Tag: ragazzo

Sab

21

Gen

2017

blocco psicologico con un ragazzo

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Da qualche mese frequento una palestra e proprio li mi sono presa una bella cotta per un ragazzo.Avete presente il classico tipo palestrato super-figo al quale vanno dietro tutte? ecco proprio lui!

Io sono una ragazza molto estroversa, non mi faccio problemi a parlare con nessuno,però con questo ragazzo proprio non riesco e come se ci fosse un qualcosa che me lo impedisce!!Quando posso vado in palestra quando so che lui c'è, ogni volta che arrivo vedo che mi guarda dallo specchio,pensavo che fossero solo mie paranoie ma con me viene anche la mia migliore amica che mi ha detto che ogni volta che lo guarda lui guarda ma e mi fissa e effettivamente quando gli passo davanti mi sento gli occhi puntati addosso ma io faccio sempre la vaga perchè ho proprio paura del contatto visivo con lui perchè mi imbarazza troppo. Ci siamo parlati solo per darci il cambio agli attrezzi di palestra, per il resto zero.Giovedì per esempio eravamo veramente in pochi in palestra e ho parlato praticamente con tutti tranne che con lui,lui parlava solo con i suoi amici di sempre e quando mi avvicinavo sembrava come se volesse "escludersi",non lo capisco proprio!Ho conosciuto un suo amico e gli ho chiesto se fosse fidanzato e mi ha detto di no, perciò ho il "via libera" solo che come ho già detto mi vergogno un casino e non riesco a sbloccarmi anche perchè non mi sento alla sua "altezza", lui è alto, con un fisico super allenato,mentre io sono una ragazza nella media

Ho parlato con dei miei amici per delle opionioni e mi hanno detto che probabilmente gli interesso ma quando è in palestra pensa solo ad allenarsi al meglio e non vuole perdere tempo in chiacchiere e ci può stare, però ho anche pensato che se gli interessavo davvero si sarebbe fatto avanti ma ormai sono due settimane che questa storia va avanti e ne sto uscendo pazza perchè lui mi interessa davvero e non so proprio che devo fare!!

Palestrati e non aiutatemi, cosa devo fareeeeeeee?? no nce la faccio più! 

Dom

11

Dic

2016

Menage a trois

Sfogo di Avatar di simbelmynaesimbelmynae | Categoria: Lussuria

Buonasera a tutti.

Sono una ragazza di 19 anni, bisessuale, felicemente fidanzata con un ragazzo da un anno e qualche mese.

Purtroppo mi capita molto spesso di avere l'impulso di andare con altri e altre.

Mi sento una merda per questo, perché lui è magnifico, lo amo alla follia e lui ama alla follia me.

Prima di lui ho avuto solo una breve esperienza con una ragazza ( in campo sessuale intendo ) e quel fatto lì mi ha lasciata con l'amaro in bocca.

Vorrei sperimentare col sesso, anche con lui presente. Purtroppo lui è molto possessivo e geloso (e amo questo suo lato), se fossimo due perfetti sconosciuti farebbe un menage a trois senza problemi ma dato che tra noi c'è del reale sentimento non ce la proprio.

Credevo che tutti i ragazzi avessero questa fantasia di due ragazze che si strusciavano davanti a lui chiedendogli di aggiungersi, invece mi sbagliavo.

Ho da appuntare una cosa però: non sono mai rimasta insoddisfatta di lui in campo sessuale, anzi. È fantastico sotto ogni punto di vista immaginabile e non.

Non capisco proprio perché non riesca a togliermi il desiderio della cosa a tre con un'altra ragazza. 

Dom

27

Nov

2016

Senza Titolo

Sfogo di Avatar di EssereumanoEssereumano | Categoria: Altro

Sono passati poco più di dieci giorni dal mio 17simo compleanno, e da allora nella mia testa non passa alcun pensiero se non uno assai negativo. Penso che, se non lascio al più presto aperta una valvola di sfogo, esploderò. È proprio per questo che ho deciso di scrivere qui, dal momento che di quello che sto per dire non riuscirò mai a parlare con nessuna persona che conosco.
Ma vengo subito al dunque.
Sono tormentata dall'idea di aver completamente buttato la mia adolescenza. Mi spiego: tra un anno sarò una diciottenne, ma di questi ultimi cinque anni che cosa mi è rimasto? Da quando avevo 12 anni, non ci sono stati cambiamenti, anzi, la situazione è rimasta completamente invariata. Ho sprecato gli anni che - come dicono - dovrebbero essere i migliori della nostra vita soltanto studiando e praticando a livello agonistico uno sport il quale, non essendo io portata per esso, non mi ha mai dato gratificazioni, ma assorbe soltanto il mio tempo.
Non posso nemmeno dire di essere maturata come persona. Il percorso di studi che sto affrontando mi costringe ad apprendere nozioni che non mi risultano utili e che, d'altra parte, dimentico immediatamente dopo una verifica, tanto che il mio bagaglio culturale pesa meno di zero.
Pari a zero sono anche le esperienze "amorose" che ogni ragazza normalmente affronta durante l'adolescenza: sono ferma al livello di una bambina di prima media (senza nulla togliere, per carità).Non ho mai provato neanche lontanamente cosa significhi avere una relazione con un ragazzo; non ho mai dato un bacio; nessuno si è mai interessato a me; non ho mai rivelato i miei sentimenti, poiché con il ragazzo di turno il più delle volte non avevo il benché minimo rapporto, e se avessi tentato un qualsiasi approccio sarei sembrata, giustamente, una mentecatta.
La situazione non varia molto anche per quanto riguarda i rapporti sociali non strettamente sentimentali. Posso affermare con decisione di non avere amici. Credo che iI problema risieda non nelle altre persone, ma nel mio atteggiamento. Con la maggior parte dei miei coetanei non riesco mai a entrare in confidenza: probabilmente risulto infatti essere una ragazza scialba e tremendamente banale. Se si sta facendo una conversazione in gruppo, ad esempio, io non parlo mai, non per timidezza ma perché non ho effettivamente mai nulla da dire; se mi é espressamente richiesta la mia opinione, poi, inizio a sovrapporre farfugliando brandelli di quanto è stato appena detto da altri dando alla luce un'accozzaglia di frasi slegate tra loro o di una banalità allucinante, tanto che l'interlocutore rinuncia ad interpellarmi di nuovo.Mi capita troppo spesso di avere davvero difficoltà a esprimere con chiarezza ed efficacia un qualsiasi concetto, e questo mi blocca tantissimo.Oltretutto, se guardo a tutti gli altri ragazzi e ragazze, mi sento terribilemente inadeguata. Loro, qualsiasi sia l'argomento, trovano sempre cose interessanti da dire, mentre io non ho conoscenza quasi di nulla, né alcuna opinione in merito. Sembra che tutti tranne me siano nati già "imparati" e pronti a dire la loro in ogni momento, mentre a me manca del tutto quella prontezza di spirito, quella capacità di buttare qua e là una battutina simpatica, di dire qualcosa di pertinente e interessante.Ma mi sfugge anche la comprensione delle più semplici dinamiche sociali, soprattutto quelle cose che agli altri vengono assolutamente naturali. Insomma, non sono socialmente intelligente.
E poi... E poi... E poi...
E poi c'è A.A., che è un mio compagno di squadra. A., che ha un paio di splendidi occhi azzurri. A., che è un ragazzo estrememente simpatico e intelligente. A., che è socievole con tutti ma che con me perde tutto il suo entusiasmo.A., che, le poche volte che ho tentato un approccio, ha visto in me una persona rigida e noiosa, e che giustamente manifesta il suo interesse per ragazze più simpatiche e più carine.Più simpatiche... Beh, per ovvi motivi.Più carine... Ok, sono molto alta (1.80m), ma ho un fisico non proprio asciutto e un viso dai tratti irregolari (soprattutto il naso, molto importante), sgradevoli. Insomma, non ho la bellezza,  non ho una personalità brillante... Non ho nulla.
Grazie per aver letto, e scusate la forma italianese scorreggiuta, ma vista l'urgenza dello sfogo non ci ho molto badato.

Sab

26

Nov

2016

ragazzo soldi problemi

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Avarizia

CIAO A TUTTI, AVREI BISOGNO DI UN PARERE ESTERNO SULLA MIA SITUAZIONE. Sono una ragazza universitria, per fortuna mi mancani pochi esami alla fine del corso. L'estate scorsa ho iniziato a frequentare un ragazzo, simpatico in gamba e tutto. Con lui non ho mai avuto problemi ma quello che mi fa specie è il suo atteggiamento in certe situazioni. Fin da quando l'ho conosciuto ha iniziato a dirmi che in primavera avrebbe voluto fare un viaggio in Chile e ad invitarmi ad andare con lui. PICCOLO PROBLEMA io non ho un lavoro, nemmeno un part time perchè purtroppo abito in un piccolo paese dove 1 non esisterebbero nemmeno lavretti due faccio avanti e inidetro dall'uni ogni 3 giorni e tre purtroppo faccio una facoltà molto complessa dove studio quasi tutto il giorno, se lavorassi mi laureerei tra mille anni mentre per ora ho sempre fatto tutto al passo. Cmq insiste insiste a capodanno dell'anno scorso ho lavorato ad un concerto e ho fatto altri mini lavori da hostes, ho messo via quei soldi sommandoli ai 150 che mi danno i miei genitori ogni mese per uscite piccoli acquisti etc e alla fine ho raccolto 1000 euro, i miei me ne hanno dati altri 600 e sono riuscita da andare pagandomi tutto grazie al basso costo della vita. Il punto è che ho veramente facticato a mettere via quei soldi. Prima di partire avevo troppo poco e nemmeno con quello aggiunto per generosità dai miei ero a cavallo e mi sono anche dovuta vendere due collanine d'oro e altre cose.  Cmq non sono qua per parlare di soldi, forse mi direte cose come se veramente volessi un lavoro lo troveresti ecc ma non è così facile conciliare università molto complessa e lavoro in posti dove lavoro non c'è. Cmq il fatto è che il mio ragazzo sapeva delle mie difficoltà economiche e se ne è sempre fregato. Mi diceva:guarda che io tra un mese devo prendere il biglietto o ti svegli e parli con i tuoi o io parto da solo. Ovvero "o vieni con me dove voglio io " o " vado da solo" e non ha mai neanche accennato a cose tipo "dato che hai pochi soldi per quest'anno potremmo andare in vacanza in un posto più vicino". Cmq non ho mai detto nulla e mi sono adeguata e alla fine ce l'ho fatta e non ho mai detto nulla neaneche delle cose d'oro anche se mi è dispiaciuto venderle ma l'ho fatto perchè l'avrei seguito ovunque. Cmq torniamo dalla vacanza e dobbiamo andare ad un matrimonio dei suoi amici, ora come sapete non si fanno più regali ai matrimoni ma si danno soldi, e lui non è che mi ha detto visto che sono amici miei che manco conosci io metto metà della tua parte e tu qualcos altro, no ho dovuto mettere la 100 euro. che ok saranno pochi agli occhi vostri ma per chi ha 150 euro al mese no, ma anche la, la cosa era, o paghi o se non puoi permettertelo vado da solo al matrimonio. e ok avrei potuto non accompagnarlo ma se inizi a non andare di qua e di la il rapporto si incrina. Tornati dal matrimonio si fissa con uno sport e inizio anche io a praticarlo, lui ha già la roba io la devo noleggiare, inizio a spendere un casino per noleggiare tutto alla fine capisco che mi conveniva comprarmi un atrezzatura mia. allora inizio a cercare e trovo roba per 300 euro o anche meno, certo non stupenda ma chissenefrega per iniziare. invece lui si mette in testa che fa schifo quell'atrezzatura la e mi compra una da 1000 euro. gli dico mille volte che non voglio che voglio arrangiarmi (dato che mi fa sempre notare che non ho soldi e che magari a volte lui ha pagato questo o quello) ma nulla da fare la prende senza chiedermi. Vabbe grazie del regalo, sono contenta e tutto ma ogni tanto me lo rifaccia. e non mi sembra molto carino. Poi la sera mangiamo insieme da qualche mese a casa sua ma cose molto semplici, spesa al lidl. All'inizio pagava sempre lui la spesa ora una si e una no devo pagare io. E mi fumo tutti i soldi, ed è giisto che paghi la spesa. ma allo stesso tempo pretende che metta via i soldi per il prossimo viaggio sempre deciso tutto da lui. e non so come fare sinceramente. ora per natale volevamo comprarci entrambi due pezzi di atrezzatura sportiva, ma l'altro giorno guardando il sito mi fa "sappi che però al compleanno non ti regalo nulla perchè l'atrezzatura è stata un salasso" . Ok mi va bene non mi frega nulla non regalarmi nulla ma invece io a lui il regalo lo devo fare . non e che mi ha detto non regaliamoci nulla a vicenda perchè tu non hai soldi e io ho speso tanto a regalarti quell'atrezzatura. no io ho 250 euro per ora nel salvadanaio e ne ho appena spesi 100 per fargli il regalo. 50 per il regalo di comunione che ho dovuto fare a suo cugino, e 50 continua a calcare che glieli devo ridare perchè l'ultima spesa l'aveva pagata lui. Ora non fraintendetemi, non è solo una questione di soldi, e io non ho mai detto nulla a lui perchè penso sia giustissimo che io contribuisca alla spesa, che si dividano le cose.  E' che è brutto rinfacciare le cose. o se vedi che sono in difficoltà perchè mi metti sempre davanti al bivio "se non puoi permettertelo vado da solo". In più io lo seguo sempre in tutte le sue cose e per una volta che gli ho chiesto io di andare ad un concerto che era il mio sogno ovviamente la risposta è stata no perchè è troppo lontano. però per il matrimonio dei suoi amici e altre cose siamo andati ancora più distante. in tuttoquesto vorrei sottolineare che lui abita in una casa nuova di zecca, tutta sua, e guadagna MOLTO MOLTO MOLTO bene. per se stesso solo negli ultimi mesi si è comprato non so quanti mila euro di cose: mac pc, atrezzatura da 3000 euro, iphone nuovo, paga un personal trainer 200 euro al mese, ecc ecc.

Un altro problema che abbiamo è il fatto che non mi ascolta mai, gli parlo gli racconto le cose e non mi ascolta proprio. ogni giorno al telefono mi chiede a che ora hai lezione domani? gli rispondo alle 12 e puntalemnte ogni giorno alle 12 mi telefona. e continuo a ripeterglielo ma nulla. perchè alle 12 è un orario comodo per lui. è molto egocentrico. temo che l'atrezzatura sportiva me l'abbia regalata perchè lui voleva per se stesso una ragazza che lo seguisse a fare quello sport, era più una cosa che voleva lui. e molte volte mi ha detto "beh però se ci molliamo l'atrezzatura me la tengo io ", ridendo.

In più con questo sport mi ha tirata matta. e' anche un po' pericoloso. e anche quando avevo gli esami mi spronava ad andare da sola. e ok ci vado ben volentieri ma quando mi sento e se ho voglia. invece se stavo a casa mi iniziava a dire, sei una fancazzista, te non prendi e non vai da sola etc, ti ho regalato l'atrezzatura per niente.

mi sento come una bambolina telecomandata. e forse sbaglio perche non gli faccio mai notare queste cose. ma perchè appartequesto lui è una carissima persona. E' che non si rende conto di pensare cosi tanto sempre e solo a se stesso, poi mi dispiace per il discorso dei soldi, sembra che sono io tirchia ecc. E' che il messaggio che lui mi manda è "o ti adatti al mio stile di vita o niente", e anche per le vacanze...perchè deve sempre decidere tutto lui.  

Gio

24

Nov

2016

La ragazza dell'altro

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Ieri sera sono andato al campo con i soliti amici. Birretta e sigaretta prima, arrivano quelli dell'altra squadra, due accompagnati dalle rispettive ragazze. Non ci bado, anche se ci siamo presentati, e dimentico subito i nomi. Perdiamo clamorosamente la partita, gli avversari ci invitano a farci una pizza tutti insieme. Mi siedo a tavola e una delle due ragazze si siede di fronte a me, unico posto libero, accanto al tipo. Abbiamo iniziato a parlare di sport, gli hobby, film preferiti. Il tutto sotto l'occhio critico del suo ragazzo, mi guardava con odio. Lo capisco, gelosone. Sta di fatto che lei mi è rimasta impressa, non so, la sua voce, la sua risata, in neanche due ore abbiamo parlato veramente tanto. Sembrava flirtasse, flertasse, come volete voi nazi, non cambia. O era semplicemente simpatica e espansiva, una persona solare. Con una scusa (invitare il suo ragazzo a una partita per rivincita) mi sono fatto lasciare il numero (nel frattempo lui era andato a pisciare). Penso di scriverle, ovviamente evitando l'argomento "lui", e no, non sono pentito.  "mandamela bona"

Dom

06

Nov

2016

Paranoia da pelo

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Io e il mio ragazzo stiamo insieme da poco tempo, ma siamo già stati in intimità..quindi ha già anche visto come sono messa sotto le mutande. Premetto che soprattutto quando so che devo vederlo mi tengo molto in ordine in fatto di igiene e ceretta. Ho sempre tenuto fatta la ceretta abbastanza sgambata, ma non totale sull'inguine (quanto basta per non far uscire niente dagli slip e il resto lo accorcio..un po' per il dolore, un po' perchè da sola è il massimo che riesco a fare senza farmi male e dall'estetista non ci posso andare per varie ragioni che ora non sto qui a dire e perchè a me tutta depilata non piace)..però oggi mi ha chiesto di depilarmi del tutto. Sono andata totalmente nel pallone perchè ha toccato un nervo decisamente scoperto e cioè che come sono fatta non gli piaccio. Che faccio schifo in generale. Ho un'autostima molto bassa e con lui mi sto sforzando molto per lasciarmi andare (davvero, non mi sono mai impegnata così tanto), ma così..non lo so. Non so davvero cosa fare. Ho paura che se non lo faccio poi mi schiferà ancora di più. Già sono grassa, sta con me per forza per pietà. Dovrei accontentarlo, lo so..ma non vorrei farlo..però se non lo faccio mi sentirò sempre a disagio perchè ormai so che come sono non gli piaccio. Sono caduta in paranoia. E' così dura per me stare con lui perchè non mi sento mai all'altezza della situazione, ma lui non ne vuole sapere di lasciarmi..non accetta nemmeno che lo molli io. Ridicolo come due peli mi mandino tanto nel panico. Scusate per lo sfogo assurdo, capirò gli insulti.

Sab

05

Nov

2016

Abortodimacaco

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

che palleee!! È da più di due mesi che cerco di parlare con la persona che mi "piace" ma che non ci riesco!!! Dico cosi perchè io non ci ho mai effettivamente parlato o scambiato qualche parola. Nulla, quindi non posso effetivamente dire che mi piaccia. Il mio è più che altro un'interesse. Molte persone mi hanno raccontato vari episodi che hanno visto protagonista questa persona e sono tutti ALTAMENTE singolari. Perchè è lui in primis a essere singolare. Non è bellissimo, ma a me piace un botto lo stesso.

fa cose che gli altri maschi non si sognerebbero mai di fare, per questo dico che è diverso. 

questa cosa in questo periodo mi sta buttando giu, e anche parecchio. Precisiamo, abbiamo entrambi 17 anni, e andiamo in classi diverse. Ma a me stanno antipatici tutti i miei compagni di classe quindi durante l'intervallo vado nella loro a divertirmi con i miei amici lì. Ma fatto sta che non sono mai riuscita a parlare con questa persona. Se ne sta sempre da solo ad ascoltare la musica,o a disegnare o a pensare guardandosi in giro. questa sua caratteristica mi piace un sacco, ma per me è di certo un problema: come fai ad attaccar bottone con una persona del genere?

sapessi come si fa!

Diciamo che però questo mio problema è unito fondamentalmente  ad un'altro: non ho mai avuto un ragazzo. Non sono brutta e diciamo che con il trucco divento una bella ragazza, ma io mi rifiuto di usarlo, perchè secondo la mia filosofia è il carattere e non l'aspetto fisico a piacere alle persone. Ho un carattere forte, che non fa fatica a farsi amicizie; non sono timida. Con certe persone però mi blocco, non so cosa dire, non so come posso attac bottone con loro. E Lui è uno d quelle. Come posso fare? Più che altro sono portata a provare invidia verso alcune delle mie amiche che hanno il ragazzo, anche da un bel po'.

Per me è importante trovare una persona con cui possa essere compatibile, non per poi starci insieme per tutta la vita, ma solo perchè siamo innamorati entrambi l'uno dell'altra: in questo modo puoi starci insieme quanto ti pare, puoi goderti con lei un sacco di momenti bellissimi e speciali da ricordare. Ma tutto ciò non mi è ancora successo e a 17 anni è parecchio frustante.

 ecco sì, sono frustata! Tanto!

Per quanti sforzi io faccia per essere diversa ( e con questo intendo vestirsi un po' stravagante ed a essere un po' stravagante) dalle altre io, persona a cui hanno sempre detto " è importante la personalità" , mi sono scocciata accidenti di non trovare nessuno.

io cerco di nascore sempre la mia invidia verso quelle persone che sono perfette, gentili, timide, con la voce sottile e gli occhi grandi, che possono trovare qualcuno senza troppi sforzi. Poi vedo me stessa che sono alta 1.64, di corporatura giusta , ne magra ne grassa ma atletica, con gli occhi di grandezza normale, con le labbra piccole. L'unica cosa bella di me sono i capelli rossi e ricci e il culo alto ( che per me rappresenta dio). 

Non dico di odiare il mio corpo ma molte volte mi capita di non sopportarlo. Tette piccole, vita non stetta ma neanche larga ma se aggiunta al mio fisico mi irrita parecchio, fianchi larghi e gambe grosse. non sono uno stecchino è vero ma non sono neanche una balena! 

Non è che non ho autostima, anzi, però che palle il fatto di non trovare un ragazzo mi ha gia parecchio buttata giù... perchè poi penso di fare schifo.

non lo dico a nessuno ma dentro di me me lo ripeto a volte. 

Ven

04

Nov

2016

Mi sento solo e non ce la faccio più

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

E' ormai da quando avevo 15 anni che ogni giorno mi faccio in quattro per poter vivere una vita quantomeno stabile e soddisfacente... Ma tra interminabili faide familiari, problemi più o meno gravi di salute, vari assurdi tradimenti subiti e delusioni sentimentali assortite, cambi di residenza da regione a regione perdendo le amicizie più care coltivate con fatica, e continui sacrifici per condurre un'esistenza non molto agiata ma perlomeno onesta... Ora mi sento un rifiuto, mi sento svuotato ed imploso su me stesso, come una bottiglia d'acqua minerale nel bidone della plastica.
Mi sono rimaste solo poche cose per cui posso sentirmi fortunato: avere un padre che non ha mai saputo come comportarsi con me, un vero amico a 300km di distanza che però non vedo mai, un lavoro che mi piace ma in cui mi sento in gabbia ed una casa di proprietà che mi dà solo preoccupazioni e spese. Sto cominciando ad odiare tutte queste cose, sempre di più, perché sono le uniche cose che mi trattengono dal mettere fine alla pesantezza e alla sofferenza che ogni giorno porto con me.
La gente, anche chi mi conosce meglio e mi è più vicino, mi vede cercare di sorridere e di tirare avanti ogni giorno, cerco di essere di tutto l'aiuto possibile per chi mi circonda e ne ha bisogno e spesso per la mia cordiale disponibilità vengo scambiato per una persona debole e da usare. Non sanno che ogni mio istante di riflessione è racchiuso in sé stesso, che ho un sentimento che mi lacera dentro e che finora ho trovato in me una forza sovrumana che mi ha spinto a continuare, l'unica cosa che mi ha portato fino a questo punto, ma che ora pian piano sento abbandonarmi.
Ogni giorno mi sento più debole e più solo in questa lotta contro me stesso e contro tutti. Oggettivamente, dal punto di vista sociale mi accorgo di non essere un individuo ripugnante; sono un ragazzo alto, giusto un po' "robusto", biondo e con gli occhi azzurri, responsabile, corretto, gentile, curioso di tutto ed a cui piace ridere e scherzare... Ma non riesco a socializzare con persone della mia età, perché da loro vengo sottovalutato e deriso per i miei modi talvolta da 'precisino-so-tutto-io' (sapessero loro quanto mi sforzo per esserlo il meno possibile, sapessero davvero che se sono così è principalmente a causa di anni di abusi psicologici e fisici da parte di mia madre...) I ragazzi mi snobbano, le ragazze mi affiggono un cartello 'FRIENDZONE' in pochi istanti e mi sento sempre più deluso di me stesso. Invece riesco a socializzare (anche troppo) con persone più anziane di me. Che siano vicini di casa o gente incontrata per caso in un negozio. Tant'è che addirittura negli ultimi tempi ho rapporti, anche molto intimi, con una signora mia conoscente che ha quasi sessant'anni. Accetto senza problemi questo sesso per ciò che è, consensuale, bello e tutto sommato anche molto più piacevole e coinvolgente di altri rapporti avuti in passato con mie coetanee... Ma piuttosto che stare a letto con una sessantenne, preferirei di gran lunga incontrare una ragazza della mia età con cui sentirmi più sereno e poter progettare un futuro insieme. Non posso continuare così, nonostante ci sia qualcuno che si interessa a me (come conoscente o amico) io mi sento sempre più solo e frustrato, attanagliato per di più dalla continua preoccupazione di non riuscire ad arrivare a fine mese, e continuo a pensare che l'unica soluzione sia spezzare la mia stessa esistenza come un sacrificio all'altare di un dio che solo io conosco.
Se non troverò il coraggio di compiere presto il tragico gesto che ormai da tempo propongo a me stesso, spero almeno di incontrare qualcuno che sappia apprezzare davvero le mie poche qualità positive, per essere buoni amici e potermi svagare un po' da questo alone di tristezza che mi avvolge l'anima... Altrimenti non saprò nemmeno immaginare che misera fine farò, e probabilmente sarà l'ansia di questo brutto pensiero ad uccidermi.
F. - dal Triveneto

Gio

13

Ott

2016

È stanchezza o c'è anche altro? Come posso aiutarlo?

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Io e il mio ragazzo stiamo insieme da davvero poco tempo e in questo periodo ha iniziato a lavorare. Si sta dando molto da fare, ha due lavori e praticamente mai un giorno libero. Abbiamo inziato a sentirci di meno..di giorno lavora, la sera esce con gli amici per staccare e io non voglio disturbarlo tenendolo attaccato al telefono per rispondermi. Il vero problema sta nel fatto che anche per quel poco che ci sentiamo lui si è raffreddato molto..risponde dopo un po' di tempo dicendo solo cose tipo "ok", "già", "bene" e dopo un po' mi sento anche a disagio a portare avanti la conversazione perché mi sembra di forzarlo e non gli rispondo più. Gli ho chiesto più volte se ci fosse qualche problema e lui mi ha detto che è solo stanco. Quando ci vediamo invece è molto dolce. 

 Non so come comportarmi. Vorrei aiutarlo, farlo sentire meglio..cerco già di non stargli troppo addosso e spesso sono anche disposta a rimandare le nostre uscite per lasciarlo riposare (anche se lui vuole sempre e comunque vedermi), ma più di questo non so proprio come fare. Tutto questo mi rattrista, anche perché mi sento poco considerata e questo aumenta la mia frustrazione. So che mi vuole bene e so che sta facendo un sacco di fatica. È la sua vita, è giusto che la gestisca come vuole e che si dia da fare per crearsi un futuro. Vorrei solo sentire il suo affetto anche quando non siamo insieme e vorrei potergli essere davvero d'aiuto.  A volte ho paura che si sia già stancato di me, ma non sappia come dirmelo..alla fine non sono niente di speciale. So che potrebbe avere di meglio. 

Sab

01

Ott

2016

Non sopporto più il mio ragazzo.

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

C'ho poco da dire. Preferisce la madre a me pure se gli chiedo aiuto urgente. Sono stata vittima di una violenza fisica e mentale e lui...del tutto assente. Fisicamente e successivamente sentimentalmente mi ha tradita e ha preteso che lo perdpnassi. Io soffro di sindrome di Borderline e questo peggiora tutto.