Tag: figlio

Gio

02

Mar

2017

Paura della verità

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Mia moglie aspetta un bambino. Sarà il nostro terzo figlio. Dovrei essere felice e invece ho un macigno sul cuore che non mi lascia respirare perché Ho fondati sospetti che non sia figlio mio. Tempi che non coincidono perfettamente e altri indizi che non sto adesso a dire. Ho paura di sapere l a verità. Forse preferisco vivere nellignoranza e nel dubbio anziche avere la certezza di un figlio illegittimo. No so cosa fare, potrei fare l'esame del dna al bambino ma poi non sono sicuro che sopravviverei alla verità. Io amo troppo mia moglie e la mia famiglia, non riuscirei a farne senza. Con mia moglie cerco di farmi vedere sereno e felice ma dentro di me è come piombo. Che alternative ho?

Gio

09

Feb

2017

Complimenti per aver rovinato il momento

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Ira

Dopo mesi di sforzi per convincerti, finalmente mi vieni dentro (voglio un figlio, lui tituba).

A parte il fatto che voi maschietti c'avete il trauma dell'eiaculazione interna, accidenti a chi vi ha spiegato (e male) come si usato gli anticoncezionali, e che quindi come tanti tu fai una gran fatica a venire dentro (e ci sei riuscito solo perché continuavo a dirti oscenità, io, che amo il sesso romantico..) e vabbé...ma ti sembrava il caso subito dopo, mentre stavamo abbracciati, ti premere “per scherzo“ sulla pancia e dire ridacchiando “dai facciamo la creampie come nei porno“?????

Ma é cosí che vuoi concepire nostro figlio? E poi cazzo ti sembra il modo di comportarti con una donna? Due ceffoni ti dovevo dare!!! 

Lun

09

Gen

2017

Ti odio

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Ira

Mi prendi in giro, voglio un figlio e continui a farmi aspettare.

Stai decidendo per me che non avrò figli e sprecando preziosi anni di fertilitá.

Guarda che so fare anche io la bastarda. Sospenderò la pillola e deciderò io per entrambi. E poi ti porterò via tuo figlio.

Ti odio. Ti meriti tutto questo male. 

Mar

20

Set

2016

Vorrei gonfiare mio figlio di mazzate per fargli capire che cosa proviamo noi

Sfogo di Avatar di OcropoidOcropoid | Categoria: Ira

A volte vorrei gonfiare di botte, ma proprio fortissimo, quel nano malefico di mio figlio... cinque anni di torture ci ha regalato, ha tirato al limite tutta la nostra pazienza. Con le buone, con le cattive non serve ad un cazzo, fa quello che vuole... ci vergoniamo come assassini ogni volta che siamo in giro, la gente ci sorride con compatimento e ci marchia come genitori teste di cazzo. Io che ho sempre cercato di avere un basso profilo, non infastidire mai nessuno e rispettare le regole sono ora vincolato con un bastardo che mi fa pentire di essere al mondo. Vorre gonfiarlo di botte fino a impedirgli di parlare visto che non sta mai zitto... e la cosa più tragica è che dopo starei malissimo a vederlo soffrire. A volte vorrei proprio che non esistesse e subito dopo averlo fatto me ne pento. 

La nostra vita dopo che questo bambino ha compiuto un anno è diventata un inferno e io non riesco ad accettarlo!!

 VAFFANCULO 

Ven

05

Ago

2016

Molte persone non conoscono il valore della vita.

Sfogo di Avatar di AlechemondoAlechemondo | Categoria: Accidia

Ho quasi 21 anni, e soffro come quando avevo 9 anni. La parola "papà" mi simboleggiava amore, affetto, felicità, divertimento. Separato con mia madre però non mi faceva mancare nulla. Avevamo molte passioni in comune, la gente ci invidiava del nostro rapporto. Era l'amico e stimato da tutti. Da quando si è messa con la nuova compagna il nostro rapporto si è distrutto a pezzi. Lei pretendeva che la chiamassi "mamma" in cambio le sue figlie chiamassero "papà" a mio padre. Io non ero d'accordo perchè di mamma ce n'è una sola e le loro figlie hanno il padre. Lui ha consentito di farsi chiamare papà dalle figlie altrui. I miei nonni e zii paterni non erano d'accordo della loro scelta e magicamente si è dimenticato della nostra famiglia. Nel frattempo sono cresiuto, ho fatto la comunione, lui non è venuto. Mi sono diplomato e gli anni passano. Quando avevo 16 anni lo ricercai, per capire il suo stupidissimo comportamento. Per non parlare della risposta "perché mi hai cercato? cosa vuoi da me?" gli dissi che mi mancava, e che non le avevo fatto nulla di male. Cercando di ricostriure un rapporto. Mi porta a casa sua, sua "moglie" mi invita a cena (come se non fosse successo nulla) scopro che si sono sposati e ho un fratellino. Mio fratellino mi ha subito voluto bene e mi cerca sempre. Allo stesso tempo mi accorgo che mio padre non ha più il comportamento, il carattere, l'affetto, l'amore di una volta. E' diventato volgare (prima non lo era) pieno di malignità (come lei) e ha un rapporto troppo confidenzale con le figlie della moglie. Pochi mesi dopo vengo di nuovo allontanato. Cercando più volte spiegazioni da loro. Lei dice di non voler intromettersi e allo stesso tempo mi mette contro mio padre. Io sono disposto a perdonare, a chiedere scusa ma a questo punto non saprei più cosa fare. Lo vedo in giro e si abbassa la testa. L'unico a salutarmi è mio fratellino. 
*Un messaggio generale per un padre: E' giusto che vi fate una nuova famiglia ma non dimenticate di vostro figlio!*Un messaggio generale per una madre: Se il vostro compagno ha figli, lasciatelo amare. Non siate gelose. 

Sab

23

Lug

2016

problemi coppia dopo figlio

Sfogo di Avatar di elisamagelisamag | Categoria: Altro

Ciao a tutti se scrivo qui è perche sono all ultima spiaggia....la relazione col mio compagno è divenuta insostenibile. abbiamo un bambino di 1 anno e 4 mesi e noi abbiamo 27 e 28 anni...il problema è che da quando è nato il bimbo la nostra relazione è cambiata...sono rimasta incinta dopo 9 anni di fidanzamento...il bambino non l abbiamo cercato è arrivato. da quando ho scoperto di essere incinta ho capito ch e non ero pronta a diventare mamma ma tutti mi hanno spronato e anche il mio compagno desiderava molto tenere il bimbo quindi abbiamo deciso di tenerlo ma io gia sentivo il tutto come una tragedia..noi lavoriamo insieme io ho un lavoro che amo faccio i mercati e avevo paura che il bimbo potesse essere un impedimento al mio lavoro alla mia vita. cosi non è stato poi, perchè ho trovato una brava tata e a 3 mes del bimbo sono ritornata a lavorare la mattina. quando il bimbo è nato io sono stata male ho avuto una sorta di depressone, non sono riuscita a allattare il bimbo, e questo mi ha molto scoraggiato, il mio ragazzo mi è stato vicino ma non come avrei voluto forse.io ero abituata a uscire, a lavorare e il fatto di stare sempre a casa mi stava uccidendo. cosi a 3 mesi il fatto che sono rientrata a lvorare e che ho ripreso in mno la mia vita è stata una manna dal cielo, anche se alternavo ancora momenti di depressione...presto ci siamo sempre piu allontanati col mio ragazzo e siamo arrivati alla situazione in cui siamo ora...litighiamo spesso soprattutto perche io non sono soddisfatta perche lui non mi da attenzioni, mi parla a stento...parliamo pochissimo...abbiamo momenti in cui a lungo tempo non facciamo l amore...ora saranno 3 mesi...non ci sono molte manifestazioni d affetto da parte sua anche se io provo a avvicinarmi, il problemaè chenon riusciamo mai a ritagliarci del tempo per noi sempre col bimbo non usciamo mai non facciamo mai qualcosa insieme e io vorrei. ho provato a parlarci ma lui non vuole parlare dice sempre che sono io che creo problemi che per lui va tutto bene...ma come fa a andare bene? non parlandosi e ignorandosi secondo lui va bene ma per me no perche dopo un po che sto in casa con chi non mi considera e mi ignora sbrocco...e poi riverso le mie ansie sul bimbo arrivando a pensare in modo sbagliato che la colpa sia sua perche prima andavamo d accordo ci volevamo bene avevamo tempo e arrivo a considerare il fatto che se non l avessimo fatto sarei stata piu felice...non giudicatemi male parlo cosi perche sono portata all esasperazione...in piu siamo venuti a abitare in un altra città dove non conosco praticamente nessuno quindi a parte il lavoro non ho altro per svagarmi,,patisco il fatto che ho perso tutti i miei interessi e che non ho svaghi. sono bloccata ho paura di tutto,,l  unica cosa buona è che ho trovato la forza e lunedi vado a parlare con una psicologa...vi prego datemi qualche consiglio anche voi

Lun

27

Giu

2016

VERGINE!

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Lussuria

Il primo problema per me si capisce chiaramente dal titolo. A dire la verità per me non lo sarebbe un problema, é la tipa che ho conosciuto da poco ad avere le turpe mentali. Addirittura mi ha detto che per lei é un valido motivo anche per chiudere il rapporto. Mi ha detto che ha avuto esperienza simile in passato. Un pesce che non gli é andata giù per niente, un pesce che non le é piaciuto, troppo chiuso, troppo lontano da lei, ed in me dice di aver già scorto i sintomi di chiusura simili all'altro pesce che l'ha fatta soffrire, che non sapeva prenderla come avrebbe voluto, quindi, ha paura di sbagliare di nuovo. credetemi pure che mi viene da dire una cattiveria, che se l'avesse scopata a dovere ora non ci sarebbero di questi problemi. Scusatemi!E' da un mese che stiamo insieme e sì, é vero, non gliel' avevo detto ancora di essere dei pesci, ma nemmeno io sapevo che lei era del segno della vergine, in pratica l'esatto opposto al mio.Domanda:siamo nel 2016, ma voi mandereste all'aria un rapporto per questo?

Secondo problema. Io ho 28 anni lei 26, lo so che sono grande, ma io non ho mai fatto sesso con una donna. Ho un po' paura, ci siamo decisi per domani sera. Mi hanno detto che mi devo lasciare andare, che é una cosa naturale, ma io ho paura uguale. Se sbaglio qualcosa? Se mi fa male? Gliela devo prima toccare, che ne so leccare e poi fare l'amore, oppure devo entrare diretto? E se lei invece vuole prima farlo a me? Come faccio a sepere tutte queste cose? Sto impazzendo, datemi un aiuto amici che ho lo stomaco stretto.

Terzo problema, il più grosso di tutti. E se vuole, com'è sicuro, che io usi il preservativo? ma se Non l'ho mai fatto  che malattie potrei avere? Lei però, da alcuni discorsi che abbiamo fatto, sono sicuro, vorrà lo stesso che lo metta! Ma io non so da dove cominciare e soprattutto amici, io mi vergogno da morire. Già solo il pensiero di prendere un palloncino e metterlo sulla mia parte più intima davanti una ragazza, mi fa sprofondare sotto terra. Io però avrei un'idea e su questo mi serve il vostro urgentissimo aiuto. L'appuntamento sarà domani sera io ho pensato di mettermelo da casa, di farmi trovare già  col preservativo indossato. Che dite le farà piacere il gesto? L'avete mai fatto? Si riesce a guidare l'auto, ma solo per un breve tragitto?

Datemi le vostre risposte amici,  non mi abbandonate nel momento di maggior bisogno, io, il vostro figlio, ora vi chiedo urgente aiuto Grazie!

Mar

22

Mar

2016

Mi sento uno schifo

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Superbia

sono incinta, da due mesi e mezzo.. Il padre del mio bambino è un calciatore di colore abbastanza famoso, un ragazzo con cui ho una storia da 5 mesi.. Questo bambino è stato voluto, forse in quei momenti abbiamo usato poco la testa, o forse l'amore è davvero la cosa più grande che c'è .. MA purtroppo io non la penso cosi... Di questa gravidanza non ne ho parlato con la mia famiglia, da sola e senza dire niente a nessuno sono andata a fare la visita e le analisi per prenotare l'aborto.. Lui non è la persona della mia vita, siamo troppo diversi, cultura, carattere, modi di agire e di pensare.. Poi è un calciatore non mi ispira molta fiducia.. Anche se dice che mi ama.. Non Mi fido molto.. Ora.. Mancano 5 ore e andrò in ospedale.. Questa piccola creatura che da 2 mesi è dentro di me .. Tra qualche ora non ci sarà più .. Ho pianto tutto il giorno.. Non so se sto facendo la cosa giusta o sbagliata..luí mi ha detto di fare ciò che sento .. Vorrei tanto avere un parere dalla mia famiglia ma non ho il coraggio di dirglielo .. Non vorrei pentirmi .. Forse domani nemmeno entro in quella stanza.. Forse scappo via e mi tengo mio figlio.. Ma i figli devono crescere con amore e tra me e il mio ragazzo non è amore.. È infatuazione .. Affetto.. Mi sento uno schifo .. Spero solo che un giorno Dio mi perdonerà .

Mar

15

Mar

2016

genitori di merda, vita di merda

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Ira

Ciao a tutti ragazzi, stasera mi sento di dovermi sfogare e lo faccio qui ... Ho 17 anni, sono un ragazzo gay e sto passando un periodo davvero DI MERDA. Da un mesetto a scuola vado male, mi disconcentro sempre ... Scrissi già un post sulla persona di merda che è mio padre e quasi sono costretto a farne uno su mia madre ! Non sanno della mia omosessualità ma mio padre è un fottuto vecchio di merda, una di quelle persone con un punto di vista inamovibile che qualsiasi cosa fanno/ti dicono te la devi far andare bene perché tanto porta lui i soldi a casa ... Di conseguenza essendo testardo ho sempre fatto molte cose di nascosto, se le avesse scoperte mi avrebbe sicuramente sminuito o detto che "è tempo perso, è inutile". Ma la cosa che mi fa incazzare è che cerco di esser carino e comprensivo ma mi arrivano soltanto urla da stress per il lavoro, è sempre stressato e basta un niente per scatenare la sua ira. Purtroppo a seguito di una litigata di circa uno o due mesi fa non abbiamo più un rapporto, non mi rivolge la parola e io non la rivolgo a lui. Da un punto sono strafelice di non aver nulla a che fare con lui, ma dall'altro ho un vuoto interiore: sento la mancanza di una figura paterna. Sia chiaro, mai vorrei riappacificarmi con quel mostro, ma non so come colmare questo vuoto, a volte è veramente lacerante e mi rende davvero triste. Dall'altra parte invece c'è quella zoccola di mia madre con cui proprio stasera ho litigato, nel mezzo di conversazioni serie mi sminuisce o mi prende in giro in modi così stupidi che scatenano in me un' ira enorme, l'ho chiamata puttana e gli ho augurato la morte. Mia madre è stupida come la merda, ma è l'unica figura su cui posso contare per cui me la sono sempre ingraziata, ma non ce la faccio più neanche a sopportare lei, mi fa schifo come persona, fa battute che non dovrebbe fare una madre a un figlio e crede di esser simpatica dicendomi (ridendo) "sei brutto" pur sapendo dei complessi di cui soffro. Le faccio leggere pezzi di conversazione su what's app e mi commenta dicendomi "chi sono questi sfigati?" Non arrivando al centro della discussione stessa. Sono praticamente orfano ora, ho passato veramente tutti i limiti e vivo in una casa in cui non sono benvoluto, che tral'altro mi fa anche schifo, e ció è opprimente. Vorrei continuare gli studi da un altra parte, lontano da loro, che ne dite degli assistenti sociali ? Vorrei solo che mi si togliesse l'affidamento, almeno finché non compio 18 anni, e a quel punto sperare in un pentimento da parte di uno dei due e in un riavvicinamento ... Se qualcuno ha qualche consiglio da darmi vi leggeró, se qualcuno invece vuol scrivermi qualcosa puó farlo in questo indirizzo email:[non possono essere inseriti indirizzi mail]] (mi accorgo di aver scritto tutto di fretta e quindi per qualcuno puó sembrare un semplice capriccio adolescenziale, ma vi assicuro che i conflitti sono molti e questa situazione a casa sommandosi a tante altre piccole cose mi rende davvero la vita un inferno ... )

Lun

14

Mar

2016

Ho quasi 27 anni e ho gli ormoni a mille dopo 3 anni da single.. e non solo!

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Lussuria

Voglio essere breve... perchè avevo già confessato una storia molto dettagliata riguardante il rapporto stretto e morboso instaurato fin da piccolo da mia madre nei miei confronti, con una confidenza che probabilmente e inaspettatamente nel tempo mi ha portato sicuramente più difficoltà in generale.
In poche parole dopo aver rotto 3 anni fa, con la mia ex (era la prima vera storia per me) dal quale ho scoperto l'amore vero oltre che la parte intima, adesso ogni giorno si fa sempre più sentire questa mancanza della figura femminile al mio fianco. Vivo in una città in cui le donne, purtroppo sono difficili.. in poche parole se la tirano e sono più attratte da quelli più banali dentro, e belli fuori.. Io non mi considero un modello di bellezza, sono normalissimo fuori, ma bello dentro...anche per come sono stato educato, e questo forse incide per queste "donne" con la d minuscola.... credetemi.. ho quasi litigato al cellulare con un amica di 35 anni che si vantava di divertirsi molto sessualmente in questo periodo, con diversi bei ragazzi... ma con me vedeva solo un amicizia, nessuna attrazione.. proprio perché secondo lei il sesso è fatto di attrazione (del resto ha ragione) ma vantarsi e mancare di rispetto a chi ora non ha.. mi sembrava eccessivo....
A parte questo, io ho sempre creduto nell'amore vero... non sono mai andato con una ragazza solo per sesso (solo adesso ho cominciato ad avere questo pensiero) ma come dicevo prima, le donne qui sono difficili sia per un possibile vero amore, che per una semplice scappatella....
Ma non solo.... come dicevo inizialmente fin da piccolo ho un rapporto molto in simbiosi con mia mamma... e lei, sa che sono anche in questa situazione e spesso mi chiede come faccia a resistere, e che dovrei in modo naturale sfogarmi in qualche modo... ma non capisce che le donne non sono più quelle di un tempo, della sua era.. 
Il problema è che lei non si è resa neanche conto durante gli anni (sicuramente involontariamente) che la confidenza che si è creata tra noi due, ha creato un rapporto cosi stretto e vicino ( es. dal dormire addirittura insieme,oppure lo sfiorarmi o toccando leggermente sotto quando sbuffo con il suddetto termine esplicito "che p...e") che nel tempo mi ha purtroppo portato (segretamente, perché lei non lo sa ancora, non gli è l'ho mai detto) a provare per lei un grande affetto (che non esterno come lei vorrebbe per timidezza) ma sopratutto per l'attrazione fisiica, avvolte imbrazzante che ho cominciato a notare nel tempo per lei.. D'altronde, nonostante il tempo sia passato, lei è rimasta sempre una donna molto affascinante dentro, oltre che fuori.
Per esempio, negli anni ci sono state delle piccole situazioni in quella "vicinanza" che purtroppo hanno fatto accorgere a lei, fenomeni del tipo..erezioni (che spesso mi ricorda tutt'ora scherzando) o quando ad esempio a 18 anni una volta mentre mi toglieva dei brufoli dalla schiena, mi disse esplicitamente che sono causati anche dagli ormoni e che dovrei sfogarmi, magari con la masturbazione!
Ecco li, ricordo (ma non ne sono sicuro) che mentre successe questa cosa, lei si allontanò un attimo dalla stanza per prendere un oggetto, e nel mentre disse cosi aggiunse da lontano (io penso di aver capito bene) che altrimenti ci avrebbe pensato lei a farmi una... (con un termine esplicito) ! ripeto.. io ho percepito quella frase... e non credo di aver capito male.. (credo!) ... è sempre rimasto un altro dubbio durante gli anni.. della serie... perché mi disse cosi ? voleva semplicemente aiutarmi in modo più speciale e fuori dal normale ?? ho capito male io ?!?
Fatto sta, che nel tempo il rapporto è rimasto tale e quale, e a parte situazioni di confidenza che citavo poco sopra, non nascondo che quella "fantasia" della masturbazione forse mai realizzabile, è scattata in me.. 
Il resto pure, ma ovviamente capisco benissimo che è tutto sbagliato e strano.. non dovrei pensarci! Ma mettetevi nei miei panni..
Da una parte il voler trovare una partner (per togliermi da una doppia situazione disagiosa, trovando molti ostacoli), dall'altra non riuscendoci, mi porta a questo contatto ravvicinato con questo rapporto che avvolte sembra al quanto un po strano per essere ciò che siamo, ovvero madre/figlio. Non ho mai trovato (pur avendole voglia) il modo e il coraggio di aprire un discorso con lei.. e forse ho sbagliato.. perché quello che ci sta male, ora sono io.. e sento di essere agli estremi per due motivi.  
Cosa mi consigliate di fare ? Avete mai avuto esperienze simili sia sulla singletudine forzata, sia sul un rapporto del genere ?

 

  1.  

 

Succ » 1 2 3 4 5

Iscriviti

Iscriviti
Iscrivendoti potrai aggiungere commenti senza attendere approvazioni, votare gli sfoghi e potrai gestire i tuoi post ed il tuo profilo senza limitazioni.
Clicca qui o sull'immagine per aggiungerti