Sab

24

Ago

2019

Cerco un centro di gravità permanente

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Avete mai provato la sensazione di rendervi conto che tutti gli insegnementi appresi durante le esperienze di vita, ad un certo punto risultano tutti inutili e inefficaci? Vi siete mai trovati nella situazione di avere.. non tanto l'occasione (riservata solo ai più fortunati) , ma la possibilità di scegliere di cambiare vita perché non avete nulla da perdere? Se non vi é mai successo, provate ad immaginarvelo.. E ora vi chiedo, che cosa fareste se nel momento in cui vi rendete conto che potete cambiare vita e rinventarla, cambiarla, modificarla, ma non sapete a cosa puntare? Sapete che dovete muovervi dal punto di cui siete, ma non sapete verso dove andare? Cosa fareste se rivoluzionare la vostra vita significherebbe dargli un nuovo significato, ripartire da un nuovo luogo, una nuova casa, lavoro, persone? Cosa fareste se vi rendete conto che é la vostra grande opportunità ma che non sapete quale sia il modo per sfruttarla al meglio? Ho terribilmente bisogno di  parole da partedi chi si é sentito almeno una volta nella vita in questo stato. Ho bisogno di sapere che c'è un modo per riuscire, e che non può essere sempre il solito consiglio di lasciare tutto e andare in capo al mondo, o di limitarsi ad avere un lavoro fisso e una casa nel propriopaese.Ho necessità di trovare un modo per costruirmi delle radici, il che non significa famiglia, casa, lavoro. Cerco delle radici nuove che mi facciano stare bene, un luogo che possa Riportarmi in vita,o meglio in cui costruirmi una nuovavita.È come se poco per volta avessi concluso lavori, progetti, come se ogni cosa che cercavo mi avesse chiuso la porta in faccia per farmi allontanare poco per volta dalla mia vita, luoghi,persone. Ho provato a costringermi a starci di nuovo, per chiedermi se fosse solo un capriccio, ma ho scoperto che non lo é affatto. Che ogni cosa attorno sa di qualcosa che non può fruttare.È terribile rendersi conto di essere liberi di creare il proprio destino senza mai essere stati educati a farlo nel miglior modo e bene che possiamo. Ciisono troppe cose al mondo da conoscere ancora e non so davvero quale possa essere il mio posto.Mi terrorizza questo. Io un posto lo voglio trovare. Ma é davvero di unpaesecome li'iItalia che ho bisogno? O é davvero un paese lontano che cerco per poter reinventarmi?Una nuova città? Oppure un luogo vicino al mare, vicino al verde? Il mondo é talmente pieno di cose belle che per me sono tutte importanti e non so quale scegliere. In pratica non ho capito il vero motivo per cui sono su questa terra. Nonostanteemi sentoprofondamente convintache un motivo ci sia.Ma non lo trovo, non lo trovo.. È questo mi manda in bestia e mi lascia in uno stato di eterna riflessione, eterna lotta con quello che ho e che non mi basta,perché sono curiosa,evoglio cambiare, conoscere altro, sapere che posso anch'io trovare salvezza a questomondo.Sapere che una casa per me la troverò, in un luogo che mi dia pace e amore, che posso anch'io avere delle radici mie su cui poi potranno crescere foglieefrutti!Quando tutto sembrava perso, ho pregato il cielo di darmi un altra possibilità, maora non so come metterla in atto per rendermi felice e cambiaredavvero. Ditemi che anche a voi é successo, e ditemi che poi avete trovato la strada per la vostra casa, eche c'è un modo per trovarla senza sbagliare bersaglio!

15 commenti

Non so quanti anni tu abbia, ma se hai intorno alla trentina dovresti poter ricordare quel film "Il mago di Oz", con Dorothy. Non saprei perché, nel leggerti ho provato questa sensazione e collegamento, come se ci fossero persone (di solito le più intelligenti) che hanno una vera e propria difficoltà nel trovare la propria dimora terrena, come se le proprie origini fossero in un altrove indefinito e indefinibile, e sulla terra sì trovino in difficoltà su tutti i fronti, più degli altri o meglio in una formula diversa: mentre tutti hanno problemi nella propria sfera, nel proprio ambito, nel prorpio contesto, alcune persone hanno problemi a monte, nel cercare il proprio contesto. Non lo trovano. Capiscono forse più degli altri la meraviglia di questo pianeta, colgono l'eccesso di scelta, per fare una metafora è come fossero alieni che devono permanere una cinquantina d anni sulla terra e la guida turistica dice: "Allora, puoi scegliere: New Tork con le sue milioni di possibilità, o una tra le centinaia di milioni di località turistiche balneari, dove avresti il mare, oppure un piccolo villaggio di campagna, sereno e accogliente, e così via ". La verità è che anche L alieno avrebbe difficoltà nella scelta, altro che, è obiettivamente a dir poco contorta. Eppure il cambiamento avviene, tutte le strade si spianano, quando si comprende che tutto il mondo è la tua casa: per un tempo speriamo il più lungo possibile, per 100 anni, ma lo è . Scegli quindi con serenità qualunque luogo, andrà bene in ogni caso, non c'è una scelta giusta e una sbagliata: se entri in questa ottica diventano tutte scelte giuste, perché è la tua sensazione che cambierà. Diventerà quasi indifferente il luogo in cui ti troverai, tu sarai sempre identica ovunque. Perciò scegli con un criterio di semplicità e praticita un luogo che ti ispira (potrebbe essere anche a 20 metri da dove ti trovi ora mentre scrivi), e poi tutto il mondo avrai modo di vederlo e viverlo Comuqnue, vedrai. Un abbraccio

Avatar di AnonimoAnonimo alle 03:45 del 25-08-2019

Ps: il tuo centro di gravità permanente è dentro di te 

Avatar di AnonimoAnonimo alle 03:46 del 25-08-2019
anonimo 3.45

Posso essere tua amica?

Mi sento come la sfogante,  e le tue parole sono bellissime!

Avatar di AnonimoAnonimo alle 10:17 del 25-08-2019

Leggiti il Fu Mattia Pascal di Pirandello. 

Avatar di Dark Side of the MoonDark Side of the Moon alle 11:21 del 25-08-2019

Perché quale credi sia il meaaggio importante da trarre in questo libro? 

Avatar di AnonimoAnonimo alle 11:27 del 25-08-2019

Anonimo delle 10:17, ho scritto io stanotte alle 3 (di solito dormo bene ma stanotte il caldo mi ha svegliata e non riuscivo a riaddormentarmi così ho scritto quel commento🍀), va bene, anche solo in maniera virtuale e simbolica, possiamo già reputarci amiche :)

Avatar di AnonimoAnonimo alle 12:00 del 25-08-2019
Anonima 12.00

Ottimo, già molto più di alcune relazioni nella mia vita (non tutte, per fortuna) :))

Buona domenica e buon proseguimento!

Avatar di AnonimoAnonimo alle 13:52 del 25-08-2019

Il romanzo (che comunque è un classico della nostra letteratura), parla di un uomo che trovandosi senza più niente (perché dato per morto) si sente liberato finalemente dal fardello di una vita che non lo soddisfava più e con la possibilità di lasciare tutto e tutti allontanandosi per ricominciare una vita nuova. Ed è ciò che farà: cambia nome, città, un nuovo lavoro, perfino una nuova personalità per certi versi, altre relazioni,... Il tutto funziona per un po', finché non si ritrova oppresso dal personaggio che lui stesso ha creato. Alla fine capirà che non c'è modo di scappare da sé stessi. Che ovunque si vada e qualunque identità si assuma si rimane sempre gli stessi, vero dramma della nostra esistenza. 

Certo il messaggio non è confortante e alcuni potrebbero opinare. Però vale la pena leggerlo. 

"Hai mai pensato di andare via e non tornare mai più? Scappare e far perdere ogni tua traccia, per andare in un posto lontano e ricominciare a vivere, viceré una vita nuova, solo tua, vivere davvero. Ci hai mai pensato?"  Cit 

Avatar di Dark Side of the MoonDark Side of the Moon alle 16:04 del 25-08-2019

@darksideofthemoon Conoscevo la trama del libro, ma non riuscivo a capire cosa volevi comunicarmi con questo consiglio.. Ora hai fatto chiarezza, e in effetti credo proprio che la cosa, forse l'unica, che mi ghiaccia sia proprio il pensiero dover vedermi come Pascal, costretta ad essere trasportata sempre indietro fino a quando non accetterò che questa é la realtà in cui ho scelto di nascere. Però allo stesso tempo penso anche a tutti quei personaggi e persone reali che sono riusciti a staccare il loro cordone ombelicale perché nocivo, perché li ammalava invece di nutrirli. Penso che per quanto riguarda la mia storia, oltre ad essere scappata, mi sono anche fermata molte molte a guardarmi allo specchio e mi sono messa sulle spalle anche tante responsabilità che non sto riuscendo a risolvere e forse proprio perché non sono mie e nemmeno con tutta la volontà e forza del mondo credo di poterci riuscire perché ad abbattere i muri ci vuole molto altro. E per salvare la mia vita sono costretta a guardare altrove e dire a chi non vuole farsi aiutare.. Arrangiati, rimani solo, continua la tua vita perché io non credo di essere disposta a sacrificare la mia intera esistenza mentre ti guardo soffrire per tua scelta. Sono una persona molto profonda e comprensiva ma ad un certo punto per restare vivi e non sentirsi oppressi dalle decisioni di vita altrui bisogna pur andarsene. Dopo aver guardato a lungo dentro la situazione senza scappare, ad un certo punto se non si vuole essere preda di essa bisogna costringersi a scappare. Vi ringrazio per tutti i vostri commenti, sono speciali. 🙏

Avatar di AnonimoAnonimo alle 09:22 del 26-08-2019

Da quello che dici a soffocorati più che il luogo o la vita in sé sono le persone che ti circondano e ciò che ti fa star male è la tua incapacità di dire di no di fronte alle richieste altrui. 

Ci sono persone che nascono con lo spirito da "crocerossina" e fanno missione della propria vita quella di aiutare gli altri. Non parlo solo di volontari o missionari e non è nemmeno necessariamente espressione di generosità e altruismo. Sono persone che per sentirsi importanti hanno bisogno di aiutare qualcuno. Il tutto accade inconsciamente.

Ora,non so se tu rientri o meno nel tipo ma penso che se non modifichi il tuo modo di vivere e vedere le cose, anche allontanadoti, tenderai a ricostruire con le persone che incon terrai le stesse situazioni da cui ora vuoi scappare. Perché non cominciare ad affrontare e risolvere queste situazioni dichiarando apertamente che non sei la salvatrice del mondo? Perché non chiarire questo punto con te stessa prima? Dopo poi potrà avvenire il cambiamento VERO. Altrimenti ti trascinerai i rimasugli del tuo presente ovunque andrai. Opinione personale ovviamente

Avatar di Dark Side of the MoonDark Side of the Moon alle 11:51 del 26-08-2019

@Darkside segui bene i discorsi, grazie per spendere il tuo tempo ad ascoltare pensieri altrui! Forse c'é un po' di crocerossino anche in te.. Ma ben venga, che venisse a tutti, così da poterci aiutare gli uni con gli altri!! In risposta ti dico che l'ho già dichiarato a me stessa, ed é per questo che ora ci rifletto molto, perché capisco che una volta messa da parte questo mio esistere per essere anche di sostegno agli altri in tanti modi diversi.. Mi rimane davvero poco, se non nulla. Ho sempre fatto fatica a stare per molto tempo in un posto se non avessi una ragione per farlo. Qualsiasi fosse, per amore, per lavoro, per amicizia, per trovare la mia pace ecc. Quando decidevo di mettere radici era per un motivo, altrimenti ho sempre trovato strano il fatto di scegliere di passare tutta la vita nello stesso luogo.. Non che io giri sempre con lo zaino in spalla, l'idea di avere anche un posto in cui vivere serena mi attira molto, ma perchè credo che se non ho una ragione forte per cui fermarmi in un luogo, decidere di fermarmi solo perché la vita mi ha riportato qui e legarmi a tutti i costi a una situazione che sembra non fruttare, forse ecco.. Sarebbe un po' stupido da parte mia e magari un giorno potrei pentirmene. Ma credo che prendere in mano assaporto e biglietto aereo per continuare la storia di Into the wild non sia la soluzione più adatta ora! A volte penso.. Che sono fortunati quelli che sono cresciuti dentro un azienda di famiglia di qualsiasi tipo in cui hanno potuto farsi gavetta senza dover andare a farsi dare ordini da altri! Avere dei valori con cui crescere e da portare avanti come anche dei lavori  é una gran fortuna perché a volte.. essere liberi di scegliersi la strada é anche sinonimo di non aver niente tra le mani di concreto a cui puntare, da dimostrare, migliorare, da trasmettere anche ad altri. Io sento di non aver acquisito nulla di tutto questo, e quando mi rendo conto di quanto invece sarebbe stato utile ricevere diciamo delle "coordinate di vita" mi rattrista un poco e sì, mi sento persa, come Alice che cerca il Bianconiglio! 

Avatar di AnonimoAnonimo alle 12:33 del 26-08-2019

Ti riminani tu. E buona o cattiva, bella o brutta, è l'unica persona con la quale devi convivere per tutta la vita. 

 Poi sai ci sono anche persone alle quali piace avere una vita più avventurosa e cambiare sempre posto. Non è mica un invenzione dei giorni nostri né necessariamente sintomatico di un disagio interiore, a volte è solo una propensione caratteriale. Pensa a marinai, avventurieri, etc dei secoli andati. Oggi vari lavori offrono la possibilità di viaggiare. Perché non provare quella strada che magari meglio si concilia col tuo carattere rispetto ad un lavoro sedentario? 

Indubbiamente avere il destino preconfezionato è confortante e rassicurante. Come quando si è bambini che non scegliamo nulla e tutto ci viene imposto dagli adulti. Odiamo l'imposizione, ma allo stesso tempo ci sentiamo al sicuro. 

Però crescere vuol dire scegliere. Gonna o pantalone, studio o cazzeggio, la do o non la do, faccio un figlio o mi dedico alla carriera....  Tutto questo vuol dire assumersi la responsabilità delle proprie scelte perché non c'è più nessuno (mamma, papà, maestro,...) da incolpare nel caso non vada bene. 

Però, per quanto possa essere doloroso/frustrante/ango scusante compiere questo passo, trovo che sia molto meglio che non girare col paraocchi. Faremo cazzate, le rimpiangeremo ma per Dio sarà la nostra di vita che stiamo vivendo e non quella decisa da altri! 

Ti riporto una citazione di perun grande filosofo  farti capire che i dubbi che hai sono tutt'altro che banali. Buona fortuna

 "Esistere significa “poter scegliere”; anzi, essere possibilità. Ma ciò non costituisce la ricchezza, bensì la miseria dell’uomo. La sua libertà di scelta non rappresenta la sua grandezza, ma il suo permanente dramma. Infatti egli si trova sempre di fronte all’alternativa di una “possibilità che sí” e di una “possibilità che no” senza possedere alcun criterio di scelta. E brancola nel buio, in una posizione instabile, nella permanente indecisione, senza riuscire ad orientare la propria vita, intenzionalmente, in un senso o nell’altro."

(Kierkegaard)

Avatar di Dark Side of the MoonDark Side of the Moon alle 14:12 del 26-08-2019

Dopo essermi riconosciuta e legittimata nella citazione di Kierkegaard, ora mi sento ancora più potentemente disambientata, ma almeno i miei dubbi non sono stati considerati banali! E devo dire che lo sento come un privilegio il poter raccogliere le mie perplessità nel pensiero del padre dell'esistenzialismo. Credo che sia a me che a Kierkegaard sia mancata in adolescenza una sana dose di orientiring, di conseguenza non ci é rimasto che optare per mosca cieca, insomma quei due reietti che durante l'ora di ginnastica nessuno li sceglie per la sua squadra e sono quindi destinati a stare in panchina e a tifare per tutto il tempo per il successo altrui! Ma magari chissà anche questa é una via per raggiungere l'illumimazione!!😂

@darkside Palesati ti prego perché sei un grande! 🙏

Avatar di AnonimoAnonimo alle 22:52 del 26-08-2019

Battiato è un ignorante, solo gli ignoranti credono sia colto. Non c'è nessun centro di gravità "permanente" e questo è uno dei pochi - se non l'unico - aspetto della vita che la rende imprevedibile e sempre degna di essere vissuta, con rarissime eccezioni che confermano la regola.

Avatar di AnonimoAnonimo alle 14:52 del 27-08-2019

😉

Avatar di Dark Side of the MoonDark Side of the Moon alle 21:25 del 27-08-2019

Inserisci nuovo commento



Attenzione: i commenti sono moderati per i non iscritti.

Statistiche:

Voto medio

0 VOTI

Iscriviti per poter votare questo sfogo.
 

Iscriviti!

Iscriviti
Iscriviti e potrai aggiungere commenti senza attendere approvazioni, votare gli sfoghi e gestire i tuoi post ed il tuo profilo senza limitazioni.
Clicca qui per aggiungerti