Gio

29

Gen

2015

Sogno Infranto

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Ira

Vorrei raccontarvi la mia storia. Ma, dal mio punto di vista, potrebbe essere quella di gran parte di noi: chi, infatti, non ha mai lottato per far diventare la propria passione il suo lavoro? Ecco io sono uno di quelli. Da quasi tre anni, "lavoro" (per modo di dire) come apprendista nel mondo del giornalismo sportivo, in particolare scrivo di calcio. Dopo nemmeno un anno passato a scrivere cronache di partite in ambito dilettantistico, ho avuto la grande opportunità che aspettavo: lavorare per una testata giornalistica scrivendo e vivendo a tutto tondo quello che accade alla mia squadra del cuore. Inizialmente mi è stato detto che sarei stato pagato puntualmente e che avrei persino avuto la chance di collaborare per un programma in TV di una rete regionale. Ebbene, nello scorso Febbraio inizio a lavorare gratuitamente anche per questa emittente. A fine campionato, ecco la notizia che potrebbe davvero darmi una grande opportunità nel mondo del giornalismo: avrei partecipato al ritiro estivo della mia squadra pernotando nell'hotel del Sindaco. Tutto sembra filare liscio. Nel frattempo è giusto ricordare che continuo a scrivere per la testata giornalistica senza ricevere stipendio né firmare contratti. Finalmente arriva il giorno della partenza per il ritiro e, all'arrivo, mi viene detto che avrei dormito e vissuto in una sorta di casa di riposo e che, per i pasti, mi sarei dovuto arrangiare. Pazzesco, vi giuro che essere preso per il culo così non me lo sarei mai immaginato. Ma la storia è lontana dall'essere finita: a Settembre ricomincia il programma televisivo e le cose si complicano. Il conduttore del programma inizia sin da subito a dare i numeri, pretendendo cose fuori dal mondo da uno che collabora GRATUITAMENTE e minacciando più volte di voler cambiare tutta la redazione (me incluso, ovviamente). Pensate che il signorino (che tra l'altro lavora per una nota azienda televisiva...inspiegabilmente aggiungo io) era molto esigente e, pochi istanti prima che andasse in onda lo show, pretendeva che io andassi persino a prendergli le pizze...e io dovevo lavorare a GRATIS e ridurmi in queste condizioni ogni Domenica senza mai vedere un becco di quattrino da nessuno?! Ho mollato definitivamente tutto ma, seppur sia orgoglioso della scelta che ho preso, non perdonerò MAI a nessuno di loro il fatto di avermi rovinato quel sogno che stavo coltivando. 

Tags: lavoro, rabbia, ira

7 commenti

A me una quattro stagioni...grazie =) 

Avatar di AnonimoAnonimo alle 19:39 del 29-01-2015

E, peccato.

Non sono del campo, ma fra giornalismo e tv ce ne sono di personaggi e poveri lavoratori che si impegnano per la propria passione; purtroppo chi è già arrivato se ne approfitta su tutti gli altri. 

Avatar di RorschachRorschach alle 21:41 del 29-01-2015

quello di giornalista è un lavoro che andrà a finire. con internet gli articoli li stanno iniziando a scrivere i computer e si prevede nel prossimo futuro la fine di questo mestiere, perchè i computer costano solo il loro acquisto e la manutenzione, mentre un giornalista costa uno stipendio mensile, le tasse, i contributi, la malattia, le ferie, ecc. non è un sogno infranto, è un sogno inutile perchè il giornalismo sta andando a morire.

Avatar di spasiba1spasiba1 alle 22:36 del 29-01-2015
Macchè

E allora se il giornalismo umano muore chi mi presenta il telegiornale? Wallie?!

Invece le pizze a quel divo gliele dovevi dari in faccia. Io cmq tra i nonnetti ci sarei stato, tanto meglio dei sindaci, no? Riguardo il sogno...è vero che è ingiusto che finisca così, ma per salire la scaletta, a maggior ragione in quel ambito, bisogna esser avvezi dei salamalecchi, degli inchini profondi e vari riverenze ossequiose.

 

Avatar di marziammarziam alle 23:56 del 29-01-2015

Non solo in questo caso marziam...Anche in altri ambiti lavorativi

Avatar di CopyCatCopyCat alle 09:48 del 30-01-2015

Ti hanno imbrogliato, come spesso accade oggi. Un suggerimento per il futuro: se una cosa non ti sembra giusta non farla.

Avatar di AxelAxel alle 14:02 del 30-01-2015

-né firmare contratti
Cioè, gratuitamente? Niente contratto? Voglio dire anch'io sono ingenuo, ma che sarebbe andata così era piuttosto prevedibile.

Avatar di farnightfarnight alle 22:28 del 28-02-2015

Inserisci nuovo commento



Attenzione: i commenti sono moderati per i non iscritti.

Statistiche:

Voto medio

0 VOTI

Iscriviti per poter votare questo sfogo.
 

Iscriviti!

Iscriviti
Iscriviti e potrai aggiungere commenti senza attendere approvazioni, votare gli sfoghi e gestire i tuoi post ed il tuo profilo senza limitazioni.
Clicca qui per aggiungerti