Tag: rabbia

Lun

25

Ago

2014

Amcizia "strana"

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Ira

Domandina a bruciapelo: voi cosa ne pensate degli amici che quando si arrabbiano escono dai gangheri e semplicemente impazziscono? Urlano e offendono e poi, una volta calmi, quando tu glielo rinfacci dicono:"eh ma ero arrabbiato e lo sai che quando mi arrabbio faccio così". E... sticaxxi! Io piuttosto mi sforzo di non arrabbiarmi (e sono fin troppo calma) e sto attenta a non ferire l'altro/a perché penso a come possa sentirsi. Poi però lo stesso amico fa cose che ti aiutano e ti stanno vicino quando stai male. Però ecco, se uno è amico non dovrebbe anche sforzarsi e capire piuttosto che lasciarsi andare alle "brutali manifestazioni di incazzatura"? Piuttosto stacco e mi isolo per calmarmi prima e affrontare poi la discussione a freddo.
Premetto che questo ragazzo lo sento principalmente via internet perché abita lontanissimo da me e dal vivo sembra una persona completamente diversa. Però, ecco... è normale comportarsi così? O se uno perde le staffe dicendo di tutto e di più bisogna catalogarlo come non più amico? E' normale che se dici a qualcuno di smetterla perché ci stai male alle sue parole, questi continui imperterrito a infierire? Sono stata capace di litigarci per 7 e dico, SETTE ore di fila. E qui, mea culpa, ho fatto veramente una stupidata non lasciando perdere quando iniziavo a stare male fisicamente.

Dom

24

Ago

2014

Spero di non incontrare mai piĆ¹ persone come voi

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Non so cosa abbia mai fatto di male in questa vita o nell'altra, ma se potessi cambiare il mio passato farei di tutto per non incontravi, ho trovato l'opposto delle donne che ho cercato. La prima, che quando tornava dalla città universitaria, mi trattava con un' arroganza e strafottenza senza pari, convinta che la sua migliore amica  gli guardasse le spalle, mentre lei si faceva le sue avventure, illusa, se non era per me ti aveva fatto il servizio, invece di credere alla baggianate che ti raccontava sul sottoscritto, così da manipolarti a suo piacimento, avresti fatto meglio a non fidarti, ma tanto che importanza aveva, eri così impegnata che non avevi tempo per me. Chi se lo dimentica quel capodanno, in cui mi sono dovuto autoinvitare e non ha fatto altro che offendermi per tutta la serata, frasi del tipo " fate gli uomini " sono state il minimo, chissà poi che si aspettava quando l'ho dovuta accompagnare sotto casa, baci amore e coccole? e quando  le scrivevo cosa facevo il cretino? quando in estate gli dissi andiamo al mare insieme e lei per tutta risposta mi fece andare con la sua cara amica? sempre il cretino? La seconda poi, ha paventato l'esistenza di un amore che non si tramutato nemmeno in un caffè, o almeno con me non riusciva a vincere la sua presunta timidezza, chissà, con altri non mi è sembrato che avesse grandi difficoltà; anzi  e di una capacità organizzativa senza pari. Per tutta risposta nel momento in cui ho pensato di avere dedicato il tempo a chi non dovevo e ho cercato di recuperare, ho fatto il secondo grande errore. Confidai le mi paure su un sito anonimo, su cui sfortunatamente lei ogni tanto guardava, ha fatto le prove per capire se davvero fossi io e nel momento in cui ha avuto la certezza, ha sbandierato tutto. Mi sono fatto avanti altre volte e solo sfottò. Ma nessuno le vieteva di dire di no, ci mancherebbe, non sono bello, non ho fascino, carisma ecc ecc, ma io non sono un oggetto inutile di cui sbarazzarsi, o una barzelletta di cui ridere con le tue amiche. Solo che percepisco la vostra presenza o qualche persona molto intima con voi, provo una rabbai e delusione senza pari. Ciò che più mi rammarica è il tempo tracorso così da solo, come se avessi dovuto espiare una colpa, tutto questo tempo che pesa il quadruplo sulle mie spalle, sono passati anni ho perso occasioni che non torneranno, quelle poche si sono fatte una vita, chissà se riuscirò mai a liberarmi di voi, a incontrare qualcuna che divida il suo tempo con me, a non dovermene tornare a casa la sera da solo. Spero che proviate anche voi la sofferenza che sento, la solitudine che mi attanaglia, dice il detto che si assomiglia si piglia, magari...vi auguro di trovare la vostra dolce metà.

P.s se anche sta volta sfortunatamente vi trovate a leggere la mi confessione, e la ritenete offensiva nei vostri riguardi, vi voglio solo far notare chehi  c è stato solo sono io,e chissà per quanto tempo ancora ci rimarrò, chi ha passato le sue notti in solitudine sono io non voi.

Mer

20

Ago

2014

Non so come chiamare questo sfogo.

Sfogo di Avatar di KoraKora | Categoria: Altro

Ho bisogno di prendermi una vacanza e tornare il giorno "mai". ._.

Non riesco piú incazzarmi contro le persone che mi fanno dei torti o altro, ora, mi incazzo solo con me stessa.

Un esempio? Il mio ragazzo mi chiese di lasciare la scuola per lui per andare a vivere con lui perché cosí potevamo studiare insieme e cose varie... MA ANCHE NO. LUI va a scuola tutti i giorni ed io rimango a "casa" come una vecchia babbuina a farmi crescere la muffa addosso. ._. Scema io che ho creduto alle sue parole.

Un altro esempio lampo. Di solito al supermercato dove vado sempre a fare la spesa non c'é niente di buono in offerta... Inizio la dieta... BAAAM. Tutto quello che mi piace é in offerta. *ragerage*

E dolcetto sulla torta... Dovevo andare una settimana via con il mio moroso, era tutto pronto, tutto perfetto quando ad un certo punto... *Musica misteriosa* ... Sí. Mi viene il ciclo. Abbiamo dovuto disdire tutto perché Madre Natura ha deciso di provare l'effetto "Niagara di Sangue" su di me per vedere se ha stile o no.

Ah, c'est la vie.

Anche a voi succedono cose cosí? Se sí, vi andrebbe di scriverle nei commenti? :P

Sab

16

Ago

2014

Vaff**** al titolo!

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Mi sono rotta devvero le scatole che per colpa dei miei genitori io mi debba sentire male.. Mi sono davvero rotta che le mie "amiche" siano delle cretinette idiote! Mi sono rotta del mio ragazzo super geloso che sa rompere solo il cazzo nei momenti in cui voglio restare in pace!! Mi sono rotta le palle delle bimbette mezze nude che passeggiano per la strada come donne vissute e altezzose e che vanno a dire in giro "io succhio cazzi".. Mi sono rotta di tutta questa gente inutile e stupida che mi circonda, che non sa neanche parlare l'italiano o almeno il dialetto del proprio paese!! E poi mi sono rotta di sentir parlare alla televisione di gente che si ammazza e di politici che se ne sbattono altamente il cazzo! Mi avete totalmente scassato i maroni, eppure sono una ragazza! E infine ci voglio mettere anche la guerra! Si proprio quella, magari voi che state leggendo penserete "ma questa è pazza!"... Bhè allora ditemene quante ne voltete ma non ne posso più di ascoltare di gente che si fa esplodere per fare un dispetto a qualcuno o perché crede di diventare un idolo! Ma vaffanculo che da morto col titolo di IDOLO non ti ci puoi nemmeno pulire il culo!!! 

Ven

08

Ago

2014

Fatti gli affari tuoi

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Il mio fidanzato mi rompe ogni volta che mi vede fumare e non altro che pressarmi affinché smetta. Ho già abbandonato le sigarette normali, ho già diminuito enormemente il numero di quelle che fumavo, gli dico pure di non venirmi vicino mentre fumo, ma niente. Carissimo, devi capire che quelle due cristo di sigarette che mi fumo al giorno NON ME LE DEVI ROVINARE PER NESSUNISSIMO MOTIVO AL MONDO!

Gio

31

Lug

2014

non mi interessa del titolo

Sfogo di Avatar di RorschachRorschach | Categoria: Altro

è un po' che non mi sfogo.

Stanotte è stata difficile, mi ha preso uno dei miei rifiuti all'addormentarmi...non voglio svegliarmi in un giorno nuovo.

Solitudine, incomprensioni, noie, invidie, rabbia che non si sfogare perchè non c'è un colpevole; vorrei po' di normalità, almeno quella basilare.

I miei fastidi fisici cronici non mi danno pace, c'è paura, e me ne vergogno.

Sto facendo la muffa dentro e fuori.

Potessi fregarmene del passato e del futuro sarebbe tutto più fattibile, più vivibile, ma la vita non funziona così, ci sarà sempre un minuto successivo a questo..e a questo...e a questo..da quanto li sto contando? 

E mi viene da pensare a lei: così attraente e simpatica, dolce, e guardo le sue foto e video su facebook; ma non c'è possibilità, abitiamo lontano e per lei sono solo uno dei tanti tipi conosciuti su internet.

E penso anche a quell'altra: lei è stata l'ultima occasione che mi sono dato prima di arrendermi, tante belle parole di affetto, ci tenevo all'amicizia ma ormai siamo meno che conoscenti, nemmeno un bacio, nemmeno una possibilità.

La gente è egoista, ed è verissimo, anche io penso a me stesso, ma il mio pensare a me stesso è dedicato agli altri; quanto vorrei conoscere qualcuno che mi sappia mettere a mio agio, che mi faccia entrare nella propria vita entrando nella mia.

Mi piace piangere sdraiato nel letto a pancia sopra, le lacrime calde che scorrono attratte dalla gravità mi danno la sensazione di sanguinare.

Le solite domande: che ci faccio ancora qui?  quanto manca?

voglio scendere 

inutilità..inutilità...condanna..

Gio

24

Lug

2014

Mi da molto fastidio...

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Mi chiamo Alice ed ho 26 anni. Ho la mia migliore amica che si comporta in modo a me molto fastidioso. Quando usciamo io e lei da sole e (vi faccio alcuni esempi stupidi) con il tacco metto male il piede e mi sto per slogare una caviglia lei ride. Oppure usciamo con amici o amiche tutti in gruppo, qualcuno o qualcuna (anche individui singoli) fanno una battuta o dicono una cattiveria nei miei confronti da cui ne deriva una fragorosa risata collettiva (e lei vede che ci sto molto male), lei non prende mai le mie "difese personali" ma ride proprio di gusto, non le importa di essere davanti a me. Semplicemente si aggrega agli altri che ridono e ride ride e ride, a volte guardandomi anche negli occhi e continuando a ridere. Poi finita la risata mi dice "noooo dai vieni qui" come se le facessi compassione e davanti agli altri che ridono sotto i baffi, mi abbraccia o mi da un bacio o un segno di affetto.

Perchè si comporta così????

Mer

23

Lug

2014

Arrivata al limite di sopportazione

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Sono stufa, non ce la faccio più! Ho appena concluso l'ennesima litigata tra me e mia madre, circa il mio ragazzo. Ogni volta che provo ad instaurare un dialogo pacifico parlandogli di lui e di come ci stia bene insieme, lei se ne viene fuori dicendo che, visto che ha lasciato l'università per lavorare, non ha le "idee chiare" e per questo non può garantirmi un felice futuro. Insomma l'idea che la figlia, prossima alla laurea, stia con uno che invece ha deciso di affrontare la vita cercando  lavoro, avendo solo il diploma di liceo, non le va giù. Per lei sarebbe stato perfetto se mi fossi messa col classico figlio di papà che studia medicina o ingegneria, che poi magari lavoro non lo trova neanche ed è scemo come una capra. Il mio ragazzo è una persona aperta al mondo e si interessa a tutto, io lo apprezzo anche per questo, è uno che si impegna in qualunque lavoro gli venga proposto. Questo lei non lo capisce, anzi aggredisce me e lui con parole poco piacevoli ed, inesorabilmente, mi fa cedere alle lacrime, con la presunzione di avere l'assoluta ragione. Ovviamente mi vieta anche di poterlo vedere tutti i giorni, non sia mai che m'invaghisca troppo di lui, a suo parere ho solo la cottarella adolescenziale. Sono alla frutta, stanca, arrabbiata e sopratutto, emotivamente distrutta. Ho bisogno di consigli per affrontare definitivamente questa situazione.

Lun

21

Lug

2014

Genitori e (futuro) Marito... tra l'incudine e il martello

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Sono in una situazione che non riesco a risolvere. Amo il mio fidanzato da 6 anni e cerco di farmi una vita indipendente con lui da anni ormai. La crisi però ci ha tolto il lavoro diverse volte, nonostante io sia laureata con il massimo dei voti e lui un ragazzo d'oro con in mano diversi mestieri.

Alla fine la nostra passione culinaria ci ha dato l'ispirazione per aprire un nuovo business... ma in mancanza di fondi lo abbiamo fatt o con i miei genitori che si sono buttati insieme a me, visto che anche loro al momento erano disoccupati. Ma le cose sono precipitate.. il mio ragazzo (fa strano chiamarlo ancora così xke ci saremmo sposati anni fa se avessimo avuto le poss econimiche va beh!) non vuole nemmeno più parlare con i miei genitori... mia madre non fa altro che dirmi che l'ho delusa e non sono come mi vorrebbe...

Sto letteralmente malissimo xke da qualche mese ho cominciato a somatizzare tutte le tensioni... Gli affari non vanno bene xke la clientela risente di quel brutto clima.. Alla fine ho lasciato la gestione completamente ai miei genitori che fin dall ' inizio non mi hanno lasciata libera di decidere come improntare questo locale. La cosa buffa è che quando gli ho detto che cominciavo a tirarmi indietro mia madre se ne esce con: questo localel'ho preso per te, io non mi ci sarei mai messa!  E allora xke non la smetti di metterti sempre in mezzo? xke se ti chiedo A mi rispondi sempre B e quando te lo faccio notare te ne freghi????

Siamo arrivati al limite xke il mio compagno non ce la fa più e hanno cominciato a venirgli gli attacchi d'ansia per il nervoso.... mia madre continua a piangere lacrime di coccodrillo e a tirarmi frecciatine quando vuole qualcosa...

Dopotutto mia madre ha sempre fatto così, cerca di fare leva sui sensi di colpa per farmi fare le cose che vuole lei.

Io che all'età di 18 anni me ne sono andata via di casa per studiare ma sopratutto per avere la mia libertà, mi trovo in una situazione del cavolo stretta fra l'incudine e il martello...

Cosa dovrei fare?

Il mio compagno proponedi trasferirsi vicino ai miei suoceri che sono disposti ad aiutarci per aprire un altro posto, pur di averci vicino a loro..... ma è la stessa cosa che hanno fatto i miei!!! e secondo voi potrebbe andare in modo differente????

I amo il mio compagno più di ogni altra cosa e non voglio rinunciare a lui... ma cosa devo fare??? devo invece rinunciare ai miei genitori???

Con loro ho sempre avuto un rapporto strano fatto di amore e odio ma nell'ultimo periodo ho visto il loro lato peggiore e istintivamente non vorrei vederli mai più... ma sò che nn starei bene andandomene di nuovo xke gli provocherei altro dolore... come mia madre mi ha più volte ripetuto :/

L'altra soluzione che stiamo cercando di attuare è rilevare l'attività odierna solo per noi facendoci aiutare da mio suocero (a cui ridarò ogni centesimo per non avere pesi sulla coscienza) mandando quindi fuori dal locale i miei che ne sarebbero felici a questo punto... ma rimane il problema casa... xke infatti viviamo tutti insieme su una casa che col tempo divideremo in 3 appartamenti....

Come faccio a essere sicura che ci andrò d'accordo? come faccio a costringere il mio fidanzato a farglieli piacere a questo punto dopo tutto quello che ci hanno fatto passare??? e se anche ci riuscissi i miei genitori cambieranno mai???

.. mia madre è una falsa bugiarda quando ci si mette ma la prima cosa che fa quando glielo fai notare è mettersi a piangere e dirmi che l'ho delusa che non è così eccc... 

Non riesco a ragionare lucidamente ma forse mettendo tutto nero su bianco su questo forum potrò fare un pò di chiarezza

sopratutto se potrò riceverequalche consiglio esterno utile

Spero di essermi spiegata bene

se qualcuno ha avuto problemi simili fatemelo sapere 

 

Ven

18

Lug

2014

Odio mia madre.

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

"Ma lei ti ha messa al mondo!" Beh, se doveva trattarmi come se fossi merda, tanto valeva evitare di farmi nascere.
A lei piace, a lei diverte.
Immagino che si diverta, una mente cinica come la sua non potrebbe non divertirsi.
Non credo che nelle sue vene scorra sangue, m'immagino sempre che nelle sue vene scorra la perfidia. Non hai mai provato pietà per nessuno, mi ha sempre trattata come se fossi spazzatura e non fa altro che rinfacciarmelo.
Il tutto è cominciato quando ho iniziato ad accumulare un po' di cervello. Sembra strano detto così, ma in effetti è vero. Da piccoli non siamo pienamente capaci di ragionare, bisogna dirlo. Però poi arriva l'adolescenza, un periodo molto incasinato della nostra vita, bisogna dirlo. Non sappiamo chi siamo, cosa siamo, cosa vogliamo e perché lo vogliamo... ci inventiamo scuse per essere depressi e spesso cadiamo nel ridicolo.
Ho 14 anni. Non sono depressa o cosa, non mi taglio e non carico le foto su Tumblr (come a quanto pare va molto di moda oggi). Vorrei solo vivere una vita normale, crescere, studiare, godermi gli ultimi momenti con la mia famiglia prima di laurearmi e andarmene.
Ma come posso godermi i bei momenti con la mia famiglia se di bei momenti non ce ne sono? Che cosa dovrei ricordarmi se non c'è nulla di bello da ricordare? L'unica cosa che ricorderei sarebbero solamente lacrime.
Lacrime, lacrime, una montagna di lacrime versate ogni giorno, gli occhiali appannati e la mancanza di voglia di pulirli, la schiena dolorante, le guance rosse, l'orecchio squillante e ogni volta che provo a toccarmi la testa, provo solo dolore.
Io sono un rifiuto, sono feccia, sono da collegio. 
Da quando facevo la prima elementare, a scuola sono sempre stata la più brava e non lo dico per vantarmi, ve lo assicuro. Ottimi voti in tutto, le insegnanti ammiravano sempre le mie doti, le mie alte capacità di comprendere e di ragionare.
E credo che sia questo il problema.
Le persone con un basso quoziente intellettivo come mia sorella (è più grande di me di 3 anni) invece sono quelle che non hanno mai problemi con la famiglia. Lei è la figlia perfetta, lei non è un "animale", non è una "bestia" come la sottoscritta. E sapete perché? Perché non è capace di ragionare.
Forse sto facendo io la perfida, ma io dico le cose come stanno, a differenza di mia madre, di mio padre e di tutti gli altri. Gli altri fingono e si approfittano degli ingenui. Giustamente, ingenua che è lei, non è capace di ribellarsi alle ingiustizie, molto probabilmente perché non riesce a notarle. Lei crede che non ce ne siano. E' tutto rose e fiori.
Io invece le noto. Le noto eccome.
Ed è per questo che vengo punita, sostanzialmente. Guai a me se mi lamento di mia madre o di mio padre, loro sono santi. Ogni volta sono costretta ad arrendermi al potente ed è la cosa che più in assoluto odio fare.
E' bello quando dalla nostra bocca esce una frase intelligente, è bello vedere in quell'attimo prima di ricevere lo schiaffo la faccia stupita dei nostri genitori.
E' brutto vedere come anche tuo padre, che hai sempre difeso ogni volta che tua madre lo accusava di essere un uomo inutile, sia così aggressivo e brutale con te. E ovviamente tua sorella, che è sempre restata dalla parte di tua madre, si unisce al duo e così diventano un trio.
Un trio di persone stupide, ecco cosa sono i componenti della mia famiglia. Sentirsi l'odio di tutte queste persone addosso ogni singolo giorno fa male, fa davvero tanto male. Diventa impossibile combattere, ormai l'unica cosa che rimane da fare è arrendersi. Sto ancora cercando di capire.
Il problema sono io o loro?
...non sono io, vero?
...vero? 
Beh, vado ad ascoltare "Mad World" in loop, una canzone splendida. C'è anche nel film "Donnie Darko", ce l'avete presente, no?
Se non mi rivedrete più, è perché la mia famiglia ha deciso di togliermi il computer.
Scusate se a tratti sono stata parecchio ridicola, non ho neanche ricontrollato il testo. 
Beh, arrivederci.