Tag: amo

Ven

23

Feb

2018

Tossico

Sfogo di Avatar di TylerTyler | Categoria: Altro

Il mio posto di lavoro

È tossico, mi rende grigio ed insoddisfatto, è un insieme di elementi nocivi che innesca in me pensieri di morte. Si trova in una porzione di una vecchia fabbrica, realizzata prima della seconda guerra mondiale. In mezzo alle abitazioni in una via tranquilla nella mia città. Poco visibile dalla strada. È freddo e umido nella stagione invernale, per via del riscaldamento che spesso viene tenuto spento. Senza finestre, solo luce artificiale. Il contro soffitto, macchiato dalle innumerevoli infiltrazioni d’acqua, amplifica il rumore dato dal correre dei topi che in nostra assenza, la sera, scendono cercando qualcosa da mangiare e lasciano, di tanto in tanto, sulle nostre postazioni di lavoro, i loro escrementi. I pannelli di plastica, trasparenti, che dividono i reparti sono resi opachi dallo sporco e dalla polvere che nessuno ha mai tolto. Siedo su un’ergonomica sedia polverosa, il pavimento mostra il suo colore solo dove viene calpestato, e le ruote del mio trono, intrise di sporcizia, strisciano faticando nella rotazione. Ragnatele vecchie, ormai nere, piovono dal soffitto e danzano con leggeri spostamenti d’aria dati da infelici lavoratori che appassiscono nella loro quotidianità. Questa estate sarà caldo, torrido, e l’aria viziata, intrisa nuovamente della puzza di un piccolo roditore in putrefazione, renderà tutto ancora meno sopportabile. Non so se siano peggio i costanti brividi invernali, l’estenuante ricerca di un respiro pulito nella bella stagione o l’indifferenza di fronte a tutto questo, condita con le balle che sento ogni giorno. 

Tags: lavoro, amo, il

Dom

05

Mar

2017

Voglio un consiglio

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

O conosciuto un ragazzo di 31anni stiamo insieme da dicembre io per lui sn sempre disponibile lascio ogni cosa mentre da lui mi sento al usata mi dice che cn me sta bene però avvolte parla a metà vive la sua libertà io avvolte le dico nn vuoi stare cn me dimmelo e lui mi dice io nn o detto questo nn prendere sopra vento nn lo capisco mi consigliate che devo fare grazie

Tags: amo, ti

Ven

05

Ago

2016

Amore Borderline / Personalità multiple *SFOGO LUNGO*

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

AVVISO: questo sfogo sarà lunghissimo (aggiungerò i minimi dettagli), quindi vi prego di avere pazienza e provare a leggerlo tutto, anche perché sono sicura che in un modo o nell'altro rimarrete affascinati dall'argomento inusuale che sto per narrarvi.

PREMESSA: Ho 19 anni, in passato ho sofferto di personalità multiple (o borderline) che hanno comportato altri disturbi psicologici, come problemi alimentari, autolesionismo e per un certo periodo addirittura piccole perdite di memoria. Vado da uno psicologo dall'età di 15 anni ed in questo tempo sono riuscita a curare la maggior parte dei disagi, ma il problema più grande è sempre quello della fiducia verso le altre persone, carattere introverso e dei repentini cambi di umore, nonchè altri comportamenti tipici dei "malati" di personalità borderline. Ho avuto solo un ragazzo che mi ha ferita, abbandonandomi, mentre nel corso della mia vita a causa del mio disturbo ho ferito a mia volta un paio di persone. Nonostante ciò non sono mai andata oltre il bacio perché, appunto, sono diffidente.
Perchè vi sto dicendo queste cose? Andiamo con ordine e capirete.

A inizio estate, ad una festa in maschera (quindi avevamo tutti dei costumi, io avevo un makeup che mi nascondeva completamente la faccia) ho conosciuto un ragazzo di 4 anni più grande di me, che proprio come la sottoscritta si fa chiamare dalle altre persone con un nome falso e non con il suo nome reale (che tra l'altro conoscono veramente in pochissimi). Apparentemente sembrava avere un carattere molto aperto, sbarazzino. Non è bellissimo, ma è il classico tipetto che, anche se involontariamente, ci sa fare con le ragazze ed in un modo o nell'altro le attira tutte a sè. 
Inizialmente non mi interessava, ma poi ho notato che nei miei confronti aveva un carattere del tutto differente: pacato, silenzioso, educato. Azzarderei anche un po' timido, forse. Si fermava spesso a guardarmi negli occhi e, puntualmente, distoglievo lo sguardo perché non sono abituata a determinati tipi di contatti. 
Dopo la festa ci siamo tenuti in contatto su whatsapp.
Premetto che al tempo lui ancora doveva vedere il mio volto, quindi non sapeva che aspetto avessi
Iniziammo a parlare e lui era molto sicuro di sè in ciò che scriveva e scherzando spesso diceva "tu mi amiii ahahah" (io reggevo il gioco ma non gli davo molta corda). Ad ogni modo, iniziò a confidarsi con me, dicendomi che lui è molto intuitivo, sa inquadrare bene le persone e quando è da solo ha tutta un'altra personalità rispetto a come si mostra davanti alle altre persone.
Insomma, ha descritto praticamente la mia persona, mi ha inquadrata a dovere e così facendo mi ha fatto conoscere questo suo lato con una presentazione ad hoc. 
Successivamente, sempre parlando, avevo intuito quanto lui ed io fossimo simili ed infatti ho azzardato una mossa che ha rivelato poi, che lui ha "qualche personalità in più" e per questo ne soffre molto.
(Ammetto che ho sempre avuto un lato da crocerossina, aiutare le persone a cui mi affeziono è un bel passatempo, rilassante ed appagante)
Così, avendo sofferto per anni della sua stessa patologia, ho iniziato ad aprirmi anch'io, inviandogli un lungo messaggio contenente una descrizione di come ci si sente vivendo questa situazione, per fargli capire che lo supporto, che so quello che prova e non dev'essere spaventato, ché può riprendersi e guarire (almeno in parte).
A quel punto lui mi ha scritto una cosa che mi ha fatto tremare il cuore, ovvero che, continuando così, lo avrei fatto innamorare e lui non voleva.
L'unica frase che mi disse fu una cosa simile a "e poi arriva *il mio nome* nella tua vita e ti sconvolge l'esistenza quando capisci che esiste qualcuno che ha il tuo stesso sguardo"
Così tronchiamo il discorso. 
Qualche settimana più tardi, dopo un periodo in cui provava a starmi lontano e si comportava in modo freddo (ma ci scrivevamo comunque tanto, perché io cercavo di aiutarlo provando a fargli capire che non ho cattive intenzioni), la situazione si ribalta inaspettatamente ed iniziamo un discorso serio, sentimentale.
-
In pratica, lui mi diceva di stargli lontano perché aveva paura di affezionarsi, che era meglio così e che non voleva ferirsi di nuovo. Poi però neppure un paio d'ore più tardi, ci ritrovavamo a ridere e scherzare assieme. Un giorno gli chiesi quale fosse il suo vero nome (a volte, per alcuni soggetti affetti da DPB è uno stress enorme anche solo rivelare parte della propria vera identità) e lui me lo disse senza troppi problemi, solo con una leggera esitazione iniziale.
Già da questo punto potete capire che lui ha veramente più di una personalità. 
Ma continuando il racconto...
Mi ha confidato di essere stato per qualche anno con una ragazza che amava moltissimo e che, dopo aver troncato bruscamente la relazione, lui continuò a cercarla ma lei non voleva. Da qui inizia il suo percorso nel baratro oscuro della depressione che, unito al suo disturbo delle personalità, creò una combo devastante di disagi. Fin quando circa un anno dopo, si rividero ma lei lo usava solo per puro piacere, perché aveva già un altro ragazzo con cui si sentiva.
Così la situazione peggiorò, lui non voleva più vivere, si sentiva distrutto, svuotato da qualsiasi tipo di emozione. Si faceva del male, si allontanava spesso da casa a volte per giorni interi e non badava alla sicurezza mentre era alla guida. Per questo era molto spaventato all'idea di affezionarsi di nuovo.
Dunque anche io gli ho detto che ero spaventata all'idea di innamorarmi nuovamente per cause passate molto simili alle sue, tra cui un tentativo non molto recente di stalking nei miei confronti da parte di un pazzo psicopatico che si professava mio amico ma in realtà mirava ad altro. 

In ogni caso, decidiamo di provare a conoscerci, senza fretta, senza avere la certezza che un giorno ci metteremo assieme. Abbiamo deciso di superare questi timori assieme. Insomma una classica situazione in cui due persone vogliono conoscersi meglio prima di azzardare passi di cui potrebero pentirsi. 
A causa del lavoro non ci possiamo vedere in questo periodo, perché io lavoro al bar vicino casa e lui ad un paio d'ore di distanza in un villaggio vacanze. 
Quando decise di presentarsi per il posto di lavoro, me lo disse il giorno prima, chiarendo che se vivere distante da me avrebbe comportato un disinteressamento da parte mia nei suoi confronti, non avrebbe accettato il lavoro e sarebbe rimasto al mio fianco pur di non perdermi. Non sono mai stata una persona egoista o gelosa, quindi gli ho detto che per me non c'erano problemi, che lo sarei andato a trovare e che non sarebbero state un paio d'ore di distanza a farmi perdere l'interesse verso di lui.
Infatti tre giorni fa sono andata a trovarlo ma siamo stati assieme a chiacchierare solo per un'oretta visto che lui doveva lavorare ed io arrivai anche in ritardo per via dei mezzi pubblici. 
In ogni caso è una persona splendida, mi contatta ogni volta che può anche se lavora sodo e senza sosta. Ogni tanto mi invia foto, video e quant'altro.

"Tutto perfetto" direte voi.
EH NO! 

Ci sono dei punti che non mi quadrano. Ve li elenco in seguito.

- 1: Non parla spesso di sè e della sua vita privata- non vuole parlare del suo passato, dice di aver rimosso volontariamente tutti i suoi ricordi (quindi temo che gli portino alla mente qualcosa di brutto), prima di andare a trovarlo non sapevo che avesse una sorella e un fratello (l'ho scoperto per caso), da quando è andato a lavorare mi parla di cosa fa, cosa organizza e come si sente, ma di argomenti suoi personali ancora nienite, solo qualche info sui suoi genitori. Gli chiesi di sfuggita dove vivesse, ma mi ha risposto "da qualche parte nel mondo"...
Perchè mi preoccupo di queste cose? Può darsi che ancora non si fidi molto di me, ma d'altro canto le persone affette da DBP (disturbo personalità borderline) tendono a mentire anche su piccole cose, arrivando, in una relazione, a tradire svariate volte (anche se involontariamente, senza cattiveria).

-2:Ha parecchie difficoltà nell'esternare le sue emozioni- Per darvi un'idea, gli ho detto che mi è mancato e lui mi ha risposto con "l'ho notato". Oppure gli chiedo sempre come sta, che ha fatto durante la giornata e, mi risponde in maniera normale, ma non chiede quasi mai di me o quando gli racconto qualcosa che ho fatto mi risponde in modo breve. Ciò mi causa dei dubbi...

-3:Alterna dei momenti in cui è più affettuoso del solito ad altri in cui è più incerto- Come ho scritto prima, a quei comportamenti un po' freddi ne alterna altri in cui è curioso di sapere come me la passo, che faccio... A volte mi scrive cose carine e complimenti. Altre volte invece, nulla... Insomma è diverso dal "lui" che ho conosciuto all'inizio, che si confidava e faceva sembrare tutto più come un sogno. Sarà per via del suo lavoro forse, non voglio creare paranoie inutili.

Lasciate infine che vi parli di qualche caratteristica di noi DPB.
Chi soffre di questo disturbo trova spesso impossibile accettare l'idea che qualcuno possa volergli bene o amarlo, quindi nei casi più gravi con il tempo si arriva a prendere l'amore che le persone ci dimostrano, come una specie di sfida, vedendo quelle stesse persone come ostacoli ed ad accettare più propensamente nella propria vita, invece, persone i cui scopi sono meschini e li trattano in modo spesso irrispettoso. 
Queste persone affette da questa "malattia" sanno perfettamente a quali vittime avvicinarsi visto che sono dotati di estrema sentibilità ed intuito acutissimo. Prediligono persone altrettanto sensibili, che col passar del tempo tendono a divenire succubi e salvatori. Infatti all'inizio dimostrano una grande empatia, ti fanno sentire speciale e tutto sembra perfetto, ma dopo un po' di tempo la loro vera natura viene fuori e quello che sembrava un sogno diventa un incubo.
Un DBP tende a manipolare (senza farlo di proposito però) le altre persone, a vittimizzarsi per ricevere affetto e spingere gli altri a non abbandonarlo. Col tempo le persone che gli stanno accanto troveranno difficile lasciare il soggetto o anche solo allontanarsi, perchè a queste verranno addossate tutte le colpe, convincendoli di essere loro il problema. In realtà, il DPB è pronto a cambiare quelle stesse persone con altre "di rimpiazzo" in qualsiasi momento perchè una delle sue caratteristiche è proprio quella di avere problemi nell'esternare ed accettare le proprie emozioni, il che comporta spesso alla creazione di un carattere privo di queste ultime, non capace di provare vero affetto verso le altre persone. Il DPB inoltre è una vera e propria "aspirapolvere" di affetto, lo ricerca costantemente eppure non riesce mai a colmare quel vuoto che sente dentro ed appena qualcuno contrasta una sua idea, risponde con meno frequenza alle sue richieste di attenzioni (ecc..) si sente tradito e si innesca dentro di lui una reazione a catena composta da sensazione di essere tradito, rabbia e ansia che spingono il soggetto a "vendicarsi". Le sue relazioni possono durare da un minimo di qualche mese ad anni interi, durante i quali i tradimenti e le bugie sono frequenti, così come i repentini cambi di umore.
Infine, la maggior parte degli esperti, tra cui molti psicologi, rifiutano categoricamente di curare chi soffre di questo disturbo perché ritenuto "come un cancro terminale: incurabile". Chi riesce a salvarsi (come me) è dotato di grande forza di volontà e molta fortuna ma nonostante ciò il disturbo continuerà ad esistere per sempre, anche se in parte.
E' un qualcosa che, a meno che non lo si viva di persona, sembra una gran cazzata quando in realtà è una situazione che distrugge letteralmente. Immaginate di vivere un'esistenza in cui non sapete neppure chi siete di preciso ed ogni giorno vi ritrovate in un corpo uguale ma con ideali, carattere e modi di fare diversi. Schifati da voi stessi e da chi vi circonda, vivendo in costante paranoia e disagio. 
Dimostrare affetto a questi soggetti sarebbe inutile, l'unica vera soluzione è quella di convincerli ad andare da un esperto.

Volendo fare un discorso approfondito occuperei ancor più spazio e rischierei di annoiarvi ulteriormente.
Quindi arriviamo alla fine di questo lungo testo.
Sono solo paranoica o ci sono dei legami tra la descrizione dei "caratteri" di questo ragazzo e quelli di chi soffre di DPB? Pensate che dovrei continuare a "conoscerlo" oppure prima o poi me ne pentirò? Ovviamente sono passati a stento 3 mesi ed ancora non lo conosco bene (ed ho intenzione di far passare almeno un anno prima di decidere di frequentarlo come ragazzo) quindi le mie potrebbero essere solo mere congetture... 
Vi ricordo che abbiamo passato le stesse situazioni, abbiamo lo stesso problema, io lo capisco e lui capisce me ma mentre io sono migliorata nel corso degli anni, lui mi ricorda molto una versione della me del passato: un agnellino che si trasforma nella più crudele delle bestie, affamata d'affetto e sofferenza.
Pensate che l'amore possa far cambiare un soggetto del genere? Mi conviene mollare tutto?
La mia è solo paranoia per aver attraversato periodi difficili? Sarebbe meglio convincerlo a vedere un esperto che potrebbe aiutarlo? Magari lui è una persona ok e sono io che avendo questo problema sono paranoica? Forse la colpa è mia che vedo tutto in negativo e sono diffidente?
Cacchio, sono peggio di Cartesio con tutti questi dubbi.
Scusate per lo sfogo lunghissimo, ma mi sono affezionata davvero molto a questa persona e non voglio perderla...

Grazie a tutti per avermi ascoltata.

-A

Mer

23

Mar

2016

Che bello

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Lussuria

Stare con una persona che ti fa sesso.

Che ogni volta che lo guardi pensi che  è bello, bello e ti ribolle il sangue e pure qualcos'altro ;D

E non dico bello in senso canonico, non è un figo oggettivamente, ma per me è eccitantissimo, mi ha fatto da subito questo effetto.

Che bello starci bene, esserne innamorate, sentirsi amate, costruire pezzo per pezzo il nostro futuro insieme, e ritrovarsi pure a pensare guardandolo: cazzo passano gli anni ma mi fai proprio impazzire.

Che bello ritrovarsi a scopare come non avevi mai pensato di fare, sentire che è davvero adatto a te...come carattere...e che come ciliegina sulla torta lo è anche fisicamente.. Che non vedi l'ora di mettergli la lingua in bocca.... Come d'altronde avete fatto dopo venti minuti che vi conoscevate! :D

Ciao mio bel pezzo di manzo, ti amo.

Domani appena arrivo da lavoro ti cavalco di brutto!!!

Tags: cazzo, amo, ti

Mar

08

Mar

2016

Pentita e riconoscente

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Superbia

Confesso di avere un carattere tremendo, mi rivolgo spesso alla persona che amo con toni impertinenti, irriverenti, arroganti, con aria di sufficienza peccando pure di ingiustificata superbia.

 Che dire, ho un carattere e dei modi ignoranti.

 E invece dovrei solo baciare dove passi, tu che sei così perfetto, che mi accontenti sempre quando puoi, che cerchi di adeguarti a tutte le mie richieste, che sei bravo sul lavoro e anche a casa, che sei paziente oltre ogni immaginazione...

Lo so che te lo dico mooolto di rado, ma io ti amo veramente tanto, nonostante la sclero mi pento sempre di non trattarti come meritersti, mi ripeto sempre che dovrei comportarmi diversamente, essere più riconoscente, ma quando ti si pianta dentro un carattere come il mio è davvero dura smorzarlo.

 Ma io noto tutto, so gli sforzi che fai, vedo quanto ti impegni e lo apprezzo davvero moltissimo.

 Sei la persona migliore che potessi incontrare, intelligente, di ampie vedute, arrivi sempre molto più in là di me, sei buono, paziente, e io ti stimo da morire! 

Dovrei solo vergognarmi certe volte a lamentarmi!  

Anche perchè non valgo un terzo di quello che vali tu!

Sab

14

Dic

2013

Senza Titolo

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

sono una giovane donna con prole.ero sposata fino ad un anno fa,ma le cose andavano male da tanto e gia ai tempi del mio matrimonio avevo già il mio attuale amante.stiamo insieme da piu di due anni.anche lui é sposato con figli.da quando io sono libera le cose non vanno piu bene.giustamente aggiungerei.gelosia morbosa da parte di lui e la mia che aumenta ancora di piu verso la moglie.che é talmente buona come donna,vive per lui ed i suoi figli e si ucciderebbe se lui la lasciasse.non gli da nessun motivo per essere lasciata.ed io non glielo farei fare perché..lo amo,non in modo capriccioso.lo amo e voglio che sia felice,che non soffrano i suoi bimbi.ma la situazione é iperpesante per tutti e due.lo era anche prima quando eravamo entrambi sposati,ora ancor peggio.IL MIO PROBLEMA É QUESTO:MI SENTO UNA MERDA. PRIMO perché lo faccio ingelosire apposta.quando soffro e mi dispero per la situazione,non so perché mi viene di fargli provare quello che provo io.non vorrei fargli male ma nei momenti di gelosia cieca lo faccio.tipo dicendogli di una serata fuori mentre invece sono a casa.SECONDO.sto cominciando a sentire altri uomini,apparentemente tutti in amicizia...ma la verità é che spero tanto di innamorarmi di qualcun'altro e dimenticarmi del mio amante.la prossima settimana andro a amangiare fuori con un amico che potrebbe anche piacermi magari.se il mio amante sapesse impazzirebbe.mi sembra di tradirlo.anche se non darei neanche un bacio ad un altro senza aver chiuso la storia.sono confusa.non so che fare.qust storia mi ha fatto perdere la ragione e la lucidità.

Lun

11

Nov

2013

Come la conquisto?

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Ho bisogno di aiuto, ho 17 anni e non so proprio come comportarmi con le ragazze, e la cosa mi fa soffrire moltissimo. A giugno ho conosciuto lei, e da quello che mi è sembrato di capire, grazie anche all'aiuto di qualcuno di voi su questo sito, schifo non gli facevo, anzi probabilmente gli piacevo anche. Poi però io sono stato in vacanza fino a settembre e fino ad adesso a parte qualche volta in cui siamo usciti in compagnia di altri e qualche messaggio (non gli piace molto scrivere messaggi per cui non le scrivo per paura di disturbarla) non ci siamo visti molto e non abbiamo parlato da soli come facevamo prima.

Il mio problema è che sono davvero innamorato di lei, al punto di fingere che il mio cuscino sia lei e lo coccolo e li racconto la mia giornata, ma nonostante ciò non so cosa fare. Ho sempre paura di disturbarla e ho moltissima paura di ricevere un no come risposta e perdere il buon rapporto di amicizia con la sorella e altri della compagnia a cui mi sono affezionato, ma allo stesso tempo vorrei poter stare con lei. AIUTO!!

Gio

27

Giu

2013

SETTIMO GIORNO DA SEPARATA

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

settimo giorno da separata ho dovuto mettere in vendita la casa non lavoro non ho nessuno.vivo da mia mamma che si ci da vitto e alloggio ma mene devo andare il prima possibile perche il bambino è vivace e non lo sopporta nessuno e per non sentire i loro lamenti io e il mio bambino di 4 anni stiamo fuori tutto il giorno in paese a girovagare tra villette e marciapiedi...che vita di merda...

Tags: figlio, amo, mio

Mer

05

Giu

2013

Sono un ragazzo di 25anni sposato per incoscienza a 18anni e gia padre di due figli

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Ho sempre tradito mia moglie solo avventure senza conto perche l amore vero non l ho mai provato. Poi un anno fa ho conosciuto lei la mia amante e per la prima volta ho capito che vuol dire essere innamorato sono cresciuto nella merda non sapevo cos era l amore.per me lei é bellissima nonostante non sia una modella. Amo il suo carattere forte e fragile la sua sensibilita é cosi buona di cuore mi adora e tira fuori il meglio di me sono un altro non più uno stronzo. Lei é sposata infelicemente da anni con un figlio non mi ha mai chiesto di lasciare la mia famiglia per lei sa che se lo facessi sarei infelice per altri motivi per i miei figli. Ma soffre tanto la situazione la gelosia verso mia moglie e allora mi lascia soffriamo di più ancora dopo due giorni siamo come prima tra una settimana siamo punto e a capo.

Che devo fare con lei? Si pensa che gli amanti vivano una situazione di comodo ma quale comodo?

Tags: amante, amo, la, mia

Ven

28

Dic

2012

amo sempre e solo lui

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

ciao sono una raga di 25anni e sto malissimo..a marzo2011 ero sposata con una bambina e conosco questo raga piu piccolo di me e mi innamoro follemente,lui mi dice di nn essere pronto per storie serie ma io ero troppo innamorata e lascio mio marito perke mi faceva troppo male stare con qualcuno ke nn era lui..vado avanti con la mia vita, ho una breve storia ed il ragazzo di cui nn ho smesso mai un attimo di exere innamorata si fa di nuovo vivo e ci incontriamo di nascosto poi litighiamo perke io voglio di piu e lui sparisce..a fine agosto incontroun raga di cui penso di exere innamorata,ci vado a convivere e torna lui,ora ci stiamo vedendo di nascosto,io lo amo piu della mia vita,per me lui è tutto.è quasi un anno ke ci conosciamo e ffra noi ci sono stati solo baci niente sesso perke lui dice ke mi rispetta e nn vuole fare l'amore finkè nn sara sicuro ke vuole stare solo con me per sempre.se io ho bisogno di lui fà di tutto per aiutarmi però nn si arriva mai alla svolta ke voglio io..io ho capito ke amo e amerò per sempre solo lui,vi prego datemi dei consigli per conquistarlo per sempre

Tags: amo, ti, antonio
Succ » 1 2