Tag: ragazzo

Mar

02

Gen

2018

Gatto di merda e altri problemi

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Ira

Io sono stanca, esausta, non ce la faccio più. Sono 2 mesi che mi sono trasferita dal mio ragazzo, a 400 km da casa. È stata una scelta quasi obbligata in quanto a casa mia era un inferno. Con i miei mi sono lasciata male e tutt'ora non mi danno un minimo di appoggio. Si vergognano a dire ai parenti che me ne sono andata, non gliene frega un cazzo della mia vita e mia nonna continua a farmi terrorismo psicologico facendomi credere che mio padre venga colpito da infarti o che se vogliono possono arrestarmi per essermene andata. Qui la vita è piatta, monotona. Sia io che il mio ragazzo stiamo cercando lavoro. Non ho amici, non conosco nessuno e lui passa il tempo a dormire (sono le 17.40 e non si è ancora alzato dal letto) o a giocare al pc. Mi sono anche interessata ai videogiochi per fare qualcosa insieme, ma non si può sempre continuare così. Non fraintendetemi, lui mi ama davvero tantissimo, ma vorrei anche mettere il naso fuori casa ogni tanto..ma lui non lo capisce. Da quando mi sono trasferita ho problemi con il ciclo mestruale; prima un ritardo di quasi 20 giorni, poi un ciclo davvero tanto abbondante, una settimana di perdite durante il mese e adesso è ancora in ritardo. I due test di gravidanza che ho fatto erano negativi. Tutto questo è ulteriore fonte di stress. Il suo maledetto gatto di merda mi ha rotto abbondantemente il cazzo. Carina e tutto (riesce ad essere molto dolce), ma sta diventando assillante e inizia a farmi paura. Non posso usare il telefono perché appena vede il riflesso dello schermo mi salta addosso, se mi cambio i pantaloni mi graffia, se cerco di spostarla mi morde e quando dormiamo passa le ore a graffiare sulla porta perché vuole entrare. Vorrei buttarla giù dal balcone. Ormai quando la vedo mi viene l'ansia. Quando sono andata al centro dell'impiego quella cretina a cui mi hanno assegnata non ha capito un cazzo e mi ha chiesto la certificazione del diploma. La scuola non me lo da se non sono presente e io non posso risalire a prendermelo. Ho chiesto ai miei se potevano aiutarmi almeno in questo e hanno acconsentito manco mi avessero dato una concessione cardinalizia. E quella scema del centro non si è fatta più sentire. Mi sento frustrata e sola da morire. Non so come fare. Non posso manco tornare dai miei perché sarebbe come passare dalla padella alla brace. 

Mer

27

Dic

2017

Chattare con uno sconosciuto

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Ma che ho combinato.. 

Ero su un forum a leggere discussioni a caso. Vedo la discussione di un ragazzo che espone i miei stessi problemi, rispondo, iniziamo un batti e risposta fino a che non ci sentiamo in privato. Entrambi fidanzati, parliamo a lungo delle nostre storie, dei problemi, della distanza che viviamo durante la settimana dai rispettivi fidanzati/e che abitano fuori città. Ci sentiamo sollevati, ci comprendiamo, ci aiutiamo. Ci scambiamo i numeri, ogni tanto ci scriviamo, sento la sua voce, vedo qualche sua foto e lui le mie. Smettiamo entrambi di scriverci perchè cè una strana sintonia. Dopo qualche settimana di silenzio lui ammette di pensarmi e di voler incontrarmi in semplice amicizia. Vuole a tutti i costi conoscermi dal vivo, senza secondi fini, ha delle sensazioni positive, ma io rifiuto. Poco dopo entrambi ci diciamo che quell'incontro potrebbe essere pericoloso, lui comprende, si pente della proposta ma mi confessa che gli piaccio molto come persona e che mi pensa. Entrambi non vogliamo far star male nessuno o rompere gli equilibri delle relazioni. Smettiamo di sentirci di nuovo.

Entrambi sappiamo che l'altro esiste. Non è certo ma sappiamo che quell'incontro forse qualcosa avrebbe provocato. Non è successo nulla. Lui è lì. Io sono qui. Un po' distanti, ma non troppo. Dice che non cancellerà il mio numero e che se non mi scrive è perchè poi la voglia di vedermi aumenterebbe. 

Io non l'ho più cercato. E non ci ho capito nulla.

Lun

18

Dic

2017

Lasciata 3 volte

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Ira

Ho 25 anni e sono fidanzata da 3 anni con un ragazzo. La nostra relazione è sempre stata meravigliosa...Ricca di viaggi,passione e tenerezza. Lui con me si è sempre comportato bene, riempiendomi di attenzione e gesti carini, presente ed innamorato...Mi parlava di una possibile convivenza futura, di un possibile matrimonio...Tutto procede per il meglio quando un giorno, precisamente la mattina di Pasqua, lui mi lascia. Senza nessun preavviso o comportamento che nei giorni precedenti lasciasse presagire nulla di simile...Mi lascia per messaggi, rifiuta le mie chiamate (perchè non voleva sentirmi piangere). Mi scrive che non mi ama più, che non sente più nulla, che è stato un bellissimo rapporto ma me ne sarei dovuta fare una ragione e andare avanti per la mia vita...Tutto ciò il giorno di pasqua, giorno che avevamo programmato di passare insieme con la sua famiglia e lui che fa? Mi lascia, perfettamente conscio del fatto che avrei passato la pasqua sola dato che i miei erano partiti e mio fratello era fuori roma... Passo una pasqua orribile, e giorni di dolore indicibile. Due giorni dopo, torna sui suoi passi dicendosi pentitissimo, che non sapeva cosa gli fosse preso, che ero la donna della sua vita, che mi amava...Lo perdono. Mi dico ok, un momento, un errore, può capitare a tutti. Riprendiamo il nostro rapporto, io cerco di mettere una toppa sull'episodio e andare avanti, voltare pagina. 
Verso luglio, mentre eravamo alle terme, gli faccio notare il suo comportamento distaccato e distratto...Per la seconda volta mi ritrovo davanti ad una persona che mette in dubbio i suoi sentimenti, che mi dice "io non ti amo con lo stesso slancio con cui mi ami tu"...E alla mia domanda "perchè non mi ami?" lui tace. Io faccio per andarmene, ma lui durante la giornata mi chiede scusa. Un momento. Dice di essere triste e che io non c'entro nulla, ma quando si sente triste tende ad isolarsi e questo lo porta a prendere decisioni dettate dall'istinto. Passano i mesi, dopo un bellissimo viaggio in Kenya e due giorni prima del nostro anniversario e di un colloquio per me importantissimo...Per una banale discussione (sempre via messaggi) mi lascia. Mi lascia in tronco, ha bisogno di stare solo. Passa così un mese, durante il quale più volte ho cercato di spronarlo a riprovare,ma lui non ha mai fatto nulla e anzi, mi ha trattata spesso con sufficienza e in modo brusco. Non è mai venuto sotto casa mia. Ogni tanto mi inviava messaggi in cui diceva che gli mancavo...ma all'atto pratico rimaneva sempre della sua posizione. Dopo un mese, quando oramai iniziavo a farmene una ragione e a rimettere insieme i tasselli della mia vita...Torna. Pentito di tutto. Dice che lui non ha mai pensato di lasciarmi davvero, che mi dimostrerà che mi ama e sono l'unica donna della sua vita..Che non ricapiterà mai più..Che era un momento di tristezza e ha preso le distanze per quello. Ci stiamo rivedendo, ma io non sono convinta. Benchè a sentirlo parlare sembrerebbe sincero non mi fido più di lui e mi sento nel limbo...Se tentare un'ennesima volta(con il rischio di pentirmene amaramente) o seguire la ragione e dargli un benservito una volta per tutte come meriterebbe. 
Help

Dom

19

Nov

2017

Ho capito una triste verità e ho bisogno di sfogarmi

Sfogo di Avatar di DonnadaicapellicortiDonnadaicapellicorti | Categoria: Altro

Ho capito che posso avere l'uomo più bello e amorevole del mondo, ma preferisco stare da sola, a casa mia, e portare avanti tutti i miei impegni, la mia rete di relazione sociali, i miei hobby...

Lo frequento solo da due settimane... (tra l'altro è il protagonista di un mio sfogo di due anni fa... lo conobbi nel 2015 in una discoteca e me lo portai a casa. Mi piacque tantissimo ma poi non ci siamo più visti né sentiti. Dopo due anni gli ho scritto, lui si ricordava di me ed è venuto fuori che vive in una città vicina alla mia e siamo colleghi, mentre prima avevamo un lavoro diverso e abitavamo a 800 km di distanza da dove siamo ora... )

Lui è affettuoso, carino, educato, passionale, attento, premuroso, bello... MA C'E' UN MA. Passo tre giorni e notti a settimana con lui e così la mia casa è sporca, i miei abiti anche, non seguo la mia dieta, dormo poco, non vado in palestra, non vedo i miei amici, non faccio il mio lavoro come dovrei e non mi dedico ai miei hobby. Con lui sto da dio, ma quando penso al fatto che la mia vita è cambiata mi sento male e vorrei che sparisse. Mi rendo conto che sarebbe così con chiunque. Ho avuto una storia di nove anni ma lui era un menefreghista e per questo vivevo la mia vita normalmente, senza rinunciare a niente...

Non so cosa pensare... con chiunque avrei questo problema. Io non posso rinunciare a niente. Ho bisogno poi anche di stare sola, passeggiare da sola, chiudermi in camera per lavorare o dedicarmi agli hobby o riposare e meditare.... il mio tempo libero conta più di qualunque altra cosa, più dei soldi, più di tutto. Ho faticato tanto per conquistarmelo, e nessuno può più portarmelo via. Stare con lui per tutto questo giorno mi porta a dover incastrare gli impegni negli altri giorni e ciò mi stressa in una maniera indicibile.

Io cmq soono figlia di una donna che ha rinunciato alla sua vita, al suo paese, alla sua laurea e alla possibilità di lavorare per sposarsi con un uomo che non ha rinunciato a niente per lei. Lei ha rinunciato al lavoro perché è andata a vivere in un paesino sperduto (quello da cui sono originaria) che non offre nulla... io per questo sono nomade, sono zingara, ho vissuto un po' in tutta europa... l'ho fatto perché ne avevo voglia ma anche perché ne avevo bisogno...

E niente... poi ho paura di innamorarmi e soffrire...a volte con lui mi sento una piccolina, una fragile... io, che sono sempre stata una donna autonoma e forte... mi sento smarrita e confusa....

Lui mi sembra un don giovanni, del resto lo conobbi in discoteca e dopo mezz'ora di conversazione eravamo già a farlo in bagno... cosa posso aspettarmi da uno come lui? beh, io sono uguale a lui, anche lui, stando a questo ragionamento, non potrebbe aspettarsi niente da me... poi mi dice che piacerei ai suoi genitori, mi copre di complimenti, dormiamo abbracciati... tutto fantastico ma dormimmo abbracciati anche la notte in cui ci conoscemmo... non capisco nulla.

Una cosa però l'ho capita. Ho bisogno dei meii spazi, che sono molto ampi. lui mi cerca, mi chiama, mi fa perdere tempo, mi vuole sempre con sé- E questo è spettacolare (sempre se è sincero) ma io non ci sono abituata e, nonostante stia bene con lui, penso che sto perdendo tempo e rinunciando a cose di primaria importanza.

Ven

10

Nov

2017

Mi piacciono sempre persone che non conosco

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Mi piacciono sempre persone che non conosco, ma che mi attraggono per il loro aspetto (alcuni non sono nemmeno belli, ma mi attraggono per la loro particolarità) e per i loro atteggiamenti. So che il mio è un comportamento superficiale e anche infantile, ma secondo voi da cosa può essere scaturito? Mi succede anche che mi fisso di queste persone per anni interi. Infatti adesso è da un quasi un anno che "mi piace" un ragazzo che non conosco. Questo mio atteggiamento purtroppo dura da un bel po' di anni e io ne sono davvero stanca. So che magari verrà facile a dire le opzioni sono due "o lo dimentichi oppure ci parli", ma mi sento impossibilitata a fare queste due cose. Per la prima mi viene difficile in quanto molto spesso la persona che "mi piace", frequenta la mia stessa lezione e quindi la vedo praticamente sempre. La seconda, sono molto riservata e paranoica, e non riesco proprio a parlare con qualcuno che mi piace, andrei in tilt e mi farei troppe paranoie. Spero che qualcuno sia stato nella mia situazione e sappia darmi un consiglio su come darci un taglio a sta cosa perché la cosa sta diventando imbarazzante per me in quanto non sono una adolescente, ma mi comporto da tale facendo così. E poi perché molto spesso con questo mio atteggiamento mi ritrivo a non avere il coraggio nemmeno di guardarli in faccia oppure di cambiare strada appena li incrocio e così è peggio, perché essendo sciva non riuscirò mai a conoscerli e mai a capire se mi piacciono realmente oppure no

Dom

29

Ott

2017

Non so come spiegarlo ,ma ci provo.

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Lussuria

Allora lui 29 anni : ragazzo timido, mi guarda diventa rosso e finiamo per stare muti, non é uno sfigato perché é nell'esercito. 

Io sono più timida di lui entrambi siamo single lui dal 2016 io da maggio di quest'anno. Però dopo non ho avuto più nessuno né trombamici né uscite e sesso così insomma nulla di nulla.. Lui invece è libero , ci divertiamo insieme ..nulla di serio almeno penso  io che lui lo pensa anche se sto pensando che lui la pensa diversamente perché lo vedo preso, ma la cosa a me fa più che piacere anche se lui non lo sa.  Comunque  per quanto sia timido  ha gli occhi dolci ti guarda diventa rosso  e a me la cosa piace perché  è buono , solo che magari vorrebbe baciarmi e fa passare tempo perché non riesce si blocca , lo posso capire fin qua perché io non sono una che si lancia ma sta ferma in silenzio peggio di lui. Insomma una sera lo vedevo che mi guardava poi girava lo sguardo altrove poi si mordeva le labbra poi d'improvviso mi è diventato rosso in faccia  ad un certo punto dopo mezz ora così finalmente si butta di colpo e mi bacia , una cosa bellissima anche se c' ha messo 30 minuti a me faceva piacere... succede dopo un paio di uscite che ci sentiamo facciamo l'amore.. ora arriva il punto.. per quanto è timido  con lui si fa la classica posizione penso che in 5 volte che abbiamo fatto l'amore e lo fa davvero bene come davvero quelli nei FILM quando una dice che bello magari avessi un ragazzo che lo fa così tipo da film romantico io posso dire che esiste  e lui mi piace davvero perché mi sembra proprio il tipico da film romantico , insomma in 5 volte che abbiamo fatto l'amore li diventa più normale non timido quasi epoi mentre facciamo l'amore mi bacia sempre di continuo , e la cosa mi piace un casino perché quando avevo il mio ex poche volte mi baciava quando facevamo l'amore, con lui è forte l'attrazione e mentre lo si fa ci baciamo sempre  di conitnuo.. 'unica cosa è che non mi ha mai chiesto o cercato di far capire che vuole fatti i preliminari "sesso orale", da un lato  mi fa piacere che non me l' ha mai chiesto perché mi vergognerei un pò non so il motivo dall'altro però penso  come mai sto ragazzo non vuole del piacere anche lui dato che a me lo fa lui di spontanea volontà? e poi un 'altra cosa quando deve arrivare non mi arriva a dosso , si porta dietro i tovaglioli tipo e arriva la, tipo una volta gli ho detto stai tranquillo io uso l'anticoncezionale però dai fai bene che non arrivi dentro non si sa mai, e lui mi disse evitiamo guai preferisco sporcarmi io  e poi non ti posso mica sporcare te.. cioè ma da quando esistono sti tipi così ? cioè a me piace però non pensavo fosse così educato tipo non so come definirlo.  ma ragazzi ma anche voi a letto siete così? cioè le cose che fa a me piacciono un casino.non solo a letto lo vedo molto Dolce molto rispettoso nei miei confronti .. io non capisco perché con me è così buono. Mi ha detto : con te sono  buono perché te lo meriti.. ma io non ho chiesto il perché me lo merito .. ma che devo pensare secondo voi potrei piacergli, il punto è che non stiamo insieme ..ci sentiamo ma non siamo fidanzati c'è attrazione c'è complicità, cstiamo bene insieme, c'è timidezza a volte.. poi penso che magari entrambi siamo single entrambi abbiamo avuto la storia seria durata anni forse ha paura lui di qualcosa per ricominciare, perché sinceramente ho paura anche io quindi la cosa va bene così al momento .. quindi secondo voi che tipo di ragazzo è?

Sab

28

Ott

2017

ragazza

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Mi sento confusa, la mia non è neppure confusione. La mia è paura di vivere. Mi sento presa in giro da un ragazzo anche se no so quale sia la verità: forse non mi prende in giro, forse sono troppo "pazza"; non riesco ad aprirmi con lui eppure ci conosciamo da quattro anni ma non è una storia stabile o seria, è una relazione molto aperta. Ieri sera siamo usciti, ci siamo visti e lo abbiamo fatto. Sta proprio qui il punto, che ho spesso l'impressione che lui mi voglia vedere solo perché sa che sono debole e che facilmente mi lascio trascinare nel fare sesso. Però al di là di quello mi chiedo cosa ci sia di vero e importante tra di noi, non so neppure se provo qualcosa. Gli sono stata dietro per tanto tempo ricevendo tanti respingimenti che mi hanno causato molto dolore e frustrazione ma ho continuato a sforzarmi di poter essere accettata da lui e alla fine siamo finiti a diventare "amici" direi perché parliamo un po' ma sono io. Continuo a sentirmi impaurita, tante volte mi sembra di non fidarmi di lui. Tante volte ho paura che mi prenda in giro. Non ho nessuno con cui posso sfogarmi e parlare di queste cose perché non ho amici e in famiglia siamo sempre stati molto separati l'uno dall'altro; non c'è mai stata apertura, condivisione di momenti, di chiaccherate serene o dimostrazioni di affetto o per lo meno, non le ho viste e sono cresciuta così. e adesso sto facendo i conti con me stessa perché voglio stare meglio. 

Dom

08

Ott

2017

Pecora nere tra pecore già nere?

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Superbia

Tutti i miei coetanei (20 anni) mi sembrano dei rincoglioniti di merda. Pensano solo tutti a bere, drogarsi e fidanzarsi per convenienza o per le apparenze. Mi appaiono tutti banali, omologati, ignoranti e convinti di essere i migliori.

 Nessuno si preoccupa più di formare amicizie con alla base valori come onestà, sincerità, uguaglianza ecc.

Io voglio solo vivere una vita stimolante, trombare tanto e avere successo nel campo del lavoro, ma senza perdermi negli eccessi. 

Voglio essere emancipata, e soprattutto poter avere i miei interessi e non doverli nascondere perchè appena fai un filo diverso dalla massa sei strano.  

Qua se hai il coraggio di guardare la gente negli occhi  quando ci parli non sei normale. Se non fumi non sei figo. Se non hai a tutti i costi il ragazzo sei una bambina, fa niente se hai preso il primo che passava ed è alto 1, 65 con la faccia da topo e il cazzo piccolo. 

 

Ne ho avuto 1 di ragazzo e anche se è una testa di cazzo almeno era biondo, palestrato e alto 1,90. E ci ho flirtato, e mi ci sono messa perchè era gnocco.

La gente ormai mi fa schifo e anche se ce la metto tutta per non credermi migliore di nessuno appena qualcuno apre bocca mi pare un mongoloide. Tutti i loro problemi mi sembrano idiozie facilmente risolvibili che si complicano da soli.

Mi dispiace essere così, mi ci hanno fatto diventare tutte le persone di merda mediocri che sono entrate nella mia breve vita.

Stare da soli è infinitamente più appagante.

Vorrei solo conoscere qualcuno per cui valga la pena provare affetto sincero e con cui avere un'amicizia "vera" .

Dom

24

Set

2017

Aiuto ho preso una sbandata

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Lussuria

Ho 22 anni e la settimana scorsa sono andata in vacanza con i miei genitori per poter passare una settimana di puro relax. Sono fidanzata da quasi 4 anni e oltre alla solita settimana di vacanza con il mio fidanzato ho deciso di andare in Spagna con i miei perché per molti anni non siamo riusciti ad andarci, ed essendo molto legata a loro ho deciso di accompagnarli. Noi siamo sempre stati abituati a viaggiare molto, ma questa volta volevamo solo rilassarci e siamo andati in un villaggio in Spagna per una settimana. Ma veniamo al dunque: questa settimana è stata divertentissima per me, perché trovando tutti gli animatori miei coetanei mi sono legata molto a loro e oltre al relax a cui auspicavo dopo mesi di studio, ho conosciuto persone molto simpatiche che mi hanno fatto divertire un mondo e per quanto io fossi timida sono riuscita ad aprirmi di più e a fare amicizia. Il problema  è questo: il giorno dell'arrivo ho notato un animatore, mio coetaneo; era bellissimo, ma lì per lì non i ho dato peso. Premetto anche che sono fidanzata da 4 anni con un ragazzo meraviglioso, che amo alla follia da molto tempo, praticamente perfetto ad eccezione di piccoli difetti (come io ho i miei), ma che non ci hanno mai dato alcun problema. comunque, tornando al racconto, il secondo giorno di vacanza questo animatore era sparito ed non vedendolo nemmeno per i 3 giorni successivi ho pensato che fosse ripartito. Pero, ben 5 giorni dopo, è ricomparso. La gente che è stata in un villaggio sa benissimo come funziona: gli animatori vanno in giro, ti coinvolgono, chiacchierano con TUTTI, si siedono al tuo tavolo, ecc. Questo ragazzo quindi il quinto giorno di vacanza è venuto a chiacchierare con me e mia mamma: man mano che lo guardavo mi accorgevo di quanto fosse bello, era anche simpatico e nonostante alcune sue idee/pensieri potessi non condividerli, non riuscivo a staccargli gli occhi di dosso. Dopo una chiacchierata di un'ora in cui lui parlava quasi solo con mia mamma, a pranzo si è messo al nostro tavolo. Anche lì si è dimostrato un chiacchierone, io lo fissavo e lui ricambiava gli sguardi e sorrideva, ma parlava quasi solo con i miei genitori, come se non mi degnasse di uno sguardo. Capii quindi che forse non era interessato a me. Il mattino dopo però stessa cosa: chiecchierate infinite in spiaggia, qualche saluto e qualche sguardo dal momento che io lo fissavo costantemente. Poi, a cena, si è seduto di nuovo al nostro tavolo, cosa che praticamente non accade mai visti gli innumerevoli clienti di un villaggio. Anche lì abbiamo chiacchierato moltissimo ma lui guardava quasi solo i miei genitori, se non poche parole scambiate solo con me, perché per il resto erano solo chiacchere di gruppo. Lì però ci ha raccontato di quanto lui fosse timido e di come riuscisse solo a chiacchierare con le persone così, in gruppo. Poi, la sera (l'ultima mia sera) sono andata a bere qualcosa con alcuni ragazzi che avevo conosciuto lì e dopo un po' sono arrivati tutti gli animatori. Però poi l'unico ad essersi unito al nostro tavolo è stato lui: non so se fosse stato chiamato dai miei amici (che già mi prendevano in giro dicendo che questo animatore mi stava sempre accollato), fatto sta che  stato lì con noi senza praticamente professar parola: io lo fissavo intensamente, lui mi guardava e sorrideva, ma più che poche chiacchiere (gli ho detto che ero fidanzata) non è successo nulla. Ci siamo salutati veloce dicendoci che ci saremmo visti alla mia partenza la mattina dopo. La mattina dopo l'ho visto di sfuggita perché poi è uscito subito fuori Poco dopo però mi è arrivato un suo messaggio su facebook in cui mi diceva se volevo bere un caffè fuori: io pensavo intendesse lì fuori con tutti gli altri, ma non avevo realizzato che il bar del nostro hotel non fosse aperto a quell'ora e che lui intendesse un bar all'esterno. Fatto sta che non ho potuto perché il mio pullman partiva 5 minuti dopo, quindi due baci, un ciao ciao e basta, è finita lì. Io poi gli ho risposto l messaggio perché prima non mi si prova la chat, dicendogli: scusa l'ho letto or. E lui mi ha risposto con un : ahah tranquilla :) Per tutto il giorno sono stata malinconica e ho continuato a pensare a lui. Non è normale, perché io amo il mio ragazzo, ma pur non vedendolo da una settimana era come se non mi mancasse per niente, come se non volessi rivederlo. Poi però la sera mi sono tolta uno sfizio e ho inviato un messaggio a questo ragazzo, dicendogli solo: comunque mi avrebbe fatto piacere. Lui mi h risosto: anche a me, con due faccine imbarazzate e subito dopo mi ha chiesto come va. Io gli ho risposto quasi subito che essendo tornata a casa non stavo molto bene, con faccine ironiche, poi gli ho chiesto: e tu? Lui dopo due minuti ha visualizzato e basta. Da ieri sera non mi ha più risposto. è entrato un paio di volte su messenger, ma nulla. Io non capisco, giuro è stata la persona più inscrutabile che abbia mai conosciuto. Ma il problema  che ora ci penso continuamente. Non riesco a togliermelo dalla testa, voglio far finta di essere triste perché è finita la vacanza ma in realtà penso sempre e costantemente a lui. Perché ora non mi risponde? Io non sono affatto presuntuosa, non pretendevo mica di piacergli per forza, sia chiaro. Ma allora perché quel messaggio ieri mattina?Davvero, non riesco a capirlo. Qualcuna può darmi conforto? io amo il mio ragazzo ma è come se ora come ora mi dessero fastidio tuti i suoi difetti. Forse è un bene aver visto l'animatore solo gli ultimi due giorni, perché se fossimo stati così per tutta la settimana, a chiacchierare e a fissarci, non so come sarebbe finita...ma vi prego di aiutarmi e consigliarmi come smettere di pensarci, perché il fatto di non ricevere risposta mi ha messo ancora più tristezza. Forse dovevo evitare di scrivergli , sarei stata meno male. Aiuto :(

Dom

20

Ago

2017

non credo più all'amore e ho un cuore di pietra.

Sfogo di Avatar di Sonoarrabbiata92Sonoarrabbiata92 | Categoria: Lussuria

chi ha seguito la mia storia ha letto l'ultimo sfogo.. ci tenevo a dire che sono da circa 38 giorni single. Io non ho nessuno, corna non ce ne siamo fatte ma il boom della mia rottura è stata LEI, una ragazza.. che purtroppo non lasciava stare il mio ex eh quindi io non ho perdonato.. mi sono sentita a pezzi ed ho portato e ancora porto qualcosa dentro senza parlarne con nessuno. Non so cosa sia successo fra di loro so solo che lei sapeva che era impegnato e dovevamo sposarci ma ha insistito a provocarlo in tutti i modi per far saltare questo benedetto matrimonio che alla fine ha vinto. Sono stata battuta da una ragazzina di 18 anni, bellissima occhi celestini e bionda di più non poteva prendere.. eh nulla in confronto a lei mi sento una cessa e sto male dentro perché é bruttissimo quando la scelta viene fatta per Piacere, e dopo 7 anni se non gli andavo più bene poteva dirmelo mentre io l' ho accettato in tutti i suoi difetti: obeso e fumatore. Lei è bella ma una botta così non me l'aspettavo. Ma con me lei è stata una stronza.. sapevo che erano amici ma non pensavo che si frequentavano un giorno mi aggiunge su fb io l'accetto dopo poche settimane mi toglie le scrivo il perché e non risponde più alla fine ho scoperto che voleva solo vedermi e voleva lui forse doveva fare il controllo per vedere se lei fosse stata più bella di me. Te lo sei portato via , complimenti da fidanzato e doveva essere a breve mio marito. Lui non riusciva a dire la vertà mi fate schifo entrambi. Mi sono salvata a non sposarlo prché sentivo un distacco strano nei suoi confronti. E il telefono squillava e ogni suo messaggio lui rideva , lo guardavo e chiedevo perché ridi?  e mi diceva no nulla. Vivere in casa insieme cosa c'era di male a dire perché ridevi volevo ridere anche io , ci dicevamo tutto e poi niente. Password al cel mentre il mio lo prendevi e certe volte te lo prestavo senza nascondere niente.. Ho perso la voglia di fidarmi dei ragazzi, non sento più niente nemmeno amore, ho pianto solo 1 giorno in silenzio e basta. Mi sono alzata e ho detto voglio fare qualcosa per dimenticare. Mi sto arruolando, voglio stare lontana da tutti e da tutto e pensare a me. da 10 giorni ho risentito un amico ma lui dice che era innamorato di me da quando ero fidanzata ma non mi ha mai detto niente per non rovinarel'amicizia per questo non si è fatto sentire per 5 anni. Io non lo voglio perché non sento niente ,io sono felice in questo mese passato da sola io sono stata e sto ancora bene , esco quando voglio se voglio andare a fare la spesa da sola vado prendo quello che voglio senza chiedere il permesso a nessuno, mi faccio lunghe camminate da sola mi fermo anche a mangiare il gelato da sola, io mi sento benissimo sento un'energia positiva che prima forse non sentivo, non sono stressata non ho ansia è una cosa davvero diversa, io in questo mese posso dire che da sola con me stess sto veramente bene. ho gli amici che mi prendono in giro per il sesso, ma chi se ne frega del sesso io so trattenermi non sento il bisogno di farlo non mi frega niente più. Se un giorno arriveràun bravo ragazzo forse riproverò ma ora come ora io sto benissimo, ho un cuore di pietra che mi  fa stare bene . Io volevo dirti grazie per avermi tolto un peso forse lui era un peso e non me ne accorgevo, ora tienitelo stretto e stressatevi insieme. Io non perdono nessuno dei due.