Invidia

Sfoghi più votati:

Sfoghi: (Pag. 1)

Dom

18

Giu

2017

Mai una gioia.

Sfogo di Avatar di BluepurpleBluepurple | Categoria: Invidia

 Mi manda l'amicizia su facebook, gliela accetto e lui elogia ruffianamente le mie foto. Il solito coglione, penso.

E invece no, piano piano mi prende, c'è dell'interesse e vorrei incontrarlo, ma c'è un piccolo problema: abita in un altro stato. Comincia così la nostra relazione virtuale, che involontariamente accetto, mio malgrado, nella speranza di ottenere prima o poi qualcosa di concreto.Dopo tre mesi scopro che è fidanzato, che il profilo che conosco io è falso e giustamente metto in dubbio ogni parola. Lui chiede perdono dicendo che all'inizio era solo un gioco, cercava solo del sexting, cosa che per altro ha trovato, ma con il tempo tutto è cambiato, che mi ama e ci tiene a me. Gli chiedo se ama quella ragazza e dice sì, di non dirle nulla, ma lo stesso vuole continuare questa cosa. Io accetto perché sono veramente presa da lui. 

Alle mie molteplici richieste di vederlo, dice che piacerebbe anche a lui ma che sarebbe un casino eppure tante volte si è trovato vicinissimo a me. Io nel frattempo frequentavo altre persone e quando glielo dicevo diventava furioso come se lui non facesse peggio. 

Io sto impazzendo, non posso continuare così ma non posso andare avanti senza di lui. Io so che preferisce lei perché scegliere me sarebbe un rischio, dovrebbe uscire dalla sua confort-zone e lui non ha le palle di farlo.

Sono stata una fessa a lasciarmi trascinare in questa cosa ma ormai ci sono dentro e non so più come uscirne, come uscirne senza di lui. 

Dom

18

Giu

2017

Alla ricerca di Boh

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Invidia

Mi piace una ragazza che probabilmente non mi ha mai calcolato. Non ci ho mai neppure parlato e non so neanche quanto io gli possa andare a genio. Non so come sia stato possibile e non ho spiegazioni logiche. So solo che se riuscissi a baciarla sarei almeno 10 volte piú felice di ora. So che sei fidanzata ma non mi pento di quello che provo. Non posso farci proprio niente.

Gio

08

Giu

2017

È possibile che un sentimento negativo come l'invidia sia “contagioso”?

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Invidia

Mi ispiro a un precedente post che descriveva una situazione quasi identica alla mia. Ho un'amica fidanzata da 5 anni ma la sua relazione non è mai stata tutta rose e fiori. Il problema alla base del loro rapporto è l'incompatibilità: vengono da status sociali/economici molto diversi, frequentano persone diverse (in particolare a lei non piacciono i suoi amici), lei ama i viaggi, l’arte e la cultura, mentre in quanto a lui, per quanto sia incredibilmente colto, i suoi principali interessi sono i videogiochi, i motori e fare carriera. Per i primi due anni di relazione lei mi ha fatto una testa così, lamentandosi quasi quotidianamente di questo rapporto instabile fin dai suoi albori, ma trovava poi sempre l’occasione per vantarsi dei regali (fiori, cioccolatini ecc.) che lui le faceva una volta che facevano pace (il che mi infastidiva anche perché all’epoca ero single e non era molto piacevole vedersi sbattere in faccia le foto dei fiori e dei cioccolatini come una bambinetta). Fino a circa tre anni fa il ciclo era questo: litigavano, lei mi chiamava in suo soccorso, la ascoltavo, ma poi buttava all’aria i miei consigli e dopo due giorni li vedevo felici e contenti mano nella mano come se nulla fosse successo per poi arrivare all’ennesimo litigio in cui lei tornava a lamentarsi, più forte di prima, come se si dovessero lasciare da un momento all’altro facendola terribilmente tragica. In questi ultimi anni invece la situazione è simile, ma capita con meno frequenza: resta zitta per mesi e mesi, come se le cose tra loro stessero migliorando ma poi esplode improvvisamente dopo un periodo in cui fa credere a tutti che fra loro vada alla grande, elencando tutte le cose che non le vanno bene di lui e del rapporto in generale. In tutto questo io sono sempre disponibile e cerco di darle i soliti consigli (“se vuoi risolvere parlaci, altrimenti prenditi del tempo per capire se vuoi continuare”; “ma sei sicura di essere felice con questa persona? Non puoi lamentarti ancora delle solite storie dopo anni che sai che è così!”), solo che lei proprio non mi ascolta mai e addirittura continua a fare il giochetto di sbandierare a tutti che sono felici e contenti appena fanno pace, come per dire: "Visto che stiamo bene insieme? Ricredetevi tutti!". Io proprio non capisco. Ho notato tra l’altro che ha smesso di confidarsi con frequenza proprio nel periodo in cui mi sono fidanzata io. Con altre mie amiche abbiamo ipotizzato che questo cambio di atteggiamento da parte sua derivi dal fatto che lei si è resa conto che fortunatamente ho una relazione serena e che quindi pensa: “Lei non ha nessun dramma da confidarmi, allora io non le dico più i miei sennò sembrerei una scema”. Come se provasse una sorta di invidia… Le poche volte che le ho detto qualcosa sul mio ragazzo lei se ne usciva con battute strane, una volta ha detto: "Ah questo *nome del ragazzo* non l'ha mai fatto!", come se stesse facendo confronti che nessuno le aveva chiesto, se non un parere obbiettivo su un'incomprensione che avevo poi risolto tranquillamente col diretto interessato. Questa teoria ha trovato poi delle conferme quando alla mia laurea non mi ha manco chiesto di farci una foto io e lei da sole, si è congratulata ma è rimasta un po’ in disparte e la sera stessa mi ha comunicato che probabilmente non sarebbe venuta alla festa a causa di problemi col fidanzato (e alla festa mancava ancora una settimana). L’ho consolata e ascoltata ma alla festa non ci ha messo piede, manco per un saluto! Io sono buona e ho incassato episodi tipo questo, il problema è che è da diverso tempo che sto combattendo con un’emozione strana: mi dà fastidio quando sbandiera la loro “felicità” (metto tra virgolette perché proprio non lo so se sono effettivamente felici). Mi dà fastidio che questa ragazza abbia risucchiato tutte le mie energie per questi anni, per poi vedere che in fin dei conti tanto male non sta. Per cui mi ritrovo nella situazione in cui da buona amica le do i consigli nel momento del bisogno, perché una parte di me non vorrebbe vederla triste perché ha litigato o si è lasciata col ragazzo (ho contato che hanno fatto almeno 3 tira e molla nell’arco di un anno e mezzo, rimettendosi sempre dopo 7-10 giorni). Allo stesso tempo, quando vedo che lei poi fa finta di niente come se non avesse mai litigato con lui, provo un fastidio enorme, una parte di me vorrebbe che si lasciassero davvero in modo da non essere più coinvolta. Provo fastidio e rabbia allo stesso tempo perché penso: ma una persona veramente disperata cosa fa? Prende una decisione e molla il fidanzato che non sopporta più! Invece quando li vedo tornare assieme dopo le loro tragedie greche mi viene quasi la nausea, è come guardare una commediola di adolescenti americani nel corpo di due adulti over 20! Ho pensato che mi abbia contagiato questo sentimento di invidia e che quindi quando li vedo “felici” non riesco a sopportarlo. Però allo stesso tempo sento che è più un fastidio irrazionale che invidia perché io sono felice con me stessa e con le persone che mi circondano, lei invece mi provoca questo malessere che non sto nemmeno riuscendo a spiegare. Voi cosa mi suggerite di fare?

Mar

06

Giu

2017

Sì lo sono.

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Invidia

Sono invidiosa di questa mia lontana parente. Siamo praticamente coetanee ma c'è una grande differenza tra noi. Il curriculum.

Io, uscita dalla scuola mi sono messa subito a lavorare e da 13 anni (grazie a Dio) ho sempre lo stesso lavoro. Ho fatto gavetta, esperienza. Sono partita quasi dal nulla e negli anni mi sono formata e ho imparato a destreggiarmi nel mio settore. Diciamo quindi che ho fatto esperienza sul campo. Provengo però da un lato della famiglia che, purtroppo, non ha grandi disponibilità economiche... anzi. 

Lei ha fatto l'università, ora il master e intanto slavoricchia o fa tirocinii. L'altro giorno ci confrontavamo e mi ha fatto leggere il suo CV chiedendomi se per me era compilato bene... sono impallidita. Ha un CV che è infinito. Stage, corsi, tirocinii, Convegni... praticamente uno al mese. A pagamento e non. Corsi da 200 euro a partecipazione o più. Sono impallidita. Sono contenta per lei che ha un Curriculum lunghissimo e pienissimo e quindi non farà fatica essendo così qualificata a trovare un impiego però poi ho pensato: e io? Io avrei voluto tanto in questi anni fare corsi di approfondimento ma anche solo spendere 150 euro per un corso mi pesano sul bilancio. Vivo da sola, ho n. 1000 spese al mese ed è già molto se arrivo a fine mese con i soldi contati in banca per mangiare una pizza. Anche volessi come faccio? Chiedere un prestito ai miei non me la sento... anche loro sono messi come me. Mi fa rabbia questa cosa. Anche io vorrei o avrei voluto fare corsi di aggiornamento, prendere diplomi, attestati, avere tempo per girare tra un convegno nel nord italia e uno nel centro ma non sono riuscita o almeno anche ora non riesco! Premetto che siamo in due ambienti differenti: lei medico io pubblicitario... però la sostanza è quella. Mi sono sentita e mi sento inferiore. Lei ha un cv della Madonna e se si guarda il mio ci sono scritte 3 cose ma perché poi ho sempre e solo lavorato in questa Azienda e: non ho corsi di inglese o altro da poter inserire. Praticamente io ho "solo" lavorato tutti questi anni e sì mi rode il c*lo perché messi a confronto io sembra non abbia fatto un cazzo tutti questi anni.

Lun

29

Mag

2017

Idiota egocentrica

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Invidia

Non parliamo la stessa lingua, ma è facile capire quando non c'è feeling e le sensazioni non mentono. Ho sempre avuto incubi bruttissimi su di lei. Mio marito è molto attaccato a lei ed è questo che mi preoccupa. Quando lui ha deciso di sposarmi lei gli ha detto "secondo me fai un errore" cercando di portarmelo via, ma non c'è riuscita...ci proverà...ancora...gioirebbe se sapesse che ci siamo lasciati...e a me verrebbe voglia di farlo! Solo per colpa sua...se penso a dei figli con il mio lui mi viene paura che ci sia lei dietro...io i miei figli non glieli farei neanche toccare!

Gio

25

Mag

2017

Non sopporto più la mia migliore amica

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Invidia

È da un po' di tempo che inizio a non sopportarla più. Io e lei ci conosciamo da 2 anni e siamo "migliori amiche" pressappoco da un anno, diciamo da quando lo ha detto lei di esserlo. Partirei col fatto che due amiche sarebbero "del cuore" quando si dicono tutto, si confessano i segreti, escono insieme, ma soprattutto si vogliono bene dimostrandolo con i fatti , e non con le parole come lei è solita fare: sa solo inviarmi trentamila cuori su WhatsApp e scrivermi-amore sei la mia best- mentre io desidero solo che sia più presente. La vedo quasi tutti i giorni ad atletica e quando stiamo insieme sa solo avvinghiarsi a me come una scimmia e ripetere che tutti i ragazzi la fissano come i maniaci; certo passo dei momenti molto divertenti, ma quando sta con me vorrei che mi confidasse tutto, ogni minima scemenza della sua giornata, insomma che io sia il suo punto di riferimento. Ma in realtà non lo sono, siamo migliori amiche teoricamente ma non praticamente: addirittura ha annunciato il suo fidanzamento con il suo ex sul gruppo dell'atletica su WhatsApp senza consultarmi per prima e senza parlarmi dei suoi sentimenti riaccesi...scherziamo? Inoltre non la vedo mai interessata a ciò che le racconto io, e devo sudare sette camicie per farle uscire qualche dettaglio in più dalla sua bocca. Per me siamo solo amiche strette( addirittura non conosco i suoi gusti musicali) ma nonostante per lei io sia la sua "best", so che le voglio più bene io che lei a me. Forse pretendo troppo? Non lo so, ma non è principalmente per questo che non la sopporto. Lei è bella, molto più di me, e i ragazzi in genere preferiscono lei a me. Ad atletica sta simpatica a tutti, sia maschi che femmine la adorano e non capisco cosa trovino in lei che io non ho (a parte l'aspetto fisico): forse la sua semplicità? Il suo sorriso? Il carisma sempre che esso sia? Io faccio di tutto per far ridere le mie amiche e rendermi simpatica perché è il mio modo di farmi desiderare alla gente ma evidentemente non basta se c'è lei in mezzo. Ha sempre quel qualcosa in più, quando invece per me spesso è apatica, anche maleducata e crede che il mondo giri intorno a lei. Solo il fatto che un ragazzo inizia a seguirla su Instagram crede sia interessato a lei...e si fa mille film mentali su un'occhiata da parte di uno che magari l'ha guardata per sbaglio. Questa cosa mi fa vedere nero a volte, ma io ignoro e sfoggio un mio sorriso falsissimo. Insomma lei sarebbe la mia migliore amica, e scusate di aver scritto un libro ma avevo bisogno di verbalizzare i miei pensieri. Comunque abbiamo entrambe 15 anni.

Gio

25

Mag

2017

Sei proprio una poveretta!!!

Sfogo di Avatar di JakyJaky | Categoria: Invidia

Ieri vi ho raccontato del nell'ambiente dove lavoro...oggi ho scoperto che una delle mie colleghe mi frega le vendite...ma si può ? Hai 40 anni da almeno 10 lavori in questa azienda e sei così poveretta dentro e così incapace che freghi i contratti all'ultima arrivata?? Io li per li non le ho detto nulla perché mi ha fatto un po' pena...e lei ha capito di farmi pena e penso che sia la cosa peggiore... Cmq mi rompe costantemente i coglioni per tutto,poi quando è di turno lei le mie mail spariscono... magicamente...ma io posso trovarmi a 30 anni a litigare con gente che ne ha più di 40 e si diverte con ste minchiate?? Io non capisco? Il problema è che sono l'ultima arrivata?oppure è perché io ho una famiglia e lei è sola come un cane? Poi ogni maledetto giorno scrive in chat di gruppo di qualche mancanza o dimenticanza mia...io di scassaminchia ne ho conosciuti...ma signori questa è devastante,in ogni caso io le odio tutte dal profondo del cuore....

Sab

06

Mag

2017

Mia cognata e l'ossessione per le persone ricche

Sfogo di Avatar di ElSolitarioElSolitario | Categoria: Invidia

Vorrei un parere da tutti voi, se possibile.

Mia cognata, 37enne,vive a Milano e da diverso tempo è single 

La sua famiglia (e di mia moglie) ha origini molto umili, che con tanti sacrifici l'hanno fatta studiare al'universita e poi fatta laureare.

Mio suocero non sarà una persona acculturata, ma lavorando in fabbrica una vita ed assieme alla buonanima di mia suocera hanno costruito due case, mandato le tre figlie a scuola ecc. ecc. naturalmente tutto questo lavorando duramente ecc ecc

Io la vedo una volta ogni due settimane , il fine settimana.

Il problema è questo: non la sopporto più . Ma in maniera tranquilla... nel senso non è di cattiva compagnia anzi, è una brava persona anche molto generosa però a volte certi ragonamenti che fa..mi fanno cadere proprio le palle.

Una volta abbiamo discusso perchè io e lei guadagnamo esattamente lo stesso stipendio (1700 euro netti).

Lei si è alterata dicendo che essendo laureata dovrebbe guadagnare di più ecc . tralasciando il fatto del titolo di studio, io comunque , e lei lo sa, ho girato mezza italia da quando ho 20 anni per il mio lavoro.

Da solo.

Ora che ne ho 29 ho accumulato una certa posizione nel mio settore e giustamente la mia azienda me ne rende conto. 

E lei no! dice che non è giusto ecc ecc...discorsi del cavolo...

Poi si è frequentata sempre con persone " particolari".

Allora..io economicamente , allo stato attuale , non sto male (non sono ricco ma vivo piu che dignitosamente). Anzi..ma , provenendo da una famiglia di lavoratori venuti dal meridione ho avuto la classica vita da ragazzo di periferia con pochi soldi ecc ecc...

Quindi frequentavo, e sono molto felice di averlo fatto, ragazzi normali come me, dove ci si faceva la colletta per comprare la coca cola e le patatine.

Lei..appena arrivata a Milano, probabilmente, io penso, abbagliata da persone di altri ceti sociali, si deve essere sentita a disagio, cosa che la portata a voler emulare queste persone.

Ma solo nelle frequentazioni.

Non ha mai avuto una relazione con persone che io ritengo normali. Quali operai, muratori, impiegati, addetti ecc....ma scegliendo persone di alto rango che se si facevano avvicinare da lei era solo per usarla come oggetto sessuale.

Quando parla dei  suoi ex ne parla come se fossero Brad Pitt,Edward Norton ecc. Ma io dico...poi che soggetti..uno più idiota dell'altro..e poi sempre a dire le stesse cose..ma quello è èieno di soldi..dovevi vedere che casa aveva..che viaggi faceva...cosa si comprava...

Poi parlava di un suo amico, ricco, e ma dovevi vederlo..che classe...che auto...che vita che fanno....  

si lamenta che non trova un'uomo. E io penso..tra me e me..ma chi ti piglia...tralasciando la bellezza, perchè bella e bella..ma trovi uno con un minimo di cervello , appena ti sente certi discorsi ti manda a quel paese.. 

Per farvi capire le differenze tra me e lei... io viaggio, anche spesso con mia moglie...ma non facciamo le foto ai piatti..non mettiamo post su post su facebook per fare "invidia"... che ce ne frega a noi :) 

 

lei tutto il contrario...mi fa una tristezza... per lei. 

Tutto qua. Non capisco perchè ci sono persone che vivono la loro vita cosi, rincorrendo persone di altri ceti sociali sperando di far parte del lroo mondo..invece di crearsi una vita normale avendone tra l altro tutte le risorse. 

 

Gio

04

Mag

2017

Nero macchiato

Sfogo di Avatar di CthulhuCthulhu | Categoria: Invidia

Premessa: chiedo scusa sia per il nick criptico sia per il titolo dello sfogo, poco esplicativo riguardo al contento ma molto (almeno per me) dello stato d'animo in cui lo scrivo. Riguardo al nick invece non posso farci molto, descrive chi e cosa sono: un dio antico, folle e malvagio per i più, ma capace di rivelare nuovi modi di guardare all'universo :P

E ora si parte.

Mi trovo a invidiare i miei amici per le loro relazioni. Chi ha già letto il mio precedente sfogo sa che io sono totalmente inesperto riguardo a qualunque tipo di rapporto diverso dall'amicizia. Questo, oltre a intristirmi, mi fa provare invidia è vergogna verso i miei amici più bravi di me, dato che fino a quando si tratta della mia personale sfera emotiva posso convincermi di stare facendo tutti gli sforzi necessari per essere "me stesso e attraente", quando guardo ai miei amici devo ammettere che sbaglio ancora qualcosa. Loro non fanno tutti questi sforzi, eppure hanno risultati incredibilmente migliori dei miei. Il problema devo allora essere io: ma cosa posso fare, se non vergognarmi di questo mio essere? Sono solo e posso incolpare solo me stesso...e non solo, ma non sono capacee di affrontare questa solitudine con maturità, ho la sensazione di avere bisogno di qualcun'altra per stare bene ed essere completo. Ora come ora mi sento emotivamente autistico, non sono in grado di mettermi in contatto con altre persone come tutti gli altri e non posso che invidiarli, dicendomi "se solo fossi anche io così..." e dubito anche dei miei fondamenti morali e della mia unicità, sono sempre stato convinto che non avrei scambiato la mia vita con quella di nessun altro, ma quando da solo mi chiedo se non lo farei per avere una relazione con un'anima gemella, non mi rispondo. Ma alla fine sono solo chiacchiere e alla fine tutto quello che resta è invidia verso i miei più cari amici e vergogna per la mia debolezza e diversità che sento addosso a me come sporcizia che macchia la mia già evidente tristezza con un veleno ancora più doloroso che mi macera il cuore e mi porta a restare sveglio a chiedermi se mai avrà tutto fine. 

Mar

02

Mag

2017

Perché?!

Sfogo di Avatar di NeverajoymaperdavveroNeverajoymaperdavvero | Categoria: Invidia

Perché c'è chi nella vita ha tutto?! E perchè  queste persone si lamentano?  Conosco questa persona che fa decisamente una bella vita, ha tutto, un buon lavoro, case di proprietà,  soldi da poter buttare o da poter utilizzare per pagare persone che svolgano  mansioni al posto suo,  si fa quasi due mesi l'anno di ferie,ha una famiglia e ha la salute  cosa più importante di tutti!  Nonostante tutto questo ha il coraggio di venire da me, che non ho neanche un quarto delle cose che ha lei, a lamentarsi! Lei lo sa e non se ne vergogna neanche. Avrei una gran voglia di dirle "ma stai zitta "  Sono invidiosa? Certo che sì chi non lo sarebbe!!  Io credo che questa persona si meriterebbe di finire con il culo per terra per provare davvero cosa vuol dire avere dei motivi per lamentarsi. 

Succ » 1 2 3 4 69
L'invidia è il peccato più difficile da ammettere, è il mostro dagli occhi verdi che ti rode dal di dentro quando un altro ottiene qualcosa.
Non per forza ciò che tu desideravi, non qualcosa che tu non hai.

Iscriviti

Iscriviti
Iscrivendoti potrai aggiungere commenti senza attendere approvazioni, votare gli sfoghi e potrai gestire i tuoi post ed il tuo profilo senza limitazioni.
Clicca qui o sull'immagine per aggiungerti