Tag: vita

Gio

18

Ago

2016

Dopo aver compiuto diciotto anni vorrei andarmene di casa.

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Spero che non sia solo un capriccio di quest'età, ma io appena compio i diciotto anni voglio trasferirmi, essere indipendente, andare a vivere da sola. Sto in un paese in provincia dove non mi da niente, la mia famiglia non è una delle migliori, con mia mamma ci litigo spesso, con mio papà non c'è dialogo e per giunta entrambi non hanno quasi mai un buon rapporto. È tutta una noia, sento che quello che voglio non lo cerco qui, ma a loro evidentemente piace tutta questa merda, e questa gente (di merda), i vicini di casa che osservano qualsiasi movimento, o chi si vanta di avere un figlio diplomato buttando nella merda gli altri. 

E non importa se magari sarà più impegnativo vivere da sola che con i genitori, perché io qui non ci voglio stare, troverò un lavoro anche se magari sarà difficile, almeno so che ho fatto qualcosa con le mie mani, anche perché i miei genitori stanno sempre a rinfacciare qualsiasi piccolezza nonostante non sia una persona viziata...

E niente mi andava di scriverlo perché ci stavo pensando 

Mer

17

Ago

2016

Ah... la vita

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Ira

I miei appena possono, sono pronti a giudicarmi. Eppure sono una persona tranquillissima. 

Per loro avere tre piercing e i lobi dilatati è come dire "guardatemi, mi drogo". Non ho parole, in vita mia non mi sono mai drogata, nemmeno una canna, massim una due sigarette quando esco.

Il massimo che faccio di "pazzo" (se così si può dire) è uscire col mio ragazzo (con cui sto da 6 anni), uscire con la mia migliore amica e andare a 2/3 concerti in croce durante l'anno (per lo più gratis).

Stanno sempre a dirmi che sono una fallita e che non concluderò mai niente nella vita.

Mi sono appena diplomata, quest'anno andrò a lavorare per mettermi qualche soldo da parte e poi l'anno prossimo andrò a iscrivermi a medicina, il mio più grande sogno nel cassetto. 

 Io non mi sento una brutta persona, anzi, sono abbastanza convinta di essere una persona coi piedi per terra.

Sono insicura la maggior parte delle volte e fredda, credo che queste caratteristiche caratteriali me le abbiamo inculcate i miei, a forza di dirmi che sono una nullità rispetto agli altri, che sono meglio i figli dei loro colleghi e tutte ste stupidaggine. Mia madre mi da pure della ragazza dai facili costumi perchè ho un ragazzo... figuramoci che quest'anno sono andata in vacanza con lui per due settimane e ha ancora da rompere.

Pensare che non mi voleva accompagnare dalla ginecologa poco tempo fa perchè "ci vanno solo le donne adulte e chissà gli altri cosa pensano".

Senza parole, spero di andarmene presto da sta casa.

Lun

08

Ago

2016

La mia vita è ancora mia?

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Avarizia

un altra volta mi è capitato di sfogarmi qui per un problema che ancora adesso non sono riuscita a risolvere. Per molte persone potrei essere una stupida, una rammollita.. Ma io davvero non riesco a porre fine alla mia storia. La mia storia fatta di gelosie e privazioni, che mi ha escluso completamente dal mondo, che mi ha lasciato due o tre amiche al massimo, che mi ha precluso l'uso di qualsiasi social, che ha eliminato la mia libertà.. Una storia che mi ha rinchiuso in una gabbia dorata in cui devo giustificarmi per COME DOVE PERCHÉ QUANDO E CON CHI faccio una cosa. Il motivo per cui stiamo ancora insieme è chiaro, io sono ancora innamorata di questa persona. Non che in me non ci sia la consapevolezza di quanto tutto questo sia sbagliato ma entrano in gioco altre cose. 1) la paura di restare sola: in questi anni mi sono allontanata un po' da tutto e da tutti ed è come se l'animale sociale che è in me fosse morto. Sono molto più timida e chiusa in me stessa (cosa che prima della mia relazione non ero) 2) la paura in generale: ogni volta che stavo per chiudere tra di noi lui piangeva , si disperava, non accettava minimamente la mia decisione. Veniva sotto casa e ci stava finché non scendevo per parlare con lui. Dopodiché o mi aspettava qualche scatto di rabbia (di cui molte volte sono stata impaurita anche se non c'è stato mai nessun segno di violenza) o un pianto a dirotto su come potessi fare una cosa del genere . Risultato ? Sono punto e daccapo. Ho paura che possa screditarmi in giro, dirne di tutti i colori su di me (anche se in realtà non ho mai fatto nulla di sconvolgente , certo è il mio ragazzo ma non sono mai andata oltre quello che io sentivo di fare e aprendo un altra parentesi lui fa molte pressioni) 

insomma io tuttora non sto ancora bene con me stessa , mi sento persa e in un momento cruciale della mia vita si potrebbe dire che non mi conosco affatto, che non mi sto evolvendo come persona , e tutto questo mi fa soffrire. Penso anche al tempo che passa , a questi miei giorni che non sto vivendo a pieno perché troppo presa da una persona che vuole solo tenermi tra 4 mura. Ogni volta che esco vuole sapere cosa mi sono messa, se mi sono truccata , cosa sto facendo, perché ...quando esco con un'amica è una tragedia assurda, i ragazzi manco a parlarne, neanche li devo nominare ! Controlla il mio telefono ogni momento, mi chiama sempre e se non rispondo chiama a casa e dovunque possa chiamare.

ieri ho visto una ragazza a cui il fidanzato tirava letteralmente i capelli dalla testa, e le prendeva il telefono dalle mani, per poi andarsene, lei intanto scappava e lui dopo è ritornato in quel punto ma non l'ha trovata più , e cercava come un pazzo, correndo in ogni angolo della strada. Vedendo questa scena ho pensato a me, sono come lei? Prigioniera di tutto questo.. O la mia vita è ancora mia?  

 

Lun

08

Ago

2016

Dieci anni in meno...

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Oppure anche otto,andrebbero bene lo stesso!

Mi sento come se avessi buttato la mia vita,facendo scelte che a oggi non so se rifarei.

Dieci anni in meno mi permetterebbero di coltivare una carriera che desidero e che non ho avuto,

provare a fare quel figlio che ancora non ho fatto e onestamente non so se arriverà mai,

evitare un matrimonio disastroso,

fottermene dei desideri altrui e pensare a fare solo ciò che mi rende felice.

Si,mi piacerebbe essere più egoista,meno servizievole,con meno educazione,

perché ha nuociuto solo a me.

Sono tante le mie questioni irrisolte,

le ferite mai rimarginate del tutto.

Porto le cicatrici delle mie battaglie bene in vista,

ho fama di essere una persona forte,che non cade mai.

Eppure,quante volte ho provato un dolore intenso,

da farti urlare fino a non avere più un solo momento di fiato...

Avrei voluto buttarmi a terra,piangere,supplicare,

dire:hey anch'io sto male,anch'io soffro e sanguino come tutti.

Ma l'orgoglio e il senso del pudore me l'hanno impedito.

E' dura questa mia corazza,intrisa di sogni infranti,

di mani che non stringerò mai più,di bimbi che non cullerò,

di sorrisi svaniti disciolti nel pianto più acido che esiste.

Eh si,solo la mia fiera spada mi sostiene...

Ma sapeste ora come mi tremano le ginocchia. 

Dom

07

Ago

2016

Ansia

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Sono le 6 del mattino, i miei genitori sono usciti con il cane per la solita gita della domenica e io sto annegando nell'ansia.

Sono rannicchiata sul divano con addosso il mio pigiama rosa con le mucche stampate, le orecchie tese per captare ogni minimo rumore, il cervello in esplosione e il sonno che mi attanaglia. Mi manca solo uno scolapasta in testa e un mestolo in mano per completare questo patetico quadretto da soldato in trincea.

A 20 anni è penoso non essere in grado di dormire a casa da soli. 

Anzi, è penoso non essere in grado di dormire.

Sono mesi che sono soffro di insonnia, ormai non mi ricordo nemmeno più cosa voglia dire dormire bene per tutta una notte.

All'inizio è cominciato con la difficoltà a prendere sonno e la comparsa di numerosi incubi. Poi gli incubi sono andati scemando, ma si è rafforzata l'incapacità ad addormentarmi. Sto sveglia fino a notte fonda e riesco a chiudere gli occhi solo al mattino. Ora, paradossalmente, ho anche inziato ad avere paura ad addormentarmi. Non so perché, ma spesso, quando mi rendo conto di stare per prendere sonno, mi prende l'angoscia e mi costringo a svegliarmi. Ma le migliori credo rimangano quelle notti in cui proprio non riesco a chiudere occhio. Con i miei amici ci rido su dicendo che ormai sono abituata a fare after, ma la realtà è che durante quelle notti arrivo a farmi del male fisico (non che l'autolesionismo sia un problema solo notturno) pur di alleggerire il carico di ansia e angoscia che mi attanaglia. È come se il mio cervello perdesse la bussola e non fosse più in grado di tenere a bada i pensieri. A volte ho paura di perdere totalmente il controllo e impazzire scollandomi totalmente dalla realtà. Di questa cosa ho vergogna a parlarne anche con la mia psicologa, mi sembra di essere troppo una disagiata. 

La mia ansia sta intaccando ogni singolo aspetto della mia vita. Il sonno, le relazioni sociali, il rapporto con me stessa.

Non ce la faccio più. Sono esausta.  

Gio

28

Lug

2016

Passi nel buio

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Ira

Non capisco se é solo una cosa mia oppure accomuna un po tutti, ma in vita mia alla luce dei 20 anni mi rendo conto di non aver mai fatto nulla seguendo un piano, un programma, ma sono andato avanti a tentoni prendendo quel che passava, a volte è andata bene altre meno.

Mi riferisco in particolare alla scuola, alle medie cominci a prendere coscienza di te stesso a farti delle domande, a immaginare un futuro.

Le scuole superiori le ho scelte seguendo un sogno bizzarro, che è svanito si e no dopo il primo anno. Fatto sta che cominciai a odiare quello che facevo, diventai pessimista, e man mano che mi avvicinavo alla maggiore età vedevo un futuro buio, capii che ero in balia del caso, del nulla, e che di  li a poco avrei dovuto scegliere cosa fare una volta fuori da scuola.

Finita la scuola aimè mi sentivo una nullità, non sapevo nulla e non avevo imparato nulla di utile, dopo 19 anni e 13 di scuola ero enon sono di nuovo punto a capo, punto zero.

Adesso son piu insicuro che mai, poiche mentre prima c'erano tempo e possibilità adesso ce nè molto meno.

Mi sto iscrivendo all'università, ancora una volta non per passione, non per vocazione, ma per caso, ma perche se c'è un'ultima speranza di miglioramento é questa e solo questa.

Non so cosa mi aspetta, non so quanto durerò, non so se mi piacerà, non so nemmeno cosa penserò una voltà laureato, magari penserò di nuovo tutte queste cose, ma sarò 5 anni più vecchio.

Tanti passi nel buio sono stati fatti e tanti ne faremo, dopo 20 anni, non sappiamo ancora cosa vogliamo ne come ottenerlo.

 C'è speranza?

 

Mar

26

Lug

2016

Una paura che impedisce di vivere

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Sono una ragazza di 25 anni e ho sempre più paura della morte, non solo della mia ma ho soprattutto terrore che possa accadere qualcosa a mio figlio, soprattutto quando crescerà e prenderà la sua strada. Vedo così tanti giovani morire ultimamente, così tante vite che si spezzano ingiustamente che ho terrore che possa capitare anche a me o a noi... Non che io sia felice di stare in questo posto così cattivo che è il mondo, ma in fondo la vita è bella, è bello l'amore per la famiglia, per i figli, per il prossimo quando è incondizionato... Vorrei fare ancora tanto. Ho paura persino ad uscire, ho paura che finisca tutto senza rendermene conto, ma preferisco che accada a me che ai miei cari. Ovviamente il mio essere agnostica e non sapere a cosa credere non aiuta, e credo appunto che la religione serva solamente come appoggio per farci accettare questo brutto distacco che è la morte, quando invece dovremmo solamente accettarla in quanto parte della vita. Ma io... Non ci riesco. 

Tags: vita, morte, paura

Sab

23

Lug

2016

Odio tutto e tutti

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Non ne posso più ! Odio il mio lavoro, odio il mio capo, odio la mia vita, sto con un ragazzo che di mestiere fa il calciatore nella massima serie ed è un inferno stare con lui, non mi fido, non mi da certezze, a giorni è dolce e sembra il più innamorato del mondo, a giorni soprattutto se le cose vanno male con la squadra, sembra la persona più fredda del mondo! Per il lavoro ho deciso di licenziarmi perché odio profondamente tutto, ma per il mio ragazzo NON SO davvero come fare perché la testa mi dice di lasciarlo ma il cuore no.. Credo che sono legata a lui solo per il ricordo di nostro figlio che purtroppo è salito in cielo prima di nascere, ma con uno come il mio ragazzo non ci starebbe nessuna ! Eppure io ci sto.. E mi odio per questo !!! Sono abbastanza carina e ho un bel carattere potrei avere chi voglio ma non riesco a mollarlo aiutatemi .. Non ho una famiglia, tra poco non avrò nemmeno un lavoro e mi rimane solo lui.. Cioè praticamente sarò sola perché stare con lui è come stare sola ! Odio la mia vita di merda! Eppure c'è gente che mi invidia !!!!

Ven

15

Lug

2016

Anch'io fra quelli che hanno una vita di merda! La mia però più di merda di tutti!

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Accidia

La mia é proprio una vita di merda!Nessuno mi capisce!

Sempre le stesse cose, sono un fallito, mi va tutto storto, non mi piaccio la mia ragazza mi ha lasciato e il mio lavoro mi fa schifo. Sono un lavoratore dipendente mi occupo di fosse biologiche. Dal mattino fino al tramonto, merda a palate, anzi valanghe di merda, faccio sempre le stesse cose, che vita di merda.

Ieri sera decido di fare una passeggiatina a passo veloce per rilassarmi un po' dopo una giornata a spalare merda, indosso le mie nike appena comprate, sembrava andasse bene la giornata  ma nemmeno cento metri, affondo un piede in una cagata enorme, scivolo e cado all'indietro andando a finire preciso sopra il cagatone. Che schifo e che vita di merda é mai questa.

Passeggiata dunque rovinata, rotto puzzolente zoppicante e avvilito mi avvia verso  casa e come se non bastasse , non so da dove sia partito il siluro, affondato! Una cagata di qualche uccello, forse un piccione, anzi, direi più di sicuro una mucca volante, ma che vita di merda.

L'unica soddisfazione che ho in questa vita di merda e la precisione del mio intestino, almeno ho un appuntamento per rilassarmi leggendo gli sfoghi di tutti quelli che hanno la vita di merda come la mia. L'altro giorno però la conferma, dopo essermi scappata una scoreggia abbastanza lunga e potente e avendo la finestra aperta, qualcuno da sotto mi ha ha detto:" Salute a te stronzo!"  Che vita di merda, ormai lo sanno tutti!

Ven

15

Lug

2016

Arrabbiata con la vita

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Ira

Ho sempre amato la vita, l'ho sempre voluta vivere in pieno, ma diventa sempre più dura.
Ho perso la persona che amavo, e non riesco ad amare nessun altro.
Ho dovuto lasciare la mia famiglia e i miei amici per il mio lavoro che mi porta a stare lontana. 
Ho sempre dovuto lottare duro per ogni singola cosa, ne vado fiera, ma sta diventando dura. 
Non riesco a provare più amore, non riesco ad essere felice, voglio tornare a casa e non posso altrimenti dovrei lasciare il lavoro che mi sta dando un futuro.
Io non ce la faccio più a lottare. Esco e rido, torno a casa e piango, piango tutte le lacrime trattenute durante tutto il giorno, lacrime nascoste dietro un costante sorriso. Sono arrabbiata con la vita, che seppur cosi bella, continua a diventare sempre più difficile. 
Non so più che fare, più tengo duro, più mi convinco di star bene e più sto male. 
Soffro di ansia, attacchi di panico , di depressione. Già una volta ho dovuto ricorrere a psicofarmaci per riuscire a non mollare ed uscire da questa crisi. Amo la vita ma non ce la faccio cosi, mi sembra di morire sempre più dentro. 
Frequento un ragazzo da un paio d anni , che vorrei amare e non riesco. Che vorrei lasciare ma ho paura, non ho il coraggio perchè se ho tenuto cosi duro fino ad adesso è grazie a lui, alla persona stupenda che è. Persona che non riesco ad amare, a cui sto rubando del tempo. E questo mi fa stare ancora più male.
Soffro di depressione, e questa bestia si è rifatta viva. Nessuno sa come sto, non posso dirlo alla mia famiglia ne ai miei amici, ne al mio ragazzo. Si preoccuperebbero ed io non voglio, non posso dirglielo.
Vivo con un finto sorriso ma non ce la faccio più. Ho bisogno di aiuto, ho bisogno di una soluzione, ho bisogno di star bene. Non ce la faccio più.