Sab

27

Ott

2018

Ipocondria senza fine, bastaaaa

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Ho 27 anni e sono ipocondriaco da circa 3.

Non ce la faccio più. Non é vita questa. Ogni giorno ne ho una nuova, ed il bello é che i sintomi li ho davvero!!

 Ho avuto la milza ingrossata ed ho fatto vari esami per capire il motivo, ovviamente per me era leucemia o linfoma. Ho avuto fascicolazioni ai muscoli e per era la sla, sono stato da più neurologi che hanno smentito ogni mia turba mentale. 

Ho pensato di avere qualcosa al cuore perché a volte ho della tachicardia, ho trovato sangue nelle feci ed ho pensato di aver il tumore al colon, ora per ultimo ho visto una macchina scura nelle parti intime e sono terrorizzato dall'avere il tumore al pene.

Senza parlare dei nei, maledetti nei e maledetto melanoma, in un mese ho fatto 3 visite dermatologiche perché mi vedevo nei cambiare forma.

Non ce la faccio più. Mi é passata la voglia di vivere.

Da quando é morto mio nonno é iniziata l'ipocondria. Io con mio nonno ero legatissimo, come un genitore e forse più. Sono morto dentro anche io quel giorno.

Non sto riuscendo a finire il mio percorso di studi, sono fuori corso ovviamente, non ho testa per studiare, penso alle malattie che mi auto diagnostico.

Sono stato in passato da una psicologa, non voglio prendere farmaci, non mi va, tutte schifezze. E poi quei pipponi sul non pensare a cose negative eccetera non funzionano con me. 

Ho una bella famiglia che mi vuole bene, una bella ragazza che mi ama, ed io non riesco a godermi la vita. Sono scontento, non vedo al futuro.

Passo i giorni perdendo tempo. Sono scontento di aver preso giurisprudenza. Ormai é tardi per cambiare facoltà.

Non so che fare. Sto seriamente pensando che vivere non ha senso. Ma della morte ho paura, ho paura dei tumori. Mah.

Il mio é un grido di aiuto, non so come uscirne. Piango. Lontano dagli altri per non dargli dolore.

Intanto penso a quale dermatologo posso contattare per la macchia che ho e che ora mi ossessiona, é il suo turno. É nella mia mente e chissà quando ne uscirà.

 

Qualcuno prova ciò che provo io?

Vorrei svegliarmi felice, senza brutti pensieri, senza pensare alla morte, alle malattie, a nulla.

Forse trovo il massimo piace solo dormendo. Solo dormendo infatti non penso razionalmente a niente.

Poi però la mattina é un calvario, sin da quando mi sveglio sono svogliato.

Sarò depresso. A 27 anni. Che schifo. Mi faccio schifo da solo. Che posto posso avere nella società a 27 anni senza una laurea senza un lavoro e con questa testa bacata che mi sono ritrovato da 3 anni a questa parte.

Ora dormo, magari domani mi sveglio ed é tutto finito. Magari domani mi sveglio e sarò felice. Ne dubito, non succede da troppo tempo ormai. La felicità, quando c'è, dura un soffio. Un soffio di vita che se ne va.

 

7 commenti

Tu lo sai benissimo che il trauma della morte di tuo nonno ha scatenato tutte le tue paranoie. E allora perché non rivolgerti ad uno psicologo? La tua a me non pare una cosa di cui vergognarsi, è l'elaborazione del lutto, ti ha così scioccato che adesso temi anche per te stesso. Se ci pensi è assurdo: se avessi investito tutti i soldi che hai speso in controlli inutili presso i vari specialisti (cosa che fra l'altro non fa che alimentare il tuo disturbo ossessivo compulsivo) in un percorso terapeutico, a quest'ora saresti libero o quantomeno avresti il controllo sulle tue ossessioni. Sul fattore età ti capisco benissimo. Io ho 30 anni, non sono ancora laureato nemmeno alla triennale e non ho mai avuto un lavoro stabile. Sono frustrato del tempo che ho sprecato in attività inutili, chiuso in me stesso, fragile e depresso (per un periodo clinicamente), ho assunto farmaci, ho consultato uno psicologo e uno psichiatra. Ti garantisco che quello è solo il primo passo, perché la volontà deve scaturire da te, la gestione di te stesso spetta a te. Almeno però sarà un inizio. Non illuderti di farcela da solo, prendi il toro per le corna e basta, o rischi di sprecare altri anni della tua vita in questo modo stupido. Calcola che anch'io ho una splendida ragazza al mio fianco, che mi sta vicino in ogni momento, e una famiglia meravigliosa, tra cui i miei genitori, che sembrano 2 anime del purgatorio per come mi sopportano da anni. Ma tutto il calore è l'affetto delle persone care non basta, ti serve un professionista. Ti auguro ogni bene. 

Avatar di WarzoneWarzone alle 04:39 del 27-10-2018

Non vuoi prendere farmaci? Allora soffri in silenzio

Avatar di AnonimoAnonimo alle 08:46 del 27-10-2018

Anonimo 08:46 guarda che non stai scrivendo a tua sorella, se non riesci ad essere cortese, non scrivere nulla e fai meglio

Avatar di AnonimoAnonimo alle 12:09 del 27-10-2018

 Visto che psicoterapeuta è psichiatra sono le uniche alternative che hai per uscirne, ti lascio qualche riflessione random a riguardo

La terapia non fa miracoli ed è un percorso molto lungo, ma funziona con l'impegno. Gli spicofarmaci non sono schifezze, di solito agli ipocondriaci si prescrivono dei farmaci come il prozac, che passa per antidepressivo, ma a seconda del dosaggio cura vari disturbi. Il prozac, per esempio stimola semplicemente la produzione ormonale di ossitocina che è l'ormone del benessere e della felicità. Dove sta la schifezza? 

Tieni conto che spesso uno non funziona senza l'altro. Spesso la psicoterapia non può dare risultati perché si lavora senza una base stabile dell'io che è minato da disturbi psichiatrici, quindi serve una terapia farmacologica a sostegno. Al contrario la terapia farmacologica a volte può non essere sufficiente da sola perché oltre al disturbo psichiatrico ci possono essere altri fattori da risanare in psicoterapia contemporaneamente.  

Insomma io più che il dermatologo andrei a cercare uno psichiatra di fiducia e mi farei consigliare anche un buon psicoterapeuta. 

Il discorso però deve essere chiaro, nulla fa miracoli se da parte tua non c'è impagno, orecchie ben aperte per recepire i messaggi (che funzionano con tutti, non è che tu sei speciale) e la costanza di mettere in pratica cio che ti viene detto. La terapia si affronta a cuore aperto. 

Spero di esserti stato utile. In bocca al lupo

 

Avatar di AnonimoAnonimo alle 12:53 del 27-10-2018

Mai sofferto ma ho una zia che ne soffre. È andata da un urologo perché aveva la prostatite...lei.... quello che non mj spiego è : è palese che tu abbia un disturbo,  ma è l'unico disturbo che non vuoi vedere e non vuoi curare.  Tutti i sintomi che hai sono psicosomatici, perché ti stai incaponendo a curare mille malattie che pensi di avere e l'unica che davvero hai non pensi manco lontanamente di curarla? Se avessi un tumore j farmaci li prenderesti? Se si, dovresti prenderli anche per curare l'ipocondria, oltretutto non è detto che ti vengano prescritti. Fai un tentativo 

Avatar di AnonimoAnonimo alle 13:04 del 27-10-2018

Grazie a tutti quelli che mi avete risposto, sono contento, grazie.

Purtroppo avete ragione, nel senso che tendo a non vedere l'ipocondria come la causa principale dei miei problemi, ma la vedo nei problemi stessi che penso di avere, quando un tumore quando un altro.

E poi non sono contento della mia vita. A 27 anni con diversi anni fuori corso e 7 esami da dare per finire giurisprudenza, tutti i miei colleghi già laureati, uno addirittura é già diventato notaio. Io mi sento terribilmente in colpa, terribilmente indietro.

E sapere qual é la cosa più brutta? Che mi é passata la voglia di studiare, di lavorare, mi sento indietro e senza possibilità di recupero, mi sento segnato.

Credo che questo insieme alla morte di mio nonno che non ho mai superato del tutto siano alla base dei miei problemi.

I farmaci di uno psichiatra possono far tornare la voglia di studiare? Di vivere la propria vita? Anche se ci si sente come mi sento io? Terribilmente indietro e con del tempo perso che non é più possibile recuperare?

Sono convinto che se avessi chiuso un percorso di studi avrei sicuramente qualcosa di cui essere contento, quel qualcosa che ora non ho. Forse sentirei meno il peso della paura Delle malattie, e se non altro potrei essere indipendente economicamente cercando un lavoro decente.

 

Avatar di AnonimoAnonimo alle 01:18 del 28-10-2018

La laurea non ce l'hai adesso, ma visto che sei studente l'avrai. Hai  anche una fidanzata. che mi auguro corrisponda ai tuoi canoni caratteriali ed estetici.Quindi stai messo meglio di quel che pensi. Cerca di superare questa ipocondria. Passa più tempo possibile in attività che ti distraggono. Evita il computer e il cellulare così non fai ricerche e comportati come se fosse una dipendenza da debellare. Come se l'ipocondria fosse il vizio del fumo. 

Avatar di AnonimoAnonimo alle 02:24 del 28-10-2018

Inserisci nuovo commento



Attenzione: i commenti sono moderati per i non iscritti.

Statistiche:

Voto medio

0 VOTI

Iscriviti per poter votare questo sfogo.
 

Iscriviti!

Iscriviti
Iscriviti e potrai aggiungere commenti senza attendere approvazioni, votare gli sfoghi e gestire i tuoi post ed il tuo profilo senza limitazioni.
Clicca qui per aggiungerti