Tag: amici

Sab

14

Ott

2017

quando essere sensibili diventa "un peso"

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

 

Sin da quando ero piccola (quando avevo circa 5 o 6 anni), la mia troppa sensibilità mi ha sempre "esposta" molto. 

Altamente emotiva, piangevo davvero per ogni cosa, sia bella che brutta, sono stata spesso bersagliata, nel periodo delle medie, da coetanei senza cuore che, pur di farmi sentire una merda, mi ridicolizzavano per "ridere sulla mia sensibilità" e mi hanno sempre fatta sentire fuori luogo. Questo atteggiamento che avevano con me, in particolar modo "amiche" che per apparire o sentirsi simpatiche mi sfottevano pubblicamente (sul fatto che sembravo fragile, ero quel tipo di persona che se pensava ad una cosa brutta piuttosto non la diceva, non sparlavo MAI di nessuno, cosa invece che loro facevano e soprattutto non tradivo mai alle spalle NESSUNO, anche se se lo meritava), ( ahimè ero costretta scolasticamente parlando, a dovermi confrontare con persone che credevano che essere "forti" significava dire "le cose in faccia" dunque anche "sei brutta" non doveva essere un problema per loro dirlo, se lo pensavo. cose dell'altro mondo!!!! io non lo facevo e loro pensavano fossi fragile per questo -.- )  mi ha portato a crescere con un senso di inadeguatezza ed insicurezza che purtroppo, ad oggi me lo sono ritrovato tutto. Pur non essendomi persa d'animo del tutto, ho eliminato molti ma molti rapporti d'amicizia e se vi dico che ho, ad oggi si e no 5 amici di cui mi fido ma anche meno, è anche tanto. 

Questo è il prezzo che le persone come la sottoscritta, le classiche persone, buone ingenue e che all'apparenza sembrano fragili, sempre disponibili ed altruiste, devono pagare.

QUANTO HO ODIATO COLORO CHE HANNO PERMESSO QUESTO. PERCHè ERO UNA RAGAZZINA "INCONTAMINATA", PURA NEI PENSIERI E NELLE AZIONI, AD OGGI SONO SOLO UNA PERSONA INSICURA ED ARRABBIATA, SEMPRE SENSIBILE, MA TENDO A NASCONDERE MOLTO QUESTA SENSIBILITà E CON IL MONDO ESTERNO HO MATURATO  IL CLASSICO ATTEGGIAMENTO DI "RAGAZZA STRONZA", OVVIAMENTE SOLO E SOPRATTUTTO E SOLO "IN AMICIZIA". 

ORMAI NON RIESCO A CURARE PIù DI TANTO UN RAPPORTO DI AMICIZIA PERCHè NON CI CREDO PIù FINO IN FONDO COME UN TEMPO! quanto vi ho odiato e quanto ho sofferto... adesso voi siete guarda caso "cambiati" e più gentili io invece per colpa vostra sono diventata più stronza non credo più alla bontà delle persone, penso sempre che prima o poi qualcuno me lo può mettere in quel posto............. sfiduciatissima. 

Sab

14

Ott

2017

Solitudine

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Salve sono un ragazzo di 22 anni ho scritto qui pochi mesi fa ma ho bisogno di un altra valvola di sfogo, ormai ogni giorno che passa punto sempre più a chiudermi in me stesso e ad allontanare gli altri, a roma i giorni iniziano ad essere pesanti e fare nuove amicizie complicato perchè ho pochissimi pretesti per parlare con qualcuno visti i miei interessi poco condivisi (sopratutto da ragazze, le passioni in questione sono videogame serie tv e anime), inizio a detestare me stesso per non essere sufficientemente bravo a creare una conversazione duratura inizio a dubitare di tutte le mie capacità, qualcuno ha qualche rimedio? o conosce luoghi dove potrei incontrare gente con i miei stessi interessi?

Ven

22

Set

2017

AMICI ADDIO

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Invidia

Sono una ragazza molto solare direi quasi l'anima della festa. Lo sono sempre stata dalle medie al liceo e anche ora all'università. Ma la verità è che non ho mai avuto una vera amica o dei veri amici. Crescendo ho perso tutti gli amici d'infanzia e poi trasferendomi molto lontano da casa per l'università anche quei pochi amici rimasti dal liceo sono spariti. La verità è che non riesco a mantenere i legami di amicizia a farli durare a lungo. Adesso all'università sono piena di amici vado a feste ecc sono solare tutti mi vogliono bene nessuno sospetterebbe mai che io in realtà ogni volta che torno a casa sono terribilmente sola senza nessuno con cui uscire.....tutti parlano dei loro amici "di sempre" e io non so che dire se non che provo una forte invidia.... Non capisco se è colpa mia oppure colpa degli altri oppure colpa della sfiga fatto sta che non riesco a far durare un'amicizia a allacciare rapporti duraturi con le persone e anche se adesso ho delle amiche in quanto  fuori sede ho paura che tra un po' finita l'università anche queste possano finire. A volte mi chiedo cosa sbaglio. 

Gio

14

Set

2017

Senza Titolo

Sfogo di Avatar di ShawnShawn | Categoria: Altro

Salve a tutti, ho 16 anni e qualche mese fa ho pubblicato un post che purtroppo non riesco più a trovare in cui parlavo della mia vita e delle mie incertezze. Innanzitutto voglio ringraziare gli utenti che mi hanno risposto e che mi hanno motivato, anche se non se lo ricordano.Questo non è proprio uno sfogo ma è quello che ho intenzione di fare in risposta al rapporto che ho con i miei compagni di classe.L'anno scorso ho studiato il minimo indispensabile e sono miracolosamente stato promosso senza debiti, ma quest'anno ho deciso che mi dedicherò esclusivamente alla scuola e alla mia passione, cioè la musica, dato che ho capito che sono le uniche cose che in questo periodo possono darmi delle soddisfazioni.Alla maggior parte dei miei compagni non sto simpatico, e non penso di voler cambiare questa situazione cercando di entrare nel loro gruppo; certo ci sono due o tre persone con cui mi trovo bene ma con loro comunque non esco mai perché abitano lontano da me.Così mi butto il più possibile sullo studio lasciando da parte i rapporti personali. Sembrerà una cosa triste ma penso sia la cosa migliore da fare per me.Come ho detto non è proprio uno sfogo, volevo solo poter dire tutto questo a qualcuno e anche chiedere la vostra opinione.Grazie ancora.

Sab

09

Set

2017

Il secondo prima della picchiata

Sfogo di Avatar di TarsTars | Categoria: Altro


Siete sull'orlo di un precipizio di montagna. Nel secondo prima di cadere giù, ammirate il bel paesaggio di cui potete godere solo grazie alla faticosa scalata che vi ha portato in cima.

Ecco come mi sento in questo momento, sull'orlo del precipizio. 

Prima frequentavo un gruppo di persone che con gli anni ho iniziato a sopportare sempre meno, non per loro "cattiveria" ma per totale incompatibilità di caratteri e pensieri. E quando dico totale, è totale nel vero senso della parola.Iniziai a frequentarli più che altro perchè ci conoscemmo in contesto scolastico, e da ragazzini si tende a frequentare gente senza alcuna pretesa, soprattutto nei centri piccoli. Ma col tempo, quando inizi a sentirti a disagio in un gruppo diverso da come sei, inizi anche a porti della domande. Così ho deciso di frequentarli sempre meno per cercare di coltivare e trovare amicizie altrove. Ho qualche amico, ma non nel posto in cui abito. Sono lontani, alcuni li ho conosciuti all'università altri in vacanza. Ci si sente sempre, ma vedersi spesso di persona sarebbe molto meglio...   

 

Ecco, iniziando a frequentare sempre meno il gruppo sopra citato, ho notato anche che nessuno più mi cerca. Nessuno.Sono mesi che non ricevo loro notizie. Ho notato che quel gruppo lo trascinavo io fuori casa, a giocare a calcio con altri miei conoscenti, a divertirsi... ed effettivamente aspettavano sempre che fossi io il propositore di ogni situazione, spesso mi chiamavano chiedendomi di organizzare cose fuori dai soliti noiosi schemi del sabato sera.Ora se mi va bene esco una sola volta a settimana, il resto del mio tempo lo passo leggendo, al pc o studiando...e non è che impazzisca per questa sedentarietà. Spero le cose migliorino con il ritorno allo sport...  

Solo ora capisco il reale significato dell'avere contatti col mondo per "convenienza" , per non restare soli. A volte mi chiedo se abbia fatto bene a condurre questo "test" dell'allontanamento... all'inizio per una serie di coincidenze credevo d'esser riuscito a fare il grande salto! Tutto è andato bene per una settimana circa, poi eccomi qui, in stallo. E per adesso non vedo vie di fuga dal baratro della solitudine che si avvicina con le stagioni fredde. Cosa fare, non ne ho idea. Se ritorno con quel gruppo, so che mi aspetta noia e profondo senso di inadeguatezza. Se non ci ritorno, rischio la solitudine e tutto ciò che ne deriva, l'avvertire la profonda mancanza delle attività svolte con altre persone,  la mancanza di qualcuno che si possa chiamare "Amico mio" ... 

Sab

26

Ago

2017

Io invidiato?

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Invidia

Ciao a tutti,
in questo bel sabato vorrei fare una breve riflessione su un sentimento umano che mai avrei pensato fosse rivolto a me: l'invidia.

Io sono stato male fino a inizio 2016, quando finalmente ho trovato lavoro, che ormai prosegue da quasi due anni. Ora che guadagno qualcosa, mi tolgo tutte le soddisfazioni che prima non potevo permettermi: viaggi, ristoranti, amici, divertimento e coltivare le mie passioni. Tutto questo suscita l'invidia di chi ha sempre avuto queste cose, pare che io non abbia il diritto di "gridare al mondo" la mia gioia, non posso pubblicare gli eventi della mia vita che mi rendono felice. Possono solo loro.

Questo piccolo sfogo non è di rabbia, bensì di schifo se mi permettete il termine... molti sarebbero felici di essere invidiati, io invece sono triste perché chi lo fa sono amici (?) e parenti. Ovviamente me ne frego e continuo a vivere come mi pare, però mi fa pensare a quanta gente cattiva esista.

Gio

24

Ago

2017

Quanto vorrei essere una persona speciale!!

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Conosco poche persone che sono "speciali".

Quello che ho notato è che facilmente sono ben volute dalle altre persone. 

Sorridono spesso e non si preoccupano di fare ciò che amano, sono solari e soprattutto METTONO DI BUON UMORE GLI ALTRI.

Naturalmente sono delle calamite e tutti se ne vogliono attorniare.

Quanto vorrei sprizzare energia positiva...

Invece... 

Non mi so neanche rapportare con la gente!! 

Infatti non ho amici. 

L'unica con la quale parlo di più mi fa sempre notare come io sia paranoica quindi non riesce a lasciarsi andare.

Non voglio essere complicata!!

 

Ho come un blocco che noni permette di lasciarmi andare.

Mi sento tesa quando parlo con la gente.

Ad esempio, faccio sempre attenzione a non dire o fare cose che porterebbero offendere o disturbare ..

Però noto che gli altri non si fanno tutti sti problemi.

Riesco ad avere delle piccole conversazioni, ma secondo me risulto pesante ...

Ho anche pensato che forse sono eccentrica.

Però una cosa che sbaglio è che a volte quando conosco una persona nuova non faccio nulla per avvicinarmi a lei più del mio normale perché penso di essere noiosa... Quindi non propongo niente...

Poi mi succede che spesso apprezzo più la solitudine ...

Ma mi annoio a stare sola.

Il punto è che sono molto insicura e con le persone sono tesa e mi chiudo.. uff.... 

 

 

Mer

23

Ago

2017

Che amarezza..

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Non ho nemmeno un'amico ,  una persona con la quale poter condividere emozioni, fatti quotidiani, qualsiasi cosa,una persona con la quale poter uscire ogni tanto...quei pochi che avevo sono spariti (nemmeno auguri per il mio bimbo appena nato), quei pochissimi che mi son rimasti ormai sono solo conoscenti con i quali mi ci sento una volta l anno per ipocrisia... Ho cercato di fare amicizia a lavoro,ma sono delle merda umane a lavoro,figuriamoci fuori...insomma...che amarezza..

Tags: amici

Mer

23

Ago

2017

Voglio andare via di casa e ricominciare una nuova vita

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Ho 15 anni. Forse adesso mi giudicherete per la mia giovane età, penserete che saranno scenate di disperazione adolescenziale, capricci, vittimismo, ingratitudine verso mia madre che mi ha sempre pagato la scuola e le attività e che ha lavorato dalla mattina alla sera per poter mantenere me e mio fratello, la sua famiglia. Penserete che sarà colpa mia, anch'io lo penso, che forse l'ho resa io così infelice perché dice di essere un vegetale, di non avere più un'identità di donna, che tutti i suoi sogni sono andati in frantumi il giorno che mi ha messo al mondo, che doveva lasciare che mio padre, costantemente ubriaco, mi picchiasse quando ero piccola, che avrebbe dovuto abortire, che adesso sto rovinando la vita a lei e al suo fidanzato, che si vergogna di dire in giro che sono sua figlia, che doveva abbandonarmi in Ucraina dove sono nata. Che sono una stronza, una ritardata, un'idiota, che sono uguale a mio padre violento e nella vita farò la puttana perché non so fare altro. Io, in tutto questo sto zitta. Quando provo a ribellarmi ricevo solo schiaffi e pugni in testa, quando grido dal dolore dicono che voglio solo attirare l'attenzione, che io in verità non sto soffrendo dentro, che fingo e recito, che anzi sono un'assassina. Dicono che sono una pazza da manicomio, che merito di non esistere. Che non ho diritto ad alcuna libertà.

Di fatti non mi fanno mai uscire di casa, adesso non so nemmeno cosa significa avere degli amici, da tanto che non li vedo né sento. Mi hanno portato via la maggior parte dei vestiti, mi chiudono in camera a chiave senza computer o libri, mi riempiono di lavoro domestico. La mia privacy è costantemente violata, guardano le mie chat di whatsapp e scrivono ai miei compagni di classe, rivelando dei segreti sul mio passato, sul nostro passato tormentato. Quando volevo che la mia compagnia di amici conoscesse un'altra me, che a scuola è sempre con un sorriso e un'espressione serena in volto, che sa stare tranquillamente al mondo, che ha dei sogni da perseguire, delle persone su cui contare e che potessero contare su di lei. Volevo essere, all'esterno, una ragazza come tante, con tanti progetti e ambizioni, che ride e scherza con gli altri e non ha problemi a dire "mi piacerebbe venire al tuo pigiama party, grazie per l'invito". Volevo essere riservata e nascondere i miei sentimenti.

Poi tornavo a casa e vivevo una vita parallela, fatta di violenza e abusi, sia fisici che psicologici. Come si fa a vivere così. Questo non è vivere, è semplicemente esistere. Mi assumo anch'io le colpe dell'infelicità di mia madre, certo, sicuramente l'avrò delusa e ferita nel profondo, l'avrò fatta impazzire, perché ammetto anch'io di non essere una ragazza facile, anche se non capisco perché già all'eta di 5/6 anni mi dicesse che non valgo niente perché mia cugina parla bene il russo e io a malapena sapevo dire qualcosa in italiano. Non parlavo mai, ero taciturna, sola con i miei pupazzi e giocavo in silenzio con loro, ma questo la infastidiva e la faceva alzare le mani su di me. Non parlavo perché non ci riuscivo, era un mio difetto, ho iniziato tardi a comunicare: era ancora peggio però quando le maestre a scuola notavano i miei lividi e quando mi chiedevano spiegazioni, rispondevo ingenuamente che la mamma si era arrabbiata. Allora lì erano guai, ma non sapevo, allora, che dire la verità comportasse essere puniti.

Quindi, da allora, ho capito che dovevo mentire su quello che succedeva a casa. 

Mi sto dilungando molto, dubito che qualcuno leggerà questo sfogo. Voglio semplicemente andare via di casa, e volevo trasmettere il messaggio che questo non è solo uno sfogo: è un grido di aiuto. Mi rendo conto che non ho un posto dove andare e ovviamente non voglio farmi ospitare dai miei amici, disturbando le loro famiglie. Mia cugina, le mie zie e mia nonna abitano in Ucraina e mio padre ha perso la patria potestà, non voglio andare a stare con lui perché è la persona più schifosa del mondo per me. Mi sento persa e abbandonata, sola. Andare via di casa vuol dire stare da sola, al freddo e a digiuno tante volte, ma sono pronta anche a questo; voglio solo dimenticare il male che sto sopportando. Mi tengo tutto dentro, non so nemmeno se è giusto scrivere una cosa del genere, online tra l'altro, ma voglio solo buttare fuori il veleno che c'è nel mio cuore. Voglio solo guarire le mie ferite, vorrei qualcuno che mi volesse bene al punto da dire "non importa che abbia fatto degli errori nella vita, io ti voglio bene comunque e voglio proteggerti". Non chiedo altro.

Ho una media scolastica molto alta (liceo linguistico) e il mio sogno è quello di frequentare l'università in UK o USA e viaggiare tantissimo all'estero. Mi hanno detto che viaggiare rende liberi, e la libertà per ora è un lusso che posso solo sognarmi. Magari sono più libera di altri bambini nel mondo, ma certamente non sono felice. Voglio essere felice.

Tante volte ho pensato di togliermi la vita, ma poi riflettendo valgo di più di un suicidio. I miei professori dicono che ho tanto potenziale e qualità, che dovrei tentare di entrare in prestigiose facoltà perché sono una ragazza con la testa sulle spalle e meriterei di essere ammessa, ma soprattutto, ce la potrei fare. Ho pianto quel giorno, e la mia prof di inglese non capiva la mia commozione. Ovvio che non capisce, perché non sa, che le sue parole mi hanno salvato la vita. Letteralmente. I prof delle superiori mi hanno dato la forza, inconsciamente, di andare avanti. 

Ma non so per quanto resisterò ancora. Ancora tre anni, mi ha detto la mia psicologa, e poi sarò maggiorenne. Ma non posso sopportare, scusatemi, non ce la faccio. 

Voglio pensare a me stessa, mi dispiace lasciare mio fratello, ma se ci vogliamo così bene troveremo l'occasione, fra qualche anno, di rivederci, ognuno con la propria vita. Da grandi. E io gli ho promesso che l'avrei cercato sempre. Non so perché mio fratello lo adora, gli consente tutto, anzi dice che se non ci fossi lei si potrebbe dedicare di più al loro rapporto. Scusatemi.

Non voglio gettare via il mio futuro, sarò eternamente grata a mia mamma per i soldi investiti nella mia educazione e l'amore, nel suo modo, che mi ha dato. Ma lei adesso mi sta facendo del male, giorno dopo giorno, e devo allontanarmi da lei. Così avrà la vita che aspetta da tempo, e auguro solo che realizzi tutti i suoi progetti e trovi la felicità. 

La domanda è: dove vado? Fra due settimane inizia la scuola. Ma la scuola non è rifugio per la notte. E tutti sanno che di notti arrivano gli incubi.

Ho paura, tanta. Ma solo così potrò essere una donna forte nella vita... 

 

Mar

22

Ago

2017

Timidezza

Sfogo di Avatar di CucciolaCucciola | Categoria: Altro

 

Ciao a tutti.

Sono una ragazza e attualmente frequento il secondo anno di liceo. Il mio problema è che sono molto timida e spesso fatico a parlare con chiunque, anche solo per chiedere aiuto. Anche all'interno della mia classe non parlo molto per colpa di questo mio problema perciò le persone mi cercano solo per farmi delle domande e mai per chiedermi come mi sento. Facciamo una parentesi (Spesso vedo le altre ragazze della mia età sempre in gruppo, anche con molti ragazzi. Anche a me piacerebbe avere un fidanzato ma nessuno ci prova mai con me, non che ne abbia un bisogno disperato, anzi ci sto molto bene single. Si, sono bassina ma non mi sembra di essere brutta. A volte le mie "amiche" mi chiedono se voglio andare con loro al campo di calcio per vedere i ragazzi giocare ma,a me, sinceramente a me non mi interessa molto tanto so già qual'è il risultato. Mio padre mi dice che sono più avanti mentalmente rispetto a quelle della mia età ma, ormai non so più se credere a lui o a me.) Tornando al discorso precedente, spesso quando sono in gruppo tento di approciare ma finisco per essere lasciata in disparte dopo pochi minuti. Una volta, a una fiera della mia città, la mia migliore amica mi ha invitato a fare un giro con lei e con altre mie compagne di classe. Alla fine il risultato è stato che per tutta la serata sono stata invisibile per loro e che sono stata sballottata avanti e indietro per tutta la città perchè non potevo nemmeno andarmene siccome mi doveva portare a casa la madre della mia amica. Io non ho veramente idea di come superare tutto ciò e mi servirebbe disperatamente un aiuto.

Detto questo mi scuso per avervi fatto perdere qualche minuto di tempo con le mie cavolate da adolescente.

Spero vivamente che qualcuno mi risponda.

Grazie milleđź’• 

Iscriviti

Iscriviti
Iscrivendoti potrai aggiungere commenti senza attendere approvazioni, votare gli sfoghi e potrai gestire i tuoi post ed il tuo profilo senza limitazioni.
Clicca qui o sull'immagine per aggiungerti