Mar

23

Lug

2019

Come raccogliere i pezzi?

Sfogo di Avatar di TheScientistTheScientist | Categoria: Altro

Sono un ragazzo di 27 anni e, per quanto giovane, sto vivendo uno dei periodi più neri della mia vita, almeno fino ad ora..sono un ragazzo estremamente timido, un problema molto grave per me..sono cresciuto in una famiglia con dei genitori che, nonostante le limitate disponibilità economiche, hanno sempre cercato di non farmi mancare nulla e per questo mi sono sempre ritenuto molto fortunato. Nove anni fa ho incontrato la mia compagna, abbiamo trascorso cinque anni assieme, anni difficili a causa dei suoi genitori che hanno sempre preteso di essere ossessivamente presenti e che non ci lasciavano spazio (per dirne una il sabato sera la dovevo riportare a casa al massimo alle 21:30 anche quando avevamo 23 anni...). A detta di tutti ho sempre avuto la testa sulle spalle, ero il tipico "bravo ragazzo" e, dopo la laurea, abbiamo deciso di andare a convivere acquistando casa. Quattro anni fa abbiamo iniziato la convivenza e sono sorte le prime incompatibilità caratteriali, ma non si può mollare alla prima incomprensione..dopo qualche mese però lei ha iniziato a non sentirsi bene e, dopo decine e decine di visite specialistiche in giro per l'Italia è arrivata la mazzata: malattia simil-SLA ad esordio giovanile con un'aspettativa di vita, a detta dei medici, di 3 anni. Sarò sincero: ho avuto paura, tanta, ma le sono rimasto vicino. Ho dovuto affrontare momenti molto duri, mi sono ritrovato da "bimbo viziato" a dover lavorare, mandare avanti la casa e prendermi cura completamente di una persona colta da una grave disabilità: malattia bastarda che le ha tolto quasi completamente l'uso delle braccia, delle gambe e della parola. Mi sono ritrovato a dover consolare i suoi genitori che mi chiamavano mentre lavoravo piangendo disperati perchè la loro figlia stava morendo e, invece di starle vicino, hanno sempre preferito starsene tranquilli a casa loro e lasciare che fossi solamente io a provvedere ai bisogni della loro figlia morente, a cambiarla, lavarla, pulirla, farle da mangiare, imboccarla, consolarla nei suoi momenti più oscuri. Per prendermene cura ho allontanato tutti, amici, la mia famiglia, ho abbandonato i miei hobby, le ho dedicato ogni minuto del mio tempo libero, ho perso grosse opportunità lavorative, ho rifiutato ragazze e donne anche se dal punto di vista dell'intimità non c'è stato più nulla, nemmeno un bacio o una carezza, ma il sentimento da parte mia è sempre stato sincero e non è certo una malattia che ti fa cambiare idea su di una persona. Da quattro anni dormo dalle 2 alle 5 ore per notte e il nervosimo è aumentato a dismisura. Sia ben chiaro che non sono "un santo", anzi, ho avuto le mie mancanze, ho fatto molti sbagli seppur in buona fede e forse avrei potuto fare di più, non lo nego, ma le ho dato tutto quello che sono riuscito a darle, ho cercato di farmi forza per lei, mi ha svuotato completamente e ora sono solo un involucro che va avanti solo perchè se mi fermo io si ferma tutto. La malattia l'ha portata ad essere molto più "cattiva", a sfogarsi ed urlare contro di me e gliel'ho sempre lasciato fare, per quanto dura sopportare di dover fare tutto ed essere accusato di non far nulla, ho sempre pensato che nessuno potesse capire il suo dolore. Le ho sempre fatto presente che mi sentivo sempre di più un badante che un compagno, le ho sempre chiesto un abbraccio per avere la forza di andare avanti, abbraccio che non è mai arrivato in quattro anni. Siamo arrivati al punto però in cui lei mi ha guardato negli occhi e mi ha detto che è solamente colpa mia se è ridotta così, che sono io la causa della sua malattia, l'ho sentita sincera, sarà stata la malattia a parlare, non lo nego, ma è stata una pugnalata in pieno petto. Da quel momento non sto più riuscendo a prendermene cura, mi viene il vomito anche solo avvicinarmi a lei e, purtroppo, sono arrivato a dirle che il mio sentito per lei si è spento. È stata abbandonata dalla sua famiglia e dai suoi amici, ma accusa me, l'unico che le è rimasto, della sua malattia. A marzo in ufficio ho visto, per lavoro, per una ventina di secondi una ragazza. Non ho mai provato nulla di simile, mi sono innamorato dei suoi occhi, ho avvertito un'affinità incredibile. L'ho voluta conoscere. L'ho cercata io, cosa che non avevo MAI fatto prima, non ho mai avuto interesse per nessun'altra. Lei vive a 200 km da me ed ha 6 anni meno di me. Sono stato sincero con lei sulla mia situazione, non volevo essere il classico viscido che nasconde le cose solo per ricavarne un beneficio personale facendo soffire gli altri. Tutte le sensazioni che ho avuto in quei venti secondi in cui l'ho vista erano fondate: abbiamo un'affinità pazzesca, stessi gusti, pensieri simili. Ci siamo incontrati, abbiamo chiacchierato ed è stata la cosa più bella che mi sia mai successa. Ha iniziato a cercarmi lei, a dirmi che stava bene in mia compagnia e che la facevo stare bene quando mi sentiva. Ci siamo visti tre volte e l'ultima volta è scappato un bacio, sincero, voluto da entrambi. Da lì le cose sono cambiate però e lei ha iniziato a tirarsi indietro, a non rispondere, a sparire. Sono una persona molto diretta e le ho chiesto che mi facesse capire almeno le sue motivazioni, non l'ho mai costretta a rimanere ma vorrei solo aver avuto la possibilità di capire cos'ho fatto, dove ho sbagliato. Probabilmente ha trovato un altro, qualcosa di più facile, qualcosa di più vivibile e come biasimarla? Chi ha la forza di buttarsi in una cosa del genere? Avrei solo voluto capire, non chiedevo di più. Sono passati due mesi da quella sera e non riesco a togliermela dalla testa. Probabilmente sarò considerato un bastardo, ma che colpa ne ho se mi sono innamorato di una ragazza che mi capisce? Come potevo fermare un'onda che mi ha colto alla sprovvista? Dopo 4 anni di aridità emotiva, di dolore, di frustrazione e di solitudine avevo trovato la donna con cui mi vorrei svegliare alla mattina. Ma ora non c'è più. Sto soffrendo come un cane, forse me lo merito pure. Un nuovo vuoto emotivo. Non c'è più nulla della persona che ero, sono solo merce avariata ora.

La ragazza con cui convivo ora è diventata una cosa molto più grande di me da gestire e ho dovuto chiedere aiuto a medici, psicologi e assistenti sociali perchè mi sta sfinendo, accuse di violenze nei suoi confronti ogni giorno nonostante la stia solamente aiutando ancora, i medici dicono sia la malattia ma molte volte mi è difficile accettarlo. Il mio medico mi ha prescritto una visita psichiatrica e mi ha chiaramente detto che, a 27 anni, sono a rischio infarto e che devo allontanarmi da lei quanto prima se voglio provare a sopravvivere. A breve arriverà una badante e io mi allontanerò, coprirò completamente le spese del mutuo, dovrò aiutare con il costo della badante e le spese della casa, ma dovrò tornare a casa dei miei genitori per un breve periodo, lavorerò 60 ore a settimana per rimanere con qualche spicciolo in tasca. Ma non è quello che voglio. Vorrei solo prendere tutto e iniziare nuovamente da qualche altra parte, ho bisogno di tempo per me, per capire cosa sono ora, cosa voglio ora, perchè non lo so più. Sarebbe solo scappare? Per quattro anni ho affrontato ogni mattina tutto questo e ora non ho più la forza fisica e mentale per farlo, non ho più alcuna motivazione per affrontarlo. Se mi allontano e lei muore non me lo perdonerei mai. Se non mi allontano sento che non vivo a lungo io.

Mi guardo allo specchio e mi faccio paura. Mi sento solo. Sono logorato dentro. Sono morto dentro.

10 commenti

Ho letto. In primis prenditi cura del tuo corpo, con quello non si scherza e ormai è solo questione di tua sopravvivenza. Con la tua ormai ex compagna fai il minimo indispensabile per tacitare la coscienza. Hai fatto l'errore di mettere troppe energie all'inizio della salita e arrivando verso la fine sei ormai stremato. Avresti dovuto dosare le forze obbligando gli altri ad alleviare il tuo fardello. Adesso sei come Dorando Pietri, in vista del traguardo barcolli stremato: non importa se quando qualcuno ti sosterrà qualcun altro griderà alla squalifica, entrerai comunque nella storia. Un abbraccio.

Avatar di SoldatojokerSoldatojoker alle 14:04 del 23-07-2019

Che storia. A un certo punto è una questione di istinto di sopravvivenza. Come puoi fare tutto da solo?

 

Forse non dovrei dirlo. 

Il tuo caso mi appare peggiore rispetto a quello che mi è toccato patire a me per la storia di mio padre e Firenze. 

E sì che mi ritengo sfigato. Però davvero hai sofferto tanto. Mi auguro che ci sia un secondo tempo. Non hai ancora 30 anni e potresti ricominciare da capo. Sei stato sfortunato. E brutta gente i familiari di lei. Chissà perché vengono certe malattie. 

I maltrattamenti in famiglia generano la maggioranza delle malattie in età adulta. Anche l'autismo, secondo studi empirici, può svilupparsi a causa di maltrattamenti psipsicologici.

La  sua è una malattia diversa, però, chissà...

Obbligare la gente più che maggiorenne a tornare a casa alle 21 e 30. Cosa ci stanno a fare quei tizi al mondo?

A rovinare la vita ai figli e ai parenti acquisiti. E basta. 

Avatar di OldJoeOldJoe alle 14:21 del 23-07-2019

Ti auguro di trovare la forza ed il coraggio per salvare te stesso. 

Avatar di Witch hunterWitch hunter alle 14:34 del 23-07-2019

È una storia terribile la tua, ma hai avuto un coraggio da paura. Ora anche tu sei da curare e devi aiutarti da solo prima di essere costretto a chiedere aiuto ad altri. Probabilmente la ragazza di cui ti sei innamorato si è sentita in colpa dal fatto di aver contribuito ad allontanarti da lei, quella che adesso ha bisogno di maggiori attenzioni. Così facendo però ha messo anche te in condizioni di solitudine totale che certo non fa bene alla tua di salute. Fai bene ad allontanarti, a farti assorbire dal lavoro: sarà un logorio che se non altro coinvolgerà altri aspetti della tua vita. D'altronde è normale che un corpo e una mente sana provino repulsione per questo tipo di male che uccide poco alla volta avvelenando la vita di tutti. Mi spiace tanto per quella ragazza, negli anni futuri penserai a lei come il tuo bene più grande ma ora è la tua rovina (scusami se lo dico). Non so che altro aggiungere: è una situazione troppo pesante per chiunque da sostenere e spero che tu possa tornare a vivere. Un abbraccio forte forte.

Avatar di PuntoacapoPuntoacapo alle 14:38 del 23-07-2019

Non farti buttare addosso delle colpe che non hai, una persona può essere in grossa difficoltà ma generalmente capisce, falle presente che non voler ringraziamenti non significa voler essere incolpato. Riguardo l'altra ragazza, la lascerei perdere, pensa ad affrontare la tua vita come stai facendo, e se chi è intorno non apprezza... che se la veda da solo coi suoi "cari"

Avatar di fracazzoDaVelletrifracazzoDaVelletri alle 14:48 del 23-07-2019

Mi domando dove siano i genitori in tutto questo che hanno dei DOVERI (secondo me anche legali) di assistenza alla figlia.

Ma il mutuo perchè mai devi pagarlo tutto tu? Così una volta mancata la figlia va tutto ai genitori? Qui ci sono le basi per una causa legale. Informati bene, qui non si parla di pochi spiccioli, loro dovrebbero subentrare alla povera figlia che si trova nelle condizioni di non poter più lavorare, ma la ragazza è ancora in grado di intendere e di volere? o è già stato nominato un tutore legale come accade in queste malattie degenerative? 

Io sono sbigottita.  

per quanto ti possa dispiacere in fin dei conti tu hai fatto il tuo dovere e senza esser troppo ipocriti è giusto che tu ti rifaccia una vita, anche perchè sei giovane e non puoi caricarti di situazioni che non sono assolutamente dipese da te.

Non sei suo marito, non hai doveri e vincoli coniugali, ora hai semplicemente un dovere morale/umanitario - ammesso che tu te la senta, in caso contrario non ti giudicherei - di starle accanto fino a che purtroppo arriverà il momento.

Molti forse riterranno il mio commento cinico, senza pietà, ma la vita è una e in queste condizioni senza un minimo di appoggio da parte della famiglia di lei è giusto metterci una punta di sano egoismo.

Ti auguro il meglio. 

Avatar di AnonimoAnonimo alle 14:50 del 23-07-2019

difficile commentare qui...

una storia dura come poche... ho letto, ho sentito, ho ascoltato i bisbigli, quello che non è stato scritto chiaramente, ma sta appena sotto la superficie del testo, avrà sempre più bisogno di assistenza specializzata, credo arriverà il momento che neanche la badante sarà sufficiente, e dovrai far ricorso a strutture specializzate lungo degenti, qualsiasi cosa farai i sensi di colpa staranno sempre li a ricordarti che non fai abbastanza, mentono... e tu lo sai, si parla della prova del vero amore, non credo ne esista una più grande di questa, se non dare letteralmente la propria vita, devi preservare la tua vita, lo devi fare per lei e per te stesso, sei la sua unica risorsa, mi meraviglio anch'io del comportamento dei genitori, ma me lo voglio spiegare come una forma di difesa... ma devo forzarmi a pensarlo.

tu lo sai qual'è la fine di questa storia, anche se non l'hai scritto, anche se cerchi di non pensarci, anche se a volte in momenti di disperazione ti scopri con orrore ad invocarla... resisti, fallo per lei, per il ricordo di quando non era così, fallo per te.

Non serve a nulla... ma ti mando un abbraccio forte piccolè... ancora più forte... 

Avatar di gagenoregagenore alle 15:20 del 23-07-2019

  • Vendi casa e mutuo al nuovo acquirente
  • Colloca lei e la metà dei soldi a casa dei suoi
  • Sii felice

Avatar di AnonimoAnonimo alle 16:09 del 23-07-2019

auguri mi hai commosso, tanti auguri ti capisco ma non so darti consigli!!sei una bella persona cmq!!

Avatar di AnonimoAnonimo alle 18:53 del 23-07-2019

Caro @TheScientist... you'll go back to the start. All'inizio di te stesso. Sarò un lavoro lungo riprenderti per mano, ma succederà. Hai avuto un coraggio incredibile nonostante la tua giovane età, e nessuno qui ti dirà che sei un bastardo. Ora devi avere altrettanto coraggio per salvarti da questa situazione. Un passo alla volta, cercando di sistemare le cose con l'umanità che ti contraddistingue. Non sentirlo come un abbandono verso la tua attuale compagna, credo che nessuno possa chiederti di più. Sei stato fortissimo, davvero, ti ammiro molto. 

Avatar di AnonimoAnonimo alle 19:56 del 23-07-2019

Inserisci nuovo commento



Attenzione: i commenti sono moderati per i non iscritti.

Statistiche:

Voto medio

0 VOTI

Iscriviti per poter votare questo sfogo.
 

Iscriviti!

Iscriviti
Iscriviti e potrai aggiungere commenti senza attendere approvazioni, votare gli sfoghi e gestire i tuoi post ed il tuo profilo senza limitazioni.
Clicca qui per aggiungerti