Tag: ragazzo

Sab

05

Nov

2016

Abortodimacaco

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

che palleee!! È da più di due mesi che cerco di parlare con la persona che mi "piace" ma che non ci riesco!!! Dico cosi perchè io non ci ho mai effettivamente parlato o scambiato qualche parola. Nulla, quindi non posso effetivamente dire che mi piaccia. Il mio è più che altro un'interesse. Molte persone mi hanno raccontato vari episodi che hanno visto protagonista questa persona e sono tutti ALTAMENTE singolari. Perchè è lui in primis a essere singolare. Non è bellissimo, ma a me piace un botto lo stesso.

fa cose che gli altri maschi non si sognerebbero mai di fare, per questo dico che è diverso. 

questa cosa in questo periodo mi sta buttando giu, e anche parecchio. Precisiamo, abbiamo entrambi 17 anni, e andiamo in classi diverse. Ma a me stanno antipatici tutti i miei compagni di classe quindi durante l'intervallo vado nella loro a divertirmi con i miei amici lì. Ma fatto sta che non sono mai riuscita a parlare con questa persona. Se ne sta sempre da solo ad ascoltare la musica,o a disegnare o a pensare guardandosi in giro. questa sua caratteristica mi piace un sacco, ma per me è di certo un problema: come fai ad attaccar bottone con una persona del genere?

sapessi come si fa!

Diciamo che però questo mio problema è unito fondamentalmente  ad un'altro: non ho mai avuto un ragazzo. Non sono brutta e diciamo che con il trucco divento una bella ragazza, ma io mi rifiuto di usarlo, perchè secondo la mia filosofia è il carattere e non l'aspetto fisico a piacere alle persone. Ho un carattere forte, che non fa fatica a farsi amicizie; non sono timida. Con certe persone però mi blocco, non so cosa dire, non so come posso attac bottone con loro. E Lui è uno d quelle. Come posso fare? Più che altro sono portata a provare invidia verso alcune delle mie amiche che hanno il ragazzo, anche da un bel po'.

Per me è importante trovare una persona con cui possa essere compatibile, non per poi starci insieme per tutta la vita, ma solo perchè siamo innamorati entrambi l'uno dell'altra: in questo modo puoi starci insieme quanto ti pare, puoi goderti con lei un sacco di momenti bellissimi e speciali da ricordare. Ma tutto ciò non mi è ancora successo e a 17 anni è parecchio frustante.

 ecco sì, sono frustata! Tanto!

Per quanti sforzi io faccia per essere diversa ( e con questo intendo vestirsi un po' stravagante ed a essere un po' stravagante) dalle altre io, persona a cui hanno sempre detto " è importante la personalità" , mi sono scocciata accidenti di non trovare nessuno.

io cerco di nascore sempre la mia invidia verso quelle persone che sono perfette, gentili, timide, con la voce sottile e gli occhi grandi, che possono trovare qualcuno senza troppi sforzi. Poi vedo me stessa che sono alta 1.64, di corporatura giusta , ne magra ne grassa ma atletica, con gli occhi di grandezza normale, con le labbra piccole. L'unica cosa bella di me sono i capelli rossi e ricci e il culo alto ( che per me rappresenta dio). 

Non dico di odiare il mio corpo ma molte volte mi capita di non sopportarlo. Tette piccole, vita non stetta ma neanche larga ma se aggiunta al mio fisico mi irrita parecchio, fianchi larghi e gambe grosse. non sono uno stecchino è vero ma non sono neanche una balena! 

Non è che non ho autostima, anzi, però che palle il fatto di non trovare un ragazzo mi ha gia parecchio buttata giù... perchè poi penso di fare schifo.

non lo dico a nessuno ma dentro di me me lo ripeto a volte. 

Ven

04

Nov

2016

Mi sento solo e non ce la faccio più

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

E' ormai da quando avevo 15 anni che ogni giorno mi faccio in quattro per poter vivere una vita quantomeno stabile e soddisfacente... Ma tra interminabili faide familiari, problemi più o meno gravi di salute, vari assurdi tradimenti subiti e delusioni sentimentali assortite, cambi di residenza da regione a regione perdendo le amicizie più care coltivate con fatica, e continui sacrifici per condurre un'esistenza non molto agiata ma perlomeno onesta... Ora mi sento un rifiuto, mi sento svuotato ed imploso su me stesso, come una bottiglia d'acqua minerale nel bidone della plastica.
Mi sono rimaste solo poche cose per cui posso sentirmi fortunato: avere un padre che non ha mai saputo come comportarsi con me, un vero amico a 300km di distanza che però non vedo mai, un lavoro che mi piace ma in cui mi sento in gabbia ed una casa di proprietà che mi dà solo preoccupazioni e spese. Sto cominciando ad odiare tutte queste cose, sempre di più, perché sono le uniche cose che mi trattengono dal mettere fine alla pesantezza e alla sofferenza che ogni giorno porto con me.
La gente, anche chi mi conosce meglio e mi è più vicino, mi vede cercare di sorridere e di tirare avanti ogni giorno, cerco di essere di tutto l'aiuto possibile per chi mi circonda e ne ha bisogno e spesso per la mia cordiale disponibilità vengo scambiato per una persona debole e da usare. Non sanno che ogni mio istante di riflessione è racchiuso in sé stesso, che ho un sentimento che mi lacera dentro e che finora ho trovato in me una forza sovrumana che mi ha spinto a continuare, l'unica cosa che mi ha portato fino a questo punto, ma che ora pian piano sento abbandonarmi.
Ogni giorno mi sento più debole e più solo in questa lotta contro me stesso e contro tutti. Oggettivamente, dal punto di vista sociale mi accorgo di non essere un individuo ripugnante; sono un ragazzo alto, giusto un po' "robusto", biondo e con gli occhi azzurri, responsabile, corretto, gentile, curioso di tutto ed a cui piace ridere e scherzare... Ma non riesco a socializzare con persone della mia età, perché da loro vengo sottovalutato e deriso per i miei modi talvolta da 'precisino-so-tutto-io' (sapessero loro quanto mi sforzo per esserlo il meno possibile, sapessero davvero che se sono così è principalmente a causa di anni di abusi psicologici e fisici da parte di mia madre...) I ragazzi mi snobbano, le ragazze mi affiggono un cartello 'FRIENDZONE' in pochi istanti e mi sento sempre più deluso di me stesso. Invece riesco a socializzare (anche troppo) con persone più anziane di me. Che siano vicini di casa o gente incontrata per caso in un negozio. Tant'è che addirittura negli ultimi tempi ho rapporti, anche molto intimi, con una signora mia conoscente che ha quasi sessant'anni. Accetto senza problemi questo sesso per ciò che è, consensuale, bello e tutto sommato anche molto più piacevole e coinvolgente di altri rapporti avuti in passato con mie coetanee... Ma piuttosto che stare a letto con una sessantenne, preferirei di gran lunga incontrare una ragazza della mia età con cui sentirmi più sereno e poter progettare un futuro insieme. Non posso continuare così, nonostante ci sia qualcuno che si interessa a me (come conoscente o amico) io mi sento sempre più solo e frustrato, attanagliato per di più dalla continua preoccupazione di non riuscire ad arrivare a fine mese, e continuo a pensare che l'unica soluzione sia spezzare la mia stessa esistenza come un sacrificio all'altare di un dio che solo io conosco.
Se non troverò il coraggio di compiere presto il tragico gesto che ormai da tempo propongo a me stesso, spero almeno di incontrare qualcuno che sappia apprezzare davvero le mie poche qualità positive, per essere buoni amici e potermi svagare un po' da questo alone di tristezza che mi avvolge l'anima... Altrimenti non saprò nemmeno immaginare che misera fine farò, e probabilmente sarà l'ansia di questo brutto pensiero ad uccidermi.
F. - dal Triveneto

Gio

13

Ott

2016

È stanchezza o c'è anche altro? Come posso aiutarlo?

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Io e il mio ragazzo stiamo insieme da davvero poco tempo e in questo periodo ha iniziato a lavorare. Si sta dando molto da fare, ha due lavori e praticamente mai un giorno libero. Abbiamo inziato a sentirci di meno..di giorno lavora, la sera esce con gli amici per staccare e io non voglio disturbarlo tenendolo attaccato al telefono per rispondermi. Il vero problema sta nel fatto che anche per quel poco che ci sentiamo lui si è raffreddato molto..risponde dopo un po' di tempo dicendo solo cose tipo "ok", "già", "bene" e dopo un po' mi sento anche a disagio a portare avanti la conversazione perché mi sembra di forzarlo e non gli rispondo più. Gli ho chiesto più volte se ci fosse qualche problema e lui mi ha detto che è solo stanco. Quando ci vediamo invece è molto dolce. 

 Non so come comportarmi. Vorrei aiutarlo, farlo sentire meglio..cerco già di non stargli troppo addosso e spesso sono anche disposta a rimandare le nostre uscite per lasciarlo riposare (anche se lui vuole sempre e comunque vedermi), ma più di questo non so proprio come fare. Tutto questo mi rattrista, anche perché mi sento poco considerata e questo aumenta la mia frustrazione. So che mi vuole bene e so che sta facendo un sacco di fatica. È la sua vita, è giusto che la gestisca come vuole e che si dia da fare per crearsi un futuro. Vorrei solo sentire il suo affetto anche quando non siamo insieme e vorrei potergli essere davvero d'aiuto.  A volte ho paura che si sia già stancato di me, ma non sappia come dirmelo..alla fine non sono niente di speciale. So che potrebbe avere di meglio. 

Sab

01

Ott

2016

Non sopporto più il mio ragazzo.

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

C'ho poco da dire. Preferisce la madre a me pure se gli chiedo aiuto urgente. Sono stata vittima di una violenza fisica e mentale e lui...del tutto assente. Fisicamente e successivamente sentimentalmente mi ha tradita e ha preteso che lo perdpnassi. Io soffro di sindrome di Borderline e questo peggiora tutto. 

Mer

28

Set

2016

Blef 2

Sfogo di Avatar di Ice0000Ice0000 | Categoria: Superbia

 Nulla il sonno non arriva, mentre i pensieri sono tanti, caotici e stimolanti d' ansia . 

Tre settimane fa, circa, ho ricevuto un mazzo di fiori, da un ragazzo.

Pensavo che queste cose ormai non le facesse più nessuno. Ho pensato questo sì che sa corteggiare una donna !

E ho iniziato a farmi mille film. Entusiasta, accetto di uscirci! Primo appuntamento: mi viene a prendere a casa, mi porta su una collinetta con l' erba alta( probabilmente ci saranno stati dei serpenti), per vedere le stelle( pochissime ). Io, a disagio è scomoda, non riesco a pensar altro che questo è matto. Mi parla di se, mi annoia, poi mi chiede di parlare di me , non mi va di parlare , gli dico qualcosa. Si sdraia, mi dice che ha freddo e dovrei scaldarlo, io rido forte per fargli capire che sta dicendo delle sfuriate! Le dico che è tardi, sotto casa mia mi chiede un bacio..lo guardò un' occhiataccia, si rende conto . 

Non ti conosco e mi chiedi un bacio ? E poi i Baci si chiedono ? Penso che non devi uscirci più, ma poi pensò la prima volta , non ci conosciamo, l' imbarazzo è normale!

Seconda/terza uscita : Continuiamo a sentirci per cellulare, finché ritorniamo ad uscire , in gelateria, facciamo una passeggiata. Parliamo, non abbiamo nulla in comune. Mi chiede di fare una foto, imbarazzata e senza voglia , me lo si legge in faccia continuo a chiedermi se iniziasse a corteggiarmi, secondo i miei film, dopo aver ricevuto i fiori . E niente, continua la noia. Torno a casa. Mi dico che due volte sono poche per decidere, usciamo una terza volta. Facciamo dei giri a una festa di paese. Sono io ad andare la, non mi viene più a prendere a casa. Parcheggio le dico che sono arrivata, mi chiede se voglio che mi venga a prendere dal parcheggio o vengo da sola . (Sono cose che si chiedono ?) per orgoglio e nervoso le dico sola. Arrivo mi presenta i suoi amici , tutte coppie. Io quasi infastidita, non aveva senso già presentarmeli, era troppo presto. Non abbiamo argomenti, gusti musicali diversi , nessuna alchimia e nessun feeling. Passeggiamo, e mi chiede se può prendermi la mano..( ancora una volta le cose di questo genere non si chiedono) . Io gliela do, ma gliela mollo ogni due per tre. Vorrebbe che io mi aprissi, ma non ci riesco, il suo atteggiamento insicuro e così strampalato mi irrita. 

Finisce la serata ci dirigiamo verso la mia auto perché l'ho accompagnato anche a casa.. mente siamo vicini l'auto, parla ,Parla. Io lo saluto e faccio per andarmene e lui mi dice volevo baciarti . Gli faccio un discorso per fargli capire che io un bacio a stampo glielo posso regalare, ma non sarebbe sentito.. lo so già , non ho alcuna voglia di baciarlo. Nulla le spiego tutto ci rimane male, alla fine gli do un mezzo bacio a stampo e lui è felice. A me dà l'ennesima conferma che non potrò mai provare nulla per un ragazzo così insicuro . Volevo dirgli che non stavo bene, ma non ho avuto il coraggio e mi sono detta magari è ancora troppo presto . Deciso di uscirci solo un' ultima volta, per capire semmai potrà nascere qualcosa . Allo stesso tempo mi promesso che sarei stata spietata e avrei dato la parte peggiore di me per allontanarlo , così è stato , in un certo senso .

ultimo appuntamento : mi viene a prendere , aveva insistito , a me non piace guidare, ho accettato. Andiamo in centro al paese e iniziamo a girare. Iniziamo a parlare e io gli parlo di un mio amico , lui sembra quasi infastidito. Poi mi prende la mano, io gliela mollo. Parliamo dei caratteri e delle personalità . A quel punto iniziò ad esser perfida, non so perché ma gli dico " Alla tua età (27) dovresti essere più sicuro di te, a me piacciono altri tipi di ragazzo"! Dovresti parlare con un tono più sicuro e anche camminare in modo più sicuro . Non lo so ma non riuscivo a trovare nulla in lui che mi piacesse . Mi sono sentita stronza, e forse lo sono. Ma ho sentito anche un peso togliersi dallo stomaco, perché non avevo più l'obbligo di passarci del tempo e annoiarmi. 

Ho capito che un ragazzo che manda un mazzo di fiori non per forza sa come si conquista una donna.. magari si sara basato su qualche film, ma se poi mancano le basi ? Se poi mi chiedi se puoi prendermi la mano , se posso darti un bacio , se posso.. ma le cose si fanno e basta, si rischia..  Di fatto i fiori si sono appassiti e sono morti , come il mio è il suo entusiasmo.  

Gio

15

Set

2016

Gruppo di amici

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Quest'estate sono andata in Sardegna con un mio amico che abita lì. Il mio amico è gay ma non è dichiarato. Ha un suo gruppo di amici storici. Da buon amico cerca sempre di "trovarmi marito", continuando a dire che sono una che "rifiuta l'amore". 

Nel gruppo di amici ha individuato il ragazzo ideale per me ed in effetti aveva ragione.. abbiamo parlato diverse volte e penso che, oltre che carino sia anche molto intelligente. Questo ragazzo non ha particolare confidenza con il mio amico e quindi non sa che è gay. 

Inizialmente mi sembrava interessato: scherzavamo e ci scambiavamo sguardi intensi. 

A ferragosto tutto è cambiato. Penso che abbia visto il mio rapporto con il mio amico gay e abbia deciso di lasciar perdere. Ha smesso di parlare e non ci siamo più visti. Io sono partita e non abbiamo avuto più contatti.

Nonostante questo io continuo a pensare che potremmo avere una storia bellissima. Viviamo nella stessa città e mi piaceva veramente ma non siamo in contatto telefonico e neanche sui social. Abbiamo solo passato qualche bella serata.

Cosa dovrei fare?  

Mer

07

Set

2016

Conquistaaaa!

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Ciao sono un ragazzo che di recente ha deciso di fare qualcosa che non hai mai fatto nella sua vita, ora vi spiego: da qualche tempo mi piace una ragazza, e direi parecchio anche. La conosco da qualche tempo (forse un anno) ma ha incominciato a piacermi da poco, quando siamo entrati più in confidenza. Quando parlo con lei noto molto interesse verso di me, oltre a fare discorsi non solo con le solite battute miei divertente, ma anche con momenti molto seri. Ci sono dei momenti anche dove lei fa un poì fatica a parlarmi, sembrando quasi imbarazzata; noto anche spesso che quando si trova in gruppo che cerca di guardarmi come se volesse vedere quello che sto facendo. Inoltre che di recente ha cercato lei un approccio vagamente fisico (anche se abbastanza goffo). Io presumo di interessarle, ma non ne sono convinto. Abbiamo anche qualche hanno di età di differenza (lei deve ancora finire le superiori, io lavoro e mi laureo tra poco), ma spero e penso non sia un grave problema.

Ritornando dunque al discorso, vorrei cercare di conquistarla, ma stanno nascendo un problema, se non IL problema: è dato dal fatto che sta frequentando qualcuno, ma non da molto tempo (sarà forse un mesetto/due), e sinceramente non saprei come affrontare la cosa.  

Voi che idee avete!?

Io penso che dichiararsi non sarebbe male, magari ci faccio la figura da pirla, ma sempre meglio di niente..! 

Ven

02

Set

2016

confusione

Sfogo di Avatar di bimbadolcebimbadolce | Categoria: Altro

Ciao ragazzi! e' da un pò che non scrivo qui, avrei bisogno di un consiglio!

Mi sto sentendo con un ragazzo che mi piace. Non posso dire di conoscerlo bene perchè ci siamo visti poche volte a causa dei suoi numerosi impegni di lavoro.

Ma le poche volte hanno lasciato il segno.

Ad esempio.. l'ultima volta che ci siamo visti siamo stati veramente bene insieme, abbiamo riso e scherzato molto, ci siamo presi per mano e baciati. 

Non è un tipo mieloso, anzi. Ma è uno tosto, un pò rude e così diverso da tutti gli uomini che ho avuto a che fare in precedenza.

Questa cosa mi lascia un pò spiazzata perchè io di solito frequento uomini dolci, sensibili ecc. Lui è l'opposto.

E la cosa che mi destabilizza sono io quando sono con lui.

Mi piace molto il lato del mio carattere, che mi appartiene,  ovvero riesco a riderci insieme, ad essere ironica, spiritosa. Che fa parte di me, ma che conoscono in pochi (la mia famiglia e le mie amiche). Con l'ex non era mai saltato questo lato. 

Insomma c'è attrazione e intesa. Mi ha detto cose tipo "conoscimi" "mi piaci" fa il geloso ecc.

Dopo l'uscita, mi ha chiamata per dirmi che è stato bene con me e che spera di vedermi in settimana. 

neanche due giorni dopo mi fa un'improvvisata sotto casa..che io apprezzo molto..e ci baciamo con molto trasporto.
Lui non riesce a staccarsi da me, ne io da lui.

Penso di interessargli. Ma i giorni seguenti non mi scrive.

Siccome ci seguiamo in vari social, purtroppo. Vedo che mette mi piace a foto di molte ragazze, tra le quali ci sono anche io.

Ma non mi scrive, quindi gli scrivo io la buonanotte..e ricambia.

Ora non so come comportarmi. Cioè non capisco il nesso di quello che c'è stato ..cioè se davvero ti interesso come dici perchè non mi scrivi?

E' il solito marpione? oppure non gli piaccio? A pelle sembra furbo lo ammetto, ma mi da anche l'impressione di essere interessato a me oltre al solo sesso. Forse sbaglio, non so. 

Ho paura di illudermi e di commettere passi falsi! 

:/

Gio

18

Ago

2016

Bugie..

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Sto vivendo in un mondo di bugie che mi sono creata da sola. Tutte le persone che mi conoscono sanno la triste storia del mio primo e unico ragazzo, quello a cui ho dato il primo bacio, e che mi ha tradita. Beh, indovinate un po'? Questo ragazzo non esiste. L'ho inventato io quando avevo tredici anni e alle medie sentivo tutte le ragazze parlare delle loro cotte, delle loro esperienze, eccetera. Volevo avere anche io qualcosa di cui parlare. E ho buttato lì qualcosa su questo ragazzo del mare. Nessuno poteva scoprire che non esisteva. 

Poi la bugia si é ingigantita. Al liceo. Le ragazze intorno a me parlavano di un ragazzo diverso ogni mese e poi c'ero io. Che non ne ho mai avuto uno. E allora ho ritirato fuori la storia del ragazzo del mare. Ma loro chiedevano i dettagli, così ho iniziato ad inventare.

Cavolo, ci ho pensato così tanto a questo ragazzo che se chiudo gli occhi lo riesco a vedere. Lo ho praticamente reso reale per me. Mi sono quasi autoconvinta che esiste davvero.

Adesso, a 18 anni, mi rendo conto che ho fatto una cagata a inventarmi questo qui perchè mi vergognavo a dire che non avevo mai dato il primo bacio, neanche a 15 anni. Anche perchè a un mese dai 16 anni l'ho dato davvero il mio primo bacio. Buttato via in realtà. A una persona della quale non mi interessava niente a livello sentimentale. Ma pazienza, non ho mai dato chissà quale importanza al fantomatico 'primo bacio'.

In ogni caso, il fatto che questo ragazzo non esiste rimarrà il mio piccolo segreto che morirà con me. Non avrebbe senso tirare fuori la verità adesso. Dire a persone di cui mi fido ciecamente e che si fidano ciecamente di me, alle mie amiche e ai miei amici, che sono stata una bugiarda dal principio con loro. 

 

E adesso, entra in gioco la seconda grande bugia della mia vita. Come esperienze sono ferma al bacio, non sono mai andata oltre, per motivi che non sto a spiegare. I miei amici lo sanno, ma dei nuovi amici che ho conosciuto in Spagna no. Loro credono che io abbia, scusate la volgarità, fatto una sega a uno. Perchè l'ho insinuato io stessa una volta scoperto che loro, più piccoli di me di tre anni, hanno già avuto complete esperienze sessuali. Ho un problema di autostima a quanto pare, lo so. Non so perchè voglio così ardentemente essere all'altezza, o superare, gli altri. Davvero non lo so. È una cosa inconscia. Così inconscia da venirmi spontanea. Lo giuro, io non volevo inserire una nuova bugia alla prima, mi è solo scivolata di bocca al momento giusto. La cosa che più mi spaventa è che sto diventando brava a inventare storie. Io non ho fatto niente. Ho solo lanciato una frecciatina e ho lasciato che fossero gli altri a crearmi una storia con la loro curiosità e le loro domande. Che erano quello a cui miravo, immagino. La loro attenzione. E qui ritorna l'evidente problema di autostima, a quanto pare. 

 

Ora, arriviamo al problema. I miei amici della Spagna incontreranno presto i miei amici di sempre. Io ho detto a quelli della Spagna di non dire niente perchè i miei amici non capirebbero, che è una mia scelta dirglielo o no eccetera eccetera. Se si lasciano sfuggire qualcosa sono morta.

 

E sono disperata. Sono solo una bugiarda. Meriterei che lo vengano a sapere e non mi rivolgano più la parola. D'altronde, mi sono costruita la ghiliottina da sola.. 

 

 

 

Mar

16

Ago

2016

Fratelli!

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Lussuria

Ho un problema, abbastanza grande..

Sto con un ragazzo (Ale) da quattro anni.

Lui 21, io 19. Viviamo entrambi ancora con i rispettivi genitori. Capita che, a volte, dormo da lui. Abita a un'ora da casa mia, e per non farmi guidare ( sia per la stanchezza, sia perchè si fanno spesso le tre del mattino, o così almeno posso bere una birra) dormo da lui. Fin qui tutto bene, tranne che per un piccolo dettaglio. Ha un fratello di 23 anni, totalmente diverso da lui. Sono il giorno e la notte, in molte cose. 

E' da circa più di un mese che ho notato un cambiamento nel fratello, nel rapporto di amicizia che c'è tra noi. Prima era più freddo, nel senso che parlavamo e tutto, però non di certi argomenti e anche il suo modo di porsi è cambiato. Prima era: io e lui in sala, si alzava e andava in camera. Ora rimane lì, si avvicina (a volte anche troppo) e mi fa compagnia perchè o il mio ragazzo va al super a prendere quello che manca, o cucina (è un cuoco).. Non mi da fastidio, mi fa piacere avere un bel rapporto con lui. Qualche settimana fa, sempre a casa loro, entro in bagno convinta, perchè Ale era in doccia, e volevo sistemarmi il trucco. Apre la tenda della doccia, grazie al cielo solo la testa fuori, e realizzo che non è lui. Esco imbarazzata, penso che una figura così di merda sia impossibile. Ne parlo al mio ragazzo e ci facciamo tutti e tre una bella risata. Nulla di male, capita, e io sono sfigata.

Siccome la differenza di età tra di noi è minima usciamo con amici in comune, a volte siamo nella stessa compagnia. Davanti agli amici il fratello è anche 'peggio',  più simpatico e gentile! Fra noi tre è lui quello più responsabile, e si prende cura di chi beve facendo da taxista. Come già detto, dormo spesso a casa loro. E ci mette tutti a nanna, almeno, ad Ale. Sono sincera, non bevo fino a vomitare, e riesco ad arrivare al letto senza  difficoltà. Però una volta mi ha rimboccato le coperte, ed è stato un gesto carino. Non so, in più di un'occasione ho pensato che flirtasse con me. Non è così, lo so, però ho paura che a furia di essere così stretti lui possa fraintendere.

1-sono la ragazza del fratello, e amo il mio ragazzo

2-ho paura che possa rovinare il rapporto con Ale, sono fratelli, e non vorrei mai litigassero per me!

Non voglio passare dal parlargli spesso a minimizzare le conversazioni, qualcuno ha dei consigli da darmi?