Altro

Sfoghi: (Pag. 2)

Lun

21

Gen

2019

Vita rovinata

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Ho conosciuto il mio attuale compagno due anni fa, avevamo entrambi 20 anni, siamo andati a convivere poco dopo al estero, abbiamo avuto un stupendo bimbo, per cause maggiori siamo dovuti tornare in Italia. Ora viviamo dai miei, lui è il classico padre padrone, mio padre non lo accetta, io ho sempre provato a chiudere un occhio, Ma sono stanca. Mi sento prigioniera. Sto male da morire al pensiero che ho 22 anni e ho questo peso addosso. Lui è pesantissimo. A volte ho paura di lui. Faccio tutto pensando a mio figlio. Ho sbagliato tutto, sono un fallimento di donna di persona. Vorrei sparire, ho fatto tutto troppo in fretta. Sono una stupida, lui è ancora tanto immaturo e io ho bisogno di un uomo affianco, che mi ami e che mi voglia. Non un padrone. Amo mia figlia più della mia vita, ma forse ho sbagliato tutto. Sto male da morire

Lun

21

Gen

2019

Mi faccio schifo

Sfogo di Avatar di AmeservedisordineAmeservedisordine | Categoria: Altro

Io e il cibo abbiamo un “”rapporto”” strano. Mangiare dovrebbe essere tante cose, ma sicuramente non portare angoscia, e odio nei confronti del mio corpo. Più che odio, è disagio, un continuo sentirsi fuori luogo, una sensazione così brutta e distruttiva, sotto tutto i punti di vista, che non sono in grado di spiegare a parole. La scomodità di stare seduta, o stesa,  e il sentirsi pesante, oppure la voglia di volersi strappare il grasso, di cui è fatto il mio corpo, di dosso, con le mie stesse mani. Quella necessità disperata di uscire da questo accumulo di grasso. A volte, non riesco ad accettare il fatto, che nonostante il digiuno e la tanta attività sportiva, io sia in qualche modo destinata ad essere in sovrappeso per sempre, e allora entro in uno stato mentale, talmente snervante da perdere il controllo. Vorrei solo volermi bene, perché so con assoluta certezza, che quella sia la cosa fondamentale, non ha importanza quanto possa pesare, o quanto possa piacere agli altri, io vorrei solo non sentirmi costretta a vivere con una forma fisica, che a me stessa fa schifo. Purtroppo non posso svegliarmi una mattina e ritrovarmi magicamente magra, però ho constatato in questi mesi di determinati sforzi e sacrifici, che dimagrire sia la cosa più difficile che una persona possa fare. Ho scoperto che mangiare poco, nemmeno aiuta, perché il mio metabolismo si abitua ad assimilare una certa quantità di cibo, e finirei per ingrassare il triplo neanche in 10 giorni, una volta smesso la dieta. Senza parlare della nausea, che inizia a venirmi una volta che mangio un po’ di piu della norma. O semplicemente, le crisi di panico che mi vengono nemmeno 10 minuti dopo aver mangiato, qualcosa che mi ero ripromessa di non toccare. Vogliamo parlare del non riuscire a dormire stesa da un lato, perché sento il grasso in eccesso sulla mia pancia? O quando mi guardo allo specchio o vorrei tanto sparire? O quei momenti in cui comprare qualche vestito diventa improvvisamente la cosa più impossibile di questo mondo? 

Non ho nemmeno più la forza di piangere. Sono stanca in tutti i sensi.

Non si può vivere in questo modo.

Non posso odiarmi per sempre, e limitarmi in ogni piccola cosa che faccio

Questa non è vita.

Eppure ho sempre pensato che un peso forma o ideale non esistesse. Che una persona può essere bella o sentirsi giusta, anche con qualche chilo di troppo . Ma io purtroppo non riesco a farlo, non ne sono in grado.

Ho così tanta paura e il presentimento che se dovessi rimanere cosi per sempre, finirei per impazzire.

Io non riesco a volermi bene così. Non ci riesco.

Provo disgusto per me stessa quotidianamente. 

Non è una bella sensazione, non lo è affatto.

(Scusate gli eventuali errori) 

Lun

21

Gen

2019

Corna lunghe...7 anni.

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

La mia è la classica storia sentita e risentita, lei (S) ama lui (A), ma lui (A) la tradisce con l'altra che a sua volta è innamorata di lui(A). Ed io non ce la faccio più, perchè in tutto ciò io sono "l'altra". 

E' iniziato tutto a Marzo 2012, io ero una ragazzina avevo solo 17 anni, mentre A ne aveva  22. Ci conosciamo ad una festa e da lì iniziamo ad uscire ogni tanto assieme, peccato che ad Agosto 2012 scopro tramite delle foto di vacanze postate sui social che è fidanzato da 5 anni con un'altra e che quando ci siamo conosciuti erano solo in un periodo di crisi. Mollo il colpo per qualche mese e lui fa lo stesso, ma a Dicembre 2012 ricompare organizzandomi una mega festa per il mio diciottesimo (e quella sera andammo a letto assieme per la prima volta). A quel punto, visto lo sbattimento che si è fatto gli credo quando mi dice che si è lasciato, ma dopo qualche mese scompare e ritorna da S.. Incazzata come una iena, io, lo cancello completamente dalla mia vita, volto pagina e conosco un ragazzo con il quale mi fidanzo per 3 anni. 

A Settembre 2015 mi succede una cosa che non auguro a nessuno, il mio ex mi alza le mani. Ci lasciamo e anche A ed S si lasciano nello stesso mese. (forse per la prima vera volta in modo ufficiale) dopo che A viene a sapere di ciò che mi è successo, mi contatta per sapere come sto e mi chiede di vederci per fare due chiacchere, io come una cretina accetto e da quel giorno iniziamo a frequentarci in modo continuativo e molto più frequente delle altre volte, trascorriamo molto tempo assieme, inizio a fermarmi da lui a domire ecc.. MA dopo qualche mese di tranquillità e presunta stabilità scopro che la ex lo tartassa di messaggi e lettere chiedendogli di riprovare ed io decido di lasciarlo andare scomparendo. Lui torna con lei ed io vedo altre persone. Lo scorso anno ci rivediamo per caso e mi racconta dei suoi nuovi progetti e di aver preso casa, così mi invita a vederla. Da quel giorno ad oggi continua il nostro rapporto da amanti. Chiunque si chiede perchè A non lasci S dato che è stracornuta, ma io sono arrivata alla conclusione che A non lascerà mai S, perche dopo 12 anni di relazione lui mi dice che è già tutto scritto, che non può ricominciare qualcosa a 29 anni, che ormai sono fidanzati in casa e le loro famiglie sono unitissime. Ma mi dice anche che lei è noiosa, troppo seriosa e sempre presa con il lavoro, poco dolce e romantica e che praticamente non fanno mai sesso. E mi chiedo come un ragazzo come A che è determinato, sempre vivace, con tanta voglia di vivere, pieno di passioni (uguali alle mie) possa stare e soprattutto accettare di stare con una che non c'entra nulla con lui? E soprattuto se sta così bene con me come dice.. perchè non trova il coraggio di lasciarla?

Lui mi ripete di continuo che io sono la ragazza perfetta, che con me è mille volte meglio ecc, ma poi rimane coon lei! preferisce davvero passare tutta la vita con una ragazza che non ama e che tradisce di continuo, piuttosto che buttare via la "certezza" che ha dall'altra parte per qualcosa di "sconosciuto" che potrei dargli io?  So che a lui pesa tanto la storie delle familie e il dover ricominciare da zero con un'altra persona... ma trovo davvero assurdo che uno determinato come lui in tutto, poi si accontenti di una relazione tiempida.(per non dire del tutto fredda). 

Io mi sento completamente incasinata, perchè sono palesemente innamorata di lui, ma ho accettato per troppo tempo di essere la sua amante ed io non voglio più essere l'amante di nessuno. O la lascia e si butta in questa cosa con me o sono costretta a malincuore a lasciarlo andare e non vederlo più ( anche se so che non riuscirò mai a voltare per davvero questa pagina), proprio perchè non mi ha mai dato la possibilità di provarci seriamente con lui, io ogni volta che mi vedrò con un altro penserò al " chissà come sarebbe stato conA" ...  

Non so che fare, sono davvero triste per questa situazione!! 

Lun

21

Gen

2019

Il limbo nero di Ozymandias

Sfogo di Avatar di OzymandiasOzymandias | Categoria: Altro

Che cosa viene dopo?

Ricordo bene lo sgomento delle tante notti insonni che turbarono la mia adolescenza.
Il MALEDETTO limbo nero! Mi ci vollero anni per sconfiggere questo apparente paradosso concettuale conciliando una volta per tutte i mei dubbi in modo credibile.

PREMESSA
Ho sempre amato la logica e il ragionamento. Non ho mai aderito alle asserzioni per partito preso.   
Trovo pace solo dalle conclusioni plausibili raggiunte attraverso passaggi chiari ed inequivocabili (un meccanismo molto simile ai teoremi e alle dimostrazioni).
Ritengo il metodo scientifico l’unico vero approccio sensato nella ricerca della verità , sebbene purtroppo io non disponga dell’istruzione necessaria a rispettarlo rigorosamente in ogni suo punto.


DA COSA NASCE IL LIMBO NERO?:
Cos’ha dato origine a quel mostro che mi ha perseguitato (più o meno) dai 13 ai 20 anni?
Nacque dalla necessità di farmi una idea del post mortem che potesse convivere con due conclusioni tutt’altro che comode alle quali all’epoca giunsi abbastanza faticosamente. Di seguito cerco di riassumerle sintetizzando i punti cardine alla base di entrambe:


1) DIO (SE ESISTE) NON PUO’ ESSERE COMPRESO NE’ IMMAGINATO
Come ormai noto, il pianeta terra rispetto al solo universo conosciuto è molto (ma molto) più piccolo di quanto lo sia un batterio rispetto a Giove. La proporzione NON rende giustizia (l’universo è in realtà molto di più) ma facciamo finta che sia sufficiente per semplicità di ragionamento/immaginazione.

- Come si può credere che un Dio in grado di creare l’intero universo somigli all’individuo di una popolazione che vive su una micro particella insignificante come la Terra? Come si può credere che abbia impiegato 7 giorni per crearla (per il resto del cosmo gli ci sono voluti triliardi di anni)? Come si può credere che esista un paradiso fatto a misura d’uomo nella quale un santo (sempre con sembianze umane) ci accoglierà per farci vivere beatamente ed in eterno? Non entro poi volutamente nel paradosso  del libero arbitrio che non può logicamente convivere con l’onniscienza, altrimenti non finisco più di scrivere.
Mi riesce molto più facile accettare cappuccetto rosso ed un lupo (magari geneticamente modificato) con il dono della parola.

- Volendo immaginare una sorta di super entità creatrice dell’universo (che nulla avrebbe a che vedere con le fantasiose, omocentriche e semplicistiche versioni propinateci dalle varie religioni) e volendolo fare attraverso l’ausilio di proporzioni approssimative, sarebbe come accettare l’idea che un micro organismo dotato al massimo di un’autocoscienza minima e primordiale potesse comprendere appieno l’anatomia di un essere umano o il progetto di una nave spaziale. Sarebbe semplicemente al di fuori delle sue limitatissime risorse cognitive. COMPLETAMENTE fuori portata.

Per gli stessi motivi Dio non può esistere così come ci viene descritto, e SE esiste non può che essere qualcosa di tremendamente enorme, complesso e fuori scala da non poter neppure sperare di figurarcelo nella nostra più fervida immaginazione.


2)QUELLA CHE CHIAMIAMO ANIMA  E’ SOLO L’EFFETTO DELLE REAZIONI FISICO/CHIMICO/BIOLOGICHE DEL CERVELLO
Tralasciando la parte fisica, che cosa siamo noi? Cosa riesce ad identificarci in modo NETTO se non le nostre sensazioni, i nostri pensieri, i nostri ricordi e la nostra sensibilità a quel che vediamo, tocchiamo e sentiamo?
Non riesco a definire l’ANIMA in modo diverso da ciò che ho appena descritto, che riassunto in una sola parola si chiama autocoscienza: La complessa consapevolezza di esistere.

Ciò detto, per quanto reputi affascinante l’idea che la nostra anima possa lasciare intatta il corpo e permanere in una non meglio specificata dimensione ultra terrena, non mi convince affatto!

Non mi convince perché SE COSI’ FOSSE dovrebbe rimanere inalterata ed insensibile a trattamenti fisico/chimici, limitandosi solo ad lasciare il nostro corpo una volta morti, ma sappiamo tutti che non è così.

Una persona sottoposta a psicofarmaci, oppure reduce da un incidente con lesioni ad una qualsiasi area cerebrale, non è più la stessa! Viene alterata irreversibilmente proprio la parte più intima che dovrebbe appunto corrispondere all’anima!  L’individuo soggetto al trauma non pensa come prima, non ragiona come prima, non percepisce le cose come prima, non ricorda neppure il passato come prima (a volte non lo ricorda affatto)…  insomma diventa a tutti gli effetti un’altra persona e la sua consapevolezza di esistere diviene via via più debole ed imperfetta quanto più grave è il danno subito.

Il fatto stesso che manipolando fisicamente/chimicamente il cervello si modifichi di pari passo l’autocoscienza per me è già quasi una dimostrazione del fatto che l’insieme delle nostre percezioni altro non è che l’articolato risultato chimico/fisico di ciò che avviene dentro al cranio (sinapsi et similia).


UNIAMO IL TEMA 1 ED IL TEMA 2
Tirando le somme, da ragazzo le conclusioni dei due temi mi facevano vivere nel terrore di un limbo, di un nulla, di vivere una breve vita seguita da un’eternità vuota.

Come avrei fatto ad immaginarmi un “dopo” accettabile? Una teoria che stesse in piedi e che andasse d’accordo con entrambi i punti???? Ci riuscii con la  “teoria dell’inesorabile continuità della vita”, a cui giunsi dopo diversi anni di paranoie.


TEORIA DELL’INESORABILE CONTINUITA’ DELLA VITA.

Io sono nato agli inizi del 1985. Come tutti noi ho ricordi più o meno vaghi a partire dal 1988 (solitamente come saprete si hanno ricordi dai 2-3 anni in su).

Tantissime persone hanno vissuto/stanno vivendo/vivranno nello stesso momento in cui sto lo sto facendo io, intersecando quindi la loro linea temporale con la mia.
Invece un numero immensamente più grande di persone non mi ha mai intersecato, sono cioè nate e morte prima che io nascessi.

Sono cresciute, hanno amato, hanno sofferto, hanno combattuto e sono morte molto prima che io venissi al mondo, e tanti di loro come me hanno passato notti insonni nella paura, nell’ansia e nel terrore di ciò che sarebbe capitato alla loro anima (al loro IO più intimo) dopo la morte.

Tutto questo loro terrore io l’ho forse percepito o sofferto? NO!  Quelli che verranno dopo di me lo percepiranno/soffriranno? NEPPURE!

Ognuno vive la propria minuscola finestra temporale senza accusare minimamente il peso dell’eternità già trascorsa. Una volta che il cervello è clinicamente morto, il complesso mix di interazioni che compone la propria anima svanisce irreversibilmente nel nulla sciogliendosi come una goccia immersa in un oceano dal quale non può più essere riestratta. MA TUTTO QUESTO NON CONTA E NON DEVE ASSOLUTAMENTE SPAVENTARCI!

Non conta perché la vita in generale (non la vita mia del signor Ozy Mario Rossi o dell’altro signor  Sergio Bianchi  ma l’autocoscienza di tutti gli esseri che stanno vivendo in quel preciso istante) permarrà in continuità e non soffrirà del vuoto precedente lasciato da altre vite (sebbene non vi sia alcun legame fisico o mentale fra le stesse).

Perché CONTINUITA’ INESORABILE mi domanderete? Il perché è ovvio provate a immaginare: cosa accadrebbe se tutte le forme di vita dell’universo si estinguessero improvvisamente? non rimarrebbe più neppure un essere senziente  in tutta l’immensità dello spazio.
Supponete a questo punto di far trascorrere un miliardo di anni, in seguito ai quali un fenomeno spontaneo facesse rinascere un primo e nuovo essere.

Il lunghissimo lasso di tempo trascorso non nuocerebbe a nessuno, proprio perché non verrebbe  PERCEPITO da nessuno. L’autocoscienza dell’ultimo individuo si spegnerebbe, ma IMMEDIATAMENTE si riaccenderebbe quella dell’altro nato un miliardo di anni dopo.
Nessuno percepirebbe/soffrirebbe il peso della pseudo eternità intercorsa , che quindi si esaurirebbe in un istante. Ecco perché parlo di INESORABILE CONTINUITA’. Perché gli eventuali buchi sarebbero inevitabilmente colmati.

CONCLUSIONE

Dopo la mia morte (IMMEDIATAMENTE dopo la mia morte) qualcun altro vivrà, qualcun altro si renderà conto di esistere e vorrà continuare ad esistere così come sarà. Devo solo accettare che quel qualcuno non sarò io e non avrà NULLA a che fare con me. D’altronde a me ha dato forse fastidio non aver nulla a che fare con i miei predecessori?

Giungere alle conclusioni di queste ultime 3 righe mi ha consentito di sconfiggere definitivamente il LIMBO NERO e vivere sereno.
Un sentito ringraziamento ai temerari che sono giunti fino a qui, e scusate come al solito per il pappardellone :- )












Lun

21

Gen

2019

Paranoia

Sfogo di Avatar di BPDBPD | Categoria: Altro

Quando il mio cuore sussulterà, con uno spillo lo metterò a tacere.

Quando il mio cuore proverà ad amare, lo terrorizzerò con tutto ciò che ne comporta.

Quando il mio cuore mi  tratterrà su un letto già caldo d'amore, lo trascinerò con me fuori dalla porta. 

Quando il mio cuore ti prenderà le mani, le lascerò scivolare via. 

Quando il mio cuore prenderà il controllo delle mie labbra, sussurandoti dolci parole, ti dirò che erano menzogne. 

Perché se mi permetti di amarti non vorrò mai lasciarti andare, potresti non respirare. 

Perché quando ti amo soffro all'idea di perderti, anche se sei a un palmo di distanza da me. 

Il mio amore è ossessione, e il mio cuore, quando è già sgonfio dei sogni iniziali, inizia a sanguinare paranoia. 

Perdonami amore, non ho mai imparato ad amare nelle giuste misure, 

E niente di quel che ho sempre fatto è mai stato misurato. 

Perdonami, ma la notte occupi ogni mio pensiero, e non mi fai dormire. 

Non fai mai dormire. 

Dom

20

Gen

2019

Albo professionale

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Odio l'albo professionale e le sue rigide regole! Sono in crisi, non ho raggiunto il numero adeguato di crediti.. e tra soli 2 mesi scade l'anno! :( 

 Il punto è che sto frequentando un corso impegnativo (anche economicamente) ma del quale mi verranno riconosciuti i crediti solo a ottobre 2019 :( 

 :/ sono amareggiata/confusa/in ansia

 

 

Tags: lavoro, studio

Dom

20

Gen

2019

Pezzo di merda fumante

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Sei un brutto coglione, non hai voglia di fare un cazzo in vita tua ti sta solo bene di venire qua a comandare e fare finta che non hai tempo perché se impegnato. Ma sparisci! E se la smetti di metterci i bastoni tra le ruote è anche meglio, perché a differenza tua che non sai fare una sega io ho la metà dei tuoi anni ma qua in mezzo ci sono nato e so benissimo quali sono le cose fondamentali di questo lavoro... Se tu dovessi stare qui al mio posto saresti malato assenteista 3/4 del mese e ti nasconderesti nei buchi per non lavorare... Il merda! E poi viene lì a cagare il cazzo a tutti perché secondo lui avrebbe fatto così o cosa, ma nessuno l'ha mai visto lavorare 10 minuti in fila. Ciao coglione, ci vediamo al capolinea. Vai pure a fare lo spavaldo per farti notare quando c'è il direttore, vai a farti leccare il culo dal tuo cockerino, vai a farti i pompini da solo nascosto in uno sgabuzzo, ma lungi dai miei occhi. Non mi servi, non mi intralciare. Falso, bugiardo, doppiogiochista mentalmente instabile a cui piace sfogarsi esercitando 'potere' sugli altri. Ricordati che è perché qualcuno ti ha voluto mettere sul trono, ma ce ne stanno altri 100 che ti bagnano il naso, quando abbai perché non ti va bene come è stata fatta una cosa è soltanto perché rosichi che non l'hanno fatta come volevi fare nella tua testa bacata e l'hanno fatta meglio. Non sai stare con la gente, sei maleducato oltre ogni limite. 

Stammi alla larga, falso. Adios merda!

Dom

20

Gen

2019

Il mondo รจ delle donne

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Tutto il mondo gira attorno alle donne, vi siete accorti che sono loro che conducono il gioco? E i maschi lì a sbavare e a farsi comandare e infinocchiare da loro, che coglioni!  Loro bacchettano, danno ordini, fanno e disfanno e gli uomini come agnellini addestrati a soddisfare ogni loro desiderio e capriccio. Ma datevi na svegliata e aprite gli occhi, cognonazzi, che quando si staranno stufate vi daranno il benservito. Sono esseri instabili, volubili, incoerenti, viziate, isteriche e colleriche e gli uomini solo un termine: coglioni.

Dom

20

Gen

2019

Quelli che ti chiamano 'la signorina con la puzza al naso'

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

HA - HA - HA

Io sono quella frivola, che si smalta le unghie, che si preoccupa se gli puzzano i capelli di fritto, che sta sempre chiusa in bagno a farsi la doccia...

Per ANNI quella simpaticona di mia madre mi ha chiamato 'signorina con la puzza sotto al naso'.

Ma oggi la mega-conferma: ero di passaggio, e presa da uno slancio di lavanderia, carico una lavatrice di panni di mio padre e mio fratello (uomini rozzi e puzzolenti) stracci umidi che stavano da mesi nel cesto dei panni e quant'altro..

Con le mie 'manine smaltate' tocco calze puzzolenti di formaggio e mutande sporche, mentre lei schifata sta lì a guardare. 

L'altro giorno ho spazzato attorno al water ed è chiaro che nessuno lì dietro ci mette mai mano.

In quella casa son deficienti? Possibile che nessuno ci tiene a spazzare ogni tanto? E soprattutto: possibile che una donna si schifi a pulire il suo stesso bagno?? Che fai, pisci in piedi a casa tua?

Roba da pazzi. La signorina schizzinosa, quella a cui fa schifo tutto vi manda a fare in culo! Un bacio, zozzoni.

È proprio vero che la gente che non si lava è proprio la più schizzinosa in fatto di pulizie e lavori.  

Tags: lordi

Dom

20

Gen

2019

Lo sono tutte

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Buongiorno sfogaroli&sfogarole sono qui a sfogarmi sull'ovvio, ovvero che le donne sono TUTTE troye, a cominciare da quella che ti ha messo al mondo, a finire da quelle cge eventualmente metterai al mondo te (non è il mio caso, piuttosto che metter dei figli in questo ingiusto bellissimo mondo di merda piuttosto me lo taglio) e in 42 anni sono sempre stato coerente e lo sarò anche in futuro. Un attimo che saluto mia mamma: Ciao Troyone ๐Ÿ‘‹๐Ÿ‘‹ dal tuo amatissimo Figlio di Troya ๐Ÿ˜‰

E proprio quando pensi di aver conosciuto una accezione è proprio la volta che conferma la regola. Sono un po' incaxxato, ma neanche troppo, del resto ho capito da tempo come gira il mondo, al netto dell'idealismo giovanile, è solo l'ennesima conferma. Regola base per saper vivere non ti aspettare MAI nulla dal prossimo, tutti agiscono per tornaconto; conta solo su te stesso e le tue forze, tanto a cavartela tocca a te così come dovranno fare gli altri e che si scazzino tutti: ognuno per se e dio per tutti. Personalmente non calpesto i deboli anche se lo potrei benissimo fare, ma non sono un bastardo dentro, anzi aldila' da quello che può sembrare sono di buon cuore e dai nobili valori (proprio per questo le mie reazioni sono proporzionate al marcio che c'è in giro, ma direzionate proprio verso i bastardi dall'ego deviato). Ecco sincero si e nella vita non ho mai leccato il culo a nessuno e mai lo faro'. Mi sono preso il lusso di mandare a fare in culo gentaglia come sgarbi la meloni in parte salvini (del resto per far politica a tali livelli devi essere un figlio di puttana). Stavo diventando un personaggio pubblico ma ho fatto due passi indietro, proprio perché il culo non lo lecco a NESSUNO; nemmeno al papa, anzi lui mi fa schifo anche vederlo a centinaia di metri di distanza e così via. Tanto mi passa a breve, mo' mi accendo una succulenta cannetta e dopo aver pulito casa vado a spasso per il verde con i miei amatissimi cani, gli unici esseri dei quali mi fido, ma il maschio perché ho anche due femmine e sono troyette pure liro, invece Trip il maschietto darebbe la vita per me e io per lui. Sarei in grado di uccidere solo per difendere loro. Pensate che mi capito' un affare da decine di milioni di euro, ma per assicurarselo c'era da accoppare e far sparire uno spocchioso e viziato figlio di papa' arrogante che non vi dico che non aveva mai lavorato in giorno in vita sua e girava in Ferrari caricando luride vakke (iperTroye) e sbefeggiando quelli che lui chiamava comunisti invidiosi (ovvero gente normale con valori e nin schiavi della ricchezza come lui e la sua putrida famiglia). Oh sinceramente la voglia di fargli la pelle e sotterarlo in un bosco mi era venuta, più per giustizia sociale che non per inculargli 20 milioni di euro. Tanto al sottoscritto della ricchezza nin frega una cippalippa, non ho bisogno del Ferrari sotto il culo o del villone a fowte dei mawmi o a cowtina per essere realizzato. A me basta il mio furgone un bello scenario naturalista i miei cani la compagnia giusta una cannetta e del buon cibo per essere felice, oh poi magari una succulenta infilzata, a questo non è prioritario...e per finire in bellezza questa domenica  20 gennaio stasera me ne vado a professioniste, probabilmente l'unica categoria di donne sincere nella loro svelta di vita, 100 eurini per una cosa tranquilla, 150 per il menu' completo; di più non sgancio perché non sarebbe etico e non voglio inflazionare il mercato. 

Non mi firmo tanto già sapete, solitamente commento, oggi avevo voglia di sfogarmi anche io ๐Ÿ˜ช 

« Prec Succ » 1 2 3 4 5 101 ...201 ...301 ...401 ...501 ...601 ...701 ...801 ...901 ...1001 ...1101 ...1201 ...1301 ...1401 ...1501 ...1525

Iscriviti!

Iscriviti
Iscriviti e potrai aggiungere commenti senza attendere approvazioni, votare gli sfoghi e gestire i tuoi post ed il tuo profilo senza limitazioni.
Clicca qui per aggiungerti