Tag: colleghe

Mar

29

Ott

2019

Colleghe di merda

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Ira

Il lavoro nel suo insieme mi piace: la paga è buona, il datore di lavoro ha con noi un atteggiamento sereno ed è sempre puntuale nel dare lo stipendio, le ore di lavoro sono giuste ed ho sempre due giorni liberi a settimana, la pausa è garantita così come la possibilità di scambiare due chiaccere, ma c'è un ma: le colleghe.

Il lavoro ha molti aspetti positivi come quelli sopra elencati, ma vi garantisco che lo colleghe me lo stanno rendendo insopportabile. Il problema è che per questioni lavorative sono costretta ad interagire con loro praticamente sempre, quindi non posso nemmeno chiudermi nel mio bozzolo ed ignorarle. Ho provato ad andare d'accordo con loro, ma non c'è l'ho fatta. Fanno gruppo, mi escludono, so di essere io il problema perché fra di loro si fanno vedere tutte amiche (poi si parlano dietro a vicenda, ma questo era quasi scontato), ma proprio non riesco a fingere di trovare piacevole il tempo che mi tocca trascorrere in loro compagnia.

Ripeto che ho provato ad andare d'accordo con tutte, ma molte volte quando parlo a quelle che per me sono le più problematiche rispondono a monosillabi o non mi rispondono proprio, mettono il muso da un giorno all'altro senza che io abbia fatto nulla per infastidirle, ecc.

Io per rispetto nei miei confronti ho smesso di rivolgergli la parola, a meno che non ne sono costretta, e mi faccio vedere forte, ma in realtà dentro mi rode e ci sto male, perché ci sono giorni in cui non apro mai praticamente bocca. Certo, con qualcuna di loro mi ci trovo bene, ma con quelle più anziane diciamo (quindi sempre presenti sul posto di lavoro) il rapporto è pessimo ed inesistente al tempo stesso. 

Non ho mai avuto esperienze del genere, né nei mei vecchi posti di lavoro, né tanto meno a scuola, perché bene o male se non mi piacevano delle persone in un gruppo ne trovavo quasi sicuramente altre che facevano al caso mio in un altro, sto giro mi è andata male. 

Mi sento una stupida a farmene un problema, so che molti di voi me lo scirveranno nei commenti visto i tempi che corrono, ma vi assicuro che non è affatto piacevole sentirsi schiacciati dalla frustrazione sul posto di lavoro, né sentirsi sempre come la pecora nera del gruppo.

Non voglio lasciare il lavoro, anche perché non voglio dargli nessuna soddisfazione, ma così è davvero difficile.

Come fare quando ti trovi male con i colleghi? Vorrei che l'ambiente non fosse così brutto.. 

Dom

28

Lug

2019

Le scrofe - una cena tra donne

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Gola

Ciao sono Paola, ho 40 anni, lavoro come traduttrice in una ditta di Torino. E’ tradizione che verso il mese di luglio si faccia una cena tra colleghe (solo donne). Siamo una ventina di solito. Una del reparto commerciale, implacabile organizzatrice di queste cose, quest’anno ha scelto un locale che ha una filosofia particolare: si mangia solo pasta di ogni tipo e non c’è un menu a scelta, c’è un prezzo fisso a persona, si servono porzioni di pasta di ogni tipo, formato, condimento, una dietro l’altra, e si va avanti fino a che…si riesce ! in pratica quando uno è pieno da scoppiare dice basta. Questa è una premessa che già mi ha un po’ resa dubbiosa sul tipo di serata in programma, infatti conoscendo la gente che ormai ragiona più con la pancia che con la testa, mi aspettavo di vedere un’abbuffata orribile in nome del risparmio.

Arriviamo con il solito ritardo “da cena fuori” e quando siamo tutte presenti sono già le 21. Sabato sera. Caldo torrido. Tutte messe fighissime in un tripudio di vestitini, tacchi, gioielli, trucco e capelli sistemati il pomeriggio stesso… perché anche se siamo solo tra donne dobbiamo pur sempre vantarci e rivaleggiare no?

Qualcuna azzarda a sgranocchiare dei grissini nell’attesa. Arrivano le bevande, acqua naturale, gasata e vino. Iniziano le portate. Pasta burro e salvia, ragu, piselli e speck, pesto genovese, amatriciana, carbonara e via dicendo, porzioni da 30 grammi, praticamente assaggini, ma la quantità fa la differenza.

Io sono già sazia dopo 5 portate, fa caldo, ho bevuto vino e inizio a sudare. Non sono la sola, vedo che anche le altre sono nello stesso stato.

Dopo le 10 portate incomincia la trasformazione. Rumore che aumenta, bottiglie di vino vuote, sudore. Mi manca l’aria. Vedo le mie vicine che hanno la fronte perlata, il trucco incomincia a rovinarsi. Per una inspiegabile ragione tutte continuiamo a mangiare, quasi raccogliendo la sfida del ristorante a chi resiste di più.

Bocche unte che masticano, tovaglioli sporchi, commenti sul cibo, vino, ascelle pezzate, discorsi stupidi. Mi guardo attorno e vedo non più delle persone ma dei maiali…anzi delle scrofe !

Inizia la processione nel bagno, credo che qualcuna abbia persino vomitato…

Altre escono a fumare cosi l’aria si arricchisce di un nuovo odore, un misto tra cibo, sudore, profumo ormai sfatto e sigaretta, ad un certo punto, sarà per il caldo, mi sembra di svenire.

Portano lasagne, paccheri, penne ai gamberetti… le “scrofe” mangiano tutto, masticano rumorosamente, qualcuna mentre parla mostrando il contenuto informe nella bocca. Qualcuna armeggia con acqua e tovaglioli sui vestiti, gli schizzi di sugo non perdonano.

Camerieri quasi sfiniti continuano ad andare avanti e indietro, già molti piatti tornano in cucina mezzi pieni, ma il nocciolo duro resiste, all’annuncio “bucatini al-qualche-cosa” molte esplodono in un’esclamazione come se non mangiassero da una settimana.

La sala incomincia ad assomigliare ad un porcile vero e proprio, la tovaglia è una schifezza, qualcosa cade dai piatti mentre sparecchiano, tra di me mi chiedo cosa ne penserebbe un uomo di ognuna di noi vedendoci in quel momento.

Ormai quasi tutte hanno smesso la gara a chi mangia di più, ci sono tre ragazze della contabilità, visibilmente ubriache, che si mettono in centro sala a improvvisare dei canti popolari, le osservo sorridendo come un’ebete perché anche io sono un po’ annebbiata. Mi pare di vedere i loro vestitini con le giunture sul punto di scoppiare nella zona del ventre per quanto hanno mangiato…ma forse è un’impressione. Renata, una di loro, mentre ondeggia, calpesta qualcosa che la fa scivolare e per poco non cade come un sacco di patate, si salva per miracolo tra le risate sguaiate di tutte, me compresa. Appena si rimette in piedi si controlla la scarpa per capire la ragione della sua scivolata e, con grande stile, mostra a tutta la platea quello che resta di un pacchero appiccicato alla suola del sandalo.

La serata finalmente finisce, nuova processione al bagno, io preferisco non andarci per paura di quello che posso trovare.

Paghiamo con la solita discussione su come dividere la cifra, tra di me penso “dai Paola fra un’ora al massimo sei a casa sotto la doccia”.

Sono le 2 di notte, domani è domenica, nessuno mi telefonerà, niente sveglia, niente impegni, niente uscite, starò a casa tutta la domenica senza toccare cibo per almeno 36 ore. Prima di crollare di sonno do un’ultima occhiata nello specchio, vedo due occhi sfatti, la faccia stanca, capelli disordinati.

Ma poi penso “va be’ anche per quest’anno è andata”. E con un grugnito mi butto nelle lenzuola.

Sab

25

Ago

2018

opportuniste

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

non è possibile che mi chiamate solo quando non sapete a chi dire i vostri problemi, poi quando vi chiedo di uscire non potete e poi vi vedo fuori con altre... avete rotto... da oggi in poi se volete una consulenza o una persona con cui sfogarvi mi faccio pagare, e che cavolo! 

Ven

21

Apr

2017

Che faccia da pirla!

Sfogo di Avatar di LunaKLunaK | Categoria: Ira

Quanto cazzotti si meriterebbe..e soprattutto. .perché uno che non sa fare il suo lavoro si trova sempre la pappa pronta?

Mi spiego meglio.

Qualche giorno fa ho scritto uno sfogo sul fatto che avevo mandato mail al mio capo, spiegandogli che per il mio periodo di maternità  (che inizia settimana prossima), le mie colleghe non erano in grado di coprire a pieno i miei turni.

Lui non si è fatto sentire ne vedere. Nessuna risposta. 

Meglio così di sicuro.

Oggi arrivo a dare il mio ultim cambio turno. La collega mi fa vedere la turnazione prevista settimana prossima  (i turni ci vengono dati ogni venerdì per la settimana successiva..ovviamente se ti cambiano turno o postazione ti arrangi, nessuno chiede nulla..).

Ed altrettanto ovviamente ha messo i doppi turni a cavolo e senza chiedere niente.

Cavoli loro..mi sono detta (anche se mi ha dato fastidio), vedranno loro se e come lamentarsi della cosa..se fare casino ecc..

Oggi è il mio ultimo giorno ed ho già ampiamente detto la mia.

Poi la mia collega mi fa sapere che una neo laureata, che lavora 3-4 ore alla settimana negli stabulari (ovvero gli spazi dove vengono tenuti gli animali per la ricerca), e che è assunta tramite mostra Coop, vorrebbe lavorare un po di più e magari passare anche al servizio di portierato.

Capita a fagiolo. Ma la cosa mi da i nervi..perché ora questa ragazza chiederà di coprire i miei turni, e di fatto risolverà un problema che il mio capo (come sempre), ha fatto finta di non vedere.

Va sempre a finire così, porca di quella puttanazza. 

Lui se ne fotte e siamo noi che risolvamo i problemi  (perché per l'appunto a lui sai che gliene fotte..)

Non lo trovo affatto giusto.

Anche perché poi sembra sempre che la cosa l'abbia risolta lui, ovviamente.

Mamma mia quanto lo prenderei a calci in culo. 

Ven

14

Apr

2017

Ma sarĂ² scema? Bho. Vedremo.

Sfogo di Avatar di LunaKLunaK | Categoria: Altro

Oggi ho scritto una mail di cui prevedo già l'esito: il mio responsabile incazzato nero che mi fa un cazziatone pauroso e minaccia di licenziarmi.

Ma andiamo con ordine. La settimana prossima sarà la mia "ultima" settimana di lavoro, entro in maternità. Lavoro in una portineria universitaria: che vuol dire orari fissi e sacri, essere per lo più una persona sola per postazione, il fatto che se per qualsiasi motivo manca un dipendente, un altro debba fare turno doppio.

Ora, a quanto pare il mio capo parte dal presupposto che, le altre tre colleghe che lavorano in queste due sedi attigue,  si facciano circa 6 mesi di doppi turni (ognuna almeno due volte la settimana).

Ovviamente sai che cazzo gliene frega.

Ma loro, per vari motivi, materialmente non possono (cosa che lui sa..o dovrebbe sapere).

Oggi ho avuto uno dei miei momenti masochisti e gli ho scritto mail in cui (spero che sia palese..ma con lui non credo), suggerisco di mettere una persona che mi sostituisca tutti i giorni, in modo che le mie colleghe non debbano accettare una situazione che, anche a logica (per ferie, malattie ecc), non è sostenibile.

Conoscendomi prenderà la mia mail come una critica. Un modo di fargli notare che non è capace di fare il suo lavoro, e non quello che è: il parere di una dipendente su una questione che, ancora ora (e manca, ripeto, una settimana), non si sa come verrà risolta.

 Sono una demente. 

Mar

03

Gen

2017

esclusa al lavoro

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Superbia

Lavoro da qualche mese in una grande catena di fast food in un paese del profondo nord Italia. Nonostante tutte le mie colleghe siano mie coetanee e ormai amiche fra loro io...no. Non riesco a entrare nella stessa vibrazione che emanano loro. Io cerco di avvicinarle e "legare" ma sento questa distanza fra me e loro, non ho un carattere particolarmente socievole, sono timida e un po' diffidente, ma siccome riesco bene, di solito, in ciò che faccio, non riesco a mettermi il cuore in pace sul fatto che non sono brava a socializzare con le persone. Sarà anche per il fatto che fra di loro sono "l'estranea", la polentona, la studentessa, quella che non dice parolacce,la verginella, la santa; ovviamente non è vero ma mi hanno appioppato questa etichetta da signorina tumistufi e ormai non me la leverò mai. Hai voglia a  dire che in realtà dico parolacce,bevo, scopo come ogni altra, hai voglia a dire che anche io mi sento stupida quando il manager mi sgrida e che solo perché studio non significa che non sono una brava lavoratrice o una che non sa cosa vuol dire sudare. Non è che mi interessi essere amica con loro ma non mi piace essere esclusa perché mi sento come se avessi fallito un test, una mancanza che ho e che a maggior ragione non riesco ad accettare perché per le altre sembra venire così facile e quindi dovrei riuscirci anche io!Dovrei sapere come farmi amare, teoricamente non c'è nulla di più facile ma nella pratica non è così !

Lun

12

Dic

2016

Mi fai schifo

Sfogo di Avatar di BluesoulBluesoul | Categoria: Altro

Ti detesto, mi fai schifo, fai la vittima dicendo che ti manca, che era tutto per te e non sei nemmeno venuta al suo funerale! Ti teneva sempre i bimbi anche all ultimo minuto, ti aiutava e tu l unica cosa che sapevi fare era sfruttarla e farti gli affari tuoi! Ieri sera dovevi essere in prima fila davanti a tutti per il "bene" che dicevi di provare per lei e invece eri a casa chissà a fare che, non eri nemmeno in turno a lavoro, che scusa avevi? Delle altre non mi aspetto niente anche se lo stesso mi ha colpito non vederle, ma tu, TU...... spero di non sentire più il suo nome pronunciato dalla tua bocca se no non potrei rispondere di me.... Ti odio con tutto il mio cuore.... L unica cosa che spero è che i tuoi figli possano vivere felici e sani per capire che madre che sei... 

Lun

24

Ott

2011

Gli idioti

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Superbia

Ok, lo devo confessare. Io sono convinta che le persone che mi circondano siano tutte stupide. Le mie colleghe sono di un'idiozia da far accapponare la pelle, devo sempre stare li a spiegargli tutto e a fargli io le cose nonostante sia più giovane, abbia meno esperienza e guadagni la metà di loro. E poi non sanno nemmeno parlare la loro stessa lingua!!! E' terribilmente frustrante essere più intelligente degli altri e non averlo riconosciuto. Certe volte sono costretta a comportarmi almeno un po' da bionda perchè sennà non avrei nulla da dire. Perchè se sei una donna devi per forza interessarti al parto di Carla Bruni, e ti guardano strano se leggi un giornale serio? Perchè se oltre a fare shopping mi piace studiare la gente mi considera diversa? Che branco di idiote. 

Mer

23

Mar

2011

colleghe da eliminare all'istante

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Ira

Non le sopporto piu. Una che crede di essere la super donna so tutto io,del tipo... spostati che passo. Che ti guarda e ti risponde con aria saccente. La super donna cozza, cicciona e cesso che fa battute acide di merda che non fanno ridere manco un idiota sordo. LEi che si crede di essere indispensabile, ma se manca nessuno se ne accorge. L'altra una cretina cozza pure lei che fa altro che sputare sul piatto dove mangia, ha scritto due robe di merda e pensa di essere la signora della cultura. Ma sparati, che quando parli di politica fai altro che renderti ridicola. Non sai articolare una frase e pensi di essere chissà chi. Risparati pure te. Lagnosa che critica gli altri di essere pesanti, ignoranti e tutto il resto.Lei. Lei che forse non ha capito che la cultura rende signori, ma di signorilità a lei non è arrivato nulla. Forse perchè appunto non ha cultura?? ma è solo sfoggiare qualcuno che non si è???? Santo cielo fa si che non sbocchi quando le vedo parlare o passare davanti ai miei occhi.

Tags: colleghe