Tag: invidia

Sab

04

Lug

2015

Io, mia madre e la bilancia.

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Invidia

Non la sopporto.

Non ce la faccio.

Prima o poi scoppio. 

Anzi, già l’ho fatto stamattina perché proprio non ce la facevo più.

E’ da un mese che sto seguendo un programma di allenamento che in teoria dovrebbe migliorare l’aspetto generale del corpo. Mi sono pesata stamattina e con mio grande rammarico ho notato che sono ingrassata.

E vabbè ho pensato sarà che la massa muscolare pesa di più di quella grassa e bla bla bla, cercavo di non farmi demolire la motivazione da quell’aggeggio infernale con l’ago e i numeri comunemente chiamato bilancia pesapersone.

Poi un lampo di genio! Mi sono ricordata che all’inizio del mese scorso avevo preso le misure di fianchi, vita e tutta la bella roba allegata e quindi ho pensato di aggiornare le misure nella speranza di trovare miglioramenti(che in effetti ci sono stati, ma questo è un altro discorso). Ho preso il metro da sarta e mi stavo misurando la ciccia con l’accortezza di un neurochirurgo  quando spunta mia madre che prende e inizia a guardarmi con una faccia tra lo schifato e il deluso.

Ora, partiamo dal fatto che mia madre è obesa e non ha MAI visto di buon occhio i miei tentativi di uscire dalla forma tondeggiante che mi ritrovo.

Ciò comporta che sta lì a sputare veleno perché io ci sto provando.. cosa che lei ha fatto in passato ma con scarsi risultati.

Ho già perso 11 chili in un anno(‘na fatica insomma e sono ancora sovrappeso), ne devo perdere altri dieci per raggiungere il mio obiettivo ( che non è magrezza anoressica sia chiaro ) ma lei mi demolisce ogni volta.

Ogni santa volta!

E come se non le andasse giù il fatto che io ci stia riuscendo. Non lo sopporto.

Al che gliel’ho detto.

Durante le mie misurazioni se n’è uscita con uno sprezzante “che? Vuoi diventare perfetta?”, e le ho spiegato il perché lo stavo facendo. E lei ancora “mentre la bella si fa bella, la brutta si sposa” , come se sposarsi e mettere su marmocchi fosse il fine ultimo dell’esistenza ( e poi andiamo ho 22 anni c’è tempo per sposarsi).

Non capisco perché non possa lavorare per migliorare me stessa senza essere soggetta a queste angherie.

Non capisco il perché di questo odio nei miei confronti, fossi una fissata di fitness e compagnia la potrei capire, ma non lo sono, anzi. 

Non capisco perché mi disprezza per questa cosa della palestra dato che comunque non do fastidio a nessuno e nemmeno faccio pesare questa cosa dal momento che è tutto aggratis. Ci mettesse soldi e va be’ potrei capire..  

Non capisco perché, per lei, se divento magra mi toglie dallo stato di famiglia.

Non capisco e non riuscirò mai a capire.

Ven

03

Lug

2015

Sti gufi invidiosi di merda

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Ira

E' una vita che la gente mi dice quanto sono fortunata,perché ho casa,sono figlia unica e bla bla bla...A conti fatti non dovrebbero perché:quella vecchia stronza mi rompe i coglioni per la casa,ora è sorto un problema di umidità e non si sa quanto costerà in termini di lavori,casa è piena di mobili e non ho un punto di appoggio per sgombrare e lasciare tutto in mano agli operai,la salute è quella che è,i figli non arrivano e tutti i parenti da parte mia mi rompono i coglioni,ho qualche problema di attrito col mio compagno e son cose che ho già scritto,peccato perché il rapporto andrebbe pure bene...i miei genitori sono quello che sono e stanno invecchiando,il lavoro no comment...e la gente fa di tutto per mettermi i bastoni fra le ruote tra invidie,gelosie,cattiveria e ingiurie...e io sarei fortunata?Ma vaffanculo và!!!

Ven

26

Giu

2015

Dove sono gli uomini veri???Doveeee???

Sfogo di Avatar di ArielAriel | Categoria: Ira

Dove cacchio sono finiti eh!? Li ha catturati Gargamella???Li ha rapiti il Bau bau? Dove sono? Io credo che esistano solo in una dimensione parallela alla mia, perchè non ne ho mai incontrato uno! Senza palle e rompipalle allo stesso tempo, pignoli, permalosi, arroganti e insensibili...Chiaramente all'inizio indossano una maschera ma poi inevitabilmente, si dimostrano per ciò che sono! Eppure quando facendo zapping mi soffermo su qualche programma televisivo vedo coppie in cui l'uomo è veramente innamorato della sua donna, l'apprezza per ciò che è  e senza superficialità...Forse dalle mie parti tira una cattiva aria non so...incontro sempre gli uomini sbagliati...e pazienza, rimarrò da sola...meglio così che in cattiva compagnia. Boh, oggi è così, sono delusa e insoddisfatta, confusa e infelice. Buona serata.

Gio

25

Giu

2015

INVIDIA

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Invidia

Ho confessato qui il mio peccato di invidia ma non e' stato pubblicato. Non so perche', non penso di aver violato le regole del sito.

Ora sono invidioso di chi puo' sfogarsi liberamente su sfoghiamoci.com.

 

Tags: invidia

Lun

22

Giu

2015

Senza Titolo

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Invidia

Io non invidio chi è più ricco e privilegiato di me dalla nascita. Non avrei nessun motivo di volermi cambiare con un Lapo Elkann, per quello che è il mio attuale sistema di valori. Quello che veramente mi brucia è invece il confronto con tutti quelli-e sono tanti- che nella vita hanno fatto mille volte meglio di me partendo da condizioni più umili, avendo meno anni o meno titoli accademici. Quello con i genitori contadini e bigotti che è diventato un grande scienziato, quello che non ha studiato ma alla facciazza mia ha costruito un impero economico, quello che parla solo il dialetto ma è un grande videomaker o social media marketer.  Queste persone sono la prova vivente che se non sono arrivato a certi livelli, e forse mai ci arriverò, evidentemente è solo colpa mia e non delle circostanze ambientali. Se mi offro di  collaborare con loro mi ignorano con metodo rigoroso, se gli chiedo quale sia il loro segreto ovviamente non me lo dicono, oppure mi danno risposte che sono  un ulteriore schiaffo morale: "Semplice, me lo sono meritato", "Ho lavorato duramente fin da piccolo", "Tenacia tenacia ancora tenacia" e altre frasi fatte da yuppie. Loro sono partiti dal nulla, dalla povertà,  e ora sono fra quelli che viaggiano in prima. A meno di quarant'anni hanno già ottenuto riconoscimenti e fatto fortuna con incredibile facilità, alla faccia dei gufi che parlano solo di crisi e tempi bui. A me invece non è mancato niente, potevo forse fare di più, e invece alla fine non è che abbia fatto poi tutta questa strada. Loro crescendo sono diventati persone solide, toste, con le palle, col pelo sullo stomaco, che sanno farsi rispettare. Io ho avuto una famiglia affettuosa, tranquillità economica, una buona cultura generale, e alla fine che cosa sono diventato? Un artista fallito che non si fila nessuno, un professionista che non va oltre i redditi occasionali,  un nerd che nessuna donna si filerebbe neanche se fosse l'ultimo uomo sulla Terra, un debole sempre sopraffatto dalla maggior forza e astuzia altrui,  pronto a dubitare anche delle proprie ragioni ragionevolissime di fronte al primo idiota che urli più forte. Loro sono diventati uomini, io mi avvio tristemente  all'età adulta senza anticorpi, senza risultati ragguardevoli di cui possa veramente andare fiero, senza nessuno che sembri interessarsi veramente a me ad eccezione dei miei familiari, o mi offra la sua  amicizia se non perché deve chiedermi il lavoretto a titolo gratuito e schizzare via subito dopo. Sono veramente stufo di stare a guardare, ma alla fine temo di non poter fare granché. Tutte le vie d'uscita presupporrebbero alla fine o studi universitari diversi dai miei, o abilità che mi mancano, o esperienze che non ho fatto. Inizio a temere di essere veramente destinato a non fare mai meglio di così.

Mar

16

Giu

2015

Ama o non ama?!

Sfogo di Avatar di Theprincess93Theprincess93 | Categoria: Altro

Buongiorno a tutti, questa mattina mi sono svegliata con un interrogativo che mi risuona nella testa...ma amare qualcuno è sbagliato?perché le persone non possono gioire quando vedono una coppia felice che si ama?in un mondo pieno di odio e cose spiacevoli dovremmo ancor di più apprezzare le cose belle che ci circondano...io parlo.dell'amore (perché è purtroppo un discorso che mi riguarda in prima persona di persone che stanno li a gufare dietro la mia storia!!!) ma faccio questo discorso un pò per tutto, perché troppe volte vedo persone invidiose che stanno li a gufare sulla felicità altrui!!!io personalmente quando vedo qualcuno felice sono felice per lui anche se non lo conosco non sto lì a perde tempo a sperare che gli vada male solo perché io sono più sfortunata...purtroppo nessuno è responsabile delle nostre sventure (io non credo nelle cose superstiziose) però credo nell'invidia questi si perché ho visto sulla mia pelle quanti danni possa provocare se uno ti punta anche se io nel mio essere buona mi rifiuto spesso di credere che uno possa essere così cattivo...io se vedo una coppia che si ama, due bimbi che giocano spensierati, degli amici felici che passano del sano tempo insieme sono felice perché penso che nonostante il mondo e le persone di adesso che ci sono più cattivi che buoni è bello vedere cose belle che troppo spesso diamo per scontati!!!purtroppo si sta male tanto io personalmente in prima persona ho molta invidia attorno e infatti spesso le cose non gira nel verso giusto ma nel male...mi fanno soffrire queste cattive influenze, anche tanto ma trovo sempre la forza di rialzarmi perché ringrazio Dio di avermi donato delle persone belle anche se avvolte fanno cose spiacevoli ma tutti sbagliamo nella vita, ringrazio di avermi donato una famiglia che seppur non ha nulla da offrirmi ma mi da un amore smisurato, ringrazio Dio per avermi dato un amore che anche con i suoi difetti è bello, ringrazio Dio perché anche nei momenti no mi da sempre la forza di rialzarmi e di combattere le cattiverie, l'ho ringrazio per tutte le cose positive che mi ha dato...ringrazio anche voi invidiosi (che purtroppo conosco i nomi e cognomi!!!)che ,anche se fate di tutto per farmi andare le cose storte, è anche grazie a voi che ogni sfida che affronto un pò alla volta divento più forte...vorrei dire anche una cosa alle giovani, ma anche persone in generale...smettetela di dare più importanza al nuovo smartphone uscito o alle ultime scarpe uscite di moda e non smettete di crede in valori come l'amore, l'amicizia ecc perché quelle sono cose passeggere...che te ne fai dell'ultimo modello di telefonino con fotocamera che ti fa pure il caffè a momenti se poi non hai un amore o comunque qualcuno con cui scattarle?!!o comunque non hai una persona con cui ridere, piangere, gioire ecc...

 

Sab

23

Mag

2015

CELLULITE

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Invidia

Lo confesso sono strainvidiosa di mia cognata perchè la maledetta non ha un filo di cellulite!!! Io mi ammazzo con fitness, dieta, creme del cacchio e massaggi e non riesco ad ottenere il risultato che vorrei!!! Poi me ne viene questa str....za con gli short  e le gambe perfette mi viene un nervoso!!!! (lo so sono una persona orribile....) Se qualcuna nel sito è riuscita a sconfiggere la cellulite malefica SCRIVAAAA!!!

Mer

20

Mag

2015

Alcatraz

Sfogo di Avatar di BanyaBanya | Categoria: Accidia

Non è uno sfogo intelligente, ma ho bisogno di parlarne a qualcuno... onestamente! E onestamente non posso parlare con nessuno, purtroppo, perchè rischierei di ferire inutilmente altre persone. 

Comincio col dire che sono fuoricorso da due anni per colpa di un unico esame, l'ultimo, che non avevo nemmeno volutamente lasciato alla fine (era semplicemente l'ultimo rimasto), dopo una carriera tutta 30 e lode, in regola e esami passati brillantemente senza mai doverli ripetere (tranne due, ma alla seconda volta ho comunque preso 30 e non mi sono abbattuta)... e per questo a casa adesso vengo vista come una nullità. E' cominciato tutto il giorno che ho chiesto la tesi: da allora non so per quale anatema, non sono mai riuscita a passare quel maledetto ultimo esame e mi sto vedendo ogni giorno passare davanti deficienti che non hanno mai studiato... e siccome non ce l'ho con nessuno vado anche alle feste di laurea di ciascuno di loro, mi complimento dei loro successi, ecc.

No, non sono invidiosa, non di tutti almeno: alcuni hanno veramente meritato la laurea e per me la loro vittoria, dato che sono amici miei, è anche una vittoria mia. Ma degli idioti no, non lo sopporto. Gente che era al mare mentre io studiavo l'ultimo esame, gente che non ha mai aperto un libro, gente alla mia stessa facoltà che ha passato quello schifo di esame in cui sono bloccata io COPIANDO (io non ho 1010 di vista e nemmeno uno smartphone, ahimè, non posso copiare da internet... ma solo dai bigliettini, che non bastano) e ora... osano pure farmi la predica!!!

La predica! Ma come si permettono?!

"Eh ma sei troppo negativa, eh ma studi troppo, eh ma devi fare come dico io". Come dico io? Tirarmela perchè ho uno straccio di laurea preso per un pelo mentre quando io ero una studentessa modello ti vergognavi anche solo di provare a tirare fuori l'argomento? E' sempre uno schifo vedere come gente che prima mi trattava normale ora mi guarda dall'alto in basso. Il primo anno fuori corso (prima e seconda bocciatura all'esame) riuscivo a sostenere tutto questo, ma al secondo anno fuori corso (questo, con la terza bocciatura consecutiva) dopo essermi abbassata anche ad accettare le ripetizioni (che è una cosa che MAI avrei voluto fare) pur di trovare aiuto, ho cominciato a cedere. Non voglio vedere nessuno, non voglio che nessuno mi parli dell'università o mi faccia domande sugli esami, non posso nemmeno uscire o andare in vacanza perchè vivo con i miei in una città di merda isolata dal mondo e non sia mai dico loro che prendo un treno e vado al nord dai miei amici che poi non studio! Non so come descrivervi questo ultimo anno, ma è stato l'anno peggiore che io abbia mai subito: fino a due anni fa ero indipendente, vivevo completamente da sola in una cttà meravigliosa, avevo tanti amici, ero serena dopo anni di oppressione familiare... ma ora i soldi non ci sono e sono dovuta tornare a casa, sono perennemente sotto il controllo dei miei, col tempo hanno fatto in modo di impedirmi ogni passione che coltivavo: una volta avevo interesse per i viaggi, ma non posso andarmene in giro senza soldi ovviamente, poi i raduni di appassionati di generi (concerti metal, raduni cosplay, ecc), la lettura (ora se non mi vedono leggere libri dell'università sono guai), la scrittura... la scrittura è l'unica che ho difeso con le unghie e con i denti, scrivendo a notte fonda di nascosto sul pavimento del bagno, per quanto possa sembrare ridicolo: ed è quella che odiano più di tutte, perchè mi isola. Come hanno sempre fatto, mi hanno impedito di vedere i miei amici con metodi subdoli: adesso non posso nemmeno telefonare o usare il pc se non quando loro escono, e nell'era in cui se non rispondi subito a un messaggio sei uno stronzo questo mi è costato liti con tante persone... in breve tempo i miei rapporti sociali hanno raggiunto quasi lo zero e quei pochi amici che ho capiscono e sopportano le mie lunghe assenze, ma dagli altri vengo costantemente rimproverata per ogni cosa che faccio (non hai chiamato, non ti fai sentire, non mi hai detto, non hai fatto) che ormai ho il terrore anche solo di vederne uno prima che dica all'altro "ho parlato con Banya" e l'altro "Banya, sei una stronza, hai parlato con Tizio e hai ignorato me!!". Senza contare che tutti mi fanno "ribellati ai tuoi genitori!" come se ci volesse lo schiocco di dita: sì, mi ribello, e poi che faccio? Vado a vivere sotto un ponte? Non trovo lavoro anche se lo cerco e non ho un minimo di risparmi da parte per potermi pagare un mese di affitto da sola... e non parliamo dell'università con le sue tasse. Insomma, piano piano ho cominciato a perdere interesse in ogni cosaa, ora non mi fa alcuna differenza passare una giornata o un'altra e le feste sono solo una gran seccatura: il mio medico mi ha diagnosticato la depressione e a casa, tanto per cambiare, nessuno la prende sul serio. Via di "devi tirare fuori le palle!" e nessuno vede che io ho tentato e ogni tentativo viene ostacolato o non è sufficiente: io da sola non ce la faccio, ho avuto la decenza di chiedere aiuto. Purtroppo per me tutti scambiano l'aiuto con ciò che a loro più conviene per tenermi fuori dalle palle, tutti mi volevano bene quando ero successful e adesso che sono depressa.

Quando ero in anonimo una volta vi ho scritto della mia fobia di telefonare e rispondere alle email (sì, ero io) e, a differenza di altri, siete stati molto comprensivi e mi avete dato qualche consiglio serio (che non fosse "E che ci vuole, basta che fai il numero"). Ho provato a lavorarci su, ma continuo a nascondermi quando sento trillare il telefono troppo a lungo e mi sento estremamente a disagio a rispondere alle email formali: ho deciso di andare da uno psicologo come uno di voi mi ha suggerito, ed eventualmente capire se il problema è più profondo. Coi soldi della laurea, se ne avrò una .-.

Comunque tornado al motivo per cui ho visto rosso e ho sentito il bisogno impellente di sfogarmi: ho avuto l'invito all'ennesima laurea di un'incapace, sui cui demeriti non mi dilungo perchè nonostante tutto è riuscita a terminare prima di me... ci conosciamo da bambine ma non ci siamo mai frequentate perchè siamo sempre state l'opposto: lei è la classica persona festaiola, iper-attiva ed espansiva, che dormirebbe in un sacco a pelo ovunque e ama la baldoria, gli alcolici e la casa piena di amici, io sono solitaria e non amo la confusione - una volta mi adattavo alle feste ed ero molto socievole, ora invece vorrei semplicemente mi lasciassero in pace e non mi forzassero, non so come spiegare, ma non voglio vedere nessuno e l'idea di vedere qualcuno con cui non mi trovo bene, perdendo magari tre giorni di studio (perchè questa vive fuori) con gente di cui non me ne frega un cazzo quando non posso vedere I MIEI amici... mi irrita. Mi irrita tantissimo. Volevo rifiutare l'invito ma non posso: come l'ultima volta mia madre ha promesso AL MIO POSTO che sarei andata e che ero felicissima di andarci e che se non ci vado creo problemi in famiglia e se non vdo pensano che sono invidiosa eccetera eccetera, e quando ho provato a rifiutare... "Eh ma Banya che sicuro fai amicizia!" "Ma dovresti uscire di casa!" "Ma quella è gente a posto, mica come quegli sfigati dei tuoi amici!" "Eh ma perchè sei sempre così negativa! Non ti sai divertire!" ...stavo per esplodere!!!

Senza contare che non m'ha manco invitata di persona e manco se ne frega se ci vado o no alla festa. 

Ma vaffanculo voi, le feste di laurea, l'onore della famiglia e pure la prof della tesi che per i continui 'ma Banya vergognati non hai fatto niente' di MIA MADRE (non della prof!) non riesco a contattare nemmeno perchè l'idea di presentarmi con l'ennesimo insuccesso in due anni quando ero la sua più brillante studentessa mi fa sentire una merda... ma andate tutti a fanculo!!! Voglio andarmene via in un posto che nessuno di loro conosce e soprattutto dove nessuno mi conosce e ricominciare daccapo 25 anni di vita completamente sbagliata!  

Lun

11

Mag

2015

Sono invidiosa della vita degli altri

Sfogo di Avatar di MohragMohrag | Categoria: Invidia

Mia sorella è bellissima, magra, bionda con gli occhi azzurri, alta, prosperosa, sempre allegra. Io sono cicciottella, senza seno, bassa, con dei banali capelli castani. Non mi guarda mai nessuno. Di fianco a lei è come se fossi invisibile. Perché io non posso essere un po' più come lei? Perchè lei ha tanti amici e io invece devo sempre restare a casa tutte le sere con i miei genitori malgrado abbia 22 anni? Lei è fidanzata e io no. Non mi guarda nessuno. Perchè sono nata brutta e grassa? Vado in palestra tutti i giorni, cammino tutti i giorni. Ieri ad esempio ho camminato 20 maledetti chilometri eppure l'ago della bilancia è lì, fermo a settanta chili e non scende. Non ho amici, non ho il fidanzato e questo mi rende profondamente irritata e irritante, sto diventando indisponente. Io cerco di comportarmi gentilmente, di essere disponibile e aiutare il prossimo. Ma sembra sempre che non sia abbastanza. Più che altro la prendo sempre in quel posto. Mi sento sempre sola. Da quando il mio ragazzo mi ha lasciato (al telefono, con un simpatico "Non voglio più vederti e non ti devo nessuna spiegazione, lasciami stare") sono sempre in casa. I miei non mi lasciano nemmeno uscire da sola. Quindi sono costretta o ad uscire con loro (e nessun ragazzo si avvicinerà mai) o a stare a casa. I miei genitori dicono che sono indisponente e maleducata, quando invece mia sorella non fa altro che fare ciò che vuole (uscire, fare tardi, rispondere male) e non le viene detto nulla. Io sono servizievole, aiuto in casa, studio e faccio i mestieri. E non basta. C'è sempre qualcosa che potrebbe essere fatta meglio. C'è sempre qualcosa che avrei potuto fare in un altro modo. C'è sempre una mia risposta che potrebbe essere un po' più dolce. Non so più cosa fare. Il fatto che i miei non facciano altro che criticarmi mi fa sentire inadatta e poco amata. Mi sono iscritta ad una facoltà che non mi piace più, mi sto per laureare e mio padre non è felice perchè non voglio trovare un lavoro nel settore. L'unica cosa che mi piace davvero è lavorare il legno, ma nessuno mi assumerà mai perchè sono una donna. Mi piacerebbe tanto una vacanza, ma senza amici i miei non mi fanno andare da nessuna parte e anche quest'anno sono obbligata ad andare in vacanza con loro (il che vuol dire non potersi mai allontanare dai miei genitori e andare a dormire alle 10) mentre mia sorella andrà a Creta a divertirsi (il che vuol dire discoteca, alcol, sesso). Tra l'altro sapete che vacanze belle che mi aspettano! Una settimana nella nostra casa in montagna a imbiancare, verniciare le imposte e piastrellare il bagno. Non vedo l'ora. Ogni tanto penso di buttarmi dalla finestra di camera mia, ma abitando al secondo piano c'è il rischio che rimanga lì come una ameba tutta la vita. Mi dispiace tanto.

Mer

29

Apr

2015

Ma che palle quest'amica!!

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Invidia

 Ho un'amica che passa la sua vita a fare osservazioni e parlare male di un'altra mia amica intima. Ma guarda cosa si è comprata, la borsa firmata, l'iphone da 1000 euro, le decolletè di Gucci eccetera eccetera.....E d'estate commenta con frasi tipo "eh le serviva anche  farsi la vacanza ai caraibi, andare in sicilia o puglia no?" , poi "ma non lavora?", "spero che un giorno diventi povera"

Ma vi sembrano cose da riferirmi, io che sono sua amica? Cosa dovrei fare?Riferire tutto all'altra amica? Parlare a questa invidiosa? Liberarmi di lei? Farle parlare assieme??

Ma cosa te ne frega se D. si compra le scarpe firmate, cosa te ne frega se si fa vacanze costose? Che ti importa se è nata fortunata? Ma io dico ma beata lei!!!