Tag: rabbia

Mer

10

Mag

2017

Sollievo Velenoso

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Mi chiamo Daniel e ho 24 anni...vorrei scrivere tante cose ma lo spazio è poco e cercherò di essere sintetico...sono un tossico, o meglio, ero un tossico di oppiacei dall'età di 15 anni fino ai 18/19 purtroppo però recentemente ci sono ricaduto, complice anche il fatto che al cps della mia zonami hanno prescritto ipnotici benzodiazepine per l'insonnia e degli antipsicotici atipici per la depressione, che purtroppo invece mi hanno scatenato forti incubi e un aumento generale del malessere, e purtroppo non sono stato abbastanza forte dal resistere a prendere qualcosa che mi "tappasse" i sensi ed il dolore...In ogni caso la mia dipendenza è nata dal principio proprio come "antidepressivo fai da te"...di fatti a 14 mia madre scappò di casa, ma non mi sorprese (soffriva di schizzofrenia religiosa) lasciandomi con un padre violento e autoritario che ha instillato in me la paura e una rabbia repressa che ancora mi porto dietro, la vita fino a quel momento era stata comunque un disastro, e spesso i vicini chiamavano polizia e carabinieri per le urla dei miei che si picchiavano e che picchiavano me, così a 15 anni iniziai a rifugiarmi nella prima cosa che riusciva a staccarmi da tutto e farmi stare meglio, e nel mio quartiere (case popolari in periferia) non era difficile procurarsela, la mia vita era un casino, risse, spaccio, droga, sesso, niente scuola, sballottato qui e li con gli assistenti sociali...a 16 anni scappai di casa anche io vivendo per un primo momento da amici, successivamente mi ritrovai ad abitare con perfetti estranei...la mia fortuna è di essere nel complesso un bel ragazzo, ed infatti sfruttai questo per trovare vitto, alloggio e la mia dose di sollievo (speedball), continuai così fino ai 18 anni, età in cui facevo il fotomodello e il ragazzo immagine per mantenermi fino a che la mia fidanzata dell'epoca rimase incinta, smettemmo entrambi e decidemmo di tenerlo ma al 4° mese, dopo aver saputo che era una femminuccia, ebbe un aborto spontaneo...inutile dire che non riuscimmo più a stare insieme, e io ripresi a farmi per contenere gli attacchi di panico che mi erano iniziati a venire da quando avevo saputo di aver perso una figlia...penso sia stato l'anno in cui ho esagerato di più con le dosi, infatti nell'anno successivo sono morti tanti miei amici fra le mie braccia per aritmie cardiache, virus vari o semplicementeperché quando si è fatti non si dovrebbe uscire di casa...fatto stà che ho smesso, un po' per paura di soffrire, un po' perché suicidarmi mi sembrava una mancanza di rispetto verso la mia bambina che invece di vivere non ne aveva avuta nemmeno occasione...dai 19 fino ai 24 ho vegetato, stanco...lo so, è ridicolo sentire un 24 enne che dice di essere stanco della vita...ma sinceramente non mi interessa, nella mia vita ho conosciuto solo dolore, rabbia, paura, violenza, lussuria (ho un pessimo rapporto col sesso)...le poche gioie che mi sono guadagnato sono svanite lasciando segni così profondi da togliermi la volontà di andare avanti, di lottare...probabilmente anche per colpa mia, non sono mai stato una cima, me ne rendo conto e molte delle situazioni che mi si sono presentate le ho gestite sicuramente nel peggiore dei modi...ma ciò nonostante non ho più voglia di vivere, di impegnarmi e di fare tutte quelle cose che un 24 enne dovrebbe fare...sono stanco, e voglio solo riposare...e se proprio non posso morire, lascerò scorrere la vita fino al suo termine...questo non mi rende felice, ma mi rende meno infelice di come starei perdendo nuovamente qualcosa di importante o rendendomi conto che non sono in grado di riuscire in qualcosa di buono e utile...una volta mi dissero una frase, una frase che odiai profondamente, e forse mi diede così fastidio proprio perché vera, e si sa, la verità brucia..."in questa vita nasciamo soli, viviamo soli, e moriremo da soli" e di fatti oggi mi ritrovo senza lavoro, vivo in un piccolo soppalco ospitato da una vecchia signora e sono circondato solo da ricordi atroci, incubi che non mi fanno dormire per più di 2 ore di fila, vivendo ogni secondo un agonia immensa, pieno di rabbia, di paure, di ferite e cicatrici...mi scuso se queste parole offendono qualcuno, so che ci sono persone che sicuramente hanno un vissuto peggiore del mio e vivono tutt'ora peggio di me senza mai mollare, ma io non sono così forte, non lo sono mai stato...ed infatti mi rifugio in dei veleni che non mi fanno vedere la realtà del mondo che mi circonda...che siano medicinali, o meno....in realtà non so perché scrivo tutto questo...ma ne sentivo il bisogno...in ogni caso sono stato anche abbastanza prolisso, al contrario della mia premessa, quindi chiudo qui.
Saluti, Daniel

Dom

07

Mag

2017

lavoro perso,ragazza andata...e adesso FANCULO

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Ira

 

ho perso il lavoro. DI NUOVO

ho perso una ragazza che amavo,e se la sta spassando con un altro. DI NUOVO

Non so che dire. vorrei incazzarmi ma sono arrivato al punto che sento solo .... freddo. A sto punto credo starei meglio sotto le ruote di un treno,almeno da morto le persone potrebbero smettere di deludermi e farmi del male. 

Gio

04

Mag

2017

Troppo stress!

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Ira

Mi serve proprio sfogarmi! Il mio ex, mia madre, il mio fidanzato, i suoi, il lavoro, lo studio.... BASTAAAAA! Non ne posso più! Vorrei ridurre al minimo ogni cosa e pensare solo.a me! 

Mar

02

Mag

2017

SONO DELUSA!

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

L'altro giorno era il mio compleanno, di sera sono uscita con delle mie amiche, tra cui una di queste ha detto che sarebbe stata col fidanzato a fine serata, quando poi non uscivamo assieme da tempo e poi era pure il mio compleanno, ma va bene, ho sopportato. L'altra (che chiamerò A) metteva un'ansia terribile e tutto questo ha fatto sì che mi incazzavo tanto. Arrivate al locale, sempre una di queste (chiamiamola G), diceva che il locale faceva schifo,  quando poi ci è andata altre volte con il suo ragazzo. Siccome avevamo una bottiglia piccola d'acqua nella borsa, A voleva bere mentre aspettavamo i camerieri che ci venissero incontro, visto che c'era anche molta gente e ci sarebbe voluto del tempo, ma G diceva che era da "zingare" fare così. Quest'ultima poi, passava tutto il tempo sul cellulare incazzandosi con il fidanzato e una sua amica. Precedentemente avevamo conosciuto alcune ragazze e questa le giudicava dicendo che tornavano a casa presto, deridendole, quando lei da poco ha iniziato a tornare a casa tardi. 

Mi ha fatta innervosire molto, anche perché il suo fidanzato riteneva che lei non lo stava calcolando, solo perché stava passando una serata tra amiche. Non penso che con me abbia molto piacere ad andare in questi posti, ma intanto con i suoi compagni di classe voleva andarci, e io e questa ci conosciamo anche da anni.

Non penso di avere un bel ricordo del mio compleanno... magari potrei dare l'impressione di una che si innervosisce con poco, in realtá sono una persona sensibile e che da valore ad ogni cosa.

Sono proprio delusa 

Mar

25

Apr

2017

Figure di merda a non finire

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Ira

si può sapere perchè non esiste un giorno in cui non faccia una figura di merda??? Perchè??? Perchèèèè? non è possibile che in ogni cosa debba sempre farmi riconoscere, non ne posso più ... e se non è una parola detta male, allora è il semplice inciampare nei momenti meno opportuni, e avanti così fino all'infinito  ... e che palle però ... si può sapere cosa ho fatto di male nella mia vita passata??? cosa??? cosaaaaaaa???

Tags: rabbia

Gio

06

Apr

2017

BOH

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Mi sono veramente rotto il cavolo, è esattamente un anno che non scopo con una ragazza che non sia una prostituta.

Il fatto è che ho fatto sesso per la prima volta con la mia ex ragazza 3 anni fa, avevo 18 anni, e prima di allora non mi ero neanche baciato con nessuna. Ma ha funzionato solo per culo, io ero innamorato di lei e lei di me e quindi è andata bene per un po. Ma adesso chissà quanto passerà prima che riaccada una cosa del genere, in primis perchè è cosa rara innamorarsi e in secondis perchè ancora dopo un anno mi tira il culo che ci siamo lasciati e che lei è fidanzata con un altro e io non scopo un cazzo, affammoc.

Sono andato a prostitute 4 o 5 volte  nell'ultimo anno e mezzo, bello sul momento, ma alla lunga non cambia un cazzo.

Rapporti occasionali non so nemmeno che cosa siano, ormai ho deciso che non fanno per me, non so fare, e non voglio imparare. La maggior parte delle persone della mia età consigliano sempre di uscire, divertirsi e essere curioso di conoscere nuove ragazza e in quantità. Ma sinceramente non me ne frega un cazzo, io esco a divertirmi per cazzeggiare con gli amici, non per cercare una ragazza.

Altri consigliano di diventare amico dell'altro sesso, ma io non la capisco proprio questa cosa, come fai ad essere amico di qualcuno che in un momento o in un altro vorrai scoparti? E poi è talmente raro trovare confidenza con una ragazza che, non penserei ad altro che a portarmela a letto, altro che amici, esistono gli altri uomini per un motivo. 

Ma è tutta astrazione visto che di amiche non ne ho.

Quindi, niente donne, niente sesso, niente di niente, e si finisce sempre ubriachi. Come si fa a non ubriacarsi? A 20 anni non fai altro che pensare al sesso, alle ragazze, all'amore e pensa un po, sono proprio le cose che non ci sono, da troppo fottuto tempo, sono davvero stanco, fanculo.

 

Mar

04

Apr

2017

Il mio ragazzo mi fa soffrire

Sfogo di Avatar di MelissaMelissa | Categoria: Ira

Non so bene dove posizionare questo sfogo, ma lo piazzo nell'ira perchè ogni volta sento un angoscia che parte dallo stomaco e sale e brucia e mi fa incazzare e perdere la testa.

Il mio sfogo riguarda la mia relazione.

 Se così si definisce. Sto con un ragazzo da un anno e 3 mesi: all'inizio era premuroso, presente, cercava in tutti i modi di stare con me e anche se siamo distanti circa un'ora di strada ogni momento libero per lui era buono per stare con me, raggiungermi, sapere come stavo, volermi bene. Io mi sentivo amata e provavo l'entusiasmo del primo amore. fare dolcetti per san valentino, diventare affettuosa ecc... Ho riscoperto queste piccole belle cose.

Questo ragazzo ha molte amiche femmine con cui si diletta a chattare, condividere link e andare ai concerti.

Oltre al fatto che adora andare ai concerti senza di me e senza neppure chiedere, ora è in fissa con un videogioco, ha trovato un coinquilino e io sono stata completamente messa da parte. Se viene a trovarmi ( due volte a settimana, non di più eh) DORME e basta o sta sul cellulare. Mi parla sempre del suo coinquilino, condivide più con lui che con me e quando prima mi diceva ogni minima cosa che faceva ora zero, nessun messaggio carino, solo frasi automatiche tipo buongiorno o buonanotte e sogni d'oro amore. Mavaffanculo! ha pure problemi a darmi la MANO in pubblico perchè si sente di mancare di rispetto agli altri. Se gli chiedo di vederci un po di più o cosa sta facendo lo sto Stalkerando. Che cazzo dici??? Oltre a questo lo sgamo sempre per caso che scrive a amichette di videogiochi oppure per sapere come stanno, ma per me ha sempre poco tempo. Mi manipola e quando cerco di mettergli davanti queste cose dice che sono io ad essere stressata e ad avere brutti pensieri. ma io ti tiro un calcio in culo stronzo! Non hai la minima idea di come mi fai sentire, sei un insuffieciente di merda! ToT  Più ci parlo e peggio mi fa sentire perchè è sempre colpa mia. Non so che fare, sto impazzendo.

Lun

27

Mar

2017

Non li sopporto piĆ¹!!

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Le persone a cui mi riferisco nel titolo sono la mia migliore amica ed il suo fidanzato. 

E' ormai da tempo che va avanti questa storia, che non riesco a stare bene con loro e non capisco perché. Prima di tutto devo partire dal fatto che mi sento sempre più appesantita dal senso di colpa perché in questi mesi (fino a qualche settimana fa a dirla tutta) io ed il suo fidanzato, che in teoria era il mio migliore amico, siamo usciti insieme e ci siamo, in realtà lui mi ha un po' toccata. Non abbiamo approfondito la cosa, ma io sebbene non volessi con tutto il cuore per un periodo ho pensato di essere innamorata di lui allora per paura l'ho lasciato perdere. lui però, stronzo qual è mi scriveva e diceva cose dolci, mi illudeva ed io sono stata e continuo a stare tanto male per una persona che comunque so che non merita e sebbene io lo sappia sto ancora facendo molto per lui. Vorrei infatti parlare di quello che è successo con la mia migliore amica, ma non posso perché lui "ha paura di perderla" "la ama troppo".. e allora cosa mi dici a fare "mi sto fissando con te", "sei fantastica", "ho voglia di te"... e potrei andare avanti all'infinito. Lei invece non sa niente, però è scontrosa, antipatica e mi esclude sempre da quando si è fidanzata ed io non sopporto più la situazione perché poi si lamenta che il suo fidanzato non le permette di fare quello che vuole, che la fa sempre stare male.. Basta!! io sono stanca di essere in mezzo a loro due, perché esisto solo per i loro comodi, per quandpp ne hanno bisogno ed io non voglio fare lo zerbino di nessuno. Sono legata a lei in una maniera impressionante ma allo stesso tempo vorrei essere capace di odiarla per come mi tratta, odiare lui per come mi ha illuso e preso pee il culo alla grande ed un po' odio anche me stessa per auello che ho fatto, per come mi sento e per non riuscire a prendere in mano la situazione ed essere felice come vorrei. 

Dom

26

Mar

2017

Ho hackerato il profilo facebook del mio ragazzo.

Sfogo di Avatar di AnonimusGirlAnonimusGirl | Categoria: Ira

Ciao a tutti. 

Sto col mio ragazzo da 3 mesi ed è sempre andato tutto bene. Ma ultimamente, 3 giorni fa, eravamo a casa sua e mentre lui era al cesso, ho sgamato delle chat in cui parlava male di me. Sì, erano chat vecchie, okay. Ma neppure così tanto. Mi sfotteva con le sue amiche verso agosto o settembre, (ma alcune anche di gennaio, appena fidanzati) quando ci eravamo appena conosciuti, parlava di me ai suoi amici e usava termini volgari (si sa i maschi come fanno), in poche parole mi trattava come un oggetto. Ha persino insultato i miei genitori perchè non mi facevano uscire (io sono minorenne e lui no) 

Di questa cosa avevamo già litigato, sono 3 giorni che ci scanniamo. Ma stamattina sono voluta entrare a controllare per togliermi tutti i dubbi. (Premetto che la password non me l'ha data lui) 
Prima per telefono mi ha fatto questa domanda e alla fine ho ceduto e gli ho detto la verità. SI è (giustamente) imbestialito, dicendo che non se lo sarebbe aspettato da me e mi ha riattaccato in faccia. Da li è sparito, ed io pure... Ho spento il telefono perchè mi sento troppo in colpa. Ma mi ha insultato su cose che sapeva perfettamente fossero la causa dei miei complessi, mi ha detto cose pesanti e cattive e nonostante ciò io ci sono passata sopra. Io beh, se mi avesse hackerato facebook probabilmente l'avrei perdonato, perchè si sa, chi ama davvero qualcuno passa sopra a tutto. 

Ma ora sono davvero pentita. Oltre che arrabbiatissima per ciò che mi ha fatto, anche se l'avevo già perdonato. Voi che ne dite? 

Dom

26

Mar

2017

Stanco di questo

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Ira

 

più che rabbia,è senso di stanchezza. Vengo da una famiglia di gente codipendente/alcolisti/pessimi comunicatori. Ho 29 anni,quest'anno. della mia vita NON HO FATTO UN CAZZO di quello che avrei voluto,ma continuo a cercare di migliorarmi,rendermi indpendente, fare quello che mi piace....

Eppure, qualcosa stona. Recentemente ho tentato di curarmi da certe mie delusioni, grosse, a livello di amicizie e sentimentali. Sta cosa mi logora,perchè uno dei problemi sono stato sempre io. Piuttosto che fidarmi, dopo aver subito brutte cose, ho sempre sputato su chi mi voleva,e voleva aiutarmi. "Eh,te la sei voluta"

NO. NON HO MAI VOLUTO LA MIA SOFFERENZA. Questo è il punto. Mi hanno allevato STORTO. E adesso, come sono, faccio fatica a uscire da questo empasse.Sto meglio,accetto me stesso ecc ma  Faccio fatica a fidarmi,e anche se ho imparato  a lasciar correre.... alle volte,le cicatrici che ho subito in casa DANNEGGIANO quelli che ho intorno. E' come una specie di riflesso condizionato... qualcosa che mi ricorda una brutta esperienza arriva,vado in panico, insulto,mi chiudo a riccio e non ascolto. E ovviamente, mi taglio le gambe da solo.

 SONO STANCO,STANCO DI QUESTO. Stanco che l'ultima ragazza che (come altro) mi ha voluto e mi piaceva ha ben pensato di mollarmi per andare a lustrare il c***o a quell IDIOTA del suo fighetto risvoltinato piuttosto che capire me- stanco che gli amici che mi vogliono quando non si spiegano mi vedono diventare un muro e mi mollano - stanco che ogni lavoro presenta sempre gli stessi merdosi problemi e non riesco a tenermelo. SONO STANCO. 

 Non ho (più,come anni fa) pensieri suicidi,perchè ho degli obbiettivi ma sta cosa... questa "ombra",questo riflesso condizionato,chiamatelo come vi pare,è lì. E' lì,dentro me.E più penso a ciò che ho perso,più si manifesta anche con altre situazioni,altre persone...e torno sempre a capo di questo circolo di merda. che posso fare?

 STANCO,STANCO,STANCO,STANCO,STANCO. Esausto. Anche io voglio vivere una vita bella come gli altri, con l'amore giovane che non ho mai avuto,i miei hobby che vanno avanti, il mio merdoso impiego, i miei amici che mi vogliono e mi accettano per quello che sono. Voglio VIVERE e sta macchia dentro me deve andare via,perchè così non posso continuare.