa non appena avrei voluto, e invece da perfetto coglione ora non so più come uscirne, e la verità? non so neanche se voglio davvero uscirne. non voglio stare qui a parlare dei miei problemi e dei motivi per cui ho iniziato, dopotutto chiunque ha i suoi problmi e ognuno di noi ha un modo di reagire, ma la cocaina soddisfa due lati di me, quello che vuole stare bene e per un attimo vuole illudersi di essere invincibile e poi quello masochista che vuole distruggersi e vuole lasciarsi cadere sempre più a fondo. non cerco aiuto, o forse si e sono solo troppo orgoglioso o abituato a non riceverlo mai.. non lo so, i miei amici si sono allontanati da me, la mia famiglia non mi è mai stata davvero vicina a prescindere dalla droga e io non so dove aggrapparmi, forse dovrei solo lasciar scorrere il tempo e aspettare un'overdose

Lun

04

Mar

2019

Andare a vivere da soli!

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Tra pochi giorni andrò in una nuova casetta a vivere da sola...per la prima volta in tutta la mia vita. Felicità, eccitazione, ma anche tanta ansia e paura. Aiuto! Datemi un po' di supporto!!!!!!!! 

Mar

05

Feb

2019

Mi sento molto sfigata

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Non sono mai stata brava a socializzare e purtroppo questo ha causato in me poca autostima e poche amicizie. Ultimamente la mia vita sta andando peggio a livello sociale. Sono costretta a passare le giornate a studiare chiusa in casa, ma il problema è che quelle poche volte che esco mi sento come sperduta e imbranata, quando mi capita di conoscere qualcuno il massimo che faccio è annuire e sorridere durante una conversazione, non riesco a sentirmi libera di parlare, ho come qualcosa che mi blocca e nella mia testa penso "dico questo o non lo dico" e ovviamente finisce che sto zitta a fare scena muta. A volte mi sento la testa in uno stato confusionale e di stanchezza e l'unica cosa che penso è "ma chi me l'ha fatto fare ad uscire fuori di casa", è brutto perché facendo così mi sento di non maturare e di non distruggere la mia timidezza. Mi sono anche accorta che quando esco di casa e magari cammino per strada faccio di tutto per non incrociare lo sguardo degli altri, è una cosa che mi porto dietro da tanto tempo. Anche quando sto conversando con qualcuno mi imbarazza troppo guardare l'interlocutore negli occhi. Siceramente è una cosa che vorrei superare, ma più mi impunto a migliorarmi e più faccio schifo. Mi riuscite a dare qualche suggerimento su come "sbloccarmi" e non sentirmi impacciata ad ogni gesto che faccio? Perché sono arrivata un po' all'estremo, mi capita addirittura di sognare di avere una vita sociale intensa e appena mi sveglio mi sento proprio uno schifo e ho paura che andando avanti con gli anni rimanga sempre allo stesso punto, senza amici e sola. 

Dom

06

Gen

2019

Sono solo e triste

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

La mia ragazza mi ha lasciato meno di un mese fa, dopo 4 anni.

Io la amo ancora ma lei di me non ne vuole che sapere più niente.

Ho 27 anni, ad aprile ne farò 28, gli amici che avevo erano comuni e si sono dimostrati amici suoi e non miei.

Insomma, sono solo, sono triste, non ho più molta voglia di vivere.

Mi sono iscritto in palestra ma le amicizie non si fanno in un giorno.

Se esco devo uscire solo, sabato sono sempre solo così come tutte le altre sere, e lei mi manca tanto, troppo.

Cosa devo fare? Cosa mi consigliate di fare?

Non riesco a farmene una ragione che lei mi abbia lasciato, ho perso tutto, TUTTO.

 

Mar

01

Gen

2019

sono stanco cerco amici a Catania vita sociale assente,

Sfogo di Avatar di Fab92Fab92 | Categoria: Altro

Ho 26 anni ,studio a Catania e da almeno 5 anni non ho avuto più nemmeno un amico/a.

Tutto è iniziato già dalla metà 5 liceo, quando ho deciso di lasciare i miei amici perché erano diventati un cancro. Le uscite che si facevano erano solo per drogarsi, fumare, sniffare, ubriacarsi e vomitare, cose che non ho mai fatto perché non mi piace niente di tutto questo.
Allora pensavo che iniziata l’università avrei incontrato nuove persone.

Ma il caso volle che ritrovai li persone della mia stessa città, quelle stesse persone stupide, senza voglia di non fare nulla nella vita che avevo evitato da sempre. Quindi, riconoscendomi,ogni giorno stavano con me visto che frequentavamo le stesse lezioni e prendevamo gli stessi autuobus.

Poi ho incontrato, al di fuori dell’università, la mia ormai ex ragazza, che me ne ha fatte passare tante. Mi ha fatto perdere un po' di esami,

perché i suoi pensieri erano solo uscire, farsi bella, spettegolare e non fare niente nella vita, nemmeno impegnarsi a trovare il totale della somma di 2+2. In più la sua famiglia aveva come filosofia di vita il raggiungimento della massima ignoranza, mi dicevano cose tipo prima di far uscire mia figlia devo conoscere i tuoi genitori, oppure prima che tu entri a casa mia ti devi laureare e poi metti un piede qui dentro, nonostante la mia ex si fosse venuta migliaia di volte a casa mia, si fosse fatta feste, compleanni, matrimoni dei miei parenti. Alla fine a Natale 2017 non c’è l’ho fatta più e lo mollata.

Ovviamente questo mi ha causato dei ritardi nello studio, non potendo più seguire le lezioni per non far spendere ancora soldi per viaggi in autobus a mio padre per il lavoro precario che ha, e io che non chiedo mai soldi e me li guadagno da solo,anche se sono pochi.
Poi ho anche un rapporto brutto con mio fratello, sentendosi lui superiore al mondo, era sempre incazzato con me senza motivo, anche solo se respiravo, come se avesse un ciclo maschile perenne. Io non ho avuto le sue stesse esperienze, visto che lui a differenza mia aveva casa a Catania durante lo studio universitario e quindi ha potuto farsi tutte le esperienze del periodo universitario, mentre io ero costretto a viaggiare o a fare dei lavoretti mentre lui se la spassava e veniva forse una volta a mese a casa. Adesso con la sua bella laurea in ingegneria meccanica ha trovato subito un lavoro e con la sua perfetta ragazza,bazzica al nord con il suo bello stipendio mentre io sono ancora qua sui libri.
Non parlo da 4 anni con mia madre perché è una persona impossibile, basa tutta la sua vita sulle menzogne, sulle bugie e va avanti cosi in ogni ambito. Per lei ho fatto male a lasciare i miei ,avrebbe preferito che uscissi con dei drogati patologici. d oggi studio ancora,l’unico momento in cui esco di casa è quando vado in aula studio .i vado perché ho la possibilità di andarci senza avere delle spese, ci vado perché ho bisogno di una certa tranquillità, di cambiare aria e uscire da questo paese, perché qui non c’è veramente nulla per me, nessun tipo di attrazione,nessun tipo di passatempo, qui è tutto morto.

Grazie per aver letto

Lun

10

Dic

2018

vita sociale assente, sono demoralizzato dalla vita

Sfogo di Avatar di Fab92Fab92 | Categoria: Altro

 

 

 

Ho 26 anni ,studio a Catania e da almeno 5 anni non ho avuto più nemmeno un amico/a.Tutto è iniziato già dalla metà 5 liceo, quando ho deciso di lasciare i miei amici perché erano diventati un cancro. Le uscite che si facevano erano solo per drogarsi, fumare, sniffare, ubriacarsi e vomitare, cose che non ho mai fatto perché non mi piace niente di tutto questo.
Allora pensavo che iniziata l’università avrei incontrato nuove persone.Ma il caso volle che ritrovai li persone della mia stessa città, quelle stesse persone stupide, senza voglia di non fare nulla nella vita che avevo evitato da sempre. Quindi, riconoscendomi,ogni giorno stavano con me visto che frequentavamo le stesse lezioni e prendevamo gli stessi autuobus.
Poi ho incontrato, al di fuori dell’università, la mia ormai ex ragazza, che me ne ha fatte passare tante. Mi ha fatto perdere un po' di esami, perché i suoi pensieri erano solo uscire, farsi bella, spettegolare e non fare niente nella vita, nemmeno impegnarsi a trovare il totale della somma di 2+2. In più la sua famiglia aveva come filosofia di vita il raggiungimento della massima ignoranza, mi dicevano cose tipo prima di far uscire mia figlia devo conoscere i tuoi genitori, oppure prima che tu entri a casa mia ti devi laureare e poi metti un piede qui dentro, nonostante la mia ex si fosse venuta migliaia di volte a casa mia, si fosse fatta feste, compleanni, matrimoni dei miei parenti. Alla fine a Natale 2017 non c’è l’ho fatta più e lo mollata.
Ovviamente questo mi ha causato dei ritardi nello studio, non potendo più seguire le lezioni per non far spendere ancora soldi per viaggi in autobus a mio padre per il lavoro precario che ha, e io che non chiedo mai soldi e me li guadagno da solo,anche se sono pochi.
Poi ho anche un rapporto brutto con mio fratello, sentendosi lui superiore al mondo, era sempre incazzato con me senza motivo, anche solo se respiravo, come se avesse un ciclo maschile perenne. Io non ho avuto le sue stesse esperienze, visto che lui a differenza mia aveva casa a Catania durante lo studio universitario e quindi ha potuto farsi tutte le esperienze del periodo universitario, mentre io ero costretto a viaggiare o a fare dei lavoretti mentre lui se la spassava e veniva forse una volta a mese a casa. Adesso con la sua bella laurea in ingegneria meccanica ha trovato subito un lavoro e con la sua perfetta ragazza,bazzica al nord con il suo bello stipendio mentre io sono ancora qua sui libri.
Non parlo da 4 anni con mia madre perché è una persona impossibile,basa tutta la sua vita sulle menzogne, sulle bugie e va avanti cosi in ogni ambito. Per lei ho fatto male a lasciare i miei ,avrebbe preferito che uscissi con dei drogati patologici. Che stavano male ogni singolo giorno, nonostante uno di loro fosse morto e l’altro e rimasto un mezzo vegetale.
Ad oggi studio ancora,l’unico momento in cui esco di casa è quando vado in aula studio alla Cittadella,anche se non è la mia facoltà. Ci vado perché ho la possibilità di andarci senza avere delle spese, ci vado perché ho bisogno di una certa tranquillità, di cambiare aria e uscire da questo paese, perché qui non c’è veramente nulla per me, nessun tipo di attrazione,nessun tipo di passatempo, qui è tutto morto.
Grazie per aver letto

Dom

09

Dic

2018

Mi piace essere ascoltato

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Buonasera, è da un paio di mesi che faccio fatica a trovare persone che siano realmente interessate alle mie novita, sia i miei amici che la mia ragazza, restano quasi indifferenti quando racconto qualcosa di me, non vorrei che la colpa sia mia, che pecco di egocentrismo, sinceramente non so, premetto che sono un tipo che ascolta molto, mi piace parlare ed argomentare ciò che mi raccontano le persone. Mi piacerebbe ritrovare qualcuno che abbia il piacere di ascoltarmi, senza prendermi in giro, oppure che faccia finta di ascoltarmi.

Tags: amici, solo, help

Mer

29

Ago

2018

Non so perché sono così

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Sono un ragazzo (bisex)

Ho conosciuto un ragazzo tramite un app di chat anonima e ora ha più di un mese che chattiamo. Ancora non ci siamo visti (abitiamo un po' distanti). Lui mi piace tanto e anche io piaccio a lui (almeno lui dice questo), però non so perché sono triste. Non so realmente perché lo sono. Sono un tipo emotivo e molto sensibile forse è per questo...non lo so. A volte penso che sarebbe stato meglio se non l'avessi conosciuto.. pero non  sono sempre triste, a volte sono anche felice ma la maggior parte dei giorni sono triste, anche perché penso spesso a lui. Il fatto è che mi affeziono troppo alle persone e ho paura di perderle. Spesso penso che forse msarebbe meglio che io stia da solo almeno non soffrirei così...

Dom

19

Ago

2018

Depresso

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Sono un ragazzo (21 anni) troppo timido e questo non mi piace per niente. Spesso questa timidezza mi blocca, non mi fa andare avanti o mi fa prendere decisioni sbagliate e devo dire che ne ho fatti di errori...

Sono un tipo ansioso e questo è il mio problema principale..la cosa che più odio di me. Vado all'università e addirittura mi è capitato di avere degli attacchi di panico lì (per fortuna nessuno mi ha visto)...Dio quando faccio schifo.. 

Ultimamente sono sempre triste, non ho amici. Il fatto è che ho difficoltà nel fare amicizia non so perché forse mi aspetto di più dalle persone o sono io che sono sbagliato...sicuramente il problema sarò io. Credo di essere diverso, sono un tipo serio e gentile con tutti... e purtroppo incontro sempre dei coglioni che alla fine si approfittano della mia gentilezza. È stato sempre così. 

Tra l'altro è da un po' che mi sento strano, sono attratto dai ragazzi ma anche le ragazze mi piacciono però ultimamente preferisco i ragazzi. Forse è per questo che ho difficoltà nel rapportarmi...Non lo so, tutto questo mi fa stare male.

Credevo che prima o poi mi sarei abituato a stare da solo ma non è cosi. Non so cosa fare... in realtà credo di essere uno sfigato e la mia vita fa schifo e credo che non potrà migliorare...

Lun

12

Feb

2018

Solitudine

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Invidia

Premetto che questo è un problema che mi porto dietro d tutta la vita (14 anni).  Mi sento sempre un peso, non oso a chiedere quasi mai di uscire perche ho paura di creare un peso all'altra persona che si vedrà costretta a inventarsi scuse per rifiutare la mia richiesta. C'è, io sono un ragazzo stra simpatico e dolce e sensibile, pero ho sempre paura che mi facciano complimenti solo per farmi stare bene ma che dentro non la pensino cosi.

 Non riesco ad andare a fonde nelle conoscenze, si, ho tanti conoscenti/amici, pero nessun amico che possa essere un punto si riferimento nei momenti di sconforto.

Sono sempre stato abituato ad ascoltare e quasi mai parlare io della mia vita. Vedo la mia vita noiosa e monotona e quindi non trobvo nulla di interessante da  raccontare.

Questo me la fatto credere un po anche mia sorella (non volontariamente):

Tutte le volte che lei esce, che prova nuove esperienze, che fa nuove conoscenze, sono sempre il primo a chiederle come è andata, come si è trovata, come sta...

Lei MAI una volta che domandi a me come sto, come mi sento, come è ndata la giornata, con i miei amici...

NON POSSO SEMPRE E SOLO ASCOLTARE E STARE ZITTO.

Ho bisogno anch'io di sfogarmi a volte, ma non trovo nessuno che ci tenga a me tanto da starmi a sentire, che mi apprezzi, che ci tenga a me, a quello che faccio, che dico, che penso.

Vorrei riempire la mia vita di sempre nuove esperienze, ma non so come fare ... 

Grazie per avermi ascoltato

Succ » 1 2 3