Sab

01

Dic

2012

Inutile.

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Accidia

Vorrei solo sparire...

Vorrei morire.

Perché dico queste terribili frasi? Non vi racconterò tutto, per non angustiarvi/annoiarvi. Partiamo da un presupposto. 

Soffro di depressione da quando sono piccola (per varie motivazioni, come l'anaffetto di mia madre, l'assenza di equilibrio all'interno della mia famiglia...e cose così..) e per me è uno sforzo incredibile vivere.

Cerco di lottare.. Per non cadere... perché se cadessi nessuno mi aiuterebbe ad alzare... Come è d'altronde SEMPRE accaduto. Ma non è facile, nelle mie condizioni mentali.  Talvolta mi prende un'ambascia terribile, anche se magari sono in mezzo ad altri: un momento prima ero tranquilla, magari felice, un momento dopo caos nella mente, sono oclta dalla tristezza, cerco di capire perché, di rilassarmi ma niente. Non mi attira più niente. Lo so ora partirà il consiglio standard: dovresti trovarti qualche interesse. Bene. Mi piace leggere, ad esempio. O almeno mi piaceva, tempo fa, quando ancora non mi costrinsero,a 14 anni, ad andare in un istituto psichiatrico per adolescenti. Cosa c***o avevo fatto di male? Non volevo più vivere; non valeva la pena. Mia madre non mi ha mai abbracciata, mi ha sempre invidiata, umiliata, derisa, non ha mai provato a capirmi... Volevo essere la figlia perfetta, ma questo non è servito. I miei genitori non lodavano il mio comportamento, la mia passione per i libri, per la lettura, per lo studio, ma mi dicevano che dovevo essere come gli altri, andare in palestra, uscire, avere amici. Mi sentivo sbagliata... Eppure non mi sono mai comportata da ribelle. Seguivo tutto ciò che i miei genitori dicevano. Li amavo, e li amo ancora. Scusate se oggi non riesco più a concentrami e studiare... ma una motivazione c'è.  

Anche alzarmi dal letto la mattina, uscire, pulire casa, lavarmi, cucinare, andare a fare la spesa, cose QUOTIDIANE, che per gente sana sono considerati atti normali, facili, per me diventano ostacoli insormontabili. Ci metto tutta me stessa per compiere anche solo un piccolo gesto. Ciò mi stanca molto, emotivamente, psichicamnete, fisicamente sono a pezzi, anche se le analisi evidenziano che "sto bene", non ho nessuna particolare malattia. Eppure, dimagrisco ogni giorno di più, sebbene io mangi molto. Non ho disfunzioni tiroidee.

Vorrei piangere, ma non riesco a fare neanche più quello.

Vorrei qualcuno che mi dicesse che andrà tutto bene, ma non c'è nessuno. Sono tutti indaffarati a vivere la loro vita, non si accorgono del mio malessere.. Ho provato a  confrontarmi con amiche e amici, ma... Alla gente non piace chi si "lamenta", occorre sempre sfornare sorrisi a 32 denti: così, solo così, riesco a piacere. Se faccio battute. Se faccio complimenti. Se parlo di cose per me inutili oramai, come può essere anche il prossimo esame... Chi se ne importa! Scusate se ritengo più importante qualcosa come vivere, come la salute mentale, come il benessere psicologico... E poi, non capiscono. Ovviamente... Non sono stati costretti a crescere prima del tempo, a 13/14 anni vivevano le loro felici vite. Non sono costretti a vivere; non sono costretti a convivere con un male che ti succhia tutta l'energia vitale.. E di te rimane ben poco. Perciò mi sfogo qui, probabilmente nessuno si accorgerà del mio scritto xD

Mi manca terribilemente il mio ex... L'unica persona che riusciva ad equilibrare la mia vita. L'unica persona con cui sorridevo e ridevo totalmente libera da pensieri brutti. L'ho lasciato per via di un suo sgarbo.. Ed io essendo molto rigida (ma molto meno con gli altri che con me stessa... Alla fine se sono ancora viva e se sono riuscita a fare determinate cose nella vita è per la mia rigidità! xD) non sono riuscita a tollerarlo, ma forse ho sbagliato.. Lui vorrebbe che tornassimo insieme, è davvero innamorato, ma ho paura... Paura che scopra la mia "insanità"... Purtroppo non sono mai riuscita a confessargli che sono malata di depressione... Fingo di essere come gli altir, è più facile, no..?

C'è una frase che aspettate che qualcuno vi dica, un giorno? Sapete qual è la mia?...Mi prenderò cura di te. Quella cura che nessuno mi ha dato da bambina... Che non ho più voglia di dare a me stessa. Ho sempre fatto tutto io... Perché ci sono ragazze che a momenti non si soffiano neanche il naso da sole ed io invece sono costretta a cadere e rialzarmi, e soffrire e essere sola senza neanche qualcuno che mi chieda come stia la mia testolina bruciata??

 Grazie per la vostra attenzione! Mi sono sentita finalmente ascoltata! *-* 

17 commenti

Che dire...Devi essere molto giovane da come scrivi,ed è brutto dover affrontare una vita così dura tanto presto.Vedo però che,nonostante tutto,uno sprazzo di determinazione si è formato in te e dovresti partire da questo.Quando la rabbia ci dà la forza per rialzarci,allora è segno che non siamo sconfitti.Cerca di trovare una passione,un talento per esprimerti(potrebbe essere il canto,la pittura)e sfogarti dalle negatività.La deppressione è una malattia con cui in molti ormai convivono(purtroppo),ma questo non deve impedirti di andare avanti.E se vuoi veramente bene al tuo ex,non nasconderti,dagli una possibilità.Quando ti sentirai pronta,vedrai,confidarti con lui sarà molto più semplice :) Ti abbraccio!

Avatar di CopyCatCopyCat alle 10:00 del 02-12-2012

quasto è un altro caso in  cuii è facile tovarsi a scrivere banalità.
Da ciò che hai scritto, credo che coltivare interessi o amicizie (che inevitabilmente sarebbero superficiali) non serve proprio a nulla.

Scusa se sono diretto, ma a te serve essere aiutata, magari da uno psicologo, e vedi che non c'è assolutamente nulla di male in questo...fatti aiutare, è un modo di dimostrare a te stessa che ti vuoi bene.
Da ciò che scrivi si capische che soffri terribilmente , ma traspare anche una determinazione a non mollare...e allora tu non farlo, non mollare, anche se so che è molto pià facie a dirsi che a farsi....ripeto, fatti aiutare.

e se il tuo ex ha fatto una cosa non troppo grave, e pensi che ti ami davvero e che ti vuole con se, magari un'altra opportunità dagliela....in fondo ti faceva rifere no?...e piano pianio magari cerca di aprirti anche con lui.

In bocca al lupo di cuore 

 

 

Avatar di pasapasa alle 14:23 del 02-12-2012
Ciao

Ti dico subito che io devo ringraziare il cielo perchè sicuramente i miei problemi sono nulli rispetto al tuo. Un paio di cose, però, nel mio percorso, che haa dovuto anch'esso trovarsi di fronte a delle difficoltà, sono simile a quelle che hai scritto.

Per esempio, quando dici che tu ami la lettura, la letteratura, e i tuoi vorrebbero che andassi in palestra e tutto il resto. Sì, è vero, i nostri genitori fanno per noi dei progetti che non sempre coincidono con i nostri. Siamo generazioni diverse, abbiamo forme mentali differenti, questo purtroppo ci sta. I miei mi hanno sempre appoggiata, ma a volte percepisco che la mia essenza, che si sta schiudendo esattamente ora, per loro è, anche se non lo avrei mai pensato, una sorpresa. Gradita, credo, per alcuni aspetti, anche se certe cose non se le sarebbero mai aspettate.Una volta anche io volevo soddisfarli, ora voglio sorprenderli e trovare la mia strada. I genitori sono l'oggetto costante del nostro amore di figli, ma sono umani anche loro: a un certo punto, vediamo anche i loro difetti, pur continuando ad amarli. Perciò io credo che con l'aiuto di un buon terapista tu questa cosa la possa superare. è un distacco, forse, che devi affrontare.

 

L'altra cosa che sento tanto affine a te è il fatto che tu dici che le persone non amano chi si lamenta. Ah se è vero! Quanto, quanto è vero. Io purtroppo l'ho sperimentato tante volte. La gran parte delle mie amicizie sono le stesse da quando ero ragazzina, anche se alcune hanno cambiato strada. Eppure, nonostante tutto, vedo che ci sono persone che non hanno mai voglia di stare a sentire i problemi degli altri. Questo mi addolora molto, mi fa anche tanto riflettere. Finisco lo sfogo più tardi che ora devo scappare ;) 

Avatar di AnonimoAnonimo alle 12:35 del 09-12-2012
Sono l'anonimo delle 12 e 35

Solo che prima per sbaglio non mi ero loggata... scusate tanto!

Dicevo, mi addolora moltissimo il fatto che non c'è possibilità di ascoltare ed essere ascoltati. Però dipende anche dalle persone che incontri sulla tua strada, sai? Cioè a volte ti ascoltano e sostengono le persone che mai ti aspetteresti. Certo però è brutto vedere che, socialmente parlando, proprio non ci si pone mai il problema, ma vabbè. Voi che dite? Esiste la possibilità di imparare a essere disponibili o è innata? 

Avatar di CherieMarieCherieMarie alle 21:46 del 09-12-2012

ti capisco ecccccome se ti capisco, c'è stato un periodo della mia vita molto brutto, fare le cose più semplici x me era diventato impossibile, andare a fare la spesa era un trauma, ansia e malesseri continui!!! mi sono fatta aiutare NON da uno psicologo ma da uno psichiatra (quest'ultimo nn cura imatti come molti ignoranti credono).C'èvoluto molto tempo, tanto dolore, perchè la depressione ti porta a provare dolore un dolore oscuro che ti spiazza, ti rende fragile xchè nn sai cosa ti sta succedendo, vorresti scappare, ma si può scappare da se stessi????

Adesso la mia vita va avanti, mi piace starmene sola, a volte ho ancora attacchi d'ansia ma affronto tutto, alcuni giorni mi sento a pezzi ma so che passa. Non voglio darti consigli ma oltre l'ansia e la paura sai cosa ho scoperto che amarmi è la cosa migliore che la depressione mi ha insegnato. 

Da ansiosa ti faccio i miei auguri....

Avatar di fafafafa alle 21:21 del 10-12-2012
Ascoltati

Ciao,

è scontato dirti che leggendo il tuo post rivedo sprazzi del  mio passato, quindi quelli che seguiranno saranno solo dei consigli e idee niente più, sta a te trarne le conclusioni:

 

  1. Psicologi: alcuni sapranno fare il loro lavoro ma se non vuoi, il loro aiuto sarà molto labile. 
  2. Conosci te stesso e conoscerai gli altri: scontato? NO. Quando ti senti logora nell'animo prendi un diario, TUO, da portare ovunque. Descrivi ogni attimo, vivilo, riportalo in ogni sua sfumatura. Per qualsiasi momento che vivi, scrivilo, tanto lui non ti giudica, anzi rileggendolo potrai migliorarti e comprenderti anche se già credi di conoscerti. Introspezione.
  3. Quando ti senti una m...a fatti una bella doccia, non sono pazzo. Immagina che l'acqua che ti scorre sul corpo, mentre scende porti i tuoi problemi con se nello scarico. Fai tre respiri profondi buttando fuori l'aria completamente e poi respira lentamente come a calmare i battiti. Non ci riuscirai forse subito ma col tempo aiuta. Lucidità
  4. Giudicare è più semplice che conoscere. Se ti ama permettigli di conoscerti e  se è finita per un inezia e lo ami ricomincia.Ogni tanto buttagli un pezzo di te come fosse un sassolino, ma fagli capire fin da subito che ciò che gli farai conoscere potrebbe ferirti irrimediabilmente. Nasconderti non sarebbe giusto nei confronti d'entrambi.
  5. Non avere fretta tutto a suo tempo e a piccole dosi, se lui ti ama veramente sarà sempre al varco ad attenderti e a sorreggerti. Ma riocrda che forza e coraggio sono sorelle.
  6. Io posso, Io voglio, Io merito. Dovrai ripetertele ogni tanto credendoci? SI. perchè tu non sei diversa dagli altri, non hai qualcosa in meno degli altri perchè tu sei simile agli altri, differisci per le tue doti e qualità. Non devi fingere ad essere ciò che non sei.
  7. I genitori: purtroppo sbagliano anche loro, vogliono ciò che non hanno potuto avere, pretendendolo dai figli e non si ricordano della loro infanzia nascondendo bene ciò che sono. Se non ti Vogliono capire è giusto che ti rimbocchi le maniche e gli mostri di che pasta sei fatta.
  8. Non permettere agli altri di farti del male. La felicità non esiste siamo noi a crearla. TU sei più forte di ciò che pensi solo che non credi in te, in ciò che fai e sembra che gli altri facciano tutto meglio di te. Non è così sappilo.
  9. Noi depressi cronici tendiamo a criticarci troppo per ciò che facciamo un piccolo errore e per noi diventa un baratro. Lo so. Fottitene. Sbagliando si impara, non puoi andare bene a tutti, ma ascolta tutto ciò che è costruttivo anche le critiche.  
  10. Per ultimo, non si può uscire da soli dalla depressione, è anche vero, ma tu potresti non essere sola. Una cosa è certa la TUA VITA dipende sempre da te, proprio perchè è TUA e di nessun'altro. Il difficile è la parte migliore, quella che ti forgia. Ci vuole costanza e non aver timore di scontrarsi con se stessi.

Questo è ciò che ti posso consigliare spero possa esserti utile. Io a grandi linee ne sono uscito grazie anche a una moglie fantastica e con i genitori ... beh!! lasciamo perdere irrecuperabili :)) 

Ti Auguro che questo 2013 riesca a lenire il tuo astio e il tuo dolore sono convinto che ce la farai. Anche se non ti conosco ci credo.

"Le persone sane si innamorano follemente, amano ardentemente, si arrabbiano furentemente, possono provare gelosie violente, lottare per la propria realizzazione o sacrificare tutto, fino a consumarsi, per i valori in cui credono, e giungere alla battaglia." (C. Albasi) 


 

Avatar di IhanIhan alle 00:24 del 05-01-2013

Non sono l'autrice dello sfigo, ma ho provato anch'io tutte queste schifosissime sensazioni, sono andata da uno psicologo e oggi va un po' meglio. Ogni tanti penso che tutte queste cose sono piombate nella mia vita per aprirmi gli occhi e farmi conoscere una bellissima e importantissima persona: ME STESSA. Eh si mi ero sempre messa da parte, mi hanno insegnato questo, io non valevo niente, io non meritavo niente, io facevo schifo, io ero brutta, io ero grassa, insomma una nullità come hai scritto tu. E ci ho creduto, non sai per quanto tempo, fino a che il mio corpo e la mia mente si sono ribellate facendomi cadere ancora più nel baratro. Ad un certo punto non ne puoi più o muori o vivi, ho scelto la seconda, perché in fondo la voglia di vivere c'é sempre, anche se non la vediamo. E comunque quoto su tutto ihan, é bellissimo e tutto vero quello che hai scritto, ha scosso anche me che oggi sto un pò meglio. Amati di più sei l'unica che può farlo. Spero di cuore che queste parole possano aiutarti e aprirti gli occhi su te stessa un forte abbraccio

Avatar di AnonimoAnonimo alle 07:25 del 05-01-2013

Bello questo sfogo.

Chissà come sta! 

Avatar di RorschachRorschach alle 22:52 del 17-03-2015

Non ho capito, se dice "Grazie per la vostra attenzione!" allora non sarà il suo primo sfogo?

Avatar di farnightfarnight alle 23:37 del 17-03-2015

Io credo si riferisse a quello che ha scritto, di conseguenza chi legge quella frase ha letto tutto lo sfogo.

Avatar di RorschachRorschach alle 23:43 del 17-03-2015

Eh ma non puoi dire "mi son sentito ascoltato" preventivamente, cioè una volta che è accaduto ok ti sei sentito ascoltato, ma prima... O.o

Avatar di farnightfarnight alle 08:58 del 18-03-2015

Secondo me è da considerare circoscritto a questo sfogo, un ringraziamento a chi leggendo tutto il suo sfogo é come se l'avesse ascoltata.

Avatar di RorschachRorschach alle 10:53 del 18-03-2015

Mah, quando lo faccio io vorrei un riscontro, se no è come scriverlo su un foglio e poi buttarlo. Boh, va bene così.

Avatar di farnightfarnight alle 11:38 del 14-04-2015

Cmq sia, se non si rivela non lo scopriremo; e finora non si è rivelato.

Avatar di RorschachRorschach alle 11:39 del 14-04-2015

rivelata

Avatar di farnightfarnight alle 16:42 del 15-04-2015

Intendevo rivelato come utente.

Avatar di RorschachRorschach alle 16:46 del 15-04-2015

ah
comunque sembra una che si accontenta di poco

Avatar di farnightfarnight alle 18:10 del 13-06-2015

Inserisci nuovo commento



Attenzione: i commenti sono moderati per i non iscritti.

Statistiche:

Voto medio

0 VOTI

Iscriviti per poter votare questo sfogo.
 

Iscriviti!

Iscriviti
Iscriviti e potrai aggiungere commenti senza attendere approvazioni, votare gli sfoghi e gestire i tuoi post ed il tuo profilo senza limitazioni.
Clicca qui per aggiungerti