Tag: partire

Gio

22

Ago

2019

Perchè vogliamo solo quello che non abbiamo ?

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Ira

Sono una ragazza che nella vita paradossalmente ha tutto. Famiglia,salute amici ....ma non sono soddisfatta della mia vita . Non riesco più ad interessarmi al genere maschile. Ho avuto qualche storia ma è da un anno che esco con ragazzi e dopo poco mi stufo . Il motivo ? Mi sono innamorata della mia migliore amica .

eh già . Non ci parliamo ora . Le ho detto tutto. Non per vantarmi ma sono anche bellina e quello che mi fa ridere è che ho la fila di ragazzi che mi aspettano ma non me ne può fregare un cazzo perche voglio solo lei .

Ho deciso di fare così : parto.

mi trasferisco per l’universita, mi lascio alle spalle lei è vivo . E prima o poi troverò la persona per me . Nel frattempo muoio dentro, sorrido e studio .

Ecco la mia vita .  Se avete consigli sono Bene accetti .

io la vedo ancora...usciamo nella stessa compagnia insieme al suo “moroso” . Ogni volta che la tocca sto male io ...ma quello che è peggio è che continuo ad uscire e continuo a farmi del male . 

Lun

13

Mag

2019

Domani

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Ieri sera tornavo a casa, faceva buio e pioveva. Una fredda giornata di primavera, dove i fortunati sono quelli con un tetto caldo sopra la testa e una cucina calda dove ritirarsi con la propria famiglia. Pensavo alla mia vita che non è più. Vedevo dei riflessi nelle chiome degli alberi, come tanti piccoli lampi. Pensavo che fossero le luci dell’auto, ma poi mi sono detta che erano tutti i miei fantasmi, passati e presenti, tornati sulla terra per salutarmi. Per dirmi cosa? Parlo con Dio tutti i giorni e gli chiedo cosa posso fare, cosa devo fare. Naturalmente non arriva nessuna risposta, non ieri, non oggi, dubito domani. Mi chiedo se devo partire, e mi vengono le lacrime. Mi sto chiedendo se sia quella la strada per me, fare qualcosa per gli altri e dare un senso alla mia vita. Mi manca molto coraggio. Allora aspetto che qui non ci sia più niente per me, o che ci sia la rottura definitiva e finalmente possa smettere di bere veleno, rassegnarmi e fare qualcosa di utile, in questi giorni che non passano mai.

Mi è stato insegnato che bisogna essere giusti, ma giustizia non ne vedo e non ne trovo. Il male non torna mai indietro a chi lo fa, e chi fa il bene riceve ugualmente male.

Una sera di cielo limpido guardavo le stelle, quello stesso cielo che guardavo in due, e allora mi faceva così impressione sapere che non ero solo un puntino sulla terra, ma un uno di due. Guardavo quello stesso cielo e pensavo a come cambiano le cose. Pensavo che se venivo da sotto un cavolo non potevo illudermi di volare con le aquile, perché era stata illusione. Ritorniamo quello che siamo, anche se con tutta la nostra buona volontà abbiamo fatto del nostro meglio. La natura ci richiama a quello che siamo nati per essere, a parte pochi eletti. E stamattina piangevo all’idea di lasciare il mio niente, per andare chissà dove senza che nessuno più nulla sappia. I giorni passano, nulla accade, nulla cerco e nulla aspetto. Mi metto una bella maschera di normalità e sorrido alla gente, che invidia la mia felicità. E lasciamoglielo credere.

Sab

04

Nov

2017

Forse dovrei andarmene dai qui, ma ho paura.

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Dopo l'ennesima litigata/scenata è evidente che io e mia madre non siamo fatte per vivere sotto lo stesso tetto. Sono stanca di questo ambiente, stanca di dovermi muovere sempre con il timore di fare o dire quella minima cosa sbagliata che la farà esplodere. E' davvero come avere una bomba in casa..da un momento all'altro scoppia e tu puoi solo subire le sue urla, le offese, le parole di odio. Ieri sera mi ha quasi picchiata. Mio padre si è duvuto mettere in mezzo, ma anche lui non ne può più. Forse dovrei andare via da questo posto che mi sta facendo così male. Potrei farlo, ho un posto dove andare. Potrei partire anche ora. Ma ho paura. Mi dico che tanto sono vissuta qui fino ad ora e me la sono sempre cavata, perchè non poter continuare a fare così? Mi dico che ora penso a fuggire solo perchè sono ancora sconvolta (è successo più volte che fantasticassi sul partire e andare lontano). Non lo so. E poi c'è l'università; dovrei sospendere gli studi e mi sento in colpa perchè nonostante siano stati i miei (in particolare mia madre) a creare questa situazione, alla fine stanno facendo sacrifici per farmici andare. Mi sembra di deluderli e io non voglio farli soffrire. So che se me ne andassi la prenderebbero male. Una parte di me mi dice che piuttosto che far star male loro dovrei continuare a stare così, tanto io ce la faccio, tanto arriverà un momento in cui potrò andare via "nel modo giusto". Devo solo stringere i denti. L'altra parte, invece, mi dice che non importa se sono i miei, non hanno il diritto di farmi stare così. Vado da due psicologhe per i problemi che ho in casa. Mia mamma non vuole farsi curare e io so che questa situazione non si risolverà mai. Magari andandomene potrei farmi un futuro migliore, trovare lavoro, mettere via i soldi. Come ho detto, ho già una casa in cui stare con persone che mi accoglierebbero con piacere. Ma anche qui, anche se so che sarei davvero la benvenuta, non posso non sentirmi "di troppo". E' più forte di me. Io sto male, i miei stanno male e andando via li farei sentire ancora peggio. Ma io non ce la faccio più. Ho tanta paura, se me ne vado sarà tutto nuovo..come se ripartissi da zero e in una città lontana centinaia di chilomentri da quella in cui sono cresciuta. Certo, lì avrei persone che mi vogliono davvero bene, ma questi timori restano. Non so nemmeno come potrei dirlo ai miei (anche se sono maggiorenne non mi va di sparire di punto in bianco..sono comunque i miei, gli devo rispetto) e che reazione aspettarmi.

Dom

31

Mag

2015

Chi sa sorridere?

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Non sopporto più nessuno. Qualcuno potrebbe dire che ho tutto salute, situazione economica benestante, bellezza, "amici", famiglia...ma la mia cazzo di faccia non ha più alcuna  espressione, ho disimparato come ridere (non fraintendetemi sono grata per ciò che ho e sono consapevole che c'è chi sicuramente sta peggio ma ciò non significa che io stia comunque bene). Perenne noia. Qualsiasi cosa mi dica una qualsiasi persona è in grado di urtarmi. Ho tanti conoscenti e quanti amici? Analizzandoli davvero forse nessuno. Falsità, ipocrisia, stupidità ...non sto dicendo del resto nulla di nuovo. Basta! Tutta questa finzione mi limita nelle conoscenze. Nessuno, nessuno è in grado di catturare realmente il mio interesse per più di dieci minuti. C'è da mettersi le mani nei capelli per quello che trovi in giro. Altri idioti vogliono dirti come vivere mentre loro vegetano, vogliono tutti essere interessanti, essere guardati, ricordati, sentirsi importanti agli occhi di altrettanti idioti, sì, conta solo quello essere tanto social senza avere nulla di sociale. Caliamoci nella realtà per un secondo, c'è davvero come si suol dire carenza di palle e sovrabbondanza di coglioni. Non esiste "gente fatta per me". Approfondire la conoscenza? non ne vale mai la pena di andare fino in fondo, tanti bicchieri vuoti ammucchiati tutti con lo stesso spessore, pressoché nullo ovviamente. Sentirsi soli ed essere circondati da migliaia di persone è sconfortante e deludente. Piaccio sempre a tutti e a me non piace mai nessuno. Forse sono una di quelle persone che deve partire, andare e cercare quello che vuole altrove (pur sempre che quello che cerco esista). Ogni tanto immagino di sparire via nel mondo uno di questi giorni senza lasciar più traccia di me a chi "mi conosce".

Gio

08

Nov

2012

Voglia di andare via...

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Voglia di prendere e fare le valigie e partire, cambiare vita. Studiare, lavorare altrove, dove nessuno mi conosce e dove posso dimenticare insicurezze e paure partendo da zero. 

 

Sab

02

Apr

2011

mi sa che......

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

ti penso maledizione!

ti penso in ogni istante!

ma tu tra le turbe che ti ha lasciato la ex e le tue manie di divertirti in giro mi vuoi troppo bene per rischiare di perdermi dato che non sapresti come affrontare un'altra storia seria.

io l'apprezzo, credimi. ma non ce la faccio più!! cerco di scacciarti dai miei pensieri, di pensare a te come un amico qualsiasi che se c'è bene sennò pace, soprattutto in quei periodi in cui non ti fai trovare da nessuno e ti chiudi in te stesso.

in genere ciò non durava più di un giorno. almeno per me, prima o poi mi cerchi. ma ora sono 2 giorni che sei sparito! puf!! dissolto. lo so due giorni non sono tanti, ma a me basterebbe che mi scrivessi un sms con due o tre lettere a casaccio!!

non è chiaro? TI AMO mi sa. temo che sia così.

e non devo perchè tu non potresti essere questo per me ora. e perchè nel 2013 se il mondo non è finito io farò le valigie e andrò a vivere all'estero. è tutto già deciso. ma se mi mettessi con te non so se ci riuscirei.

tutto è contro questo sentimento.

ma non posso fare a meno di pensarti. scusami, in qualche modo mi sembra di tradire l'amicizia che hai per me. ma non sto riuscendo a non pensarti... tengo tutto per me, finchè non lo dirò, potrà sembrarmi solo un'illusione...