Altro

Sfoghi: (Pag. 298)

Dom

10

Feb

2019

Smettila di insistere!

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Porca miseria, se mi chiedi di fare sesso una volta e ti dico che non mi va (perché reduce da un viaggio di quasi 6 ore e poi perché tuo padre gira per casa e non mi sento a mio agio) e ti offendi non parlandomi più e poi me lo richiedi dopo 3 ore, cosa ti aspetti che ti risponda? NO. Sono tre settimane che non ci vediamo e mi accogli già incazzato perché hai voglia (in tutto ciò la prima settimana di lontananza è andata bene, mentre le ultime due sono state pesantissime perché tu mi rispondevi malissimo a causa della tua voglia), in più mi devo sempre sentire questo tuo fiato sul collo per andare a letto..e basta! Lo capisco che tu abbia delle necessità ecc, ma continuare a pressarmi per poi arrabbiarti e trattarmi male non fa altro che innervosirmi di più. Che cazzo, basta. E si che te lo dico sempre..ma a quanto pare ormai pensi solo con quello. 

È triste quando sei consapevole che una coccola abbia solo il fine ultimo del sesso. Sono stanca. Per di più lui già sa che non riesco a vivermi il sesso in modo totalmente sereno e che, in generale, io sento questo bisogno molto meno spesso. In più, devo sentirmi totalmente tranquilla e, per dire, non può pensare che io possa esserlo sapendo che magari ci sono dei suoi parenti in giro per casa nel mentre. Mi sento molto in colpa per questo, so che gli sto facendo mancare una parte importante della coppia (non è che non lo si fa mai, eh, però lo si fa molto meno di quanto lui vorrebbe) e ho anche provato a stringere i denti e a farlo lo stesso nonostante non volessi, ma è orribile, non ce la faccio (e poi lui se ne accorge e ci resta male). Non so perché io stia così, non è sempre stato così. Ho sempre avuto dei problemi in merito, ma almeno la frequenza era "normale". Ho il sospetto che sia un mix di disagio psicologico, stress e pillola anticoncezionale (da quando ho iniziato ad assumerla la mia libido è calata molto)..certo è che il suo comportamento non aiuta. È difficile anche per me, non solo per lui.

Dom

10

Feb

2019

Ogni volta la stessa storia

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Ma è possibile che ogni volta che ho una storia di sesso senza nessun secondo fine debba scadere nel sentimento?

Ho l’infatuazione facile e non vorrei... qualche soluzione?... antibiotici specifici? 

Dom

10

Feb

2019

A volte dimentichiamo...

Sfogo di Avatar di ConfusissimaConfusissima | Categoria: Altro

Incontrare la vicina di casa di una vita che ti dice quanto la tua mamma sia innamorata del tuo papà, di quanto sia una donna speciale, “una maestra di vita” ha detto, ti fa sentire calda, fortunata, fiera. 

Iniziare la domenica, aspettando sia pronto il nostro caffè domenicale,  con “portami a ballare”, avvinghiati alla propria mamma, sentirla morbida e scricciola al contempo, odorare quanto di più forte ti faccia pensare a “casa”, riempirla di baci e sussurrarle sul collo “ti amo!”, sentirla ridere delicatamente, guardare i suoi occhi e trovarli lucidi di felicità... 

ma cazzo, queste sono soddisfazioni!  

Dom

10

Feb

2019

C'È CHI DICE MAH...

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

In periferia fa molto caldo
Mamma stai tranquilla sto arrivando
Te la prenderai per un bugiardo
Ti sembrava amore era altro
Beve champagne sotto Ramadan
Alla TV danno Jackie Chan
Fuma narghilè mi chiede come va
Mi chiede come va come va come va
Sai già come va come va come va
Penso più veloce per capire se domani tu mi fregherai
Non ho tempo per chiarire perché solo ora so cosa sei
È difficile stare al mondo quando perdi l’orgoglio lasci casa in un giorno
Tu dimmi se
Pensavi solo ai soldi soldi
Come se avessi avuto soldi
Dimmi se ti manco o te ne fotti
Mi chiedevi come va come va come va
Adesso come va come va come va
Ciò che devi dire non l’hai detto
Tradire è una pallottola nel petto
Prendi tutta la tua carità
Menti a casa ma lo sai che lo sa
Su una sedia lei mi chiederà
Mi chiede come va come va come va
Sai già come va come va come va
Penso più veloce per capire se domani tu mi fregherai
Non ho tempo per chiarire perché solo ora so cosa sei
È difficile stare al mondo
Quando perdi l’orgoglio
Ho capito in un secondo che tu da me
Volevi solo soldi
Come se avessi avuto soldi
Prima mi parlavi fino a tardi
Mi chiedevi come va come va come va
Adesso come va come va come va
Waladi waladi habibi ta’aleena
Mi dicevi giocando giocando con aria fiera
Waladi waladi habibi sembrava vera
La voglia la voglia di tornare come prima
Io da te non ho voluto soldi…
È difficile stare al mondo
Quando perdi l’orgoglio
Lasci casa in un giorno
Tu dimmi se
Volevi solo soldi soldi
Come se avessi avuto soldi
Lasci la città ma nessuno lo sa
Ieri eri qua ora dove sei papà
Mi chiedi come va come va come va
Sai già come va come va come va

 

 

Sembra il testo di uno sfogo come ce ne sono molti qui su Sfoghiamoci. Non posso e non  voglio fare nomi, ma ascoltando e leggendo il testo della canzone di Mahmood, vincitrice dell'ultimo festival, ho rivisto parecchi dei miei compagni di viaggio in questo sito e cosi, pare logico, l'ho sentita più vera. 

A me piace sta canzone, e molto. Alla faccia dell'uomo in divise.  Ha fatto bene la sua ex a tweettare 

«L'incontro di culture diverse genera bellezza». 

Bravo Mahmood, continua così, alla facciazza Loro. 

Dom

10

Feb

2019

In apnea

Sfogo di Avatar di RevyRevy | Categoria: Altro

Ti voglio bene, te l'ho detto appena l'altra sera, da che mi ricordo mi sono sempre presa cura di te. I ricoveri, le terapie, i mesi interminabili pieni di angoscia, a pensare cosa ne sarebbe stato di noi. Ti saresti ripresa, saresti uscita dai deliri, le allucinazioni che ti perseguitano, sarebbero scomparse? Mi avresti finalmente riconosciuta? Ti saresti ricordata chi sei? In quei momenti diventi un estranea, il tuo viso si trasforma e anche il tuo corpo subisce una metamorfosi, come se fossi posseduta da un'entità aliena. Parli in modo sconnesso, veloce, gli occhi si dilatano e la mente si riempie di mostri. In quei momenti io ti odio, vorrei con tutta me stessa che non fossi mai nata. Il solo vederti così mi riempie di autentico terrore, paura, per quello che potresti ancora fare e allora mi metto a fantasticare di come sarebbe stata a mia vita, di come sarebbe stato tutto più facile; di come adesso che il mio lavoro mi consuma, avrei potuto accettare il trasferimento a Milano, ricominciando da me, a respirare di nuovo. Perché io vivo in apnea, alla costante ricerca di una boccata d'aria, di una via d'uscita.  Ma poi mi sveglio e tu sei sempre li. Passano i giorni, i mesi, gli anni e tu sei sempre li… e come una febbre, il delirio si placa, i farmaci riprendono a scorrere nel tuo sangue e nel tuo cervello e sei di nuovo tu. Le voci nella tua testa si zittiscono e tuoi occhi spaventati, si riempiono di dolore. Di solito non ricordi molto, la ricaduta è come una discesa all'inferno, capace di renderti imprevedibile, pericolosa, di farti perdere, e la risalita negli anni si è dimostrata sempre più difficile, ma sei di nuovo tu. Dolce e gentile, piccola e indifesa e il tuo sorriso mi fa male. Allora l'odio sparisce e nasce di nuovo il desiderio prepotente di proteggerti. So che non posso salvarti, il male che ti affligge è come un cancro, ma il tuo non uccide fa qualcosa di molto peggio, ti fa dimenticare chi sei e consuma chi ti vuole bene. Sapessi come sono stanca, sento esplodere le bombe intornoa a me e il mio cuore si chiede se prima o poi colpiranno. Ma tu mi guardi e mi sorridi e siamo di nuovo sorelle, e io non posso lasciarti andare.

Dom

10

Feb

2019

Mentalità chiusa

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Da qualche anno ,mi sono trasferita in una città del centro sud.Il posto è carino ma non ho più pazienza.La mentalità è davvero troppo chiusa,la gente pensa solo ai vestiti,alle macchine costose,alle cene nei ristoranti alla moda ,al matrimonio in grande e a tante altre cavolate.Premetto che ho un compagno ,,vengo sempre vista come "strana" perché non sono sposata e perché mi piace avere delle amiche con cui uscire ! :" il fidanzato ti fa uscire? Non è geloso?:" all'inizio queste cose mi facevano ridere,adesso mi provocano rabbia.Sono una donna ,se voglio uscire esco ,lo stesso vale anche per il mio compagno.I miei genitori ,mi hanno fatto fare tante cose fin da quando ero piccola ,a 15 anni ho avuto il motorino ,gli amici,la discoteca ,mi sono sempre vestita come ho voluto,mi hanno sempre detto che per loro avere una figlia femmina o maschio non faceva differenza ,che l'indipendenza è una cosa importante nella vita di ogni individuo .....e a 33 mi devo sentire dire da sconosciuti :" il fidanzato ti fa mettere la gonna?:"

Addirittura mi sono sentita dire :"perché lavori? ,ci pensa l'uomo ,la donna resta a casa a fare la casalinga!:"credevo che fosse uno scherzo!e ancora:"il tuo compagno cucina ,lava e stira ?! Allora non sei da sposare....:"

Sono davvero stanca di tutto questo! Poi, non hanno un minimo di senso critico,non sanno confrontarsi ....questa regione è la migliore,solo loro tengono alla famiglia , i loro vini sono i più buoni,la loro cucina non si batte ..come cucina la loro mamma !

Ho provato più volte ( con tanta calma) a dire che tutte le regioni italiane sono belle ,la maggior parte delle famiglie sono unite,in Italia si mangia bene ovunque.....niente da fare ! Una lotta contro i mulini a vento...

Per non parlare del mondo del lavoro! La gente di questa città non ha voglia di far nulla ,il mio capo uno scaricabarile di quelli! Il mio impegno nel lavoro viene pure giudicato male! :" ma cosa te ne frega? Ci penserà tizio!..:"

La chicca? Tanto parlano di famiglia unita ,poi si sposano solo per le buste!

Adesso cercherò di resistere ,mi impegnerò nel lavoro ,perché è molto importante ,cercherò di curare i rapporti con le amicizie(sono normali) e poi torneremo a casa nostra .

Chi glielo spiega a questa ridente città del sud  ,che anche nella regione dove sono nata c'è il mare,la montagna  e il vino buono?

E soprattutto la gente ha voglia di lavorare 

Grazie per lo sfogo!😇 

Dom

10

Feb

2019

Ho bisogno di un consiglio

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Se parlando di lavoro con un amico, esso si vanta che ha lavorato più di voi e alla richiesta di esser lasciato perdere dopo essersi sentiti un attimo puntati dall'ego del vostro amico, esso continua la sua linea ferrea di dover affermare che ha avuto una vita  più difficile della vostra e addirittura arriva a provocarvi in certi atteggiamenti che avete di voi sbagliati, tipo, arrivare da una famiglia disagiata che risolve ogni cosa con l'ignoranza, alzare e le mani ecc. Ma nonostante tutto, cercate di trattenervi... Che amico è? Vero o falso? Possibile che cercavo un momento di comprensione, l'unico dopo anni passati ad ascoltarlo ed a compatirlo.. E dopo vi tira pure fuori la favola del  'lo faccio x ol tuo bene'...che amico è  ... Lo chiameresti amico? O addirittura '' fratello''!?? Che invece di capirvi continua nella sua linea appunto, imprescindibile, dove non comprende che stai passando un periodo difficile e vi rinfaccia che avete atteggiamenti nervosi (per forza, per via di un periodo difficile..) 

Io so per certo che non è un vero amico e vuole solo imporsi nella sua ragione, ma io mi chiedo.. Non posso avere un momento di comprensione, nella mia cazzo di vita?? Ho bisogno di sapere cosa ne pensate. Tutto è nato dal fatto che passo un momento stra difficile e colui si deve vantare, sbagliando proprio atteggiamenti che vi possono irritare.. 

Vi prego é importante perché mi sento giusto ma allo stesso tempo mi fa passare x sbagliato . 

Ma che amico è ?? 

Sab

09

Feb

2019

Istinto , quando seguirlo

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

A voi capita mai di aver una lampadina che lampeggia nel cervello e vi avverte di fare attenzione,di non fidarvi?

E quando capita,seguite l'istinto?

 

Sab

09

Feb

2019

La coscienza della giustizia

Sfogo di Avatar di OzymandiasOzymandias | Categoria: Altro

Non ti ho mai visto, non ti ho mai conosciuto, le nostre vite non si sono intersecate e non potranno mai farlo proprio a causa degli eventi che hanno portato il mio pensiero su di te.Sono qui a fare i conti con un malessere che torna a farmi visita ad intervalli regolari dal momento in cui ho letto, in cui ho saputo.


E' stato un fulmine a ciel sereno dall'effetto inizialmente sottovalutato, poi via via crescente sino ad insinuarsi nella mia testa come fosse un'ossessione.In questi giorni mi sono ritrovato a pensarti, ho immaginato i tuoi occhi curiosi e avidi di scoprire il mondo,i tuoi sorrisi e i tuoi sguardi specchio dell'innocenza e della purezza che in alcun modo potevano ancora esser state scalfite.


Un pensiero fugace mi sfiora spontaneamente ogni volta che torno a casa e abbraccio il mio bimbo, lo accarezzo e mi fermo ad osservare i suoi piccoli e continui progressi con un amore che mai avrei immaginato provare.Mentre osservo i suoi primi passi nel lungo e difficile percorso della  vita riesco a stento a trattenere le lacrime, pensando che eri proprio come lui quando sei stato portato via da quello che riesco a definire solo come il folle operato del male assoluto.


Mi piace pensare che esista un posto in cielo dove tutte le anime innocenti come la tua possano gioire in eterno di  tutto ciò che è stato loro sottratto ingiustamente e prematuramente. Purtroppo però non ho mai creduto in queste cose e il pensarci  non fa altro che rendermi più triste.


Ma in tutto questo, lo shock peggiore è quello della vergona, dell'immensa vergona che provo come cittadino di un sistema del quale faccio parte. Un sistema che ritiene sia stata fatta giustizia, una giustizia priva di qualsiasi formadi coscienza.


Ciao Samuele

Sab

09

Feb

2019

Deragliatore

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

S'ode a destra uno schiocco di legno

Risponde a sinistra uno squillo d’urla vere

Una sequela di porchi si eleva nell'aere

fendendo il silenzio senza ritegno


Ma sozza di quella troia, porco impestato

vacca d'un boia da sfiga colpito

Rimaner nel mezzo del bosco appiedato



Tutto parea d'idillio il destino del viaggio

Eppur il fato con stronzo zampino

Infilò nel meccanico cambio

Un legno bastardo e assassino


Mesto il ritorno con bici alla mano

Spingente nel lungo sentiero

L'umore imprecante il nero più nero


Or ora al cavalier disarcionato

Tocca di attender ancor

Il meccanico arcion riparato

Per sfogare il proprio ardor

non più sfanculato


Fancul

« Prec Succ » 1 ...101 ...201 ...295 296 297 298 299 300 301 401 ...501 ...601 ...701 ...801 ...901 ...1001 ...1101 ...1201 ...1301 ...1401 ...1501 ...1601 ...1701 ...1801 ...1838

Iscriviti!

Iscriviti
Iscriviti e potrai aggiungere commenti senza attendere approvazioni, votare gli sfoghi e gestire i tuoi post ed il tuo profilo senza limitazioni.
Clicca qui per aggiungerti