Funghetto

Sab

07

Mag

2016

Quali sono le parole giuste da dire ad un malato?

Sfogo di Avatar di FunghettoFunghetto | Categoria: Altro

Due anni fa, quando ancora vivevo a Londra, ho conosciuto M., una ragazza giapponese con cui sono diventata molto amica ed ho sempre mantenuto ottimi rapporti, siamo rimaste in contatto via email anche dopo quando lei ritornò a Tokyo ed io partii per gli Stati Uniti.

Un anno fa mi disse che aveva un tumore e mi mandò una foto di lei stesa sul lettino d'ospedale con la mascherina per respirare l'ossigeno. Rimasi senza fiato per lo shock, perché non pensi mai che queste cose  possano  accadere alle persone vicino a te. 

Le dissi che le sarei rimasta vicina, che mi dispiaceva e da quel momento non ne parlammo più. Con il passare del tempo lei cominciò a scrivermi meno, ma guardando sul suo profilo di Facebook sapevo che stava bene dalle foto che metteva con gli amici. Non sembrava nemmeno malata.

L'altro giorno ci siamo aggiornate sugli ultimi eventi e lei mi ha risposto dicendomi che le piacerebbe visitare i posti dove sono andata prima di morire e alla fine del messaggio mi ha mandato una nuova foto con scritto "haha guarda sono io": lei ripresa da dietro, dove si vede che le manca una grande ciocca di capelli, lasciandole un "buco" bianco nella nuca.

Nella mia famiglia, ho già avuto a che fare con mio padre malato e sapevo come comportarmi, ma con lei non so che cosa dire.

Vorrei scriverle che quella foto non è lei, è soltanto una piccolissima parte della persona gentile e meravigliosa che è lei e vorrei sapere come sta, ma a me sembra una domanda stupida vista la circostanza.

Se potessi andare a visitarla lo farei, forse dal vivo saprei cosa dirle, ma via email non so cosa scriverle senza cadere nell'errore di ferirla.

 

Gio

21

Gen

2016

Tra rose e fior nasce.....un visto permanente?

Sfogo di Avatar di FunghettoFunghetto | Categoria: Altro

Frequentando un forum di italiani che abitano all'estero, sono capitata in una discussione di persone che abitano (o hanno intenzione di viverci) in Giappone e America. Tra le tante chiacchiere su quanto sugoiiii sarebbe abitare in Nippolandia e quanto figo sarebbe abitare in California a flirtare in spiaggia, si parlava di come ottenere un visto lavorativo.

Tra alcuni consigli/esperienze, spunta la più squallida di tutte "cercati il tizio con la green card e sposatelo / sposati il giapponese e sei apposto".

Non mi interessa il discorso moralistico secondo cui bisogna sposare solo l'ammmore della propria vita, ma piuttosto quanto possono cadere in basso le persone?Che razza di omuncolo sei te che parti per il Giappone e ti poni come obbiettivo di sposarti una giapponese pur di rimanere in quel paese?  

Capisco che per realizzare un sogno si è disposti a tutto, ma vali quanto una banconota del Monopoli se quello di sposarti è l'unico modo per sistemarti in quel paese.

Va bene che se ti capita il marito o la moglie incattivita in Giappone ci sono i Love Motel dove ti puoi andare a sfogare ed in America ci pensi su visto che  c'è la prospettiva di  una bella vacanza in galera se ti beccano che fai accordi con qualcuno per ottenere il visto, però insomma manco fossimo pezzi di carne che camminano e basta.

  

Tags: visto

Iscriviti!

Iscriviti
Iscriviti e potrai aggiungere commenti senza attendere approvazioni, votare gli sfoghi e gestire i tuoi post ed il tuo profilo senza limitazioni.
Clicca qui per aggiungerti