Tag: solitudine

Lun

20

Gen

2014

Senza Titolo

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Ciao a tutti. Io non ce la faccio veramente più, non so se sono io che esagero o se veramente la situazione è insostenibile. Allora sto facendo l'au pair (ragazza alla pari) all'estero da poco meno di un mese...prima di venire qui, qualche mese fa ero venuta a conoscerli di persona e mi sono sembrati gentilissimi e carini e la loro figlia di 6 anni molto dolce e sembrava essersi subito affezionata a me. Bene, arrivata qui ho cominciato a vedere le cose in maniera totalmente diversa: la bambina è insopportabile, capisco perfettamente che deve adattarsi a me e che le manca ancora la ragazza che aveva prima di me, ma sono 3 settimane che è sempre scontrosa con me, mi caccia via, mi spinge e alza anche le mani (ovviamente è una bambina non mi fa niente) però il gesto non è molto simpatico. la madre mi ha detto "è normale si deve abituare". Si ok, ma questa benedetta bambina è veramente maleducata, non si tratta di darle tempo ma si tratta molto spesso di vera e propria maleducazione, anche perchè molte volte non obbidisce nemmeno ai genitori nonostanza la sgridino (non abbastanza secondo me). I genitori mi dicono di dir loro se si comporta male ma tanto non cambia niente....la mattina per preparare la bambina è un inferno, mi caccia dalla sua stanza, si vuole preparare la colazione da sola, cosa che il padre mi ha detto che devo fare io, mi urla contro, nel tragitto che facciamo a piedi per accompagnarla all'asilo non mi ascolta e fa come le pare, io posso soltanto sgridarla ovviamente, ma è veramente insopportabile. E poi....il senso di sentirmi un ospite in questa casa anche se loro cercano di mettermi a mio agio, ma non posso mai stare rilassata perchè quando ceniamo per esempio mi sembra di stare in un ristorante di lusso. Mi ritengo una persona abbastanza forte, non mi piace arrendermi subito e sto cercando di resistere perchè è stata una mia scelta, ma ho già pianto due volte da quando sono qui, cosa non da me. Mi sento tremendamente sola, il paese dove vivono è un po' isolato, a casa, ripeto, non mi sento mai rilassata, solo quando sono in camera mia sto meglio a mio agio. Stavo iniziando a valutare la possibilità di cambiare famiglia....non so...sono in crisi, ogni giorno ci penso e ho un'angoscia tremenda!!! SONO IO CHE DRAMMATIZZO TROPPO LA SITUAZIONE OPPURE VOI COSA FARESTE AL POSTO MIO???

Mar

07

Gen

2014

Alcune persone al posto della sciarpa dovrebbero mettersi una corda bella stretta al collo.

Sfogo di Avatar di KoraKora | Categoria: Ira

Salve, salve, salve.
Non ho un demonio per capello; no, ho direttamente Lucifero che balla il tip-tap sulla mia testa mentre immagino di fare cose assurde alle persone (quasi tutti) che mi stanno innervosendo a bestia in questi giorni.
Sono circondata da bugiardi, falsi, crudeli, insensibili e soprattutto smidollati che devono rovinare le giornate a delle persone innocenti con i loro drammi.
Tipo... Era una fredda mattina (ieri) quando una mia amica mi ha svegliata a furia di chiamate alle 6 di mattina dicendomi che come buongiorno il suo ragazzo l'aveva lasciata perché lei lo aveva tradito... "MI HA MOLLATA, LO STRONZO." ... Immaginatevi, una persona che giá non ha il cavolo di alzarsi il lunedí, con il ciclo mestruale stile Nilo di Sangue, un mal di testa potentissimo e la frase "mi ha mollata perché l'ho tradito! Stronzo!!".
Ho riso. La sua scusa era "eh, ma non era amore, era solo sesso"... Perché fai sesso con un altro se hai un ragazzo? ouo"
Vabbé... Altra cosa assurda. La mia migliore amica  prima di Natale/Capodanno mi ha detto che sarebbe venuta di certo a trovarmi per pasare le feste con me visto che é un anno che non ci vediamo per via... Indovinate.
Il giorno prima del suo arrivo mi manda uno schifoso messaggio su failbook dicendomi "ah, scusami tanto ma non posso venire da te perché ho preferito andare ad una festa con la mia migliore amica... Ciao e baciotti."

...

Io avevo comprato TUTTO per lei e lei il giorno PRIMA mi dice che non puó venire perché ha preferito andare ad una festa. Vabbé.

I bugiardi sono i tipici, li scopri che mentono e rigirano la frittata fino a quando non sei te la cattiva e tutto il mondo di crolla addosso.

Peccato che non si puó utilizzare la magia al di fuori di Hogwarts, altrimenti li Avadakedavrizzeri tutti
Buona giornata, peccatori!
E grazie della lettura

Mer

11

Dic

2013

Ci si ritrova sempre soli

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Ira

Perché perché ????perchè mi sono sempre spaccata in4 x gli altri e invece sono gli stronzi ad avere la fila di gente???non voglio più avere a che fare con la gente.voglio ritirarmi in un eremo. Vi giuro sono SEMPRE IO quella che ascolta i problemi di tutti e quando ho bisogno di essere ascoltata...le amiche si danno alla macchia! Ma è possibile che sia sempre io a dover andare a casa degli altri!,!? E mai nessuno fa la fatica di venire da me(non parliamo di distanze abissali) i piccoli gesti esistono e io non ne ricevo mai! Ma la colpa è solo mia! Mi continuo a circondare di egocentrici è assurdo!il ragazzo e le amiche parlano sempre di loro stessi e quando lo faccio notare improvvisano degli occasionali e poso veritieri" ma raccontami tu.." Ma fanculo per colpa vostra io non mi so più raccontare!!!! Non so più parlare di me stessa. Io dó ascolto ATTIVO e non mi sembra molto pretenderlo quelle 2 volte l'anno in cui arrivo al limite. 

Io ci ricado ogni volta, piena di fiducia nel prossimo ma poi SBAM inculata. Da sola nei momenti peggio. Mi sento veramente ascoltata solo da 2 persone : la mia mamma e la psicologa. Che bello pagare una tipa per essere ascoltati, è frustrante. 

Vorrei staccarmi da tutti e annientare i legami sentimentali. Dico sempre che si è sempre e completamente da soli al mondo ...a volte mi fa piacere, mi dà forza qst filosofia, altre mi butta giù e mi fa arrabbiare perché è una regola che non vale per tutti: c'è chi è sempre circondato da gente: gli stronzi!non certo ibuoni....sì o no?

 

Mar

19

Nov

2013

solitudine

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Vivo e studio in una grande città in Inghilterra da Settembre. Abito con due coinquiline che però sono sempre per i fatti propri...i miei colleghi all'uni non sono male ma non sono amica stretta di nessuno di loro... mi sono fidanzata con un ragazzo inglese (abbiamo iniziato a parlare su fb e poi ci siamo incontrati qua dato che anche lui va nella mia stessa università)che però a quanto ho capito non sente il bisogno di vedermi tutti i giorni.Mi sento sola,piango ogni giorno appena torno a casa,fingo con i miei genitori su skype che vada tutto bene ma sto male. Non riesco a parlare della mia situazione con questo ragazzo per paura di essere vista come un'asociale sfigata ma vi giuro,non lo sono. Ho amiche che mi vogliono bene nella mia città in Italia.Ma qui non riesco a legare con nessuno, e mi sento sola e non ce la faccio più... vorrei trovare una compagnia di amiche con cui svagarmi una volta ogni tanto..

Lun

04

Nov

2013

Senso di insoddisfazione

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Odio la vita.

Ero una ragazza , apparentemente , ben voluta da tutti fino all'anno scorso. Avevo comitive,amici amiche ..o presunti tali.
Poi mi sono trovata il ragazzo...e boom.. pian piano tutti si sono allontanati da me .
La comitiva con cui uscivo di più s'è sciolta ( ah , la falsità della gente..) , ragazze che ritenevo amiche hanno smesso di cercarmi  e io credo che sia perchè non condividono il mio modo di vivere la relazione. Sono rimasta in pratica con 2/3 amiche fidate (anche se , dopo queste ennesime batoste , non riesco a fidarmi più al 100% neanche di loro) che tralaltro non posso mai vedere se non col mio ragazzo perchè io non ho la macchina e idem loro.

Questa situazione mi deprime.
Sto benissimo col mio ragazzo , adoro passare il mio tempo con lui.. e ci vediamo tutti i giorni , anche se solo per 1 oretta. Ma ho paura che prima o poi diventeremo monotoni , anche se spero vivamente di no.. lo amo troppo.

Un grande vaffanculo a quanti mi hanno usata/illusa e a quanti ancora mi giudicano perchè mi piace anche passare le serate a casa col mio ragazzo a vedere un film.
E un vaffanculo anche a me  , però , che tengo fin troppo in conto del giudiizo di questa gente. 

Lun

21

Ott

2013

Perchè qui posso..

Sfogo di Avatar di AnimaNeraAnimaNera | Categoria: Altro

..Dire che vedo tutto nero, senza sentirmi in colpa perchè c'è gente che sta peggio di me.

Non riesco a fare amicizia, non riesco ad uscire da me stessa, io stessa sono la mia prigione, più cerco di dibattermi e più mi sembra di essere caduta nelle sabbie mobili dove ogni azione ti porta sempre più giù.  Forse non ci provo abbastanza, forse manco di convinzione. Vedo gli altri e mi chiedo: Ma loro come se la passano? Li sento chiusi nel loro mondo e io vorrei solo un abbraccio.. Li vedo cosi freddi e io vorrei solo poter parlare e sentirmi meno un'aliena.. Solo perchè non amo parlare del piu' e del meno.. del tempo.. di cosa ha fatto la squadra di calcio che non seguo.. Mi sento fuori dal mondo e non so come entrarci...

Lun

21

Ott

2013

Mai Più- consapevolezza della vita

Sfogo di Avatar di sandra veronabissandra veronabis | Categoria: Altro

Non esiste tempo, non esiste condizione…. La vita è un insegnamento costante, e tante volte ti vuole far imparare col sangue, anche se sei stata brava e capace, lo stesso le circostanze si presentano avverse, delle volte sembra che la vita sia una prova continua, immancabile, e che tu non faccia mai sufficiente per raggiungere quel minimo di felicità che vorresti.

Fai di tutto, fai per tutti, e intanto che sei utile,  ti amano, ti parlano, ti corrono dietro.   Ti dicono, forse sei troppo buona, generosa e gentile e disponibile verso gli altri: sarà vero.  Ma mi domando: per quale motivo devo essere cattiva, perché devo pensare male, perché devo sfidare, perché devo essere alla difensiva, se non è quello che mi dice il cuore.  Io mi sento bene, felice, se chi è con me è trattato bene, se sa di essere voluto bene, perché?  

Com’è difficile convivere con gli altri, con gli altri che sono ciechi, che sono sordi, che sono superficiali, senza sentimenti, con altissimo senso dell’egoismo, vale a dire, com’è difficile con la maggior parte delle persone.

Tante volte mi sono domandata qual è l’errore di fondo? Solo quelli che dominano e si impongono e sono pure scortesi ottengono?

Mi rimane nella vita questo senso amaro dell’errore quando di fronte all’affetto, all’amore, ricevi pugni in faccia, indifferenza, indolenza.  Non perché tu vuoi essere ripagata, ma perché vuoi avere un rapporto paritario, bilanciato.

Mi è capitato di osservare donne e  maschi che sembrano in guerra strappando agli altri la serenità, imponendosi nella loro vita, essendo duri e indifferenti, e la cosa che mi stupisce è che le altre persone concedono e addirittura li stimano, come se anche fra gli adulti ci fosse questo bullismo nei rapporti.

Che sfogo strano… ma mi andava di farlo, perché l’oggi è difficile, solo e vuoto, perché mi sto stancando di dare,  di essere buona, gentile e accogliente…. Solo che alla stanchezza preferisco un seguito di solitudine, a dover cambiare quanto sono e diventare pure io un’arpia…  Perdo, ma perdo per vincere, perché non accetto tanto dolore e maltrattamento.  No.  Sono sola, piango a momenti, forse rimarrò così, ma mai più, mai più, mai più. 

Che gabbia di scimmie matte è questo mondo.  L’intelligenza oramai è un valore aggiunto, difficilmente riscontrabile.  L’amore un miraggio.  Chi ti ami un’illusione.

Mer

04

Set

2013

Lui non c'è mai

Sfogo di Avatar di DarcyDarcy | Categoria: Ira

Non c'è mai per sua scelta perchè il lavoro è più importante di tutto e tutti. Ha un matrimonio fallito alle spalle con una lei che lo ha tradito con il suo migliore amico. Ha cosa è servita la sua esperienza? Che adesso se ne frega di me. Era un pò che non mi lamentavo con lui del lavoro. Pensavo che, tutto sommato, fosse felice così. E mi ero fatta star bene il fatto che lavora settanta ore settimanali, anche se, ripeto, è lui che sceglie quanto lavorare e lo stipendio è sempre lo stesso, non importa se fa gli straordinari. In vita sua, non ha mai fatto tutte le ferie che gli spettano. Però, ripeto, se era felice così, potevo passare anche sopra quel senso di profonda depressione che mi prende tutti i santi giorni. Poi è andato, finalmente, in ferie e ho capito che la situazione è diversa. Si sente solo anche lui perchè al lavoro non sta quasi mai con nessuno. Nessuno ci cerca più per uscire. Tra parentesi, non capisco perchè la gente dovrebbe farlo. Andiamo a dormire alle 22 perchè è troppo stanco ma chi cavolo vuoi che esca prima, in genere? Soffre perchè lo chiamano solo per motivi di lavoro ma lui non chiama nessuno per amicizia. Devo insistere tanto perchè si degni di chiamare saltuariamente i suoi familiari. E' arrabbiato perchè nessuno ci invita a cena. Noi non invitiamo mai nessuno tranne quelle tre o quattro volte l'anno, perchè qualcuno dovrebbe ricambiare? Aveva detto che non ce la faceva più nè fisicamente nè psicologicamente e che, una volta tornati a casa, avrebbe fatto in modo di cambiare le cose e di lavorare di meno. Gli ho creduto. Ieri ha lavorato 11 ore e oggi 12, non è venuto neanche a pranzo e mi ha già avvisato che spesso non ci sarà. Mi sono arrabbiata. Prima pensavo fosse felice e anche se stavo uno schifo, ne valeva la pena perchè, almeno lui, era soddisfatto. E invece no. Sta male, soffre per la vita che fa. Giuro che, in qualsiasi momento, anche domani, può scegliere di lavorare tanto di meno e guadagnare lo stesso e allora perchè deve rovinare le nostre vite per il suo fottuto egoismo? Sono due anni che conviviamo, l'ho sempre messo al primo posto in tutto ma, forse, ho sbagliato. In ogni caso sono convinta che a lui interessi solo il lavoro. Mi vuole bene ma potrebbe campare anche senza di me, a patto che abbia il suo lavoro. Mi hanno raccontato che, quando era sposato, non stava mai a pranzo a casa. Andava a casa dei genitori che abitano a 20 minuti dal suo appartamento. In pratica, allora come oggi, partiva da casa alle 6.45 e tornava alle 20.30. Oggi, a me, fa la grazia di venire saltuariamente a pranzo e, talvolta, alle 19. Però può lavorare anche il fine settimana, la sera dopo cena, nei festivi  anche se di rado. Senza contare che può andare a lavorare fuori regione. Quest'anno non era presente il giorno del nostro anniversario sempre per lo stesso motivo. Non ha neanche provato a rimandare il viaggio. E' una cosa che mi ha pesato perchè sto sempre da sola. Ripeto, se fosse stato felice almeno lui, non mi sarei sentita così tanto arrabbiata. Non è giusto come si comporta, non è giusto che non mi ascolti, non è giusto che mi abbia fatto capire che parlare con lui non serve a niente.Soprattutto non ho capito perchè dobbiamo soffrire entrambi per una sua scelta di vita che neanche lui ama e che potrebbe cambiare immeditamente.

Mer

28

Ago

2013

Sono sola.

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Si esatto, sono sola.

Ho 18 anni e parecchi problemi di famiglia che mi porto dietro da veramente tanti anni. In tutto questo tempo l'unica cosa che mi sono preoccupata di fare è stato cercare di circondarmi di persone che mi volessero bene, che fossero in grado di capirmi. Ogni volta che ero sul punto di condividere il mio "male" con qualcuno di loro, una per una queste persone si sono dimostrate incapaci di comprendere e per tanto il mio "segreto" non è mai stato rivelato a nessuno. Solo il mio ex ragazzo era a conoscenza di alcuni fatti siccome vivevamo praticamente assieme sempre e di lui mi fidavo molto. Ora, quel ragazzo non c'è più e io mi sento tremendamente sola. Non c'è più nessuno che mi ascolta, che mi consola nel bel mezzo della notte quando piango, che mi abbraccia quando sono triste. 

Perchè la gente deve essere così maledettamente fissata sui fardelli che ti porti addosso e giudicarti per questo? Perchè non può semplicemente accettarti per ciò che sei come persona?

Io lo so che se parlassi dei miei problemi a qualche mio amico, anche al mio amico più stretto, lui mi guarderebbe male e se ne andrebbe mentre io avrei bisogno solamente di sentirmi accettata per quella che sono, con tutti i problemi che mi porto addosso. 

Scusate se non vi dico i miei problemi, ma giudichereste anche voi, anche se sono in anonimo, oppure iniziereste a commiserarmi e basta e io, di fare pena alla gente, non ne ho proprio voglia. Scusate e buonanotte a tutti; spero che la vostra vita non faccia così schifo come la mia.

Avrei tanto bisogno di un amico, ma un amico vero. Sono sola.

Ven

23

Ago

2013

Mi manca da morire il mio ex.

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Ormai è un anno che il mio ragazzo mi ha lasciata. Siamo stati assieme per per tanto tempo per essere stata la nostra prima relazione. È stato il mio primo vero ragazzo, quello serio, quello con cui ho perso la verginità, quello che ho portato a casa per far conoscere alla mia famiglia, quello con cui ho fatto tutto per la prima volta. Ci siamo messi assieme che entrambi avevamo 15 anni (per favore, non giudicate) e dopo due anni m ha lasciata. Ora ho 18 anni e dopo di lui non sono stata più fidanzata con nessun'altro. Ogni tanto sono uscita con qualche ragazzo così a caso, anche se poi nessuno di loro mi è mai piaciuto veramente. Lo facevo solo per non pensare al mio ex, pensavo funzionasse e invece non è contato nulla. Ho solo illuso dei poveri ragazzi che in me ci vedevano veramente qualcosa. Ci sono state tre sere, quest'estate, che mi sono ubriacata talmente tanto da finire a letto con tre diversi ragazzi. Mi faccio schifo per questo. Ho sempre detto al mio ex che lo avrei aspettato e la seconda sera che ero ubriaca, prima di andare a letto con quel ragazzo, addirittura gli ho detto che ancora lo amavo. Cosa vera. Mi faccio schifo da morire, mi sono sentita tanto una di quelle ragazzine di 16 anni che vanno con tutti. Io non sono così. Ma il problema non è tanto essere andata a letto con degli altri ragazzi che tra l'altro comunque conosco, non sono ragazzi presi a caso quella sera, ma è il fatto che io ho sempre detto al mio ex che lo avrei aspettato. Aspettarlo per me ha sempre significato in un certo senso rimanere vergine per lui. Non ci sono riuscita. Me ne vergogno. E ancora di più mi faccio schifo quando penso che mio ex non fa nulla con altre ragazze perché ancora pensa a me. Ogni tanto ci vediamo (siamo rimasti in buoni rapporti) e parliamo di tutto e di tutti, parliamo anche di noi è ogni volta piangiamo, ci abbracciamo, ci consoliamo a vicenda. Nessuno dei due voleva veramente che la nostra storia finisse, ma non potevamo fre diversamente. Lui mi manca e so, anche se a lui scoccia ammetterlo, che anche io a lui manco. Piango ancora ogni giorno per noi, per lui. Mi manca da morire e lo sto aspettando davvero. Dopo un anno ancora non sono riuscita a lasciarlo andare.

Come posso fare per riuscire davvero a non pensarci più?

Come posso fare per riuscire a smetterla di sentirmi così tanto troia? Alla fine non stavamo assieme, non gli ho mai messo le corna e niente ma mi sento tremendamente in colpa, come se le corna gliele avessi messe per davvero. Forse perché so che se lo venisse a sapere lui non mi vorrebbe più? 

Non ho moltissimi amici, ma quelli che ho sono veri. Hanno sempre cercato di farmi stare bene. La verità è nessuno sa farmi stare bene come lo faceva lui. Mi manca da morire.