Ven

04

Lug

2014

sono ipocondriaca

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Ogni volta che ho un male penso sempre al peggio,ogni volta che mi devo fare un esame del sangue o di altro ho paura..ho troppa paura e non riesco a uscirne,quando sento gente che parla di brutti mali o morte sto male e devo cambiare aria.

Non so come è perché sono entrata in questo modo di pensare. 

10 commenti

Non credo che ti sia ipocondriaca. 

E' normale aver apura di fare determinati esami, soprattutto se invasivi. Anche io per esempio quando devo farmi le analisi del snague sudo freddo perchè avendo vene molto piccole ho sempre timore che debbano bucherellarmi come un colabrodo prima di beccarla.

Inoltre è normale sentirsi a disagio quando si aprla di brutte malattie, fanno parte di quelle cose di cui noi abbiamo paura. La malttia soprattuto fa spavento perchè viene collegata al dolore, al travaglio fisico e morale.

Il patofobico di solito è eccessivamente preoccupato della propria salute, pensa sempre che gli esami riveleranno qualche malattia perchè addiritura ne avverte i sintomi. E' altresì detto Malato immaginario.

Pur troppo la malattia e la morte fanno parte della vita. Ammettere di esserene spaventati è umano, ma non lascirti influenzare da essi o davvero potrresti sviluppare delle paranoie etc etc.  

 

Avatar di AnonimoAnonimo alle 13:19 del 04-07-2014

Secondo me la tua è una forma di ossessione più che di ipocondria senti il tuo medico cosa ti dice quando le emozioni sono portate all'estremo non è salutare e per vivere meglio bisogna intervenire forza !!

Avatar di HesmeraldaHesmeralda alle 13:32 del 04-07-2014

è probabilmente legato ad una depressione, perchè non provi a rivolgerti ad uno psicologo? sono sicuro che qualcosa riusciresti a scioglierlo.

ho una cugina che ha questo problema oltre ad altre fisime legate all'alimentazione, sicuramente collegate a questa, e si sta facendo parecchio del male. solo che è abbastanza difficile da aiutare perchè il suo ragazzo sembra assecondare molte sue "follie".

però penso che tu sia avvantaggiata perchè riconosci che qualcosa non va

Avatar di sgambettosgambetto alle 13:38 del 04-07-2014
non so se รจ ipocondria

dovresti parlarne con il medico di famiglia per esserne certa.

Forse sei una persona molto emotiva che tende all'esagerazione. 

Avatar di bimbadolcebimbadolce alle 13:51 del 04-07-2014

Autrice

L'ho cominciato ad avere dopo che mia madre se n'è andata.

Inizialmente passavo periodi a piangere soprattutto in autunno,poi sembrava passato e ora ogni minima cosa ho paura di morire.

Non riesco neppure a parlarne.

Si è anche acuito dopo che ho partorito mio figlio. Ora ho un esame per una colica renale e il dottore mi ha dato anche quelli del sangue per escludere che io abbia qualche patologia che genera calcoli. E la mia mente vola subito alle peggiori.

Avatar di AnonimoAnonimo alle 13:54 del 04-07-2014

È associata dunque alla morte di tua madre e direi pure alla gravidanza. I lutti sono in grado di portarci squilibri inimmaginabili.  Comunque a livello molto ma molto superficiale tieni presente che il tutto si è acuito perché ora sei TU madre e temi di fare la medesima fine. Si vede che temi la morte dal modo in cui hai parlato del suo "decesso" ovvero  "se n'è andata" come se la parola "morte" fosse troppo traumatizzante da pronunciare. Prendi in serissima considerazione l'idea di una terapia da uno paicologo, qui non credo si parli d'ipocondria ma di qualcosa di molto diverso, shock, trauma, che inizialmente sono normali ma dalla piega che sta prendendo è necessario indagare più approfonditamente, per il tuo bene e per il vene di tuo figlio

Avatar di SetantaSetanta alle 14:19 del 04-07-2014

No setanta non mi sono spiegata bene SE NE È ANDATA VIA non è morta.

E casa sua,le sue cose sono tutte qui..e viva ma è andata lontano da me..ha cambiato vita.

La sento e la vedo due volte l'anno ma  è distante pure di testa.

Sembra come se fosse morta..e come se ora fosse...una zia lontana. 

Non so che mi abbia fatto la sua partenza ma sono cambiata da allora. 

Avatar di AnonimoAnonimo alle 14:34 del 04-07-2014

Come ti immagini di morire? Cosa succede dopo?
E le persone tipo tua madre, che fine fanno in questa storia?

Avatar di farnightfarnight alle 15:37 del 04-07-2014

Autrice evidentemente hai percepito l'allontanamento di tua mamma come un abbandono che per certi versi è simile al lutto. Forse ora ti senti indifesa ed è per questo che temi così tanto le malattie e la morte. Forse ti sei sentita abbandonata proprio nel momento in cui anche tu sei diventata mamma e avresti tanto avuto bisogno di supporto da parte di tua madre. Noi possiamo fare mille ipotesi a riguardo, quel che è certo è che ti devi rivolgere ad uno specialista che ti possa aiutare perchè hai un bambino piccolo da crescere.

Avatar di Gioia123Gioia123 alle 15:41 del 04-07-2014

Farnight:che fine fanno lo ho spiegato,vive lontana e si comporta come se è ripartita da zero . Sembra più una vecchia zia che una madre,non si premura di chiamare e non si interessa di me. Sta vivendo una seconda giovinezza credo.

Per la morte..credo ma ho paura che siamo tutti qui..che dopo c'è il nulla. 

Avatar di AnonimoAnonimo alle 17:00 del 04-07-2014

Inserisci nuovo commento



Attenzione: i commenti sono moderati per i non iscritti.

Statistiche:

Voto medio

0 VOTI

Iscriviti per poter votare questo sfogo.
 

Iscriviti!

Iscriviti
Iscriviti e potrai aggiungere commenti senza attendere approvazioni, votare gli sfoghi e gestire i tuoi post ed il tuo profilo senza limitazioni.
Clicca qui per aggiungerti