Tag: primo

Sab

01

Giu

2019

Indecisa

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Non so che fare, mi piace un ragazzo e sto pensando di fare io il primo passo ma la cosa che mi blocca è che se io non dovessi piacergli poi entrerei in crisi depressiva. Non so quasi nulla di lui e lui sa chi sono perché conosce mio fratello. Inoltre lavora vicino a casa mia e mi capita spesso di vederlo. Non so se lasciare perdere o fare io il primo passo

Lun

18

Set

2017

Il primo amore non si scorda mai

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

...eppure vorrei dimenticarlo, dimenticare che mi ha fatta sentire speciale per un attimo e poi distrutta per mesi. È dura da superare, ma ne sarà valsa almeno la pena? Non riesco ad allontanarmi dall'idea di noi due, vorrei tanto voltare pagina, ma allo stesso tempo ho paura di conoscere un altro, di rivivere lo stesso sogno che poi si è trasformato in incubo... 

il primo amore non si scorda mai....che fregatura! 

Sab

08

Ago

2015

Scrivere o no? Questa estate lo deciderà

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Mi è difficile pensare al passato, ho una memoria poco sviluppata e in ogni caso, è sempre verso il futuro che sono proiettata. So solo che non riesco mai a stare bene con gli anni che ho, che quando ne ho avuti dodici ho battuto il pugno perché gli altri riconoscessero i miei tredici, poi paradossalmente, raggiunti i tredici il mio sguardo era andato ancora più avanti, oltre, i quattordici. 

So che ho iniziato a leggere per ottenere un riconoscimento, perché in casa mio fratello era quello bravo in matematica e io volevo essere come lui, raggiungere le vette più alte, la sua perfetta antitesi però, salire una vetta in cui lui non avrebbe mai posato neppure lo sguardo. È iniziata per gioco, è iniziata per uno scherzo, probabilmente molte volte ho anche letto distrattamente i libri, avevo appena dieci anni e mi piaceva anche giocare. È stato questo il modo in cui è nato tutto, questo il modo in cui sono cresciuta. Ho iniziato a leggere e non ho più smesso, poi ho iniziato a scrivere, non ricordo quando, neppure cosa scrivessi, so che sono sempre stata brava a parlare tra me e me, che mi piaceva descrivere ciò che vedevo e anche dare una mia interpretazione ad ogni cosa. Era come se narrassi la mia stessa vita. Poi sono andata verso i quindici anni (sedici! Mi impuntavo io) e allora ci sono state le prime cotte, la fase adolescenziale mi ha dato molto di cui scrivere, mi limitavo però soltanto ad alcuni pensieri, a pagine di borbottii inutili, sproloqui intensi, però si, pur sempre sproloqui. Mi piaceva scrivere, è diventato inconsciamente il mio sogno, certo, perché avevo già detto che non mi sarebbe bastato un posto in collina, volevo la vetta. La voglio ancora. A diciotto anni qualcosa è improvvisamente cambiato, ho smesso di pretendere un anno in più, in questo momento non voglio che qualcuno pensi "è una diciannovenne" proprio no, mi sento diciottenne. La verità è che sono spaventata da questo anno che potrebbe essere il mio anno decisivo. In tutti questi anni ho scherzato, mi è piaciuto sognarmi sulla vetta, mi sono improvvisata scrittrice senza esserlo mai stata ma ora è il momento di capire. Non sono più in vena di prendermi in giro, basta sproloqui e basta racconti scritti e lasciati a metà. È da inizio estate che mi sto cimentando in questa impresa, sto scrivendo un romanzo! La trama è stata già organizzata, ci sono dettagli che adoro, i personaggi lì sento, la storia vuole essere raccontata. È un romanzo senza pretese, ma al momento di mettermi davanti al computer le mie certezze crollano. La mia storia è tutta nella mia testa ma questo è nuovo per me, le descrizioni, i dialoghi, la discrezione del narratore, l'intreccio, gli aggettivi e il continuo ripetere parole. È difficile. Non l'avevo mai pensato, è difficile. Inizio a credere che sia impossibile per me. Questa mia inadeguatezza da cosa nasce? Dalla mancanza di talento o dal fatto che comunque è una cosa nuova per me? Dopo anni sto davvero cercando di mettermi in ballo. Scoprirmi incapace è la mia più grande paura. Chissà se anche gli scrittori talentuosi si sono sentiti impotenti ed incapaci.

Lun

30

Mar

2015

Amore non corrisposto

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Sabato sera eri più attraente del solito, coi lunghi capelli sciolti, la camicia, il cinturone. Odoravi di buono ed il tuo sorriso raggiante mi ha convinta che si, ho fatto bene a rimanere anche questo fine settimana in questa grigia città universitaria. Ho provato a guardarti con indifferenza, a vederti come un amico e invece, carissimo F., per te provo un trasporto smisurato, un affetto che non concosce limiti, una passione che mai aveva turbato la mia quiete in passato. Che strazio, mio adorato, studiarti a lezione e fantasticare sul tuo corpo. Beata la donna che potrà far scorrere le dita fra i tuoi capelli, che potrà sentire la tua barba sulla sua guancia, cingerti la schiena con le braccia. In un anno ho conquistato solo la tua amicizia e la tua stima. Si ma da te avrei sperato di più. Com'è ingiusta la vita, siamo così simili e mica lo so se lo trovo un altro ragazzo che mi si confà tanto quanto te. Ma guardami, sono qui! 

Tags: amore, primo

Mer

25

Giu

2014

Ragazzi vi prego aiutatemi... problemi sentimentali... secondo voi potrebbe tornare...?

Sfogo di Avatar di ApfelsaftApfelsaft | Categoria: Lussuria

in questi giorni sono proprio amareggiata e avrei bisogno di un aiuto da parte vostra. 
E' molto importante per me quello che sto per chiedervi, quindi abbiate pazienza di leggerla e datemi risposte serie, grazie... 

E' da qualche tempo che una mi compagna di classe mi ha fatta entrare nel suo gruppo di amici; una sera in cui siamo uscite ho incontrato un ragazzo. Ho subito pensato che fosse perfetto... era bello, simpaticissimo ed aperto... insomma, mi ha conquistata. Lui scherzò con me e la mia amica per tutta la sera, e quando venne il momento di salutarci, sembrava quasi implorarmi per restare. Una volta arrivata a casa, la mia amica mi confessò che questo ragazzo ebbe un colpo di fulmine per me. Continuava a dirle che ero perfetta per lui, ero particolare, avevo un bellissimo carattere... insomma era VERAMENTE preso. Fu così che incominciammo a messaggiare e il giorno dopo mi invitò a vedere una finale in cui giocava. quando mi vide era emozionatissimo e felicissimo. Dopo la partita mi dichiarò i suoi sentimenti e ci baciammo. fu il mio primo bacio ed ero contenta di averlo serbato per chi se lo meritava. 
Per tutta la settimana ci siamo sentiti e frequentati,sono andata a casa sua, ogni volta che mi vedeva era sempre più felice e arrivò persino a dirmi TI AMO. se mi mostravo diffidente si offendeva. l' ultima volta che ci siamo visti mi disse che voleva parlare con la ex, che ci teneva ancora e che io non facevo per lui. Io vorrei tanto rivederlo e che torni da me...

 ci tengo a precisare che è passato un anno che lei lo ha lasciato, non lo ha illuso in nessun modo e non lo vuole più vedere. ANZI fu lui stesso a dirmi che ormai la odia e che per me aveva ricominciato a lottare, stava uscendo dalla tristezza, mi adorava. 

Io mi sento in colpa averlo riempito di insulti ammetto di essere stata cattiva,ma non potete capire l' umiliazione e la delusione che avevo addosso... mi sento usata e svuotata... se mi mostro decisa e indifferente, capirebbe di aver fatto uno sbaglio? vorrei innanzitutto lasciarlo tranquillo e far calmare le acque... insomma...se c'è stata questa "magia" piano piano e con pazienza, non si potrebbe ricreare di nuovo? Io non lo accetterei a priori, dovrebbe riconquistarmi, ma mi manca troppo...

Ven

30

Ago

2013

Le piaccio?

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Ho bisogno di aiuto, e ormai ne sono sicuro, ho 17 anni e non sono mai stato fidanzato...magari non sembra stranissimo, ma io sento che è arrivato il momento di avere almeno una storiella, anche perché per quelle più serie c'è tempo... .

Da un po' di tempo mi piace questa ragazza, è bellissima e ha un modo di fare perfetto, anche se alcuni mi dicono che le piaccio io non ne sono sicuro. È vero che con me si comporta molto diversamente da come tutte le ragazze mi trattano, abbiamo sempre un casino da parlare e spesso cerca la mia compagnia e a volte anche il contatto (particolarmente abbracci da dietro o buttarsi a peso morto su di me all'improvviso), infine ieri sera ci siamo visti dopo quasi due mesi in discoteca per caso e quando eravamo insieme non ci staccavamo gli occhi di dosso..

La mia domanda è: c'è un modo per sapere se le piaccio? E sopratutto come faccio a invitarla fuori nel caso mi sembri di piacerle?