Ven

14

Apr

2017

Ma sarΓ² scema? Bho. Vedremo.

Sfogo di Avatar di LunaKLunaK | Categoria: Altro

Oggi ho scritto una mail di cui prevedo già l'esito: il mio responsabile incazzato nero che mi fa un cazziatone pauroso e minaccia di licenziarmi.

Ma andiamo con ordine. La settimana prossima sarà la mia "ultima" settimana di lavoro, entro in maternità. Lavoro in una portineria universitaria: che vuol dire orari fissi e sacri, essere per lo più una persona sola per postazione, il fatto che se per qualsiasi motivo manca un dipendente, un altro debba fare turno doppio.

Ora, a quanto pare il mio capo parte dal presupposto che, le altre tre colleghe che lavorano in queste due sedi attigue,  si facciano circa 6 mesi di doppi turni (ognuna almeno due volte la settimana).

Ovviamente sai che cazzo gliene frega.

Ma loro, per vari motivi, materialmente non possono (cosa che lui sa..o dovrebbe sapere).

Oggi ho avuto uno dei miei momenti masochisti e gli ho scritto mail in cui (spero che sia palese..ma con lui non credo), suggerisco di mettere una persona che mi sostituisca tutti i giorni, in modo che le mie colleghe non debbano accettare una situazione che, anche a logica (per ferie, malattie ecc), non è sostenibile.

Conoscendomi prenderà la mia mail come una critica. Un modo di fargli notare che non è capace di fare il suo lavoro, e non quello che è: il parere di una dipendente su una questione che, ancora ora (e manca, ripeto, una settimana), non si sa come verrà risolta.

 Sono una demente. 

13 commenti

No. Tu sei i telligente. Il tuo capo è un cretino. Bisogna saper gestire i dipendenti. Se lavorano bene, tutto fila liscio. Se le cose vanno male, la colpa in primis è del capo che dovrebbe saper gestire la situazione. Non i dipendenti che non hanno potere decisionale

Avatar di simonsayssimonsays alle 12:31 del 16-04-2017

Lo paghi te il dipendente in piu'? Sempre brillanti nel pubblico...con i soldi degli altri!

Avatar di AnonimoAnonimo alle 16:03 del 16-04-2017

Tre errori. Dare suggerimenti intelligenti a un coglione. Sentirsi in colpa per aver ottenuto quello che ti spetta. Farsi carico di problemi dei tuoi colleghi. Nessuno ricambierà, nessuno ringrazierà. Alla fine rischi che se la prendano con te. Anche a Pasqua per certe coseè meglio farsi i cazzi propri. Fidati. E buona pasqua Luna

Avatar di ColeridgeColeridge alle 16:08 del 16-04-2017

Grazie ragazzi.

Il mio responsabile non è mai stato capace di fare il responsabile..per molti motivi.

Appena ho inviato la mail mi sono pentita: ma dentro di me c'è una vocina che mi dice che comunque quello che ho fatto l'ho fatto per AIUTARE le mie colleghe ed il mio capo.

Se a qualcuno questa cosa da fastidio.. peggio per lui.

Per me questo fa parte di un'etica personale e del lavoro..Che so che ormai sono viste male..anzi..Non vengono minimamente riconosciute. 

Sono decisamente una cretina.

Avatar di LunaKLunaK alle 00:00 del 17-04-2017

era da parecchio che non ti leggevo

Avatar di farnightfarnight alle 09:29 del 17-04-2017

Una cosa e' certa. se oggi avro' almeno la meta' della tua voglia, determinazione, energia, forza....che hai avuto, di essere me stesso. sara' una giornata fantastica

Avatar di vaiserenovaisereno alle 10:43 del 17-04-2017

@farnight Qualche commento qua e la ogni tanto lo metto. πŸ˜„

@vaisereno Troppo buono. Io cerco di fare quello che posso..soprattutto ho questo difetto: cerco sempre di fare agli altri quello che vorrei fosse fatto a me. Le mie colleghe condividono con me un lavoro umiliante, pagato male ed in cui i diritti dei lavoratori non esistono (esempio:11 ore di turno senza pausa pranzo..), quindi il minimo che sento di fare è cercare di fare in modo che la mia assenza dia meno problemi possibile. 

Il mio capo è un incapace. Magari ha già deciso tutto, ma figurati se si spreca a spiegare od avvisare i dipendenti della sorte che li aspetta nei mesi a venire. È una cosa che personalmente detesto. Pensa poi se usa il cervello e CHIEDE cosa una persona riesce o meno a fare, sembra sempre che chiedere il nostro parere voglia dire darci un potere decisionale. .ed invece sarebbe solo avere più informazioni per fare al meglio il suo lavoro.

Comunque..ormai è andata. Nei prossimi giorni al massimo mi beccherò insulti, critiche o minacce. Pazienza. Non è la prima volta. Ma saprò di aver fatto una cosa (secondo me) corretta, per bene della Coop.. e delle mie colleghe. Tanto per 6 mesi circa non li vedrò.

πŸ˜‰πŸ˜‰ 

Avatar di LunaKLunaK alle 15:12 del 17-04-2017

Cara Luna,

ti parla un freelance per scelta. Uno da rapporti di lavoro che, proprio per non negarsi uscite di scena da gran diva, raramente vanno oltre l'anno. Non di rado le mie consulenze si sono chiuse con mail al vetriolo, escalation ai livelli alti, difesa dei collaboratori contro la protervia del pm di turno e i canonici tre botti che chiudono la sagra paesana.

In altre parole mi appresto a farti un predicozzo da un pulpito abbastanza imbarazzante

Studi sulla comunicazione asseriscono che i messaggi hanno sempre un aspetto di contenuto ed uno di relazione. Il secondo, non espresso a parole, riguarda la relazione tra i due interlocutori e, di solito, qualifica e contestualizza il contenuto.

Gli imbecilli, soprattutto quando hanno una posizione di potere (e soprattutto se sospettano di essere inadeguati) colgono solo quest'aspetto del messaggio: tu ti credi più furbo e mi vuoi far fare la figura del coglione. Puoi metterla giù come vuoi, ma loro la capiranno solo così. Per due motivi. Primo perché sono imbecilli. Secondo perché non sono così tanto imbecilli da non capire che, in estrema sintesi (e in tutta onestà), quello è effettivamente il succo di tutto il discorso: nel mio caso di sicuro.

E così capita che siamo talmente soddisfatti dall'esserci tolto il sassolino dalla scarpa da non curarci delle conseguenze che questo può avere per noi e per gli altri. E' un peccato perché a volte potrebbe bastare un piccolo aggiustamento del tiro per rendere la nostra azione più efficace e per consentirci di riappropriarci del nostro prezioso tempo che finiamo per sprecare appresso ad individui che non meritano di occuparne nemmeno una frazione.

Faccio un esempio pratico applicandolo al tuo caso. Basterebbe una mail di segno apparentemente conciliante che potrebbe soddisfare l'ego del dirigente cretino senza nulla togliere alla sostanza di quello che hai detto segnalato.

Esempio.

Caro dirigente, rileggendo la mia mail mi sono accorta che il tono potrebbe essere equivocato. Voglio ribadire che con quel messaggio intendevo solo mettermi a disposizione per consentirti di gestire al meglio la mia assenza nei miei mesi di assenza. Lungi da me l'intenzione di volerti insegnare il tuo mestiere. Cordiali saluti ecc.

Se è completamente obnubilato dalla sua presunzione potresti permetterti anche un "la tua capacità di gestire queste situazioni è ben nota", altrimenti eviterei :)

In questo modo potresti mettere il coglione nelle condizioni di accettare il tuo suggerimento come concessione.

In caso contrario potrebbe accadere che decida di fare l'opposto di quanto suggerisci accanendosi sulle tue colleghe. Queste ultime te ne direbbero di tutti i colori e, magari, per colmo, ti accuserebbero di aver tu, con la tua iniziativa, peggiorato la situazione.

Avatar di ColeridgeColeridge alle 12:14 del 18-04-2017

al meglio la situazione nei miei mesi di assenza

Avatar di ColeridgeColeridge alle 12:17 del 18-04-2017

Coleridge..grazie.

Cmq le frasi da te scritte le ho già inserite nella mail.

Infatti la struttura della stessa è più o meno questa:

- buongiorno, grazie per l'aiuto e la disponibilità dimostrata per la mia richiesta di maternità flessibile [in realtà sono stati degli incapaci a gestire la cosa..ma per fortuna la cosa è andata cmq a buon fine]

COME SAPRAI BENE la prossima è la mia ultima settimana di lavoro e ne approfitto per salutare e per farti sapere che (esprimendo la mia volontà di aiutare la Coop nei mesi in cui non ci sarò)

- non mi limiterò ai mesi di obbligatoria (.....)

-  [ti cito alcuni passi del discorso..]

"In questo periodo qui c'è un clima un po teso perché ancora non si sa come verranno gestite le cose" [lui non ha ancora detto nulla a nessuno]

"Premetto che SÌ benissimo che tu avrai di sicuro già organizzato tutto al meglio"

"Il mio intento è solo mostrarti il punto di vista di una dipendente che vive ogni giorno in questa situazione"

Dopo aver spiegato la mia "teoria" ho aggiunto

"Questo mio discorso vuol rappresentare un semplice apporto che mi sento dare al responsabile: mi sembra doveroso da parte di una dipendente mostrare i propri dubbi ed impressioni.."

Ho aggiunto poi che se volese chiarimenti o semplicemente parlare con me o salutarmi, può passare qui in postazione quando gli pare.

Ho terminato con gli auguri di Pasqua a lui e famiglia.

Insomma..ho cercato fino allo spasimo di essere diplomatica e di presentare la cosa in modo "umile".

Vedremo!!  

Avatar di LunaKLunaK alle 13:26 del 18-04-2017

Cacchio non avevo letto il messaggio dell' anonimo delle 16:03 del 16 aprile.

Bene..caro-a io non sono un dipendente pubblico. Lavoro per una Coop che ha un appalto con l'università. 

All'ora vengo pagata meno delle signore delle pulizie. Non posso entrare più tardi od uscire prima: per nessuna ragione. Manco se sto male.  Perché la portineria NON PUÒ rimanere scoperta per nessun motivo..e gli impiegati (loro sì che sono statali), pretendono che gli orari di apertura e chiusura della struttura siano rispettati (se no timbrano in ritardo o prima..ed ovviamente è inconcepibile).

Detto questo, al mio capo ed alla Coop costerebbe molto di più pagare 6 ore di straordinario al giorno alle mie colleghe, piuttosto che prendere un ragazzotto od uno degli studenti che bazzicano qui con un ontratto a chiamata o a tempo determinato. 

Prima di fare certe battute.. pensiamoci.

E poi io penso prima ai problemi delle mie colleghe ed ai risvolti che avranno sul lavoro, poi ai soldi del mio responsabile e della Coop..Che si prendono i 2/3 dello stipendio che ci da l'università. 

Avatar di LunaKLunaK alle 13:39 del 18-04-2017

Eh sì dai abbastanza. Diciamo che io parlo parlo ma avrei fatto di peggio. "mi sembra doveroso da parte di una dipendente mostrare i propri dubbi"... a lui non sembra doveroso per niente. Gli dici anche che, se vuole chiarimenti, può passare lui... se ho capito la testaggine di cazzo, questo potrebbe essere considerato un piccolo affronto.

Comunque l'aforisma che bisognerebbe tenere presente in queste situazioni per me è il seguente: Mai discutere con un cretino, ti trascina al suo livello e ti batte con l'esperienza!

In ogni caso fregatene, vai tranquilla in maternità e approfitta di questo periodo per valure nuove opportunità e riposizionarti (prima che nasca eh, poi sono cazzi). Sono certo che meriti di meglio e hai i mezzi per ottenerlo. 

A proposito, ma quanto manca?

Avatar di ColeridgeColeridge alle 15:13 del 18-04-2017

Grazie.. so che ho fatto una cavolata..ma ormai..è andata! 

πŸ˜ƒπŸ˜„πŸ˜†

Devo imparare a fregarmene degli altri e pensare solo al mio orticello. Va bhe. Pazienza.

Il lavoro lo cercherò  (in realtà non ho mai smesso di cercare altro.. ho fatto anche un master.. ed ho avuto secondi lavori..ma poi non si concretizzava mai nulla, purtroppo..) .

Però dopo la nascita..se vai in giro a cercare col pancione non ti fanno manco parlare!! Dopo mi metterò d'impegno. Speriamo.

La data presunta per il parto è il 26 maggio πŸ˜ƒπŸ˜„

Vi farò sapere πŸ˜€πŸ˜

Avatar di LunaKLunaK alle 15:24 del 18-04-2017

Inserisci nuovo commento



Attenzione: i commenti sono moderati per i non iscritti.

Statistiche:

Voto medio

0 VOTI

Iscriviti per poter votare questo sfogo.
 

Iscriviti!

Iscriviti
Iscriviti e potrai aggiungere commenti senza attendere approvazioni, votare gli sfoghi e gestire i tuoi post ed il tuo profilo senza limitazioni.
Clicca qui per aggiungerti