Tag: nonna

Dom

26

Mag

2019

😈 in motel con la nonna

Sfogo di Avatar di WormWorm | Categoria: Altro

Mi piacerebbe andare in un motel a ore (uno di quei motel in cui si sa benissimo che quelli che ci vanno, ci vanno solo per scopare), e presentarmi al check-out in fase di uscita..................accompagnato a braccetto da una vecchia signora di 85/90 anni suonati.

 

Soltanto per il gusto di vedere la reazione della signorina dietro il bancone della reception, mentre paghiamo e ci osserva che usciamo in macchina dal motel

E immaginare che cosa possa pensare dopo che ce ne siamo andati

 

Ok. Fine

 

Sentite, c'è qualcuno che avrebbe per caso una nonna da prestarmi? Soltanto per fare lo scherzetto, e vedere la receptionist che si scandalizza. Poi ve la restituisco subito intonsa, come me l'avete prestata

Se qualcuno può fornirmi una nonna in comodato d'uso per qualche ora (o eventualmente una madre molto vecchia), per favore mi contatti in privato

 

Un salutone, da WOOOOOOOOOORM

Tags: nonna, motel

Ven

25

Gen

2019

il ricordo? lasciatemi almeno quello!

Sfogo di Avatar di ivodepressoivodepresso | Categoria: Ira

 Inizia tutto con mia mamma che come le altre banali volte mi agguanta dalle scale di casa e mi dice(sei già incazzato oggi?) traduzione: nel nostro linguaggio significa ho voglia di litigare!! oggi non avevo per niente voglia di litigare e semplicemente era una giornata qualunque MA.... arrivi TU! lurida merda, lurida puttana, che vivi a scrocco e fai la bella faccia davanti  i tuoi amici e cerchi sempre di fare notare quello che non fai e che NON hai mai fatto per tuo figlio, se non belle parole e mi insulti facendo la più brutta delle uscite cioè: senza motivo mi rimprovera dicendo che non mi frega di nessuno, perchè non ero stato al funerale di mia nonna per farsi vedere bella dal suo "schiavo" di mio padre che la asseconda in tutte le maniere. Per chi aveva già letto i miei vecchi sfoghi sa benissimo che rapporto avevo con mia nonna oramai defunta, IO ero sempre presente nella sua vita, e lei era sempre presente nella mia! mi ha aiutato e fatto stare bene quando avevo dei problemi,  con il cuore ho sempre cercato di farla contenta, sia che fosse stata una sciocchezza oppure una cosa seria. La portavo a passeggio, al ristorante, a fare braciolate al mare, e quando non potevo andare a trovarla gli telefonavo, con lei potevo parlargli di tutto e sapeva consigliarmi anche rimproverarmi al momento opportuno. Una volta mi aveva chiesto: Ivo la vicina di casa mi prende per il culo per i fiori secchi sul terrazzo... puoi fare qualcosa tu che sei capace? io ho comprato dei semi speciali di Surfinie dal giappone e in due mesi, gli ho fatto crescere 30 piante lunghe oltre un metro di diversi colori che scendevano a cascata... lei era felicissima e lo rifarei altre migliaia di volte. Poi il giorno che temevo che arrivasse purtroppo è giunto, lei si è spenta nel suo letto, io ci sono rimasto cosi male che andavo in cantina prendevo un suo ricordo e lontano da occhi indiscreti piangevo come un bimbo cazzo! per poi ritornare in mezzo i parenti falsi, avari che non vedevano l'ora di spartirsi l'eredità. Il giorno del suo funerale io sono restato fuori dalla chiesa insieme alla mia ragazza perchè non stavo bene e la mia mente era lontana... ho aspettato che tutti fossero andati via al cimitero e ho deposto una rosa sulla sua tomba, non volevo stare vicino a gente di merda in quel momento cosi fragile per me. Adesso mia mamma usa quello per farmi sembrare una merda come lei, ma io non devo giustificarmi con nessuno sul perchè non ero al funerale...secondo me le persone vanno rispettate da vive, il funerale è un ricordo non per fare presenza e bella figura con i parenti e amici. Il ricordo lo tengo nella mente e nel cuore

Ven

04

Gen

2019

Se finisce subito fa meno male

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Salve a tutti, ho 15 anni e sono stanca: da ormai 4 anni nella mia famiglia non c'è più pace a causa di mia nonna che, dopo un'incidente in macchina, ha perso l'uso delle gambe e sinceramente anche del cervello. Il trauma del colpo l'ha infatti condotta ad una sorta di demenza senile che ha portato via la pace a tutti in famiglia.

Quando è accaduto l'incidente mia madre era alla guida e si sente in colpa per ciò che è successo e non c'è verso di farle cambiare idea. Da 4 anni mia nonna vive in casa nostra e, visto che non è autosufficiente, gli serve aiuto per qualunque cosa e di notte urla in continuazione i nomi di tutti i parenti vivi e morti che possiede.

Io ho il sonno profondo e non me ne accorgo ma i miei genitori sì, mio padre in particolare non sopporta questa situazione ma più di ogni altra cosa non sopportiamo più come mia madre è diventata: piange sempre, è irritabile a causa del sonno perso, perde spesso la pazienza con mia nonna ma non sopporta l'idea che venga mandata in un istituto per paura che muoia per incuria o per malattia.

Da un lato capisco il suo punto di vista ma dall'altro vorrei solo che tutto questo finisse: sono stanca di vedere mia madre distrutta dal senso di colpa e vorrei solo che mia nonna smettesse di soffrire. Io le volevo bene ma ora so che non è più lei e che è solo l'ombra di quello che era un tempo e se potessi vorrei poter fare in modo di porre fine alle sue sofferenze ma so che la sua morte peggiorerebbe solo le cose.

Mia madre dice sempre di non poter vivere senza di lei e che vorrebbe morire con lei. Non posso darle tutti i torti ma la situazione è ormai insostenibile da troppo tempo. Io vado bene a scuola, non ho più problemi di bullismo e ho degli amici ma tutto ciò non cancella il fatto che la mia vita familiare sia diventata un'inferno.

Abbiamo già provato a parlare con qualcuno ma quell'idiota dello psicologo non ha fatto altro che dare a mia madre farmaci a caso che le hanno dato solo più sonnolenza ma non hanno risolto il vero problema che ci attanagliava. Quando glielo abbiamo detto ci ha solo detto che per quello lui non poteva fare niente e che doveva essere mia madre a decidere cosa fare.

Adesso siamo di nuovo a un punto morto e io non ce la faccio più e vivo nell'amarezza da un pezzo. Non so più cosa fare e spero solo che la morte arrivi a sistemare tutto ma ormai è passato un casino di tempo e credo che purtroppo ne dovrà passare ancora molto, la morte è una vera stronza e non è mai in orario, arriva sempre troppo presto o troppo tardi.

Non so se qualcuno avrà mai il tempo di sentire questo sfogo ma avevo bisogno di sfogarmi in qualche modo visto che non ce la faccio più.  

Gio

23

Ago

2018

Zii menefreghisti e padre demoralizzato

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Sono veramente demoralizzata dal trattamento che subiscono mio padre e mia nonna da parte della loro famiglia d'origine. 

Premessa per far capire il contesto: famiglia relativamente benestante (proprietari di una casa con quattro appartamenti costruita dal mio bisnonno), il nonno paterno è morto molti anni fa e quindi mia nonna è rimasta vedova abbastanza giovane con tre figli (mio padre, un fratello e una sorella); io ho un fratello e tre cugini, figli del fratello di mio padre. Con i miei siamo una famiglia abbastanza unita, io e mio fratello non abitiamo più con loro ma comunque sento che ci vogliamo bene e non ci siamo mai fatti mancare reciprocamente nulla. Finché abbiamo vissuto tutti e quattro insieme siamo stati nella casa di proprietà della mia famiglia paterna, mentre gli altri tre appartamenti erano occupati rispettivamente da mia nonna, la famiglia di mia zia e la famiglia di mio zio.

Veniamo a oggi. Da poco più di un anno mia nonna, sempre sanissima, ha improvvisamente cominciato a soffrire di demenza e lentamente è diventata non autosufficiente. A questo punto gli screzi fra i tre fratelli, sempre sopiti, si sono rivelati apertamente. Non appena mia nonna ha perso la ragione e ha smesso di riconoscere i suoi figli (scambiando ogni giorno mio padre e mio zio per mio nonno e mia zia per sua sorella), i miei zii hanno cominciato a disinteressarsi completamente del suo stato di salute. Inizialmente negando il problema (anche facendosi una risata quando mia nonna è stata ritrovata in camicia da notte per strada in stato confusionale), poi la questione è degenerata quando mio zio, stufo della situazione dopo un solo mese, ha preso i contatti con un ospizio per sbattercela dentro. Per fortuna mio padre lo ha scoperto per caso e (con il nostro aiuto e con quello di mia madre) è riuscito a convincerli ad assumere una badante, che fra l'altro costa meno di un ospizio e almeno avrebbe permesso a mia nonna di morire nella casa dove è nata, vicino ai suoi figli. Che, in tutto questo, se ne sbattono da mesi e non mettono piede in casa della madre (nonostante abiti al piano di sopra). Mio padre non è ancora in pensione e nonostante questo dedica ore al giorno a fare compagnia a mia nonna, anche se lei non lo riconosce più e adesso non riesce più a parlare. Io e mio fratello lavoriamo e le facciamo visita almeno due volte alla settimana, mentre i miei cugini, più piccoli di noi e ancora a casa coi genitori (quindi, lo sottolineo, nello stesso palazzo di mia nonna), non ci mettono piedi per settimane o mesi interi. Per capirci, mia nonna era ormai allettata da ormai quasi quattro settimane quando mio cugino è entrato in camera sua e ha urlato "porca troia, ma non cammina più?" Buongiorno e grazie per l'interessamento! A volte mio padre è costretto a uscire prima dal lavoro perché mia nonna è da sola, correre a casa... Per poi scoprire che i miei zii erano a casa in poltrona ma non avevano voglia di alzare le chiappe dalla poltrona per fare una rampa di scale!!!

Detto questo, non ho mai visto mio padre così depresso nella sua vita. Il colpo di grazia è stato quando sua sorella gli ha proposto di modificare il testamento di mia nonna (per aggiustare un cavillo burocratico che avrebbe accelerato l'acquisizione dell'eredità) chiedendo a un anziano di prestarsi per falsificare la firma. Piange al telefono quando lo chiamo ma non riesce, non ha il coraggio di incazzarsi coi suoi fratelli, che praticamente ormai ammettono quasi apertamente di non vedere l'ora che mia nonna tiri le cuoia. Vorrei tanto poter fare qualcosa per lui ma siccome non riesce ad ammettere completamente a se stesso il problema è molto difficile affrontare l'argomento. 

Scusate lo sfogo lunghissimo ma avevo bisogno di scriverlo da qualche parte. 

Dom

19

Ago

2018

Cosa dovrei fare?

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Ira

Salve a tutti, sono un ragazzo di 18 anni. Mio padre è "uscito" dalla mia vita quando avevo 11 anni perché mia madre, giustamente, lo ha cacciato fuori di casa dopo aver sperperato tutti i soldi in droga. E fino a qui ci possiamo anche stare, per così dire. Vivo quindi in casa con mia mamma, mio fratello e mia nonna.

Mia mamma lavora tutti i giorni, torna a casa stanca e usa l'alcol per rilassarsi. Ha trovato un compagno con cui sta insieme da un anno e sono felice per lei ma sta trascurando un po' la casa e la famiglia. Io non so come mai ma non riesco ad averci un rapporto con mia madre. Ci parliamo pochissimo, quando mi abbraccia divento freddo e non riesco proprio a comunicare con lei.

Mia nonna invece essendo in casa più tempo di mia madre si sente in obbligo di gestire la casa, e purtroppo anche la mia vita. E io non riesco piu a gestire il suo fiato sul collo, la sua costante mania di controllo che ha nei miei confronti.

Aggiungo inoltre che sono bisessuale. Ho avuto una relazione con una ragazza che ovviamente non piaceva molto alla mia famiglia (era ritenuta troppo ingenua e infantile per me). Ora invece sto con un ragazzo invece, da due mesi e poco piu. Ovviamente ho dovuto fare outing ma il punto non è quello. Lui è più grande di me di 8 anni, ma a me non interessa niente dell'età di una persona.

E ovviamente a mia nonna questo ragazzo non piace.

"Ti farà soffrire" "Ti sta solo usando" "Vedrai poi come ci stai male" Sono solo le frasi più leggere che mi gengono ripetute ogni giorno.

E io dico, ma che cazzo ne sapete di com'è. Lui è un ragazzo bravissimo, stiamo bene insieme, non mi fa mancare nulla e è sempre disponibile quando ho bisogno. Io ci tengo veramente a lui e vorrei vivere questa relazione nel modo più sereno possibile. Ma non ci riesco. È un periodo che sto sempre fuori casa perché non sopporto nessuno in famiglia, e stando sempre con lui ricevo solo più lamentele. 

Devo anche studiare per gli esami che ho a settembre per la scuola ma non ho la testa per farlo. Mi hanno fatto iniziare ripetizioni inutili con persone che mi lasciano solo da studiare a casa e più mi opprimono con tutti questi obblighi e più sento il bisogno di staccare. Mi sono sempre organizzato e non ho di certo bisogno del loro aiuto. 

E la cosa piu grave è che io li odio. Li odio proprio. Quando entro in casa comincio a innervosirmi anche solo sentendo la loro voce, non voglio parlarci, mangiarci e nemmeno dormire in quella casa. La situazione è molto complicata e scriverla tutta diventerebbe un romanzo. Questo era il mio sfogo, buona giornata a tutti.

Mar

31

Lug

2018

La saggezza

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Invidia

Quando ero ancora una bambina mi è stato insegnato che la figura del nonno fosse sinonimo di saggezza. Un fatto recentemente accaduto mi ha fatto ricredere in tale cosa. Due simpatici nonnini hanno avuto la grazia di diventarlo per la seconda volta. Il primo nipote è stato letteralmente oscurato anzi cancellato. Il nuovo arrivato viene messo sempre al centro dell'attenzione ed i nonni prendendo di fare i sapientoni. Spesso litigano con il figlio e con la nuora perché non rispettano le esigenze naturali del neonato.

 

  1. Pretendono di svegliarlo quando dorme
  2. Devono appicicarsi a lui mentre viene allattato
  3. Dicono spesso di essere meglio dei genitori del nipote in quanto hanno il dovere di non rispettare le regole che gli vengono imposte. 

 

Il primo nipote ha festeggiato il compleanno e per tutta la durata della festa è stato letteralmente messo in disparte. Il cuginetto voleva dormire e veniva letteralmente disturbato. Dopo i continui richiami dei genitori si è creata una situazione molto pesante. E i nonni hanno fatto i musoni nel momento di spegnere le candele e non hanno cantato la canzoncina. 

Odio che i bambini vanno ci vanno di mezzo. Spesso abbiamo molte cose da imparare da loro. 

Ho capito che spesso gli "adulti" sono peggio dei bambini e per farli ragionare bisogna parlare con loro come se avessero tre anni. 

Era il compleanno di vostro nipote potevate evitare. 

Persone sagge in questo mondo non esistono più. 

RIP Saggezza. 

Mer

18

Lug

2018

Veramente una brava nonna

Sfogo di Avatar di lalylaly | Categoria: Ira

Anche le nonne , come tutti, hanno i preferiti, anche se con gli altri non lo danno sicuramente a vedere, anzi. Mio figlio, fin da piccolo non era molto considerato. Un pò perchè io sono la nuora e un pò perchè mi sono sempre arrangiata, non avevo bisogno che vedessero del bambino Già quando era all'asilo, avevo chiesto una volta che me lo andassero a prendere e la sera , mi chiama la direttrice:" Guardi che suo figlio è ancora qui".E va bè può succedere e non ho fatto casino. Poi comincia a crescere e a ogni compleanno , Natale e Feste, c'è sempre stata la scusa : " Scusa ,ma adesso siete in tre" oppure " scusa ma devo aiutare l'altra".E quindi ha beccato sempre poco e niente. Ora fa le superiori, abitiamo in una frazione abbastanza fuori e la corriera passa poche volte al giorno. Due giorni a settimana dovevo portarlo o andare a prenderlo a seconda della giornata , per non arrivare a casa tanto tardi e poter studiare per la maturità. Premetto che mio suocero non guida da molto tempo per un ictus, ma hanno tenuto la macchina a disposizione ( non nostra naturalmente). Ho sempre combinato con quella di mia madre, ma ogni tanto anche lei ha i suoi impegni. Bene, suo padre chiede la macchina una volta , due volte , la terza ho detto lascia stare.  La risposta è sempre stata no la usa una delle altre nipoti ( come hanno fatto per gli ultimi 11 anni, la macchina gratis fa comodo). Fa la patente, volevamo prendere un panda come quello di mio suocero ( il modello vecchio) e suo padre gli dice di provare la macchina del nonno prima, per vedere se si trova. Mio figlio chiede se gliela presta un momento e la risposta è stata no , la macchina la usa quell'altra. Ma porca miseria, sono 11 anni che usano la macchina senza sborsare neanche i soldi della benzina, non era giusto che adesso toccasse a lui e no , che ha dovuto prendersela un pò pagando noi e appena ha cominciato a lavoricchiare , ha finito di pagarsela, per fortuna accontentandosi di una macchinetta vecchia, perchè loro hanno bisogno? E poi vedi che vanno in ferie in Sardegna, due figlie all'università e una casa da mezzo milione. Hanno bisogno cosa?  E noi che abbiamo uno stipendio solo, nooooo. Faccio miracoli io?non siamo mai stati in ferie fino ad ora e una volta a settimana ci prendiamo un panino al mcdrive per fare il sabato sera.e poi  l'embolo non deve cominciare a salire... Si diploma. Lo chiama per dargli la busta e gli dice " non posso darti come alle altre, devo aiutare ... l'altra nipote, col matrimonio. Adesso io dico posso "non essere" incazzata nera e sputargli in faccia se la vedo o no.Ancora per fare bella figura con la gente , sembra che ci mantenga. Vergogna!

Dom

18

Giu

2017

Famiglia di merda

Sfogo di Avatar di Broken InsideBroken Inside | Categoria: Ira

Iniziamo dai miei: mio padre è un menefreghista. Torna a casa dal lavoro (è vero che è stanco e tutto ma è insopportabile) e ci urla perché non vuole che parliamo visto che ha mal di testa, però ci costringe ad ascoltare le sue lamentele. Non vuole che si accenni alla sua professione perché lo stressiamo, tant'è che non si occupa del mio caso e se si prova a farglielo notare ci sgrida e dice che lo opprimiamo ( ho un piccolo problema per cui devo essere operata e lui DOVREBBE essere lo specialista che mi segue e mi prepara per l'intervento). Si interessa solo al nostro rendimento scolastico e nonostante sia buono continua comunque a perseguitarci e a stressarci senza motivo (non vuol sia fatto a lui ma lo fa a noi e si lamenta nonostante non sia mai presente e non sappia un bel niente). Poi è egoista: se c'è ,per esempio, qualcosa da mangiare che piace a tutti se lo sbaffa lui di soppiatto. Poi ogni volta che gli rispondiamo male ci mette le mani al collo e stringe credendo sia una specie di gioco (questo trattamento speciale lo riserva quasi sempre a me). Mia madre è anche lei egoista: fa cadere i nostri oggetti che più le piacciono in terra e poi dice di averli trovati abbandonati e che quindi sono suoi. Spesso regala o butta le nostre cose per puro divertimento. Ride di noi quando la informiamo dei nostri progetti e desideri dandoci delle fallite tra le risa. Piange,fa la vittima e ci accusa di tutti i suoi fallimenti quando non può avere ragione. Ci picchia per cose stupide e si preoccupa del nostro rendimento perché ha paura di sfigurare con le amiche davanti alle quali ci accusa di non aiutarla mai (cosa non vera visto che per anni mi sono occupata della casa e di mia sorella dato che i miei tornavano a casa solo la sera). In più non ci aiuta mai e tiene così tanto a me che non si preoccupa di nulla e mi dice sempre di arrangiarmi se voglio andare in giro e di tornare a piedi  (nonostante non mi abbiano lasciato prendere la patente e nonostante ci siano km da fare) anche a notte fonda perché non ha voglia di spostare la macchina. Dice sempre che lei fa molto più di noi anche quando è evidente che ha dormito tutto il giorno e ci fa fare da servi con la scusa  (se non ubbidiamo non ci parla più e riferisce tutto a papà). È ipercritica, maniaca dell'ordine e della pulizia e super lunatica. Mia sorella mi ha appena detto che faccio schifo nonostante abbia sacrificato metà adolescenza a seguirla ed aiutarla per non farla sentire come me. Ed ecco il risultato : pensa sia un mostro e mi tratta malissimo. Non mi ascolta ed una volta si è anche tagliata. Sono disperata. Mia nonna (l'unica rimasta) mi tratta da sempre malissimo perché a suo dire sono la fotocopia di mia madre che odia a morte (è ricambiata) ed ora inizia a trattare male anche mia sorella (proprio adesso che è in una fase critica). Gli altri parenti o sono completamente pazzi o giustamente hanno i loro problemi. Bon mi sono sfogata, scusate per la lunghezza :')

Lun

28

Nov

2016

Troppo tardi

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Ira

il bene di un nipote per la nonna che lo ha cresciuto può essere infinito, ma se vi capita di litigare non siate egoisti e orgogliosi, potreste non avere più l'occasione di chiedere scusa.

non siate come me... il rimorso non andrà via mai più, è troppo tardi. 

Mer

23

Dic

2015

Mio padre

Sfogo di Avatar di Giorgia2506Giorgia2506 | Categoria: Altro

Nello sfogo precedente ho raccontato la situazione con mia madre, adesso parlerò di quella con mio padre. Da quanto ricordo della mia infanzia, lui picchiava sempre mia madre e a volte anche mia sorella e mio fratello. Su di me non ha mai alzato le mani, forse perché ero la più piccola. A volte arrivava anche a tirare pugni alle parte, lasciando fori enormi e a rompere piatti oppure il tavolo stesso. Cinque anni fa, a causa di una stupida lite lui minaccia di andarsene da casa, quando in realtà aveva già tutto pronto per andarsene. Una volta chiamati i suoi fratelli e le sue sorelle, che si presentarono davanti casa con le loro macchine pronte ad accogliere la roba di mio padre, comincia una lite fra le sorelle di mio padre e mia madre,la quale si mette ad urlare dal balcone Da qui in poi non ricordo molto, dal momento che mio fratello mi aveva preso in braccio e portata a casa sua. Ricordo che sentii il suono dell'ambulanza e che era successo qualcosa a mia nonna. Mio padre se ne andò, aiutato dai suoi fratelli. Ora se chiedo cos'è successo quel giorno ricevo versioni diverse ogni volta; mia madre dice che mio padre ha buttato a terra mia nonna e lei ha chiamato il 118, mio padre dice che mia madre ha costretto mia nonna a dare la versione che voleva lei agli infermieri. I miei genitori si separarono poco tempo dopo quello che era successo. Si decise in tribunale che io sarei andata giorni stabiliti con mio padre. Lui si comportava e si comporta anche ora abbastanza bene nei miei confronti, escludendo alcuni episodi nei quali non è riuscito a fingere di essere un bravo genitore. So che è tutto falso e vorrei che fosse diverso. 

Ora sapete il motivo per cui io non vado a vivere con mio padre. 

Succ » 1 2