Altro

Sfoghi: (Pag. 5)

Sab

22

Giu

2019

Fuggire dalla realtà

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

È da tanti anni che scappo dalla mia vita, mi sento come se mi stesse stretta e per questo scappo da lei. Mi metto le cuffie, musica a palla e stop.. Tutta la mia vita reale si ferma e la mia testa inizia ad immaginare un me migliore, con molto voglia di vivere e con una vita completamente diversa. E rimango in questo stato anche per ore, è come se mi estraniassi davvero dalla realtà e il mio corpo flutuasse in un'altra dimensione. Non mi piace la mia vita, sento di doverla cambiare, ma più desidero cambiarla e più voglio scappare ascoltando per ore la musica. Non so come smetterla, non so da dove iniziare a cambiare

Sab

22

Giu

2019

Confusa

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Qualche tempo fa ho assistito ad un convegno che trattava i maltrattamenti e l’abuso su minore. Un intervento mi ha colpita particolarmente. Elencava in dettaglio le situazioni e le caratteristiche del maltrattamento sui bambini parlando di VITTIME. 

Mano a mano che scorreva l’elenco ho ripercorso la mia infanzia e la mia adolescenza...ho sempre saputo di aver affrontato situazioni pesanti e di non aver avuto un infanzia “normale” (concedetemi il termine), ma non avevo mai pensato a me come vittima. Mi ha turbato non poco. Ne ho parlato anche con una psicologa con cui sto facendo un percorso, ma non riesco a togliermi questa sensazione che non so definire. Mi fa sentire debole, diversa, fragile. So che quel periodo è passato e che ora ho strumenti adeguati, ma mi sento comunque a disagio.

A volte vorrei solo poter abbracciare quella bimba e dirle che tutto quell’orrore finirà, che andrà meglio e che troverà qualcuno che la accetta e la ama; che ci sarà un momento in cui si sentirà finalmente al sicuro. 

Sab

22

Giu

2019

Senza Titolo

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

mi sento fragile. e la cosa mi fa imbestialire. nessuno allo stesso tempo mi ascolta, non mi danno retta ognuno fa il cazzo che gli pare. anzi, inutile girarci intorno vagffnculo 

VAFFANCULO

VAFFANCULO A TUTTI

oh. 

Tags: fanculo

Sab

22

Giu

2019

Un'opinione

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

È veramente tanto brutto chiedere un regalo cumulativo? Tra un po' compirà gli anni mia figlia, per il compleanno vorrebbe tanto una bici, avevo pensato di chiedere a nonni e zii di mettere una quota X uguale per tutti e fare la bici come regalo da parte loro. In questo modo ammortizzeremo un bel costo, eviteremo di ricevere mille regali inutili e la bimba riceverebbe qualcosa che desidera molto. Il papà mi ha detto che secondo lui è una richiesta da pezzenti, voi che ne pensate? È veramente tanto brutta come idea? 

Tags: regalo

Sab

22

Giu

2019

Perchè odio l’estate

Sfogo di Avatar di Peccato OriginalePeccato Originale | Categoria: Altro

Per quanto possa andare controcorrente, io ammetto di non trovare nulla di positivo nell’estate, per lo meno da un punto di vista sociale ed emotivo.

Certo, il sole, la libertà, un po’ di respiro dalla routine, non nego che apprezzo queste cose. Quello su cui voglio soffremarmi è la mia condizione in questo periodo dell’anno e come essa influisce sul mio apprezzare la vita.

Si parla a volte di “depressione stagionale”. Per quanto questa espressione sia vicina al mio caso, a differenza della maggior parte delle persone che ne soffrono, io ho un motivo ben preciso per provarla, di continuo, giorno e notte, fissa, logorante e difficile da mandare via.

Dico stagionale e dico estate perchè, in poche parole, questi tre mesi sono il periodo in cui, in assoluto, io mi ritrovo più solo, se non forse anche Natale, ma non è esattamente periodo per parlarne.

La mia vita, come avró modo di raccontare meglio in altre occasioni, si è basata finora perlopiù sulla scuola, non tanto perchè sono un tipo ansioso per il rendimento, ma piuttosto perchè le mie uniche conoscenze di coetanei e gli unici ragazzi con cui abbia rapporti sono, appunto, i miei compagni di classe.

È difficile ammettere che, in effetti, questo rapporto si sia limitato a favori che davo e non ricevevo, aiuti che offrivo e poi nessuno avrebbe ricambiato, presenza che assicuravo ma che poi, nel bisogno, non mi veniva restituita. Io, ingenuo, ho sempre continuato ad essere il classico buon samaritano di quei 26 ingrati che, e chi mi conosce lo sa, mi hanno fatto e detto cose orribili di cui peró questo non è il momento per raccontare.

Basti sapere che io, dopo quattro anni di scuola con questa gente, ancora non ho un’estate in cui a qualcuno venga in mente di chiedere come sto, se ho bisogno di compagnia. Che ci crediate o no, le proposte di uscite insieme, pizze, passeggiate, feste, giornate al mare da parte mia, le ho sempre fatte, ma saprete già che tipo di rifiuto mi veniva rifilato ogni volta.

Inutile credere nella propria autostima quando con questi precedenti, e con tante altre situazioni collaterali, ogni volta che finisce la scuola sapró di passare i tre mesi di solitudine più dolorosi dell’anno. A fare altre attività estive ci ho provato, ed anzi ho avuto successo alcune volte, ma la ferita aperta e riaperta, ricalcata ogni anno, quella è arrivata a compromettermi.

Non perdonatemi se io, da signor nessuno quale sono, dica che disprezza quella gente, le loro azioni e la loro ipocrisia verso di me. E non mi pento di dire a chiunque abbia intenzione di leggere questo affare che non è una mia responsabilità se mi è capitato tutto questo.

Anche se non sono riuscito a farmi rispettare (colpa mia), anche se non sono riuscito a stringere amicizia (colpa mia), ed anche se non sono riuscito a convincere nessuno a condividere anche una piccola parte dell’estate con me (colpa mia), io mi rifiuto di ammettere che sia una mia responsabilità se tra 26 persone nemmeno una ha la coscienza morale di domandare “come stai?”, una piccola frase di cui forse in pochi capiranno la vera potenza, ed è una frase che io, che soffro di depressione di mio, rivolgo spesso a molti dei miei compagni, ma che nessuno ha mai speso per me, che ne ho avuto sempre bisogno.

Chiamatemi lagnone, chiamatemi vittimista, io ho detto quello che dovevo dire e l’ho fatto in un posto dove sfogarsi, anche così, è il pane quotidiano degli utenti. 

Sab

22

Giu

2019

Che macello...

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

I genitori della mia ragazza sono separati, io ho 20 anni e lei 17.

La madre è da un po che si sente con uno di 6 anni piu giovane che aiuta tutta la famiglia giacché può permetterselo.  In tutto ciò io non avevo mai avuto l onore di conoscerlo e di vederlo. Per il complenno di questo tizio,la madre organizza una cena a casa propria non invitandomi. Io non me la sono presa per questo,più che altro mi sono arrabbiato con la mia ragazza perché mi dice che sarebbe stato scortese mancare alla cena e che dovevo passarla a prendere alle 22:00 se mi andava. Io le dico che non ho mai aspettato nessuno e non faccio il cretino per nessuno. Litigammo pesantemente fino al punto che lei si fece sentire piangere dalla madre che era a cellulare con il fidanzato che decide di saltare la cena perché voleva che si fosse risolta la situazione. Io dopo aver litigato con la mia ragazza invio un sms alla madre dicendogli che mi dispiaceva per la situazione e che mi ero sentito mancato di rispetto.la madre mi risponde non quando legge il mess, ma soltanto perché il fidanzato decise di saltare la cena. In un certo senso voleva sfogarsi con me. Dopo 3 giorni di pace, mi arriva la chiamata a nome della madre della mia ragazza alle ore 23 : 30, ma a cellulare era lui che mi parlava. Si presentó, invitadomi a prendere un caffè tutti insieme dicendomi che lui doveva chiarire una situazione con me perché doveva parlare a fianco della fidanzata e della mia fidanzata,dato che era lui a occuparsi della famiglia, almeno cosi disse. (io e la mia ragazza stiamo insiene da 2 anni, loro manco 8 mesi). Io educatamente gli dico : guarda che non c entri tu in questa situazione, io vorrei chiarirla di persona ma senza di te e tu chi sei per parlare a fianco della mia ragazza? Lui mi dice di abbassare il tono perche ha 8 anni in più di me.io gli dico. Guarda che il tono io ce l ho basso, non fraintendere. E lui alla fine mi minaccia di venire sotto casa mia e io a quel punto gli rispondo che gli avrei rotto la testa appena l avrei raggiunto. Sono andato io da lui e c era la  mia ragazza triste, ferma che non parlava. La madre seduta che sembrava non avesse fatto nulla e lui che mi aspettava che non fece altro che dire :perché hai contattato la madre della tua ragazza? Lei che c entra nel vostro litigio. Io dopo avergli detto che con lui non avevo nessun problema lui si toglie da mezzo ma continua a provocarmi e a dirmi che io avevo provocato lui e che dovevo chiarire con la madre della mia ragazza davanti a lui. Alla fine gli ho fatto una tensione che se la sono fatta addosso. E data la loro ignoranza dopo avergli detto che con lui e con la madre della mia ragazza non volevo avere niente a che fare, sono salito in auto e andato via. Ho passato 2 giorni di inferno. La mattina dopo x tutta la giornata ho fatto 18 chiamare alla madre della mia ragazza per parlare senza nessuno intorno ma lei mi rispinde tramite messaggi anche se a me non bastava. Cosi mi reco a casa loro e chiedo scusa per tutto anche se io sentivo e sento di avere ragione, soltanto per la mia ragazza. 

Lei era nervosa e si alterava facilmente addirittura dicendomi che la sera del litigio, il fidanzato faceva bene se mi menava 2 o 3 schiaffettoni. Alla fine mentra stavamo parlando ci raggiunge il fidanzato e andiamo a prendere un caffè chiudendo in pace. Prima di sfogarmi con la mia famiglia ho fatto passare un paio di giorni per far in modo che non si intromettessero. Mio padre l ha presa malissimo come anche mia madre. Io contatto la mia ragazza per una pausa riflessiva perche dovevo pensare a cosa fare e succede di nuovo la stessa cose. Lei piange, la madre la consola e davanti al ragazzo mi telefona e io rifiuto la chiamata. Non rispondo per il semplice fatto che volevo la mia vendetta. Se la sera prima il ragazzo mi dice che non dovevo riferire alla madre che avevamo litigato io e la ragazza, se la sera prima io ho chiamato lei 18 volte e lei non ha risposto allora era giusto anche che nemmeno io avrei dovuto rispondere. La cosa che mi da fastidio e che ora stanno mettendo i familiari contro la mia ragazza e la maggior parte continuano a darmi ragione. Ma io a questo punto non accetto più la situazione ma non voglio lasciare La mia ragazza

Tags: madre, figlia

Sab

22

Giu

2019

Stranezze della vita

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Anni fa un tipo mi ha lasciata perché avevo i piedi brutti 

Tags: lasciata

Sab

22

Giu

2019

Perché

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Mi piacciono le cose che non posso fare? 

Ven

21

Giu

2019

Non mi frega piu di niente

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

La mia vita mi ha stancato. Ormai non me ne fotte piu nemmeno del calcio o della figa. Sono troppo disilluso, non ho piu  nemmeno entusiasmo nel conoscere una bella ragazza. Mi fa SCHIFO tutto.

Ven

21

Giu

2019

Amara tristezza e dolce odio

Sfogo di Avatar di ArtiglioArtiglio | Categoria: Altro

Avete mai notato come i bambini vengono cresciuti dai genitori come se il mondo fosse una favola? Un mondo delle fiabe? Dove il giusto regna sempre...e chi ha un cuore buono può aiutare tutti...Io sono uno di quei bambini. O lo ero. Sono timido, ma mi ricordo che quando ero piccolo non potevo fare a meno di nascondermi dietro la gonna di mamma quando vedevo tante persone fissarmi tutte insieme...e fargli passare tante figuracce con i miei capricci stupidi. Ma nonostante ciò, cercavo sempre di rispettare le regole, di aiutare gli altri, a prescindere che lo meritassero o meno...fino all'arrivo alle medie. Tre anni di medie, o tre anni di inferno? Non sono mai stato picchiato...ma lo avrei preferito rispetto a quello che mi veniva detto a parole...e piano piano sentivo una crepa dentro di me formarsi, aprirsi ogni giorno di piu', finchè non mi rinchiusi in Internet e sui forum/chat online con altra gente nella mia stessa situazione: reclusi, ma con una via di fuga tramite Internet. Sarò sincero: quando la gente critica Internet non dico che sbaglia, ma non posso nemmeno darle ragione, perchè Internet mi ha salvato la vita, mi ha permesso di conoscere persone della mia stessa età con gli stessi problemi, permettendo a tutti quanti di sfogarsi...ancora ricordo la famosa sera, in cui, di nascosto, tentai di uccidermi nella maniera piu' semplice...ma la mia mano tremava mentre reggeva il manico del coltello. Non avevo coraggio di morire. Ma neanche di vivere. Da pazzi, vero? Col liceo andò meglio, ma rimasi dentro la mia bolla online, sopratutto perchè la gente della mia classe non era gente che avrei potuto considerare amica al 100%. Perciò, conoscendo gente nuova online, piu' matura, piu' simile, piano piano ho cominciato anche ad incontrare qualcuno dal vivo...persone che sanno dare un calore umano immenso, e che se penso che hanno una situazione di reclusione sociale come la mia mi viene a male sapere che se non ci fosse questa distanza, potrei essere capace di rendermi un buon amico per loro...o almeno, lo credevo. Sono arrivato a un punto che tra esami di maturità, pensieri sul futuro, tentare di andare avanti nonostante la mia depressione perenne, ho dovuto chiudere contatti con molta gente...molti hanno capito, ma molti no. E' incredibile che come fai qualcosa di buono per qualcuno, al primo errore poi ti puntano il dito, facendoti stare male, facendoti avere sensi di colpa...però poi sono le stesse persone che in necessità ti aiutano, ma che con poco ti voltano le spalle...te ricevi consigli, aiuti e sostegno, poi se aiuti loro, a momenti rischi che veramente ti potrebbero uccidere...poi decidi di cambiare modo di agire, modo di fare, atteggiamento e stile e subito dicono che sei stronzo...ma io sono stato costretto. Essere stronzo e fregarmene di tutti per il mio bene personale, oppure essere disponibile sempre e comunque ma col rischio di crollare come un castello di carte...ma io stronzo non lo sono. Non lo sono con chi lo merita. Magari sbaglio a fare qualcosa, pensando prima a me piuttosto che a quello che potrebbero pensare gli altri. Poi chiedonoi spiegazioni, dici la verità, e poi magari si assumono loro la colpa, dicendo che l'hai fatto per colpa loro, mettendoti nella posizione di spiegare ancora e ancora che non è così, sapendo già che altrimenti quelle persone se ne andrebbero per sempre...Sarò sincero...sono solo un ragazzo di 19 anni che non riesce piu' a provare nulla. Ne sentimenti, ne voglia di aiutare gli altri o se stesso, ne voglia di vivere, ma costretto a farlo perchè codardo alla morte...non capisco piu'...non capisco piu' come le persone si relazionano, perchè mentono, perchè hanno questo orgoglio personale, perchè mettono il broncio per niente...non capisco piu'...sono io rotto oppure è questo mondo a esserlo? A volte durante la notte guardo il cielo e mi chiedo se sarà mai possibile per una persona come me avere una vita normale un giorno, amici normali...ho 19 anni...ma il tempo sembra così poco, sembra che stò già alla fine della mia avventura nella "Vita"...io non sono stronzo, io ci tengo alle persone, ma fraintendono sempre...eppure ho imparato ad avvisare a chi mi vuole conoscere come posso essere, cosa rischio di combinare, e nonostante ciò...poi mi ritrovo sempre diti puntati contro, addii, bugie...poi dicono che sono stronzo se me ne frego...ma devo soffrire e fregarmene oppure cosa? Non so piu' cosa fare, che devo fare. Mi dicono una cosa, la faccio, e poi dicono che è sbagliata. Faccio di testa mia ed è sbagliata lo stesso. Mi sento utilizzato...stanco, molto stanco e tradito. Posso dire che è bello non fidarsi piu' di nessuno e solo di se stessi, perchè almeno so che se mi succederà qualcosa, ho solo me stesso, e nessun'altro DA CUI DIPENDERE...rende forti, anche se ciò significa rinunciare a godersi la vita appieno, ma non voglio viverla soffrendo. Piu' che uno sfogo sembra un mezzosfogo/mezzastoria, ma erano ore che rimurginavo sui miei pensieri e su altre cose...non mi ha guarito totalmente, ma mi ha aiutato a portare un po' di serenità nel chaos che ho dentro di me, sperando che un giorno possa sparire totalmente. 

« Prec Succ » 1 ...2 3 4 5 6 7 8 101 ...201 ...301 ...401 ...501 ...601 ...701 ...801 ...901 ...1001 ...1101 ...1201 ...1301 ...1401 ...1501 ...1601 ...1659

Iscriviti!

Iscriviti
Iscriviti e potrai aggiungere commenti senza attendere approvazioni, votare gli sfoghi e gestire i tuoi post ed il tuo profilo senza limitazioni.
Clicca qui per aggiungerti