Tag: silenzio

Ven

05

Giu

2015

Fa male....

Sfogo di Avatar di GingerBreadGingerBread | Categoria: Altro

Questa fottuta paura non mi abbandona mai...perché?da dove viene?non lo so neanche io. Non mi sembra di stare male e se cosí fosse non lo do a vedere perché cosí mi é stato insegnato. Riusciró mai a liberarmi di te?e se anche dovessi riuscirci, chi mi assicura che dopo non ne uscirei pazza?

Dom

19

Apr

2015

Nei panni degli altri

Sfogo di Avatar di MeaowMeaow | Categoria: Superbia

Perchè? Se ci sarebbe un motivo valido lo farei... Umiltà dite? No, ipocrisia, quando ci fa comodo entriamo nei panni degli altri, altre volte invece ce ne freghiamo e li sembriamo veri idioti! Sono la regina degli idioti dunque. Non è semplice cattiveria, è un'abbondante diavoleria l'indifferenza che riecheggia nella mia mente. Muhuahauhauahauhahuahauauahuah

Sab

20

Dic

2014

the great silence

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Ci sono cose a cui voi non siete abituati, il silenzio, un roboante silenzio. Possono passare tranquillamente giorni senza che il mio cell squilli, a meno che non sia io a sollecitare, nonostante Internet whatsapp ecc ecc. È soltanto una grande solitudine.

Ven

25

Apr

2014

Il successo altrui è giusto che venga invidiato

Sfogo di Avatar di furgarath90furgarath90 | Categoria: Invidia

L'invidia ti ingloba, ti nutre e ti rende più produttivo e ti impegni di più per raggiungere il livello dell'opponente (nel mio caso colleghi romanzieri che hanno successo solo perché appoggiati da "case editrici mayors" e "artisti di youtube" che non adoperano nessun talento speciale ma hanno comunque migliaia\milioni di visualizzazioni.

Prosegui e sai bene che sei anche migliore di loro perché sai meglio usare gli stessi strumenti che loro adoperano, ma sei ignorato e ignoto. Ma prosegui comunque: invidiando, sei alimentato dal baco, e questo, prima o poi, sboccera in primula abraxas.

PS: gioco di parole italiano lettererario -> baco significa verme ma anche "invidia", mentre abraxas significa "diavolo" ma anche "un tipo di farfalla"... il signifcato dietro il doppio gioco sta nel fatto che l'invidia ti farà diventare un diavolo, quindi furbo, lesto, scaltro, ed una volta diventato diavolo non sei più la pupa (stadio intermedio della larva di farfalla), ma una farfalla matura e coscenziosa.

Ven

25

Apr

2014

Laconicità: il silenzio dei superbi

Sfogo di Avatar di furgarath90furgarath90 | Categoria: Superbia

Superbia. Inglobata, ma la accenni quando il contesto ne sovviene, dimostrando agli altri che sai, e sai più di loro perché leggi sempre, studi per i fatti tuoi, fai ricerca, archivi migliaia di documenti, impari lingue e culture di popoli diversi.

Prima, però, li lasci parlare. Li ascolti. E li giuggi (giudichi) con paraboloso cipiglio, abbuiando la propria voce, lasciando che si svelino per quel che sono: frivoli, ignoranti, superficiali. Li ascolti, impari, e capisci che non sei come loro ed hai avuto una grande fortuna: quella di fare sempre di testa tua, di seguire le tue linee guida, di mutare in manovaldo. 

Giammai alzasti le mani, perché sai che il TUO metodo è giusto (perché non urta nessuno) ed i frutti del tuo operato devono essere ostentati, anche.

Presumitore sei addirittura. Pretendi che gli altri siano al tuo livello quando ti parlano. Ebbene? La democrazia c'è in te, permetti che ognuno dica e parli come voglia, ma PRETENDI che parlino a te con lo stesso ritegno con cui tu parli con loro, con la stessa cortesia sincera, con la medesima arsione, la consimile scaldana, perché se devi aprire bocca per parlare, desumi ci sia qualcuno al tuo livello con cui comunicare e condividere.

Bellicistico, mazzicatore, stambecchino: come tali ruoli militari, ben rappresenti la tua categoria ed una categoria ad essa parvente concupisci. Solo allora, pari entrambi, vi sarà affinità. In caso contrario, furor teutonicus valutativo e acquietamento.

Sab

01

Dic

2012

Inutile.

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Accidia

Vorrei solo sparire...

Vorrei morire.

Perché dico queste terribili frasi? Non vi racconterò tutto, per non angustiarvi/annoiarvi. Partiamo da un presupposto. 

Soffro di depressione da quando sono piccola (per varie motivazioni, come l'anaffetto di mia madre, l'assenza di equilibrio all'interno della mia famiglia...e cose così..) e per me è uno sforzo incredibile vivere.

Cerco di lottare.. Per non cadere... perché se cadessi nessuno mi aiuterebbe ad alzare... Come è d'altronde SEMPRE accaduto. Ma non è facile, nelle mie condizioni mentali.  Talvolta mi prende un'ambascia terribile, anche se magari sono in mezzo ad altri: un momento prima ero tranquilla, magari felice, un momento dopo caos nella mente, sono oclta dalla tristezza, cerco di capire perché, di rilassarmi ma niente. Non mi attira più niente. Lo so ora partirà il consiglio standard: dovresti trovarti qualche interesse. Bene. Mi piace leggere, ad esempio. O almeno mi piaceva, tempo fa, quando ancora non mi costrinsero,a 14 anni, ad andare in un istituto psichiatrico per adolescenti. Cosa c***o avevo fatto di male? Non volevo più vivere; non valeva la pena. Mia madre non mi ha mai abbracciata, mi ha sempre invidiata, umiliata, derisa, non ha mai provato a capirmi... Volevo essere la figlia perfetta, ma questo non è servito. I miei genitori non lodavano il mio comportamento, la mia passione per i libri, per la lettura, per lo studio, ma mi dicevano che dovevo essere come gli altri, andare in palestra, uscire, avere amici. Mi sentivo sbagliata... Eppure non mi sono mai comportata da ribelle. Seguivo tutto ciò che i miei genitori dicevano. Li amavo, e li amo ancora. Scusate se oggi non riesco più a concentrami e studiare... ma una motivazione c'è.  

Anche alzarmi dal letto la mattina, uscire, pulire casa, lavarmi, cucinare, andare a fare la spesa, cose QUOTIDIANE, che per gente sana sono considerati atti normali, facili, per me diventano ostacoli insormontabili. Ci metto tutta me stessa per compiere anche solo un piccolo gesto. Ciò mi stanca molto, emotivamente, psichicamnete, fisicamente sono a pezzi, anche se le analisi evidenziano che "sto bene", non ho nessuna particolare malattia. Eppure, dimagrisco ogni giorno di più, sebbene io mangi molto. Non ho disfunzioni tiroidee.

Vorrei piangere, ma non riesco a fare neanche più quello.

Vorrei qualcuno che mi dicesse che andrà tutto bene, ma non c'è nessuno. Sono tutti indaffarati a vivere la loro vita, non si accorgono del mio malessere.. Ho provato a  confrontarmi con amiche e amici, ma... Alla gente non piace chi si "lamenta", occorre sempre sfornare sorrisi a 32 denti: così, solo così, riesco a piacere. Se faccio battute. Se faccio complimenti. Se parlo di cose per me inutili oramai, come può essere anche il prossimo esame... Chi se ne importa! Scusate se ritengo più importante qualcosa come vivere, come la salute mentale, come il benessere psicologico... E poi, non capiscono. Ovviamente... Non sono stati costretti a crescere prima del tempo, a 13/14 anni vivevano le loro felici vite. Non sono costretti a vivere; non sono costretti a convivere con un male che ti succhia tutta l'energia vitale.. E di te rimane ben poco. Perciò mi sfogo qui, probabilmente nessuno si accorgerà del mio scritto xD

Mi manca terribilemente il mio ex... L'unica persona che riusciva ad equilibrare la mia vita. L'unica persona con cui sorridevo e ridevo totalmente libera da pensieri brutti. L'ho lasciato per via di un suo sgarbo.. Ed io essendo molto rigida (ma molto meno con gli altri che con me stessa... Alla fine se sono ancora viva e se sono riuscita a fare determinate cose nella vita è per la mia rigidità! xD) non sono riuscita a tollerarlo, ma forse ho sbagliato.. Lui vorrebbe che tornassimo insieme, è davvero innamorato, ma ho paura... Paura che scopra la mia "insanità"... Purtroppo non sono mai riuscita a confessargli che sono malata di depressione... Fingo di essere come gli altir, è più facile, no..?

C'è una frase che aspettate che qualcuno vi dica, un giorno? Sapete qual è la mia?...Mi prenderò cura di te. Quella cura che nessuno mi ha dato da bambina... Che non ho più voglia di dare a me stessa. Ho sempre fatto tutto io... Perché ci sono ragazze che a momenti non si soffiano neanche il naso da sole ed io invece sono costretta a cadere e rialzarmi, e soffrire e essere sola senza neanche qualcuno che mi chieda come stia la mia testolina bruciata??

 Grazie per la vostra attenzione! Mi sono sentita finalmente ascoltata! *-* 

Mar

26

Apr

2011

Sfogarsi? Mai più...

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

E' un circolo vizioso... è una reazione a catena. Più cerco di esternare quel che sento, peggio starò... perché mi si dice che sono esagerata, debole, infantile... anche in modo distaccato, da parte di persone che giudicano dall'esterno di ogni mia situazione.

Le parole, per me, sono come dei pugnali che affondano nel cuore.

Questa è l'ultima volta che parlo di me. Meglio tenersi tutto dentro e fare buon viso; tanto, non si tratta di problemi che io posso prendere per le redini ed affrontare, ma di cose sulle quali non ho assolutamente alcun potere. Il problema è soltanto *dentro* di me. La mia vita è perfetta così, sono io che devo cambiare atteggiamento nei riguardi di fatti che devo semplicemente lasciarmi alle spalle.

Nessuno può aiutarmi ora.

Goodbye

Tags: silenzio
« Prec 1 2