Tag: solitudine

Mer

26

Dic

2012

la mia famiglia

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

non ce la faccio più.. la mia famiglia è un incubo! torno a casa per le vacanze di Natale e trovo sempre liti e lamenti. A parte che giudicano negativamente ogni cosa che faccio,ma questo diciamo che ci passo sopra anche se sembra lo sport dell'anno trattarmi come una bimba di 2 anni,mentre ne ho 30. I MIEI GENITORI LITIGANO IN CONTINUAZIONE.DICONO CHE VOGLIONO MORIRE E CHE HANNO AVUTO UNA VITA DI MERDA.. IO MI SENTO UNO SCHIFO,SOFFRO MOLTISSIMO E HO SEMPRE PROBLEMI NELLA MIA VITA,HO SEMPRE PAURA CHE IL MIO RAGAZZO NON MI VOGLIA BENE E HO UN SACCO DI PROBLEMI SESSUALI.. STO PENSANDO CHE MORIRE SAREBBE PER ME L'UNICA SOLUZIONE,NON NE POSSO PIÙ... BASTA BASTA NON NE POSSO PIÙ.. SCUSATE IL MAIUSCOLO MA MI SI È ROTTA LA TASTIERA

Sab

01

Dic

2012

Inutile.

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Accidia

Vorrei solo sparire...

Vorrei morire.

Perché dico queste terribili frasi? Non vi racconterò tutto, per non angustiarvi/annoiarvi. Partiamo da un presupposto. 

Soffro di depressione da quando sono piccola (per varie motivazioni, come l'anaffetto di mia madre, l'assenza di equilibrio all'interno della mia famiglia...e cose così..) e per me è uno sforzo incredibile vivere.

Cerco di lottare.. Per non cadere... perché se cadessi nessuno mi aiuterebbe ad alzare... Come è d'altronde SEMPRE accaduto. Ma non è facile, nelle mie condizioni mentali.  Talvolta mi prende un'ambascia terribile, anche se magari sono in mezzo ad altri: un momento prima ero tranquilla, magari felice, un momento dopo caos nella mente, sono oclta dalla tristezza, cerco di capire perché, di rilassarmi ma niente. Non mi attira più niente. Lo so ora partirà il consiglio standard: dovresti trovarti qualche interesse. Bene. Mi piace leggere, ad esempio. O almeno mi piaceva, tempo fa, quando ancora non mi costrinsero,a 14 anni, ad andare in un istituto psichiatrico per adolescenti. Cosa c***o avevo fatto di male? Non volevo più vivere; non valeva la pena. Mia madre non mi ha mai abbracciata, mi ha sempre invidiata, umiliata, derisa, non ha mai provato a capirmi... Volevo essere la figlia perfetta, ma questo non è servito. I miei genitori non lodavano il mio comportamento, la mia passione per i libri, per la lettura, per lo studio, ma mi dicevano che dovevo essere come gli altri, andare in palestra, uscire, avere amici. Mi sentivo sbagliata... Eppure non mi sono mai comportata da ribelle. Seguivo tutto ciò che i miei genitori dicevano. Li amavo, e li amo ancora. Scusate se oggi non riesco più a concentrami e studiare... ma una motivazione c'è.  

Anche alzarmi dal letto la mattina, uscire, pulire casa, lavarmi, cucinare, andare a fare la spesa, cose QUOTIDIANE, che per gente sana sono considerati atti normali, facili, per me diventano ostacoli insormontabili. Ci metto tutta me stessa per compiere anche solo un piccolo gesto. Ciò mi stanca molto, emotivamente, psichicamnete, fisicamente sono a pezzi, anche se le analisi evidenziano che "sto bene", non ho nessuna particolare malattia. Eppure, dimagrisco ogni giorno di più, sebbene io mangi molto. Non ho disfunzioni tiroidee.

Vorrei piangere, ma non riesco a fare neanche più quello.

Vorrei qualcuno che mi dicesse che andrà tutto bene, ma non c'è nessuno. Sono tutti indaffarati a vivere la loro vita, non si accorgono del mio malessere.. Ho provato a  confrontarmi con amiche e amici, ma... Alla gente non piace chi si "lamenta", occorre sempre sfornare sorrisi a 32 denti: così, solo così, riesco a piacere. Se faccio battute. Se faccio complimenti. Se parlo di cose per me inutili oramai, come può essere anche il prossimo esame... Chi se ne importa! Scusate se ritengo più importante qualcosa come vivere, come la salute mentale, come il benessere psicologico... E poi, non capiscono. Ovviamente... Non sono stati costretti a crescere prima del tempo, a 13/14 anni vivevano le loro felici vite. Non sono costretti a vivere; non sono costretti a convivere con un male che ti succhia tutta l'energia vitale.. E di te rimane ben poco. Perciò mi sfogo qui, probabilmente nessuno si accorgerà del mio scritto xD

Mi manca terribilemente il mio ex... L'unica persona che riusciva ad equilibrare la mia vita. L'unica persona con cui sorridevo e ridevo totalmente libera da pensieri brutti. L'ho lasciato per via di un suo sgarbo.. Ed io essendo molto rigida (ma molto meno con gli altri che con me stessa... Alla fine se sono ancora viva e se sono riuscita a fare determinate cose nella vita è per la mia rigidità! xD) non sono riuscita a tollerarlo, ma forse ho sbagliato.. Lui vorrebbe che tornassimo insieme, è davvero innamorato, ma ho paura... Paura che scopra la mia "insanità"... Purtroppo non sono mai riuscita a confessargli che sono malata di depressione... Fingo di essere come gli altir, è più facile, no..?

C'è una frase che aspettate che qualcuno vi dica, un giorno? Sapete qual è la mia?...Mi prenderò cura di te. Quella cura che nessuno mi ha dato da bambina... Che non ho più voglia di dare a me stessa. Ho sempre fatto tutto io... Perché ci sono ragazze che a momenti non si soffiano neanche il naso da sole ed io invece sono costretta a cadere e rialzarmi, e soffrire e essere sola senza neanche qualcuno che mi chieda come stia la mia testolina bruciata??

 Grazie per la vostra attenzione! Mi sono sentita finalmente ascoltata! *-* 

Sab

17

Nov

2012

forse pretendo troppo?

Sfogo di Avatar di idodrugsidodrugs | Categoria: Altro

è vero che ho solo 21 anni e ho tutta una vita davanti, ma in questo momento, nella condizione in cui sono ora io ho bisogno di un ragazzo. Sembra una cosa stupida, gli adulti mi dicono che ho tutto il tempo. E' vero, ma adesso io ne ho bisogno. 

Ho avuto diverse storie tutte sbagliate, come tutti credo. E sono spesso da sola, nel senso che non ne cambio uno al mese. Credo che il mio problema sia che mi affeziono quasi subito. che però non vuol dire che dopo 2 giorni gli dico già TI AMO. Assolutamente no! E' tutta una cosa interiore, che non esterno, sono tutte paranoie mentali di cui però lui non sa nulla, non lo tartasso, lo cerco "il giusto" ecc..e forse per questo poi quando finisce (nel giro di un mese) io ci resto malissimo. 

Tra l'altro io faccio molta fatica a trovare qualcuno, perchè mi sembra di avere troppe pretese. Allora, io non dico, ma l'estetica essendo la prima cosa che si vede, CONTA. Per me non significa per forza "bellezza", deve piacermi insomma! ma oltre all'estetica io vorrei trovare, in un ragazzo, almeno un minimo di interessi in comune, qualcosa da poter fare insieme oltre alle solite cose banali. Tipo camminare in montagna, i viaggi, il disegno, la lettura, l'arte.. anche solo una minuscola cosa! Vorrei qualcuno che è in grado di scrivermi un messaggio senza fare ad ogni parola un errore di ortografia, che per me è demoralizzante.. lo so, sono esagerata, ma non ci posso fare nulla! perchè se mi devo accontentare di stare con qualcuno che non mi piace, allora preferisco evitare: prendo in giro lui e prendo in giro me. Per cosa? Io non voglio qualcuno giusto per non stare da sola, voglio qualcuno perchè io ho una voglia pazza di amare qualcuno, ho voglia di provare di nuovo quelle emozioni che provi quando lo vedi, quando ti chiama, il sapere che lui c'è.. e poi perchè sono stufa di relazioni puramente fisiche di una sera magari..non pensate male eh, ma ogni tanto può capitare.

Tra l'altro ultimamente sto uscendo davvero poco, un po' perchè quando fa freddo odio stare in giro, un po' perchè è proprio uno schifo di periodo, per cui così facendo non ho mai a che fare con nessuno e la mia situazione non fa altro che peggiorare, peggiorando così anche il mio stato d'animo.

Mi sento quasi inadeguata, anche se non penso di essere brutta, sono intelligente e ho un modo di pensare tutto mio, tanti mi definiscono "diversa" dalle altre, e credo sia questo uno dei motivi per cui sono sola. Non ho intenzione di cambiare nulla di me comunque, perchè non mi piace pensare di essere come tutte le altre ragazze, vorrei trovare qualcuno che apprezzi la mia persona nella sua totalità.

Mi dispiace per avervi annoiato con quelle che sembrano stupide paranoie adolescenziali, avevo solo bisogno di un piccolo spazio di sfogo. 

Gio

25

Ott

2012

Sono un'adolescente che non riesce a trovarsi qualcosa di bello nella vita

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Ciao a tutti :) sono una ragazza di 16 anni, è la prima volta che scrivo qui. Prima avevo cercato delle chat orientate proprio a parlare con persone che hanno voglia di sfogarsi e sono disposte ad ascoltare lo sfogo altrui, ma non ho trovato niente (se conoscete un posto del genere fatemi sapere). Il mio problema è che sono molto introversa e ho molti problemi con me stessa, anche se, dopo un anno di visite dalla psicologa (finite in estate) le cose sono migliorate. Volevo prendere la mia vita in mano, fare qualcosa che mi renda felice. Mi ero immaginata che quest'anno se avessi studiato regolarmente (faccio il 3 liceo) sarei andata a scuola e avrei avuto il tempo di sviluppare i miei interessi e conoscere nuove persone, forse un ragazzo... ma lo studio è tanto, e in definitica ogni giorno è uguale, scuola-casa, scuola-casa. Inoltre ciò che mi affligge e mio padre che mi dice sempre "dovresti uscire di più" "hai troppi pochi amici"... e così io mi sento un'emarginata, uno schifo di persona. Lui lo fa per il mio bene, ma non capisce quanto male ci stò quando me lo ripete in continuazione. Io vorrei uscire, ma lo studio mi esaurisce, e appena divento un pò più stressata i miei problemi con me stessa tornano in vita e comincio a d avere paura delle persone, paura di uscire, di non essere bella e simpatica come le mie coetanee... di essere una ragazza che non ha mai avuto esperienze con i ragazzi... un'emarginata e solitaria... cosa fare? aiutatemi

Mar

02

Ott

2012

So che ho scritto un papiro ma vi prego leggete, sono a rischio corna e divorzio!!

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Ira

Il mio matrimonio sta colando a picco, per colpa del calcio e del computer.. O.O

Sono sposata da due anni, ho avuto un fidanzamento bellissimo di 4, in cui io e mio marito stavamo tanto insieme e ci amavamo moltissimo. Lui era dolce, sensibile e attivo, una persona intelligentissima, che faceva sport, amava ballare, aveva tanti amici.

Poi ci siamo sposati e tutto è andato in malora, non so bene perchè... abbiamo 30 anni e ancora non cerchiamo figli, per scelta condivisa, anche se io, se la situazione con lui fosse migliore, ora comincerei a pensarci, ma così, non se ne parla..

Da subito dopo il matrimonio mio marito ha cominciato a non far altro che pensare al calcio, al campionato ed è diventato monotematico. A lavoro, potendo tenere la radio accesa, ascolta solo la frequenza della sua squadra... se a casa accende la tv, guarda programmi sul calcio, e il resto del tempo lo passa incollato per ore e ore, ogni sera e ogni notte, davanti al pc a giocare a un maledetto gioco di calcio (pess 2012). Non fa altro, non pensa ad altro, non parla di altro.

Gli amici che aveva li ha tutti persi.. loro sono andati avanti nella vita, hanno una carriera, hanno fatto figli, hanno molti interessi più profondi e maturi.. e si sono allontanati da lui che fa una vita così squallida e che ha declinato molti loro inviti, anche ad occasioni importanti tipo compleanni, perchè c'era il campionato.

Io sono una ragazza che ama molto leggere, amo l'arte, la natura, lo sport (attivo, non davanti alla tv o al pc).. amo stare in mezzo alla gente, sono socievole, mondana, ma non frivola.. Mi piacerebbe organizzare cene e avere ospiti, andare al teatro, al cinema, a ballare, al ristorante... ma niente, lui non si schioda da quel maledetto pc. Mi piace anche molto fare l'amore, e sono discretamente carina, ma non riesco in nessu modo a farlo interessare a me.

L'anno socrso, proprio in questo periodo, abbiamo avuto una forte crisi, proprio dovuta questo fatto.. io ormai stanca e stessata dal passare sere da sola a leggere o a guardare film, o notti a dormire da sola (perchè non viene nemmeno a letto, fa le ore piccole e non facciamo mai l'amore, a parte rare occasioni..) non avendo molta possibilità di uscire la sera (viviamo un pò fuori mano, nel fine settimana che posso far tanto tardi vedo le amiche, ma gli altri giorni devo stare in casa) ho cominciato a chattare con un ragazzo mio coetaneo. La cosa è durata poco più di un mese.. non abbiamo fatto nulla di male, lui sapeva che io ero sposata e che non volevo tradire mio marito.. ma avevo tantissimo bisogno di parlare con qualcuno, di sfogarmi e di sentirmi compresa.. anche lui si apriva con me e mi parlava dei suoi problemi.. ci siamo visti in webcam e sentiti su skipe.. passavamo le ore a parlare e dopo un pò io mi sono accorta di aspettare con trepidazione il momento in cui lui si sarebbe collegato per non sentirmi più sola, per avere l'attenzione di qualcuno.. mio marito, nella stanza accanto, non si è mai accorto di nulla, e giocava al pc... Poi ad un certo punto io ho capito che la cosa stava andando oltre, mi sentivo attratta da questo ragazzo e cominciavo ad immaginare di incontrarlo sul serio, lui ha detto di essersi preso una "cotta" per me, così ho troncato di netto, senza troppe esitazioni per non star male tutti e due.. Il ragazzo mi ha mandato un messaggio su facebook (lo avevo bloccato su msn e su skipe e sebbene sapesse che non doveva assolutamente scrivermi su fb, non avendo altro modo di contattarmi ha ceduto) e mio marito, entrando nel mio profilo (lo fa a volte, visto che non ha un profilo suo), l'ha letto prima di me e cancellato.. non c'era scritto nulla di particolarmente compromettente, ma quando mi ha chiesto spiegazioni io sono stata sincera, ho detto tutto, è successo il finimondo e per poco non ci siamo lasciati.. Però lui ha capito quanto mi sentissi trascurata e quanto fosse stato il suo assenteismo dalla vita di coppia il movente per il mio comportamento.. ci siamo "perdonati" e promessi che non sarebbe successo mai più... è durata pochi mesi, poi lui ha ripreso in mano il pc.. prima una mezzora dopo cena, poi sempre di più, finendo per diventare dipendente come l'anno scorso.. adesso non si muove da li, sono ricaduta nel vecchio incubo, sono mesi ormai che non parliamo nemmeno più, sto sempre sola, litighiamo di continuo per tutto (a volte mi sembra che lui cerchi la lite per avere la "scusa" dell'essere arrabbiato e stare al pc per una settimana),il w.e esco con le amiche perchè lui deve vedere il campionato.. io ho voglia di fare l'amore, di sentirmi donna, di sentirmi amata e di amare.. vorrei qualcuno che mi accogliesse con un sorriso, ormai non mi sembra nemmeno più casa mia questa, perchè è fredda e silenziosa, non ci torno con gioia ma con ansia e brutti pensieri.. sempre più spesso mi ritrovo a pensare a quel ragazzo e a maledirmi per aver cancellato tutti i suoi contatti, non sapendo più come ritrovarlo (non è più nemmeno su fb!). Ho provato a parlare a mio marito, a fargli capire che stiamo imboccando di nuovo la stessa strada sbagliata, a scuoterlo e anche a minacciarlo, ma non serve. Io sicuramente ho i miei difetti e i miei modi per farlo innervosire, però lui non ne vuole parlare, non vuole risolvere i nostri problemi, vuole solo giocare e giocare e giocare, lo sta facendo anche adesso mentre scrivo... non so che fare, aiutatemi vi prego!

Mer

26

Set

2012

oscuro passeggero

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Accanto a me, nel viaggio della mia vita, c'è lui.

Il mio passeggero oscuro.

Ha il mio volto, le mie mani, la mia voce, ma ha un'altro cuore, un'altra anima, buia, fredda. Non teme la solitudine, non teme il dolore.

Mi guardo allo specchio e il mio volto ha il suo riflesso. Vorrei soffocare, bruciare questo istinto così oscuro. Vorrei liberarmi, librarmi in aria piena di luce. E invece lui mi tiene qui, inchiodata come un chiodo al muro, inchiodata a questa umida terra. Nel buio.

Mi guardo. Chi sono io davvero? Sono la solita persona di sempre, fragile, dolce, piena di vita....o sono lui?Sadica anima vermiglia.

Chi sono? sono quello che gli altri vedono?sono quello che anche io voglio vedere? o sono quella parte che cerco di rifiutare, di rinnegare?...

Le mie domande rimangono appese nel freddo di questa notte.

 

V.

Lun

24

Set

2012

ma ora è possibile???

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

sono rimasta sola! sola! ma perchè?? non sono perfetta, ma sono sempre stata una buona amica, x me l'amicizia vera vale più di qualsiasi amore..eppure mi hanno lasciato sola!! ma perchè??????io sto uscendo da un periodo devastante, un lavoro che mi ha fatto crescere una rabbia dentro inimmaginabile, una famiglia inutile e un ragazzo che non voglio! ora potrebbero succedermi cose diverse..meglio,peggio non lo so...vorrei solo potermi sfogare con quelle che erano le mie migliori amiche..e invece non ci sono..ma io non riesco ad affrontare tutto da sola..non ce la faccio più...

Lun

27

Ago

2012

Senza Titolo

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Nel freddo silenzio,

in quel freddo che solo la solitudine ti fa provare,

solo in quel silenzio,

sento che il mio passeggero oscuro mi accompagna.

Rimane sopito nel viaggio della vita, tra gli impegni e i sorrisi.

Rimane fermo, in attesa.

Non mi abbandona mai.

Lo temo e lo amo, lo amo e lo temo.

Il mio oscuro passeggero.

Mi lascia senza poter più respirare.

Si risveglia con tutto il suo colore, nero, nei miei occhi, nelle mie lacrime.

Si risveglia, e, non c'è modo di poterlo fermare.

Mi consuma. Mi ama. Mi uccide e risveglia ogni volta.

 Il mio oscuro passeggero... Un altro riflesso del mio volto.

 

Ven

10

Ago

2012

solitudine

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Un paesaggio brullo, solitario, stanco...si erge all'orizzonte.

tra i fili d'erba ormai ingialliti, giace silenzioso il ricordo dei raggi di sole.

un vecchio uomo, nell'orizzonte, piange.

non ha più nome.

non ha più volto.

restano gli occhi..che raccontano poesie di posti lontani, di relazioni stanche. 

restano gli occhi, e i battiti di un vecchio cuore..

i battiti di un vecchio cuore malato di solitudine.

 

 

Vanessa

Ven

03

Ago

2012

sola

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

mi sento terribilmente sola...mi son trasferita in una nuova città da almeno 3 anni...ho conosciuto gente...ma mi sento sempre e comunque sola...ho perso tutti i contatti con i miei vecchi amici, con la mia vecchia vita e ora mi ritrovo qui sola, a fare i conti con un ppugno di mosche....mi sento svuotata....e ho la terribile sensazione di essere usata...le ragazze che mi sono "amiche" qui mi da la sensazione che mi cerchino solo quando hanno bisogno, di studiare, di ripetere, di avere un consiglio poi puff....escono con altre persone e io rimango sola....come se nn fregasse a nessuno di come mi sento...e questa solitudine fa davvero male..