Tag: amore

Mer

18

Ott

2017

Perche non si insegna l'amore?

Sfogo di Avatar di ciabattarociabattaro | Categoria: Altro

Ero ad un incontro per ascoltare dei tipi importanti che parlavano di insegnamento, di medicina, di misurabilità dei risultati e altre cose strane, quando mi è sorto un dubbio. 

Andiamo a scuola per gran parte della nostra giovinezza per imparare tutto ciò che cè da sapere e tutto ciò che l'uomo ha  fattoc concepito, pensato, scoperto durante la sua storia spaziando in tante disicipline tecniche, umanistiche, artistiche, scientifiche e chi piu ne ha più ne metta.

Ho avuto pure modo di assistere a dei ridicoli e disperati tentativi da parte di insegnanti imbranati e impreparati, di educare i giovani al sesso, alle elementari e alle medie, con risultati obrobriosi o inesistenti. Punto uno, l'italia non è ancora pronta ad affrontare questo tema liberamente e spensieratamente a mio parere e da ciò che ho avuto modo di vedere.

Punto due, e che piu mi interessa, perchè in 14 anni di scuola e 3 di materna non ho mai sentito parlare nessun professore in nessuna occasione di amore, di relazioni tra uomo e donna, tra ragazzi e ragazze adolescenti, di matrimonio, di fedeltà, di solitudine e di vita, perchè queste cose vengono date per scontate? E poi, scontato che si sappiano o scontato che NON si sappiano? Perchè nessuno ci insegna che non mi bisogna essere intimoriti dal sesso opposto ma attratti e incuriositi? Perche non si parla delle differenze tra maschio e femmina? Perchè non si insegna come si trattano un uomo e una donna? Perche non si discute dei ruoli che hanno nella relazione due coniugi? Perche un giovane si ritrova a tuffarsi nel vuoto, alla cieca, nel mondo delle relazioni, del sesso e dell'amore? Non mi sembra che il mondo di coppia sia uno splendore al giorno d'oggi, divorzi, coppie separate, figli innocenti che ne soffrono, amori sbagliati e affrettai, sesso occasionale ecc..

Si potrebbero evitare molte cose brutte, eppure quando si parlavdi scuola viene tutto nascosto nel cassetto, come se non esistesse questa parte di umanità, è forse cattiva cosa parlarne? Boh, non capisco. Capisco che l'amore va vissuto in completa libertà e bla bla bla..ma davvero? Non sarebbe meglio preparare i giovani adolescenti a questa fetta di vita che è anche una bella grossa fetta a parer mio. 

Punto tre, la chiesa a riguardo, fa un pessimo lavoro, non è l'insegnamento dell'amore cattolico quello a cui mi riferisco.

Pareri? Sto parlando di cose astruse?

Mer

18

Ott

2017

Ferire chi si ama

Sfogo di Avatar di WarriorOfLightWarriorOfLight | Categoria: Altro

Sono stato per tre anni e mezzo con la mia ex, ed è stata una relazione profonda e sincera: mai un momento di gelosia, sostegno reciproco, voglia folle di stare insieme e tanta complicità. Poi lei mi lasciò dicendo di non amarmi più ed io, con tempo e fatica, lo accettai. La nostra storia si era arenata da un po' e compresi le sue motivazioni. In ogni caso non c'era rancore fra di noi, anzi c'era ancora molto affetto, la consapevolezza di essere stati importanti l'uno per l'altra e tanti bei ricordi.  

é passato più di un anno dalla rottura ed io sto per trasferimi all'estero per lavoro, così due settimane fa ho deciso di risentirla per salutarla prima di partire. Ci siamo rivisti, abbiamo passato un bella serata confidandoci in maniera molto aperta. Mi ha raccontato di come si trovi bloccata in un lavoro che odia e di quanto sia andata a finire male col tipo successivo a me. Stava male, triste e piena di sensi di colpa e vederla così ha fatto star male anche me. Nei giorni successivi abbiamo continuato a sentirci, mi ha detto che le aveva fatto bene rivedermi e abbiamo preso appuntamento per la settimana successiva. In quei giorni non riuscivo a non pensare a lei e al suo stato d'animo e mi sono reso conto di amarla ancora. Sapevo che non saremmo mai tornati insieme, anche se ci ho sperato per un attimo. Comunque, prima di partire, volevo fare qualcosa per farla stare meglio e preso dalle emozioni ho agito senza ragionare sulle conseguenze. Ho contattato lui, sperando di convincerlo a perdonarla. Che stupidaggine. Lui ovviamente mi ha ignorato, ed io mi sono reso conto di ciò che avevo fatto solo quand'era ormai tardi: se c'era una speranza che tornassero insieme ora è sfumata del tutto. 

Ho rivisto lei la settimana dopo, si era resa conto dai miei messaggi che mi era partito qualcosa nella testa. Così le ho confessato di amarla ancora, e che, pur sapendo che indietro non si torna, avrei voluto consolarla e farla stare meglio. Lei mi ha detto che lo apprezzava molto, ma che ovviamente non potevo essere io il suo punto di riferimento in questo momento difficile. Con lei non riesco a mentire o a nascondere le cose, quindi le ho detto anche di ciò che avevo fatto. Non l'ho mai vista così arrabbiata. Mi ha detto che non avevo alcun diritto di intromettermi nella sua vita (vero), che ho peggiorato le cose fra di loro (vero anche questo), e di sparire per sempre. é stato il momento peggiore della mia vita. Volevo sinceramente fare qualcosa per lenire la sua sofferenza e invece le ho solo procurato più dolore. Poteva finire tutto con un abbraccio, un ti voglio bene e un bel ricordo della nostra storia e questo poteva darle forza. Invece ho rovinato tutto: lei sta peggio di prima e per di più mi odia.

Dire che ho agito col cuore, senza riflettere, e che in fondo il mio gesto era a fin di bene non sono neanche giustificazioni sufficienti per la mia stupidità. So di aver ferito la persona che amo, so che non vorrà più vedermi, che qualunque traccia di affetto residuo ora è svanita e il bel ricordo che aveva di me è offuscato dal mio ultimo gesto. Questa è la sensazione peggiore che abbia mai provato, il senso di colpa mi sta tormentando e non posso far nulla per rimediare.

Ora voglio solo partire, lasciandomi tutto alle spalle e sperando che con il tempo entrambi dimenticheremo... 

Tags: amore, ex, colpa, ferita

Mar

17

Ott

2017

Senza Titolo

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Lussuria

Uno di questi giorni il ragazzo che mi piace ha iniziato ad abbracciarmi. Gli abbracci sono diventate carezze, poi baci e altri atteggiamenti molto intimi (tra cui anche palparsi). Dopo un po’ di tempo mi ha confessato che per lui era solo un gioco, ma io sono attratta da morire da lui e mi manca tantissimo trovarmi in situazioni di intimità con lui, che devo fare?

Tags: amore

Lun

16

Ott

2017

Ne e' valsa la pena?

Sfogo di Avatar di affranto1970affranto1970 | Categoria: Altro

ne e' valsa la pena? Devastare il proprio ego, un matrimonio di 15 anni con una moglie per una storia di 4 mesi con una 25 enne avvenente che mi ha messo all'angolo e mi ha tolto ogni forza....

 Avevo una moglie che mi adorava ( a detta di tutti una bella 42enne di buona famiglia e moralita') e sono caduto nella trappola di una bionda da far mancare il fiato anche che mi ha ipnotizzato, portato al lato oscuro....( qualcuno dirà' che dovevo fermarmi un attimo prima).Ho mollato mia moglie per lei nel giro di 1 mese e nei 2 mesi successivi ci sono andato  a convivere.

dopo un mese la coppia e' scoppiata....troppi 22 anni di differenza io 47 lei 25.... lei troppo sveglia troppo convinta e troppo sicura ...un uomo della mia età' e' un padre/bancomat/socio finanziatore/compagno.

iniziano le richieste pressanti coperte dal sesso e tenuto per le palle dal sesso . Mi trovo con il magone sullo stomaco per non riuscire a essere alla sua altezza facendo e mollando il lavoro diverse ore per esaudire le sue richieste velate.

(shopping/cartadicredito/università pagata /aiuto economico/ autovettura ecc ecc)

Passano le settimane le serate sono bellissime , mia moglie si trova sola con la famiglia da mandare avanti.Io invece con la bionda avvenente cene fuori/hotel/SPA ecc.

 Prendo una casa per vivere con lei, inizio a sentire e subire le sue richieste e cercando di accontentarla....passano i giorni poi una sera mi e' tutto chiaro i pezzi del puzzle vanno a loro posto ma oramai il mio cuore il mio ego il mio esser uomo sono in pezzi.

Sta con me perché l ho tolta dalla stanza in affitto, perché gli mantengo uno stile di vita, perché ho possibilità di esaudire le sue richieste.....i Ti Amo suoi erano solo interessati.

I miei TI AMO erano dal cuore e ogni cosa fatta per lei con il cuore, anche se mi venivano chieste sotto traccia o direttamente.

La metto fuori casa  senza portrasri via nulla solo quello che indossa , svuoterà casa qualche giorno dopo. 

Nelle settimane successive cerco di riprenderla di tornarci insieme ma senza troppo successo ne convinzione. Lei va giù pesante con le offese e ovviamente rispondo a tali comportamenti.

A tutt oggi mi manca tanto,

mi fa star mal come sia stato il tutto come sia stato gestito da entrambi e da come sia finito. 

Ma ne e' valsa la pena? No

Sono pentito? No

 Ho il cuore in pezzi sono finito da una psicologa.Sono 3 mesi che ho perso il sorriso.

Sab

14

Ott

2017

Niente di nuovo, peggio forse

Sfogo di Avatar di ciabattarociabattaro | Categoria: Accidia

 


Ieri sera sono andato di nuovo con una prostituta, una diversa questa volta, e la preferisco di gran lunga alla scorsa. L'illusione di essere amato e desiderato carnalmente era molto forte, la ragazza sapeva quel che faceva, penso che ci tornerò.

Capita spesso che io e miei due coinquilini ci fermiamo in cerhio a parlare del perchè non abbiamo una ragazza, su come possiamo trovare una ragazza, e sul perche forse non dovremmo trovarci una ragazza e a stilare classifiche sulle tipe piu fighe del corso universitario e altre mille idiozie. Nel frattempo mangiamo schifezze e fumiamo sigarette ascoltando i migliori classici rock del secolo scorso.

Siamo talmente presi da questa cosa delle donne che non si parla quasi mai di studio, di guerra, di politica, e degli altri argomenti pop. Non ce ne frega nulla, o meglio ci frega, ma tanto che si può fare? 

Sembrq che sesso droga e rock n roll sia veramente la triade divina, per quanto nessuno di noi faccia uso di droghe (a parte il tabacco),  o sia un chissa quale grande donnaiuolo, peró il richiamo è forte e il discorso sempre acceso, talmente acceso che gran parte delle nostre energie se ne vanno in ipotesi varie e discorsi filosofici e sociologici molto piu grandi di noi.

In realtà siamo tutti e 3 digiuni di sesso abituale da troppo tempo, solo che loro riescono a frenarsi per non so quale stupido motivo, io non voglio rinunciare al sesso a 21 anni, anche se a pagamento.
Loro ancora sono in qualche modo speranzosi e convinti di trovare una fidanzata con cui si debba scendere troppo a compromessi, con cui stare bene e soprattutto fare del gran sesso. Infatti spesso cercano di fare conversazione con le ragazze del corso, io ho lasciato perdere, anche perche le ultime volte che una ragazza ha cercato di fare conversazione con me finisco sempre per trattarle di merda. E la cosa non migliora con quelle che gia conosco, piu le conosco e piu mi viene voglia di prenderle a cazzotti e cosi finisco per schivarle e trattarle peggio.
Mi sembra di odiare le donne ma di volerle scopare tutte, il fatto è che se le odi tutte non ti scopi nessuna, giustamente.
Sono anni che cerco di vedere le donne come persone alla mia pari mi ci sono sforzato alla grande ma piu ci provo e piu ottengo l'effetto contrario. Non ho curiosità verso le ragazze che ho intorno, non ho desiderio di conoscere i loro pensieri, le loro idee e i loro sentimenti, vorrei solo drogarle pesantemente e saltargli addosso in un delirio orgiastico totale.
Sono proprio stronzo, però sono del tutto consapevole che questa roba non esiste nel "mondo vero", perciò me ne sto buono buono, innocuo in casa. Che gran merda di situazione. Cosa devo fare? 

Comunque, rubadisco ch. Non sono assolutamente in condizione di avere una ragazza, anche se la cosa mi duole, ma sono soddisfatto al tempo stesso di non essere come quegli idioti fidanzati illusi di amarsi e ignari del fatto che si stanno scopando un cesso con le ruote e io una superdonna spagnola.  Scusate 

Sab

14

Ott

2017

il mio ragazzo si imbarazza a fare l'amore con me

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Ciao a tutti, vado subito al sodo.

Ho una bellissima relazione da circa 8 anni con un ragazzo che per me è sempre stato il mio migliore amico.

Premetto che c'è attrazione fisica, non abbiamo MAI avuto problemi dal punto di vista sessuale, siamo stati entrambi "la prima volta" reciproca e seppur con qualche insicurezza iniziale (avevamo circa 17 anni quando ci siamo fidanzati), abbiamo sempre fatto l'amore ovunque ed in qualsiasi momento.

Il sesso è sempre stato "un gioco", un'avventura che ci ha sempre unito, ovviamente è per noi, come penso per tutti, soprattutto un momento di estrema intimità, nonostante a dir suo non è il suo pensiero primario.

Mi ha sempre detto, infatti, che con me ama fare tutto, ad esempio fare le passeggiate,  mangiare, andare al mare e che il sesso non è il suo pensiero fisso e che con me ci starebbe anche se non dovessimo farlo sempre, nonostante gli piaccia tanto e nonostante non si sia mai tirato indietro ogni qual volta ci sia stato modo per poterlo fare.

Tuttavia ha sempre avuto questa forma di imbarazzo nel "durante".

Tende a tenere gli occhi chiusi quasi tutto il tempo, non si scompone più di tanto nelle espressioni, insomma mantiene un atteggiamento molto timido pur essendo totalmente coinvolto (mi bacia ovunque ed è molto passionale e coinvolgente).

 Ne abbiamo più volte parlato, infatti, e mi ha sempre confessato che lo imbarazzo ma questa cosa non l'ha mai frenato dal voler fare l'amore con me, perchè gli sono sempre piaciuta parecchio fisicamente dato che, a suo dire, sono bella e rappresento il prototipo di donna che ha sempre voluto. Mi chiedo però per quale ragione, dopo tutti questi anni, continua a provare imbarazzo..... prima non ci davo tanto peso, giustificando il fatto che è un ragazzo seppur socievole e sensibile, molto riservato e che quindi forse era per questa ragione. Ultimamente però ci sto facendo più caso e mi chiedevo, come mai????... capita anche a voi? mi rivolgo soprattutto ai ragazzi che magari si imbarazzano durante il sesso con le proprie fidanzate oppure alle fidanzate che vivono la stessa situazione!

Ven

13

Ott

2017

Voglio riconquistarla in qualunque modo...

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Accidia

Vi spiego la situazione dall'inizio, conosco questa ragazza e subito mi piace, non ho mai avuto il coraggio di scriverle o altro perché pensavo di non essere alla sua altezza. Ci siamo conosciuti in un gruppo di ballo, non ero ancora iscritto ma andavo a vederli provare ed esibire, visto che ne fa parte anche mia sorella. Un giorno mia madre le dà un passaggio all'esibizione, parliamo un po' ma per il resto niente di eccezionale. A fine serata lei mi scrive con la scusa di ringraziarci per averla accompagnata e iniziamo a parlare. Mi dice che pensava chi starmi sui coglioni perché non le ho mai parlato molto, le dico che in realtà mi sta molto simpatica e che se non le ho parlato è perché non sapevo cosa dirle, da qui inizia quello che penso sia stato il periodo più bello della mia vita, anche se è durato pochissimo tempo. Dopo pochi giorni che ci sentiamo inizio ad innamorarmi di lei ma pensavo di non dirle nulla per non rovinare il nostro rapporto, invece è stata lei a dirmi di essere innamorata di me e, non so cosa mia sia passato per la testa ma le ho detto che non ricambiavo i suoi sentimenti e non volevo illuderla...  

Siccome non abbiamo molto tempo per vederci se non alle esibizioni lei mi invita a casa sua il giorno dopo avermi detto che si era innamorata di me, sapevo che cosa sarebbe successo alla fine perciò ho accettato senza esitazioni. Siamo stati insieme nel sottoscala per non farci scoprire da nessuno (siamo entrambi ragazzini, capiteci) stiamo praticamente tutto il tempo ad abbracciarci, visto che non l'avevamo mai fatto, ad un certo punto lei mi bacia, e continua così finché non me ne sono andato perché faceva tardi, anche se la cosa mi piaceva immensamente non ho ricambiato i suoi baci, fino al momento in cui me ne andavo, perché fu proprio lei a chiedermi di darle un bacio, non ho esitato e l'ho fatto, perché avrei voluto farlo già dall'inizio. In quel momento ho capito perché non le ho detto di essermi innamorato di lei, non volevo soffrire e non volevo farla soffrire perché dentro di me sapevo che la cosa non avrebbe potuto funzionare. 

Intanto mi iscrivo a questo gruppo di ballo, che intanto parte per Roma ma con partecipanti limitati e io appena entrato e visto che sono rigido come un chiodo ovviamente non sono potuto andare, mentre lei sì... 

Non so perché ma ad un certo punto non me ne fregava più niente delle possibili delusioni, avevo paura che a Roma sarebbe potuto succedere qualcosa, volevo solo stare con lei, così le ho confessato di essere innamorato di lei con tutte le spiegazioni e le scuse che le dovevo. Mi invita di nuovo nel sottoscala e non è che ci diciamo molto, iniziamo a baciarci e abbracciarci fino a che non dovevo tornare a casa, penso sia stato il giorno più bello della mia vita.

Il giorno dopo lei parte per Roma, non ci sentiamo molto perché ovviamente c'è stato un viaggio di 12 ore con il pullman, di giorno provavano e la sera si esibiscono, per una settimana... La più noiosa settimana della mia vita, sempre a pensare a lei che riusciva a trovare tempo per scrivermi, anche solo per 10 minuti, mi diceva delle cose bellissime e mi ha anche detto che mi amava, a quel punto sono impazzito e credevo che alla fine niente sarebbe riuscito a separarci... 

Il giorno della partenza per tornare a casa, non so che cosa le sia passato per la testa, bacia un tizio che ha partecipato all'evento con tanto di foto postata sui social... Ho iniziato a piangere, stavo affogando nelle mie stesse lacrime, era un bacio a stampo, niente di più, ma un bacio è sempre un bacio... Tutto quello che vi ho raccontato fino ad ora succede in meno di un mese.

Litighiamo, non ci sentiamo molto ma cerchiamo sempre una scusa per scriverci un "come va?". Questa situazione dura per più di un mese, in effetti ho capito che stavo un po' esagerando, visto che lei mi ha subito chiesto scusa e non è successo altro a Roma.

Decido di farmi avanti per fare pace e pensavo di esserci riuscito ma il nostro rapporto non era più quello di prima... Iniziano le prove per le nuove coreografie di ballo, conosco tutti i ragazzi e riesco a socializzare con tutti, anche con lei ma ovviamente non come prima. Conosco una ragazza e diventiamo subito amici, lei mi abbraccia spesso, mentre la ragazza di cui sono innamorato inizia a diventare gelosa. Spesso le ho chiesto se fosse ancora innamorata di me e lei mi ha sempre risposto di sì ma non me lo ha mai dimostrato.

La vedo allontanarsi sempre di più ma non faccio niente, perché ero convinto che con il tempo saremmo riusciti a tornare più uniti di prima, pensavo fosse normale che tra di noi ci fosse un po' di imbarazzo visto ciò che era successo.

Sono stato stupido, la mia amica continuava a starmi appiccicata, mentre lei si allontanava. 

 Passiamo ad quello che è successo due giorni fa, c'è stata un piccola esibizione, avevo una leggera febbre e non l'ho salutata per paura di contagiarla, non so perché ma a lei è sembrato che non volessi parlarle, sono stato solo per tutto il tempo.

A fine serata le chiedo spiegazioni, lei mi ha confessato che non mi ha parlato perché voleva farmi capire come ci si sente ad essere ignorati da tutti come io ho fatto con lei mentre la mia amica continuava a starmi appiccicata, lei aveva bisogno di me io non l'ho capito. Mi ha detto che non si faceva più sentire perché non voleva innamorarsi di nuovo di me, così ho anche capito che non è più innamorata di me... Il mondo mi è caduto addosso, mi ha detto che le piace un altro e poi mi ha detto una frase che le dissi io tempo fa "però mi piace, non lo voglio... piacere e volere non è la stessa cosa, non penso che funzionerà" così ho capito che il tizio le piacerà non lo vuole, non so se devo prendere questa cosa come una speranza o semplicemente una cosa detta così. Mi ha detto di non piangere per lei è di non soffrire.

Io non so cosa fare, non la vedo dall'esibizione ma stasera ci sarannoe prove, non so se parlarle o no, se le parlo non so cosa dirle, ho paura di iniziare a piangere davanti a lei e non voglio farle pena, ho paura di farmi controllare dall'istinto e baciarla, non so se possa essere un bene o un male, sono passati solo due giorni e credo di iniziare a deprimermi seriamente, non ho dormito in questi due giorni, ho passato le notti a piangere, non sono andando a scuola, mangio pochissimo. Voglio morire e giuro che lei è tutto quello che ho di più bello in questo mondo, senza lei non so se riuscirò più a vivere come prima, non so se la dimenticherò o se riuscirò ad innamorarmi di un' altra. 

So che state pensando che sono ridicolo e che dovevo pensarci prima o che è impossibile soffrire tanto per una persona che si conosce da tre mesi, ma io mi sono innamorato sul serio, la amo e non so cosa fare...  Aiutatemi per favore.

Tags: amore

Lun

09

Ott

2017

Non so cosa provo per la mia migliore amica.

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Sono una ragazza bisessuale, ho avuto, però, solo relazioni con donne fino ad adesso, nonostante io sia già maggiorenne da un pezzo. Mentre vivevo la mia ultima relazione ( durata un anno e mezzo ) ho conosciuto quella che adesso è la mia migliore amica. Mi ha ascoltato, quando le cose con la mia ragazza andavano bene e quando andavano male, mi ha supportato in momenti belli e momenti brutti e con lei non ho veli, parlo di qualsiasi cosa in libertà e mi sento sempre a mio agio. La mia ultima relazione è finita due mesi fa. E la mia amica ha subito esternato il fatto di "sentire" qualcosa per me. Se non fossi stata impegnata, insomma, ci avrebbe provato con me. C'è qualcosa di speciale che ci lega ed io sento qualcosa per lei ma non è tanto intenso da chiamarlo amore. Solo che a volta la sogno, in situazioni decisamente compromettenti. Ho sognato di fare l'amore con lei più di una volta, ma quando mi sveglio è tutto un rinnegare, da parte mia. Siamo anche distanti, perciò anche il fattore distanza influisce. Lei ha quelle piccole cose, quei piccoli atteggiamenti che mi piacciono che me la fanno ammirare, forse? Ma parlare di amore, se il soggetto è lei, mi provoca una sensazione strana. Cosa devo fare? E perché mi sento così? Sono innamorata di lei e lo sto negando a me stessa per paura di soffrire di nuovo? Non mi fido abbastanza? Aiutatemi!  

Dom

08

Ott

2017

Pecora nere tra pecore giĆ  nere?

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Superbia

Tutti i miei coetanei (20 anni) mi sembrano dei rincoglioniti di merda. Pensano solo tutti a bere, drogarsi e fidanzarsi per convenienza o per le apparenze. Mi appaiono tutti banali, omologati, ignoranti e convinti di essere i migliori.

 Nessuno si preoccupa più di formare amicizie con alla base valori come onestà, sincerità, uguaglianza ecc.

Io voglio solo vivere una vita stimolante, trombare tanto e avere successo nel campo del lavoro, ma senza perdermi negli eccessi. 

Voglio essere emancipata, e soprattutto poter avere i miei interessi e non doverli nascondere perchè appena fai un filo diverso dalla massa sei strano.  

Qua se hai il coraggio di guardare la gente negli occhi  quando ci parli non sei normale. Se non fumi non sei figo. Se non hai a tutti i costi il ragazzo sei una bambina, fa niente se hai preso il primo che passava ed è alto 1, 65 con la faccia da topo e il cazzo piccolo. 

 

Ne ho avuto 1 di ragazzo e anche se è una testa di cazzo almeno era biondo, palestrato e alto 1,90. E ci ho flirtato, e mi ci sono messa perchè era gnocco.

La gente ormai mi fa schifo e anche se ce la metto tutta per non credermi migliore di nessuno appena qualcuno apre bocca mi pare un mongoloide. Tutti i loro problemi mi sembrano idiozie facilmente risolvibili che si complicano da soli.

Mi dispiace essere così, mi ci hanno fatto diventare tutte le persone di merda mediocri che sono entrate nella mia breve vita.

Stare da soli è infinitamente più appagante.

Vorrei solo conoscere qualcuno per cui valga la pena provare affetto sincero e con cui avere un'amicizia "vera" .

Lun

02

Ott

2017

I piedi della mia ragazza

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Ho 18 anni e da un anno ho una relazione a distanza con la mia ragazza che ne ha 16, siamo una coppia molto unita e anche abbastanza sessualmente attiva. Io ho sempre avuto una certa attrazione per i piedi e da quando sto con lei, soprattutto ultimamente, provo molta eccitazione per i suoi piedi. L'ultima volta che ci siamo visti ho avuto modo di manifestare questo mio feticismo diciamo, per esempio qualche volta gli ho fatto un massaggio ai piedi oppure quando guardavamo un film lei si metteva con i piedi sopra di me e io glieli accarezzavo, nelle ultime settimane prima di partire mi ha pure masturbato con i piedi e a me e piaciuto molto. Un giorno che gli ho chiesto di farlo di nuovo mi ha chiesto se sono feticista, io le ho detto di no perché la sua reazione non è stata positiva, ancora adesso per scherzare mi dice "ti piacciono i piedi lo so" però se tiro fuori questo discorso lei assume un atteggiamento come di disgusto. Io vorrei vivere questa cosa apertamente ma ho paura che lei non mi possa accettare.. cosa posso fare?

Iscriviti

Iscriviti
Iscrivendoti potrai aggiungere commenti senza attendere approvazioni, votare gli sfoghi e potrai gestire i tuoi post ed il tuo profilo senza limitazioni.
Clicca qui o sull'immagine per aggiungerti