Lun

09

Ott

2017

La signora russa dell'ultimo piano

Sfogo di Avatar di CinereaCinerea | Categoria: Lussuria

La vita di coppia dei miei genitori non è affar mio. Facciano quel che più loro aggrada, non mi interessa e non mi deve interessare.

So che mia madre non ama più mio padre e che non ha piantato tutto perché ci sono io. Sono scelte, immagino. 

So che mio padre tradisce mia madre, ma la cosa non mi stupisce perchè "un uomo che non ha donne va a troie, diciamocelo" (cit. lui, letterale, di qualche anno fa). "Tradisce" è una parola grossa, poi, dato che le cose stanno così.

Io, probabilmente, dal punto di vista di mio padre sono la figlia stronza, e lei la moglie frigida o quel che è. Non riesco ad aprirci un dialogo. Stronza io, evidentemente, ma giuro che ci ho provato. Non ci sono mai riuscita, siamo su pianeti diversi e non mi ascolta: mi interrompe, e parte per la tangente senza aver ascoltato la mia frase fino in fondo. Non ci riesco proprio. Anche perché sono la bambina stupida che vive tra le nuvole e non sa com'è il mondo vero e che rimane tra le sue fantasie, a quanto pare. 

"Vorrei sapere in che mondo vive, questo mondo di fantasia, questo mondo che non esiste.. Altrove dal mondo vero, boh, chissà cosa pensa di com'è il mondo.", ha detto lui oggi, ed è andato avanti su questa linea. Magari vivessi altrove che qui, papà, magari potessi scappare dalla realtà.

In qualsiasi caso oggi, uscendo sul balcone, ho trovato un foglietto con scritto un nome ed un numero di telefono. Nome femminile, dell'est. Due più due. E insomma, vabbè, non mi stupisco e non mi tocca particolarmente. In realtà non mi tange minimamente. 

Poggiato dietro le sbarre della finestra che dà sul succitato balcone. Dettaglio importante. Perché lui non sa mentire. Con nonchalance, quando torna dal supermercato, gli dico: la carta fuori si rovina, non lasciarla lì o si sciupa. Beccato subito, risponde troppo velocemente. Quale carta? Un biglietto che c'è lì. Che biglietto? Boh, un biglietto. 

"Sarà caduto alla (inquilina russa dell'ultimo piano)".

Attenzione: io non ho detto che era un nome dell'est. Bam. Ed il foglietto era dietro le sbarre. Inoltre, la signora russa abita sull'altro lato del condominio.

Dai, papà. Mi consideri una bambina imbecille, ok, però un minimo di organizzazione ti serve. 

Come ho già detto, non mi interessa di cosa fa o non fa, in casa come altrove; l'unico motivo per cui ho detto qualcosa è che se mia madre esce sul balcone e lo vede la faccenda diventa spiacevole. Foglietto rosa brillante, eh. Post-it.

Insomma, se vai a troie fallo con discrezione, pà. Non giudico, sul serio. È praticamente ovvio. Fatti vostri, di certo non "vado dalla mamma a dire che il papà le fa le corna". Ma un velo di cortese ipocrisia ci sta sempre bene, in questi casi. 

Insomma, sbattere (anche se per sbaglio) la cosa in faccia a mia madre è lo step successivo. Eddai. 

3 commenti

🎶Con la donna dell'Est

Per tre soldi

Un paparino un bel giorno chiavó 

🎶E venne la figlia 

Che trovò il biglietto 

Col numeretto che il padre chiamò 🎶

🎶Alla donna dell'est

Per del tempo

Il suo cliente  sbadato mancò 🎶

Avatar di prepuzioprepuzio alle 16:23 del 11-10-2017
Per me è stato devastante

Invidio il tuo sangue freddo, cinerea. 

Avatar di ConfusissimaConfusissima alle 21:59 del 11-10-2017

Ma se questo bigliettino fosse stato di un'italiana avresti scritto questo post? Se tuo padre va con altre donne non saranno mica sempre le straniere no? Non capisco...

Avatar di AnonimoAnonimo alle 23:33 del 11-10-2017

Inserisci nuovo

Inserisci un Titolo al commento:

Commento:*

Inserisci il codice antispam: CAPTCHA image
Attenzione: i commenti sono moderati per i non iscritti.

Statistiche:

Voto medio

0 VOTI

Iscriviti per poter votare questo sfogo.
 

Iscriviti

Iscriviti
Iscrivendoti potrai aggiungere commenti senza attendere approvazioni, votare gli sfoghi e potrai gestire i tuoi post ed il tuo profilo senza limitazioni.
Clicca qui o sull'immagine per aggiungerti