Tag: solitudine

Ven

01

Lug

2016

Sono stanca

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Sono stanca di non essere ascoltata e sono stanca delle persone che mi fanno sentire inferiore a loro.

Nessuno mi ascolta, qualunque cosa io dica la gente mi parla sopra.

Mia madre è sempre attaccata al cellulare, non ottengo mai una risposta da parte sua.

L'unica amica che ho è egocentrica. Per carità, le voglio un mondo di bene e mi ha aiutata molto con la mia timidezza, ma ultimamente parliamo solo ed esclusivamente di lei. Mi dice sempre che devo aprirmi, sfogarmi eccetera ma non mi dà mai l'occasione per farlo.

Io non ce la faccio più a tenermi dentro tutto

Ora lei sta male e non mi scrive neanche più e io mi sento tremendamente sola

Non esco e non parlo nemmeno in chat con nessuno. Non ho amici

Tutte le mie compagne conoscono un mare di gente e continuano a conoscerne di nuova, poi ci sono io che sono timida coma una tartaruga e non riesco a fare nuove conoscenze.

Domani parto per il mare e so già che non incontrerò nessuno e starò sempre con i miei genitori. Va sempre così

E tutti mi trattano come se fossi inferiore a loro

Non so se lo fanno apposta ma non c'è neanche una persona che mi abbia mai trattata come merito

Sono sempre quella che si può prendere in giro tranquillamente perché "tanto non se la prende", sono quella che ascolta e mai quella che parla, sono quella a cui devono sempre andare bene le scelte altrui.

E ok, io non so farmi valere e ho un'autostima di me praticamente inesistente, ma nessuno mi aiuta, anzi, peggiorano solo le cose.

Sono un disastro

Non ce la faccio più

Perché non posso essere come le altre? Perché devo avere tutti questi difetti? La mia vita fa davvero pena

Spero che l'età adulta sarà migliore, farò di tutto perché lo sia. Ormai non spero neanche più in un'adolescenza felice.

Ho solo bisogno di qualcuno con cui parlare

Ma parlare per davvero

Mar

28

Giu

2016

vuoto..

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Tutto quello che cerco è forse qualche attenzione in più, quell'attenzione che non ricevo da mia madre, che lavora sempre e torna stanca, mio padre, venuto a mancare recentemente, ma che non è mai stato presente, essendo andato via di casa quando ero solo una bambina, un fidanzato che non mi da tutte le attenzioni che cerco perché non riesce nemmeno più a star bene con sé stesso...sentirmi così "sola" è davvero straziante e credo che prima o poi crollerò..

scusate per avervi un po' angosciato, ma avevo bisogno di sfogarmi..

Mar

21

Giu

2016

lasciarlo?

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Sono una ragazza di quasi 21 anni e sono fidanzata da 1 anno e due mesi.

Da 7-8 mesi le cose sono cambiate tra me e il mio ragazzo, ci vediamo poco, parliamo poco e del nulla e quando ci vediamo anche non parliamo quasi di niente...sembriamo quasi due conoscenti che si tengono per mano...

 

nonostante ciò  quando ci vediamo sto molto bene con lui e mi passa tutta la tristezza che avevo solo grazie alla sua presenza, ma a quelle poche ore che ci vediamo seguono giorni e giorni di solitudine dove mi rattristisco ancora di più  di prima...ho provato varie volte a parlargli di questo fatto e anche se lui era d'accordo con quello che dicevo, non è  cambiato mai nulla...prima non eravamo così  prima parlavamo in continuazione di tutto e vedevo che lui ci teneva a me...ci teneva tantissimo... ora invece finché  non sono io a chiedergli di 

 uscire, lui non ci pensa manco...dice che non vuole disturbarmi e che tanto quando mi libero glielo chiedo io...un esempio comico è  stato ieri...io avevo la giornata libera e lui era impegnato il pomeriggio ma alle 15:35 scopre che gli impegni sono stati annullati e che quindi era libero. La sua reazione? :"se lo sapevo potevamo uscire" ma dico stai scherzando?! 

  senza considerare che la mattina e la sera per lui  non esistono proprio! Pare che si può  uscire solo il pomeriggio...bah...col suo amico però  ci esce pure alle 11 di sera....vabbe... fatto sta che io non ho amici..e avendo le giornate libero questo periodo sto dando veramente  di matto per la solitudine che mi opprime...

 

 

 

 mi ritrovo senza amici, con un ragazzo "immaginario" e altri problemi....   hompensato di lasciare il mio ragazzo. Primo perché  sono mesi che sto male per lui e secondo perché  il fatto che lui c'è ma non c'è,  mi sbatte ogni giorno in faccia che sono sola. Senza nessuno con cui uscire. Senza nessuno con cui parlare. Per la disperazione mi sono iscritta a varie chat per parlare almeno con qualcuno...mi fa male che prima parlavamo in continuazione e ora invece sembra che sono un peso per lui... insomma pensavo che se rimanessi completamente sola eviterei di pensare in continuazione al fatto che mi sento ancora più  sola stando con lui. Almeno così  non avrei nessuno a cui pensare....secondo voi faccio bene? O dovrei restarci insieme?... è  da tanto che ci penso ma da sola non riesco a venirne a galla....cosa devo fare?     vi ringrazio 

 

 

 

 

 

Lun

20

Giu

2016

Canzone viaggio solo , cantante giuliano palma

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

E da un po' che non scrivevo qui, sono solo in un camera di un b&b, in una cittadina delle marche, domani ho un concorso peraltro per un posto a tempo determinato, mi sono fatto un altro dei miei viaggi in solitario alla soldini, con molte speranze e poche certezze, la speranza é un'ottima colazione ma una pessima cena, disse Monnicelli

Non so come affrontare il futuro, qualunque cosa provi viene sempre una mezza schifezza. Vorrei un'altra vita, un lavoro decente, una ragazza che mi ami e io a vicenda, non penso di chiedere di vincere chissà quale montepremi del superenalotto o mi sbaglio ?

 

 

Gio

16

Giu

2016

Niente

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Ormai è da quattro anni che sto male, malissimo, e più passa il tempo, più mi sembra di peggiorare. Ho quasi 19 anni, e non so nemmeno cosa ci faccia qui. Una madre con cui non vado d'accordo, che deve per forza giudicarmi negativamente ogni volta che mi vede. No parlo molto con la famiglia, non ho mai giudicato nessuno né tantomeno provocato, non voglio insultsre nessuno. Cerco sempre di essere gentile verso il prossimo, e cosa ottengo? L'esatto contrario. Son sempre stata presa in giro dalle persone, e no, molte volte non basta "lasciar perdere", semplicemente non basta.

Ogni volta che mia madre fa cadere lo sguardo su di me dice "Ti stai rovinando da sola." Rovinando? Non fumo, non bevo, non mi faccio, non sono troia. 16 anni a fare tutto ciò che volevano loro, quando ho iniziato a fare qualcosa che piacesse a me, ecco che vengo attaccata, tutto ciò che faccio è sbagliato. Non fanno altro che minacciarmi con la forza. Non ho un'autostima e non credo la avrò più. A casa sto male, a scuola ancora peggio, ma non ho nemmeno nessuno con cui uscire. E te pareva. Purtroppo non mi è così facile trovare qualcuno con il quale mi sento a mio agio e con cui uscire. A parte che non riesco a uscire nemmeno da sola, con la gente, gli sguardi, i commenti, tutto. Proprio non ci riesco, mi sento a disagio. 

Quando chiesi di essere portata dallo psicologo per un qualsiasi aiuto, non l'hanno fatto. (sarei potuta andare anche gratis, ma niente. ora non riuscirei a parlare nemmeno con uno specialista, ok)

Mi faccio davvero schifo, per tutto. Non riesco a parlare con le persone, ormai. Non riesco a stare tranquilla, a riprendere i miei hobby, non riesco a fare nulla. Ora, io non è che abbia molta voglia di vivere, istinti suicidi, suicidio andato male. Se proprio devo vivere, gradirei essere trattata un pochino meglio, trarre qualcosa di positivo da questa tortura, almeno fin quando non muoio. Molte volte mi piacerebbe avere un supporto morale. Nessuno che vuole davvero sapere come sto, nessuno che mi cerca per uscire, nessuno che mi dice un "ti voglio bene". Timidezza e introversione son peggiorati... Mi sento a disagio anche sull'internet, ormai. 

Comunque sia, grazie a chiunque abbia letto 

Sab

28

Mag

2016

"Passa il lume su per la scala; brilla al primo piano: s'รจ spento . . ."

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Invidia

Sono un ragazzo di diciotto anni. Non ho mai avuto molti amici, ma ho sempre considerato i tre che ho come fratelli (anche se ,essendo figlio unico, probabilmente abuso del termine). Non sono mai stato bravo a relazionarmi e ho sempre fatto fatica a superare la mia timidezza: tuttora non riesco ad affrontare conversazioni strettamente intime. Inoltre non ho mai avuto ragazze a causa della mia concezione idealistica dell'amore e dei conseguenti rifiuti da parte delle mie cotte.

Da poco tempo quello che considero il mio migliore amico non mi sembra più la stessa persona: già da quando due anni fa intraprese una relazione a distanza con una nostra amica iniziai a essere geloso, poiché iniziò a essere più assente, concentrandosi sulla sua ragazza. All'inizio non ci feci caso, ma dopo due anni la situazione inizia a pesare.

In questo periodo, dopo aver superato tre anni di amore non corrisposto, ho cominciato a sentirmi solo e a cercare un punto di riferimento fisso nei miei amici: uno di loro, pur continuando ad ascoltarmi quando ne ho bisogno, è distante poiché è molto socievole e ha molte persone che lo cercano; un altro sta passando un periodo non molto positivo dato che il suo ragazzo (anche lui abitante in un'altra città) ha litigato con la ragazza del mio migliore amico, causando una scissione nel nostro gruppo. Il mio migliore amico, però, mi appare sempre più distante... tutto ciò accompagnato da molti miei pensieri esagerati. Benché io sappia che è normalissimo, ho recentemente scoperto qualche dettaglio più "intimo" della relazione del mio migliore amico, e da lì è iniziata la mia crisi. Ho cominciato a pensare che in diciotto anni non sono stato in grado di trovare una persona che corrispondesse i miei sentimenti, né mi sento pronto a cercare un'altra ragazza, dato che tra le mie conoscenti non c'è nessuna che mi interessi. Il mio terrore è quello di rimanere per sempre solo, dato che la mia timidezza mi rende molto impacciato; inoltre non mi sento maturo da un punto di vista sentimentale e ho il terrore di non essere "all'altezza" se dovessi cominciare una relazione. Il fatto che lui abbia una vita sessuale mi ha lasciato un po' scombussolato (e credo che ciò si sia manifestato anche fisicamente con un'impotenza, ma non sono un medico, potrei anche attribuirla allo stress per la maturità), anche se non dovrebbe... e mi sento agitato perché realizzo che tutte le esperienze che sta vivendo in questo periodo, indipententemente da quelle intime, non mi riguardano, né potrò viverle io. Non riesco a capire se mi sento escluso da tutto ciò, oppure sono semplicemente invidioso dei suoi "successi". Non so più come comportarmi.

Dom

15

Mag

2016

Mi sento sola

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Al momento mi sento triste e molto confusa...l'unica cosa che vorrei fare e scappare via da tutto ciò che mi circonda...mi sento svuotata...Profondamente delusa, insoddisfatta e inevitabilmente negativa...e terribilmente sola...per sola non intendo fisicamente...anche perché in un modo o nell'altro sono costretta a stare con gli altri...mi sento sola dentro...come se dentro stessi urlando aiuto ma nessuno mi sente...nessuno ha bisogno di me...anzi spesso mi sento una palla al piede per quelle poche persone che mi stanno vicino...Mentre le altre sono tutte scappate...nessuno è realmente uscito in modo brusco dalla mia vita...semplicemente mi hanno voltato le spalle e si sono allontanati...avrei preferito litigare e sentirmi urlare addosso che cosa non va in me...Mentre ora sono qui e non so se il mondo che mi ero creata era una merda o se magari il problema sono io...probabilmente la verità sta in mezzo...Vorrei dare un cambiamento importante nella mia vita...specialmente a livello sociale e personale...vorrei sentirmi apprezzata, importante, realizzata...ma non trovo il modo per svoltare...non riesco a conoscere persone con cui condividere qualcosa...mi trovo in difficoltà a fare amicizia con ragazze della mia età...mi sembrano tutte così ostili e competitive...Mentre con i ragazzi mi sono rassegnata...vogliono sempre qualcosa di più...Più passa il tempo più ho difficoltà ...anzi a volte cerco di evitare di avere contatti con altre persone...ma fare la solitaria non è ne nella mia natura perciò soffro molto di questa situazione....Sono fidanzata da diversi anni con un ragazzo...con una vita quasi opposta alla mia...è socievole, simpatico circondato da amici che tengono molto a lui...ora viviamo una relazione a distanza (fino a 8 mesi fa vivevamo nella stessa casa per motivi di studio) ci vediamo sporadicamente per tempi molto brevi...il rapporto non va a gonfie vele...probabilmente siamo troppo diversi e vogliamo cose diverse ma inspiegabilmente c'è qualcosa di profondo che ci lega e non riusciamo a separarci.Con lui non parlo mai di quanto mi faccia star male questa situazione...mi vergogno...pOi  lui non potrebbe aiutarmi...ha già provato ad inserirmi nel suo gruppo di amici, con alcuni ho confidenza e simpatia reciproca ma alla fine sono tutti maschi con interessi da maschi ...Tutta questo isolamento mi rende ancora più negativa agli occhi degli altri...si sa che le persone che non hanno amici vengono viste un po strane  perciò tutti tengono un po le distanze un po per non urtare un po per disinteresse...Sono una ragazza come tante..carina, simpatica se mi trovo a mio agio, studio, leggo, adoro la musica e andare a ballare, ho tanti interessi  e passioni...Non sono una cattiva persona...cerco sempre di essere gentile con tutti, se qualcuno ha bisogno ci sono (e spesso molte persone hanno approfittato della cosa) adoro ascoltare gli altri, dare consigli, uscire in posti affollati e rumorosi in mezzo a tanti ragazzi/e giovani come me.. Insomma una ragazza normalissima...in tutto ciò non riesco a farmi delle amiche da anni...ho conosciuto delle ragazze ma con molte di loro non avevo niente da condividere o in realtà non avevano reale interesse a fare amicizia o stavano con me solo per opportunismo ...anni fa (che iniziano a essere un pò) ero circondata da amiche (non tantissime ma avevo tantissimi conoscenti e un paio di amiche strette che consideravo come sorelle ) ero allegra e spensierata e per certi aspetti anche il rapporto con il mio ragazzo era migliore...Vorrei dei consigli, magari da qualche ragazza che si è trovata nella mia situazione e ha trovato un modo per superare queste difficoltà. 

Gio

12

Mag

2016

Senza Titolo

Sfogo di Avatar di AlmaAlma | Categoria: Ira

Domani e' il giorno della gita di terza media. Io sono la sfigata della classe. Io vado alla gita. Queste tre cose insieme non dovrebbero esistere, ma invece e' cosi'. Ma il peggio non e' che in pullman o in qualunque altro posto saro' lasciata da parte, bensi' che e' una gita a sfondo "sportivo". Mi spiego meglio. Andremo in un villaggio turistico dove ogni giorno si faranno attivita' sportive a scelta tra quelle proposte. Io non so nuotare e andare in bici, perche' nessuno me lo ha mai insegnato. Il primo giorno saro' costretta a scegliere tra vela, nuoto, canoa e bike. Ora cosa dovro' fare? Per gli altri giorni piu' o meno ci sono anche altre scelta, ma li' no.....che faccio? Una figura di niente? Oppure? Che rabbia! Perche' mai nessuno mi ha insegnato ad essere un tipo sportivo..????? Consigliatemi voi

Gio

05

Mag

2016

solitudine in gravidanza

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Ormai sono quasi al termine di questo periodo di attesa bellissimo, l'unica cosa veramente pesante e dura è il senso di solitudine che mi accompagna, e non è una sensazione.... Abito in una villetta di campagna quindi lontana da tutto e tutti, nell'ultimo periodo non riesco a guidare quindi non posso uscire, non sto troppo bene fra crampi e dolori vari... trascorro le giornate in completa solitudine... a volte mi sembra di essere in carcere e mi sento terribilmente annoiata...odio la tv, odio i social network quindi mi manca anche un ripiego...ah.. mio marito lavora tutto il giorno.. anche io prima lavoravo tutto il giorno e mi dedicavo alla mia vita sociale...Spero che passi presto...con la mia bimba sarà diverso...potrò guidare, quindi potrò uscire, camminare, respirare aria fresca, passare una serata fuori (adesso sono limitata anche in questo, ripeto: non mi sento troppo in forma) ritornare al mio studio...ah...non vedo l'ora :-)

Dom

01

Mag

2016

Quando l'amore finisce

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Quando l'amore finisce e si è costretti a vivere insieme, si passa il tempo a ferirsi, ed azzannarsi, come lupi rabbiosi. Come vorrei non fosse così, come vorrei ritrovare l'uomo che eri. Dolce, innamorato e pieno di sogni. Ci bastava stare vicini per essere felici. Poi la vita, i problemi, ci hanno cambiati, e non siamo più noi. Anch'io non sono più quella che ero. Vorrei tornare a sentire il mio cuore battere per te, vorrei che la mia mente tornasse a pensarti come facevo un tempo, ma non accade, non ci riesco. Se  penso a noi, mi vengono in mente soltanto le male parole che ci vomitiamo addosso, le offese, i dispetti. A volte ci provo a far finta di niente, provo a riavvicinarmi ma non c'è niente da fare. Ormai non c'è altro da fare, non riuscirò più a guardarti con gli stessi occhi pieni di meraviglia e amore. Il sesso è una delle poche cose che ancora ci lega, forse più per sfogo, che per altro e per le poche volte in cui lo facciamo.La malinconia del ricordo dei nostri giorni più belli è quello che rimane. Un mattone sul cuore. Freddo e solitudine. Ciao